Dite addio alle multe con Autovelox grazie al bracciale WOOLF

WOOLF è un braccialetto che segnala la presenza degli Autovelox al fine di scongiurare il rischio di multe, è pensato in modo specifico per i motociclisti e funziona sia con smartphone Android che con iOS. Si tratta di un’interessante soluzione alternativa rispetto alle classiche applicazioni ed all’hardware Coyote, scopriamola insieme.

L’articolo Dite addio alle multe con Autovelox grazie al bracciale WOOLF proviene da TuttoAndroid.

(altro…)

Secondo uno studio telefonare in auto a mani libere distrae allo stesso modo

Utilizzare lo smartphone per fare chiamate mentre si è alla guida è ovviamente illegale e pericoloso dato che può distrarre l’attenzione dalla strada e inoltre tenere occupata una mano. Farlo attraverso l’ausilio di auricolari o altri sistemi che mantengono le mani libere  (ad esempio Android Auto) invece è permesso dal codice della strada, ma secondo uno studio distrae allo stesso modo.

La ricerca, ad opera dell’australiana Queensland University of Technology (QUT), ha rilevato infatti che i tempi di reazione non sono così diversi rispetto a quanto ci si aspetti; il dottor Shimul Haque ha effettuato le misurazioni e lo studio è giunto alla conclusione che i tempi di reazione di una persona che parla al telefono sono del 40% superiori rispetto alla norma, anche con le mani libere.

I test sono stati svolti con un simulatore, presentando la stessa situazione a tutti i guidatori:

“Abbiamo preso un gruppo di guidatori e li abbiamo messi alle prese con una rete virtuale in cui un pedone attraversa sulle strisce pedonali, entrando nella loro visuale periferica. Abbiamo quindi monitorato le prestazioni e i tempi di reazione del conducente nelle situazioni a mano libera, con un telefono in mano e infine senza.”

Secondo i dati ottenuti i tempi di reazione sono stati dunque del 40% superiori, che in termini più concreti equivalgono a circa 11 metri in più di percorrenza con una velocità di 40 km/h: insomma, uno spazio considerevole.

Inoltre i guidatori “distratti” tendono, nelle varie situazioni, a frenare più bruscamente, diventando un potenziale pericolo anche per le auto che seguono.

Secondo i dati ottenuti dunque, la distrazione sarebbe più che altro dovuta al carico cognitivo richiesto dalle conversazioni, più che al mantenimento del telefono. Haque ha concluso sostenendo che i dialoghi con i passeggeri portano a distrazioni inferiori: il motivo risiederebbe nella tendenza delle persone a bordo ad “alterare il dialogo in base all’ambiente di guida“, che ad esempio si interrompono quando si va a creare una situazione “complessa” per l’autista.

Insomma, sarebbe dunque meglio evitare proprio di stare al telefono durante la guida: le chiamate non solo possono portare a multe salate e a sottrazione di punti patente, ma anche, e soprattutto, a incidenti.

L’articolo Secondo uno studio telefonare in auto a mani libere distrae allo stesso modo è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

(altro…)

Aumentate le misure di sicurezza e le restrizioni sui costumi dei cosplayer per la Gamecom 2016 di Colonia

I recenti episodi di cronaca ma anche i numerosi allarmi bomba (ed il conseguente clima di insicurezza generale) che hanno colpito l’Europa toccano anche le fiere videoludiche. I tristi… Vai all’articolo

L’articolo Aumentate le misure di sicurezza e le restrizioni sui costumi dei cosplayer per la Gamecom 2016 di Colonia sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

(altro…)

Google analizza 6 miliardi di applicazioni al giorno per tenervi al sicuro

FILE - In this April 17, 2007 file photo, exhibitors work on laptop computers in front of an illuminated sign of the Google logo at the industrial fair Hannover Messe in Hanover, Germany. According to numbers the company released Friday, Oct. 10, 2014, nearly 145,000 requests have been made in the European Union and four other countries by people looking to polish their online reputations. That’s an average of more than 1,000 requests a day since late May, when Google began accepting submissions to comply with a European court decision that ruled some embarrassing information about people’s lives can be scrubbed from search results. (AP Photo/Jens Meyer, File)

Google ha pubblicato nelle ultime ore il suo rapporto ufficiale annuale sulla sicurezza di Android. Le informazioni rivelate dall’azienda sono rassicuranti perché vengono analizzate circa 6 miliardi di applicazioni ogni giorno per verificare la presenza o meno di applicazioni dannose.

L’articolo Google analizza 6 miliardi di applicazioni al giorno per tenervi al sicuro è stato pubblicato originariamente su Tutto Android.

(altro…)

Ottimizziamo il nostro smartphone con AMC Security

Molti di noi stanno attenti a tenere con cura il proprio smartphone, ma soltanto in pochi sanno che anche il sistema operativo va ottimizzato, rimuovendo app e files inutili, cache e altri file nascosti che occupano solo spazio inutilmente. In questo caso l’app AMC Security fa al caso nostro, un concentrato di tanti tool in una app sola che si prenderanno cura del nostro smartphone. (altro…)

Rimaniamo in contatto

Hai una idea? Un prodotto che vorresti farci recensire? Oppure vorresti collaborare con noi?

Scrivici una email

admin@cellicomsoft.com

Seguici su Facebook

cellicomsoft su Facebook

Scarica l'app Android

cellicomsoft su Play Store

Contact Us