Super Soccer Blast, recensione PS4 - IlVideogioco.com


Unfinished Pixel è uno studio indipendente spagnolo che negli ultimi anni si è distinto in particolare per una serie sportiva di stampo prettamente arcade chiamata Super Sport Blast. Questa è formata per ora da tre produzioni, dedicate rispettivamente al beach volley e al tennis, alle quali si è recentemente aggiunto anche il calcio. Stiamo parlando di Super Soccer Blast, che abbiamo analizzato dettagliatamente già nella nostra recensione della versione Pc, che vi invitiamo a rileggere per scoprire ogni più piccolo particolare relativo a modalità, opzioni e altri elementi del gioco.

Qui, invece, preferiamo soffermarci in maniera più sintetica su quelli che sono i punti di forza (e non) dell’opera targata Unfinished Pixel, per offrirvi un secondo parere sull’opera, basato stavolta sulla versione PlayStation 4 del gioco, senza però annoiarvi con tediose ripetizioni.

IL CARO CALCIO ARCADE DI UNA VOLTA?

Super Soccer Blast sembra partire col piede giusto, offrendo all’utente tutto ciò che ogni appassionato di calcio e videogame si aspetta di trovare in un titolo simile: varie opzioni per personalizzare a piacimento il proprio team, un discreto numero di competizioni in cui cimentarsi, una grafica dei menu accattivante e un certo numero di squadre da selezionare.

Ma soprattutto, trattandosi di un titolo prettamente arcade, una giocabilità divertente e immediata. Super Soccer Blast punta infatti tutto su quanto di positivo può offrire questo genere di produzioni, ovverosia semplicità e velocità di esecuzione. La meccanica di gioco è infatti semplicissima e non lascia spazio alla strategia o a complicate sessioni tattiche pre-gara. Squadre composte da calciatori disegnati con uno stile un po’ deformed molto carino, si sfidano in avvincenti partite di calcio. Ognuno di questi team è composto da giocatori fittizi ma il cui aspetto richiama le rispettive controparti reali appartenenti a varie nazionali.

Super Soccer Blast

Una volta scesi in campo la componente simulativa tipica di certi giochi sportivi va ovviamente a farsi benedire in questo titolo, e non potrebbe essere altrimenti. L’impressione generale, giocando, è quella di assistere a uno di quegli spot pubblicitari di prodotti sportivi, di cui però il giocatore diventa protagonista. Come in tv potrete “assistere” replicandole col pad, alle evoluzioni incredibili di calciatori “superdotati” (dal punto di vista atletico e tecnico, s’intende…), autori di passaggi quasi guidati e tiri incredibili che saettano a velocità supersonica contro la porta avversaria, colpi proibiti, e così via. Fondamentale per la padronanza dei giocatori e delle loro abilità speciali si rivela il Dual Shock di Sony che in combinazione col buon sistema di controllo, permette di far eseguire ai propri giocatori un buon numero di azioni e movimenti utili a scardinare le difese avversarie.

L’intelligenza artificiale che gestisce queste ultime appare discreta, in grado cioè di reagire alle varie situazioni di gioco, anche se spesso sembra non considerare alcune fondamentali variabili “umane” quali l’errore di calibrazione di un passaggio ad esempio. Gli errori degli atleti avversari nascono piuttosto da alcuni suoi improvvisi blackout. L’IA a volte fa infatti cilecca, e sembra come “spegnersi” di colpo lasciando i calciatori che dovrebbe controllare in balìa del caso. Ma a parte questo aspetto non frequente, quando ciò non si manifesta, funziona.

Tutto perfetto quindi? Purtroppo no. Il titolo, infatti, pecca forse a livello di numero di squadre disponibili, che in tutto sono una decina di club e una ventina di nazionali. Vero è che anche i titoli a cui questo Super Soccer Blast si ispira proponevano generalmente un numero di team analogo e talvolta pure meno, e che c’è a disposizione un buon editor che consente di editare squadre e calciatori, sia di sesso maschile che femminile. Tuttavia sarebbe stato meglio, per un gioco più completo e vario, avere ancora più compagini.

Ma il vero problema del gioco è da ricercare a nostro parere nel fatto che mancano alcuni elementi comunque importanti per un gioco di calcio, anche se di stampo arcade, ovverosia la possibilità di poter cambiare gli schemi della propria compagine durante la partita e la posizione in campo degli atleti. Oppure l’assenza di replay o delle esultanze dopo una marcatura, i cartellini gialli e rossi e così via. Un vero peccato, perché la presenza di questi elementi avrebbe di certo giovato a una produzione che così resta un po’ limitata.

Ad ogni modo, per chiudere, gettiamo uno sguardo alla parte tecnica. Qui non si registrano grosse differenze con la controparte Pc.  Graficamente, lo accennavamo all’inizio, Super Soccer Blast si difende piuttosto bene. I calciatori, come scritto prima, sono piuttosto “somiglianti” alle rispettive controparti reali e presentano un discreto numero di texture, considerando sempre lo stile adottato dai grafici.

Belli gli stadi ed i manti erbosi, nel complesso il titolo è molto colorato e dal look cartoonesco. Qualche perplessità per alcune animazioni, e per alcuni bug casuali, come per esempio il difensore che si blocca di colpo letteralmente dopo una respinta del palo, senza intervenire. Per quanto riguarda il comparto audio, poco da dire, se non che è perfettamente adeguato al contesto.

COMMENTO FINALE

Super Soccer Blast è un bel gioco di calcio arcade, di quelli destinati ad una tipologia di pubblico alla ricerca di una forma di quel divertimento immediato e senza fronzoli tipico delle produzioni arcade anni ’80 e ’90.

Peccato per alcune mancanze, come quelle dei cartellini o delle esultanze dopo un gol, più altre rifiniture che rovinano un po’ l’esperienza generale, altrimenti il titolo sviluppato da Unfinished Pixel sarebbe stato perfetto per il suo genere, e avrebbe meritato un voto molto più alto.



Vedi Post Originale: https://www.ilvideogioco.com/2020/06/23/super-soccer-blast-recensione-ps4/


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *