Archivi categoria: Racing

Auto Added by WPeMatico

Grid, il gameplay si mostra in un video

Il gameplay è protagonista del nuovo trailer di Grid, titolo che segna il ritorno della serie per l’11 ottobre prossimo. Un piccolo slittamento visto che precedentemente il gioco era fissato per il 13 settembre.

Nella clip intitolata “Gareggia per la gloria” possiamo vedere nuove location e l’azione che si sviluppa quando il gruppo cerca di mettere fuori pista i leader. Dal caldo delle strade dell’Avana, fino al circuito di Brands Hatch, la corsa è frenetica e imprevedibile, mostrando l’eccitazione e il dramma che i giocatori sperimenteranno quando il titolo arriverà su Pc e console.

Le piste di San Francisco e del Circuito di Zhejiang immergono il giocatore nel cuore dell’azione, dandogli una sensazione di velocità, mentre le auto cercano il momento perfetto per sorpassare gli altri rivali

La corsa culmina con la Pontiac Firebird Modified e la Chevrolet Camaro SSX Concept che si sfidano nelle curve finali e lungo il rettilineo di San Francisco. Un solo errore potrebbe fare la differenza tra un’incredibile vittoria e un’amara sconfitta. Con il brano “The Light” di Sophie and the Giants, il trailer mette in risalto sia i rischi che i vantaggi che i giocatori proveranno spingendo alcune delle auto da corsa più iconiche ai loro limiti assoluti.

Prendendo spunto dal franchise originale, Grid è una nuova versione del genere con nuovi contenuti, nuove esperienze e nuove storie. Il titolo è incentrato su corse imprevedibili ed emozionanti dove tutto può accadere quando le auto iniziano a gareggiare. È un capitolo nuovo di zecca del franchise che punta a sorprendere gli appassionati.

Chris Smith, game director di Grid presso Codemasters, ha sottolineato:

La risposta all’annuncio di Grid è stata incredibile e siamo felici di poter rivelare nuovi dettagli sul gioco. Abbiamo deciso di creare un’esperienza di gioco esaltante che non ha eguali e il nuovo trailer offre ai nostri fan un’idea di cosa possono aspettarsi. I giocatori si immergeranno in gare impegnative e combattive con l’IA rivale e tutto ciò creerà un mondo vivo, che respira, dove tutto è possibile e dove i giocatori dovranno guadagnarsi il loro posto sul podio finale. Sia che si trovino nel bel mezzo del branco o in prima posizione, non sarà facile guadagnarsi la vittoria; i nostri giocatori apprezzeranno ed ameranno il Grid più competitivo mai visto fino ad ora.

L’articolo Grid, il gameplay si mostra in un video proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Grid, il gameplay si mostra in un video

Monster Jam Steel Titans, recensione

Il settore dei Monster Truck è appannaggio principalmente della popolazione nord-americana, anche se pure l’Europa sta lentamente facendosi assorbire da un mondo fatto di “bestioni” con ruote alte quanto una casa che schiacciano inermi ferraglie d’acciaio piazzate lì come “acciaio” da macello. Seppur visto l’ambiente “over the edge” complessivo della disciplina pseudo-sportiva, Monster Jam Steel Titans non cercherà di affascinarci subissandoci di situazioni al limite o inquadrature “drammatiche”, ma piuttosto vorrà rendere verosimile un gioco che è sostanzialmente arcade, seppur con delle lievi punte di realismo.

Riuscirà il titolo uscito lo scorso 25 giugno a firma da Rainbow Studios per i publisher THQ Nordic e Feld Entertainment a convincere? Leggetelo nella nostra recensione della versione Xbox One.

UN RACING “DISTRUTTIVO” E POSSENTE

Monster Jam Steel Titans è un racing game dedicato al “distruttivo” mondo dei Monster Truck. Appena avviato il gioco, ci ritroveremo catapultati nella Monster Jam University (che esiste davvero) dove apprenderemo in velocità i controlli del gioco, con annesse alcune manovre spettacolari di base.

Non appena avremo completato il tutorial iniziale, se ne sbloccheranno altri più avanzati che ci consentiranno un controllo pressoché completo del nostro “mostro”.

Ed è bene sottolineare che, per la loro “aerodinamicità”, pesantezza e struttura, guidare un Monster Truck non è com’è lecito attendersi un’esperienza di guida “canonica”: ed è proprio in questo senso che lo sviluppatore Rainbow Studios ha “premuto sull’acceleratore”, enfatizzando la difficoltà intrinseca nel domare gli enormi mezzi in situazioni di stunt et similia, i quali risponderanno ai controlli in modo piuttosto verosimile, seppur il gioco sia sostanzialmente arcade.

TRA QUICK MATCH E CARRIERA

Il gioco ci offrirà una serie di modalità ludiche che saranno divise in competizioni indoor e outdoor e gare più squisitamente racing o gare basate sulla spettacolarità. Oltre al classico “Quick Match“, in cui potremo scorrazzare liberamente in una delle competizioni previste, il cuore pulsante del titolo sarà com’è logico attendersi la modalità Carriera. In questo frangente, Monster Jam Steel Titans ci metterà dinanzi una sorta di modalità Storia (senza storia alcuna, però) a mondo aperto, in cui muoveremo i nostri passi in un settore con altissima competizione.
All’inizio, parteciperemo a gare semplici dove saremo chiamati a fare pochissimi stunt, per poi passare subito a gare più complicate e addirittura a “sanguinose” competizioni trans-nazionali. È chiaro che visto il tipo di gioco non ci si possa aspettare una trama complicata e dalle mille sfaccettature, ciononostante il cuore pulsante di Monster Jam Steel Titans ha una serie di evidenti limiti.

BUONE IDEE MA REALIZZATE (PER ORA) NON AL MEGLIO

Il primo è una scelta “giusta”, ovvero l’impossibilità di ricominciare una gara, una volta commesso un errore fondamentale.
Se la scelta può esser inquadrata nella volontà degli autori di fornire una “simulazione pura”, questa diviene per certi versi frustrante quando alcuni evidenti problemi tecnici (fra cui improvvisi cali di frame e una fisica che, seppur buona, alle volte sembra “perdere il controllo”), sono alla base di nostri errori che potrebbero portare alla totale vanificazione di un’intera competizione.

Il secondo problema è proprio la caratteristica che sembrava la più interessante, ovvero il mondo aperto. Un mondo si piuttosto vasto e liberamente esplorabile ma che, di fatto, risulta a tratti un po’ morto e vuoto di attività interessanti o diversificate, e “trincerato” dietro un meccanismo di unlock di determinate aree della mappa previo acquisto di alcuni upgrade necessari per affrontare delle corse “cruciali” per la carriera.

Contenutisticamente parlando, il gioco proporrà parecchi veicoli e miglioramenti (ed aggiornamenti) da sbloccare, seppur non ci sia spesso una marcata differenziazione fra i tanti modelli disponibili. Per quanto concerne le attività, Monster Jam Steel Titans ci offrirà competizioni di guida canoniche a attività che ci concentrano sull’animo della disciplina, ovvero gli stunt. A minare per certi versi ancora di più il cuore portante del ludo, troviamo un’intelligenza artificiale non particolarmente acuta e che, in linea di massima, ci renderà spesso la vita semplice.

Ad esempio, non sarà raro assistere nelle competizioni di corsa pura, ad una serie di veicoli diretti dall’IA mettersi in fila ordinatamente l’uno dietro l’altro, senza che ci sia almeno una facciata estetica della competizione.

Un’altra “grave” mancanza (se non altro in tempi in cui sembra quasi un obbligo), sarà l’assenza di una componente multiplayer in grado di ridar forza ad un comparto in singolo mediocre e senza particolare slancio.

L’IMPATTO GRAFICO È BUONO

 


Per quanto concerne l’aspetto estetico, Monster Jam Steel Titans si attesterà su livelli più che buoni anche se altalenanti, che andranno dall’ottimo lavoro fatto sui modelli dei veicoli, ad un lavoro che lascia un po’ più a desiderare per quanto concerne gli ambienti e le texture di oggetti “secondari”.

Per quanto concerne il comparto audio, il settore si attesta sulla sufficienza “calante”, con una realizzazione discreta ma non particolarmente originale o in grado di emozionare più di tanto. In sostanza poco memorabile anche se adeguata al contesto.

COMMENTO FINALE

Monster Jam Steel Titans è un gioco sufficiente, minato però da tante questioni strutturali e tecniche da renderlo, al momento, una scelta ovvia solo per coloro che sono appassionati del settore.

Il “cuore” del gioco è costituito da una buona idea di base, che però si affaccia poi nella concretezza con una serie di limiti e mancanze notevoli. Ci aspettiamo diversi aggiornamenti che migliorino l’esperienza generale.

L’articolo Monster Jam Steel Titans, recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Monster Jam Steel Titans, recensione

Wreckfest scatterà su console il 27 agosto

Wreckfest, il gioco di corse più distruttivo firmato da Bugbear Entertainment ha completato le qualifiche e si trova in pole position per il 27 agosto, data di lancio su PS4 ed Xbox One.

Janne Alanenpää, CEO e direttore creativo di Bugbear Entertainment, ha commentato l’evento:

È un grande giorno! Bugbear Entertainment ha lavorato duramente su Wreckfest e siamo felici di dare il benvenuto ai giocatori console sui nostri circuiti da corsa. Abbiamo migliorato enormemente la versione per Pc del 2018, nuove piste, auto, opzioni, personalizzazioni e altro.

Wreckfest sarà disponibile in entrambe le versioni standard e deluxe, mentre l’edizione digitale deluxe offre la possibilità di anticipare di 24 ore l’accesso al titolo, ossia al 26 agosto entrambe le versioni includeranno l’esclusivo Bandit Ripper V8 per chi sceglierà di preordinare, digitalmente o al dettaglio. Sul sito ufficiale è possibile preordinare il gioco.

L’edizione Deluxe contiene anche il season pass, che consente l’accesso a 20 nuove auto, 20 decorazioni speciali sul tetto e ulteriori personalizzazioni dell’auto come armature, cerchi e altro ancora. Questo nuovo contenuto verrà rilasciato passo dopo passo, insieme agli aggiornamenti gratuiti dei contenuti.

AGGIORNAMENTO DELLA VERSIONE PC

IL 27 agosto, i proprietari dell’ottima versione Pc di Wreckfest un grande aggiornamento gratuito che includerà diversi contenuti, tra cui:

  • 3 piste completamente nuove e 1 nuova arena per derby.
  • 3 nuovi pazzi veicoli sfida.
  • 1 nuova macchina di ricompensa per finire la carriera.
  • Nuovi e migliori eventi di carriera.
  • Diversi nuovi paintjob per veicoli esistenti.
  • Ore diurne aggiuntive per tutte le tracce.
  • … e altre cose interessanti.

L’articolo Wreckfest scatterà su console il 27 agosto proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Wreckfest scatterà su console il 27 agosto

FIA European Truck Racing Championship ha una data di lancio

FIA European Truck Racing Championship debutterà a fine mese. Lo hanno reso noto il publisher Bigben ed N-Racing. Il simulatore ufficiale dell’ETRC sarà disponibile, infatti, a partire dal 30 luglio su Pc, PS4, Xbox One e Switch. Dopo qualche settimana dalla presentazione ufficiale è quindi stata comunicata la data ufficiale di questo titolo realizzato con il KT Engine (già usato in WRC, TT Isle of Man, V-Rally).

Vediamo anche un nuovo trailer con gameplay, qui, invece, un video su Misano mentre qui il sito ufficiale della serie motoristica organizzata dalla Federazione Internazionale dell’Automobile.

In questo video si viene scaraventati nel bel mezzo di una gara di FIA ETRC dove truck da 5 tonnellate si sfidano testa a testa in quattro gare da 45 km. In FIA European Truck Racing Championship, la simulazione è spinta fino al limite, tutto è stato pensato per far vivere intensamente al giocatore le emozioni della gara. Con il clima dinamico, fisica differente per ogni veicolo e gestione manuale dei freni e del raffreddamento, il giocatore vivrà l’esperienza definitiva a bordo di un vero truck.

In questo titolo ci si potrà mettere alla guida di 34 truck ufficiali dei principali marchi, inclusi Volvo, MAN, Freightliner, Western Star e tanti altri. Si potranno inoltre testare le abilità di guida su 8 circuiti del ETRC fedelmente ricreati all’interno del gioco, così come su circuiti iconici come Laguna Seca, il COTA e Fuji Speedway. Tutti i 20 team e i piloti ufficiali del campionato sono inclusi nel gioco.

Con 5 modalità single-player e 5 multi-player, FIA European Truck Racing Championship è una simulazione realistica oltre che un’emozionate nuova opzione per i fan dei racing game.

 

L’articolo FIA European Truck Racing Championship ha una data di lancio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di FIA European Truck Racing Championship ha una data di lancio

Oggi è il giorno di F1 2019

Il mondiale di Formula 1 è quasi al giro di boa (col dominio Mercedes che ha ridotto gli altri team a poco più che comprimari), F1 2019 di Codemasters debutta oggi su Pc, PS4 ed Xbox One.

Per celebrare questo giorno molto atteso dagli appassionati, la software house britannica ha diffuso il trailer di lancio.

TANTE LE NOVITA’ IN F1 2019

Il nuovo capitolo della serie targata Codemasters porta diverse innovazioni. Dal punto contenutistico c’è da segnalare la presenza del campionato di Formula 2 del 2018 con la stagione 2019 in arrivo tramite aggiornamento nelle prossime settimane. In questa categoria (praticamente un monomarca visti che tutti i team corrono con la stessa monoposto), i giocatori potranno competere al fianco dei debuttanti di F1: George Russell, Lando Norris e Alexander Albon. Il gioco viene lanciato con la F2 feeder Series; un’introduzione basata su scenari che alterano l’esito del gioco in base al successo, alle azioni e alle risposte del giocatore.

Un’altra novità è il transfer dei piloti nella modalità Carriera e si verifica principalmente alla fine di ogni stagione. Stelle affermate tra cui l’attuale campione del mondo di F1, Lewis Hamilton e l’arcirivale, Sebastian Vettel possono formare una partnership improbabile o continuare a scontrarsi in squadre completamente nuove. Tutti i nuovi contratti sono basati sulle performance, quindi avrai l’opportunità di firmare per un concorrente per il titolo con una serie di risultati importanti o essere relegato in una squadra i cui obiettivi sono molto meno ambiziosi.

DICIOTTO AUTO D’EPOCA

F1 2019 presenta 18 auto d’epoca che celebrano ogni decennio dagli anni ’70 fino al 2010. I giocatori possono rivivere grandi momenti del passato con le auto più performanti della loro generazione, tra cui la Lotus 72D del 1972, la McLaren MP4/4 del 1998, la Williams FW18 del 1996 a la Red Bull RB6 2010.

Inoltre i giocatori possono gareggiare anche con la McLaren MP4-25 e con la Ferrari F10 della stagione 2010, entrambe incluse nella F1 2019 Anniversary Edition. I giocatori possono anche personalizzare un’auto del 2019, creata in collaborazione con Ross Brawn e Pat Symonds, con una serie di livree e competere online in modalità Multiplayer.

Con la continua crescita della F1 New Balance Esports Series, i giocatori possono tenersi aggiornati con le ultime notizie, i dettagli degli eventi, guardare i livestream e gli highlights in tutta la nuova area Esports presente nel gioco. Nel corso dell’anno, i giocatori che desiderano competere e che vogliono provare a vincere un posto in uno dei dieci team di F1 possono registrarsi e prendere parte alle gare future grazie al gioco.

L’articolo Oggi è il giorno di F1 2019 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Oggi è il giorno di F1 2019

Gran Turismo Sport, imminente la patch di giugno

Non si ferma Polygony. Non si ferma Gran Turismo Sport. Da GT Planet, apprendiamo infatti che domani, 27 giugno, sarà diffusa la patch di giugno 2019. Questo update porterà il titolo automobilistico – esclusiva PS4 – alla versione 1.40 ed includerà cinque vetture ed un tracciato inedito.

Oltre a novità nelle gare single-player.

I CONTENUTI

Cinque vetture nuove tra cui le muscle car americane ed il nuovo modello Red Bull X-Series.

  1. Chevrolet Camaro Z28 ’69 (N300).
  2. Toyota Tundra TRD Pro ’19 (N400).
  3. Toyota Sports 800 ’65 (N100).
  4. Renault Sport Clio V6 24V ’00 (N200).
  5. Gran Turismo Red Bull X2019 Competition (Gr.X).

Verrà aggiunto il circuito “Sardegna – Tracciato stradale”.

  • Sardegna – Tracciato stradale

Lunghezza complessiva: 5.113 m. Cambio di quota: 38 metri. Numero di curve: 15. Rettilineo più lungo: 915 metri.

È stato, dunque, aggiunto una nuova pista in Sardegna. Il circuito, che utilizza sezioni di strade pubbliche chiuse al pubblico, è un tracciato altamente tecnico con lunghi rettilinei e strette curve. In particolare, i saliscendi della seconda metà del tracciato e i restringimenti della strada danno vita a corse tiratissime in cui le auto sfiorano i guardrail. Oltre a “Sardegna – Tracciato stradale A”, il più lungo dei tre, sono inclusi anche la configurazione B da 3.893 metri e la C da 2.661 metri.

  • Gt League, nuova gara di resistenza, ed altri round

Sarà aggiunto un nuovo evento della GT League, aperto esclusivamente alla X2019 Competition.

Gara di resistenza per la X2019 Competition (Campionato gare di durata)

Verranno aggiunti inoltre i seguenti nuovi round alla GT League:

Campionato principianti

  • 2 nuovi round aggiunti alla “Coppa Pesi leggeri K”.

Campionato dilettanti

  • 2 nuovi round aggiunti al “Rallycross Gruppo B”.

Campionato professionisti

  • 2 nuovi round aggiunti alla “Coppa Gruppo 1”.

Campionato gare di durata

  • 1 nuovo round aggiunto alla “Gara di durata prototipi Gr.1”.

Verranno aggiunte altre funzionalità.

SCAPES

“Inquadratura bassa – Verso l’alto” sarà aggiunta alla selezione.

ESPERIENZA SUL CIRCUITO

“Goodwood Motor Circuit” verrà aggiunto a Esperienza sul circuito. L’aggiornamento introdurrà anche altre funzioni, miglioramenti e correzioni a Gran Turismo Sport.

L’articolo Gran Turismo Sport, imminente la patch di giugno proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Gran Turismo Sport, imminente la patch di giugno

Crash Team Racing Nitro Fueled, Recensione

Mettete insieme il marsupiale più famoso del mondo dei videogiochi, diventato una vera e propria mascotte per Sony e la sua prima console PlayStation verso la metà degli anni ’90, e tutto il divertimento e la frenesia di un gioco arcade di corse alla Super Mario Kart. Il risultato fu un divertente quanto folle titolo con svariate modalità entro le quali cimentarsi da soli o in compagnia di alcuni amici in avvincenti gare di go-kart all’ultimo respiro. Crash Team Racing è stato l’ultimo gioco della serie e l’ultimo titolo in assoluto sviluppato da Naughty Dog per il publisher Universal Interactive Studios, e per molte ragioni è entrato a far parte dell’elenco dei titoli più amati dai possessori della prima PlayStation.

Per questo motivo, per anni, il pubblico ne ha letteralmente bramato un nuovo episodio, dopo le mezze delusioni di pseudo-sequel spirituali e indiretti. Un sogno che oggi è realtà grazie al lavoro di Beenox, team che si è occupato dell’ottima remastered di Call of Duty Modern Warfare, e al “suo” Crash Team Racing Nitro Fueled. Non si tratta di un episodio originale, è vero, visto che parliamo di un remake, ma alla fine ci si potrebbe lo stesso accontentare. Perché il punto semmai è un altro: questo rifacimento è riuscito a restituire ai giocatori tutto il divertimento e il feeling dell’originale? Scopriamolo insieme in questa nostra recensione della versione PS4.

UN MARSUPIALE ALLA GUIDA

Il pretesto per far correre Crash e i suoi amici lungo tutta una serie di circuiti a tema legati alla serie, spiegato in una delle modalità disponibili, ovverosia Avventura, disponibile sia in versione classica che Nitro-Fueled con la possibilità di scegliere il livello di difficoltà e le personalizzazioni dei kart (solo estetiche), è quello di dover salvare il mondo e i loro abitanti dalla minaccia costituita da un malvagio alieno di nome Nitros Oxide.

E l’unico modo per bloccare questa creatura alta, dalla pelle verde e dotato di quattro gambe, è proprio sfidarlo dopo aver guadagnato lo scontro sulle piste di diverse arene, sconfiggendo gara dopo gara una serie di avversari e i relativi boss di ogni zona. Il simpatico invasore extraterrestre, infatti, si crede il più grande pilota della galassia ed è quindi disposto a giocarsela: se vince lui, si impossessa del mondo, in caso contrario va via. Ovviamente il compito del nostro marsupiale preferito non è così semplice come può sembrare: pur di raggiungere per primo il  traguardo, ogni avversario, compreso poi lo stesso Nitros Oxide nelle sfide finali, è disposto a sfruttare ogni mezzo a disposizione, lecito e illecito.










Questo significa che può cercare di sbattere fuori pista gli altri concorrenti, e di sfruttare a proprio vantaggio i power-up e gli altri oggetti che incrocia lungo tutto il percorso. Parliamo di bombe rotolanti, missili a ricerca, boost per la velocità e pozioni in grado di far sbandare e rallentare i kart colpiti per pochi secondi. Immancabili anche le tradizionali Maschere Aku Aku, utili per proteggersi dagli attacchi nemici, aumentare la velocità e immobilizzare ogni veicolo che tocca quello del pilota che le ha attivate, anche se per un lasso di tempo limitato.

Lo schema funziona ed è estremamente divertente, anche se pecca un po’ nella distribuzione casuale dei power-up: questi, infatti, a volte risultano inappropriati se relazionati alla posizione occupata in quel momento dal giocatore. Laddove magari necessiterebbero delle casse di TNT o delle Becher da sganciare alle proprie spalle per rallentare gli avversari quando si è primi o “disinnescare” la minaccia costituita da un missile di ricerca puntato sul nostro personaggio, può capitare di raccogliere una bomba lanciabile solo in avanti, e così via.

MOLTO PIÙ CHE UNA REPLICA PERFETTA





Dal punto di vista della giocabilità, il titolo riprende praticamente ogni elemento dell’originale dei tempi di PlayStation, replicandolo quasi perfettamente col nuovo engine, e aggiungendo qua e là qualche sensibile ritocco utile principalmente a adattarne alcuni aspetti ai controller attuali. Il resto invece c’è tutto: i tracciati originali a difficoltà crescente pieni di curve, dossi, scorciatoie, acceleratori e casse di frutta Wumpa o bonus, le sfide contro i boss e tutto il sano divertimento tipico del vecchio Crash Team Racing. Un divertimento che a nostro parere raggiunge l’apice quando si gioca in compagnia di amici in multiplayer locale a schermo diviso (fino a quattro giocatori), tra una risata di scherno e l’altra, oppure online, contro altri otto giocatori. Purtroppo non abbiamo avuto modo di testare questa modalità in quanto al momento delle nostre prove i server di gioco non erano del tutto attivi.



Ad ogni modo, tornando al gioco, di diverso c’è la presenza di un numero maggiore di contenuti sottoforma di modalità e opzioni. Oltre alla già citata avventura, c’è per esempio Arcade Locale, che contiene a sua volta tante modalità di gioco come per esempio Gara Singola,  Battaglia, Prove a Tempo, Sfida dei Cristalli e così via, attraverso le quali si può gareggiare all’interno delle trentadue piste disponibili, ovverosia tutti i vecchi percorsi originali del primo Crash Team Racing più tredici provenienti da Nitro Kart. Dallo stesso gioco, così come da Tag Team Racing, arrivano poi molti personaggi sbloccabili (per un totale di venticinque!), personalizzazioni e situazioni presenti in questa produzione.
Per la cronaca, piloti e gadget si sbloccano in gioco o comprano nel negozio virtuale ma con i semplici punti raccolti nelle gare. Insomma, Crash Team Racing Nitro Fueled cerca di mettere in scena un pacchetto variegato per offrire ai videogiocatori un’esperienza quanto più interessante e meno noiosa possibile, e cercare probabilmente con la quantità di sopperire a un livello di sfida generale tarato verso il basso, almeno inizialmente.

Giudizio positivo anche per quanto riguarda il profilo tecnico. Il gioco gira a 30 frame per secondo su PlayStation 4 liscia (idem su Xbox One e Nintendo Switch, mentre su Pro e Xbox One X raggiunge i 60fps) in ogni circostanza, e propone un ottimo livello di dettaglio grafico per i personaggi, i kart, i circuiti e i modelli poligonali generali. Da questo punto di vista va dunque fatto un plauso agli sviluppatori, capaci col loro lavoro di “imitare” quello di Vicarious Vision un paio di anni fa per il rifacimento dei vecchi Crash Bandicoot.

A proposito, per i più nostalgici è perfino possibile giocare selezionando i modelli poligonali dei kart e dei personaggi principali dell’edizione del 1999. Bello anche il comparto audio, che vanta perfino il doppiaggio in italiano per i personaggi, tutte le musiche originali, sia in versione classica che aggiornata, e tantissimi effetti sempre in linea con quanto di divertente e fuori di testa avviene sullo schermo.

COMMENTO FINALE

Crash Team Racing Nitro Fueled è un ottimo remake, fedele all’originale al punto da replicarne praticamente ogni elemento, dai tracciati al gameplay.

Il risultato è un prodotto quindi non certo originale ma lo stesso bello e divertente da giocare, complice delle meccaniche che al netto di qualche piccolo difetto sono invecchiate bene,  un comparto estetico di tutto rispetto e una mole di contenuti davvero notevole. Insomma, dopo l’ottimo lavoro di Activision sul rifacimento dei vecchi platform di Crash Bandicoot, l’azienda fa il bis con questa ottima riproposizione del vecchio Crash Team Racing, puntando su un concetto di gioco estremamente semplice quanto efficace: scegliere uno tra i tanti personaggi disponibili e cercare di raggiungere per primo il traguardo sfruttando ogni astuzia, arma e oggetto a propria disposizione.

L’articolo Crash Team Racing Nitro Fueled, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Crash Team Racing Nitro Fueled, Recensione

Disponibile Crash Team Racing Nitro-Fueled

Ci siamo. Crash è pronto per essere guidato dai fan in gare entusiasmanti. Crash Team Racing Nitro-Fueled è disponibile per PS4, Xbox One e Switch. Poi, si farà sul serio il 3 luglio quando il Grand Prix avrà inizio con contenuti stagionali scaricabili gratuitamente. Per chiunque abbia acquistato il titolo. Incluso un nuovo tracciato tematico ogni stagione, oltre a personaggi a tema, kart e altri oggetti di personalizzazione che i giocatori possono guadagnare quando sono connessi a Internet.

Sviluppato da Beenox e pubblicato da Activision, Crash Team Racing Nitro-Fueled è costruito dalle fondamenta e rimasterizza l’originale Crash Team Racing portando i personaggi, i kart, le piste e le arene nella moderna grafica HD per console.

Vediamo il trailer di lancio del titolo. Buona visione.

La posta in gioco è alta e la concorrenza è feroce tra i giocatori in gara con una varietà di personaggi della serie Crash Bandicoot, tra cui oltre al protagonista, Coco, Dr. Neo Cortex ed altri contro l’egomaniacale Nitros Oxide per salvare il nostro pianeta dalla distruzione. Nel gioco, i fan saranno in grado di vedere le espressioni e le azioni di Crash e soci in 4K mentre si sfidano l’un l’altro a tutta velocità e sfrecciano dietro gli angoli sia su tutte le piste del gioco originale CTR, sia sulle piste e i kart ridisegnati di Crash Nitro Kart. Inoltre, il leggendario gioco di kart debutta nel gameplay competitivo online giusto in tempo per celebrare il suo 20° anniversario.

Thomas Wilson, uno dei capi di Beenox, ha detto:

L’attesa è finalmente finita, e non potremmo essere più entusiasti che Crash Team Racing Nitro-Fueled sia pronto per la sua gara inaugurale. Moltissima cura e attenzione ai dettagli è stata dedicata allo sviluppo di questo gioco per gli appassionati del Crash Team Racing originale di 20 anni fa, e per i nuovi fan che si aspettano un’esperienza di kart moderna. Rimanere fedeli ai giochi originali CTR, aggiungendo allo stesso tempo tanti altri contenuti e creando un mondo vivo e pulsante che non era possibile sulle piattaforme di prima generazione è stata un vero e proprio atto d’amore!

Per la prima volta in 20 anni, gli appassionati di Crash Team Racing avranno l’opportunità di personalizzare i loro kart e personaggi in Crash Team Racing Nitro-Fueled. Il gioco rimasterizzato offrirà ai giocatori una varietà di opzioni per mixare e abbinare kart, ruote, verniciature, adesivi e persino aggiungere decalcomanie ai kart.  Ora i fan – sia i nuovi che quelli che per primi si sono innamorati del classico degli Anni ’90 – possono creare una fantastica vettura personalizzata.

Michelle Fonseca, vicepresidente product management e marketing di Activision, ha spiegato:

Quando si tratta di rimasterizzare i titoli più amati tra i giochi di Activision, la qualità, l’autenticità e la community sono i pilastri fondamentali che guidano tutto ciò che facciamo.

PERSONALIZZAZIONI ED ALTRO

Oltre alla possibilità di personalizzare i kart, Crash Team Racing Nitro-Fueled permetterà ai giocatori di personalizzare i loro corridori con alcune skin “N. Sane”. Questo permetterà ai giocatori di dare ai propri personaggi personalità e spessore.

Un’altra novità dell’esperienza CTR sono le animazioni uniche sul podio disponibili per alcune skin, rendendo ancora più divertente celebrare le vittorie. I giocatori possono guadagnare oggetti di personalizzazione nella Modalità Avventura ed oggetti aggiuntivi raccogliendo. Inoltre, utilizzando le Wumpa Coin quando sono connessi a Internet per rendere più accattivanti i propri kart e personaggi nell’area Pit Stop del gioco. Inoltre, proprio come le ricordate, stanno tornando anche le statistiche dei personaggi, e includeranno classi Principiante, Intermedio e Avanzato.

Alcune offerte di prodotti nuovissimi stanno arrivando in tempo per l’uscita di Crash Team Racing Nitro-Fueled.

I fan di CTR possono dare il via libera al loro fandom e tagliare il traguardo con stile con le divertenti offerte dell’Activision Blizzard Consumer Products Group (ABCPG). Questo include una linea completa di prodotti che celebra Crash Team Racing Nitro-Fueled – in collaborazione con i partner globali Rubber Road, Trends International e altri ancora – dove i fan possono accedere ad abbigliamento, oggetti da collezione, figurine e altro ancora presso i rivenditori di tutto il mondo

L’articolo Disponibile Crash Team Racing Nitro-Fueled proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Disponibile Crash Team Racing Nitro-Fueled

Assetto Corsa Competizione, Recensione

I racing si dividono sostanzialmente in due categorie. Quelli più arcade, o con un gameplay meno raffinato e più immediato, e quelli che cercano il realismo. In entrambi i casi, sono tantissimi i punti di contatto, oltre ai tentativi di fornire una formula che racchiuda entrambe le soluzioni. La serie Gran Turismo di Sony, Horizon di casa Microsoft, sono tendenzialmente rivolti al gameplay per la massa, pur proponendo opzioni e soluzioni per i videogiocatori smaliziati. Rfactor 2, Gran Turismo Sport, Project Cars 1&2 fanno della simulazione, il fulcro dell’esperienza. Assetto Corsa Competizione è il successore del primo Assetto Corsa, un titolo che a suo tempo ebbe un ottimo successo tra pubblico e critica.

L’ultima iterazione di Kunos Simulazioni, uscita il 29 maggio scorso dopo un periodo in early access su Steam per Pc, vanta la prestigiosa licenza ufficiale per la Blancpain GT. E vuole essere il nuovo punto di riferimento per i titoli corsistici competitivi Dopo il lungo periodo di early access iniziato a settembre, nel quale il gioco è stato aggiornato e sempre più affinato e completato “pezzo per pezzo”, siamo pronti per parlarne più diffusamente. Come sarà andata? Ce lo racconta il nostro DannyDSC, dopo essere uscito dall’abitacolo.

Buona lettura.

COS’È LA BLANCPAIN GT?

Vi piacerebbe vedere le auto più famose del mondo, affrontarsi una competizione? Benissimo, la Blancpain GT è quello che state cercando. In questo campionato, organizzato dalla Stéphane Ratel Organisation (SRO Motorsport Group) e omologato dalla Federazione Internazionale dell’Automobile, troverete proprio questo: le vetture più blasonate modificate dalla case produttrici secondo le specifiche GT3 della FIA.

Inizialmente, il campionato era diviso in due categorie, la Blancpain GT Series Sprint Cup e la Blancpain GT Series Endurance Cup. L’alto valore delle vetture sul tracciato e i grossi sponsor, hanno segnato una rapida ascesa di questa serie nel panorama mondiale delle corse, tanto che ad oggi è una delle serie più famose e seguite. Chi scrive, è sempre stato un appassionato di Formula Uno prima, e Gran Turismo poi. Possiamo dire senza troppo timore d’essere smentiti, che la Blancpain non ha nulla da invidiare a nessuno dei campionati sopracitati, anzi.

QUEL TIPICO PROFUMO D’OFFICINA

Quando andate dal meccanico, o dal gommista, vi è mai capitato di sentire quel tipico profumo? Vi ricorda l’infanzia?

Kunos Simulazioni, che di realismo a tutti i costi se ne intende sul serio, vuol far breccia su questo tipo d’utenza. Quei videogiocatori che se ne fregano dei giochi arcade, del “pigia pigia”, e che sono disposti a perdere ore ed ore su vari setting, prove, condizioni meteo differenti, e possibilmente muniti di volante. Assetto Corsa Competizione è una simulazione, con la “S” maiuscola, e anche tutte le altre lettere. Pur cercando a suo modo di essere user friendly, e sorridere anche a chi si avvicina al genere, in realtà non fa prigionieri (compromessi).

Ogni aspetto di questo gioco, dalle gomme ai settaggi, dai piloti all’AI, dal meteo ai tracciati, è riprodotto con una fedeltà che ad oggi non ha eguali. Ci spiace per gli appassionati di Gran Turismo Sport, per i fan accaniti di altri titoli che inneggiano la supremazia dei loro giochi, ma Assetto Corsa Competizione non ha rivali in quanto a simulazione.








Dal “libro mastro” del nostro caporedattore

Il dettaglio di Assetto Corsa Competizione? Dedizione, passione ed olio di gomito, al servizio del talento.

Possiamo anche aggiungere una postilla: L’alto valore di produzione, non si misura solo in quattrini affidati a questo o quel corposo team di sviluppo, in quanto c’è chi con meno risorse ma più passione, surclassa tutti. E tanto per toglierci il dente, questo gioco non ha rivali, è in assoluto la migliore simulazione corsistica del momento. Volevamo tenerci questa considerazione per il finale ma… non abbiamo resistito.

VOGLIO “SENTIRE” LA VELOCITÀ

Questa recensione è una cornucopia di sensazioni, distrazioni, frustrazione e voglia di vincere, entusiasmo. È difficile trattenersi, esattamente come una vittoria all’ultimo respiro. La simulazione, mette a disposizione un ventaglio di possibilità, tra una modalità multiplayer competitiva, le gare in singolo e la carriera.

Abbiamo inizialmente optato per le gare in singolo per prendere confidenza con i comandi e vedere come si comporta il titolo tastiera/pad alla mano. Inizialmente, dotati di tastiera, non riuscivamo nemmeno a girare perché il gioco, suggeriva le frecce per lo sterzo, quando i comandi erano invece il punto e la virgola, tanto cari ai fan di Gran Prix 2.

Si, è una chicca che solo una parte dell’utenza capirà, ma si presta bene. Memorizzato i comandi abbiamo fatto qualche giro di prova sul circuito di Monza. E siamo rimasti sbalorditi non soltanto dall’aspetto grafico di cui parleremo più avanti, quanto dal realismo.

La fisica della macchina (e di quelle guidate dall’intelligenza artificiale) è quanto di più raffinato e vicino alla realtà si possa trovare al momento.

Sia il comportamento delle gomme, che l’aerodinamica, sono riprodotti in maniera perfetta, tanto che siamo sicuri verranno sfruttati anche dai veri piloti. I settaggi relativi alla meccanica, agli ammortizzatori e all’aereodinamica, faranno felici i fan più accaniti e siamo sicuri che nel giro di qualche tempo, troveremo sul workshop di Steam o su qualche website ad esso dedicato, una miriade di settaggi per varie condizioni climatiche e per tipo di macchina.

Ci sono anche dei settaggi predefiniti di tipo standard, che abbiamo usato proprio in occasione delle prime prove, ma si capisce subito che è necessario perdere del tempo al fine di godere di un settaggio affine al nostro modello di guida.

Spendiamo anche qualche parola sul comportamento delle varie periferiche. Sconsigliamo l’uso della tastiera, per quanto possa risultare “immediata”, i comandi impartiti sono troppo “netti”, e si rischia di rovinare un giro solo per aver tenuto un tasto premuto troppo a lungo. Il pad, è chiaramente la soluzione intermedia, soprattutto nella sua controparte simil Xbox, ed offre un feedback tutto sommato soddisfacente.








Detto questo, siamo praticamente certi che la periferica principe, per godere dell’intera esperienza, sia un bel volante con force feedback, munito di pedaliera con frizione. Di sicuro si tratta di una spesa, ma vista la natura specifica del prodotto, è meglio tenere a mente questa considerazione.

La modalità Carriera, è tutta incentrata sulla scalata alla Blancpain GT serie. Inizialmente, verremo introdotti dal nostro connazionale Mirko Bortolotti (che ha vinto questa competizione nel 2017), che attraverso un buon tutorial, ci vedrà protagonisti di tre sessioni libere nel circuito di Monza. La prima prova, si terrà in una giornata soleggiata, con condizioni meteo normali. La seconda prova, verrà eseguita qualche giorno dopo, sotto la pioggia. La terza ed ultima sessione, è quella che ci ha dato più grattacapi, visto che si è svolta di notte.

Postilla di DannyDSC

Monza di notte, mi ha dato un’idea. Perché Abu Dhabi si, e Monza no? Certo, è prevedibile un lavoro supplementare sull’illuminazione, ma una gara in notturna in uno dei circuiti storici della F1, non è un’idea tanto stupida.

A seconda del risultato di queste tre prove, il gioco ci offrirà una serie di aiuti alla guida, che si adatteranno alla difficoltà generale del gioco. Possiamo dire che il sistema di interpretazione dei risultati e gli aiuti suggeriti, sono in linea con l’impegno richiesto dalla simulazione.

Pertanto, soprattutto per chi non è avvezzo al genere, non abbiate paura di tenere la maggior parte degli aiuti attivati, vi serviranno. Potremo poi decidere su qualche macchina iniziare la nostra scalata verso la gloria, creando un nostro team. Oltre alla macchina, sarà nostra cura la preparazione di altri due piloti che ci affiancheranno nel nostro lungo percorso. Un po’ come accade in altre carriere (persino in quella di Super Monaco Gran Prix su Megadrive), i podi e i buoni risultati potranno portare sulle nostre scrivanie, offerte da altri team, rendendo quindi la progressione della carriera piuttosto interessante, ma con un punto debole.
Stiamo cercando il pelo nell’uovo, sia chiaro, ma dato che Assetto Corsa Competizione è interamente incentrato sulla Blancpain GT, non ha portato nella modalità Carriera qualcosa di simile ad una serie nazionale Kart, o Gran Turismo. Vivere qualche stagione come un giovane di belle speranze sui Kart, passando poi sulle vetture da competizione, per finire sulla Blancpain, sarebbe stato qualcosa di “potente”, dirompente.

Forse, più che di punto debole, è di azzardo mancato. Un azzardo, che speriamo venga sfruttato in futuro, perché con una modalità carriera più simile ad un titolo quale ad esempio Race Driver Grid (arcade e completamente diverso, ma con una carriera davvero ben sviluppata), il prodotto di Kunos Simulazioni, sarebbe davvero entusiasmante.

ALZA LO SGUARDO, VERSO LE STELLE








Menzione a parte, la facciamo per il sistema di meteo dinamico, introdotto in maniera magistrale, e il tempo.

Soprattutto nelle gare Endurance, il meteo dinamico porterà su una giornata soleggiata, alcune nubi, una leggera pioggerellina, fino ad un vero e proprio acquazzone, per continuare o terminare dopo qualche ora.

Ebbene, questo effetto, ha valore non solo sull’aereodinamica o sulla tenuta di strada, ma anche su zone dove un leggero strato di pioggia appena caduta, favorirà fenomeni di aquaplaning, contrapposte da zone dove il tracciato è ancora asciutto.

Durante una prova, sempre sul tracciato di Monza, abbiamo avuto non poche difficoltà a tenere su strada la nostra Ferrari, a causa di un violento acquazzone abbattutosi tre giri dopo il via. Subito dopo la Variante della Roggia, la seconda Curva di Lesmo godeva di un punto ancora asciutto e chiaramente visibile sulla parte più esterna.

Sfruttare quell’anfratto mentre facevamo di tutto per non andare in testacoda, ci ha ricordato i bei tempi in cui guardavamo la F1 di una volta, con i veri piloti che sul bagnato andavano quanto sull’asciutto.

Una sensazione da brividi, che al termine della gara, purtroppo finita con un incidente, ci ha fatto comunque sorridere. Era tanto tempo che non ci capitava di sentirci così “dentro” l’abitacolo. Ma forse, la colpa è in parte nostra, troppo abituati a fare incetta di macchine in Gran Turismo 4/5/6, senza ricordare i vecchi fasti delle simulazioni che non offrono compromessi.

LATO TECNICO

Il comparto grafico della creatura sviluppata dalle sapienti menti di Kunos Simulazioni, è quanto di meglio il mercato possa offrire. Il passaggio dal motore proprietario della casa all’Unreal Engine 4, si vede.

Effetti atmosferici e meteo dinamico, effetti di luce e particellari sono all’avanguardia, senza mai risultare eccessivi. Le macchine, sono riprodotte così bene che a tratti sembrano filmati reali, e non una simulazione al computer. Le texture sono di ottimo livello, anche quelle dei tracciati, e l’abitacolo… Le menzioni per questo gioco si sprecano, ma gli abitacoli spartani delle macchine GT non sono mai stati così veri, così ricchi di particolari tutti realistici e riprodotti in maniera perfetta, così bene che usare la telecamera esterna per giocare è quasi un delitto.

Il comparto sonoro, verte tutto sugli effetti, che (manco a farlo apposta) sono tra i migliori mai ascoltati, e se non ci credete, caricate su Youtube un filmato della Blancpain GT. L’avete caricato? Bene, ora andate avanti, e tentate di memorizzare i rumori.

Aspettate qualche minuto, poi spegnete, e caricate il gioco, noterete come i rombi dei motori siano praticamente identici alla loro controparte “digitale”. Per quanto concerne le richieste hardware, I requisiti minimi parlano di un Intel Core i5-4460 o un AMD FX-8120, affiancato da 4gb di Ram e una GTX 460 2GB o una Radeon HD 7770, e 50gb di spazio sul nostro disco duro o solido (suggeriamo la seconda opzione).

I raccomandati, sono più esosi, e richiedono un Intel Core i5-8600K o un AMD Ryzen 5 2600X con 16gb di Ram, e una GTX 1070 8 GB o una Radeon RX 580 8GB, sempre con 50gb di spazio richiesto. Sul nostro fedelissimo Asus Rog G752VS (I7 770HQ, 16 gb di Ram e una GTX 1070), abbiamo potuto goderci i dettagli ad ultra (con qualche compromesso sul dettaglio degli specchietti retrovisori e poco altro), con un framerate piuttosto stabile tra i 50 e i 60 fps.

Questo, per dire che non solo il gioco è bellissimo, ma è scalabile e decisamente ben ottimizzato.

VOTI E CLASSIFICHE SCHERZOSE DI DANNY DSC

Un piccolo box “scherzoso”, che vogliamo fare a tutti i costi, perché Assetto Corsa Competizione, ci ha riportato ad anni in cui un certo programma su Italia 1 era appuntamento fisso la domenica.
Voto10 A Kunos, per lo sviluppo della simulazione più badass del 2019. GOTY per i Racing Game. E non solo (ndr).

Voto 9
  A tutti quei piloti che stanno sfrecciando sui tracciati senza paura di mandarsi a quel paese.

Voto 8 A tutte le belle modelle che non vediamo ai nastri di partenza. Non preoccupatevi, vi pensiamo ugualmente.

Voto 7 A Twitter, perché tutto sommato i tweets sono positivi, e si sprecano con le gif.

Voto 6 A chi dice che è difficile. Lo sappiamo, lo sa anche il gioco, ma nel 2019 è un pregio.

Voto 5 A chi paragona Assetto Corsa Competizione a Horizon, non andiamo oltre. NO.

Voto 4 A chi dice ad altri che sono dei perdenti perché non sanno correre. Nessuno è nato “imparato”.

Voto 3 A Steam, perché il nuovo punto di riferimento dei corsistici non può non essere in home  page in modo quanto meno costante. Male!

Voto 2 A Kunos, perché qualche fotomodella placeholder piazzata qui e li fa sempre bene. Grafica ok, ma l’occhio vuole sempre la sua parte.

Voto 1 A tutti quelli che appena uscito, osannano GT Sport. Sono entrambi buoni prodotti, perché serbare odio solo for fashion?

Voto 0 A tutti quelli che dopo averlo provato per ben 0.1 ore, danno valutazioni negative. Suggerimento: sarebbe da valutare negativamente anche l’utenza di questo tipo, così da non vederli più sui primi risultati delle recensioni

Alla prossima puntata.

COMMENTO FINALE

Abbiamo il fiatone. Una recensione tutta d’un fiato per un titolo che corre ad una velocità disarmante. Assetto Corsa Competizione è senza ombra di dubbio la simulazione, tutto maiuscolo. Bello da vedere, appagante da giocare, senza compromessi e con un realismo ai limiti dei confini della realtà.

Una carriera ben strutturata e sviluppata, con una buona progressione e un’ottimo livello di profondità, affiancato da altre classiche modalità singleplayer e da un multiplayer che siamo certi, farà felici un sacco di giocatori.

L’unico piccolissimo “voto” che facciamo, è un futuro capitolo dove nella modalità carriera, affiancata alla serie principale, ci siano una o due serie “minori”, così da sentirci ancor più giovani piloti di belle speranze, in cerca del successo. L’opera di Kunos Simulazioni ha oggi decretato un nuovo livello di qualità con cui tutte le altre software house (anche blasonate) dovranno confrontarsi. E siamo ancor più felici, sapendo che tutto questo è stato fatto da un team italiano. Bravi, e tanto di cappello.

L’articolo Assetto Corsa Competizione, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Assetto Corsa Competizione, Recensione

TT Isle of Man è ora disponibile per Switch

Bigben e Kylotonn annunciano che TT Isle of Man, gioco ufficiale del leggendario Tourist Trophy (TT) Isle of Man, è ora disponibile per Switch. La release coinciderà con l’inizio dell’edizione 2019 della corsa, prevista per questa sabato, 25 maggio.  Il trofeo quest’anno si chiuderà il 7 giugno con il Senior TT.

La divertente reazione dei veri centauri che partecipano alla corsa mentre provano il gioco è certificata in questo trailer che alleghiamo.

 

TT Isle of Man permette di vivere le reali sensazioni di una corsa tanto importante per la prima volta sulla console ibrida di Nintendo. Qui la nostra recensione della versione PS4.

I contenuti e le funzionalità saranno gli stessi delle versioni PlayStation 4TM, Xbox One, e Pc.

Eccoli:

  • Fedele riproduzione del circuito del Mountain, con i suoi 60.7 km e le sue 264 curve.
  • 9 circuiti immaginari su cui allenarsi prima di prendere parte alla leggendaria corsa.
  • 40 moto ufficiali e 23 piloti.
  • Corse online fino a 8 giocatori.
  • Modalità carriera che permette di sbloccare nuove moto e di vincere l’epico Tourist Trophy.

L’articolo TT Isle of Man è ora disponibile per Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di TT Isle of Man è ora disponibile per Switch

Grid, primo trailer e data di lancio

Ieri Codemasters ha annunciato il ritorno della serie Grid. Oggi vediamo il primo trailer e conosciamo il giorno d’esordio esatto fissato al 13 settembre per Pc, PS4 ed Xbox One.

Grid si fregerà di ospitare in game Fernando Alonso, due volte campione del mondo di Formula 1, che è consulente di corsa per il team di sviluppo.

Inoltre sono state diffuse immagini inedite. Buona visione.

 






 

L’articolo Grid, primo trailer e data di lancio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Grid, primo trailer e data di lancio

Team Sonic Racing debutta oggi

Accendete i motori, fan di Sonic. SEGA ha annunciato che la nuovissima esperienza di arcade racing, Team Sonic Racing è disponibile in tutto il mondo per Pc e console. Caratterizzato dagli amati personaggi della serie con protagonista il velocissimo riccio blu e da 21 piste provenienti dal Sonic Universe, il gioco combina i migliori elementi del genere arcade e frenetiche competizioni in multiplayer

Per celebrare il lancio del titolo sviluppato da Sumo Digital, SEGA ha pubblicato un divertente trailer live-action di Team Sonic Racing con concorrenti in carne e ossa che si sfidano in una competizione di shopping di generi alimentari. Guardiamo i ‘piloti’ sfrecciare lungo i corridoi, oltrepassare una raffica di prodotti alimentari volanti e lottare per la gloria di vincere i “Golden O’s” in questo video che rievoca il gioco. Buona visione.

C’è anche il trailer di lancio

Vediamo, infine, alcune immagini. Buona visione.































L’articolo Team Sonic Racing debutta oggi proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Team Sonic Racing debutta oggi

Xenon Racer si aggiorna con le Grand Alps

Le Grand Alps si aggiungono alla lista delle località disponibili in Xenon Racer. Il gioco di corse futuristiche sviluppato da 3DClouds si arricchisce quindi con nuovi contenuti gratuiti grazie all’aggiornamento odierno.

Sarà possibile correre in tre piste inedite in questa località innevata. Si tratta del primo update di una serie composta da altri due aggiornamenti sui contenuti completamente gratuiti.

A giugno, saranno aggiunte diverse nuove opzioni di personalizzazione, come cerchi e livree aggiuntivi, ed a luglio ci sarà un’altra nuova location con diverse piste ed un modello di auto aggiuntivo. Inoltre, la versione di Switch è stata aggiornata per includere una modalità di prestazioni e qualità insieme ad altri miglioramenti alla stabilità del gioco. Come descritto, peraltro, qui in questo articolo sulla roadmap dei contenuti gratuiti post-lancio.

Vediamo il (breve) trailer in 4K sulle Grand Alps. Buona visione.

L’articolo Xenon Racer si aggiorna con le Grand Alps proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Xenon Racer si aggiorna con le Grand Alps

Horizon Chase Turbo, ecco i programmi per il 2019

Continua a correre Horizon Chase Turbo. L’eccellente racing arcade firmato da Aquiris, infatti, si appresta ad accogliere novità per questo 2019.

Lo sviluppatore di Porto Alegre ha infatti annunciato la roadmap con molte novità. Horizon Chase Turbo, infatti, puntava a colpire il cuore dei corridori retrò. Il gioco, tuttavia, si è evoluto e si è reinventato ottenendo tanti premi (lo abbiamo eletto miglior Indie del 2018, ndr) e soprattutto tanti consensi da parte del pubblico. Affetto meritato e consolidato anche dalle nostre recensioni (qui quella Pc, qui quella PS4 mentre a breve arriverà anche quella Switch, ndr).

Gli autori, dunque, hanno smesso di guardare nello specchietto retrovisore. Cominciamo a parlare dei prossimi orizzonti che inseguiranno. A tal proposito ha preparato molte novità per la seconda metà del 2019.

DETTAGLI ROADMAP DI HORIZON CHASE TURBO

MODALITÀ PLAYGROUND 2.0

Oltre ad essere i più veloci, vincere e guidare la classifica, ora i giocatori hanno un altro buon motivo per controllare la modalità Playground: ottenere premi esclusivi. Raccogliendo monete in un nuovo sistema di punteggio, si avrà accesso a nuove skin in stagioni speciali.

NUOVI DLC

Horizon Chase Turbo offre già ore e ore di divertimento e velocità, ma per gli amanti hardcore non è mai abbastanza. Gli sviluppatori stanno lavorando a nuovi dlc con nuove macchine, nuove campagne e altro ancora.

NUOVE MODALITÀ DI GIOCO

Quando si tratta di progettare aggiornamenti, garantire divertimento per il giocatore ha sempre la pole position. Il team analizza il comportamento dei giocatori all’interno del gioco e le loro opinioni sui social media. In questo modo è possibile approfondire nuove idee e aggiornamenti. Ci saranno sorprese.

L’articolo Horizon Chase Turbo, ecco i programmi per il 2019 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Horizon Chase Turbo, ecco i programmi per il 2019

Senna e Prost si affrontano ancora in F1 2019

La rivalità tra Ayrton Senna ed Alain Prost è diventata leggendaria tra gli anni ’80 ed i primi anni ’90. E questa sfida potrà essere rivissuta in F1 2019.

Codemasters e Koch Media hanno, infatti, annunciato la F1 2019 Legend Edition che permetterà agli appassionati di guidare come Senna nella sua McLaren MP4/5B del 1990 o, e, come Post al volante della sua Ferrari F1-90. Si potranno affrontare più di 8 sfide e ricevere delle livree esclusive multiplayer a tema Senna e Prost. Sono state aggiunte anche le sembianze dei piloti nella modalità Carriera.  I giocatori potranno sperimentarla quando questa versione sarà lanciata con accesso anticipato 3 giorni prima il 25 giugno prossimo per Pc, PS4 ed Xbox One.

Inoltre, per celebrare il decimo gioco della serie Formula 1 dello studio Codemasters di Birmingham, i fan che prenoteranno o acquisteranno la F1 2019 Anniversary Edition riceveranno due auto classiche premiate nella stagione 2010; la Ferrari F10, guidata da Fernando Alonso e Felipe Massa e la McLaren MP4-25 di Lewis Hamilton e Jenson Button. Entrambe si aggiungono alla Red Bull RB6 di Sebastian Vettel e Mark Webber del 2010 e alle molte auto classiche di F1 2018 che sono state mantenute. Sarà disponibile anche una Steelbook di F1 2019 in edizione limitata solo presso alcuni retailer selezionati.

La cover di F1 2019 ha un nuovo look che rispecchia la feroce competizione che si è sviluppata nelle ultime stagioni. L’attuale campione del mondo, Lewis Hamilton, e il principale antagonista Sebastian Vettel, si aggiudicano la copertina di molti territori, altri hanno fatto una scelta differente per omaggiare altri avversari nel loro Paese.

CI SARA’ LA FORMULA 2

Dopo la reazione positiva della community racing al trailer d’annuncio, la F2 è ufficialmente confermata con la stagione 2018 completa disponibile dal lancio, alla quale si aggiungerà in digitale la stagione F2 2019 più avanti quest’anno con funzionalità online. I giocatori potranno competere con George Russell, Lando Norris e Alexander Albon prima di procedere nella stagione F1 con i rispettivi team.

Paul Jeal, F1 franchise director di Codemasters, ha detto:

I fan possono vedere dal nuovo design della copertina che F1 2019 ha un forte focus sulla rivalità, proprio come lo sport reale stesso. Per questo, siamo assolutamente lieti di aver resuscitato la più grande rivalità di F1 tra Ayrton Senna e Alain Prost. La loro rivalità iniziò proprio nella stagione del 1984 e raggiunse uno dei vertici più drammatici di sempre nel primo giro del Gran Premio del Giappone durante la stagione 1990. (qualcuno ricorderà il famoso “puzzle”, ndr).
È una rivalità che è andata oltre lo sport ed è considerata la più grande di tutti i tempi dai fan della Formula 1. Sappiamo che la nostra community adorerà che le due leggende di questo sport siano state finalmente immortalate insieme nel nostro gioco. Siamo estremamente felici di portare la FIA  Formula 2 Championship nel franchise.
È sempre stata una delle funzionalità più richieste dalla nostra community. Ed arriva in un momento perfetto con i primi tre piloti del 2018, George Russell, Lando Norris e Alexander Albon si stanno dirigendo verso la F1 per questa stagione. Non vediamo l’ora di svelare maggiori dettagli su come questa sia integrata nella modalità carriera nelle prossime settimane.

L’articolo Senna e Prost si affrontano ancora in F1 2019 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Senna e Prost si affrontano ancora in F1 2019