POCO F4 5G è dietro l’angolo: un Redmi K40S con fotocamera da 64 MP


Si fa un po’ più chiara la situazione relativa al prossimo POCO F4 5G, il “nuovo” e atteso smartphone Android del produttore cinese che arriverà nelle prossime settimane.

Il virgolettato è d’obbligo dal momento che si tratterà dell’ennesimo rebrand messo in campo da Xiaomi ma, rispetto a quanto trapelato in precedenza, emerge il fatto che lo smartphone non sarà il rebrand di uno dei modelli della serie K50 di Redmi: il prossimo POCO F4 5G, infatti, riproporrà, in salsa POCO, il Redmi K40s, migliorandone la fotocamera principale.

POCO F4 5G si mostra in nuove immagini dal vivo

Sono da poco emerse nuove immagini dal vivo e nuove indiscrezioni sul prossimo POCO F4 5G, vero erede del fortunatissimo POCO F3 (qui la nostra recensione di questo best buy) e che andrà a completare la gamma 2022 accanto al già presentato POCO F4 GT (rebrand del Redmi K50 Gaming) e all’altrettanto atteso POCO F4 Pro.

In un primo momento, si pensava che anche i due smartphone in arrivo, F4 e F4 Pro, potessero essere banalmente i rebrand di altri smartphone Redmi della stessa gamma, ovvero K50 e K50 Pro: se per quanto concerne il secondo la notizia ha trovato conferme su più fronti, grazie ai nuovi render e alle nuove indiscrezioni non si può dire lo stesso sul modello base della gamma; POCO F4 5G, infatti, sarà il rebrand del Redmi K40s ma lo migliorerà dal punto di vista fotografico, almeno sulla carta.

Dalle immagini riportate qui sotto, è possibile apprezzare uno smartphone a marchio POCO ma identico al già noto Redmi K40s; l’unica differenza apparente, brand a parte, è riscontrabile nell’etichetta presente all’interno della placca che ospita il comparto fotografico: questa recita “64 MP OIS”, mentre, come sappiamo Redmi K40s è dotato di una fotocamera principale da 48 megapixel con OIS (stabilizzazione ottica).

Il Redmi K40s, in Cina, è venduto in quattro colorazioni, Nero, Blu, Grigio e Verde (corrispondente a quello mostrato in foto): sarebbe deludente se POCO F4 5G non venisse proposto nella iconica colorazione gialla, vero marchio di POCO.

POCO F4 5G migliorerà effettivamente il POCO F3?

Analizzato il lato estetico che conferma la corrispondenza con il Redmi K40s, è giunto il momento di parlare di specifiche tecniche per capire quanto e se il prossimo POCO F4 5G potrà fare meglio del suo predecessore POCO F3.

Il Redmi K40s POCO F4 5G è sviluppato attorno alla, non più recentissima ma molto collaudata, piattaforma Snapdragon 870 di Qualcomm, esattamente come il suo predecessore e, qualora tutto venisse confermato, anche dal punto di vista delle memorie la situazione non dovrebbe cambiare poi tanto: si partirebbe dalla versione 6+128 GB ma, oltre a questa e alle 8+128 e 8+256 GB, potrebbe esistere una variante con 12 GB di memoria RAM e 256 GB di spazio di archiviazione (magari destinata solo ad alcuni mercati).

Anche dal punto di vista del display, POCO F4 5G pareggerebbe il predecessore, proponendo un ampio pannello AMOLED da 6,67 pollici con risoluzione Full HD+ (20:9) e refresh rate a 120 Hz. Stesso discorso per quanto concerne la fotocamera anteriore (da 20 megapixel), il reparto connettività, e la capacità della batteria (4500 mAh).

A questo punto, la domanda sorge spontanea: su quali aspetti POCO F4 5G sarà superiore a POCO F3?

Effettivamente, guardando le cose come stanno, POCO F4 5G potrebbe risultare un semplice aggiornamento al 2022 di POCO F3, una sorta di operazione per allungare la vita di un prodotto già esistente, collaudato, e che ha fatto registrare un buon numero di vendite, donandogli un’estetica rinnovata, potenziandone le capacità fotografiche, migliorando la tecnologia di ricarica e rilasciandolo sul mercato con a bordo la versione software più recente disponibile.

POCO F4 5G, infatti, dovrebbe sì mantenere un setup a tripla fotocamera posteriore ma, a differenza di POCO F3 e, soprattutto (come anticipato), a differenza di Redmi K40s, dovrebbe ospitare un sensore principale da 64 megapixel (anziché da 48 megapixel) stabilizzato otticamente, accompagnato da un sensore ultra-grandangolare da 8 megapixel e un sensore macro da 2 megapixel (al pari di F3).

Per quanto concerne la tecnologia di ricarica, si passa dai 33 W di POCO F3 ai 67 W di Redmi K40s POCO F4 5G, tecnologia che consentirebbe di ricaricare lo smartphone in meno di 40 minuti (stando a quanto pubblicizzato dall’azienda). Infine, parlando di software, POCO F3 è stato lanciato lo scorso anno con a bordo la MIUI 12.5 basata su Android 11; il POCO F4 5G, invece, arriverebbe con a bordo la MIUI 13 (o addirittura 13.5) basata su Android 12: questo permetterebbe allo stesso hardware di risultare più longevo, almeno di un anno.

Prezzo e data di uscita (presunti) dello smartphone

POCO F4 GT, il top di gamma di POCO per il 2022, è stato presentato lo scorso 26 aprile con un prezzo di partenza pari a 599,90€. A rigor di logica, POCO F4 Pro e POCO F4 5G dovranno essere proposti all’interno di fasce di prezzo più basse ma più competitive.

Considerando che in Cina, Redmi K40s è stato lanciato quest’anno con un prezzo di partenza di circa 250€ e che POCO F3 è stato lanciato lo scorso con un prezzo di partenza pari a 349€ per la versione 6+128 GB (che spesso e volentieri, ormai, si trova online poco al di sopra ai 200€), immaginiamo che anche POCO F4 5G possa ricevere un trattamento del genere.

Visto che la differenza tra i due “fratelli”, POCO F3 e F4 5G, si gioca sui dettagli, il fattore prezzo potrebbe giocare un ruolo fondamentale nella scelta tra i due: si preannuncia una la lotta interna piuttosto interessante.

Per conoscere ufficialmente i nuovi POCO F4 5G ed F4 Pro, sarà necessario attendere ancora qualche settimana ma, da più parti, il mese di giugno viene indicato come probabile candidato per il debutto. I due smartphone dovrebbero arrivare anche in Italia.

Potrebbe interessarti anche: Recensione POCO F4 GT: cuore da top, chicche da nerd e prezzo competitivo



Vedi Post Originale: https://www.tuttoandroid.net/news/2022/06/08/poco-f4-5g-rebrand-redmi-k40s-951012/


0 Comments

Lascia un commento