I migliori smartphone economici (luglio 2020)


I migliori smartphone economici dai 100 ai 300 euro, nella guida aggiornata a luglio 2020

La guida ai migliori smartphone economici per giugno 2020 di Multiplayer.it offre un elenco delle nostre proposte all’interno di una delle fasce di prezzo più competitive dell’intero mercato. Ormai sotto i 300€ si trovano infatti un numero esorbitante di prodotti di alta qualità, capaci di soddisfare pienamente le necessità di buona parte degli utenti. Perché mai come in questo momento non è necessario spendere grandi cifre per comprare un ottimo smartphone.

Realme 6

Il catalogo di Realme si sta espandendo e, soprattutto nella fascia media ed economica, ci sono diversi prodotti capaci di rappresentare una scelta intelligente e del tutto soddisfacente per chi è alla ricerca di un rapporto qualità/prezzo davvero notevole. Ecco quindi il motivo per cui il brand di Oppo torna protagonista di questa nostra guida anche con Realme 6, ultimo nato che ha saputo fin da subito farsi apprezzare per parecchi motivi. Il più interessante è forse la presenza, per la prima volta in questa fascia di prezzo, di un display dotato di refresh a 90hz, un elemento che migliora in modo sensibile la fluidità in tutte le condizioni di uso. Il processore è stavolta un Mediatek, il GT90T: se per alcuni può essere un passo indietro rispetto alle soluzioni con Snapdragon, in realtà a livello prestazionale non ci sono differenze avvertibili, mantenendo una qualità dell’esperienza di utilizzo ottimale in tutte le situazioni. Peccato soltanto per un reparto fotografico con qualche ombra, anche se i vari aggiornamenti hanno migliorato le cose rispetto al lancio. Tre diverse combinazioni di RAM e memoria di archiviazione portano il prezzo a oscillare tra i 210 e i 280 euro. In ogni caso, si tratta di un ottimo smartphone che merita davvero di essere preso in considerazione.

Realme 6 12

Samsung Galaxy A51

Il successore del Samsung A50 che abbiamo mantenuto stabilmente in questo articolo per diversi mesi merita ora di prenderne il posto, dal momento che il prezzo è sensibilmente calato rispetto a quello di lancio, un po’ fuori fuoco. Ora infatti su Amazon si trova attorno ai 280€, allineandosi praticamente a quello del predecessore. Non ci sono quindi più motivi per non preferire l’A51, che porta con sé alcuni miglioramenti soprattutto nel comparto fotografico, che ora nella parte posteriore monta un quadruplo sensore 48+12+5+5 capace di garantire scatti soddisfacenti in qualsiasi situazione. Anche la camera frontale è stata migliorata, arrivando ora a 32MP. I video possono essere registrati fino a 4k 30fps, ma la stabilizzazione elettronica agisce soltanto in Full HD. Il processore invece è sempre un Exynos, nello specifico il 9611, successore del 9610 montato sull’A50. In realtà i miglioramenti sono quasi impercettibili, ma rimane comunque un SoC capace di garantire prestazioni più che soddisfacenti all’interno di questa fascia di mercato, senza rallentamenti nell’uso normale. Invariata la RAM, ferma a 4GB. Da segnalare la presenza di NFC e di triplo slot, con Dual SIM e espansione di memoria con Micro SD. Nel complesso quindi il Samsung A51 è uno smartphone solido e concreto, che non eccelle in nulla ma che fa tutto bene, motivo per il quale il mercato italiano lo sta premiando particolarmente dal punto di vista delle vendite.

Samsung A51

Xiaomi Redmi Note 9 Pro

Il brand Redmi di Xiaomi ha saputo imporsi nel corso degli anni grazie all’ottimo rapporto qualità/prezzo. Sebbene la stella si sia leggermente offuscata negli ultimi tempi a causa della fortissima concorrenza e di una modesta carica innovatrice dell’intero mercato, il nuovo Redmi Note 9 Pro si conferma uno smartphone solidissimo, che con un listino che parte da 269€ conferma come sia possibile oramai ottenere molto spendendo poco. Certo non è lo smartphone da scegliere se si è attenti alle dimensioni, visti i 76.68 x 165.75 x 8.8 mm per 209 grammi: non siamo in zona “padellone” ma poco ci manca. Il peso è generato in larga parte dalla generosa batteria da 5000 mAh, che consente di puntare senza troppe rinunce ai due giorni di uso. L’ottimo Snapdragon 720G è una scelta che lascia ben poco spazio alle critiche, visto che oramai anche i processori di fascia medio/bassa hanno una potenza di calcolo tale da riuscire a rispondere con reattività alle richieste più comuni dell’utenza. Lo schermo è un 6.67″ LCD IPS, quindi nulla di strabiliante ma perfettamente in grado di mantenere la testa alta anche in condizioni di luce diretta. Adeguata alla fascia di prezzo la componente fotografica. Insomma Redmi Note 9 Pro non si può certamente definire uno smartphone rivoluzionario o in grado di sorprendere, ma allo stesso tempo costituisce la classica scelta da fare ad occhi chiusi se si cerca un telefono entro i 300€.

Redmi Note 9 Pro 6

REALME X2

Dobbiamo abituarci alla presenza di Realme in queste classifiche, perché il brand di OPPO sta lavorando veramente bene dando vita a prodotti molto interessanti, che stanno raccogliendo il meritato successo di pubblico. Nel caso di Realme X2 ci troviamo di fronte a un device che su Amazon è sceso sotto la soglia psicologica dei 300€, arrivando ora a 285€: una cifra che permette di portarsi a casa un generoso schermo 6.4″ Super AMOLED full hd+ di 2340 x 1080 pixel davvero brillante e ben tarato, che rende giustizia a tutti i contenuti ad alta definizione. Il processore è uno Snapdragon 730G, ottima soluzione per la gamma media che riesce a rispondere bene a qualsiasi richiesta, supportato da 8GB di RAM e 128GB di memoria interna. Vale la pena segnalare come siano presenti diverse ottimizzazioni per il gaming, che consentono di incrementare le prestazioni dei frame rate e addirittura la sensibilità del touch screen. La componente fotografica invece conta su un quadruplo sensore: il principale da 64 megapixel, un ultra grandangolare da 8 megapixel, un sensore di profondità da 2 megapixel e un macro da 2 megapixel. I risultati sono più che buoni, anche se non a livello dei top di gamma. Notevole l’autonomia, grazie a una batteria da 4.000 mAh con ricarica rapida VOOC a 30 watt.

Oppo Realme X2

Xiaomi Mi 9T

Lo Xiaomi Mi 9T è uno smartphone economico di fascia media equipaggiato con chipset Snapdragon 730, GPU Adreno 18, 6GB di memoria e batteria da 4000mAh che sorprende per design e comparto fotografico, con una fotocamera frontale a scomparsa da 20 Mp, capace di riconoscimento facciale, che consente allo schermo di occupare tutta la superficie utile. E questo senza rinunciare al lettore di impronte digitali, nascosto proprio nel valido pannello AMOLED da 6,39 pollici.

La risoluzione dello schermo è la stessa da 1080×2340 pixel del MI 9 SE, cosa che combinata con l’incremento di dimensioni comporta una lieve perdita di densità per pixel, ma la definizione resta decisamente alta con 403ppi che, complice la qualità elevata del pannello, rendono giustizia alle immagini, anche quelle catturate con lo smartphone che scatta ottime fotografie da 8000×6000 e video in 4K a 30fps di alta qualità, arrivando a 960fps per quanto riguarda lo slow motion. Merito del comparto fotografico posteriore che si bassa su una fotocamera principale simile a quella 48Mp del MI 9 SE, anche se cambiano il sensore e compare un utile zoom ottico 2X. Sparisce invece il doppio LED per il flash e cala la banda disponibile per la connettività, mentre cresce il peso che arriva a un totale di 191.

Non cambia invece lo spessore di 8,8mm, non trascurabile ma adeguato a uno smartphone peculiare e ben realizzato che, disponibile su Amazon al prezzo di 281,98 €, gode di un buon rapporto tra prezzo e qualità complessiva. Tra l’altro è in procinto di ricevere l’aggiornamento MIUI 12 che dovrebbe risolvere qualche problema apparso con il passaggio ad Android 10.

Xiaomi Mi 9T 4Pvd3Py

Huawei P30 Lite

Sempre in testa alle classifiche Amazon, lo smartphone Huawei P30 Lite non vuole eccellere in nulla, distinguendosi proprio per l’equilibrio tra le varie caratteristiche. Il chipset Kirin 710, con GPU Mali-G51, è lo stesso della serie precedente ma garantisce una buona reattività in combinazione con 4GB di RAM e dovrebbe reggere senza problemi l’aggiornamento, in via di rilascio, alla versione 10 di Android. Il tutto senza mettere in difficoltà la batteria da 3340mAh che pur non particolarmente capiente garantisce un’autonomia discreta. Sono invece addirittura abbondanti i 128GB di memoria interna che, espandibili con altri 512GB con lo slot ibrido per SIM/MicroSD, rappresentano un quantitativo notevole in relazione a un prezzo Amazon di 204,99€.

Nella media invece la connettività, comunque in una soluzione del genere meno importante lo schermo, con notch a goccia di dimensioni quasi trascurabili, che ci regala un’immagine luminosa e dalla definizione elevata, con 1080×2312 pixel che sul pannello IPS da 6.15 pollici si traducono in una densità di 415ppi. In basso, va detto, si fa notare un bordo nero evidente, ma per il resto parliamo di uno smartphone solido ed elegante, dal peso di 159 grammi, che non ci fa mancare un lettore di impronte digitali sul retro e un comparto fotografico discreto, con una buona soluzione frontale da 24 Mp, con Face Detection, e la classica tripla fotocamera posteriore da 48+8+2Mp. Abbastanza per scattare foto dignitose alla massima risoluzione di 6000×8000, soffrendo però il limite del Full HD a 30fps nel caso dei video. Manca inoltre la connettività IRDA, comoda per trasferire dati o account, ma non manca il modulo NFC, utile anche per i sempre più diffusi pagamenti elettronici contactless.

Huawei P30 Lite





Vedi Post Originale: http://multiplayer.it/articoli/migliori-smartphone-300-euro.html


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *