Overpass, Recensione PS4

Inquadrare Overpass non è stato affatto facile e per la nostra recensione PS4 abbiamo dovuto fare gli “straordinari”. Ci abbiamo messo un po’ di tempo, infatti, per mettere a fuoco il gioco dell’accoppiata Bigben e Zordix Racing, rischiando di gettare la spugna dopo nemmeno 2 ore di gioco. Le nostre aspettative erano molto alte rispetto quello che avevamo visto durante i mesi scorsi. Un simulatore di corse che si lanciava verso un argomento non ancora esplorato a dovere, quello delle corse su sterrato, con UTV e ATV a farne da padrone.

Anche il comparto grafico ci aveva colpito con una gestione della luce e dei riflessi mica da poco. Insomma, arrivavamo carichi di aspettative e buone intenzioni e ci siamo schiantati di faccia contro il muro della difficoltà. Overpass sembrava a tratti ingiocabile e, nonostante la localizzazione del gioco fosse completamente in italiano e l’aver fatto il tutorial iniziale (solo l’audio del tutorial è in inglese), non capivamo come giocare. Il veicolo rimaneva sistematicamente incastrato e le ruote non riuscivano mai a reggere le ripide pendenze, slittando inesorabilmente su ghiaia e fango.

Eravamo sul punto di mollare ma poi abbiamo capito che in Overpass non si corrono gare “normali”, come un normale simulatore. Non era un racing sim classico a cui eravamo abituati e/o che pensavamo fosse. L’errore più grande era stato giudicarlo tale. E allora che cos’è? Che tipo di racing sims hanno creato gli uomini di Bigben e Zordix Racing? Se volete scoprirlo non vi resta che proseguire con la lettura della nostra recensione di Overpass, titolo, vi ricordiamo, giocato su console PS4.

VINCE IL PIÙ LENTO

Come vi abbiamo anticipato prima, la difficoltà sull’inquadrare Overpass per la nostra recensione della versione per console PS4 è stata piuttosto notevole, accompagnata da pensieri negativi nei confronti del nostro joypad. Dopo circa una decina di ore di sessioni di guida molto intense, fatta di tante arrabbiature ma anche di molte scoperte, la nebbia e le perplessità iniziali cominciavano a diradarsi. Bigben e Zordix Racing non hanno realizzato un classico simulatore di corse dove vince chi va più veloce. In realtà è proprio l’esatto contrario.

Si corre principalmente su strade sterrate, sia asciutte che bagnate, con condizioni atmosferiche e climatiche sempre diverse, in piano e in salita, in pianura e in montagna e anche al mare. Come potete vedere le variabili in gioco sono moltissime e ovviamente andare “forte” non serve a nulla ed è proprio questo che noi stavamo sbagliando. Vince il più lento.

overpass recensione ps4

Controllando la velocità del mezzo, sia che siamo con un UTV che con un ATV, si guadagna in controllo e guidabilità, due aspetti fondamentali in un gioco di corsa. Ci abbiamo messo circa una decina di ore per capirlo e alla fine la nostra esperienza con Overpass cominciava ad assumere contorni meno tetri. Questo però non rappresenta un suo pregio bensì un difetto del titolo di Bigben e Zordix Racing. Quando si effettua il primo approccio con un videogioco ognuno di noi sigla un contratto tacito con il gameplay. È un accordo che ha una durata molto limitata ed è condizionato dalla clausola del fattore pazienza.

Alla domanda, quanto tempo sei disposto a dedicare a un videogioco prima di capirlo, in molti risponderebbero il giusto ma non troppo. Dieci ore sono troppe prima di cominciare a comprendere un simulatore di guida.

overpass recensione ps4

Le modalità di gioco proposte in Overpass sono essenzialmente tre: la Carriera, le Gare Singole e il Multigiocatore. La modalità carriera è articolata piuttosto bene con una sorta di intrefaccia a forma di alveare dove individuare e scegliere le gare da affrontare. Il numero di ambientazioni e tracciati è notevole e questo è da riconoscere tra i punti di forza del gioco. I circuiti sono variegati e presentano livelli di difficoltà diversi tra loro. Man mano che ci si avvicina verso l’obiettivo finale, guadagnare un posto per accedere alle World Series, il livello di sfida aumenta.

Dopo ogni gara, a seconda del piazzamento e delle penalità accumulate, viene rilasciato un punteggio e un premio in denaro. Il primo serve a guadagnare la reputazione del pilota il secondo serve per acquistare nuovi mezzi e upgrade. All’aumentare del nostro livello di prestigio ci verranno proposti sempre nuove migliorie per cui la logica di grinding di Overpass è piuttosto chiara. Più vinci e più sei importante, più guadagni e meglio acquisti.

overpass recensione ps4

Tralasciando la modalità gara singolo che altro non è che una semplice gara con mezzo e circuito scelto da voi e senza alcuna logica di crescita e sviluppo, parliamo invece della modalità multigiocatore. Le gare si svolgono in una sessione con al massimo 4 giocatori. È presente anche una chat con cui scambiare qualche messaggio ed eventualmente insultare quelli che si addormentano con il pad in mano e non si uniscono alla partita, bloccandola inesorabilmente.

Eh si, avete capito bene, non è presente alcun sistema per espellere l’eventuale tappo. Morale della favola: non siamo riusciti a testare nemmeno una volta la modalità multigiocatore e di questo vi chiediamo scusa. Purtroppo ci abbiamo provato con scarsi e deludenti risultati.

LEZIONI DI GUIDA E GEOLOGIA

Non è per niente facile guidare in Overpass. Le variabili in gioco sono moltissime. Gli sviluppatori sono riusciti a creare un videogioco di strategia integrandolo in un simulatore di guida. Prima di ogni accelerata e/o sterzata dovete verificare la tipologia di terreno e gli eventuali impedimenti e ostacoli presenti. Ribaltarsi e finire fuori strada è veramente un attimo.

Le salite possono diventare delle trappole infernali se non prendete un’adeguata rincorsa e mantenendo un buon grip con le gomme. Il terreno può nascondere delle insidie naturali come sassi, fango e buche e artificiali come tubi interrati, ponti basculanti e tronchi di legno disposti a piramide. Come vedete, guidare non è per niente facile in Overpass.

overpass recensione ps4

In nostro ausilio arriva la meccanica e un po’ di fisica applicata al gaming. Il sistema di trasmissione può essere impostato in 3 differenti modalità: 2WD, 4WD e differenziale. Noi non abbiamo mai utilizzato il primo, mentre il secondo e il terzo ci hanno tolto dai guai in molte situazioni. Il 4WD prevede una trazione del mezzo con 4 ruote motrici “non bloccanti” che sviluppano la potenza in egual maniera e non curanti di eventuali “giri a vuoto”.

Se il terreno è sconnesso ma piuttosto lineare come direzione di guida, il sistema differenziale è eccezionale. Quest’ultimo prevede di trasferire la potenza alla ruota con maggiore aderenza al terreno, sottraendola a quelle che non godono di una buona trazione. Questo è un ottimo modo per evitare di rimanere bloccati anche se a volte, purtroppo, non basta nemmeno quest’ultimo metodo per evitare gli “incastri anomali”.

overpass recensione ps4

La configurazione del mezzo è molto limitata se non quasi assente. L’unica cosa che potete fare, oltre ad acquistare veicoli meglio performanti, è quella di installare nuovi upgrade che migliorano il veicolo in uso. Ma si tratta solo di un miglioramento. Per quanto questo gioco sia denso di dettagli in fase di guida, una configurazione puntuale del mezzo, con un altrettanto livello di dettaglio, sarebbe stata utile e funzionale.

L’ultimo consiglio che possiamo darvi, a conclusione della nostra recensione della versione PS4 di Overpass, per evitare di cancellare il gioco dopo averlo provato per nemmeno un’ora, è questo: andate piano e restate sempre tra i 4000/5000 giri senza sforare nella zona rossa. In Overpass non vince il più veloce ma quello con più grip e controllo.

overpass recensione ps4

COMMENTO FINALE

Siamo leggermente logorroici in recensione per console PS4 di Overpass, ma alla fine, come avete avuto modo di leggere, ci siamo riusciti. Siamo amareggiati perché la coppia Bigben e Zordix Racing ha perso una bella occasione. Sulla carta il loro simulatore era un qualcosa di nuovo e originale sulla piazza.

La grafica è ben realizzata, sia nei dettagli ambientali che nella gestione delle fonti luminose e dei riflessi. La curva di apprendimento, più che una curva sembra una linea retta. Il tempo impiegato per la digestione del gameplay è piuttosto lungo. Anche una volta appresso come funziona il sistema di guida il controllo e la guidabilità del mezzo non sono impeccabili. Essendoci molte variabili in gioco, il rischio di perdersi nei dettagli è molto facile. Purtroppo Overpass è andato fuori strada anche se nel suo complesso è un gioco mediocre.

L’articolo Overpass, Recensione PS4 proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Overpass, emergono nuovi dettagli sul gameplay

Nacon e Zordix Racing hanno ricelato nuovi dettagli sul caratteristico gameplay di Overpass all’interno di un nuovo video, incentrato sulle due tipologie di tracciato disponibili in-game: Corsa a Ostacoli e Hillclimb.

Il gioco, annunciato lo scorso aprile, arriverà su PS4, Xbox One e Pc (via Epic Games Store) il prossimo 27 febbraio, mentre una versione Switch sarà rilasciata il 12 marzo. Sul sito ufficiale sono inoltre aperti i pre-order.

Di seguito il nuovo trailer che mostra nuovi dettagli del gameplay. Buona visione.

LE NOVITA’ VENUTE ALLA LUCE

Nella Corsa aOstacoli, la sfida consisterà nel riuscire a superare gli ostacoli più difficili, siano essi naturali o artificiali, nel minor tempo possibile. Ciò richiederà un attento uso dell’acceleratore, una scelta oculata sul come e dove posizionare le ruote per il miglior grip possibile, e un efficace uso del differenziale, per evitare di rimanere bloccati in situazioni complicate. Tante opzioni e scelte saranno a disposizione del giocatore, e la migliore dipenderà sempre da diversi fattori: il veicolo, il terreno, i danni subiti dal veicolo e lo stile di guida del pilota. Per la modalità Hillclimb, l’obbiettivo sarà di trovare un percorso ideale per arrivare in cima alla collina. Solitamente tra la base e la cima la distanza è relativamente poca, ma il percorso per arrivare al top sarà pieno di insidie. Imparare ad analizzare il terreno diventerà essenziale per giungere alla vetta con successo in Overpass.

In questa simulazione off-road, la sfida consisterà nell’affrontare percorsi estremi al volante di buggie e quad delle principali marche. In tante e differenti modalità di gioco online e locali, l’utente dovrà imparare a competere su tutti i tipi di terreno, oltrepassare gli ostacoli più insidiosi e a far fronte agli eventuali danni al veicolo per trionfare in questa impegnativa sfida off-road.

Overpass

L’articolo Overpass, emergono nuovi dettagli sul gameplay proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Il notiziario del 31 gennaio 2020

Queste le news del notiziario di venerdì 31 gennaio 2020 con le ultime novità in breve dal mondo dei videogiochi.

Giusto ricordare come le ore indicate che anticipano il testo della notizia sono quelle di ricezione della mail con il comunicato stampa (ovviamente rielaborato da noi) o della notizia captata su Twitter o su altri social.

Buona lettura.

Ash of Gods: Redemption è disponibile, trailer di lancio

(Alle 10,31)Buka Entertainment e Ravenscourt annunciano che l’RPG a turni, Ash of Gods: Redemption, è ora disponibile per Pc, PS4, Xbox One e Switch in versione fisica e digitale. Il gioco è uscito nel 2018 su Steam (qui la nostra recensione).

Ash of Gods è un RPG a turni caratterizzato da uno storytelling in continua evoluzione con rischi che influenzano davvero il gameplay, insieme a una vasta modalità PvP online. Il gioco presenta una storia basata sulla complessità e l’ambiguità della scelta morale in cui qualsiasi personaggio del gioco può morire. I benefici momentanei possono costare la vita a un personaggio, mentre alcuni sacrifici possono rendere più facili gli episodi successivi. Ash of Gods: Redemption presenta un mix d’arte meravigliosa, musica lussureggiante, combattimento tattico e una trama potente che si sviluppa attraverso l’interazione dei dialoghi. A seconda delle decisioni del giocatore, ci potranno essere soluzioni differenti.  Ecco il trailer di lancio.

TT Isle of Man 2, Julien Toniutti svela i segreti

(Alle 15,17) – Marzo, periodo di uscita di TT Isle of Man – Ride on the Edge 2, si avvicina sempre più. KT Racing e Bigben condividono così un’intervista video esclusiva con Julien Toniutti, il celebre motociclista che si è contraddistinto in numerose e prestigiose competizioni. Al momento detiene il record francese del circuito dell’Isle of Man TT. Toniutti ha collaborato con il team di produzione del videogioco, condividendo la propria esperienza e le sue emozioni con gli sviluppatori per offrire una simulazione iper-realistica e ottimizzare ogni aspetto della guida. Dopo aver passato il 2019 in convalescenza a causa di un incidente durante il rally di Dakar, il transalpino ritornerà a competere nella Isle of Man TT nel 2020.

Overpass, nuovo video di gameplay

(Alle 15,33) – In un nuovo video di gameplay, il direttore dello sviluppo di Zordix Racing, Joakim Eriksson, introduce tutte le caratteristiche di Overpass.

Tra i 23 veicoli su licenza ufficiale presenti nel gioco, Eiksson ha scelto il Wildcat Sport di Arctic Cat per mostrare i vari modi in cui sarà possibile giocare. Ogni percorso è stato creato per porre i giocatori di fronte ad una sfida unica e impegnativa. Ci saranno sfide lungo tutto il tragitto: ostacoli artificiali, fango, rocce e tanto altro, con il giocatore che dovrà essere in grado di superare ogni avversità per giungere finalmente al traguardo. Durante la prima prova su un determinato circuito, i giocatori avranno bisogno di esplorare la pista per familiarizzare con il terreno e con le insidie del tracciato. Potranno poi completarla il più velocemente possibile per entrare in classifica o sfidare la community in gare multiplayer in tempo reale.

The Incredible Adventures of Van Helsing III è su PS4

(Alle 16,05) – Si chiude la trilogia di The Incredible Adventures of Van Helsing anche su PS4. Il terzo capitolo dell’action rpg di Neocore Games è disponibile per la console di Sony. Il gioco riprende le avventure del giovane Van Helsing e della sua compagna fantasma Lady Katarina nel suo viaggio a Borgovia.

Tra le caratteristiche di gioco, oltre ad una storia che conclude questo arco narrativo ad ambientazione gotica noir, offre la possibilità di scegliere tra sei classi di personaggio, tutte diverse tra loro ed estremamente personalizzabili, esplorazione di nuove aree, modalità PVP e cooperativa fino a quattro giocatori. Tra le caratteristiche PS4 troviamo dei miglioramenti su PS4 Pro, l’utilizzo dello speaker del DualShock 4, tema esclusivo e 57 trofei incluso quello di platino. Spazio ora al trailer di lancio.

L’articolo Il notiziario del 31 gennaio 2020 proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Rimaniamo in contatto

Hai una idea? Un prodotto che vorresti farci recensire? Oppure vorresti collaborare con noi?

Scrivici una email

admin@cellicomsoft.com

Seguici su Facebook

cellicomsoft su Facebook

Scarica l'app Android

cellicomsoft su Play Store

Contact Us