Minix con Windows 10 e CPU SoC Intel Braswell

La Minix  ci ha svelato alcune immagini ufficiali e qualche info tecnica sui suoi due nuovi Mini PC della serie Z (la stessa del MINIX NEO Z64) con Windows 10SoC Intel Braswell.

Il lancio sul mercato è previsto tra qualche mese (Q4 2015) ma le caratteristiche hardware complete e il loro prezzo verranno resi pubblici settimana prossima durante l’IFA 2015 che si terrà a Berlino.

Avremo due configurazioni: la prima con CPU Celeron N3150 a 2.08 GHz, la seconda con CPU Pentium N3700 a 2.40 GHz, entrambe Quad Core con TDP di 6 watt e SDP di 4 watt. Minix conferma il design fanless sui nuovi modelli, così come l’uso di Windows 10 in edizione 64-bit. Le CPU usano la nuova grafica Intel HD con 12 e 16 EU, e questo porta ad un bel guadagno rispetto alle soluzioni 4 EU Bay Trail precedenti.

CELLICOMSOFT_MINIX_Intel_Braswell_SoC_Mini_PC_00009

Di seguito un piccolo riassunto delle caratteristiche rese note da Minix:

  • Il modello più economico integrerà una CPU Celeron N3150 Quad Core con clock a 2.08 GHz.
  • Il modello più performante avrà invece una CPU Pentium N3700 Quad Core con clock a 2.40 GHz.
  • Entrambi i device saranno fanless (no ventole interne) con TDP di 6 watt e SDP di 4 watt.
  • Nuova GPU Intel con 12 e 16 execution units il che rappresentano un enorme passo avanti rispetto a quella del NEO Z64 che possiede 4 execution units.
  • Il case del device sarà in metallo (e non in materiale plastico come nel NEO Z64).
  • Licenza ufficiale di Windows 10.
  • Presenza di ben due antenne esterne wifi.
  • Presenza di 3 porte USBtasto Accensione/Spegnimento, porta Ethernet, porta Optical Audio (SPDIF) e jack cuffie.
  • Uscite video: HDMI e DisplayPort.

Potete trovare maggiori informazioni sui due processori che verranno inseriti nei nuovi dispositivi Minix direttamente sul sito Intel:

Una gallery con tutti i profili del nuovo modello Minix NEO Z-Series

Non sono purtroppo ancora noti i prezzi dei due device che verranno comunicati ufficialmente il prossimo venerdì.
Quindi per ora dovremmo tenere a freno i nostri portafogli.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *