King Arthur: Knight’s Tale è a metà percorso su Kickstarter - IlVideogioco.com


Procede a ritmo sostenuto la campagna Kickstarter di King Arthur: Knight’s Tale. L’RPG tattico che vuole essere un misto unico tra X-Com ed un tradizionale gioco di ruolo ha superato il 50% della cifra da raccogliere sulla nota piattaforma di crowdfunding.

King Arthur: Knigh’s Tale ha toccato quota 68.170 euro al momento in cui scriviamo, frutto di oltre 1.600 appassionati che hanno offerto il loro contributo. Mancano 23 giorni alla fine delle “danze”. Neocore Games, lo sviluppatore di questo interessante titolo ad ambientazione fantasy, non ha, però, ancora svelato gli stretch goal, ossia gli obiettivi secondari che aggiungeranno – se superati – ulteriori contenuti all’offerta base.

Il team si è affrettato anche a comunicare che questo nuovo gioco non influirà sul supporto ai suoi titoli più vecchi ed attuali come Warhammer 40,000: Inquisitor – Martyr, poiché ulteriori aggiornamenti sono in arrivo sia su PC che su console.

NeoCore Games ha svelato, infine, qualche dettaglio sulla colonna sonora. Grazie a questo aggiornamento, infatti, il team ha pubblicato una intervista a Gergely Buttinger, compositore ed autore delle musiche di King Arthur: Knight’s Tale.

Tra le sue dichiarazioni:

I giochi di strategia a turni richiedono una struttura musicale diversa rispetto agli Action-RPG. Qui, l’appassionato ha l’opportunità di riflettere, di pensare alla sua prossima mossa. Quando questo è il caso, la musica deve essere calma. Durante i turni, la musica ambientale è dominante e anche i temi del menu sono calmi. Le melodie hanno un approccio di musica folk, più precisamente un accenno di musica folk celtica e norrena mescolata a strumenti moderni. Usiamo registrazioni dal vivo di molti strumenti, come “koboz” (liuto ungherese, ndr), ghironda, vari tamburi, solo per citarne alcuni.

Vi lasciamo alle altre domande nonché ad un piccolo assaggio sulla OST. Buona lettura ed ascolto.

Da dove viene l’ispirazione? Lavori da immagini concettuali o sai istintivamente di che tipo di atmosfera hai bisogno per la storia?

“Vedi la mia risposta precedente. La storia può fornire ispirazione e traggo idee quando parlo con gli autori, ma anche il genere del gioco è importante, mi dice molto su come affrontare la composizione”.

In che misura gli sviluppatori / produttori forniscono istruzioni? Hai avuto disaccordi?

“Di solito lavoriamo insieme. Durante lo sviluppo la musica si sta formando costantemente e decidiamo insieme dove andare dopo. C’erano molti casi in cui eravamo in disaccordo sulla direzione, ma niente di grave, alla fine trovavamo sempre un percorso comune”.

Puoi guidarci attraverso il processo di composizione dall’ispirazione all’implementazione delle tracce nel gioco?

“La prima fase è l’ispirazione e la raccolta di idee, ed è un processo lungo. Di solito ho tempo più che sufficiente per fare qualche ricerca e sperimentare con i suoni. Durante questa fase di solito registro alcuni brani di base, a volte coinvolgendo vari strumentisti. Spesso mi ritrovo a tornare a queste registrazioni iniziali quando lavoro sulle tracce finali. Mentre lo sviluppo del gioco procede, ci stiamo muovendo anche con la musica. Non appena il gioco prende forma dai prototipi iniziali, possiamo iniziare a testare come si adatta la musica. Durante questo periodo apporto piccoli aggiustamenti e modifiche rispetto alle idee iniziali, ma la direzione generale di solito rimane. Quando la musica sembra funzionare con il gioco, possiamo procedere con la creazione di tracce reali”.

Come ti avvicini alla composizione al giorno d’oggi, è diverso dal tuo lavoro su Van Helsing e Warhammer 40,000: Inquisitor? Sei cambiato come compositore dopo aver acquisito esperienza in quei progetti?

“Le persone cambiano sempre, impari nuove tecnologie, programmi, inizi a suonare nuovi strumenti. Guardi le nuove tendenze e sviluppi te stesso. La composizione richiede un apprendimento costante, e questo mi piace. Approccio il mio lavoro lo stesso: mi piacerebbe fare un buon lavoro aiutando il gioco a comunicare la sua atmosfera, con il solito suono “Buttinger”, ovviamente :)”

Sappiamo che ti piace sperimentare con strumenti esotici, quindi hai trovato qualcosa di adatto a King Arthur: Knight’s Tale?

Come ho detto prima, ho usato un koboz che è una specie di liuto, una ghironda (uno strumento a corda con una ruota girata a manovella) e alcuni tamburi speciali. Questi tamburi sono fatti di legno e, sebbene siano stati fabbricati con metodi industriali moderni, ho sostituito la pelle predefinita con la pelle di capra, quindi il suono è più autentico, vecchio.

Infine … potresti mostrarci qualcosa dalla colonna sonora?



Vedi Post Originale: https://www.ilvideogioco.com/2020/10/20/king-arthur-knights-tale-e-a-meta-percorso-su-kickstarter/


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *