Microsoft acquisisce Bethesda: quali sono e cosa fanno i nuovi studi di sviluppo


Microsoft ha fatto una mossa importante con l’acquisizione di Bethesda e ZeniMax Media. Quali proprietà intellettuali e conoscenze porteranno gli studi di sviluppo acquisiti all’ecosistema Xbox?

Dopo un’estate decisamente troppo tiepida in termini di annunci dedicati al mondo videoludico, questo mese di settembre ci sta veramente sorprendendo. A partire dalla presentazione delle nuove schede video Nvidia, passando per il Showcase di PS5, fino ad arrivare all’ultima bomba degli scorsi giorni: l’acquisizione di ZeniMax Media e Bethesda da parte di Microsoft. Arrivata a ridosso dei preordini di Xbox Series X e Series S, l’azienda di Redmond ha attirato prepotentemente l’attenzione sul proprio servizio Xbox Game Pass, il vero cavallo di battaglia per la prossima generazione di console. Oltre alla licenza sulle varie proprietà intellettuali possedute da ZeniMax Media e Bethesda, Microsoft è riuscita a portare sotto il proprio tetto ben 2300 dipendenti, oltre a tanta esperienza e strumenti di sviluppo nell’ambito videoludico. Abbiamo già ampiamente discusso le possibili conseguenze di questo importante movimento di mercato, oggi infatti vogliamo rivedere quali nuovi studi sono entrati sotto l’ala protettrice di Microsoft, cosa hanno prodotto in passato e quali titolo potrebbero sfornare nell’imminente futuro.

Bethesdaxbox Hero

Bethesda Softworks e Bethesda Game Studio

Bethesda Softworks è un’azienda statunitense, inglobata in ZeniMax Media e recentemente acquisita da Microsoft. Fondata nel 1986 da Christopher Weaver, essa divenne famosa per la realizzazione di grandi saghe come quella di The Elder Scrolls e Fallout sotto il nome di Bethesda Game Studio. Successivamente con la fondazione e acquisizione di altri studi di sviluppo, Bethesda Softworks ha pubblicato altri titoli di spessore, firmati da Arkane Studios, MachineGames, Tango Gameworks, ZeniMax Online Studios e id Software. Tipicamente The Elder Scrolls e Fallout non hanno bisogno di presentazioni. Due saghe di ottima qualità, che hanno venduto tanti milioni di copie dal loro debutto avvenuto più di vent’anni fa su PC. L’ultimo acclamatissimo capitolo della serie The Elder Scrolls V: Skyrim è ancora oggi uno dei giochi di ruolo più belli, pur avendo quasi dieci anni sulle spalle. Il titolo fu infatti proposto su numerose piattaforme da PC, PS3 e Xbox 360 fino ad arrivare su Nintendo Switch e le più recenti console Sony e Microsoft. L’ambientazione medievale unita ad elementi fantasy con un’enorme libertà d’azione ha reso Skyrim un vero e proprio punto di riferimento per il genere.

Microsoft acquisisce Bethesda: quali sono e cosa fanno i nuovi studi di sviluppo

Bethesda Game Studios sta già lavorando al prossimo capitolo della serie – The Elder Scrolls VI, annunciato ormai nel 2018 ma del quale sappiamo veramente poco o niente. Il progetto è attualmente in sviluppo esclusivamente per le console di nuova generazione e chiaramente per il mercato del personal computer, ma non abbiamo ulteriori dettagli sulla possibile ambientazione o meccaniche di gameplay. Passando invece all’altra grande saga partorita dalle menti di Bethesda Game Studios non potevamo di certo ignorare Fallout. Si cambia ambientazione ma non il genere, infatti questi giochi di ruolo ci hanno trasportato in un mondo post apocalittico, colpito da un pesante bombardamento nucleare. Il recente Fallout 76, sviluppato da ZeniMax Online Studios e incentrato sul gioco online, non ha convinto molto critica e pubblico. Fallout 4 del 2015 invece è stata un’esperienza single player più in linea con i canoni definiti dalla serie. Per il futuro non abbiamo attualmente informazioni su un possibile nuovo Fallout in sviluppo, ma siamo sicuri che il brand ha ancora un potenziale enorme da poter sviluppare, sopratutto grazie all’hardware di nuova generazione.

Microsoft acquisisce Bethesda: quali sono e cosa fanno i nuovi studi di sviluppo

Infine non possiamo tralasciare Starfield, altro gioco di ruolo in sviluppo presso Bethesda Game Studios, annunciato insieme a The Elder Scrolls VI nel 2018. Questo videogioco in prima persona single player ci farà vivere una fantastica esperienza fantascientifica, sulla quale però non conosciamo ulteriori dettagli. Stando alle parole di Todd Howard, il produttore esecutivo di Bethesda Game Studios, Starfield è uscito dalla fase di pre-produzione ed è attualmente già giocabile.

id Software

Fondata nel 1991 da quattro membri della società informatica Softdisk, id Software ha saputo lasciare un segno indelebile nell’industria dei videogiochi. Negli anni novanta sono stati i primi a proporre il genere degli sparatutto in prima persona, sviluppando tre titoli iconici come Wolfenstein 3D, Doom e Quake. Nel 2009 id Software ha annunciato di essere stata acquisita da ZeniMax Media, la quale possedeva già Bethesda Softworks. Sotto questa nuova azienda lo studio di sviluppo ha realizzato altri FPS a partire da Rage nel 2011 fino al tanto atteso reboot di Doom nel 2016 ed il suo seguito Doom Eternal nel 2020. Visto il successo della nuova serie Doom, lo studio di sviluppo sta probabilmente lavorando già ad un nuovo capitolo in arrivo per la prossima generazione di console e PC. Essendo loro dei veri e propri maestri in questo genere di videogiochi, ci auguriamo che proseguano a realizzare titoli di questo spessore.

Fallout 76 Wastelanders Nuclear Winter 12

ZeniMax Online Studios

Come si potrebbe facilmente dedurre dal nome, ZeniMax Online Studios è uno studio di sviluppo statunitense specializzato in giochi MMO (massively multiplayer online games). Bethesda Game Studio ha condiviso con loro l’enorme quantità di materiale creato per le serie di The Elder Scrolls e Fallout, affinché ZeniMax Online Studios potesse creare dei videogiochi multiplayer ambientati in questi universi. Così nel 2014 rilasciarono The Elder Scrolls Online, videogioco attivo e costantemente aggiornato ancora oggi su diverse piattaforme. Il gioco è ambientato nel continente di Tamriel e ha dei riferimenti diretti con gli altri giochi della saga di The Elder Scrolls. Man mano sono stati aggiunti infatti diversi contenuti, ripresi direttamente dalla serie di Bethesda Game Studio, come intere regioni del continente, razze, armi ed avventure. Successivamente nel 2018 realizzarono un lavoro simile per l’altra serie pubblicando Fallout 76. Quest’ultimo non riuscì a convincere la critica visti i numerosi problemi avuti al lancio. Successivamente è stato corretto con numerosi aggiornamenti e contenuti aggiuntivi, ma non conquistò mai completamente i veri fan della serie. Con l’arrivo delle console di nuova generazione ZeniMax Online Studios porterà i suoi due titoli anche su Playstation 5 e Xbox Series X/S, continuando ad ampliare i due vasti mondi popolati da giocatori reali connessi tramite la rete.

Dishonored2 Pc Frontcover Norate 1465294445 Cropped 0 448 1526 1424

Arkane Studios

Questa volta ci spostiamo dal territorio statunitense per andare in Francia, dove nel 1999 nasceva Arkane Studios. Nei primi anni duemila lo studio di sviluppo rilasciò giochi come Arx Fatalis e Dark Messiah of Might and Magic, usciti per PC e le prime due console Xbox. Successivamente nel 2010 Arkane Studios diventò partner di ZeniMax Media e con Bethesda Softworks come produttore realizzò diversi videogiochi interessanti. Nel 2012 uscì Dishonored, un videogioco stealth in prima persona di buona qualità, infatti quattro anni dopo realizzarono anche il suo seguito. Dishonored e Dishonored 2 hanno come loro punto di forza la varietà nel gameplay, che ci offre diverse strade per portare a termine una missione. Nel 2017 invece cambiarono rotta per pubblicare un interessantissimo Prey, uno shooter in prima persona di tutto rispetto con dinamiche profonde e ben incastrate tra loro. Acquisendo una buona esperienza hanno proseguito il loro lavoro collaborando per la realizzazione di due solidi capitoli Wolfenstein: Youngblood e Wolfenstein: Cyberpilot, mentre per il 2021 stanno lavorando a Deathloop. Quest’ultimo è un altro sparatutto in prima persona ambientato in un ciclo temporale: una sequenza di eventi che si ripetono e ai quali il videogiocatore deve cercare di sfuggire. Dopo la recente acquisizione di Microsoft è praticamente scontato che il gioco arrivi anche sulla piattaforma Xbox, perché inizialmente era previsto come titolo esclusivo per Playstation 5. Sembrerebbe inoltre che Arkane Studios sia impegnata a due altri progetti in arrivo per le console di nuova generazione e chiaramente per il mercato PC.

MachineGames

Restiamo in territorio europeo, questa volta però ci spostiamo in Svezia dove nel 2009 i fondatori di Starbreeze Studios aprirono lo studio di sviluppo MachineGames. Dopo aver avanzato delle idee a svariati produttori, MachineGames accettò la proposta di Bethesda Softworks per riprendere in mano la serie di Wolfenstein. Così il team svedese si mise al lavoro per riportare su console uno degli sparatutto più amati di sempre, utilizzando chiaramente le tecnologie più moderne per le piattaforme di gioco disponibili. Il ritmo di lavoro fu abbastanza serrato tant’è che dal 2014 al 2019 riuscirono a proporre quasi un capitolo ogni anno. Uscirono infatti ben cinque capitoli di Wolfenstein con i due più recenti Youngblood e Cyberpilot (titolo VR) realizzati in collaborazione con Arkane Studios. Probabilmente lo studio di sviluppo attualmente sta lavorando proprio ad un nuovo capitolo della serie in arrivo su Playstation 5 e Xbox Series X/S già nel prossimo anno. Attualmente però non abbiamo ancora nessuna informazione in merito.

Wolfenstein Youngblood 4

Tango Gameworks

Adesso spostiamoci in oriente dove nel 2010 Shinji Mikami, il creatore della serie Resident Evil, ha fondato Tango Gameworks con sede a Tokyo. Nello stesso anno lo studio di sviluppo fu acquisito da ZeniMax Media per iniziare lo sviluppo su una nuova proprietà intellettuale. The Evil Within ed il suo seguito sono giochi survival horror in terza persona, sicuramente un genere molto noto ed apprezzato da Mikami. Nel videogioco il protagonista viene catapultato in un mondo distorto, ricco di ambientazioni da incubo e orride creature tra le quali boss davvero spaventosi. Oltre alle classiche meccaniche da survival horror gli sviluppatori hanno aggiunto una buona dose di stealth per superare più facilmente i livelli, aggirare le trappole e trovare i numerosi oggetti nascosti. In seguito al successo riscontrato dai due The Evil Within, Tango Gameworks si è messa al lavoro su un nuovo titolo per Playstation 5 e PC chiamato Ghostwire: Tokyo. Il gioco arriverà sul mercato nel 2021 e grazie alla recente acquisizione di Microsoft, esso entrerà direttamente nel raccolta del Game Pass. Ghostwire: Tokyo è un titolo action adventure in prima persona, dove il protagonista dovrà usare vari poteri psichici e sovrannaturali per scacciare via gli spiriti dalla città di Tokyo.

Roundhouse Studios

Circa un anno fa Bethesda Softworks ha aperto un nuovo studio di sviluppo, Roundhouse Studios, gestito dal team degli Human Head Studios che venne chiuso poco prima. Questi sviluppatori hanno avuto modo di lavorare a progetti importanti come il già menzionato Prey e sono attualmente incaricati a creare nuove opere sotto Bethesda Softworks. Gli sviluppatori di Roundhouse Studios lavorano insieme già da più di due decenni su diversi giochi e generi come i GDR, sparatutto, giochi d’avventura e azione. Molti di loro hanno collaborato anche per i famosi Batman: Arkham Origins e BioShock Infinite, due titoli di grosso calibro della scorsa generazione. Bethesda sembra essere entusiasta di possedere un team di questo tipo e probabilmente la vedremo annunciare qualche nuovo ambizioso progetto sviluppato proprio da Roundhouse Studios. Attualmente però, complice anche l’acquisizione da parte di Microsoft, non abbiamo ancora nessuna informazione a riguardo, ma ci aspettiamo degli annunci nel breve periodo per promuovere l’ecosistema Xbox.

Microsoft acquisisce Bethesda: quali sono e cosa fanno i nuovi studi di sviluppo

Alpha Dog Games

Prima della formazione degli Redhouse Studios Bethesda Softworks ha acquisito un altro studio di sviluppo per sviluppare videogiochi dedicati al mercato mobile. Avendo in sviluppo titoli importanti come The Elder Scrolls VI e Starfield, Bethesda aveva bisogno di un nuovo team per diffondere il proprio software anche su altre piattaforme. Il mercato mobile in continua crescita ha subito stuzzicato l’attenzione del colosso statunitense, che ha visto in Alpha Dog Games una buona opportunità per arricchire il catalogo dei titoli mobile già composto da Fallout Shelter e The Elder Scrolls: Blades. Il senior vice president of product development Todd Vaughn ha dichiarato che sono rimasti impressionati dalla qualità e profondità dei titoli mobile sviluppati da Alpha Dog Games. Lo studio di sviluppo canadese nato nel 2021 da Shawn Woods e Jeff Cameron ha prodotto progetti mobile come Ninja Golf, MonstroCity, Rampage e Wraithborne. Attualmente non hanno ancora annunciato nulla riguardo a futuri progetti mobile, ma visto il tempo trascorso dopo l’acquisizione ci aspettiamo qualche notizia nel breve periodo.

Fallout Shelter E32018 1





Vedi Post Originale: http://multiplayer.it/articoli/microsoft-acquisisce-bethesda-quali-studi-di-sviluppo.html


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *