Circuit Superstars, anteprima demo - IlVideogioco.com


È un bel periodo per i giochi di corse. Il momento è, infatti, molto florido per questo genere di videogiochi. Soprattutto dal punto di vista delle produzioni indipendenti. Basti ricordare i recenti Hotshot Racing – che si rifà molto al classico arcade targato SEGA Virtua Racing – o ad Art of Rally – delizioso titolo sulla storia delle vetture del mondiale Rally – o ancora al venturo Star Drift Evolution in arrivo a fine ottobre. Abbiamo, così, provato la mini-demo (è il caso di dirlo) di Circuit Superstars, gioco in sviluppo da Original Fire Games che arriverà nel 2021 edito da Square Enix grazie a Collective che si occupa delle produzioni indie interne al publisher.

In realtà il titolo sarebbe dovuto approdare in accessso anticipato su Steam per questo 2020 ma come si legge nel messaggio sulla pagina del gioco sulla piattaforma di Valve, l’anno in corso non è stato come se lo aspettavano. E quest’ultimo discorso vale per tutti ed è ovviamente dovuto alla nota emergenza pandemica dovuta al covid-19.

Circuit Superstars è un gioco di corse basato sulla fisica per Pc e console. che vuole combinare gare in stile arcade con una fisica di guida tattile più realistica che riunisce un’intera gamma di stili ed epoche del motorsport. Dalle monoposto ispirate agli anni ’60 alle moderne GT, Circuit Superstars si presenterà con veicoli e piste di varie epoche degli sport motoristici.

Si legge, nella nota, che il team è al lavoro per preparare il gioco all’accesso anticipato previsto per la prima metà del 2021. Nel frattempo, per ingannare l’attesa, è stata diffusa una piccolissima demo che abbiamo provato. Tale versione dimostrativa è quella che gli sviluppatori hanno preparato per le presentazioni ai vari eventi.

E noi vi parleremo della breve demo di questo racing, in sviluppo da qualche tempo, con visuale isometrica dall’alto molto interessante presente su Steam. Buona lettura.

MINI DEMO, GRANDE POTENZIALE

Circuit Superstars

Original Fire Games, dunque, pubblicato un piccolo assaggio. Progettato per postazioni dimostrativo a 1080p con hardware di fascia media. Precisano, inoltre, che la versione completa supporterà più risoluzioni e sarà – ovviamente aggiungiamo noi – maggiormente ottimizzata offrendo i veri contenuti.

Ed in effetti quanto proposto è molto poco: un circuito e due vetture oltre al cambio delle livree con possibilità di attivare o meno la degradazione del mezzo. Dal punto di vista contenutistico possiamo rinviare il discorso a quanto Circuit Superstars sarà aggiornato. Ci focalizzeremo, invece, sul gameplay perché quanto provato è già molto interessante.

Joypad alla mano, infatti, il sistema di guida basato sulla fisica sembra – fin da ora – già rodato. Le vetture si fanno guidare in modo molto fluido. Raramente l’auto non risponderà ai nostri comandi e bisognerà molto giocare con i grilletti destro e sinistro per accelerare e frenare o, derapare. Lo stile è molto snello ed arcade ma non per questo poco profondo o poco incline ai regolamenti. Le furbate non sono tollerate: se si taglia la curva si verrà penalizzati. E questo ci fa intuire come il gameplay ed i contenuti avranno un sapore sportivo.

Circuit Superstars
Nonostante sia una pre-alpha, possiamo notare qualche raffinatezza tecnica come i raggi di luce che illuminano questa curva ad U del circuito che stiamo affrontando

Abbiamo potuto provare soltanto una pista (Whistle Valley) e non abbiamo potuto cimentarci contro avversari, neppure quelli gestiti dall’intelligenza artificiale. La sfida contro il tempo si è concentrata su una corsa solitaria di 10 giri, anche se è possibile modificarne il numero.

Non c’è altro ma la guida è veramente interessante, fluida e morbida ma non per questo semplice da padroneggiare: basta un non nulla, una piccola accelerazione supplementare e si rischia di andare a sbattere contro le protezioni o di uscire di pista. Di contro, se si pianta freno, rischiamo di sbandare o di perdere il controllo. Resterà da capire come si comporteranno i piloti gestiti dall’intelligenza artificiale. Ma questo verrà dopo. Così come la possibilità di gestire l’usura dell’auto ed elaborare strategie vincenti per la sosta ai box.

Circuit Superstars
Sosta ai box: come vedete dagli indicatori, la nostra vettura è messa malissimo

La profondità si concretizza quando si sceglie di attivare la degradazione del mezzo. Una volta fatto, vedremo spuntare sulla parte bassa a sinistra dello schermo tre indicatori. I parametri interessati sono: efficienza della vettura, del livello di benzina e delle gomme. Man mano che le percentuali si abbasseranno, le prestazioni della macchina cambieranno e sarà più complicato ottenere tempi validi. Va da sé che sarà fondamentale avere una guida decisa ma al tempo stesso pulita evitando il più possibile i contatti e le escursioni fuori dai cordoli.

Ecco perché le soste ai box devono essere ponderate e fatte solo quando serve vista la perdita di tempo che può essere fatale.

Ad ogni modo, fin da ora, la giocabilità sembra confermare il volere degli autori: un gameplay pensato tanto per gli appassionati ed esperti quanto per i neofiti.

È GIÀ BELLO DA VEDERE

Circuit Superstars

Circuit Superstars è sviluppato con Unity e, pur avendo visto una demo tratta da una versione pre-alpha, possiamo scrivere che il titolo è già molto gradevole da vedere. La visuale dall’altro favorisce il gameplay ma non nasconde dal punto di vista tecnico quanto finora fatto dagli autori.

Le texture sono buone, così come i due modelli di vettura fin qui visti. Ci sono tante chicche come effetti particellari interessanti: la polvere o l’erba che si alzano una volta a contatto con la vettura, le sgommate che rimangono permanentemente sul tracciato durante la gara, i raggi di luce che filtrano tra le fronde degli alberi che attorniano il tracciato nonché l’intervento ai box.

L’unico rammarico è aver visto tutto questo soltanto su una pista e con due vetture. E siamo sicuri che non mancheranno altri dettagli come gli effetti climatici sia dal punto di vista fisico e visivo che da quello del gameplay.

Buoni gli effetti sonori, sicuramente azzeccati e ben realizzati con una colonna sonora gradevole nei menu e nella presentazione della corsa.

COMMENTO FINALE

Le nostre prime impressioni sulla demo di Circuit Superstars sono veramente positive pur – giusto ricordarlo – avendo provato una versione veramente preliminare per quanto riguarda i contenuti. Quest’ultimi davvero ridotti all’osso, al limite da permettere al pubblico di giocare al titolo.

Il gameplay ci pare già a buon punto e piuttosto interessante visto che alla guida, il titolo ha mostrato già delle belle cose facendoci fare buone evoluzioni ma al tempo stesso facendoci schiantare più volte il muso e le fiancate con guard rail. Apprezzabilissime le fermate ai box dovute alla modifica dell’efficienza della vettura che andranno a degradarsi sia per l’usura sia per lo stile di guida, sia per impatti ed errori.

Graficamente è molto carino con tanti effetti e dettagli in una sola pista già interessanti. E siamo sicuri che non finirà qui.

In attesa di scoprire ulteriori contenuti e di una evoluzione del gameplay – che però già ci pare maturo anche se deve essere messo alla prova in gare con altri avversari – siamo piuttosto ottimisti sul futuro di Circuit Superstars.

Se gli sviluppatori manterranno le premesse ed offriranno tanti contenuti contornati da un comparto tecnico interessante, potremmo trovarci di fronte ad una delle più belle sorprese racing non solo del 2021/22.



Vedi Post Originale: https://www.ilvideogioco.com/2020/10/11/circuit-superstars-anteprima-demo/


0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *