XCOM: Chimera Squad arriva il 24 aprile

Una nuova avventura arriva – a sorpresa – per gli appassionati XCOM. Il publisher 2K ha infatti confermato l’arrivo di XCOM: Chimera Squad per il 24 aprile su Pc. Questa nuova appendice standalone dello strategico a turni è sviluppata da Firaxis. E si torna a parlare di un nuovo segmento dai tempi di War of the Chosen.

Il titolo è ambientato cinque anni dopo gli eventi narrati su Xcom 2 con umani, ibridi ed alieni che adesso lavorano assieme per forgiare una nuova civiltà fatta di cooperazione ed in coabitazione.

Tuttavia, non tutti gli abitanti della Terra sostengono questa nuova era di pace e prosperità. City 31, un modello di pace in un mondo post-invasione, è contrastata da gruppi misteriosi. Questi minacciano di spezzare questa delicata alleanza interrazziale. Chimera Squad, una forza d’élite di agenti umani, ibridi e alieni, deve lavorare insieme per distruggere le minacce sotterranee che spingono la città verso il caos.

Ecco il trailer con gameplay. Qui, invece, c’è la pagina Steam. Buona visione.

Steve Martin, presidente di Firaxis Games, ha sottolineato:

Siamo ispirati dalla nostra community appassionata e entusiasti dell’opportunità di creare un’esperienza XCOM dinamica, innovativa e unica sia per i fan dei nostri giochi che per i nuovi giocatori in XCOM: Chimera Squad.

Mark Nauta, capo designer di Firaxis Games, ha detto:

Con XCOM: Chimera Squad abbiamo ritenuto che ci fossero interessanti opportunità di gioco ancora da scoprire nell’universo XCOM. Il gameplay come Breach Mode, l’ordine dei turni interlacciati e l’introduzione di agenti come personaggi completamente potenziati, rivoluzioneranno il modo di giocare mantenendo l’esperienza di combattimento che rende la serie così amata dalle comunità di gioco di tutto il mondo.

CARATTERISTICHE XCOM CHIMERA SQUAD






Il gioco include le seguenti funzionalità:

  • Agenti alieni e umani unici: ciascuno degli 11 agenti ha una propria personalità e abilità tattiche distinte. Inclusi attacchi specifici come il tiro della lingua della Vipera.
  • Classi specializzate e complementari: eseguite combo devastanti unendo gli agenti giusti e utilizzando azioni di coordinate. La differenza tra successo e fallimento della missione può dipendere interamente dalla composizione della squadra.
  • Combattimento tattico rivisitato: le missioni sono strutturate come una serie di incontri esplosivi mantenendo l’azione intensa ed imprevedibile.
  • Modalità Breach: i giocatori modelleranno il campo di battaglia a proprio vantaggio con una nuova fase di combattimento. Assegneranno strategicamente gli agenti a diversi punti di ingresso e coordineranno i loro piani di assalto con una serie di abilità specifiche per le violazioni.
  • Turni interconnessi: un sistema di iniziativa automatico inserirà singoli agenti e nemici in un ordine di turni alternato creando nuove possibilità strategiche basate sull’unità in coda per agire in seguito – e quale unità è maggiormente a rischio quando lo fanno.
  • Suspense strategica: al di fuori del combattimento, i giocatori gestiranno le operazioni di un quartier generale di alta tecnologia, dove dovranno dare la priorità a compiti in competizione, indagini e incarichi di agenti di fronte a un orologio ticchettio: i disordini in costante aumento nei vari distretti della città, guidando City 31 sempre più vicino alla totale anarchia.




L’articolo XCOM: Chimera Squad arriva il 24 aprile proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Civilization VI: Gathering Storm, Recensione

Da sempre la serie Civilization ha portato ventate di novità. A tratti rivoluzionarie. La saga ideata da Sid Meier è sicuramente una delle più importanti e dal grosso spessore storico, culturale ma anche educativo. Le espansioni aggiungono solitamente fazioni (con le proprie caratteristiche ed unità peculiari), scenari (come in questo caso) e meccaniche inedite.

Civilization VI ha accolto così Gathering Storm, che ovviamente non fa eccezione alla regola. La nuova grande espansione dell’eccellente sesto capitolo principale della serie strategica a turni per eccellenza, 4X, offre davvero tanto. E si parla di novità tangibili ed attuali. La più corposa è senza dubbio quella del cambiamento del clima che causa disastri naturali.

A questo tema vengono legate tante altre dinamiche notevoli di cui vi parleremo velocemente. Civilization IV: Gathering Storm ha fatto il suo debutto due settimane fa, lo scorso 14 febbraio su Pc, naturalmente a firma di Firaxis per il publisher 2K. Buona lettura.

IL CLIMA HA LA SUA IMPORTANZA FONDAMENTALE

Anche in virtù del nome di questa nuova espansione, la tematica ambientale è senza dubbio quella che ha più peso in Gathering Storm. Uno lavoro di fino, ma al tempo stesso mastodontico, ha permesso, infatti, di inserire gli effetti del cambiamento del clima e le conseguenze che la gestione delle tecnologie tradizionali come lo sfruttamento di certe risorse naturali possano avere in positivo (sole, vento) o in negativo (fossili).

Il tanto famoso, ed annoso, problema dell’innalzamento delle temperature a livello mondiale si materializza nella nostra partita laddove abusiamo di risorse energetiche come il carbone o il petrolio. Anche l’uranio è pericoloso. Troviamo anche pannello ed opzioni specifiche per tenere d’occhio le emissioni di CO2 (anidride carbonica) e l’aumento delle temperature che causano anche una maggior frequenza dei disastri naturali. In generale avremo sempre un quadro completo di quello che succede nel mondo di gioco a livello climatico.

Questi ultimi sono inondazioni a causa dell’aumento vertiginoso delle temperature che causano lo scioglimento dei ghiacciai, eruzioni dei vulcani, tornado e così via. Se la situazione climatica non va bene la frequenza di disastri naturali e la loro potenza si amplia a dismisura.

Questa dinamica, inizialmente, non è influente. Il motivo è semplice: all’età della pietra non ci sono macchinari o tecnologie inquinanti. Col passare dei turni e delle ere e con l’avvicendarsi di scoperte sempre più frequenti, il cambiamento del clima si fa sentire anche perché i disastri possono davvero creare seri problemi alle città delle varie civiltà presenti. Riteniamo che questa sfumatura del gameplay si stata inserita in modo oculato, convince e, soprattutto, coerente.
Fermo restando che, come già accennato in precedenza, la presenza di disastri naturali di varia intensità è pur sempre presente. Questi vengono amplificati ed aumentati di frequenza con una gestione di risorse e tecnologiche piuttosto tradizionali e soprattutto con l’abuso di carbone, petrolio ed altre risorse che causano inquinamento.

C’è comunque una soluzione oltre all’adottamento di politiche energetiche più oculate (e costose ma tutto ha un prezzo, o no?). C’è il nuovo distretto Diga per contrastare l’effetto delle inondazioni. Dotare le città di una Diga offre diversi vantaggi e più avanti si può dotare di una centrale idroelettrica per generare energia pulita.

Inoltre c’è anche l’introduzione del distretto Canale che è stata una delle caratteristiche più richieste dagli appassionati. A questa si aggiunge anche la meraviglia de Lo Stretto di Panama che offre enormi vantaggi. Inoltre ci sono ulteriori meraviglie ingegneristiche quali i trafori e le ferrovie.

Nondimeno, ricostruendo le infrastrutture danneggiate dall’evento è possibile assistere all’arricchimento di alcuni esagoni (caselle) resi più fertili. Nel corso della storia, alcune civiltà sono sorte e fiorite in luoghi pericolosi. Nella nostra partita ad esempio, abbiamo Roma sotto l’Etna… fate un po’ voi. Ed anche in questo caso, dopo le eruzioni, è possibile trarre vantaggi dal suolo. I Fenici, invece, li abbiamo trovati in riva al mare con una propensione (cosa strane eh?) per la navigazione.

Quando si fonda una città sulla costa, inoltre, è importante tener d’occhio il rischio di innalzamento del livello del mare nel caso in cui la propria civiltà o un’altra dovesse cominciare a consumare risorse strategiche per ottenere Energia. La ricerca col tempo sarà in grado di fornire opzioni alternative: energia geotermica, centrali eoliche, centrali fotovoltaiche e altre ancora.

CONGRESSO MONDIALE (E VITTORIA DIPLOMATICA)

La nuova espansione porta anche una importante caratteristiche molto richiesta dai fan: la Vittoria diplomatica. A tal proposito è stato aggiunto il Congresso Mondiale. Periodicamente questo si riunirà per discutere questioni di varia natura ed assegnare anche delle missioni.

Il supporto diplomatico valuta la reputazione delle nazioni ed è importante per le votazioni al Congresso Mondiale. Fondamentale perché le altre fazioni seguano le nostre idee piuttosto che quelle di altri leader.

Ci sono anche le rimostranze. In pratica questo funziona come una sorta di tiro alla fune tra le varie coppie di giocatori: chi è stato vittima di un attacco a sorpresa, a cui avrà risposto catturando qualche città nemica, apprezzerà certamente l’aggiornamento del sistema. Gli altri leader penseranno che la ritorsione sia stata del tutto appropriata.

Nel Congresso Mondiale i giocatori saranno in grado di sfruttare il supporto diplomatico per votare sulle Risoluzioni, direttive promulgate dal Congresso stesso che restano in effetto fino alla sua sessione successiva. Le Risoluzioni permettono di scegliere tra effetti positivi e negativi, applicati a bersagli specificati. Così, per esempio, è possibile votare per bandire le pellicce o l’abbattimento delle foreste pluviali (tanto per rimanere in tema “clima”), o la costruzione di altri edifici in un particolare distretto.

Il Supporto diplomatico è utile anche per convincere la comunità mondiale a patrocinare competizioni globali come Esposizioni universali, Giochi mondiali, invii di aiuti dopo un disastro naturale o Emergenze. Ognuna di queste competizioni permette di ottenere ricompense diverse. In sostanza si attivano missioni. Il tutto è illustrato perfettamente grazie ad un’interfaccia chiara.

Oltre alle votazioni periodiche per il ruolo di leader del mondo, che assegnano punti utili a ottenere questo tipo di vittoria, è possibile ottenere punti anche vincendo le competizioni di invio aiuti e il premio Nobel per la pace. Per arrivare a vincere in questo modo dovrete davvero conquistarvi un posto speciale nel cuore degli altri leader.

ALTRE AGGIUNTE










Gathering Storm aggiunge anche otto civiltà, nove leader, sette Grandi Meraviglie e parecchie nuove unità, distretti, edifici, miglioramenti e altro come ad esempio le meraviglie naturali.

Troviamo anche una nuova epoca con le sue tecnologie e progressi civici. Alcune tecnologie si basano sulle ipotesi dei futurologi. Le ramificazioni degli alberi dipenderanno in parte del caso. In queste epoche future sarà possibile sbloccare nuovi elementi che aggiungono ulteriore interesse alle attuali vittorie scientifica, culturale e per dominio portandole in nuove direzioni.

RIEPIOLOGO DEI CONTENUTI

Civilization VI: Gathering Storm è la più grande espansione che Firaxis Games abbia realizzato  per un titolo della serie.

EVENTI AMBIENTALI: Vulcani, tempeste (suddivise in tormente, tempeste di sabbia, tornado e uragani), cambiamenti climatici, inondazioni e siccità.

ENERGIA E RISORSE CONSUMABILI: In Gathering Storm le risorse strategiche hanno un ruolo aggiuntivo. Ora queste possono essere consumate dalle centrali per generare elettricità nelle città. All’inizio i vostri edifici più avanzati saranno alimentati da risorse fossili come carbone e petrolio, ma la scoperta delle tecnologie più moderne potrà sbloccare fonti rinnovabili di energia. Le vostre scelte sull’uso delle risorse influenzeranno direttamente la temperatura mondiale e potranno causare lo scioglimento dei ghiacci polari e l’innalzamento del livello del mare.

PROGETTI INGEGNERISTICI: Plasmate il mondo intorno al vostro impero per contrastare condizioni sfavorevoli del terreno realizzando miglioramenti come canali, dighe, trafori e ferrovie. Quando create una nuova città considerate che le caselle di bassopiano costiero sono a rischio di inondazione, ma tenete anche presente che nella parte finale della partita potrete proteggerle con tecnologie come le Barriere anti inondazione.

CONGRESSO MONDIALE: Fate sentire la vostra voce tra gli altri leader del mondo. Accumulate supporto diplomatico attraverso le alleanze, l’influenza sulle città-stato, la partecipazione ai Giochi mondiali e altro. Usate il supporto diplomatico per ottenere promesse dagli altri leader, votare sulle Risoluzioni, convocare una Sessione Speciale durante un’emergenza e per aumentare il peso dei vostri voti lungo il cammino che porta alla nuova vittoria diplomatica.

TECNOLOGIE E PROGRESSI CIVICI DEL XXI SECOLO: Una nuova epoca è stata aggiunta all’Albero delle tecnologie e a quello dei Progressi Civici. Combatti i nuovi eventi ambientali con idee futuribili come il riposizionamento della popolazione nel mare attraverso i Seastead o lo sviluppo di tecnologie per la cattura delle emissioni di carbonio.

NUOVI LEADER E CIVILTÀ: Sono stati introdotti nove leader e otto civiltà. Ognuna di esse offre diversi bonus e stili di gioco, oltre a un totale di nove unità esclusive, quattro edifici, tre miglioramenti, due distretti e un governatore.

NUOVI SCENARI

La Peste Nera: A metà del XIV secolo la Peste Nera si abbatté su Europa e Asia occidentale, uccidendo la percentuale di popolazione più alta di qualsiasi altro evento nella storia mondiale. La pandemia fece milioni di vittime, distruggendo intere economie, stroncando linee dinastiche e segnando per sempre la storia del mondo occidentale. Il compito è guidare la propria nazione attraverso la calamità. Ma anche mantenere i propri sudditi vivi, l’economia forte e la fede salda mentre il mondo precipita nel terrore e nella disperazione.

Macchina da Guerra: All’inizio della Prima Guerra Mondiale l’esercito imperiale tedesco aveva un piano ambizioso: invadere il Belgio neutrale. Questo per irrompere  nel cuore della Francia prima che questa potesse organizzare le sue difese. Se il piano avesse avuto successo, le forze tedesche avrebbero catturato Parigi nel giro di un mese stroncando definitivamente la resistenza transalpina. Di contro, lo stato maggiore francese aveva preparato il cosiddetto Piano XVII, tutto basato sull’offensiva e progettato per fermare sul nascere l’avanzata tedesca. Non appena la guerra fu dichiarata, i due eserciti si misero in marcia, dando origine a una delle campagne militari più incredibili e scioccanti della storia mondiale. In questo scenario, i giocatori vestono i panni delle due grandi potenze in questo fatale momento storico. L’obiettivo della Germania è catturare Parigi. La Francia deve impedire la sua cattura. Il tempo scorre veloce e il nemico è in movimento. In marcia.

NUOVI CONTENUTI: Al gioco sono state aggiunte sette Grandi Meraviglie, sette Meraviglie naturali, 18 unità, 15 miglioramenti, 9 edifici, 5 distretti, 2 gruppi di città, 9 tecnologie e 10 Progressi civici.

DINAMICHE DI GIOCO MIGLIORATE: Il sistema di spionaggio è stato arricchito di nuove opzioni, le vittorie culturale e scientifica sono state aggiornate, sono stati aggiunti molti Momenti storici e tutti gli altri sistemi sono stati rivisti e migliorati.


















COMMENTO FINALE

Civilization VI: Gathering Storm è un’espansione di peso che aggiunge tanto materiale in termini contenutistici ma al tempo stesso nuove dinamiche di gameplay intriganti.
Come da (solenne) tradizione: più si va avanti e più si vuole andare avanti incuriositi da quello che può succedere. Inoltre, più si progredisce sfruttando i fossili e più si materializzano i nuovi eventi portati dall’espansione perché l’incidenza dell’anidride carbonica e dell’inquinamento innescano il processo di innalzamento delle temperature e delle conseguenze: scioglimento delle calotte polari e innalzamento del livello del mare. I disastri naturali esistono anche in epoche primordiali ma sono meno frequenti. Eruzioni ed inondazioni portano, inoltre, alcuni vantaggi da poter sfruttare.

Il gameplay rimane profondo e divertente e con un interessantissimo grado di sfida su tutti i fronti. Più civiltà (e relative unità ed edifici unici), più tecnologie, attenzione ai disastri ma anche al clima, alle relazioni. La corsa alla tecnologia ma anche – ad esempio – a formare generazioni di atleti per i giochi mondiali o ad un progetto per la colonizzazione della Luna, di Marte o la scoperta di un esopianeta rende il tutto ancora più frizzante. Le otto civiltà aggiuntive sono molto varie. Dall’Ungheria ai Maori, dal Canada agli Inca, dalla Svezia agli Ottomani ai Fenici e quest’ultima fazione, per ovvi motivi, è molto cara a chi vi scrive.

Firaxis Games e 2K continuano il percorso di miglioramento a Civilization VI che continua ad essere lo strategico 4X a turni a tema storico per antonomasia. Gathering Storm porta tante ciliegine su una torta già appetitosa pur non apportando nulla a livello tecnico.

L’articolo Civilization VI: Gathering Storm, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Civilization VI: Gathering Storm debutta oggi

L’attesa è finita. Come da annuncio, Civilization VI: Gathering Storm fa il suo debutto odierno su Pc. La nuova espansione aggiunge inedite tecnologie avanzate, progetti ingegneristici e il Congresso Mondiale, uno degli aspetti del gioco più apprezzati dai fan.

Il nuovo lavoro di 2K e Firaxis, inoltre, introduce un mondo vivo, il cui ecosistema include eventi naturali che possono arricchire o mettere in pericolo un impero in espansione. L’espansione aggiunge anche otto civiltà, nove leader, sette Grandi Meraviglie e parecchie nuove unità, distretti, edifici, miglioramenti e altro.

DUE PAROLE DALLO SVILUPPATORE

Sono Ed Beach, capo progettista di Civilization VI, e sono qui per presentare alcune delle novità più interessanti che potrete trovare nella nuova espansione.

La storia è piena di leggende di grandi imperi, esplorazioni, imprese ed esempi della forza dell’animo umano. La serie è riuscita a esprimere con successo molti di questi aspetti, ma alla sua rappresentazione della storia umana è sempre mancato l’impatto che un pianeta in costante cambiamento ha esercitato sui nostri insediamenti e l’impronta che l’umanità stessa ha lasciato sulla Terra. Questo è il tema principale che abbiamo voluto esplorare in Civilization VI: Gathering Storm.

VULCANI, TEMPESTE E INONDAZIONI… SANTO CIELO!

Questa espansione scatena le forze della natura per dare vita al mondo come mai prima d’ora. Il gioco ha sempre incluso Terreni allagati, ma ho sempre trovato deludente il fatto che fossero totalmente statici. Ma ora non più! Sono state estese le aree che si possono allagare, includendo le praterie prive di colline e le pianure situate accanto ai fiumi, tanto che queste vallate ora possono offrire rese incredibilmente alte. Di conseguenza i giocatori vorranno ancora insediarsi laggiù… ma adesso questo comporta un rischio significativo. Periodicamente questi fiumi strariperanno, danneggiando le strutture costruite nelle caselle allagate. Ma non temete, c’è anche un aspetto positivo.

Per prima cosa è possibile mitigare gli effetti delle inondazioni con il nuovo distretto Diga. Una volta ricostruite le infrastrutture, i giocatori scopriranno che la piena avrà arricchito il suolo di alcune caselle, rendendo il terreno oltremodo fertile. Questo rispecchia un fatto reale: nel corso della storia alcune civiltà sono sorte e fiorite in luoghi pericolosi, per esempio vicino a un vulcano o lungo la valle di un grande fiume. Ora potrete affrontare i loro stessi dilemmi e valutare rischi e vantaggi di un insediamento durante la vostra prossima partita a Civilization.

Un altro effetto ambientale interessante è l’aggiunta dei vulcani. Con le loro eruzioni periodiche, anch’essi danno al giocatore la possibilità di fare delle scelte valutando l’equilibrio tra rischi e ricompense.

Quando vedrete la lava che scende giù dai costoni, potrete star certi che le caselle adiacenti subiranno dei danni. Tuttavia, il suolo vulcanico offre rese tali da rappresentare un beneficio a lungo termine. Inoltre i vulcani ci hanno permesso di aggiungere un ulteriore tocco di realismo alla generazione delle mappe. Civilization VI ha previsto la presenza di continenti sin dal principio, ma la geologia non ha sempre rispettato i confini continentali come sarebbe stato lecito aspettarsi. Abbiamo aggiornato le procedure in modo che le catene montuose siano più evidenti lungo tali confini, così come i vulcani e le Fenditure geotermiche. Inoltre sono stati aggiornati i vulcani già presenti come Meraviglie naturali, rendendoli davvero potenti.

Dando più valore alle caratteristiche geografiche abbiamo pensato che avremmo dovuto anche introdurre un modo per identificarle. Questo ha ispirato l’inserimento delle caratteristiche dotate di nome. Adesso ogni nuova caratteristica che compare sulla mappa, sia essa un fiume, un vulcano, una catena montuosa o un deserto, viene ribattezzata col nome della civiltà che l’ha scoperta. Se l’Egitto parte vicino a un fiume, questo sarà ufficialmente designato come Nilo. Naturalmente questo metodo diventa problematico quando una civiltà come l’Olanda scopre un vulcano: in questo caso viene scelto un nome legato a una civiltà che non partecipa al gioco. Questo dà origine a una specie di interessante quiz geografico durante la partita. I giocatori che conoscono meglio i nomi dei fiumi e delle montagne saranno avvantaggiati nell’indovinare quali civiltà fanno parte di quel particolare mondo di Civilization.

Una volta inserite inondazioni e vulcani, durante lo sviluppo di Gathering Storm gli autori hanno deciso che il mondo non sarebbe stato davvero vivo senza un sistema meteorologico di qualche tipo. Per questo sono state aggiunte le siccità e quattro diversi tipi di tempeste, in modo da distribuire su tutta la mappa il rischio che si verificasse un disastro naturale. Inoltre sono stati aggiunti alcuni eventi storici come possibili conseguenze delle tempeste. Di conseguenza ora gli uragani possono affondare le navi e le tempeste di sabbia soffocare le città che si trovano vicino a un deserto, mentre le tormente di neve che si scatenano nel territorio russo saranno particolarmente pericolose per gli eserciti invasori. Tutte le tempeste possono provocare danni, ma quelle di sabbia e gli uragani possono anche incrementare la fertilità delle caselle coinvolte.

DOMARE IL MONDO NATURALE

La Terra può anche cercare di metterci i bastoni tra le ruote, ma l’umanità continua ad adattarsi. Il distretto Diga è uno degli esempi storici più antichi della capacità umana di imbrigliare e sfruttare la potenza e l’imprevedibilità della natura. Dotare una città di una Diga è fantastico: la grande struttura fornisce Abitazioni e Attrattiva. (Nelle fasi più avanzate della partita, come parte del nuovo sistema energetico introdotto in Gathering Storm, potrete anche aggiungere alla diga una Centrale idroelettrica per generare energia pulita.)

Questo ci porta a una novità che ha suscitato grande interesse negli appassionati: l’introduzione del distretto Canale. Dopo aver ricevuto molte richieste, siamo lieti di averlo introdotto con quest’espansione. Questa modifica si divide effettivamente in tre parti. Per prima cosa abbiamo preso atto che i giocatori usano le città poste sugli istmi come brevi passaggi di una casella tra due specchi d’acqua (sono quelle che i giocatori stesse definiscono “città canale”). Gli sviluppatori hanno riconosciuto ufficialmente quest’utilizzo sulla mappa attraverso la grafica, che ora mostra un canale navigabile che attraversa tali città. La seconda parte è l’introduzione del distretto Canale. È un’altra casella navigabile: dato che può collegarsi a una città, ne potete piazzare due intorno a un Centro cittadino per creare un passaggio lungo tre caselle tra due specchi d’acqua. Ma perché fermarsi lì? La squadra di sviluppo di Civilization VI conosce bene il palindromo inglese “a man, a plan, a canal: Panama”, perciò non ha potuto evitare di introdurre il Canale di Panama sotto forma di MeravigliaGathering Storm include addirittura un obiettivo che richiede al giocatore di costruire un percorso navigabile di 7 caselle usando i distretti Canale, le città e questa Meraviglia.

Ma le nuove imprese ingegneristiche non si fermano qui. Scoprirete che in Gathering Storm è possibile costruire anche Trafori montani e Ferrovie. Avrete così a disposizione ulteriori modi di piegare la mappa al vostro volere e spostare unità e beni commerciali in modo veramente efficiente nel vostro impero.

EVITARE IL GRANDE ERRORE

Naturalmente le cose non sono sempre facili: tra l’umanità e la Terra può sorgere qualche conflitto. Gli autori hanno così introdotto il riscaldamento globale e i cambiamenti climatici in un’espansione che si concentra sulle interazioni col pianeta. Inoltre questo ci permesso di soddisfare uno degli obiettivi degli sviuppatori, che era aggiungere profondità alla seconda parte della partita. Secondo la visione di Firaxis, un giocatore non deve esistere in un vuoto scollegato dal mondo di gioco; piuttosto, la relazione tra i due deve far sì che ogni decisione presa possa avere un impatto globale e duraturo.

In Gathering Storm potete usare l’Energia per migliorare l’efficienza di alcuni edifici disponibili nelle fasi finali della partita. Per ottenere Energia è possibili bruciare risorse strategiche che fungono da carburante: Carbone, Petrolio e Uranio. Questo, però, ha un impatto negativo sui livelli di CO2 e si ripercuote sulla temperatura globale del pianeta. Ciò aumenta il rischio di alluvioni e tempeste, fa sollevare il livello dei mari e può causare lo scioglimento delle calotte polari. Quando si fonda una città sulla costa, è importante tener d’occhio il rischio di innalzamento del livello del mare, nel caso in cui la propria civiltà o un’altra dovesse cominciare a consumare risorse strategiche per ottenere Energia. La ricerca, d’altro canto, col tempo è in grado di fornire opzioni alternative: energia geotermica, centrali eoliche, centrali fotovoltaiche e altre ancora.

FORSE POSSIAMO TROVARE UN ACCORDO?

Molti fan hanno chiesto di introdurre una Vittoria diplomatica, ma questo avrebbe anche richiesto l’aggiunta di una qualche forma di Congresso Mondiale, quindi alla fine gli sviluppatori hanno realizzato entrambi. Il Supporto diplomatico è una nuova forma di valuta introdotta in Gathering Storm per tener traccia della reputazione delle nazioni. Dato che si utilizza durante le votazioni presso il Congresso Mondiale, è utile per fare in modo che la comunità globale adotti le vostre idee. Inoltre gli sviluppatori hanno sostituito la bellicosità con il nuovo meccanismo delle Rimostranze. In pratica questo funziona come una specie di tiro alla fune tra le varie coppie di giocatori: se i giocatori sono stati vittima di un attacco a sorpresa, a cui avranno risposto catturando qualche città nemica, apprezzeranno certamente l’aggiornamento del sistema. Ora probabilmente gli altri leader penseranno che la ritorsione sia stata del tutto appropriata.

Nel Congresso Mondiale i giocatori saranno in grado di sfruttare il Supporto diplomatico per votare sulle Risoluzioni, direttive promulgate dal Congresso stesso che restano in effetto fino alla sua sessione successiva. Le Risoluzioni permettono di scegliere tra effetti positivi e negativi, applicati a bersagli specificati. Così, per esempio, potrete votare per bandire le pellicce o l’abbattimento delle foreste pluviali, o la costruzione di altri edifici in un particolare distretto. Il Supporto diplomatico è utile anche per convincere la comunità mondiale a patrocinare competizioni globali come Esposizioni universali, Giochi mondiali, invii di aiuti dopo un disastro naturale o Emergenze. Ognuna di queste competizioni permette di ottenere ricompense diverse.

Come si collega tutto questo alla nuova Vittoria diplomatica? Oltre alle votazioni periodiche per il ruolo di leader del mondo, che assegnano punti utili a ottenere questo tipo di vittoria, è possibile ottenere punti anche vincendo le competizioni di invio aiuti e il premio Nobel per la pace. Per arrivare a vincere in questo modo dovrete davvero conquistarvi un posto speciale nel cuore degli altri leader.

PREVEDERE IL FUTURO

La squadra dei progettisti ha fatto una cosa un po’ diversa in Gathering Storm, aggiungendo una nuova epoca con le sue tecnologie e i suoi Progressi civici. Alcune tecnologie si basano sulle ipotesi dei futurologi. Dal momento che non possiamo prevedere il futuro, abbiamo deciso che non ci sarebbe stato un singolo cammino che attraversa quest’epoca: le ramificazioni degli alberi dipenderanno in parte del caso. Non sono ancora in grado di fornire informazioni specifiche, ma posso confermarlo: , in queste epoche future sarà possibile sbloccare nuovi elementi che aggiungeranno ulteriore interesse alle attuali vittorie scientifica, culturale e per dominio portandole in nuove, divertenti direzioni.

CHI POTREMO ESSERE, ADESSO?

Potremmo continuare ancora a lungo a parlare delle nuove dinamiche di gioco in Civilization VI: Gathering Storm, ma faremmo un torto se non citassimo il fatto che il gioco include un buon numero di nuovi leader e civiltà, che vi sveleremo gradualmente nel corso dei prossimi mesi. Oltre a riportare nel gioco alcuni personaggi prediletti dai fan (con modifiche originali e inaspettate) Firaxis ha anche introdotto alcune civiltà nuove di zecca. Come in ogni espansione, gli sviluppatori si sono assicurati che alcune di queste civiltà fossero legate alle nuove dinamiche di gioco, aspettatevi di trovarne un paio che offrono interazioni piuttosto interessanti con il nuovo sistema ambientale e con il Congresso Mondiale.

RIEPIOLOGO

Civilization VI: Gathering Storm è la più grande espansione che la Firaxis Games abbia mai creato per un titolo della serie.

  • EVENTI AMBIENTALI: Vulcani, tempeste (suddivise in tormente, tempeste di sabbia, tornado e uragani), cambiamenti climatici, inondazioni e siccità.
  • ENERGIA E RISORSE CONSUMABILI: In Gathering Storm le risorse strategiche hanno un ruolo aggiuntivo. Ora queste possono essere consumate dalle centrali per generare elettricità nelle città. All’inizio i vostri edifici più avanzati saranno alimentati da risorse fossili come carbone e petrolio, ma la scoperta delle tecnologie più moderne potrà sbloccare fonti rinnovabili di energia. Le vostre scelte sull’uso delle risorse influenzeranno direttamente la temperatura mondiale e potranno causare lo scioglimento dei ghiacci polari e l’innalzamento del livello del mare.
  • PROGETTI INGEGNERISTICI: Plasma il mondo intorno al vostro impero per contrastare condizioni sfavorevoli del terreno realizzando miglioramenti come canali, dighe, trafori e ferrovie. Quando create una nuova città considerate che le caselle di bassopiano costiero sono a rischio di inondazione, ma tenete anche presente che nella parte finale della partita potrete proteggerle con tecnologie come le Barriere anti inondazione.
  • CONGRESSO MONDIALE: Fate sentire la vostra voce tra gli altri leader del mondo. Accumulate supporto diplomatico attraverso le alleanze, l’influenza sulle città-stato, la partecipazione ai Giochi mondiali e altro. Usate il supporto diplomatico per ottenere promesse dagli altri leader, votare sulle Risoluzioni, convocare una Sessione Speciale durante un’emergenza e per aumentare il peso dei vostri voti lungo il cammino che porta alla nuova vittoria diplomatica.
  • TECNOLOGIE E PROGRESSI CIVICI DEL XXI SECOLO: Una nuova epoca è stata aggiunta all’Albero delle tecnologie e a quello dei Progressi Civici. Combatti i nuovi eventi ambientali con idee futuribili come il riposizionamento della popolazione nel mare attraverso i Seastead o lo sviluppo di tecnologie per la cattura delle emissioni di carbonio.
  • NUOVI LEADER E CIVILTÀ: Sono stati introdotti nove leader e otto civiltà. Ognuna di esse offre diversi bonus e stili di gioco, oltre a un totale di nove unità esclusive, quattro edifici, tre miglioramenti, due distretti e un governatore.

NUOVI SCENARI:

  • La Peste Nera: A metà del XIV secolo la Peste Nera si abbatté su Europa e Asia occidentale, uccidendo la percentuale di popolazione più alta di qualsiasi altro evento nella storia mondiale. La pandemia fece milioni di vittime, distruggendo intere economie, stroncando linee dinastiche e segnando per sempre la storia del mondo occidentale. Il compito è guidare la propria nazione attraverso la calamità: mantenete i vostri sudditi vivi, la vostra economia forte e la vostra fede salda mentre il mondo precipita nel terrore e nella disperazione.
  • Macchina da Guerra: All’inizio della Prima guerra mondiale l’esercito imperiale tedesco aveva un piano ambizioso: invadere il Belgio neutrale e da lì piombare nel cuore della Francia prima che questa potesse organizzare le sue difese. Se il piano avesse avuto successo, le forze tedesche avrebbero catturato Parigi nel giro di un mese, stroncando definitivamente la resistenza francese. Di contro, lo stato maggiore francese aveva preparato il cosiddetto Piano XVII, tutto basato sull’offensiva e progettato per fermare sul nascere l’avanzata tedesca. Non appena la guerra fu dichiarata, i due eserciti si misero in marcia, dando origine a una delle campagne militari più incredibili e scioccanti della storia mondiale. In questo scenario, i giocatori vestono i panni delle due grandi potenze in questo fatale momento storico. L’obiettivo della Germania è catturare Parigi. La Francia deve impedire la sua cattura. Il tempo scorre veloce e il nemico è in movimento. In marcia.
  • NUOVI CONTENUTI: Al gioco sono state aggiunte sette Grandi Meraviglie, sette Meraviglie naturali, 18 unità, 15 miglioramenti, 9 edifici, 5 distretti, 2 gruppi di città, 9 tecnologie e 10 Progressi civici.
  • DINAMICHE DI GIOCO MIGLIORATE: Il sistema di spionaggio è stato arricchito di nuove opzioni, le vittorie culturale e scientifica sono state aggiornate, sono stati aggiunti molti Momenti storici e tutti gli altri sistemi sono stati rivisti e migliorati.

L’articolo Civilization VI: Gathering Storm debutta oggi proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

XCOM 2 Collection a breve anche su PS4 ed Xbox One

Da Twitter, Firaxis Games annuncia che XCOM 2 Collection – già disponibile su Pc – sarà disponibile a breve anche su PS4 ed Xbox One.

Tale edizione costa 49,99 dollari e include – come facile intuire – la versione base del gioco, la corposa espansione War of the Chosen e quattro dlc: Resistance Warrior, Anarchy’s Children, Alien Hunters e Shen’s Last Gift.

Attendiamo la data di lancio dell’edizione per console. Qui la nostra recensione di XCOM 2 e qui quella su War of the Chosen.

The XCOM 2 Collection is now available for PC, Mac, and Linux. Coming soon to #PS4 and #XboxOne.

Good luck, Commander.

https://t.co/l6pDWOxmeY pic.twitter.com/Y4ffpmZ6k2

— Firaxis Games (@FiraxisGames) February 1, 2018

L’articolo XCOM 2 Collection a breve anche su PS4 ed Xbox One sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

(altro…)

Civilization VI: Rise and Fall, presentati i Cree

Prima la Mongolia, poi l’India ed ora gli indiani del Nord America. Civilization VI: Rise and Fall ci presenta la civiltà dei Cree ed il suo leader Poundmaker. Quest’ultimo è uno dei nove nuovi capi inclusi nella prima grande espansione del gioco.

Ecco il video che ci presenta la nuova fazione dell’espansione del titolo strategico a turni per eccellenza. Rise and Fall a firma ovviamente Firaxis per il publisher 2K, arriverà il prossimo 8 febbraio.

Buona visione.

Condividi questo articolo


L’articolo Civilization VI: Rise and Fall, presentati i Cree sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

(altro…)

Civilization VI, l’espansione Rise and Fall debutta a febbraio 2018

Rise and Fall, è la nuova espansione di Civilization VI. Sarà disponibile su Pc dal prossimo 8 febbraio. Lo rendono noto Firaxis Games ed il publisher 2K.

Civilization VI: Rise and Fall porterà ulteriori scelte, strategie e sfide a tutti i fan della serie. La nuova espansione introduce nuove epoche, nuove modalità di espandere e governare, nove nuovi leader, otto nuove civiltà e molto altro ancora. Vediamo il trailer d’annuncio.

“Sid Meier’s Civilization è il più longevo franchise di 2K e siamo emozionati nell’annunciare questa nuova dinamica espansione – dice Matt Gorman, vice presidente marketing 2K – l’espansione Civilization VI: Rise and Fall arriva alla fine di un anno di contenuti aggiuntivi per Civilization VI, giusto in tempo per permettere ai veterani e ai neofiti del titolo di fare ancora un altro turno verso la costruzione del loro impero”.

L’ESPANSIONE INCLUDE:

  • GREAT AGES: la vostra civiltà attraverserà momenti storici importanti, alcuni positivi (Golden Ages) ed altri decisamente negativi (Dark Ages), ognuno dei quali però permetterà di affrontare sfide che, qualora superate, riserveranno importanti bonus.
  • LOYALTY: Le città manifestano differenti livelli di fedeltà alla vostra leadership. Se risulta troppo bassa vi saranno delle rivolte, col rischio di perdere la città a discapito di altre civiltà. Se la fedeltà rimarrà alta, questo potrebbe influenzare positivamente anche le città limitrofe, permettendo di espandere i tuoi territori.
  • GOVERNORS: Reclutate, nominate e fate crescere personaggi con bonus di personalizzazione unici.
  • ENHANCED ALLIANCES: Un sistema di ottimizzazione permetterà ai giocatori di formarne nuovi e migliori alleanze.
  • EMERGENCIES: Quando una civiltà diventa troppo potente, le altre possono unirsi per fronteggiarla, guadagnando ricompensi o ottenendo penalizzazioni.
  • TIMELINE: Riguardate i momenti salienti della vostra civiltà grazie alla nuova Timeline.
  • NEW LEADERS AND CIVS: Nove nuovi leader e otto nuove civiltà.
  • IMPROVED GAMEPLAY SYSTEMS: Il sistema governativo è stato migliorato aggiungendo nuove politiche.

Condividi questo articolo


L’articolo Civilization VI, l’espansione Rise and Fall debutta a febbraio 2018 sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

(altro…)

Civilization VI, un video su come accumulare Fede

La Fede è un vostro problema in Civilization VI? Firaxis e 2K hanno diffuso un nuovo video con gameplay e ci mostrano come generarla. Ricordiamo che recentissimamente, lo strategico a turni di Sid Meier è stato aggiornato ed ha ricevuto due nuovi dlc a pagamento che includono la Polonia ed i Vichinghi.  Qui c’è la nostra recensione.

Buona visione.

Condividi questo articolo


L’articolo Civilization VI, un video su come accumulare Fede sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

(altro…)

Civilization VI, su Steam c’è il primo aggiornamento maggiore “Autunno 2016”

Si chiama “Autunno 2016” ed è il primo aggiornamento maggiore per Civilization VI. Lo strategico di 2K e Firaxis ha ricevuto oggi questo grande update che include diversi aggiornamenti su molti aspetti dello strategico.

Tra queste segnaliamo in primis alcuni dettagli dell’interfaccia ed è stato anche aggiunto sia il supporto per le DirectX 12 che per Logitech ARX.

Altre novità di rilievo sono lo scenario multigiocatore “Cavalleria e cannonate” e i due nuovi tipi di mappa: “Quadrifoglio” e “Fiocco di neve a sei punte”. Si tratta di due mappe realizzate per spingere i giocatori al conflitto nel tentativo di controllare la zona centrale. Si possono giocare sia online che offline.

Su Steam c’è la nota di rilascio con tutte le novità in italiano. Ve la proponiamo per intero:

CIV VI India in game

NOVITÀ

Mappe

  • Aggiunta una mappa bilanciata per sei giocatori.
  • Aggiunta una mappa bilanciata per quattro giocatori.
  • Aggiunto lo scenario “Cavalleria e cannonate”
  • Uno scenario basato sul combattimento in cui le unità hanno costi di mantenimento ridotti e non richiedono risorse strategiche per essere costruite.
  • All’inizio della partita i giocatori dispongono di un esercito più numeroso e di alcune tecnologie aggiuntive.
  • Limite temporale: 50 turni.
  • Obiettivo: Possedere il territorio più esteso.
  • Supporto DX12
  • Supporto completo Logitech ARX

AGGIORNAMENTI ALLE DINAMICHE DI GIOCO

  • Aggiunte nuove segnalazioni.
  • Aggiunta una “sconfitta a tempo” per le situazioni in cui finiscono i turni di gioco. Quest’opzione è sempre disattivata quando la Vittoria ai punti è disponibile.
  • Aggiunti nuovi tasti di scelta rapida (unità successiva, città successiva).
  • Ora è possibile rinominare le città.
  • Aggiunta un’indicazione sull’interfaccia per mostrare la casella successiva che verrà aggiunta al territorio di una città.
  • Aggiunto un riscontro visivo del fatto che uno Scout barbaro ha avvistato una tua città.
  • Modificata la posizione in classifica “Dan Quayle”.

MODIFICHE AL BILANCIAMENTO

  • Un progetto (Manhattan Project) è stato aggiunto come prerequisito di Operazione Ivy.
  • La Fusione del metallo è stata aggiunta come prerequisito della tecnologia Economia.
  • Modificata la potenza della pressione religiosa per rendere una religione appena fondata più resistente e permetterle di convertire la città.
  • Modificati i parametri della velocità con cui le relazioni diplomatiche si guastano.
  • Ridotta l’efficacia delle politiche che aiutano la produzione di cavalleria.
  • Ridotte le penalità per la bellicosità in quasi tutti i casi, modificando anche gli effetti della decisione di restituire o tenere per sé una città. Un giocatore che conquista l’ultima città di una civiltà riceve una grande penalità per la bellicosità, perché sta spazzando via la civiltà in questione.
  • Ridotti gli avvertimenti per le incursioni di confine se le truppe in questione si trovano all’interno dei loro confini.
  • Il numero di slot per Capolavori letterari in un Anfiteatro è stato portato a 2.
  • L’operazione di Controspionaggio ora richiede più tempo.
  • Le unità religiose ora costano di più; inoltre si applicano dei costi aggiuntivi.
  • Le unità non possono più essere eliminate quando sono danneggiate.
  • Eliminare un’unità non fornisce più Oro.
  • La mappa Placche di isole è stata aggiornata; ora contiene più colline e montagne.
  • Le unità non possono più rimuovere caratteristiche del terreno nelle caselle che appartengono ad altri giocatori.
  • Ora il fallout radioattivo impedisce la raccolta di risorse nelle caselle.
  • Nei livelli di difficoltà minori, gli Avamposti barbarici compaiono in caselle più lontane dalle città dei giocatori.

REGOLAZIONE DELL’IA

  • Modificate le condizioni di vittoria dell’IA in modo che sia più competitiva nella Scienza e nel Turismo.
  • Modificata la comprensione delle dichiarazioni di amicizia da parte dell’IA.
  • Modificato l’approccio dell’IA nel cominciare e terminare una guerra in base ai guadagni e alle perdite potenziali.
  • L’IA è più competitiva nella costruzione di eserciti tecnologicamente avanzati.
  • Ora l’IA userà maggiormente gli Inquisitori. Specialmente Filippo.
  • L’IA ora assegnerà più valore all’aggiornamento delle unità.
  • Aumentato l’uso da parte dell’IA delle scorte per i Coloni.
  • Ora l’IA userà con più criterio le unità che non possono muoversi e tirare, come le Catapulte.
  • Migliorata la pianificazione della costruzione di città e unità da parte dell’IA.
  • Ora le città-stato saranno in grado di mantenere più facilmente un esercito forte.

ERRORI CORRETTI

  • Sistemati alcuni bonus alla produzione derivanti da politiche, Grandi Personaggi e Pantheon che non erano applicati correttamente.
  • Ora i Cantieri della Marina Reale riceveranno correttamente i bonus dovuti alla posizione.
  • Eliminati alcuni problemi che affliggevano la costruzione della Grande Muraglia da parte di giocatori e IA, tra cui il corretto collegamento alle montagne e la rimozione di Grandi Muraglie di altri giocatori come potenziali punti di collegamento.
  • Eliminato un errore che riguardava la selezione ciclica delle unità in presenza di formazioni.
  • Eliminato un errore che faceva sì che il termine di una leva facesse tornare a una città-stato tutte le unità coscritte, tra cui quelle provenienti da altre città-stato. Ora a ogni città-stato dovrebbero tornare solo le unità coscritte che in effetti le appartenevano originariamente.
  • Risolti molti problemi relativi all’occupazione di Piste d’atterraggio e Aerodromi, tra cui il cambio di base forzato delle unità nemiche e l’aggiornamento dell’interfaccia.
  • Eliminata una falla che permetteva alle unità che attaccano a distanza o bombardano di guadagnare esperienza attaccando un distretto con 0 punti ferita.
  • Risolto un problema che affliggeva le Meraviglie quando una città passava di mano: in caso di conquista una Meraviglia poteva non venire più tracciata, e questo portava a problemi nell’uso di Gustave Eiffel.
  • Risolto un problema che faceva sì che la lente Colono non mostrasse sempre al giocatore informazioni corrette.
  • Risolto un errore che faceva sì che l’IA rispondesse alla proposta di una somma d’oro con l’ammontare della modifica richiesta, anziché con la somma totale d’oro desiderata.
  • Ora i filmati iniziale e finale del Tutorial non appariranno più fuori centro in alcune particolari risoluzioni.
  • Eliminate alcune cause di crash relative alle unità.
  • Eliminato un errore che faceva comparire frequentemente in una partita più leader della stessa civiltà.
  • Eliminato un errore che in alcuni casi raddoppiava le rese delle Rotte commerciali.
  • Ora le unità in formazione rompono la formazione stessa prima di teletrasportarsi tra due città.
  • L’obiettivo “Per la Regina e la Nazione” veniva sbloccato troppo frequentemente.
  • I giocatori IA con relazioni neutrali ora dovrebbero accettare le delegazioni, tranne che in circostanze eccezionali.
  • Ora non si può più dichiarare una guerra congiunta se ciò è impossibile per una delle due parti.
  • I salvataggi non dovrebbero più distinguere tra lettere maiuscole e minuscole.
  • Alcune Meraviglie generavano erroneamente segnalazioni extra.
  • I giocatori coinvolti in una guerra congiunta non riceveranno più le penalità per la bellicosità dovute alle azioni del loro partner nel conflitto.
  • Una civiltà che “torna alla vita” perché una sua città è stata liberata ora rientrerà in gioco in modo corretto.
  • Il bonus al raggio d’azione dei Palloni da osservazione era applicato erroneamente quando altre unità erano presenti nella casella.
  • Molte correzioni al testo e refusi eliminati.

civilizationvi_sumeria_gilgamesh_hero

GRAFICA

  • Gli edifici costruiti nella neve avranno della neve sopra.
  • Aggiunto un Avamposto barbarico di epoca industriale.
  • Aggiunta una torre dei ranger ai Parchi nazionali.
  • Risolti alcuni casi in cui gli edifici non si disponevano correttamente intorno agli altri elementi del mondo.
  • Risolto un problema che faceva sì che alcuni distretti non venissero visualizzati correttamente.
  • Molte piccole modifiche a miglioramenti, edifici e distretti.

MULTIGIOCATORE

  • I timer dei turni sono sempre disattivati nel primo turno di una nuova partita. Questo avviene indipendentemente dal tipo di timer o di inizio partita selezionati.
  • Ora è possibile modificare lo status di una partita da privata a pubblica e viceversa nella lobby multigiocatore, dopo la creazione della lobby stessa.
  • Il numero massimo di giocatori è fissato a 12.
  • Ora nella schermata delle opzioni è possibile specificare il nome dei giocatori su rete locale (LAN).

Interfaccia

  • Aggiunta l’indicazione del numero degli specialisti al lavoro in una casella.
  • Aggiunte diverse icone extra per lo spionaggio, le promozioni eccetera.
  • Aggiunti altri tasti di scelta rapida per la Civilopedia, tra cui il clic col pulsante destro del mouse sul ritratto di un’unità.
  • Aggiunta una “firma” alla schermata delle azioni diplomatiche e degli scambi in modo da poter differenziare tra giocatori che usano leader duplicati. Ora in modalità multigiocatore la schermata della diplomazia riporta anche il nome del giocatore sulla rete (screen name).
  • Aggiunte le rese delle Rotte commerciali alla schermata dei Rapporti.
  • Aggiunto il Centro cittadino al pannello Analisi della città.
  • Le notifiche a comparsa del completamento di una missione ora riportano anche le relative ricompense e conseguenze.
  • Aggiornato il meccanismo di scelta del leader all’inizio di una nuova partita.
  • Aggiornata la schermata della vittoria, alla fine della partita.
  • Aggiornata la sala di allestimento delle partite multigiocatore.
  • Le bandiere delle città sono state aggiornate.
  • L’interfaccia per la scelta delle missioni di spionaggio è stata migliorata.
  • Ora il gioco mostra quali città stanno ricevendo Attrattiva da ogni risorsa.
  • Ora l’icona di ogni risorsa esprime chiaramente di che tipo di risorsa si tratta.
  • Aggiunta la possibilità di scorrere automaticamente la lista di Grandi Personaggi fino al primo Personaggio che può essere ingaggiato.
  • La funzionalità di ricerca nella Civilopedia è stata potenziata.
  • I dati relativi ai barbari sono stati rimossi dai grafici di replay dei giocatori.
  • Ora è possibile chiudere le notifiche a comparsa relative a tecnologie, progressi civici e momenti Eureka premendo ESC.
  • Quando si carica un salvataggio, l’introduzione narrata sarà determinata in base all’epoca attuale del salvataggio stesso, non più quella iniziale della partita.

AUDIO

  • Aggiunti alcuni suoni mancanti in corrispondenza dello spostamento del mouse su determinati oggetti.
  • Corretta la citazione relativa all’Oracolo.
  • Risolto un problema che faceva sì che in alcune lingue non si sentisse la voce del Consigliere.
  • Risolti alcuni problemi di compatibilità con diverse schede audio, specialmente quelle impostate su un’alta qualità di riproduzione.

VARIE

  • Aggiunta un’opzione di configurazione “Nessun leader replicato”, attiva di default. Quest’opzione impedisce a due o più giocatori di scegliere lo stesso leader.
  • Aggiornata la schermata dei leader per supportare l’attivazione/disattivazione del “bloom” in base alla relativa opzione grafica.
  • Aggiunta un’opzione nel menu per impostare il ritardo nella comparsa dei suggerimenti nelle caselle.
  • Aggiunta un’opzione nel menu per impostare l’iterazione ciclica automatica sulle unità.
  • Benchmark aggiornati.
  • Riconoscimenti aggiornati.

Condividi questo articolo


L’articolo Civilization VI, su Steam c’è il primo aggiornamento maggiore “Autunno 2016” sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

(altro…)

Civilization VI, gli sviluppatori spiegano le novità del gioco con questo video

2K e Firaxis Games hanno rilasciato un nuovo video che introduce al team di Sid Meier’s Civilization VI che, ricordiamo, verrà lanciato il 21 ottobre per Pc Windows,… Vai all’articolo

L’articolo Civilization VI, gli sviluppatori spiegano le novità del gioco con questo video sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

(altro…)

XCOM Enemy Unknown sbarca su PlayStation Vita

Un po’ a sorpresa, XCOM Enemy Unknown approda su PlayStation Vita col nome di XCOM: Enemy Unknown Plus. Il prezzo è di 19,99 euro ed il file pesa 2,2 gb. Ne parla Eurogamer. Non si sa molto altro sui contenuti di questa edizione dello strategico firmato Firaxis già apprezzato su Pc e console al punto […]

L’articolo XCOM Enemy Unknown sbarca su PlayStation Vita sembra essere il primo su IlVideogioco.

(altro…)

Rimaniamo in contatto

Hai una idea? Un prodotto che vorresti farci recensire? Oppure vorresti collaborare con noi?

Scrivici una email

admin@cellicomsoft.com

Seguici su Facebook

cellicomsoft su Facebook

Scarica l'app Android

cellicomsoft su Play Store

Contact Us