Archivi categoria: Sony

Auto Added by WPeMatico

Il Revolution Pro Controller 3 è ora disponibile

Nacon, azienda impegnata nel settore degli accessori da gaming, ha reso disponibile da oggi il nuovo Revolution Pro Controller 3, controller cablato con licenza ufficiale di Sony, per la vendita esclusiva in Europa, Africa, Australia, Nuova Zelanda, Medio Oriente e India.

Ecco il trailer:

Il nuovo controller è stato appositamente ideato per i giocatori competitivi che sono alla ricerca di alte performance e massimo del comfort. Infatti, mette a disposizione il meglio della linea: stick analogici asimmetrici, tasti azione e grilletti con un più ampio raggio d’azione e due scompartimenti per i pesi per personalizzare al massimo l’esperienza di gioco. Con il software pc incluso, gli utenti potranno creare profili di gioco personalizzati: possibilità di una completa mappatura dei tasti, regolazione della sensibilità degli stick e dei grilletti, settaggio dei motori della vibrazione e tanto altro.

Con il Revolution Pro Controller 3, Nacon espande il range di controller ufficiali PS4. offrendo la più vasta varietà di pad ora disponibili per la console di Sony.




 

L’articolo Il Revolution Pro Controller 3 è ora disponibile proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Il Revolution Pro Controller 3 è ora disponibile

Il mondo videoludico al Lucca Comics & Games 2019

Anche l’edizione del Lucca Comics & Games 2019 sarà caratterizzata da una componente videoludica molto importante e molto presente all’interno della fiera. Tutto questo grazie alla Lucca Experience, in grado di regalare ai propri visitatori non soltanto la semplice prova del gioco, ma offrendo l’opportunità di vivere una vera e propria esperienza all’interno delle mura della città toscana

Il LUCCA COMICS & GAMES VIDEOLUDICO

 Dopo aver avuto la conferma della presenza di Final Fantasy VII Remake, Andiamo a vedere nel dettaglio quali saranno le novità presenti:

Call of Duty Modern Warfare: il grande ritorno di Call of Duty alla guerra moderna si celebra a Lucca Comics & Games in maniera unica, con il baluardo San Regolo che si trasformerà per cinque giorni in un enorme campo di addestramento militare. Presenti sul baluardo due carrarmati nei quali sarà possibile entrare. Saranno inoltre predisposte alcune piazzole di tiro, tramite le quali misurare la propria abilità da cecchino con fucili soft-air di precisone, calibrati in piena sicurezza per il pubblico. Per chi vorrà provare il videogioco saranno disponibili numerose postazioni PS4 nella casermetta e il container NVIDIA con postazioni PC. Ma l’esperienza non finisce qui, visto che nel sotterraneo sarà possibile vivere appieno l’esperienza ludica in prima persona, cimentandosi in un percorso di addestramento a tempo, dove con armi soft-air alla mano, bisognerà muoversi lungo un tracciato tra sagome da colpire e ostacoli da superare.
Gli appuntamenti: 30 ottobre 2019 – 10,30 Auditorium San Romano – Panel Pubblico “Call of Duty Modern Warfare, tra finzione e realtà” (intervengono Bernardo Antoniazzi di Infinity Ward e Caludio Spinelli ex-Incursore Col. Moschin).

FERRARI, tra arte e eSport: emozioni ad alta velocità e tantissima arte presso la ‘Casa del Boia’, dove Ferrari festeggerà i 90 anni della Scuderia unendo arte e eSport in un’attività perfettamente integrata alla natura del Festival. Saranno infatti esposte le ‘cover art’ della Scuderia Ferrari per la stagione 2019 di Formula 1 realizzate da 14 diversi artisti. In più sarà possibile cimentarsi in sessioni di hotlaps al simulatore grazie a 10 postazioni di gioco posizionate all’interno della location e ai suggerimenti dei piloti ufficiali del team eSport della Ferrari Driver Academy. I tempi migliori verranno poi premiati con la variant della cover Monza 2019, in esclusiva per Lucca Comics & Games. Ad accogliere i fan un circuito iconico del motorsport: dal Mugello a Imola, passando da Silverstone, Spa e l’immancabile Monza.
Il 2 e 3 novembre inoltre, saranno presenti i piloti ufficiali del team eSport della Ferrari Driver Academy: David Tonizza, Amos Laurito, Gianfranco Giglioli. I piloti saranno a disposizione del pubblico per consigli e suggerimenti su come migliorare le proprie performance di guida al simulatore.
Il padiglione sarà visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 19.

Cyberpunk 2077

Cyberpunk 2077, ciak si gioca: in un’edizione nella quale il claim è “Becoming Human” non poteva certo mancare Cyberpunk 2077, una delle produzioni più attese del prossimo anno. Gli sviluppatori di CD Projekt Red hanno preparato un’apposita sala cinema dove verrà mostrata una lunga sessione di gameplay per la prima volta con il doppiaggio in italiano.
Gli appuntamenti da non perdere: tutti i giorni, dalle 9 alle 19 in Piazza Santa Maria.

Nintendo, sotto il segno del divertimento: come ogni anno Nintendo sarà presente a Lucca Comics & Games 2019 in Piazza Bernardini, stavolta con un doppio padiglione; il primo dominato dai titoli della grande N, tra cui “Pokémon Spada” e “Pokémon Scudo”, i nuovi videogiochi dei mostriciattoli tascabili per Nintendo Switch in arrivo il 15 novembre 2019, ma anche “Mario & Sonic ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020” in uscita l’8 novembre 2019 e “Luigi’s Mansion 3”, che sarà disponibile proprio durante i giorni di fiera, dal 31 ottobre. Il secondo padiglione sarà invece interamente dedicato alla novità “Ring Fit Adventure” il gioco di fitness per Nintendo Switch che consente di fare esercizi e rimanere in forma giocando, immersi in un colorato mondo fantasy. Entrambi i padiglioni sono aperti tutti i giorni, dalle 9 alle 19.

Borderlands 3 sfila per la città: atteso per sette lunghi anni e finalmente disponibile, “Borderlands 3” sarà giocabile per tutta la durata del Festival all’interno di un container totalmente brandizzato, sulla cortina delle mura nell’area The Citadel vicino a Piazza Vittorio Emanuele II Ma il gioco non è l’unico momento di intrattenimento. Il 1 novembre alle 14.00 è prevista, con partenza dall’area container, la “Borderlands 3 Parade” sfilata dedicata ai cosplayer di Borderlands capitanata da Leon Chiro, uno dei più famosi cosplay al mondo, aperta anche al pubblico non cosplay, visto che nei minuti precedenti alla partenza verranno distribuite gratuitamente speciali maschere “Borderlands 3” per chi vorrà seguire il corteo. Altro importante appuntamento è fissato per sabato 2 novembre alle 17.00 con la cosplayer Giada Robin presente sempre nell’area container in versione Mad Moxxi che realizzerà l’unboxing di una loot chest di Borderlands 3 e si presterà per una sessione di autografi.

PlayStation: Sony Italia sarà presente con uno stand in Colonna Mozza, per raccontare “PlayStation Now”, il servizio esclusivo di giochi in abbonamento basato su Cloud che mette a disposizione oltre 700 titoli per un’offerta aggiornata di mese in mese. Presente anche un’area PlayStation Gear, lo store dedicato al merchandising PlayStation dove sarà possibile fare scorta dei memorabilia ufficiali. Per celebrare l’attesissimo Death Stranding, il capolavoro di Hideo Kojima, Sony Interactive Entertainment Italia dedicherà al gioco un’opera di 4 metri realizzata con una tecnica combinata di pennello e spray, da due talentuosi street artist: Solo e Diamond. L’opera sarà anche simbolo di connessione, visto che il pubblico di Lucca potrà lasciare la propria impronta della mano nella parte posteriore, dando vita a una mappa di interconnessione dell’intera community PlayStation. Lo stand sarà visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 19.

Blizzard, novità dalla California: appuntamento imperdibile per i fan di Blizzard è quello del 1 novembre, a partire dalle 18.30, nella Esports Cathedral in Piazza San Romano, dove tutti gli appassionati potranno assistere in diretta dall’Anaheim Convention Center in California alla cerimonia di apertura dell’evento BlizzCon 2019, con tutte le novità 2020 sui titoli di casa Blizzard: World of Warcraft, Overwatch, Starcraft, Hearthstone, Diablo e Heroes of the Storm. Sempre a proposito di Blizzard, domenica 3 novembre alle 13.45 andrà in scena la “Heroes After All” – parata realizzata in collaborazione con ESL e Casual Gamer con partenza dall’Area Palco Baluardo San Donato.

Bandai Namco conferma il presidio della Casermetta San Paolino, area nella quale il publisher nipponico offrirà ai propri visitatori la possibilità di giocare, per la prima volta in Italia, ad una serie di attesissimi titoli tra cui “Dagon Ball Z Kakarot”, “One Piece Pirate Warriors 4”, “One Punch Man: A Hero Nobody Knows” e “My Hero One’s Justice 2”, tutto questo all’interno di un’area completamente brandizzata e decisamente ‘a misura di fan’.
Appuntamento Tutti i giorni, dalle 9 alle 19.

PRESENTE ANCHE L’ESPORT

ESL – Esports Cathedral, professionisti in cattedrale: saranno tantissimi e di alto livello i tornei che tutti i giorni troveranno spazio all’interno della ‘cattedrale’, luogo per eccellenza dello sport elettronico professionistico a Lucca.
Previsti nei cinque giorni di Festival importanti finali di tornei, tra cui la neonata ESL EuroCup di League of Legends che assegnerà il titolo di campione europeo, l’evento live della Quake Pro League per le finali dello Stage 1, prima tappa dei tornei internazionali di Quake, e per il mondo Mobile il Xiaomi 5G Mobile Brawl, torneo ad invito di Brawl Stars.

Ecco il programma:

30 ottobre

  • 11:30 ESL League of Legends EuroCup – Semifinale 1 – Devils.One vs Defusekids
  • 15:00 Cosplay Parade League of Legends
  • 16:00 ESL League of Legends EuroCup – Semifinale 2 – Euronics Gaming vs Samsung Morning Stars

31 ottobre

  • 30 ESL League of Legends EuroCup – Gran Finale
  • 16:00 Showmatch League of Legends con Paolo Cannone e il team MOBA ROG

1 novembre

  • 12:00 Xiaomi 5G Mobile Brawl (torneo nazionale di Brawl Stars commentato da Grax e Nemos
  • 15:00 Community Event Xiaomi con Grax e Nemos
  • 18:30 Cerimonia di apertura della BlizzCon

2 novembre

  • Quake Pro League, Finali Stage 1

3 novembre

  • Quake Pro League, Finali Stage 1

eSport Palace, lo sport elettronico per tutti e oltre: l’eSport per tutti si trova presso lo storico padiglione della ‘Cavallerizza’, perla di Lucca Comics & Games.
L’area riproduce un eSport bar con postazioni PC gaming e console che i visitatori della fiera potranno affittare a tempo per giocare ai videogame più popolari; inoltre la presenza del bar interno offrirà un’ottima occasione per una pausa. Un’ampia superficie è totalmente dedicata alla ‘Gilette Bomber Cup’ uno dei più grandi tornei di Fortnite con licenza ufficiale, realizzato in collaborazione con PG Esports. L’evento Gillette, è arricchito dalla presenza di molti ospiti tra cui i più famosi youtuber italiani come Cicciogamer89, J0K3R e Los Amigos.

Tra i vari stand, sono previste 8 postazioni PS4 dove si svolgeranno 3 tornei giornalieri a premi, di PES2020 e un torneo giornaliero di Tekken7. La competizione non finisce qui! Venerdì 1 novembre si terrà un entusiasmante torneo di Rocket League 3vs3, dove i migliori team si sfideranno per la conquista della competizione.

Sabato 2 novembre, la splendida cornice di Lucca Comics & Games, sarà ancora protagonista con la tappa Dojo del campionato del mondo Tekken World Tour 2019, che vedrà sfidarsi i migliori combattenti e Pro player del titolo di Bandai Namco. Si conclude domenica 3 novembre, giornata dedicata al calcio, con un torneo di PES2020.

Altra attività di rilievo la tappa della “Wildcard Italiana” del campionato Logitech G Challenge di Logitech G insieme a McLaren Shadow dove i campioni delle quattro ruote virtuali si misureranno in avvincenti gare. Sempre all’interno del padiglione, GameTime e Tom’s Hardware mostreranno al pubblico due PC Lenovo Legion T730 “elaborati” da loro per permettere un gaming nativo a risoluzione 8K. I visitatori potranno dunque toccare con mano già oggi il futuro del videogioco.

Videogame District: Sperimentazione pura a tema videogiochi ma non solo, questa l’essenza del Videogame Distric, nel padiglione San Donato. Moltissimi i brand presenti all’interno dell’area, dove tra gli altri spiccano Corsair e Republic of Gamers by ASUS, oltre a Gigabyte, Sapphire, Sharkoon e Riotoro. Sempre all’interno del padiglione sarà presente la versione videoludica di “Magic: The Gathering Arena”, che trasforma in videogioco il celeberrimo trading card game.

Videogame District significa anche eSport, grazie a Gametekk, presente in un’area dedicata allo sport elettrocnico, con i più famosi titoli del genere Fortnite, League of Legends, Tom Clancy’s Rainbow Six Siege. Tra le novità disponibili ci sarà il titolo investigativo “Dry Drowning”, appena rilasciato dalla VLG Publishing.

Non mancheranno gli sviluppatori indipendenti, tra cui Marco Alfieri, Weareludicrous e Three Souls Interactive, e le scuole di formazione per lo sviluppo dei software. Anche Gwent sarà presente con la finale del campionato europeo delle community che si disputeranno proprio durante i giorni di Lucca Comics & Games. Presente all’interno dell’area anche una sezione dedicata al retrogaming e “ai classici” del videogioco.

L’articolo Il mondo videoludico al Lucca Comics & Games 2019 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Il mondo videoludico al Lucca Comics & Games 2019

The Last of Us Parte II, posticipato a maggio

Dopo solo un mese dall’annuncio della data ufficiale d’uscita, The Last of Us Parte II viene già rinviato ad un’altra successiva: 29 maggio 2020. Il gioco, quindi, arriverà con tre mesi di ritardo a quanto annunciato nello State of Play.

Le spiegazioni in merito a questo rinvio le troviamo tutte nelle parole del director Neil Druckmann, che cosi ha dichiarato dalle pagine del PlayStation Blog italiano:

Lo so. È passato solo un mese da quando abbiamo permesso alla stampa di provare il gioco per oltre due ore e da quando abbiamo presentato il nuovo trailer della storia, con tanto di data di uscita. Il riscontro positivo da parte della community è stato travolgente. L’energia che scorreva tra i membri del team era palpabile. Dopo aver lavorato su qualcosa per così tanti anni, è bello vedere un primo riconoscimento del proprio duro lavoro.

Tuttavia, durante le ultime settimane, abbiamo capito che non avevamo abbastanza tempo per portare l’intero gioco al livello di qualità che definiamo “qualità Naughty Dog”. Avevamo due opzioni: compromettere alcune parti del gioco o cercare di ottenere più tempo. Abbiamo scelto quest’ultima opzione, e questa nuova data di rilascio ci consentirà di portare il gioco a un livello che riteniamo soddisfacente, riducendo nel contempo lo stress per il team.

Anche se siamo sollevati dal non dover scendere a compromessi sulla nostra visione, ci dispiace non essere riusciti a evitare questa situazione. Avremmo voluto riuscire a prevedere meglio la quantità di tempo necessaria per apportare i ritocchi finali al gioco, ma le dimensioni e la portata di quest’ultimo lo hanno reso difficile. Destiamo deludere i nostri fan e per questo siamo davvero dispiaciuti.

Ci auguriamo che i giocatori comprendano che questo ulteriore lasso di tempo permetterà a The Last of Us Parte II di essere all’altezza delle nostre ambizioni e del nostro impegno a offrire la più alta qualità possibile. Sappiamo che questi mesi in più andranno ad aggiungersi a quelli di un attesa lancinante per tutti noi. Siamo grati ai giocatori per la pazienza e il continuo supporto. Da maggio dell’anno prossimo, potrete finalmente ricongiungervi con Ellie in The Last of Us Parte II.

L’articolo The Last of Us Parte II, posticipato a maggio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di The Last of Us Parte II, posticipato a maggio

Milan Games Week 2019, grandi progetti per Sony

Milan Games Week 2019, la più importante fiera italiana dedicata ai videogiochi, è ormai alle porte. Dal 27 al 29 settembre Sony Interactive Entertainment Italia sarà, anche quest’anno, tra i protagonisti dell’evento tanto atteso da giocatori e appassionati così come dal grande pubblico, con uno spazio ancor più ampio rispetto alla passata edizione.

Lo Stand PlayStation, presso il padiglione n.8, si estenderà infatti su un’area di oltre 1400 mq totali, in cui saranno allestite oltre 150 postazioni di gioco, omaggio ideale ai numerosissimi videogiocatori ben rappresentato dal concept “For the Players”.

IL PROGRAMMA PLAYSTATION

Tante le anteprime e i titoli in esclusiva per PS4 presenti in fiera: da Nioh 2 a MediEvil, da Dreams a Concrete Genie, passando per DaysGone e Gran Turismo Sport. Il pubblico avrà inoltre l’opportunità di giocare ad alcuni imperdibili classici del catalogo PlayStation, come Marvel’s Spider-Man, God of War, Horizon Zero Dawn e The Last of Us Remastered. I fan di Hideo Kojima potranno invece dare uno sguardo approfondito a Death Stranding, di cui verrà mostrato un video all’interno dell’area Teatro. Essa ospiterà inoltre le demo di Watch Dogs: Legion, a cui è stata dedicata anche un’area ad hoc per le photo opportunity.

Non mancheranno inoltre alcuni dei titoli di maggior successo per PlayStation VR come ASTRO BOT: Rescue Mission e il recente ed esplosivo Blood & Truth, insieme all’anteprima dell’atteso Marvel’s Iron Man VR. Per tutti gli appassionati del brand di Sony sarà inoltre possibile, per la prima volta in Italia, acquistare gli esclusivi prodotti PlayStation Gear, con sconti riservati agli abbonati al PS Plus.

Come ogni anno, lo stand PlayStation ospiterà anche un’ampia varietà di titoli di terze parti. A cominciare dai giochi targati 2K, Borderlands 3 e NBA 2K20, per proseguire con lo spassosissimo Crash Team Racing Nitro-Fueled di Activision e il simulatore Ace Combat 7: Skies Unknown di Bandai Namco Entertainment. Bethesda sarà presente con Doom Eternal, Wolfenstein Cyberpilot e The Elder Scrolls V: Skyrim, mentre grazie a Electronic Arts sarà possibile giocare a Ea Sports FIFA 20. Infine Koch Media prenderà parte allo stand con F1 2019, Grid e MotoGP 19e, in tandem con Square Enix, con anteprime del calibro di Final Fantasy VII Remake.

La Milan Games Week 2019 sarà inoltre teatro delle ultime fasi del GT Sport e-Cup, il torneo italiano di e-Sport dedicato a Gran Turismo Sport. Venerdì 27 settembre avrà luogo il Last Chance Qualifier, che garantirà ai primi due classificati l’accesso diretto all’evento finale. Il 28 settembre si giocherà poi la Finalissima,che vedrà i dodici migliori piloti sfidarsi per l’ambito premio finale.

Per maggiori informazioni sull’evento milanese, vi invitiamo a consultare il sito ufficiale.

L’articolo Milan Games Week 2019, grandi progetti per Sony proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Milan Games Week 2019, grandi progetti per Sony

Che cos’è l’UWB (ultra wideband) rispolverato di recente da Samsung e Sony

Sony e Samsung fanno parte di un consorzio chiamato FiRa (Fine Ranging) che punta sulla banda ultra larga alias ultrawide band per migliorare una funzione molto importante come il tracking della posizione. Sarebbe un ritorno di fiamma dopo un grande successo nei primi anni del 2000, visto che altre tecnologie come il Wi-Fi e soprattutto […]

L’articolo Che cos’è l’UWB (ultra wideband) rispolverato di recente da Samsung e Sony proviene da TuttoAndroid.

Continua la lettura di Che cos’è l’UWB (ultra wideband) rispolverato di recente da Samsung e Sony

Continua il lento, inesorabile e prevedibile declino di LG e Sony

È terminata da qualche settimana la prima metà del 2019 ed è giunto il tempo per i produttori di smartphone di fare i primi bilanci, relativi ai dati di vendita e al fatturato. Tra le compagnie che stanno soffrendo maggiormente troviamo, e non è una sorpresa, LG e Sony. Il colosso sud coreano può gioire […]

L’articolo Continua il lento, inesorabile e prevedibile declino di LG e Sony proviene da TuttoAndroid.

Continua la lettura di Continua il lento, inesorabile e prevedibile declino di LG e Sony

Sony Xperia 20 compare online con render e le principali specifiche tecniche

Sony Xperia 20 è già soggetto a indiscrezioni nel mondo del web e si parla di lui con tanto di render e specifiche tecniche alla mano, ecco cosa sappiamo.

L’articolo Sony Xperia 20 compare online con render e le principali specifiche tecniche proviene da TuttoAndroid.

Continua la lettura di Sony Xperia 20 compare online con render e le principali specifiche tecniche

Sony si prepara a lanciare uno smartphone pieghevole: ecco alcune delle sue feature

Anche Sony avrebbe deciso di tentare la fortuna con gli smartphone flessibili e starebbe lavorando ad un modello con display pieghevole con “Nautilus Design”

L’articolo Sony si prepara a lanciare uno smartphone pieghevole: ecco alcune delle sue feature proviene da TuttoAndroid.

Continua la lettura di Sony si prepara a lanciare uno smartphone pieghevole: ecco alcune delle sue feature

L’estate Sony ci “regala” Android TV 8K da 85″ e 98″, oltre a cuffie e speaker intelligenti

Sony sta per commercializzare in Europa tre nuovi interessanti prodotti: ecco i nuovi TV LED Full Array 8K HDR ZG9 della serie Master, le cuffie Sony WH-XB900N e lo speaker Bluetooth SRS-XB402M, con prezzi e caratteristiche.

L’articolo L’estate Sony ci “regala” Android TV 8K da 85″ e 98″, oltre a cuffie e speaker intelligenti proviene da TuttoAndroid.

Continua la lettura di L’estate Sony ci “regala” Android TV 8K da 85″ e 98″, oltre a cuffie e speaker intelligenti

Sony mostra i tempi di caricamento di PS5 con un video

Playstation 5Vi ho già parlato dei tempi di caricamento di PS5 che saranno ridottissimi e forse in futuro addirittura nulli. L’idea di Sony, infatti, è quella di eliminare del tutto quei fastidiosi momento d’attesa prima dell’inizio della partita. Intanto con un filmato l’azienda ha mostrato l’effettivo cambio dei tempi di Spider-Man in confronto con quelli di […]

L’articolo Sony mostra i tempi di caricamento di PS5 con un video proviene da HavocPoint.

Days Gone, Recensione

Days Gone è uno dei progetti su cui Sony punta di più in questa stagione. Un’esclusiva ambiziosa, che nel corso dell’ultimo anno di sviluppo in particolare, ha subito dei cambiamenti e ricevuto diversi trattamenti strutturali utili, secondo gli sviluppatori, a donargli una personalità ben definita e meno “generica” rispetto a quanto realizzato fino a quel momento.

Anche perché in un mercato così concorrenziale come quello delle avventure a mondo aperto e con tematiche ormai abusate come quelle post-apocalittiche, il nuovo progetto di Bend Studio deve mettercela tutta per farsi notare, valorizzando al meglio quelle caratteristiche, dalla storia al sistema di missioni ai contenuti secondari dell’open world, sui quali si basa spesso parte del divertimento a lungo termine di questa tipologia di produzioni. Ebbene, se c’è riuscito lo scoprirete leggendo le prossime righe.

PANDEMIA MORTALE

In Days Gone il videogiocatore viene catapultato in un mondo post-apocalittico due anni dopo una terribile pandemia che ha decimato la popolazione mondiale trasformando molti dei sopravvissuti in creature estremamente aggressive e violente chiamate “freakers”.

Ne esistono di vari tipi, e ciascuno di loro ha nel gioco comportamenti ed esigenze differenti che variano a seconda del tempo, della posizione e perfino dell’ora del giorno e della notte: ci sono momenti in cui hanno bisogno di nutrirsi, di dormire, di bere, altri in cui vanno a caccia, e così via. Non a caso, come vedremo più avanti, i cambiamenti climatici, quelli stagionali e il ciclo giorno/notte hanno un loro peso all’interno delle dinamiche di gioco.

In questo contesto si svolgono le vicende del protagonista, Deacon St. John, un biker che cerca giornalmente una ragione per continuare a vivere. Deacon, infatti, non ritiene di essere fortunato per essere ancora vivo, ma solo di non essersi trasformato in uno di “quei cosi” inferociti che vagano per il mondo. In fondo tipi come lui restano convinti che quando arriva la fine dei tempi forse è meglio morire subito ed evitarsi la tortura di dover sopravvivere ancora un altro giorno fra stenti e dolori. E tra i ricordi. I terribili ricordi di chi non ce l’ha fatta e non c’è più, come la moglie Sarah, sparita nel nulla dopo l’evaquazione da Farewaell, in Oregon, operata dalla N.E.R.O. (National Emergency Response Organization) e probabilmente morta.

Viva però nelle memorie del marito, che magari esplodono prepotentemente nella sua testa nei momenti più disparati, nel silenzio della notte, davanti a un oggetto particolarmente caro, come un anello, oppure all’immagine di una pubblicità che emerge parzialmente da sotto un cumulo di detriti.

Là, dove un tempo sorgeva un quartiere brulicante di attività commerciali, e dove ora si sentono solo i lamenti lontani di creature che non sono più umane, che come bestie affamate si aggirano tra le ombre in cerca delle loro vittime. Nel frattempo, però, in tanti provano a resistere e vivere, anche a costo di rischiare la vita. La violenza è, volente o nolente, la compagna di vita di ogni sopravvissuto all’olocausto. Ma lo è, salvo rare eccezioni come nel caso di individui dall’indole sadica, per necessità, disperazione. Di fatto non è mai gratuita, ma quasi sempre “giustificata” o perlomeno motivata dagli eventi.

SOPRAVVIVERE IN UN MONDO OSTILE

Days Gone è quindi un gioco di sopravvivenza a tutti gli effetti, dove fra i resti della civiltà quasi scomparsa il giocatore deve raccogliere le risorse che gli servono per andare avanti, recuperando dalle macerie materiale appartenuto ai tanti sfortunati individui morti prima, durante e dopo l’infezione iniziale, o direttamente da quei superstiti pronti a loro volta a depredarlo.

Medicinali, batterie, contenitori per l’acqua, proiettili, benzina e pezzi di ricambio per la moto, giusto per fare degli esempi, sono utili per il protagonista per risolvere eventuali mancanze nelle proprie scorte, oppure come “moneta” di scambio da barattare con altri sopravvissuti. Questi, tra l’altro, possono perfino commissionargli degli incarichi in cambio di qualche ricompensa. Da questo punto di vista il titolo di Bend Studio propone diverse missioni facoltative che servono tra l’altro pure per spezzare il ritmo della campagna principale, oltre che per approfondire la conoscenza del territorio e degli eventi catastrofici che lo hanno riguardato insieme ai suoi abitanti.

Ma svolgere determinati compiti non è impresa facile considerate le terribili minacce che infestano la mappa. Per difendersi dai nemici e sopravvivere è quindi necessario saper sfruttare a dovere di volta in volta le armi a disposizione, molte delle quali sono improvvisate, come tubi di ferro, bastoni, molotov. Ma anche lo scenario e la sua conformazione hanno una loro utilità, visto che studiandone la struttura è possibile approntare delle tattiche che tengono ovviamente conto del numero e della tipologia degli avversari.

Chiaro che una cosa, almeno sulla carta, è affrontare qualche sprovveduto sopravvissuto, un altro avere a che fare con delinquenti o ex militari super addestrati (nonostante la loro IA non brilli per acume). Allo stesso modo, un conto è vedersela con un paio di lupi mutati o un’orda composta da una manciata di infetti, un’altra con un enorme grizzly o un centinaio e più di creature. In questi ultimi casi bisogna pianificare un minimo di strategia, magari preparando delle trappole e studiando dei modi per attirarli in luoghi dove poi può risultare più semplice eliminarli.

Nel caso di un’orda, per esempio, l’ideale può essere una stretta gola dove incanalarla, così da costringere gli infetti ad avanzare due o tre alla volta e ucciderli facilmente. Oppure all’interno del letto di un torrente in secca o una fossa, dove seppellirli col fango, con un blocco di tronchi lanciati dall’alto o bruciarli con la benzina e il fuoco. L’orda di freaks è rappresentata i questi casi da una barra in alto nello schermo che indica approssimativamente il numero di mostri che la compongono: riducendone pian piano la quantità sul campo, decresce anche il numero sull’indicatore, fino ad eliminarli del tutto. Questi sono tra i momenti meglio riusciti di Days Gone: attimi di pura adrenalina con centinaia di nemici contemporaneamente sullo schermo, la tensione che sale e la paura che una trappola esplosiva faccia cilecca o la si attivi troppo tardi.

UNA MOTO PER AMICA

L’esperienza di avere a che fare con un numero elevato di nemici è particolarmente impegnativa, nonostante la possibilità di sfruttare, come scritto prima, alcuni elementi dello scenario. Barili e cisterne esplosive, armi di diversa fattura e potenza, trappole, Deacon può ricorrere a parecchi sistemi per resistere alla mandria di creature ed eliminarla.
Ha a disposizione perfino una sorta di ralenti dell’azione in relazione all’arma equipaggiata, che è attivabile con L2 e permette di liberarsi dei nemici più vicini ottenendo qualche secondo prezioso per spostarsi o guadagnare terreno. In questi casi, dopo aver iniziato lo scontro a fuoco, tutto diventa un adrenalinico girotondo continuo, dove il personaggio corre inseguito dagli infetti, si volta per abbatterne qualcuno, poi rotola, riprende a scappare, piazzare esplosivi e di nuovo via. Tattica e riflessi sono quindi gli elementi chiave di questi momenti del gioco, al pari del loot che rappresenta un fattore decisivo nell’ottica del gameplay.

In ogni caso, meglio tenere a portata di mano la fidata moto. Questo mezzo, infatti, non ha solo una funzione prettamente estetica, legata alla figura del protagonista, ma riveste un ruolo importante all’interno delle dinamiche di gioco. La fidata due ruote di Deacon, infatti, è utilissima per svolgere decine di compiti, compreso esplorare le vaste mappe dell’Oregon, evadere rapidamente da situazioni rischiose o “caricare” i nemici. Non a caso viene trattata dal gioco quasi fosse un personaggio.

La moto può infatti evolvere, essere migliorata attraverso tutta una serie di elementi sbloccabili o recuperabili in gioco e dopo equipaggiabili. Rivolgendosi a un meccanico in uno dei diversi avamposti umani dove sopravvive ancora qualche barlume di civiltà, si possono potenziare le capacità del serbatoio e quelle del motore, oppure le forcelle e il telaio per renderle più resistenti, e così via. A patto però di avere i giusti pezzi di ricambio o il materiale necessario per costruirli, oltre a un buon livello di “fiducia” nei confronti del tecnico. La fiducia è infatti importante in Days Gone, visto che ottenerne un livello avanzato da certi individui permette al giocatore di instaurare rapporti migliori e quindi ricevere in cambio particolari bonus, come sconti nei negozi, supporto logistico e, nel caso dei meccanici, l’accesso a migliorie più avanzate per la moto.

TRA LUCI E OMBRE

La fiducia si acquisisce (e incrementa) svolgendo tutta una serie di azioni favorevoli ai personaggi non giocanti con cui si entra in contatto.
Spesso portando a termine delle missioni secondarie assegnate proprio da loro a Deacon di cui accennavamo all’inizio dell’articolo. Queste sono abbastanza variegate e generalmente, come per gli incarichi principali, lasciano una certa libertà di approccio all’utente che può, quindi, agire anche in maniera silenziosa, muovendosi nell’ombra per sorprendere i nemici alle spalle.

Da questo punto di vista le meccaniche stealth funzionano piuttosto bene e si fanno preferire a quelle più dinamiche. Non che i momenti più action siano deludenti, anzi, il sistema di sparatorie funziona abbastanza bene e si fa apprezzare per il senso di pesantezza e realismo delle varie armi, ma muoversi furtivamente dà a nostro parere più soddisfazioni. Inoltre consente di sprecare meno risorse in termini di proiettili e medicinali, se giocate bene. In questa fase Deacon può ricorrere a un binocolo, utile per individuare e marcare i movimenti dei nemici, che poi restano ben visibili sulla mappa in basso a destra dello schermo, e ad alcuni diversivi richiamabili, come tutte le armi e gli oggetti a disposizione, tramite una comoda interfaccia grafica a ruota.

Lanciare una pietra per distrarre una guardia o una creatura, attivare un megafono per richiamarli via da un determinato luogo o provocare una piccola esplosione a distanza per lo stesso scopo sono solo alcune delle cose che il gioco permette di fare in tal senso. Magari contando su un orario specifico o un momento della stagione particolare, per “coprire” i propri spostamenti sfruttando anche i fenomeni naturali

Days Gone è un open world tecnicamente molto elaborato, con orde di creature che si muovono in tempo reale in un mondo di gioco ottimamente riprodotto, ricco di flora e fauna, col ciclo giorno e notte, come scritto prima, e un ambiente che si modifica al passaggio di un temporale o di una mandria di mostri. Dove la neve scende copiosa in tempo reale per ricoprire in maniera naturale i boschi e gli edifici che compongono la mappa, le luci e il design delle aree restituiscono scorci spesso suggestivi e i personaggi sono riprodotti con una certa cura. Ma forse anche per questa sua grandezza e ricerca di realismo, ha creato qualche problema di ottimizzazione ai ragazzi di Bend Studios, prestando il fianco a diversi bug e ad alcune critiche.

Days Gone è, infatti, martoriato da alcuni problemi sia generali che strutturali. Innanzitutto, nonostante siano già state rilasciate delle patch (noi abbiamo giocato prima e dopo la 1.3), il titolo presenta dei bug fastidiosi come saltuari freeze, missioni che non si concludono malgrado si siano soddisfatte tutte le richieste dell’incarico, e glitch vari.

Questi ultimi non pregiudicano la fruibilità del gioco, tranne quando vengono fuori in un momento clou dell’avventura, ma stonano in una produzione di questo livello. Poi la storia, seppur capace di intrattenere il giocatore per lunghi tratti grazie anche alla personalità del suo protagonista, manca di mordente e non riesce a spiccare il volo per distinguersi dalla massa, né a coinvolgere emotivamente più di tanto, come avviene per esempio in The Last of Us. Da questo punto di vista il gioco di Naughty Dog, volente o nolente pietra di paragone per il genere, è inarrivabile. In termini di giocabilità, invece, certe missioni alla lunga risultano ripetitive, così come simili tra loro diventano dopo un po’ le sessioni legate allo sterminio delle orde di freaks. Cambiano magari gli ambienti e le armi utilizzate per lo scopo, ma una volta capito come sfruttare a dovere trappole e terreno, in linea di massima si finisce sempre per fare le stesse cose.




COMMENTO FINALE

Come abbiamo scritto nell’introduzione, in un mercato così concorrenziale come quello delle avventure a mondo aperto e con un’ambientazione ormai abusata, il nuovo progetto di Bend Studio doveva mettercela tutta per farsi notare, dotandosi di una personalità ben definita tale da valorizzare al meglio le sue caratteristiche. Ebbene, l’obiettivo è stato raggiunto a metà: da un lato abbiamo infatti una produzione che propone uno scenario a mondo aperto ben ricostruito sia dal punto di vista visivo che “naturale”, con un ottimo ciclo giorno/notte, le condizioni meteo variabili e una natura e una fauna che si trasformano proprio in funzione di ciò che accade loro intorno. Allo stesso modo ci sono piaciuti il personaggio di Deacon, l’idea delle mandrie di creature con centinaia di nemici contemporaneamente sullo schermo, e le meccaniche stealth.

Dall’altro non ci hanno convinto un’intelligenza artificiale poco rifinita, una trama che va avanti tra alti e bassi senza mai coinvolgere emotivamente più di tanto, e alcune fasi dell’avventura che si ripetono diventando alla lunga noiosette, che unite a qualche bug di troppo, ne pregiudicano in buona parte una valutazione che resta sì positiva, ma parecchio al di sotto delle aspettative. Insomma, a conti fatti Days Gone non riesce a esprimere le sue tante potenzialità all’interno di un genere le cui tematiche sono state viste e riviste su praticamente tutti i media, anche se siamo certi che da queste basi Sony Bend Studios potrebbe trarre gli spunti giusti per ottimizzare il prodotto con futuri update ed evitare di ripetere certi errori in un eventuale Days Gone 2.

L’articolo Days Gone, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Days Gone, Recensione