Ecco com’è nato il successo di Xiaomi e di MIUI


Nel 2020 Xiaomi ha festeggiato il decimo anniversario dalla sua nascita ed a tal fine ha lanciato alcuni prodotti dedicati a tale ricorrenza, inclusa una speciale versione di Xiaomi Mi 10 ma il colosso cinese vuole ancora condividere alcuni dettagli sul successo riscosso in questi anni e in occasione del 2020 Zhongguancu Forum il suo CEO, Lei Jun, ha svelato qualche interessante curiosità.

Lei Jun ha spiegato che uno dei più grandi obiettivi durante i primi giorni dell’azienda era fornire un’esperienza software adeguata e unica, cosa non facile in quanto il produttore all’epoca non aveva una grande conoscenza dell’hardware dei telefoni.

Xiaomi ci racconta com’è nata la leggenda

Inoltre, fino a qualche anno fa l’hardware disponibile per gli smartphone economici era ben lontano dall’essere soddisfacente e, pertanto, il colosso cinese ha dovuto lavorare duramente per garantire che MIUI fosse in grado di garantire agli utenti Android un’esperienza unica.

Lei Jun ha svelato che la prima ROM MIUI era pronta per i clienti il ​​20 settembre 2010, data in cui è riuscita ad attirare la curiosità di alcuni membri del forum di XDA-Developers.

Dopo che il software ha ricevuto una sorta di raccomandazione ufficiale da parte XDA, Xiaomi ha deciso di tradurre MIUI in varie lingue e di adattarla ai vari smartphone, avviando in un secondo momento il processo per diventare un marchio globale.

A distanza di dieci anni da quel momento, il CEO afferma che l’attività internazionale del colosso cinese rappresenta più della metà dell’intero fatturato.

A dire di Lei Jun, il successo dell’azienda è iniziato con “un seme positivo” piantato con la MIUI dieci anni fa ed è stato velocizzato dalla decisione di essere uno dei primi brand a provare a portare un miglioramento del comparto hardware nella fascia entry level.

Leggi anche: la recensione di Xiaomi Mi Note 10 Lite



Vedi Post Originale: https://www.tuttoandroid.net/news/2020/09/21/xiaomi-miui-successo-839671/


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *