Archivi categoria: Strategia

Auto Added by WPeMatico

Annunciato A Total War Saga: Troy

 A Total War Saga: Troy è il nuovo capitolo della serie strategica a sfondo storico di SEGA. Lo stesso publisher giapponese lo ha annunciato poco fa con un video e delle immagini.

Come di consueto, anche questo titolo sarà sviluppato da Creative Assembley. Il gioco ricostruisce una delle più grandi storie di tutti i tempi. Ispirato all’Iliade di Omero, Troy permetterà agli appassionati di costruire un lascito eroico nella tarda età del bronzo, il periodo storico più antico mai esplorato dall’apprezata serie di strategia.

In A Total War Saga: Troy il fato delle civiltà dell’Egeo saranno nelle tue mani; ogni scelta che farai determinerà il fato delle terre che si estendono dalla cima del monte Olimpo agli aridi deserti di Lemnos. Vivi la storia come forse è avvenuta oppure costruisci la tua leggenda personale in questo capitolo unico della serie.

L’Iliade di Omero è ricca di miti, leggende, divinità e mostri. Troy filtra queste narrazioni attraverso una lente storica e prova a immaginare cosa sia accaduto realmente, pur lasciando al giocatore la libertà di determinare quali eroi moriranno sul campo di battaglia e quali, invece, saranno ricordati per sempre nelle leggende.

I cambi di battaglia tremeranno sotto i piedi di guerrieri memorabili come Achille ed Ettore, ma la forza bruta non basterà da sola per conquistare la leggendaria città di Troia. Per incidere il tuo nome nella storia avrai bisogno di gestire attentamente l’economia basata sul baratto, di condurre abilmente trattative diplomatiche tra amici e nemici e di ingraziarti il favore degli dei.

I titoli Total War Saga canalizzano la strategia su larga scala e le battaglie in tempo reali di un classico Total War in cornici temporali definite e particolari, lasciando al giocatore il ruolo di determinare l’esito di momenti storici importanti. Questo cambiamento nello scopo e di prospettiva rende Total War Saga il campo perfetto per l’innovazione e la sperimentazione di nuove idee che influenzeranno i prossimi titoli.





L’articolo Annunciato A Total War Saga: Troy proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Annunciato A Total War Saga: Troy

Fantasy General II – Invasion, Recensione

Il 14 agosto scorso abbiamo avuto l’occasione di provare in anteprima il titolo d’esordio di Owned by Gravity, neonata software house che grazie all’aiuto di Slitherine si è messa all’opera nello sviluppo di Fantasy General II – Invasion.

Un titolo che per gli appassionati vuol dire tanto, una pesante eredità di quel Fantasy General che nel lontanissimo 1996 ridefinì il genere degli strategici-fantasy. Un compito non certamente facile anche per una software che è si al suo primo titolo ma che è composta da veterani dell’industria. Una bella sfida. Ma il tempo degli indugi è passato in fretta, e giovedì scorso (5 settembre) il gioco ha fatto il suo esordio su Pc, sia via Steam che su GOG, la piattaforma di CD Project.

L’invasione avrà successo? Scopritelo insieme a noi.

DALLE CENERI

Ne avevamo parlato in sede di anteprima e lo ripetiamo qui: gli anni ’90 sono stati un’epoca… no, un’epopea quasi irripetibile.

Il flusso di nuovi titoli durante l’anno non era così impetuoso come oggi, eppure anche all’ora c’era sempre qualcosa di nuovo. Era un periodo di grandi innovazioni, e il personal computer godeva di un’esperienza di gioco tutta sua, forte di un hardware praticamente ineguagliabile dalle home console.

Certo, la prima Playstation ha cambiato molte delle carte comodamente adagiate in tavola, ma nel complesso le esperienze console e Pc erano perfettamente complementari, almeno all’inizio. Il primo Fantasy General venne sviluppato da Strategic Simulations, meglio conosciuta come SSI.

Famosa per la produzione di videogiochi strategici, a lei dobbiamo capolavori quali Silent Hunter, i primi giochi su licenza D&D, Eye of the Beholder, la serie Steel Panthers, e soprattutto Panzer General.

Ci sono così tanti titoli importanti che elencarli tutti sarebbe impossibile, parlarne ancor di più, richiederebbe uno speciale diviso in così tante parte da farne un piccolo libro. Soffermiamoci però su Steel Panthers e Panzer General.

Entrambi titoli a sfondo bellico, condividevano una forte propensione alla tattica su base esagonale, con opzioni e features totalmente inedite per l’epoca. Fu Panzer General a godere di una ribalta più ampia, forse anche per una cura artistica leggermente superiore, mentre Steel Panther si focalizzava più su dati e una mole di mezzi ed unità tale da non sfigurare di fronte persino a Field of Glory II, pur con tutte le differenze storiche del caso.

Come dicevamo, Panzer General ebbe così tanto successo da guadagnarsi ben 3 seguiti, tutti dal buon successo. A cavallo tra il 1994 e il 1997, periodo intercorso tra l’uscita del primo Panzer General e di Panzer General 2, uscì Fantasy General. Sfruttare l’eclettico engine del noto gioco strategico fu una mossa furba, perché il lavoro si sarebbe concentrato su background, unità, e migliorie da applicare alla già solida base. Come potrete immaginare, il gioco fu un buon successo, nonostante i dubbi dello zoccolo d’uro della fanbase, non troppo interessato a spade e magie. Da lì in poi, la storia ha fatto il suo corso, e Fantasy General cadde in un limbo che tutto divora, nel silenzio. Dobbiamo a Slitherine quindi, il ritorno in auge di questo progetto.

UNA BELLA STORIA

Quando si riprende un titolo lasciato in sospeso per anni, la prima scelta è spesso quella di ripartire, perché un remake è più semplice visto che background e storia sono già lì. Un seguito diretto invece, richiede inventiva e coerenza, e ottimo spirito d’osservazione.

Per unire queste qualità, è letteralmente fondamentale aver chiaro il concept su cui si basa la storia di cui vogliamo parlare. Per nostra fortuna, Owned By Gravity ha speso una valanga di ore a giocare al primo capitolo, raccogliendo informazioni su tutto il background alla base di Fantasy General, un impegno non da poco, ma che come vedremo, ha dato i suoi frutti.

La Guerra delle Ombre (Shadow Wars, e no…non parliamo di Babylon 5, anche se un gioco su questa serie di fantascienza non guasterebbe) portata in scena nel primo capitolo è terminata secoli or sono, e ora viene ricordata solo nelle leggende, persa in quell’alone di mistero che solo il tempo è capace di celare.

Le terre della nostra amata Keldonia, il mondo di Fantasy General II – Invasion, sono rigogliose e vivono di pace e prosperità, e la vita dei clan Barbari prosegue senza in tutta tranquillità ed in armonia con la natura che li circonda, e qualche schermaglia che non guasta.

Purtroppo per i nostri amici, le cose belle non durano per sempre, e così i nostri eroi guidati da Falir One-Eye e suo figlio Falirson, dovranno vedersela con l’Impero, in una storia che segue un corso lineare ma interessante e con qualche piccolo colpo di scena.

Lo sviluppo dei personaggi durante le missioni che seguono la campagna non conta particolari picchi di scrittura o regia, ma nel complesso il lavoro svolto è di tutto rispetto, con scelte anche importanti sul gameplay, che vanno ad innestarsi in un comparto “wargame oriented” solitamente abituato a destreggiarsi tra scenari separati e scelte basate sulla pura esigenza strategica.

Qui, le risposte in un determinato dialogo, o la scelta di salvare un’unità durante una missione, potranno avere impatti davvero seri sul prosieguo di uno scenario. Ci è particolarmente piaciuta questa meccanica, perché unisce la profondità di uno strategico a turni le cui meccaniche vedremo più avanti, ad una sorta di piccolo gioco di ruolo.

Il tutto, intriso marcatamente di mitologia nordica, quindi praticamente un must per gli appassionati di questo tipo d’ambientazione. È piacevole constatare come il folklore slavo di Thea 2, e la mitologia nordica di Fantasy General II – Invasion siano complementari. Tra l’altro, il titolo targato Owned by Gravity porta in seno anche un piccolo messaggio (forse voluto, forse no), ossia quello di vivere a contatto con il mondo che ci circonda, piuttosto che sfruttare ciò che la natura generosamente ci offre.

INDOSSA L’ARMATURA

La campagna conta un numero importante di scenari, più di 30, assicurando un’ottima longevità. All’inizio di ogni missione sarà nostra cura preparare l’esercito, acquistando nuove unità o migliorando quelle di cui già disponiamo.

Per farlo, dovremo spendere oro e risorse che raccoglieremo durante le varie missioni. Lo svolgimento di questa fase avviene sulla mappa del mondo di gioco, splendidamente realizzata e arricchita di particolari.

Il menu che permette di acquistare nuove unità è tanto semplice quanto immediato, mentre per l’upgrade sfrutteremo uno schema ad albero tanto caro agli amanti degli strategici, ricorda da vicino l’albero delle ricerche. Permettere ad un’unità di guerrieri armati di semplici spade di allenarsi e diventare dei formidabili vichinghi dalle asce assetate di sangue nemico non sarà solo un’opera estetica, ma avrà effetti importanti sul gameplay, perché molte unità possiedono abilità speciali che sfrutteremo alla prima possibilità. Il passaggio successivo, è la discesa sul campo di battaglia. Dopo la classica fase di “deploy” delle nostre truppe, inizieremo a muovere l’esercito in base agli obbiettivi e al nostro acume strategico.

Ogni sarà caratterizzato da una visuale a volo d’uccello fortunatamente ingrandibile, affiancata dai nostri adorati esagoni. Ogni casella possiederà bonus o malus a seconda della posizione e del tipo di terreno. Ad esempio, le foreste garantiranno un bonus alla difesa e la possibilità di sfondare un’unità nemica con una bella imboscata. Possiamo dirvi da subito che nulla in questo gioco va lasciato al caso, a partire dal movimento.

È sempre utile proporre una truppa di scout in avanscoperta, arcieri ai lati o nelle retrovie, mentre le forze da corpo a corpo pronte a colpire frontalmente. Abbiamo detto che lo zoom è presente, purtroppo non proprio al terreno, e questo in alcuni casi può rendere difficile il riconoscimento di un gruppo di arcieri da un gruppo di lancieri. Fortunatamente, icone poste sopra le unità semplificheranno il compito, anche se forse una differenziazione più netta non avrebbe guastato. Dato che in questo tipo di giochi la grafica riveste un ruolo spesso inferiore anche alla storia, il risultato è di tutto rispetto.

IN BATTAGLIA

Prima o poi, ma spesso prima, dovremo fronteggiare unità nemiche. Oltre ai nemici dell’impero, mostruose creature e animali selvaggi non vedranno l’ora di farci la festa per preparare un bel banchetto serale.

Lo svolgimento dei turni di combattimento in Fantasy General II – Invasion segue i canoni del genere, ma ci sono due novità introdotte dallo sviluppatore che meritano particolare attenzione. Partiamo con il concetto dei punti ferita. Ogni unità è dotata di punti vita che scesi a zero, ne decreteranno la rimozione dal piano di gioco. La barra che segnerà il punteggio è segnata da tre colori:

Il verde, rappresenta l’effettiva salute dell’unità, e in caso di combattimento i punti verranno decurtati da questo valore. Il rosso, rappresenta la quantità di punti ferita che l’unità può recuperare riposandosi per un turno. Supponiamo che la nostra unità di arcieri dotata di 20 punti vita, perda 10 punti in uno scontro ma sia in grado di recuperarne una parte.

La barra rossa ci indica che non venendo attaccata per un turno potrà recuperare ben 4 punti, permettendo di contare sui nostri arcieri per ulteriori attacchi.

Importante, è che l’unità venga ritirata dalle schermaglie vicine, e si riposi senza subir danni per almeno un turno. La barra in nero indica i punti vita che non possono essere recuperati.

Questa meccanica è capace di portare a nostro favore, una scontata disfatta, soprattutto se gli eroi a nostra disposizione disporranno di abilità curative o magie per potenziare la difesa della truppa bersaglio. Inoltre, ragionando sul lungo termine, potremo decidere di sacrificare l’energia vitale dei nostri arcieri per attaccare i nemici dai fianchi, regalando loro il meritato riposo in seguito. Anche il fattore punti esperienza è da non sottovalutare.

All’eliminazione di truppe nemiche le nostre unità potranno aumentare di livello, garantendo statistiche offensive e difensive migliori. Gli aspetti da tenere a mente sono parecchi, e il gioco propone ampia libertà di scelta in fatto di strategie, ma è necessario fare attenzione all’AI nemica, perchè non solo è sveglia ma dannatamente furba. Spesso ci attaccherà con unità che battono in ritirata dopo una fugace scaramuccia, ponendoci nella sfortunata condizione di subire piccole perdite continue nel tentativo di rincorrerla ed abbatterla, un po’ come essere punti da tante piccole zanzare in pochi minuti.

È anche in grado di “pensare” in modo decisamente umano, facendo ritirare le truppe oramai allo sbando per farle riposare, rimpiazzandole con unità fresche. Il secondo fattore che rende Fantasy General II – Invasion una manna per gli appassionati degli strategici è la meccanica che gestisce il valore economico della regione. Posto in alto a destra, un indicatore ci mostrerà il valore in oro e risorse dello scenario relativo alla missione in corso.

I barbari, a differenze delle truppe imperiali, non si insedieranno nelle città nemiche, ma sfrutteranno il raid e i saccheggi. Queste azioni, rimpolperanno la nostra tesoreria di soldi, materie prime e artefatti che useremo per migliorare le unità a nostra disposizione, o reclutarne altre dallo stesso menu che abbiamo trovato in precedenza sulla mappa del mondo.

La trovata davvero interessante dello sviluppatore però, è che con il passare dei turni e dei raid, il valore della regione calerà portando l’occupazione di un insediamento a non darci nulla se aspetteremo troppo tempo. Il tutto, ci suggerisce uno svolgimento piuttosto rapido nella manovra d’espansione del nostro esercito, ed è qui che la meccanica arriva al fulcro.

Rischiare un’avanzata senza far riposare i nostri uomini per reclutarne altri e migliorare le forze a nostra disposizione o puntare agli obbiettivi dello scenario mettendo oro e risorse in secondo piano?

Nel nostro caso abbiamo cercato una via di mezzo, ma non è stato sempre facile. La curva d’apprendimento non è ripida, ma i fattori da tenere presente sono diverti, quindi ogni scontro e ogni missione va pianificata anche a lungo termine. Quanto a numero d’unità, c’è davvero l’imbarazzo della scelta, perché andiamo oltre le 70 in totale, purtroppo con solo due fazioni presenti al momento del lancio. Confidiamo nell’uscita di corpose espansioni che introducano nuove fazioni, ma conoscendo Slitherine possiamo stare tranquilli sul fatto che NON si tratteranno di semplici dlc con qualche unità vendute a caro prezzo.

Oltre alla modalità, la classica modalità Skirmish ci permetterà di usare i barbari o l’impero su scenari preimpostati, purtroppo non sono molti e la mancanza di un editor in stile Warcraft 2 rende questa funzione solamente laterale, ma siamo convinti che questi “spazi” siano stati pianificati proprio per ampliare l’offerta nel corso del tempo. La possibilità di creare uno scenario custom fatto da noi con questa grafica stuzzica e non poco la nostra immaginazione. Ottimo il comparto sonoro, grazie ad un buon numero di tracce alcune anche molto evocative, che ci hanno lasciato di tanto in tanto a goderci lo scenario solo per sentire questa o quella traccia.

LATO TECNICO DI FANTASY GENERAL II – INVASION



Graficamente, il gioco fa la sua figura e, pur con qualche sbavatura circa il riconoscimento delle unità, il lavoro svolto dagli sviluppatori è di assoluto pregio. C’è anche la possibilità di far scomparire l’hud di gioco per godersi una visuale prettamente artistica.

Le performance sul nostro Asus Rog G752 si attestano sui 75 fps fissi, e non abbiamo riscontrato particolari bug, a parte qualche dialogo che sporadicamente ha piantato la schermata, costringendoci ad uscire e ricaricare la partita. Nulla, quindi, di grave o non risolvibile con la proverbiale patch.

COMMENTO FINALE

Pescare un titolo in un limbo dove sono finiti brand molto famosi è un’operazione assai rischiosa. Farlo per affidare lo sviluppo di un sequel degno di questo nome ad un nuovo sviluppatore può risultare un clamoroso autogol, ma non quando parliamo di Slitherine.

Owned By Gravity ha sviluppato il degno erede di Fantasy General, proponendo un gioco all’apparenza semplice, ma profondamente complesso e sfaccettato, con una buona storia e diverse scelte con impatti reali sul gameplay.

L’introduzione del sistema dei punti ferita e del valore regionale sono meccaniche che ci auguriamo vengano riproposte anche su altri prodotti, perché faranno la felicità degli amanti del genere. Moltissime unità, che a parte qualche piccola sbavatura sono riccamente sviluppate e non banali. Non è un gioco semplice – e spesso andrà compreso attraverso reload e restart dello scenario – ma è anche questo che rende Fantasy General II – Invasion un titolo che ogni wargamer dovrebbe provare. Assolutamente consigliato.

L’articolo Fantasy General II – Invasion, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Fantasy General II – Invasion, Recensione

Endless Space 2: Awakening, aperti i pre-order

Amplitude Studios ha aperto i pre-order di Endless Space 2: Awakening. Si tratta della nuova espansione per lo strategico ad ambientazione sci-fi per Pc. Questa sarà disponibile per il download su Steam a partire da giovedì prossimo, 12 settembre.

Probabilmente molti di voi ricorderanno NGD Studios, gli sviluppatori che hanno lavorato con Amplitude Studios per le ultime due espansioni di Endless Legend. Il risultato di questa collaborazione sta in Awakening che offre una fazione il cui gameplay, nelle intenzioni degli studi, vuole sorprendere gli appassionati.

Mentre gli altri imperi in via di sviluppo sono in piena espansione, con i Nekalim si comincia con una società già particolarmente avanzata tecnologicamente. La missione è quella di cercare potenti reliquie e territori da conquistare. A disposizione dei giocatori ci sarà una flotta esplorativa super corazzata, una notevole quantità di influenza e una relazione privilegiata con l’Accademia. Senza contare l’abilità di negoziare con il più famoso eretico della galassia, il celebre Isyander.

CARATTERISTICHE

Endless Space 2: Awakening in estrema sintesi:












  • Nekalim – La nuova fazione principale è molto avanzata sotto il profilo tecnologico, ma è debole dal punto di vista scientifico e dipende dalla scoperta di antiche reliquie per ottenere nuove tecnologie. La relazione privilegiata con l’Accademia permette loro di ottenere il controllo su altri sistemi grazie all’influenza de sui loro templi.
  • Quattro nuovi eroi – I Nakalim sono celebri esploratori, guerrieri e credenti. Utilizzate questi eroi per trarre il massimo dall’esplorazione e sviluppare sistemi grazie all’influenza diplomatica.
  • Una nuova flotta – Riscoprite e prendete il controllo degli antichi territori con una flotta corazzata e specializzata nell’esplorazione.
  • Fazone minore: Xiramisala – Filosofi particolarmente attenti al Dust, le cui abilità sono state definite dalla community tramite una votazione su Games2Gether.
  • L’impero dell’Accademia – Se poteste fare una domanda a Isyander, quale sarebbe? Finalmente, l’Accademia diventa un vero e proprio impero con l’abilità di gestire sistemi stellari, flotte e colonizzare nuovi mondi. Contribuite all’espansione, e sarete ricompensati con speciali ruoli accademici che vi conferiranno nuovi bonus e poteri, così come l’accesso alle incredibili navi della flotta dell’Accademia.






L’articolo Endless Space 2: Awakening, aperti i pre-order proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Endless Space 2: Awakening, aperti i pre-order

Total War: Warhammer II, ecco The Hunter & The Beast

Total War: Warhammer II si arricchirà con un nuovo dlc. L’espansione si intitola The Hunter & The Beast ed arriverà l’11 settembre su Steam. Il prezzo è di 8,99 euro. Lo svelano con un trailer SEGA e Creative Assembly, pubilsher e sviluppatore dell’apprezzato strategico per Pc.

Ecco la clip. Buona visione.

UN PO’ DI STORIA

Attraverso le giungle del Nuovo Mondo l’Huntsmarshal Markus Wulfhart espande i confini dell’Impero, profanando e saccheggiando i templi dedicati alle divinità degli Uomini Lucertola. La morte, però, ha diverse facce in queste antiche terre, e nessuna di queste è più agguerrita e feroce di quella di Nakai il Vagabondo. Risvegliato da un sonno lungo secoli, andrà a caccia di tutti coloro che minacceranno Lustria.

DETTAGLI




Il dlc di Total War Warhammer II sarà disponibile, come detto, dall’11 settembre e giocabile in entrambe le campagne, Occhio del Vortice e Imperi dei Mortali, The Hunter & The Beast introduce nuovi leggendari Lord per le razze dell’Impero e per gli Uomini Lucertola, con meccaniche specifiche per la fazione e nella campagna, così come una serie di devastanti unità sul campo di battaglia.

The Hunter & The Beast introduce anche la più grande unità mai utilizzata in Total War: Warhammer II, ovvero il Temibile Sauriforme. Quando questa immensa unità viene liberata sul campo di battaglia, provoca irreparabile caos tra le fila nemiche a causa delle sue enormi zanne affilate e alla benedizione degli Antichi. Una miriade di altre unità si uniranno alla carneficina, come i Cacciatori d’élite, il Carro da Guerra, l’Antico Kroxigor e il Branco da caccia di Spinodonti.

Ma non è tutto. The Hunter & The Beast introdurrà anche nuovi contenuti gratuiti per tutti i possessori di Total War: Warhammer II, come un Lord leggendario ancora da svelare e un attesissimo aggiornamento per il Vecchio Mondo – lode a Sigmar.

Per maggiori informazioni consulta il blog di Total War.

L’articolo Total War: Warhammer II, ecco The Hunter & The Beast proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Total War: Warhammer II, ecco The Hunter & The Beast

Alder’s Blood centra l’obiettivo su Kickstarter

Missione compiuta. Alder’s Blood centra l’obiettivo su Kickstarter superando i 10.770 euro che gli sviluppatori si erano posti come obiettivo minimo. Ne dà notizia il publisher NoGravity Games.

A due settimane dalla fine della raccolta, che si concluderà il prossimo 6 settembre, il team indie polacco Shockwork Games ha raccolto quasi 11.000 euro. Risultato raggiunto grazie al contributo di oltre 450 appassionati. Gli sviluppatori hanno anche pubblicato la demo, disponibile su Kickstarter per un tempo limitato.

Michał Bernat, capo sviluppatore a Shockworks Games, ha detto:

Siete tutti fantastici! Non so se posso mai ringraziarti abbastanza! È stato un lungo viaggio per l’intera squadra, molto spesso difficile. Ma adesso possiamo essere tutti d’accordo sul fatto che ne sia valsa la pena. Tutto sta iniziando a riunirsi ed è semplicemente mozzafiato (gioco di parole inteso). Grazie ancora a tutti e ci vediamo a caccia.

C’è quindi tempo per tentare di raggiungere gli obiettivi secondari e cercare anche di portare Alder’s Blood su PS4 ed Xbox One mentre il titolo, annunciato a fine giugno scorso, uscirà sicuramente su Pc e Switch.

Tra gli stretch goals troviamo anche la possibilità di aggiungere nuovi nemici e l’abilità di cacciare alla cieca, nonché di espandere i contenuti di gioco (migliorare il proprio campo, arricchirlo con eventi speciali ed altro).

È ancora possibile per i prossimi nove giorni supportare il titolo strategico e stealth sulla nota piattaforma di crowdfunding.

Con oltre 40 ore di gioco e un prezzo al dettaglio di 24,99 dollari, Kickstarter è la migliore possibilità di ottenere Alder’s Blood con uno sconto e l’aggiunta di altre chicche.

Ricordiamo che si tratta di uno strategico stealth ad ambientazione vittoriana.  I giocatori assumono il ruolo di uno dei Cacciatori di mostri professionisti perfettamente addestrati e altamente qualificati. Questi Cacciatori pianificano attentamente i loro attacchi, nascondendosi nell’ombra finché non riescono a sentire quasi il respiro del mostro su cui hanno messo gli occhi, per poi colpire in un attimo.

L’articolo Alder’s Blood centra l’obiettivo su Kickstarter proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Alder’s Blood centra l’obiettivo su Kickstarter

Yu-Gi-Oh! Legacy of the DUelist: Link Evolution è su Switch

Yu-Gi-Oh! Legacy of the Duelist: Link Evolution è disponibile in esclusiva su Switch. Lo rende noto Konami. Il gioco è su Nintendo eShop mentre la versione fisica sarà nei negozi a breve: il 22 agosto.

La versione fisica del gioco include tre nuove card esclusive del gioco di carte da collezione: il Mostro Link, Progleone, il Mostro Cyberso Micro Codificatore e la Carta Magia Cynet Codec.

Basato sul gioco di carte da collezione, Yu-Gi-Oh! Legacy of the Duelist: Link Evolution permetterà di costruire il proprio Deck basandosi su una selezione di oltre 9.000 carte, il più grande quantitativo di carte mai apparso in un videogioco dedicato alla serie. Questo videogioco porta su Switch oltre 20 anni di storia del brand Yu-Gi-Oh! e rappresenta il titolo ideale per tutti i fan delle serie animate e per i duellanti con qualsiasi livello di esperienza.

I duellanti possono visitare la pagina internet ufficiale di Yu-Gi-Oh! Legacy of the Duelist: Link Evolution per ottenere maggiori informazioni.

CARATTERISTICHE

Ulteriori caratteristiche di Yu-Gi-Oh! Legacy of the Duelist: Link Evolution includono:

  • Costruite e personalizzate un Deck scegliendo tra più di 9.000 carte, il più grande numero di carte mai incluso in un videogioco di Yu-Gi-Oh! Gioco di carte da collezione.
  • Sfidate altri giocatori in locale o tramite Nintendo Online.
  • L’aggiunta delle carte Mostri Link cambierà non solo il modo di giocare dei giocatori esperti ma anche dove giocheranno.
  • Assumete il ruolo degli antagonisti della serie animata con Reverse Duels.
  • Duella con i Battle Pack nei formati Sealed e Draft.
  • Include tutti i contenuti precedentemente rilasciati in Yu-Gi-Oh! Legacy of the Duelist.

La serie di Yu-Gi-Oh! è basata sul manga Yu-Gi-Oh! (ideato da Kazuki Takahashi), che è stato pubblicato in serie sulla rivista Weekly Shonen Jump di SHUEISHA Inc. a partire dal 1996, ed è ora alla sesta generazione della serie animata “Yu-Gi-Oh!” (in onda sui canali affiliati a TV Tokyo).

Konami ha rilasciato il primo gioco su console nel 1998 e la serie, compreso il gioco di carte collezionabili, conta ancora numerosissimi appassionati in tutto il mondo.

L’articolo Yu-Gi-Oh! Legacy of the DUelist: Link Evolution è su Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Yu-Gi-Oh! Legacy of the DUelist: Link Evolution è su Switch

Company Of Heroes in arrivo su iPad

Non solo Pc, dove è già stato pubblicato da SEGA nel 2006: Company Of Heroes si prepara a sbarcare anche su iPad in una versione riprogettata e sviluppata da Feral Interactive, che ha tenuto presente le caratteristiche del tablet. Entro la fine dell’anno le aspre battaglie ambientate nella seconda guerra mondiale del popolarissimo gioco di strategia in tempo reale potranno essere giocate, comodamente, ovunque. Company Of Heroes sarà un titolo premium, senza acquisti in-app.

Qui di seguito il trailer di annuncio ufficiale.

IL GIOCO

Company of Heroes mette i giocatori al comando di due compagnie di soldati americani, da condurre lungo un’intensa campagna che ha inizio con lo storico sbarco in Normandia.

Ripensato e ottimizzato per l’esperienza su tablet, il gioco può contare su una sofisticata interfaccia utente, particolarmente intuitiva, che permette ai giocatori di eseguire le proprie strategie in tempo reale in maniera agevole, adattandosi inoltre ai cambiamenti del campo di battaglia. Obiettivo: sconfiggere le forze nemiche per portare a termina la liberazione della Francia.

CARATTERISTICHE CHIAVE

  • Esperienza di livello cinematrografico per giocatore singolo, che cattura tutta l’atmosfera della seconda guerra mondiale.
  • IA avanzata, capace di dare vita ai soldati del giocatore mentre interagiscono con l’ambiente circostante. Essi potranno ripararsi ed eseguire tattiche di squadra avanzate nell’atto di fronteggiare l’opposizione nemica.
  • Grafica di livello. Il motore originalmente adoperato da Relic Entertainment e ora ripensato e adattato da Feral Interactive garantirà un’ottima qualità grafica e un’eccellente fisica.
  • Strategia ambientale. La fisica in tempo reale e un’ambiente distruttibile garantiranno uno svolgimento sempre diverso delle battaglie. Il giocatore potrà distruggere e rimodellare il campo di battaglia a suo piacimento, e potrà sfruttare il terreno e gli edifici a proprio vantaggio.

Davide Viarengo

L’articolo Company Of Heroes in arrivo su iPad proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Company Of Heroes in arrivo su iPad

Fall of the Samurai fa parte di Total War Saga

Total War: Shogun II – Fall of the Samurai è diventato parte della famiglia di Total War Saga. Lo rende noto Creative Assembly, sviluppatore della serie strategica a sfondo storico.

Il titolo del gioco su Steam, dunque, è stato modificato in A Total War Saga: Fall of the Samurai e tutti i possessori riceveranno tutti i dlc faction pack in regalo. Tutti, ad eccezione del Blood Pack, in arrivo prossimamente. Per l’occasione, inoltre, il titolo è in saldo del 75%.

Fall Of The Samurai ha sempre avuto le caratteristiche perfette, in termini di dimensioni e scopo, per essere a tutti gli effetti un titolo della serie secondo Creative Assembly. Questi giochi prendono la strategia su ampia scala e le battaglie in tempo reale tipiche della serie Total War, e le inseriscono in cornici storiche particolari, che raccontano momenti precisi e intensi, permettendo ai giocatori di vivere e determinare eventi cruciali per il futuro di intere nazioni durante periodi di equilibrio precario.

Il gioco racconta il drammatico scontro fra la tradizionale cultura dei samurai e il potere esplosivo delle armi moderne, e include tutti i dlc faction pack. Ambientato 400 anni dopo gli eventi di Total War: Shogun 2, il compito del giocatore è quello di guidare l’antico Giappone nell’era moderna, mentre l’arrivo di America, Gran Bretagna e Francia scatena una feroce guerra civile che determinerà il futuro della nazione.








L’articolo Fall of the Samurai fa parte di Total War Saga proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Fall of the Samurai fa parte di Total War Saga

In arrivo il DLC Battlestar Galactica Deadlock: Resurrection

Battlestar Galactica Deadlock: Resurrecton è il primo dlc della seconda stagione del gioco, e verrà rilasciato il 29 agosto sulle varie piattaforme Pc, PS4, e Xbox One. Esso introdurrà una serie di nuovi contenuti e funzionalità, a partire dal Command Update, un enorme aggiornamento gratuito per tutti i possessori del gioco base Battlestar Galactica Deadlock che includerà:

  • Un rivoluzionario schema di controllo multi-selezione per gli utilizzatori di mouse e tastiera.
  • Miglioramenti all’interfaccia utente per rendere gli ordini alle flotte dei giocatori più facili e veloci.
  • Rinnovamento dei sistemi dei proiettili.
  • Nuovo sistema di effetti a schermo intero che darà una svecchiata all’aspetto delle battaglie in gioco.
  • Supporto per mouse e tastiera per gli utenti PS4 e Xbox One.

Ecco il trailer d’annuncio dell’espansione del gioco firmato Slitherine.

BATTLESTAR GALACTICA DEADLOCK RESURRECTION 

L’espansione conterrà:

  • Una nuova campagna per la modalità storia, dove i giocatori dovranno affrontare minacce Cylon vecchie e nuove combattendo fiano a fianco con l’equipaggio della Galactica. Sono previste dieci missioni narrative interamente doppiate e tredici missioni di risorse, che potranno essere ricercate allo scopo di scovare delle informazioni in precedenza dell’impiego delle proprie forze.
  • Una nuova sala da guerra. Il Ministero della Difesa si affida a Galactica per guidare la controffensiva contro i Cylon. I giocatori potranno organizzare e comandare il gruppo stellare 75 (BSG-75) tramite una meticolosa ricostruzione del famoso CIC Galactica. Il livello strategico della seconda stagione è stato rinnovato per coinvolgere i fan nelle lotte importanti, mentre il nuovo meccanico Cylon Threat misurerà l’impatto complessivo sulla prima guerra Cylon.






  • Nuove navi. La Jupiter MK II vanta sufficiente potenza di fuoco e armatura da diventare la nave più impressionante mai schierata sul campo di battaglia, con quell’aspetto familiari che i fan stavano aspettando. Neanche i Cylon sono stati inattivi durante il cessate il fuoco: il comando Cylon è stato avviato per sfruttare tutta la potenza di fuoco della rara base di classe Cratus, un impressionante colosso che funge da base operativa mobile.
  • Nuovi squadroni. I Colonial hanno adattato un vecchio design da combattimento con un’origine misteriosa. Soprannominati Taipan, questi resistenti combattenti sono veicoli d’attacco anti-capitali capaci di colpire pesantemente. Nel frattempo, i Cylon hanno sviluppato il Vespid, uno sciame di bombardieri molto veloci nell’accorciare le distanze capaci inoltre di rilasciare esplosivi a lungo raggio sui propri bersagli.

Davide Viarengo

L’articolo In arrivo il DLC Battlestar Galactica Deadlock: Resurrection proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di In arrivo il DLC Battlestar Galactica Deadlock: Resurrection

Order of Battle: Red Star disponibile per Pc e Mac

Dai creatori di Order of Battle: World War II, titolo free-to-play disponibile dal 2015, arriva una nuova espansione stand-alone focalizzata sull’armata rossa nella Seconda Guerra mondiale che si intitola Order of Battle: Red Star. Tale espansione è disponibile su Steam.

A partire dalla battaglia del lago Chasan (29 luglio – 11 agosto 1938) contro il Giappone imperiale, Order of Battle: Red Star comprende 13 nuovi scenari sulle schermaglie principali dell’Armata Rossa avvenute tra il 1938 e il 1941, con la battaglia di Mosca a conclusione.

Ecco il trailer con gameplay. Buona visione. A seguire tutti gli scenari e le caratteristiche principali dell’espansione. Buona visione e buona lettura.

GLI SCENARI

  • Lago Chasan 1938 (per una disputa con il Giappone sui confini tra l’impero russo e la Manciuria).
  • Khalkhin Gol, attacco principale giapponese nel giugno 1939.
  • Khalkhin Gol, contrattacco russo all’offensiva giapponese nell’agosto 1939.
  • Grodno, contro la Polonia nel settembre 1939.
  • Invasione della Carelia, inizio della Guerra d’Inverno con la Finlandia nel tardo 1939.
  • Summa 1939, fallimento degli attacchi finlandesi dopo il primo tentativo sovietico di sconfiggere questa parte della Linea Mannerheim.
  • Summa 1940, secondo tentativo di sfondamento sovietico.
  • Vilipuri 1940, conclusione della Guerra d’Inverno.
  • Rasainiai 1941, prima battaglia contro una forte offensiva da parte dei tedeschi.
  • Smolensk, difesa dell’omonima regione.
  • Yelnya, prima offensiva sovietica pianificata dalle parti di Smolensk.
  • Rostov, prima liberazione di una grande città sovietica, anche se solo temporaneamente.
  • Mosca, arresto degli attacchi tedeschi e contrattacco sovietico.

CARATTERISTICHE DEL GIOCO

  • Aggiunte alcune unità sovietiche in uso principalmente negli anni precedenti al 1940 (tra cui carri armati di supporto BT-7A, carri armati pesanti KV-1 m1940, nuove unità di artiglieria sia trainate che semoventi, due unità leggere antiaree montate su camion e bombardieri tattici R-10 e Su-2)
  • Se il giocatore riesce a completare determinati obiettivi, può sbloccare un certo numero di nuovi comandanti sovietici, tra cui importanti leader militari, come Zhukov.
  • Le specializzazioni per la parte sovietica sono state adattate. Il giocatore ha ora accesso alle unità di fanteria delle guardie, a un comandante specifico e alla possibilità di schierare più unità tramite unità più esperte e punti di comando aggiuntivi.

Davide Viarengo

L’articolo Order of Battle: Red Star disponibile per Pc e Mac proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Order of Battle: Red Star disponibile per Pc e Mac

La serie Total War arriverà in Cina

La serie Total War arriverà in Cina grazie ad un accordo tra The Creative Assembly e NetEase, uno dei principali provider di servizi internet e di gaming online del mercato cinese. La partnership permetterà a NetEase la pubblicazione del catalogo dello storico franchise fino a Total War: Three Kingdoms, il titolo più recente della serie che è stato, tra l’altro, apprezzato da pubblico e critica.

L’annuncio è stato fatto dalle parti e cioè da SEGA, The Creative Assembly, publisher e sviluppatori della saga strategica che abbraccia diverse epoche storiche, e da NetEase.

TOTAL WAR: ELYSIUM

Inoltre, l’annuncio include una piccola anticipazione del prossimo Total War: Elysium, un nuovissimo gioco di carte da collezione che sarà disponibile inizialmente in Cina per Pc e dispositivi mobile.

Total War rappresenta uno dei pilastri più importanti delle attività di SEGA ed è uno dei più importanti e influenti franchise di strategia di tutti i tempi, proponendo un gameplay che unisce battaglie campali con aspetti tattici e strategici profondi. La qualità della serie Total War è emersa ancora una volta in maniera prepotente grazie a Three Kingdoms, un titolo ambientato nella Cina classica dei Tre Regni e che ha destato l’interesse di una nuova fanbase cinese.

LE REAZIONI

Tim Heaton, studio director di Creative Assembly ed EVP di Sega Studios, ha dichiarato:

Da circa due decadi il franchise di Total War è saldamente leader dei giochi strategici, grazie al suo caratteristico gameplay e alla sua attenzione all’autenticità storica. Siamo entusiasti di poter portare i titoli storici del nostro franchise sul mercato cinese, dove l’interesse per Total War è già molto alto. La collaborazione con NetEase è una scelta ideale, visto che condividiamo la mission di offrire esperienze di gioco di qualità agli appassionati fan di tutto il mondo.







Gary Dale, presidente e COO di SEGA Europe, ha aggiunto:

Siamo davvero entusiasti della collaborazione tra Creative Assembly e un’azienda leader come NetEase. SEGA Europe vuole espandere le sue attività anche in Cina, dato che rappresenta il mercato con la crescita più rapida di tutto il settore.

Ken Li, vicepresidente di NetEase, ha sottolineato:

NetEase è molto lieta di lavorare con Creative Assembly, uno dei principali studi di sviluppo di giochi strategici, per portare sul mercato cinese la celeberrima serie Total War. Pensiamo ci sia un grande potenziale in questa collaborazione strategica a lungo termine. Sin dalla sua prima apparizione nel 2000, la serie Total War ha offerto ai giocatori esperienze di qualità straordinaria, e ha permesso loro di sentire l’emozione e il brivido delle battaglie di diverse epoche storiche. Si tratta esattamente del tipo di contenuti di alta qualità che NetEase vuole continuare a offrire ai suoi utenti.

La crescita di Creative Assembly sul mercato cinese arriva dopo la pubblicazione di alcuni giochi importanti e l’acquisizione dello studio bulgaro Crytek nel 2017, ora chiamato Creative Assembly Sofia.

Creative Assembly sta lavorando attualmente su nove progetti, inclusa una nuova IP molto importante: uno sparatutto tattico a squadre non ancora annunciato.

L’articolo La serie Total War arriverà in Cina proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di La serie Total War arriverà in Cina

Total War: Three Kingdoms, arriva la Dynasty Mode

Interessanti novità per Total War: Three Kingdoms. Lo strategico si arricchirà della ventura modalità Dynasty progettata in collaborazione con Intel. Lo rendono noto SEGA e Creative Assembly, publisher e sviluppatore della serie che hanno comunicato che la novità sarà disponibile dalla settimana prossima, 8 agosto.

Questa nuova modalità horde-style consentirà ai giocatori di testare le proprie abilità di sopravvivenza contro ondate di nemici con livelli di difficoltà sempre crescenti, attraverso un esercito composto esclusivamente da tre hero unit.

Ecco il nuovo trailer. Buona visione.

I personaggi della Dynasty mode sono leggendariamente potenti e hanno accesso a una miriade di abilità uniche: dai personaggi dediti alla cura, a quelli con attacchi speciali che possono far esplodere gruppi di soldati in un colpo solo. Quando i nemici cadranno di fronte alla potenza dei vostri eroi, la loro forza e le loro dimensioni aumenteranno nel tempo e i generali scenderanno sul campo di battaglia con una terza ondata nel tentativo di fermare il tuo dominio. Sconfiggendoli, si guadagneranno punti extra per i vostri eroi da spendere in nuove abilità.

I giocatori possono anche aumentare il livello di sfida usando il nuovo dispositivo di scorrimento delle dimensioni dell’unità che consente ai giocatori di aumentare drasticamente le dimensioni delle unità nemiche che affrontano dagli 80 uomini standard fino a 960 uomini per unità. Questo metterà alla prova sia le abilità degli eroi – sia le prestazioni dei Pc dei giocatori.

Ecco le immagini.





Ricordiamo che di recente, Total War: Three Kingdoms si è arricchito con lo strumento per le mod.  Dallo scorso 6 luglio, infatti, gli utenti possono realizzare nuovi eventi, scenari, personaggi, modificare caratteristiche come, ad esempio, l’interfaccia grafica e le diverse unità oltre a tanto altro. Ovviamente si potranno anche condividere (e quindi scaricare) le proprie creazioni degli utenti grazie al Workshop di Steam.

L’articolo Total War: Three Kingdoms, arriva la Dynasty Mode proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Total War: Three Kingdoms, arriva la Dynasty Mode

Romance of the Three Kingdoms XIV torna su Pc e PS4

Koei Tecmo Europe annuncia il ritorno di un importante franchise. Il gioco di strategia Romance of The Three Kingdoms XIV è in sviluppo per Pc e PS4. Il suo esordio in Occidente è previsto all’inizio del 2020.

La notizia è accompagnata da due trailer, uno “storico” ed un teaser, nonché da alcune immagini di gameplay e raffiguranti i personaggi. Tutto il materiale a nostra disposizione è allegato a questo post.

L’ultimo capitolo della classica serie tattica è di nuovo ambientato durante la caduta della dinastia Han, nell’antica Cina, dove le battaglie hanno come unico obiettivo la conquista dei territori. La mappa del gioco mette in mostra i territori conquistati, e il brivido dell’espansione, usando un sistema di colori semplificato, rendendo così omaggio all’originale Romance of The Three Kingdoms XIV, pubblicato su Pc nel lontano 1985. Tutto, dalla guerra agli affari diplomatici, sarà orientato alla gestione e alla conquista dei territori mentre i giocatori tenteranno di diffondere le proprie strategie a piacimento attraverso la vasta mappa cinese.

Inoltre, il gioco adotterà il ruler-based system di RTK9 e RTK11 riportando così il gameplay classico nella serie. Ciò significa che tutte le azioni – da quelle domestiche a quelle politiche, fino alla battaglia – avranno ora luogo su un’unica mappa.

I diversi personaggi avranno poi una maggiore individualità: alcuni ufficiali dei Tre Regni, come Liu Bei e Guan Yu, permetteranno ai giocatori di immergersi completamente nella ricca storia del gioco.

Ma non è tutto: è stato implementato anche un nuovo Evolved Artificial Intelligence system per mettere a dura prova i giocatori. Ogni fazione rispecchia gli ideali del suo sovrano e potrai sperimentare esperienze di gioco diverse, a seconda del governante scelto. Tutto ciò, anche all’interno della stessa fazione: politiche diverse portano a strategie di espansione diverse, rendendo così molto importante l’uso dei vari ufficiali.





PERSONAGGI



L’articolo Romance of the Three Kingdoms XIV torna su Pc e PS4 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Romance of the Three Kingdoms XIV torna su Pc e PS4

Stronghold: Warlords, due video svelano le novità

Firefly Studios ha rilasciato due video-diari su Stronghold: Warlords, nuovo capitolo della serie strategica ad ambientazione storica svelato all’E3 2019.

Dalle torri d’assedio e Fear Factor fino alle nuove formazioni, al combattimento e alla costruzione delle mura, Stronghold: Warlords lancerà con una serie di caratteristiche richieste dai giocatori.

Ecco la prima clip sulle caratteristiche.

Nick Tannahil, di Firefly Studios ha detto:

In termini di funzionalità di base, Warlords è una lettera d’amore per i fan della serie. Abbiamo portato Stronghold in un’ambientazione completamente nuova ma abbiamo anche recuperato unità preferite dai fan come gli “uomini-scala” e le torri d’assedio. Inoltre, abbiamo apportato alcuni importanti miglioramenti al controllo delle unità e alla costruzione delle mura, sulla base del feedback dei giocatori di Crusader 2.

LE SETTE CARATTERISTICHE CLASSICHE DI WARLORDS

Svelato il mese scorso all’E3 2019, Stronghold: Warlords è un passo avanti per il gameplay di questo gestionale di un castello, ma anche un grande successo in termini di funzionalità. Il ritorno del Fattore Paura permette di ispirare amore o paura nei propri seguaci per migliorare la situazione economica del castello, mentre sia Laddermen che le Siege Towers fanno il loro glorioso ritorno agli assedi delle fortezze. Persino il sistema dei signori della guerra è un’evoluzione di una classica caratteristica di Stronghold, che porta le proprietà ben oltre le loro umili origini a qualcosa che si avvicina alla giusta strategia.

Oltre al ritorno delle unità e delle opzioni preferite dai fan, Firefly sta anche pianificando miglioramenti alle truppe e alle mura richieste dalla comunità. Tornando al classico posizionamento delle mura basato sulla griglia, permettendo alle pareti di viaggiare lungo il terreno e approfittando del 3d per introdurre il corretto spostamento e collisione dell’unità, sono solo alcuni dei miglioramenti che i fan possono aspettarsi quando il gioco verrà lanciato l’anno prossimo.

L’articolo Stronghold: Warlords, due video svelano le novità proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Stronghold: Warlords, due video svelano le novità

Railroad Corporation ha una nuova modalità sandbox

Corbie Games e l’editore indipendente Iceberg Interactive hanno annunciato il primo importante aggiornamento Railroad Corporation, attualmente disponibile attraverso l’early access di Steam da fine maggio.

Il nuovo update si rivolge ai giocatori che desiderano concentrarsi completamente sull’espansione della loro rete ferroviaria e sulla crescita della loro società, grazie alla modalità sandbox.

VIDEO DIARIO SULLA SANDBOX

Ecco i vari dettagli di questa modalità.

  • Giocate con due nuove mappe sandbox con impostazioni extra, come le posizioni casuali della città e gli edifici di produzione casuali.
  • Scegliete tra l’inizio del gioco con la locomotiva preferita o facendo fare qualsiasi ricerca.
  • Abilitate o disabilitate la generazione di contratti, l’acquisto o la costruzione di edifici di produzione ed altro.

Oltre alla modalità sandbox, i giocatori ora hanno la possibilità di giocare missioni della campagna precedentemente finite in modalità sandbox. Ciò significa che i giocatori possono:

  • Godere delle stesse missioni della campagna ma senza scadenze, limiti di scopertura bancaria o obiettivi.
  • Giocare le missioni senza alcuna ricerca preliminare o progressione di portafoglio portata avanti nelle missioni successive.
  • L’aggiornamento porta anche alcune modifiche multiplayer, come uno scenario alternativo per l’attuale mappa multiplayer con un obiettivo esteso, un capitale iniziale di 200.000 dollari e due locomotive pre-ricercate.

INFORMAZIONI SU RAILROAD CORPORATION

Gli appassionati inizieranno la propria carriera per trovare fortuna nel Nuovo Mondo. Lavoreranno per soddisfare i contratti e completeranno le missioni basate su reti ferroviarie storiche negli Stati Uniti. Poseranno, inoltre, tracce, scaveranno gallerie e innalzeranno ponti per collegare insediamenti grandi e piccoli, vecchi e nuovi.

Strategia e pianificazione anticipata saranno essenziali per fare le migliori offerte, quindi si dovrà essere al primo posto in ogni aspetto della vostra organizzazione. Controllate e combinate le risorse, stabilite nuove industrie e fate pressioni sui politici per cambiare la legge del Paese.

L’articolo Railroad Corporation ha una nuova modalità sandbox proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Railroad Corporation ha una nuova modalità sandbox