Archivi categoria: Paradox

Auto Added by WPeMatico

Crusader Kings the Board Game arriva ad agosto

Dallo schermo al tavolo il passo è breve. Crusader Kings the Board Game sarà disponibile nei negozi a partire dal prossimo 1 di agosto.

Lo ha svelato Paradox Interactive che di fatto inaugura la serie di board games tratti dai sui videogiochi classici. Il publisher aveva annunciato questa volontà l’anno scorso.  E la relativa campagna Kickstarter era stata un successo con quasi 440.000 euro raccolti grazie a 6.170 sostenitori. Preparatevi perché altri classici arriveranno successivamente.

Così, Crusader Kings the Board Games porterà gli intrighi, le dinastie, le alleanze e le caratteristiche che hanno fatto amare questo grand strategy game anche agli amanti dei giochi da tavolo.

Il titolo sarà anche presente alla Gen Con 2019 di Indianapolis che inizierà proprio l’1 agosto. La vendita al dettaglio globale inizierà subito dopo la convention ed i preordini sono disponibile sul Free League Webshop. Li troverete anche la  Crusader Kings The Board Game – The Royal Bundle al prezzo di quasi 96 dollari. Qui i dettagli.

Nella strategia medievale del titolo firmato Paradox il vostro re o la vostra regina avranno bisogno di sopravvivere ai pericoli di invasioni, complotti, crociate e matrimoni. Scoprirete che la vita di un sovrano medievale è piena di eventi impegnativi e se il vostro sovrano non può sopravvivere, almeno potrete contare sul vostro erede… si spera. La mancata nomina di un successore idoneo potrebbe portare alla fine della vostra dinastia, lasciandovi una semplice nota a piè di pagina nella storia della vostra nazione.

Avrete le carte in regola per fare di più? Avrete quello che serve per diventare un re crociato? Lo scoprirete presto.

I partecipanti al Gen Con 2019 possono provare il gioco da tavolo allo stand Free League, numero 2664, o allo stand Paradox Interactive, n. 349.

L’articolo Crusader Kings the Board Game arriva ad agosto proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Crusader Kings the Board Game arriva ad agosto

Hearts of Iron IV celebra tre anni

Tre anni fa, Paradox Development Studio pubblicava Hearts of Iron IV, nuovo capitolo della sua serie strategica ambientata nella Seconda Guerra Mondiale.

Con una maggiore attenzione alla pianificazione a lungo termine e alle storie alterne, Hearts of Iron IV è diventato rapidamente popolare tra i generali in poltrona di tutto il mondo e tutti coloro che pensano di avere un piano di battaglia migliore.

Il titolo celebra questo anniversario con un rilancio del suo sito ufficiale. Il portale heartsofiron.com fornirà ora ai giocatori informazioni aggiornate nonché rivelazioni delle prossime funzionalità. Inoltre ci saranno dei contenuti scaricabili e molto altro ancora in arrivo. Nondimeno Paradox ha scontato pesantemente (60%) Hearts of Iron IV su Steam fino al 7 giugno. e sul proprio store ufficiale fino al prossimo 10 giugno.

Il publisher ha anche preparato un trailer celebrativo che ripercorre quanto sia successo negli ultimi tre anni. Un percorso interessante tra gameplay ed innovazioni che hanno migliorato il titolo aggiornamento dopo aggiornamento, dlc dopo dlc. Buona visione.

All’inizio di questa settimana, Paradox ha rilasciato due nuovi pacchetti dlc per Hearts of Iron IV. Un nuovo pacchetto di grafica per armature per le principali potenze dell’Asse e un pacchetto radio che mette in evidenza la nuova musica per ciascuna delle principali fazioni in un lettore musicale aggiornato. A proposito di musica, qui il video-diario di tre anni fa sulla colonna sonora del gioco.

Dan Lind, direttore dei lavori sul gioco, ha sottolineato:

Gli ultimi tre anni sono stati un viaggio folle per noi. Anni che hanno trasformato HOI4 nella sua forma attuale e ci sentiamo come se lo avessimo fatto insieme ai giocatori. Non vedo l’ora di vedere cosa hanno in serbo per noi i prossimi anni!

L’articolo Hearts of Iron IV celebra tre anni proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hearts of Iron IV celebra tre anni

Stellaris si arricchirà con Ancient Relics

Conclusi i festeggiamenti per i tre anni di Stellaris, Paradox ha presentato un nuovo story pack. Si chiama Ancient Relics e sarà disponibile prossimamente per Pc, Mac e Linux.

Questo offrirà due nuovi Precursori, i Relic Worlds da esplorare ed altri tesori archeologici da scoprire.

I giocatori scopriranno le rovine di civiltà a lungo morte in Relic Worlds per ricostruire la storia della loro ascesa e dell’eventuale caduta. Si potranno scrutare le loro città e navi abbandonate per portare alla luce la verità, scoprire potenti reliquie e sfruttarle per le ambizioni del proprio impero.

Vediamo il trailer d’annuncio.

STELLARIS: ANCIENT RELICS INCLUDE

  • Reliquie antiche: Raccogliete ed acquisite preziose reliquie nelle vostre avventure come ricompensa per superare le crisi più gravi o dopo aver completato uno scavo in un sito archeologico e risolto i capitoli. Ogni reliquia offre vantaggi significativi al vostro impero per aiutare nella galoppata interstellare.
  • Antenati: Si incontreranno indizi su due civiltà precursori estinte, il Baol e lo Zroni, la prima viveva in una vasta distesa di plantoidi, quest’ultima era una delle più potenti razze psioniche che siano mai esistite. I giocatori potranno investigare su questi sistemi domestici per capire chi fossero e, cosa più importante, cosa si può imparare dalla loro fine.
  • Mondi passati: una volta pieni di vita brulicante, questi Mondi ora giacciono morti, pieni di rovine desolate e misteri dormienti. I giocatori possono scavare siti archeologici garantiti su questi mondi per esplorare questi resti e portare alla luce potenti cimeli e artefatti.
  • Dig In: Colpite la superficie di una varietà di mondi enigmatici ed alieni con più siti archeologici disponibili per il vostro impero per studiare … o saccheggiare. Ogni sito inizia una storia da uno a sei capitoli da scoprire. Ripercorrete la storia per scoprire artefatti e reliquie che possono diventare dei doni per il vostro impero.
  • Questione di artefatti: Imparare dalla storia è importante, può spesso essere la chiave per comprendere il proprio posto nella galassia. Utilizzando la ricerca archeologica, si possono scoprire artefatti minori, un nuovo tipo di risorsa che può aiutare a rafforzare il proprio impero.

L’articolo Stellaris si arricchirà con Ancient Relics proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Stellaris si arricchirà con Ancient Relics

Surviving Mars: Green Planet arriva il 16 maggio

Surviving Mars: Green Planet debutterà il 16 maggio su Pc, PS4 ed Xbox One. Lo rendono noto Paradox Interactive ed Haemimont Games. Il lancio sarà accostato a quello del pacchetto Project Laika che porterà bestiame ed animali domestici su Marte.

I preordini di Green Planet e Project Laika sono ora disponibili rispettivamente al prezzo di 19,99 euro e 5,99 euro, insieme al pacchetto Green Planet Plus che include anche l’espansione Project Green di Laika per 23,90 euro.

I giocatori possono preordinare Surviving Mars: Green Planet e Project Laika sul Paradox Store qui.

Surviving Mars: Green Planet introduce i parametri di Terraforming nel gioco di gestione della sopravvivenza. Questi aggiungono nuovi livelli di profondità strategica.

Gli appassionati possono costruire nuove strutture, completare progetti speciali e seminare la vegetazione sulla superficie di Marte per trasformare il pianeta ostile e costruire una seconda casa per l’umanità. Una volta che il Pianeta Rosso è in grado di sostenere la vita umana, i giocatori possono aprire le cupole e lasciare che i loro coloni respirino la fresca aria marziana.

Gli umani non sono le uniche specie che cercano di vivere su Marte. Con Project Laika viene aggiunge una varietà di animali domestici e di bestiame che andranno a beneficio delle colonie e miglioreranno la vita sul Pianeta Rosso.

I giocatori possono allevare bestiame per aumentare la produzione di cibo mentre gli animali domestici esplorano la loro nuova casa. Tenete d’occhio ciò che i coloni considerano gli animali domestici, tuttavia alcuni dei loro compagni potrebbero essere una sorpresa.

CARATTERISTICHE GREEN PLANET

  • Terraforming: rende il pianeta ostile abitabile per l’umanità. Ogni decisione che viene presa mentre si gestisce la colonia può influenzare i parametri di Terraforming, che includono Atmosfera, Temperatura, Acqua e Vegetazione e idealmente li avvicina ai livelli abitabili. Si dovranno monitorare i progressi su una scala planetaria con l’interfaccia utente panoramica planetaria. Una volta che si è resa l’atmosfera respirabile, si potranno aprire le cupole e lasciare che i coloni respirino aria marziana.
  • Marte verde: seminare la superficie di Marte con vari licheni, erba, arbusti o alberi ed osservare mentre iniziano a trasformare il pianeta rosso in verde. Piante a bassa manutenzione come il lichene possono migliorare la qualità del suolo per aiutare le piante più complesse a crescere mentre gli alberi producono raccolti di semi alti per la colonia da raccogliere. I giocatori devono assicurarsi di monitorare i livelli di qualità del suolo per mantenere le piante sane e in crescita.
  • Progetti speciali: Affrontate sette progetti speciali impegnativi come sciogliere le calotte polari, catturare asteroidi di ghiaccio, lanciare uno specchio spaziale e altro per iniziare a cambiare i parametri di Terraforming. Si dovrà stare attenti: questi progetti avranno un impatto duraturo sul pianeta e scateneranno disastri naturali.
  • Sette nuovi edifici Terraforming: costruire sette nuovi edifici che possono aiutare a terraformare il pianeta o a capitalizzare i cambiamenti. Usare la fabbrica di GHG per rilasciare gas serra nell’atmosfera, l’impianto di forestazione per aumentare la produzione di vegetazione, la pompa dell’acqua per riempire un letto di lago artificiale e altro ancora.
  • Calamità climatiche: la trasformazione di un pianeta può avere conseguenze inaspettate. Se si rilasciano troppi gas serra nell’atmosfera si può innescare la pioggia acida che riduce la qualità del suolo, o se un asteroide sbatte sul pianeta causerà un terremoto che potrebbe interrompere la produzione della colonia.

PROJECT LAIKA INCLUDE:

  • Fattoria degli animali: allevare fino a otto diversi animali da fattoria nei pascoli marziani tra cui mucche, polli, maiali e altro ancora. Gli animali da fattoria possono essere allevati per il cibo nelle nuove rastrelliere o ranch all’aperto, a seconda delle loro dimensioni, e consumano più acqua delle colture.
  • Il migliore amico dei marziani: Animal Pack contiene 25 diversi animali domestici, che vanno dai soliti sospetti come gatti, cani e conigli ad alcune creature inattese come lama, pinguini, ornitorinchi. Una volta terraformato il pianeta a sufficienza, gli animali andranno fuori ad esplorare i cespugli e gli alberi vicini.

L’articolo Surviving Mars: Green Planet arriva il 16 maggio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Surviving Mars: Green Planet arriva il 16 maggio

Cities Skylines, Parklife approda su console

Paradox Interactive presenta Cities: Skylines – Parklife per console. L’espansione, da tempo disponibile su Pc, approda ora su PS4 ed Xbox One. Il prezzo è di 14,99 euro. Il citybuilder si arricchisce di nuove funzionalità “giocose” permettendo ai sindaci di costruire nuovi parchi divertimento, riserve naturali, verde cittadino e zoo per abbellire ulteriormente le città.

Da montagne russe e campeggi ad aiuole, fontane e fenicotteri, Parklife aggiunge nuovi modi di giocare. Lo strumento Area del parco e le funzioni di livellamento funzionano per aumentare i valori delle proprietà del parco e cinque nuove mappe offrono tanto spazio per divertirsi.

Ecco il trailer di lancio. Buona visione.

 

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • Parchi e attività ricreative: utilizzate il nuovo strumento di area del parco per creare distretti di parchi ovunque ci siano terreni vuoti e nuovi servizi cittadini come la manutenzione del parco, che aumenta la felicità e l’efficacia e aiuta a far salire di livello i parchi.
  • Brick by Brick: personalizzate la vostra città con nuovi edifici e risorse, tra cui una nuova linea di bus turistici, nuovi edifici di servizio, nuovi edifici unici come parchi divertimento, riserve naturali, parchi cittadini e zoo e un nuovo monumento regale, il Castello di Lord Chirpwick .
  • Fuori dai sentieri battuti: posizionate edifici accanto ai percorsi nei distretti del parco (non solo vicino alle strade). I puntelli possono essere posizionati ovunque all’interno delle aree del parco.
  • Recessi tra edifici: trasformate quegli spazi vuoti tra i vostri edifici in parchi e giardini vivaci.
  • È una passeggiata nel parco: personalizzate i percorsi e fissate i prezzi dei biglietti per nuove passeggiate e visite turistiche, tra le altre migliorie turistiche.
  • Politiche, per favore: prendete tre nuove politiche cittadine e otto nuove politiche del parco per affrontare i rischi ricreativi come l’”etica animale” e i giochi pirotecnici.

Disponibile anche oggi per 7.99 Euro, Radio Pack 2 sta consegnando due nuove stazioni radio: preparatevi a  ravvivare le vostre partite. La Country Road Radio porterà a casa in stile cowboy, e All That Jazz sta riportando indietro DJ Jazz Boatman per riportarti indietro di qualche decennio in un’altra epoca di dixieland.

Come consuetudine Paradox, ltre alle espansioni a pagamento, Cities: Skylines su console avrà anche un aggiornamento gratuito, incluso un nuovo pannello dedicato al turismo, alberi che riducono l’inquinamento acustico, un aggiornamento della modalità fotocamera, nuovi modelli turistici e altro ancora.

L’articolo Cities Skylines, Parklife approda su console proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Cities Skylines, Parklife approda su console

Megacorp, la nuova espansione di Stellaris è disponibile su Pc, Mac e Linux

La terza espansione di Stellaris, Megacorp, rilasciata da Paradox Interactive, è disponibile su Pc, MacOS e Linux. Il nuovo contenuto aggiunge inedite funzionalità incentrate sul commercio, dando i giocatori la possibilità di far emergere il loro spirito imprenditoriale.

Stellaris: MegaCorp offre ai giocatori un modo completamente nuovo di farsi un nome nella galassia grazie a Corporate Authority e Branch Offices, consentendo loro di espandere le operazioni e influenzare il commercio. Si possono quindi, maneggiare una serie di caratteristiche orientate al profitto per costruire un impero ancorato ai gloriosi ideali del capitalismo spaziale.

Vediamo il trailer di lancio:

DETTAGLI

  • Cultura aziendale: gli amministratori delegati di un MegaCorp possono condurre affari su scala galattica. Costruendo Branch Offices su pianeti all’interno di imperi commerciali, il MegaCorp può aggiungere una parte del valore commerciale del pianeta alla propria rete. Usando il nuovo tipo di governo della Corporate Authority, si potrà arrivare a creare una potenza economica e dominare il commercio galattico.

  • City World: con Ecumenopolis, i giocatori possono aumentare la densità di popolazione dei mondi principali fino a proporzioni veramente epiche, creando infine una megalopoli che si estende su un intero pianeta.
  • Flotte di caravane: è fondamentale tener d’occhio i caravanieri, i carrettieri e i commercianti interstellari nomadi che si tengono lontani dalla politica galattica e che hanno sempre affari nascosti.
  • Altre megastrutture: mega installazioni, assemblaggi interstellari e centri di coordinamento strategico. Tutto questo e molto altro potrà essere costruito per dirigere e coordinare il commercio interstellare.

  • Mercato degli schiavi galattici: possibilità di comprare e vendere schiavi su scala industriale, liberarli o mantenerli come bestiame.
  • Consulenti e musica: 3 consulenti aggiuntivi e 4 brani musicali aiuteranno a conquistare la galassia.

Giuseppe Stecchi

 

 

L’articolo Megacorp, la nuova espansione di Stellaris è disponibile su Pc, Mac e Linux proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Megacorp, la nuova espansione di Stellaris è disponibile su Pc, Mac e Linux

Si costruiscono città su Switch con Cities: Skylines

E venne il giorno del debutto su Switch. Cities: Skylines è disponibile sulla console ibrida di casa Nintendo. L’annuncio arriva dal Nintendo Direct. Il titolo di Paradox, che include anche due importanti espansioni come After Dark e Snowfall, è acquistabile sull’eShop al prezzo di 39,99 euro.

Vediamo il trailer di lancio. Buona visione.

Cities: Skylines è una variante moderna dei classici giochi dove si costruisce la città. Offre un gameplay profondo, sempre vario ed in grado di offrire sempre sfide importanti nella costruzione e nella gestione di un centro urbano. Il tutto arricchito da un sistema economico ed una rete di trasporti realistica.

Le novità dell’edizione Switch si concretizzano con un’interfaccia rinnovata specificatamente per la console Nintendo. In esclusiva ci sarà il rumble HD che aiuterà a trovare le aree più adatte per posizionare gli edifici di servizio della città. Il gioco supporta anche i Pro Controller ed i tutorial aggiuntivi aiuteranno nella prima partita per un’esperienza più completa.

Il gioco sviluppato da Colossal Order propone un sistema trasporti complesso e realizzato. Vi sono inoltre Distretti e normative che permettono di suddividere la città in aree con normative diverse da applicare in modo da sfruttare al meglio il lato economico ma anche funzionale e trovare il miglior equilibrio gestionale per il proprio centro abitato.

L’articolo Si costruiscono città su Switch con Cities: Skylines proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Si costruiscono città su Switch con Cities: Skylines

City: Skylines, l’espansione Mass Tranist approda su console

Mass Transit, l’espansione per City: Skylines, è disponibile anche su console approdando su PS4 ed Xbox One.

Si tratta di una delle espansioni più vendute dell’eccellente city builder di Paradox sviluppato per Pc da Colossal Order e per console da Tantalus Games. Ora anche i cittadini su console possono spostarsi attraverso terra, mare e cielo, con traghetti, monorotaie, funivie, dirigibili ed altro. Mass Transit include anche nuovi edifici e stazioni di servizio di transito, nuovi tipi di strade e punti di riferimento e infinite sfide di pianificazione urbana.

Ecco il trailer di lancio

La patch gratuita di oggi coincide anche con nuovi contenuti incentrati sui trasporti, inclusi aggiornamenti per la denominazione di strade, aggiustamenti stradali e visualizzazione di informazioni con tipi di trasporto, aiuti visivi per la costruzione di strade, nuove impostazioni di intersezione (regole di rendimento, semafori e strade prioritarie) , alternando le stazioni ferroviarie locali e interurbane, le informazioni aggiuntive sui trasporti pubblici, la logica migliorata dei veicoli di emergenza, il modding dei cittadini e altro ancora.

L’articolo City: Skylines, l’espansione Mass Tranist approda su console proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di City: Skylines, l’espansione Mass Tranist approda su console

Stellaris: Distant Stars arriva il 22 maggio

Paradox Interactive ha ufficializzato poco fa che Stellaris: Distant Stars arriverà a brevissimo. Il nuovo pacchetto storia arricchirà ulteriormente lo strategico sci-fi a partire da martedì prossimo, 22 maggio.

La storia è incentrata su nuove anomalie e nuove creature. Il prezzo sarà di 9,99 euro.

Stellaris: Distant Stars aggiunge sistema solari unici ed una misteriosa costellazione rimossa dalla nostra galassia. Non si potrà dire cosa scopriremo ma si può dire che noi ed il nostro equipaggio saremo lontani da casa.

Vi lasciamo al lungo trailer di presentazione. Buona visione.

L’articolo Stellaris: Distant Stars arriva il 22 maggio sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Stellaris: Distant Stars arriva il 22 maggio

Cities: Skylines compie tre anni e cinque milioni di copie vendute su Pc

Sono già passati tre anni dall’esordio su Pc di Cities: Skylines. Il city builder di Colossal Order e Paradox è uscito il 10 marzo 2015 e nel corso di questo periodo ha saputo farsi apprezzare ulteriormente.
Una prova, oltre ai tanti voti positivi della critica, anche il fatto che abbia superato i 5 milioni di copie vendute su Pc Windows, Mac e Linux.

In questo periodo, inoltre, publisher e sviluppatori hanno pubblicato circa 1.000 nuovi contenuti che comprendono il turismo e lo svago: paesaggio, calcio, stazioni radio, concerti, elicotteri, traghetti, monorotaie, dirigibili e molto altro ancora.
Tuttavia sono i giocatori della community di Cities i veri produttori di grandi contenuti, che hanno fornito più di 144.000 mod sino ad oggi.

Negli ultimi tre anni, i fan di Cities: Skylines hanno dimostrato senza dubbio, di poter sopravvivere a disastri naturali, abbondanti nevicate e anarchie di ogni genere, ma la domanda rimane….saranno in grado di sopravvivere a Marte?

Per celebrare il suo terzo anniversario e le cinque milioni di copie vendute, i giocatori di Cities: Skyline riceveranno un nuovo edificio Rocket City chiamato Xchirp Launcher, un astronauta Chirper e una nuova stazione radio gratuita: l’Official Mars Radio. Sintonizzatevi su Marte a partire da questo venerdì, 9 marzo (domani in poche parole), per ascoltare nuovi brani spaziali come Perfect Wave, Mission Stardust, The Return of Sputnik, Moon Zero Two e Aiming for Jupiter.

Qui c’è la nostra recensione su Pc ma ricordiamo che il gioco ha fatto capolino anche su console PS4 ed Xbox One.

 

L’articolo Cities: Skylines compie tre anni e cinque milioni di copie vendute su Pc sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Cities: Skylines compie tre anni e cinque milioni di copie vendute su Pc

Stellaris ha superato il 1,5 di copie vendute

Stellaris, eccellente grand strategy sci-fi firmato da Paradox, ha avuto il merito in questo anno e mezzo dalla pubblicazione di aver appassionato un gran numero di giocatori.

Lo stesso publisher ha confermato i grandi numeri del suo gioco ed ha riportato il dato GameReactor. Lo strategico fantascientifico ha venduto un milione e mezzo di copie. E dire che questo genere è ritenuto quasi di nicchia, destinato ad un’utenza di nicchia. Del resto il bello della vita è anche quello di scardinare alcune convinzioni.

Il merito di Paradox è comunque quello di supportare enormemente i suoi giochi. Stellaris ha ricevuto due giorni fa (il 22 febbraio) una nuova espansione, Apocalypse, (qui recensita dal nostro Giuseppe Filiti) nonché un aggiornamento corposo gratuito. Questa è una prassi della software house svedese che è solita accompagnare le sue espansioni maggiori a grossi aggiornamenti gratuiti che hanno aggiunto, in questi mesi, contenuti e livellato il gameplay sempre godibilissimo.

L’articolo Stellaris ha superato il 1,5 di copie vendute sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Stellaris ha superato il 1,5 di copie vendute

Cities Skylines, l’espansione Green Cities debutta oggi

L’espansione Green Cities che dà la svolta verde ed ecologista a Cities: Skylines debutta oggi su Pc Windws, Mac e Linux. Lo rende noto Paradox, publisher dell’eccellente city builder firmato da Colossal Order. Il prezzo è di 12,99 euro.

Green Cities aggiunge oltre 300 nuovi assets per il cuore del gioco inclusa una massiccia selezione di nuove opzioni per le visuali, una serie ampia e completa di edifici ecososteninibili, negozi di organico, nuovi parchi e servizi. I giocatori possono ora completamente trasformare l’evoluzione della città con una decisa nota di verde così come la crescita della popolazione e realizzare diverse città con nuove zone specializzate. O adottare politiche speciali come il divieto dell’energia a combustione o la realizzazione di filtri per l’industria per combattere l’inquinamento tradizionale e quello acustico.

L’espansione è accompagnata come sempre da un importante aggiornamento contenutistico gratuito che offre macchine elettriche, alcune opzioni per l’abbellimento dell’arredo cittadino dai parchi e gli alberi ad altre cose.

Ecco il trailer di lancio. Buona visione.

Condividi questo articolo


L’articolo Cities Skylines, l’espansione Green Cities debutta oggi sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Cities Skylines, l’espansione Green Cities debutta oggi

Cities: Skylines, Recensione PS4

L’evoluzione delle console e del mercato ha permesso l’arrivo di giochi che in passato difficilmente avremmo visto perché considerati tipicamente per Pc. Soprattutto se parliamo di city builder.

Difficilmente ma non un caso isolato perché titoli come SimCity, già nel lontano 1989, si presentarono su alcune console dell’epoca. Stesso discorso per SimCity 2000 mentre SimCity 3000 è stato portato su Nintendo DS a diversi anni dalla sua uscita.

Ma questa è storia. Andiamo all’attualità: pochi giorni fa ha fatto il suo esordio su PlayStation 4 un titolo che su Pc ha praticamente soppiantato SimCity (anche se riteniamo che SimCity 4 e SimCity 3000 siano comunque classici intramontabili, piuttosto divertenti e profondi) portando il genere a nuove vette. I più attenti avranno già capito: stiamo parlando di Cities: Skylines, uscito su computer nel 2015 a firma Paradox Interactive e Colossal Order in modo trionfale. Lo scorso aprile, il titolo è approdato su Xbox One e poco più di due settimane fa, esattamente per Ferragosto, ha fatto capolino anche sulla ammiraglia di casa Sony con una versione appositamente rivisitata da Tantalus Games.
Tale versione include anche la prima espansione uscita in ordine cronologico, After Dark che offre più “vita notturna”, ma senza le altre espansioni uscite in questi anni e soprattutto priva diverse caratteristiche che su Pc hanno firmato una netta differenza con la concorrenza come ad esempio il supporto alle mod, il terraforming ed altro.

Sarà in grado il re di questo genere a farsi rispettare anche su PS4? Sarà appetibile per un pubblico più abituato ad altro ma non del tutto esente da giochi dai ritmi più compassati e riflessivi? E soprattutto, come risponderanno i comandi? Saranno in grado di sostituire adeguatamente mouse e tastiera?

Ecco la nostra recensione di Cities: Skylines PlayStation 4 Edition. Buona lettura.

INTERFACCIA SEMPLICE, COMANDI BUONI MA NON TROPPO PRECISI

La versione PlayStation 4 propone una interfaccia utente piuttosto semplice a molto simile a quella Pc. I comandi rivisitati per il DualShock 4 sono piuttosto reattivi nella fase di selezione e di cambio di menu. E questo è un bene perché l’immediatezza è fondamentale. Scegliere cosa costruire e dove costruire verrà semplice.

L’interfaccia riesce ad offrirci tutte le informazioni che ci servono e ad andare facilmente da un menu all’altro, da un’opzione all’altra, da una costruzione all’altra con estrema chiarezza. Alcuni comandi poi sono stati ben implementati come la rotazione e lo zoom della mappa che saranno fondamentali nello stilare “il piano di edificazione” della nostra futura metropoli.
Non ci vorrà molto a selezionare le zone da destinare all’edificazione di case (si inizierà con quelle di bassa densità), centri commerciali o industrie. Così anche per scegliere le varie fonti di energia.

Ma il problema, soprattutto all’inizio, è quello della realizzazione dei collegamenti stradali e degli allacciamenti alle reti elettriche e dell’acqua/fognario. Se con mouse e tastiera si poteva giostrare con estrema precisione dimensioni e forme, con il joypad ci vorrà un po’ più di pazienza e tanto tempo al punto che consigliamo di mettere il gioco in pausa e progettare le reti. Pratica già fatta ampiamente su Pc ma da esasperare su console.
Quando si gestisce una cittadina con poche centinaia di abitanti il problema può essere secondario (e trovare soluzioni a possibili errori o distrazioni è meno traumatico) ma se si hanno più ambizioni e si vuole cominciare ad ingrandire il nostro piccolo centro trasformandolo, diciamo dal Villaggio Pinguino. fatto da qualche villetta gradevole. a Metropolis e poi a città sempre più grandi con centinaia di migliaia di abitanti (e palazzi, grattacieli, mega centri commerciali ed industrie megagalattiche nonché strade sopraelevate ed un robusto sistema di metropolitane e servizi pubblici), il discorso può farsi serio perché la gestione dei trasporti soprattutto necessita per forza di cosa di maggior precisione.
Non tanto dal punto di vista estetico ma da quello pratico e soprattutto economico: una svista può farci spendere soldi supplementari ed abbattere costruzioni, magari abitate o redditizie, non è mai una buona idea.
Una via dritta piuttosto che una curva può anche essere utile ma non esattamente funzionale al panorama. La varietà di strade in Cities: Skyline è enorme, a doppio senso, alberate, a più corsie, secondarie e molto più complicate ed è possibile anche realizzare percorsi circolari (come nell’ultimo SimCity uscito nel 2013, ndr).

Prima di chiudere questo paragrafo, accenniamo anche al comando per mettere in pausa ed a quello per accelerare o rallentare il tempo. Tre i livelli di velocità: Normale, veloce e velocissima.

GAMEPLAY DAVVERO PROFONDO CON INFINITE POSSIBILITA’

cities-skylines-ps4 b

L’apprendimento della costruzione delle strade, così come quella di tutte le altre strutture, è affidato a dei tutorial che però sono estremamente sbrigativi e servono sostanzialmente ad insegnarci quali siano i comandi da utilizzare per concretizzare le nostre idee basilari. Per il resto dovremo fare da noi facendo, come abbiamo già scritto qualche riga più indietro, attenzione.

Tutto poi sarà al servizio della logica perché in Cities: Skylines, i fattori di una crescita costante sono legati all’equilibrio. Ci piace sottolineare come sia possibile in questa versione scegliere di giocare con fondi infiniti senza quindi volersi affannare a studiare soluzioni funzionali per far progredire la città ed al tempo stesso avere un bilancio in attivo per continuare a finanziarne i progressi. Se, però, si deciderà scegliere questa opzione non si potranno conquistare i Trofei, immancabili, su PS4.

Ma non ci sono soltanto i Trofei da conquistare. Il gioco offre dei traguardi “interni” che variano secondo il numero di abitanti. Da 500 abitanti in su si potranno attivare le strutture per la Sanità (cliniche, pronto soccorsi e così via) e per lo smaltimento di rifiuti. Arrivati a quota 1.000 potremo piazzare (soldi permettendo), stazioni della polizia o dei vigili del fuoco nonché le prime scuole. Man mano che si sale, il nostro ventaglio di edifici a disposizione aumenterà a dismisura permettendoci di abbellire, modernizzare ed espandere la città anche con impianti sportivi, monumenti, parchi, canili e tanti edifici che danno un insieme vasto, variegato ed appagante… a tratti anche traumatico. Non sarà facile, anche visivamente ed affettivamente, che grattacieli e grossi complessi abitativi vadano a sostituire le bellissime villette a schiera di una strada secondaria. E che questa strada venga ingrandita collegando non più casette deliziose ma più imponenti condomini eleganti (a seconda della zona, ndr).

Cities skylines water
cities-skylines-sewage
Cities skylines water b

Cities: Skylines trova la sua grandezza nella (quasi) assoluta libertà d’azione e nell’offrire sempre tanti spunti per cercare di variare le proprie scelte o correggerle. Il gioco terrà conto, ad esempio e come giusto che sia, del tasso di inquinamento atmosferico.
Le industrie dovranno stare lontane dalle case e dai centri commerciali, ma bisognerà fare attenzione anche all’inquinamento delle acque e quindi piazzare depuratori vicino alle fonti (laghi, fiumi, mare). Questo c’era già nei SimCity ma qui è stato realizzato allo stato dell’arte. Non basteranno, ad esempio, una pompa d’acqua e delle tubature per offrire un servizio funzionante ma bisognerà anche mettere lo scarico delle acque reflue in una posizione adeguata in modo che le fognature non inquinino l’acqua potabile. Occhio anche alla diffusione di questi servizi perché la città crescerà ed i relativi collegamenti dovranno essere capillari in modo da non lasciare nessun abitazione, centro commerciale o sito industriale senza acqua, elettricità ed almeno un collegamento viario (che si tratti di strade, autostrade o ferrovie).

Ma la raffinatezza arriva ad alti livelli con l’inquinamento acustico: le pale eoliche sono ottime dal punto di vista ambientale ma turbano gli abitanti della città che quindi avranno bisogno di cliniche per curarsi e comunque di vivere ad una certa distanza da queste centrali che sono comunque piuttosto costose e meno potenti rispetto alle fonti di energia fossile che di contro è estremamente inquinante. Il gioco vede al futuro e spinge i sindaci a realizzare città ecosostenibili. Man mano che si creeranno dei problemi ci verrà comunque spiegato come poterli superare. I cittadini sono stanchi di vedere altre villette e vorrebbero divertirsi? Bene, si costruiranno parchi, aree verdi ma anche aree ricreative, impianti sportivi e molto altro.

I cittadini, anche in Cities: Skylines, hanno bisogno di tutto e man mano che la città si espanderà, sarà possibile costruire una maggior varietà di edifici ed ampliarne la capienza selezionando nelle abitate, commerciali ed industriali un maggiore livello di densità.
Questo permetterà la costruzione di grattacieli e palazzi che si stagliano e che cambiano la skyline della nostra metropoli. Ma si potranno piazzare tutte quelle strutture che servono comprese innumerevoli ricreative, per il benessere degli abitanti come scritto poco sopra. Senza tralasciare la gestione una rete di trasporti estremamente efficace (a patto di non bisticciare col joypad) in tutte le direzioni: strade, autostrade, raccordi, ferrovie, metropolitane, linee di autobus e così via come porti ed aeroporti. La larghezza delle strade sarà fondamentale e sarà altrettanto vitale collegare le diverse zone. Come su Pc, è anche possibile acquistare degli ampi lotti di terreno confinante man mano che verranno soddisfatti alcuni requisiti per espandere letteralmente il proprio centro abitato battendo quindi altri chilometri quadrati di territorio.

Gli abitanti hanno sempre richieste in evoluzione e le loro domande sono tenute sotto controllo dall’interfaccia utente che registra le tendenze. A volte sarà più utile costruire case per soddisfare le loro richieste, o destinare aree all’industria.

cities-skylines-playstation-4-editition A
cities-skylines
cities-skylines-playstation-4-editition B

La gestione del bilancio non sarà impossibile e ci saranno possibilità per aumentare i nostri introiti limitando, quando possibile, le spese. Non solo tasse ma anche politiche utili per portare soldi alle casse comunali. Si può decidere, ad esempio di legalizzare le droghe leggere con un cospicuo aumento dei ricavi da tasse e turismo.

A proposito di turismo: ci sono le strutture ricettive, attivandone le relative politiche comunali, nelle zone più idonee della città, ovvero agli ingressi e molto altro. Insomma, Cities: Skylines ci regala un gameplay profondo con un livello di difficoltà non esattamente facile, soprattutto all’inizio ma non impossibile. Basterà entrare nei giusti meccanismi ed all’inizio si potranno fare cose sempre più decenti. Andando avanti ci vorrà sempre più pratica. Non sarà semplice, ad esempio, chiedere dei prestiti: gli interessi seppur non alti, all’inizio sono quasi insostenibili.

Ma le politiche possono essere molteplici: si può incentivare l’utilizzo dei mezzi pubblici rendendoli gratuiti per combattere traffico ed inquinamento o ancora incoraggiare l’utilizzo delle biciclette; si può approvare il riciclo ed attivare dei detector per il fumo e molto, molto, altro per rimpinguare le casse comunali o aggiustare il tiro sulle linee guida della disciplina dei cittadini.

LE BELLEZZE DELLA CITTA’ TRA ANFRATTI DELIZIOSI E PALAZZONI DA LASCIAR A BOCCA APERTA

cities-skylines-playstation-4-edition
cities skylines A
CitiesSkylines_02

Dal punto di vista tecnico, Cities: Skylines è un bel vedere anche su PS4. Ha qualche cosa in meno rispetto alle configurazioni alte, ma nel complesso è piuttosto ben fatta. Non mancano i dettagli interessanti dati anche dalla possibilità di costruire deliziose strutture in posti naturali molto belli: in riva al mare o in collina. Va da sé ma è pur sempre utile sottolineare come sia possibile scegliere all’inizio della partita la mappa sulla quale erigere le nostre fondamenta: pianure, collina, delta dei fiumi, zone costiere o su isole. Ogni ambientazione avrà le sue caratteristiche come tipo e densità di vegetazione, di alture sulla mappa e di risorse sul territorio.

Non solo gli edifici sono variegati ma ognuno di essi è molto dettagliato. Per non dimenticare degli effetti naturali, delle luci e delle ombre e su come il ciclo giorno-notte cambi aspetto alla città. Vedere un complesso armonizzarsi con la natura o una megalopoli cresciuta dal nulla è appagante. Costruire una piccola Beverly Hill o New York o ancora città immerse nel verde sarà una gioia per gli occhi grazie ad un 3d pulito e senza troppi fronzoli ma in grado di offrire spesso e volentieri piccole raffinatezza soprattutto quando la città prende (o ha già) forma.

La transizione tra giorno e notte vede effetti ombre e luci interessanti mentre è possibile zoomare da altezze satellitari a praticamente l’altezza della strada. Al massimo dettaglio di zoom abbiamo notato qualche effetto pop up nella vegetazione e qualche piccola incongruenza nelle animazioni (scriptate) dei cittadini. Nulla di grave o che mini l’esperienza di gioco.

Bene le musiche, varie e sempre in tono con il gameplay oltre che essere rilassanti con motivi orecchiabili ed alcuni pezzi mirabili. Del resto la colonna sonora di Cities: Skylines sarà presto protagonista di una nuova aggiunta della versione Pc del gioco al momento intitolata Concerts che permette di organizzare festival culturali aggiungendo strutture e politiche cittadine inedite.

Cities: Skylines_20170821172121

COMMENTO FINALE

Non c’è tantissimo da aggiungere a quanto già scritto. Cities: Skylines PlayStation 4 Edition (questo il titolo completo di questa edizione) porta sull’ammiraglia di casa Sony l’essenza del capolavoro assoluto che abbiamo ammirato ed apprezzato su Pc da due anni a questa parte. Certo, mancano alcune cose rispetto alla versione regina come alcune espansioni, gli editor per gli edifici e le mappe ed il supporto alle mod. Ed in più ci sono alcune piccole incertezze come la non precisione a tratti dei comandi ed alcune “limitazioni” dovute all’hardware della console. Diversamente staremmo parlando di un gioco da 9,5-10. Così non è ma è pur sempre divertente ed interessante giocarlo anche col joypad grazie ad un’interfaccia ben realizzata.

Peccato manchi l’italiano per non potersi godere anche i vari commenti dei cittadini che, tramite social fittizi (che ricordano Twitter) informano il primo cittadino, ovvero noi, ed invitino ad intervenire su qualche problema ricorrente.

Cities: Skylines prende molto dal passato ma proietta nel futuro questi insegnamenti molto bene. E su PS4 è gradevole. Se non avete un Pc e comunque non volete rinunciare a costruirvi la vostra città dei sogni, fate pure: è il gioco che fa per voi. Confidiamo, infine, che le espansioni, ed il supporto alle mod vengano poi aggiunte da Paradox.

 

Pregi

La base della versione Pc c’è tutta. Gameplay profondo e molto libero. Buona interfaccia. Grandissima varietà. Giocabile e rigiocabile. Graficamente gradevole. C’è anche l’espansione After Dark…

Difetti

… ma mancano le altre espansioni. Non c’è il supporto alle mod. Assente l’editor. I comandi sono discreti ma non precisi come mouse e tastiera.

Voto

8,5

Condividi questo articolo


L’articolo Cities: Skylines, Recensione PS4 sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Cities: Skylines, Recensione PS4

Paradox ingaggia il musicista Tobias Gustavsson

Paradox Interactive ha annunciato nella giornata di ieri che Tobias Gustavsson, pluri-premiato musicista e compositore, si è unito al celebre studio in qualità di responsabile della musica. Gustavsson si focalizzerà su nuovi modi per integrare la musica al videogioco, a partire dalla composizione di colonne sonore inedite, e si è detto felice di avere la possibilità di comporre “un nuovo tipo di musica per un nuovo tipo di pubblico“.

Gustavsson è conosciuto per aver collaborato con artisti di fama internazionale da tutto il mondo, tra i quali citiamo Nelly Furtado, Britney Spears, Kylie Minogue e Deep Purple, tra i suoi premi, si contano un’assegnazione per la migliore “Song of the Year” ai Grammis 2008 (la versione svedese dei Grammy). Tra i videogiocatori, invece, è conosciuto per aver prodotto le colonne sonore di titoli Paradox come Europa UniversalisHearts of IronCities: Skylines.

Tobias Gustavsson

Condividi questo articolo


L’articolo Paradox ingaggia il musicista Tobias Gustavsson sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Paradox ingaggia il musicista Tobias Gustavsson

Europa Universalis IV, disponibile il dlc Third Rome

L’espansione Third Rome per Europa Universalis IV è disponibile. Lo rende noto Paradox Interactive, editore e sviluppatore del mastodontico strategico storico per Pc Windows, Mac e Linux. Costa 9,99 euro.

Il dlc in questione aggiunge funzionalità inedite per l’Impero Russo e per le nazioni vicine (in generale quelle dell’attuale ex Unione Sovietica). Qui più dettagli. Ecco, infine, il trailer di lancio. Buona visione.

Condividi questo articolo


L’articolo Europa Universalis IV, disponibile il dlc Third Rome sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Europa Universalis IV, disponibile il dlc Third Rome