Recensione Amazon Fire TV Stick (Lite) 2020: meglio di Chromecast, ancora una volta (foto e video)


Nicola Ligas


Recensione Fire TV Stick (Lite) 2020

Pochi giorni fa Amazon ha lanciato Fire TV Stick Lite e Fire TV Stick 2020. Stesso hardware, ma qualche differenza sul fronte telecomando e audio, per le due eredi della Fire TV Stick Basic Edition. Quale conviene comprare? E quante sono invece le differenze con i modelli passati? La risposta a questa e altre domande, nella nostra recensione.

Confezione e costruzione

La confezione di Fire TV Stick e Stick Lite è identica e molto ricca. Oltre al dongle troviamo una piccola prolunga, un cavo USB – micro USB, l’alimentatore da 5W/1A, manuali e telecomando con le sue 2 batterie AAA (non ricaricabili), ovviamente a marchio Amazon Basics. Non manca davvero nulla per usare da subito la vostra Fire TV Stick, che non aspetta altro che essere collegata ad un televisore.

Peccato che il dongle in sé sia rimasto identico: un’unica porta micro USB, nessun altro tipo di ingresso né di uscita. Questo vi fa capire che la natura del dispositivo in sé non è cambiata minimamente. Sarebbe stato bello avere una USB-C, ma questo avrebbe voluto dire (probabilmente) troppe modifiche all’interno.

L’unboxing di Fire TV Stick Lite e Fire TV Stick 2020 lo avevamo già eseguito nella nostra rubrica dedicata, pertanto qui sotto vi lascio direttamente il video stesso, casomai ve lo foste perso.

Hardware

Nuovo processore. Rispetto alla precedente Fire TV Stick abbiamo sempre un processore MediaTek, ma più potente (Cortex-A53 vs A7) con una nuova GPU (PowerVR GE8300). Rimangono sempre 1 GB di RAM ed 8 GB di storage. Il Wi-Fi diventa finalmente dual-band, ovvero potrete sfruttare la più veloce rete a 5GHz, ed arrivano anche il supporto HDR (HDR, HDR10+, HLG, no Dolby Vision) e Dolby Atmos (solo via pass-through HDMI nella Lite), sebbene la risoluzione massima supportata sia sempre il full HD.

HDR e Dolby Atmos sono aggiunte gradite, ma ho dei dubbi sul fatto che riusciate a sfruttarle su un TV full HD (per il secondo ci vuole anche almeno una soundbar di un certo livello), in ogni caso è bene sapere che ci sono. La vera differenza tra i due modelli sta quindi per lo più nel telecomando, perché lato prestazioni sono identici.

Per tradurre un po’ in numeri questo incremento di performance, GeekBench 4.4.2 ci dice che le nuove Fire TV Stick 2020 totalizzano circa 710 e 2.100 punti (single e multi-core rispettivamente), laddove il precedente modello si fermava a 430 e 1.160 punti. Nei test sulla GPU invece abbiamo 1.450 circa per l’edizione 2020 ed 810 punti per la precedente Fire TV Stick Basic. Performance quasi raddoppiate insomma, ed il consumo non è aumentato (per quanto si parli sempre di potenze irrisorie rispetto a quelle di una TV).

Esperienza d’uso

Abbiamo già visto quanto le performance siano migliorate, ma questo non significa che adesso possiate farci chissà cosa con la vostra nuova Fire TV Stick, perché siamo comunque sempre di fronte ad un dispositivo di fascia bassa in termini di prestazioni, ma la differenza è comunque apprezzabile. L’interfaccia è più fluida, non ci sono gli scattini (o scattoni) che ogni tanto esibiva il vecchio modello, i contenuti partono più velocemente, ed anche nella navigazione in internet c’è un sensibile aumento di prestazioni (per quanto in generale l’esperienza browser abbia i suoi limiti intrinseci). Se voleste fare qualche gioco avrete ora maggiore flessibilità (non c’è granché sullo store, onestamente, e con soli 8 GB di storage non potrete comunque abbondare), per quanto non sia certo un dispositivo votato al gaming.

Per il resto non ci sono variazioni degne di nota. L’interfaccia è ancora la vecchia (ma dovrebbe essere rinnovata a breve), così come le app sono esattamente le stesse che avevamo sulla precedente Fire TV Stick. Prime Video, Netflix, Infinity, TIM Vision, DAZN: mancano Now TV e Sky, tra i nomi più illustri, ma il resto c’è. Lo store di Amazon poi resta ricco di contenuti aggiuntivi, anche se ancora privo di una ricerca che lo renderebbe molto più godibile. Se conoscete il nome preciso dell’app che volete potete provare con i comandi vocali, ma se cercaste qualcosa di generico dovrete fare a mano, sezione dopo sezione: una noia! L’unica alternativa è andare da browser su PC su Amazon e cercare nei contenuti per Fire TV Stick, ma non è certo l’esperienza immediata che vorremmo.

A proposito di Alexa, le sue risposte ora sono ancora più fulminee e soprattutto efficaci. Se cercate un tipo di contenuto, un attore, o un personaggio, Alexa vi presenterà tutto ciò che troverà in base alle app installate, senza fare distinzione per provenienza (Netflix, Prime Video o altro). Una volta scelto il titolo che volete, se quel contenuto fosse disponibile su più di un applicativo vi verrà presentata la scelta di quale usare. In generale comunque abbiamo apprezzato sia che Amazon non abbia sfruttato solo Prime Video, sia l’efficacia delle risposte di Alexa. Anche la nuova Google TV dovrebbe fare esattamente lo stesso, ma siamo curiosi di scoprire se lo farà altrettanto bene.

E visto che ho citato Chromecast, qualcuno magari si starà chiedendo il perché del titolo. Per comprenderlo intanto dovreste guardare la recensione della Fire TV Stick Basic di qualche anno fa, che già allora dicevo essere migliore di Chromecast. E quest’anno vale a maggior ragione la stessa cosa, anche perché è indirettamente Google a confermarlo. Da poco è infatti stata lanciata la Chromecast con Google TV (che sostituisce Chromecast Ultra) ovvero un dongle con sistema operativo Android TV, e non un semplice Chromecast, come nelle edizioni passate. Google si è cioè spostato proprio in direzione delle Fire TV Stick di Amazon, lasciando soltanto la Chromecast da 39€ priva di sistema operativo. Riparleremo del nuovo Chromecast prossimamente, ma in ogni caso quello è un dispositivo che sfida la Fire TV Stick 4K. Nella fascia di prezzo dei 39 euro Google non ha presentato niente di nuovo, ed il vecchio Chromecast di terza generazione, privo di sistema operativo, è assai meno potente e flessibile delle Fire TV Stick 2020, o anche di una Mi TV Stick.

So che in molti usano hub USB (o affini) per collegare pendrive, gamepad ed altri accessori alle Fire TV Stick. Si può ancora fare, anche nei modelli 2020, ma esattamente come prima è sconsigliato. La micro USB non ha la flessibilità di una USB-C, ed è pensata giusto per l’alimentazione in questo caso (è anche scritto nero su bianco sul sito ufficiale: “solo per alimentazione”). Unirci troppo traffico dati, magari anche da più fonti, può generare surriscaldamenti e malfunzionamenti nella Fire TV Stick stessa. E sì, so anche che in molti mi diranno “a me funziona benissimo, non mi ha mai dato problemi“, ed io sono contento per voi; volevo solo avvisare tutti gli altri.

Prezzo

29,99 euro per la Lite e 39,99 euro per la Fire TV Stick 2020 “completa”. Sono delle buone cifre, che in occasione del prossimo Prime Day diventeranno probabilmente ancor più ghiotte. Personalmente propendo per la prima, perché tendenzialmente uso il telecomando della TV per controllare tutto, non avvalendomi dei comandi vocali. Se invece voleste rendere il telecomando della Fire TV Stick il vostro remote principale, allora dovrete spostarvi sul modello da 39 euro.

Giudizio Finale


Fire TV Stick (Lite) 2020

Fire TV Stick (Lite) 2020

Fire TV Stick 2020 raddoppia le performance del precedente modello, o quasi. Questa è la novità principale, e non è poco, perché vi accorgerete fin da subito quanto l’interfaccia sia più fluida e quanto i contenuti partano più velocemente e con meno incertezze. Ci sarebbero poi anche il supporto HDR e Dolby Atmos, ma in un dongle del genere sono dei “plus” che probabilmente molti suoi utenti non potranno nemmeno sfruttare. In tutto ciò il prezzo è invariato, ed anzi la nuova versione Lite, priva dei controlli per il volume e della porta infrarossi sul telecomando, potrebbe già essere sufficiente per la maggior parte del pubblico.


di Nicola Ligas

Pro

  • Sensibilmente più veloce
  • Alexa funziona meglio e più rapidamente di Assistant
  • Dolby Atmos ed HDR
  • Prezzo
Contro

  • Niente di davvero nuovo
  • 10 euro di differenza sono anche troppi
  • Niente ricerca nello store
  • No profili utente a livello di sistema





Vedi Post Originale: https://www.smartworld.it/recensioni/amazon-fire-tv-stick-lite


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *