Archivi categoria: Fps

Auto Added by WPeMatico

Doom Eternal posticipato al marzo 2020

Doom Eternal è stato rinviato al 20 marzo 2020. L’annuncio, quasi brutale per chi aspettava il mese prossimo il gioco (inizialmente previsto – come da annuncio dall’E3 2019 dello scorso giugno – per il 22 novembre prossimo), arriva da iD Software, sviluppatore del nuovo capitolo della serie fps.

La nota stampa è interamente dedicata al messaggio della software house che sta lavorando al gioco sotto l’egida Bethesda, publisher della saga. Eccolo:

Ciao a tutti!

Durante lo sviluppo di DOOM Eternal, il nostro obbiettivo è stato quello di realizzare un gioco che fosse in grado di superare le vostre aspettative su tutta la linea.

Per essere sicuri di sviluppare la migliore esperienza possibile – affinché DOOM Eternal sia all’altezza dei nostri standard di velocità e pulizia – abbiamo preso la decisione di spostare la data di lancio di alcuni mesi fino al 20 marzo 2020.

Siamo consapevoli che molti fan saranno delusi da questo ritardo, ma siamo convinti che DOOM Eternal offirà un’esperienza di gioco per cui vale la pena aspettare.

ALTRE NOVITÀ E CAMBIAMENTI

Ma il messaggio parla anche di cambiamenti. id Software, infatti parla della modalità Invasione e di Doom 64.

Ad esempio, la modalità Invasione, che permetterà di entrare nella partita di un altro giocatore nei panni di un demone, arriverà post lancio visto che sarà pubblicata come aggiornamento gratuito poco dopo l’esordio del titolo.

Doom Eternal per Switch sarà pubblicato dopo le altre piattaforme. La data sarà annunciata in futuro.

Doom 64, invece, sarà disponibile su Xbox One, PlayStation 4 e Pc oltre che per Switch. Il team sta aggiungendo questo titolo come bonus pre-ordine per Doom Eternal su tutte le piattaforme così potrete scaricare e giocare questo classico gratuitamente.

Anche Doom 64 sarà pubblicato il 20 marzo 2020 su tutte le piattaforme.

La nota di id Software si conclude così:

Siamo grati a ogni fan di DOOM per la sua dedizione e supporto – non vediamo l’ora di squarciare e fare a pezzi demoni insieme a voi.

L’articolo Doom Eternal posticipato al marzo 2020 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Doom Eternal posticipato al marzo 2020

Call of Duty: Modern Warfare beta, anteprima

Mentre impazzano le polemiche sull’esclusiva PlayStation 4 di un anno per le Survival Ops, una parte della modalità Spec Ops del gioco, Infinity Ward continua a tirare dritto per la sua strada e a ottimizzare Call of Duty: Modern Warfare in vista del rilascio. Il titolo è infatti atteso sulla console Sony, su Pc e Xbox One a partire dal prossimo 25 ottobre, ma il tempo per produzioni di questo genere vola letteralmente e ogni minuto di lavoro può rivelarsi prezioso.

In quest’ottica nelle ultime settimane si sono svolti dei test cadenzati in due blocchi, che hanno riguardato il comparto multiplayer online del gioco, grazie a una beta ad accesso anticipato inizialmente riservata alla stampa o a chi aveva prenotato il titolo sui vari store aderenti, e successivamente aperta anche al pubblico. La versione di prova ha consentito allo sviluppatore di testare le infrastrutture online e alcune delle modalità più attese dal pubblico, ricevendo in cambio dei feedback dai giocatori che hanno preso parte alle prove che torneranno utili per eventuali ritocchi.

Anche noi abbiamo partecipato alla beta (che ha avuto numeri da record) e di seguito vi diciamo quali sono state le nostre impressioni.

PAROLA D’ORDINE: TATTICA

La beta di Call of Duty: Modern Warfare metteva a disposizione una manciata di modalità accessibili tramite un efficiente quanto rapido matchmaking. Oltre al Deathmatch a Squadre e 10contro10, c’erano Dominio, Dominio per 20 giocatori e Quartier Generale. Le mappe erano invece tre, ovverosia Hackney Yard, Azhir Cave e Grazna Raid, con due varianti notturne, ciascuna delle quali strutturate in maniera differente per dimensioni e composizione, oltre che con la necessità di utilizzare dei visori contro l’oscurità. Ma con un comune denominatore: la presenza di molti edifici ed elementi utili come coperture.

Questo perché la giocabilità di Call of Duty: Modern Warfare, almeno a livello di multiplayer, sembra orientato verso un ritmo un po’ più lento e un’azione meno caotica ma più ragionata, tranne che in quelle modalità più tradizionaliste dove anche per impostazione, è richiesta per forza di cose un altro genere di azione.

Nelle mappe utilizzate per la beta, la presenza di molti ripari e strutture edilizie dentro cui infilarsi per appostarsi o trovare rifugio momentaneo prima di proseguire alla ricerca dei nemici, ha permesso infatti al videogamer di approntare tattiche più ponderate. Questo aspetto del gioco viene ulteriormente evidenziato attraverso una rivisitazione della fisica in funzione di un maggior realismo dei movimenti dei personaggi. Questi, anche a seconda dell’equipaggiamento indossato, risultano più naturali nelle loro azioni, facendo “avvertire” all’utente il peso effettivo dell’avatar all’interno di un ambiente (saltando, arrampicandosi, accovacciandosi o scivolando) o a contatto con degli oggetti, poiché il gioco tiene maggiormente conto della loro fisicità. Lo stesso vale per la pesantezza di un’arma o per il suo rinculo, che condizionano rendimento e mobilità di chi la sta utilizzando.

La cosa potrebbe fare inorridire i fan più hardcore di Call of Duty, che magari prediligono un gameplay più veloce, ma le cose non sono poi così male, e nonostante questi cambiamenti le partite risultano lo stesso avvincenti, cariche di tensione e imprevedibili, ma con uno stampo più realistico. Anche perché come da un po’ di tempo a questa parte il time to kill si mantiene su valori bassi per incentivare i videogamer meno esperti a non mollare subito davanti a un utente più pratico, e perfino le hitbox sono meno “aggressive” anche quando i colpi vanno a segno.

Unica pecca in tal senso è forse da ricercare nel sistema di respawn, che se da un lato torna utile con la nuova telecamera a volo d’uccello, che nella fase di rientro in partita dà una percezione abbastanza chiara sulla posizione della mappa in cui si ritrova, dall’altro commette qualche errore imperdonabile, visto che in certi casi rilascia il giocatore troppo a ridosso del punto della mappa dove si trova magari l’obiettivo. Tutto è andato bene, e il gioco si è mantenuto stabile nella connessione senza incertezze o inciampi a livello di lag né disconnessioni improvvise e crash. Segno evidente che lo sviluppatore ormai ha raggiunto una certa sicurezza nella gestione dei server e nella loro ottimizzazione.

In aggiunta alle mappe è stato poi possibile provare altre funzioni del gioco grazie a una apposita sessione speciale che si attivava a cadenza giornaliera. Tra queste il sistema Gunsmith, che consente di modificare nella struttura ogni singola arma e aggiungere fino a cinque diversi accessori, ognuno con i suoi punti di forza e le sue debolezze. Ciascuno dei tanti accessori da sbloccare che possono essere poi equipaggiati danno accesso a un bonus e a un malus, costringendo l’utente a valutare di volta in volta la soluzione migliore per la sua arma. Nella seconda settimana di prove, la beta ha infine permesso per la prima volta nella storia di Call of Duty il gioco cross-platform tra giocatori Pc e console.

Activision ha infatti deciso di rompere con la tradizione, e una delle novità più importanti da questo punto di vista è il cross-play del multiplayer con l’assenza del Season Pass (con i contenuti maggiori che saranno gratuiti). Come funziona: al momento di accedere alla partita, nella schermata principale, accanto a ciascuno degli altri giocatori coinvolti nella sfida, appare un’icona che segnala su quale piattaforma sta giocando. Anche questo test ha dato segnali positivi in termini di connessione e lag, così come di gameplay: le due nuove modalità, Scontro e Guerra Terrestre, con le relative mappe, hanno dato conferme di quanto avevamo già visto durante la precedente settimana.

COMMENTO FINALE 

La beta di Call of Duty: Modern Warfare conferma l’intenzione di Activision di fare un passo indietro rispetto ai recenti titoli della serie in termini di situazioni, ritornando alle battaglie più attuali e non futuristiche, puntando  di conseguenza su un gameplay più realistico.

Da questo punto di vista ha deciso di premere l’acceleratore su meccaniche sempre adrenaliniche, ma con una maggiore attenzione per la tattica e dunque sulla credibilità di movimenti e situazioni. Elementi questi che, insieme a un ottima infrastruttura online potrebbero garantire il successo di un reboot che si preannuncia essere il primo episodio di una nuova “sotto-serie” interna.

L’articolo Call of Duty: Modern Warfare beta, anteprima proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Call of Duty: Modern Warfare beta, anteprima

Terminator: Resitance arriva a novembre

Reef Entertainment annuncia che Terminator: Resistance sarà disponibile per Pc (via Steam), PS4 ed Xbox One a partire dal 15 novembre.

Si tratta di un shooter in single player in prima persona sviluppato da Teyon. Presenta una storia originale basata sui diritti cinematografici dei leggendari film “The Terminator” e “T2: Judgment Day”. Il gioco si svolge in una Los Angeles post-apocalittica, quasi 30 anni dopo il Judgment Day, e si focalizza sulla Future War intravista negli iconici film di James Cameron.

Terminator: Resistance introduce un nuovo eroe, Jacob Rivers, un soldato della divisione Resistance Pacific. Nonostante Jacob sia solo un modesto soldato semplice, scoprirà presto di essere stato preso di mira specificamente dall’ultima minaccia di Skynet e destinato ad essere eliminato!

Skynet potrebbe perdere questa guerra, ma a quale costo per Jacob? Immergetevi negli eventi che hanno portato alla decisiva battaglia finale, distruggete la Defence Grid di Skynet e aiutate l’umanità a vincere la guerra contro le macchine.

Ecco la versione italiana del trailer d’annuncio. Buona visione.

 

CARATTERISTICHE CHIAVE DI TERMINATOR RESISTANCE

  • Resistete alle macchine! Combattete contro una serie di iconici nemici dei film, incluso il T-800, e contro una miriade di avversari nuovi di zecca dell’universo Terminator.
  • Equipaggiate un epico arsenale di armi per correre e sparare o nascondervi e sgattaiolare attraverso ambienti tentacolari. Il mondo non è così indulgente come una volta, quindi dovrete trovare risorse essenziali.
  • Scegliete il tipo di eroe che volete essere aumentando di livello le vostre abilità mentre esplorate la Los Angeles post-apocalittica. Completate le missioni della storia per salire nei ranghi della Resistenza e le missioni secondarie per aiutare i vostri amici.
  • Cambiate il destino dell’umanità. Proteggete un gruppo eterogeneo di sopravvissuti, ognuno con le proprie motivazioni e retroscena. Le azioni che intraprendi durante il gioco influenzeranno la loro sopravvivenza e cambieranno il finale che ottieni.

L’articolo Terminator: Resitance arriva a novembre proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Terminator: Resitance arriva a novembre

Destiny 2 per Pc si trasferisce su Steam dal 1° ottobre

Come certamente saprete, la versione di Destiny 2 per Pc cambierà piattaforma e passerà da BattleNet a Steam il prossimo 1 ottobre.

Bungie ha già pubblicato un video ed una guida per permettere agli utenti di effettuare la migrazione tra le due piattaforme. Il tutto è completato da una serie di Q&A (domande e risposte) che vi proponiamo anche sul nostro sito.

Ecco la clip ed a seguire la sequenza di domande e risposte dedicata alla versione Steam di Destiny 2. Buona lettura.

– Quali acquisti di Destiny 2 saranno trasferiti da Battle.net a Steam?

Il passaggio da Battle.net a Steam comporterà un unico trasferimento di TUTTI i contenuti di Destiny 2 già posseduti dai giocatori. Questo include: account, Destiny 2, espansioni, argento, Pass annuale, eccetera.

– I giocatori possono prenotare adesso Ombre dal Profondo su Steam e associare i propri account per il trasferimento in seguito?

Sì. I giocatori possono acquistare già da ora Destiny 2: Ombre dal Profondo dalla relativa pagina di Steam. Il 20 agosto, i giocatori su PC sono invitati a visitare nuovamente questa pagina per cominciare il processo di associazione degli account su Battle.net di Blizzard e Steam, in modo da facilitare il trasferimento del contenuto previsto per il 1° ottobre.

– Cosa ci aspetta su Steam il 1° ottobre?

I giocatori di Destiny 2 su PC potranno continuare la loro avventura con Destiny 2: Ombre dal Profondo, il prossimo capitolo della storia. I nuovi giocatori potranno invece muovere i primi passi con Destiny 2: Una nuova Luce.

– Cosa succede se non mi registro per il trasferimento dei miei guardiani a Steam?

Purtroppo, Destiny non sarà più disponibile su Battle.net di Blizzard dopo il 1° ottobre. Speriamo di avervi al nostro fianco in questo cambio casa e che proseguirete il vostro viaggio. Non sarebbe lo stesso senza di voi.

L’articolo Destiny 2 per Pc si trasferisce su Steam dal 1° ottobre proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Destiny 2 per Pc si trasferisce su Steam dal 1° ottobre

Hunt: Showdown approda su Pc

Il gioco bounty hunting multiplayer ad ambientazione Western di Crytek, Hunt: Showdown, è disponibile, come annunciato ad inizio luglio, su Pc insieme ad un dlc. I giocatori possono acquistare il titolo “liscio” o in bundle con l’espansione “Legends of the Bayou”.

Prima dell’uscita, è stata resa disponibile una versione early access di Hunt: Showdown su Steam, per permettere agli sviluppatori di lavorare a stretto contatto con la loro community di gioco mentre sviluppano e perfezionano il titolo nel caso di Hunt, nel corso di oltre 20 aggiornamenti e più patch. Quella community, afferma Fatih Özbayram, produttore del titolo è stata parte integrante del processo di sviluppo del gioco.

Özbayram ha detto:

Lo sviluppo di Hunt: Showdown è stato completamente guidato dalla community e questa è stata un’esperienza davvero gratificante per l’intero team. Insieme alla community, siamo stati in grado di creare un’esperienza di gioco divertente, intensa e memorabile. Ad esempio, una richiesta della community ci ha ispirato ad aggiungere ad Hunt squadre da tre, insieme a molte altre funzionalità. Quindi un grande ringraziamento va a tutti coloro che ci hanno supportato durante tutto il processo di sviluppo – non avremmo potuto farlo senza di voi.

Vediamo il trailer di lancio. Buona visione.

Il dlc Legends of the Bayou” si tuffa nel cuore oscuro del bayou per celebrare la versione completa per Pc di Hunt: Showdown. Ed offre ai fan due nuovi personaggi di Legendary Hunter, due armi uniche e 500 Blood Bonds.
Ci sono quindi il Bone Doctor e la Weird Sister, nonché la Legendary Copperhead, una Nagant M1895: un’arma unica posseduta solo dai primissimi cacciatori del bayou.

A PROPOSITO DI HUNT: SHOWDOWN

Hunt: Showdown, un bounty hunting game competitivo in prima persona, combina il brivido degli sparatutto in prima persona e dei giochi di sopravvivenza e racchiude questi elementi in un formato basato sui match.

Ad ogni incontro possono partecipare fino a dieci giocatori che possono giocare in solitaria o in squadre da due, mentre competono per abbattere raccapriccianti mostri delle paludi della Louisiana, che alcuni critici hanno definito una singolare miscela di elementi PvP e PvE. Una volta iniziata una missione di caccia, i giocatori diventano immediatamente un bersaglio per ogni altro cacciatore rimasto sulla mappa.

Più alto è il rischio, maggiore è la ricompensa, ma un singolo errore potrebbe costare tutto e la morte è permanente.

REQUISITI DI SISTEMA

MINIMI:

    • Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit.
    • Sistema operativo: Windows 7 64bit.
    • Processore: Intel i5-4590 @ 3.3GHz (4th Generation) o AMD Ryzen 3 1200.
    • Memoria: 8 GB di RAM.
    • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 660 TI o AMD Radeon R7 370.
    • DirectX: Versione 11.
    • Rete: Connessione Internet a banda larga.
    • Memoria: 20 GB di spazio disponibile.
    • Scheda audio: compatibile con DirectX .
    • Note aggiuntive: migliore esperienza con cuffie.

CONSIGLIATI:

    • Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit.
    • Sistema operativo: Windows 10 64 bit.
    • Processore: Intel i5-6600 @ 3.3Ghz (6th Generation) o AMD Ryzen 5 1400.
    • Memoria: 12 GB di RAM.
    • Scheda video: NVIDIA GeForce GTX 970 4 GB o AMD Radeon R9 390X.
    • DirectX: Versione 11.
    • Rete: Connessione Internet a banda larga.
    • Memoria: 20 GB di spazio disponibile.
    • Scheda audio: compatibile con DirectX .
    • Note aggiuntive: migliore esperienza con cuffie.

L’articolo Hunt: Showdown approda su Pc proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hunt: Showdown approda su Pc

XIII è stato posticipato al 2020

Microïds e PlayMagic hanno annunciato che l’uscita di XIII è stata posticipata. Il remake del famoso fps in cel-shading, diventato un vero e proprio classico fin dalla sua prima uscita nel 2003, sarà disponibile nel 2020 su PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch, Pc e Mac. Inizialmente, il titolo, era previsto per novembre.

François Coulon, capo della produzione di Microïds, ha detto:

Siamo entusiasti del lavoro fatto con PlayMagic fino a ora. L’ulteriore attività di sviluppo è necessaria per raggiungere gli standard di qualità a cui da sempre miriamo, e per aggiornare questo vero e proprio cult per il pubblico di oggi. Il semplice annuncio del remake ha infatti creato un incredibile aspettativa su questo titolo.

TRAMA

I giocatori sono invitati a calarsi nei panni del famoso XIII, accusato di aver assassinato il presidente degli Stati Uniti d’America. Gli appassionati si sveglieranno feriti e colpiti da amnesia sulla spiaggia di Brighton, e gli unici indizi sul passato saranno una piccola chiave e una misteriosa scritta in numeri romani tatuata sulla clavicola: XIII.

Dipenderà da voi trovare le risposte che cercate nel corso dei 34 livelli del gioco. Non preoccupatevi, troverete un intero arsenale di armi per aiutarvi nella vostra ricerca.

Rivediamo il teaser trailer pubblicato qualche mese fa.

L’articolo XIII è stato posticipato al 2020 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di XIII è stato posticipato al 2020

Sniper Elite 3 Ultimate Edition porta la serie su Switch

La versione Switch di Sniper 3 Elite Ultimate Edition ha una data d’uscita. Lo sparatutto tattico griffato da Rebellion arriverà l’1 ottobre sull’ibrida Nintendo.

Il gioco sarà disponibile sia in edizione fisica che digitale, su eShop. Inoltre, a partire da oggi, i fan possono prenotare l’edizione fisica presso i retailer selezionati. I pre-order digitali, di contro, saranno disponibili dal 17 settembre. Questo esordio, certificato dal trailer che vi offriamo in questo post, si materializza 4 anni e mezzo dopo quello su PS4 ed Xbox One.

CONTENUTI E FUNZIONALITÀ

Sniper Elite 3 Ultimate Edition include tutti i contenuti pubblicati fino ad ora, inclusi quattro livelli extra della campagna. Sventate un piano per assassinare Churchill ed eliminate il Führer in missioni, sfidate la storia.

La nuova versione dell’fps include anche nuove esclusive funzionalità:

  • CO-OP MULTIPLAYER E LOCALE – Oltre alla modalità online, Sniper Elite 3 Ultimate Edition supporta il multiplayer wireless locale per la prima volta! Divertiti per l’intera campagna in modalità locale co-op a due giocatori, in quella Overwatch e in quella Survival. Oppure affrontate i vostri amici nel multiplayer competitivo locale per un massimo di 4 giocatori.
  • MOTION CONTROL – Ottimizzate la vostra mira con i controlli del giroscopio e sentite gli impatti dei proiettili dell’HD rumble.
  • SUPPORT PRO CONTROLLER – Sniper Elite 3 porta nel cuore della Seconda Guerra Mondiale e nella straordinaria cornice del Nord Africa nel 1942. Inseguite la famigerata Afrika Korps attraverso oasi, canyon e città sommerse dalla sabbia in una corsa mortale per sabotare una super arma nazista.
    Usate trappole devastanti e combattimenti corpo a corpo per eliminare furtivamente i vostri obiettivi. Affinate il vostro tiro al bersaglio dominando la gravità, il vento e persino la frequenza cardiaca. Guardate i tuoi proiettili squarciare organi, ossa e persino veicoli con la X-Ray Kill Cam.








L’articolo Sniper Elite 3 Ultimate Edition porta la serie su Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Sniper Elite 3 Ultimate Edition porta la serie su Switch

Wolfenstein: Youngblood, trailer di lancio

Ci siamo. Wolfenstein: Youngblood è pronto per il debutto che avverrà, puntuale come d’annuncio,  il 26 luglio su Pc, PS4, Xbox One e Switch. Per l’occasione, Bethesda ha pubblicato il trailer di lancio del gioco.

Lo spietato sangue ammazza-nazisti dei Blazkowicz scorre nelle vene di Jess e Soph, figlie gemelle di B.J. alla ricerca del proprio padre a Parigi, nel trailer di lancio di Wolfenstein: Youngblood. L’fps offre ai giocatori lo sterminio nazista più aperto e dinamico della serie e, per la prima volta, una modalità di gioco cooperativa.

Ecco il video sul titolo firmato da MachineGames, buona visione

I giocatori possono ancora prenotare la Wolfenstein: Youngblood Deluxe Edition per ricevere il Cyborg Skin Pack. La Deluxe Edition include il Buddy Pass, che permetterà ai suoi possessori di giocare con un amico gratuitamente, anche se questo non possiede una copia del gioco. Per ulteriori informazioni sul funzionamento del Buddy Pass, consultate le FAQ.

Le edizioni prenotate di Wolfenstein: Youngblood garantiranno tutte l’accesso a ulteriori bonus cosmetici con il Legacy Pack grazie al quale potranno equipaggiare alcuni degli abiti e delle armi iconiche di B.J. incontrate nel corso della serie, tra cui:

  • Giacca di Wolfenstein II: The New Colossus per l’armatura potenziata.
  • Armatura potenziata di B.J. dell’esercito americano.
  • Il tubo di Wolfenstein: Old Blood.
  • Il coltello di Wolfenstein: Old Blood.
  • Set di skin della Seconda Guerra Mondiale per le armi a distanza.

Ricordiamo che In Wolfenstein: Youngblood, B.J. Blazkowicz è scomparso nel nulla in una Parigi occupata dai nazisti. Toccherà alle due figlie gemelle di B.J., Jess e Soph, mettere a frutto l‘addestramento e gli insegnamenti ricevuti dal padre per trovarlo e salvarlo nella distorta realtà alternativa della capitale francese degli anni ‘80. Sfruttate un arsenale di armi inedite, gadget e abilità dell‘armatura potenziata nella battaglia per liberare dai nazisti la città delle luci e riportare a casa tuo padre.

L’articolo Wolfenstein: Youngblood, trailer di lancio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Wolfenstein: Youngblood, trailer di lancio

Doom Eternal debutterà a novembre

Come avrete già letto nel riepilogo, uno degli annunci più importanti della conferenza E3 2019 di Bethesda è stato senza dubbio quello su Doom Eternal. Il publisher e sviluppatore americano ha svelato la data di lancio del gioco. Il nuovo capitolo della serie fps debutterà il 22 novembre su Pc, PS4, Xbox One e Switch.

Gli appassionati prenderanno il controllo di un Doom Slayer per combattere tra l’inferno sulla terra in dimensioni mai viste prima. Basato sul motore grafico idTech 7 e arricchito da una nuovissima colonna sonora composta da Mick Gordon, il gioco permette di sperimentare tante novità.

Fate a pezzi i demoni con la nuova lama Doom, arrostite le orde dell’inferno col getto infuocato per ottenere frammenti di corazza extra o affidatevi alla cara vecchia motosega.

Doom Eternal prosegue direttamente la storia degli eventi narrati in DOOM (2016). Vestite i panni del Doom Slayer e torna sulla terra, ora infestata da un’invasione demoniaca. Incenerite l’Inferno e scoprite le origini dello Slayer e della sua eterna lotta contro i demoni… finché non ne sarà rimasto più nessuno.

A partire da oggi, i fan possono prenotare le edizioni standard, Deluxe Edition o Collector’s Edition a tiratura limitata. Vediamo i contenuti.

DOOM ETERNAL COLLECTOR’S EDITION INCLUDE

  • Casco indossabile da Doom Slayer a grandezza naturale
  • Pass Anno 1
    • Accesso a due add-on per la campagna giocatore singolo disponibili entro il 1° anno dall’uscita di Doom Eternal. Con nuove prospettive e nuovi modi di giocare, queste storie separate esplorano gli eventi che hanno portato alla disfatta della terra contro i demoni.
  • Codice per il download della colonna sonora del gioco e di DOOM (2016) in formato digitale lossless.
    • Per tutti gli audiofili, accesso alle colonne sonore di entrambi i giochi in formato digitale lossless tramite un codice stampato su una musicassetta a tema UAC degna del miglior Walkman. Vi verrà davvero voglia di ascoltarle…
  • Libro sui retroscena
    • Creato da id Software, questo libro di racconti raccoglie una cronaca sugli eventi dell’universo di Doom, getta luce sul passato dello Slayer e accenna a cose che devono ancora avvenire.
  • Litografia “Il dono dell’energia Argent” 28 x 43 cm
  • Skin DOOM Slayer demone
  • Pacchetto suoni classici armi
    • Effetti audio vintage per le armi.
  • Cofanetto SteelBook esclusivo
    • Creato su misura dal grafico e illustratore Gabz in collaborazione con Mondo, il cofanetto SteelBook incluso nella Collectos’s Edition è un oggetto unico nel suo genere e riservato ai fan più accaniti.
  • Il gioco DOOM Eternal.









DELUXE EDITION INCLUDE

  • Pass Anno 1
    • Accesso a due add-on per la campagna giocatore singolo disponibili entro il 1° anno dall’uscita di Doom Eternal. Con nuove prospettive e nuovi modi di giocare, queste storie separate esplorano gli eventi che hanno portato alla disfatta della terra contro i demoni.
  • Skin DOOM Slayer demone
  • Pacchetto suoni classici armi
    • Effetti audio vintage per l’arsenale-
  •  Gioco

I giocatori che prenotano qualsiasi versione di Doom Eternal riceveranno il “Pacchetto Rip and Tear”, che include:

  • Skin DOOT Revenant
  • Livello Master bonus per la campagna
    • Versione speciale del livello della campagna “Base dei seguaci”, con nuove sfide e sorprese
  • Skin arma “Flashback” per il fucile a pompa
    • Rivivi i tuoi giorni di gloria con questo fucile a pompa in stile retrò, con impugnatura classica in legno e finitura color canna di fucile

Sviluppato da id Software, DOOM Eternal è il seguito diretto del DOOM del 2016. Prova la combinazione suprema di velocità e potenza combattendo tra le dimensioni in questo aggressivo sparatutto in prima persona.

L’articolo Doom Eternal debutterà a novembre proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Doom Eternal debutterà a novembre

Teaser trailer per Sniper Ghost Warrior Contracts

CI Games ha svelato il primo trailer di Sniper Ghost Warrior Contracts, l’ultimo gioco della serie sparatutto tattica. Il titolo arriverà su Pc, PS4 ed Xbox One alla fine di quest’anno.

Questo teaser porta i giocatori nelle aspre zone selvagge siberiane con cui dovranno fare i conti, mantenendo al contempo il marchio di fabbrica della serie. Ma non è l’unica sorpresa…

Ecco la clip. Buona visione.

 

Con l’E3 dietro l’angolo, CI Games mostrerà allo showcase annuale di videogame il primo trailer di gameplay di Sniper Ghost Warrior Contracts. Oltre ad espandere la sua definizione di genere sniping e a mantenere una grandissima cura per i dettagli dei suoi armamenti molto realistici, Contracts porta la serie verso una nuova direzione offrendo scenari incredibili, basati su missioni dense e focalizzate sulle mappe.

Adottando un approccio puzzle box e sfruttando il suo sistema di “contracts” omonimo, queste missioni a risposta aperta possono essere affrontate in molti modi diversi, premiando il pensiero tattico e rapido di fronte agli incontri emergenti.

Siete interessati ad aumentare ulteriormente il vostro compenso? Ci sono anche innumerevoli missioni secondarie che possono essere intraprese per guadagnare denaro extra per l’aggiornamento e miglioramento del vostro equipaggiamento.

Dalla sua campagna singleplayer e la gamma di opzioni multiplayer, al suo sistema di contratti di missione, Sniper Ghost Warrior Contracts cerca di perfezionare la sensazione di fissare un obiettivo e pianificare l’approccio. Preparatevi ad affrontare la natura selvaggia siberiana e tutti gli ostacoli ambientali che porta con sé.

Ulteriori dettagli verranno rivelati all’E3 di Los Angeles.





L’articolo Teaser trailer per Sniper Ghost Warrior Contracts proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Teaser trailer per Sniper Ghost Warrior Contracts

Quake II RTX, c’è la rivisitazione NVIDIA

Nvidia e LightSpeed Studios hanno pubblicato gratuitamente su Steam e su Nvidia.com Quake II RTX. È il primo gioco al mondo completamente in Path Tracing, una tecnica di Ray Tracing che unifica tutti gli effetti di luce come ombre, riflessi, rifrazioni e altro in un singolo algoritmo di tracciamento dei raggi. Il risultato è un nuovo look per Quake II, uno dei giochi firmati id Software più popolari al mondo, originariamente lanciato nel 1997.

Quake II RTX include i primi tre livelli in single player dell’amato titolo per Pc. I giocatori che già possiedono Quake II possono sperimentare il gioco nella sua interezza, tra cui modalità multiplayer deathmatch e cooperativa multiplayer, tutte completamente in path tracing.

Matt Wuebbling, responsabile marketing di GeForce presso Nvidia, ha detto:

 Il ray tracing è la tecnologia che sta definendo la prossima generazione di giochi per Pc, ed è giusto che Quake II ne faccia parte.

Ulteriori dettagli, incluso un video di spiegazione della tecnologia usata per Quake II RTX ed il Trailer di gioco sono disponibili su www.nvidia.com e che vi proponiamo a seguire. Buona visione.

REQUISITI DI SISTEMA

  • Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit
  • Sistema operativo: Windows 7 64-bit
  • Processore: Intel i3-3220 or AMD Equivalent
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce RTX 2060, or higher
  • Memoria: 2 GB di spazio disponibile
  • Note aggiuntive: Vulkan

Steam OS / Linux

  • Richiede un processore e un sistema operativo a 64 bit
  • Sistema operativo: Ubuntu 16.04.6
  • Processore: Intel i3-3220 or AMD Equivalent
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: NVIDIA GeForce RTX 2060, or higher
  • Memoria: 2 GB di spazio disponibile
  • Note aggiuntive: Vulkan

L’articolo Quake II RTX, c’è la rivisitazione NVIDIA proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Quake II RTX, c’è la rivisitazione NVIDIA

XERA: Survival entra in early access su Steam

Dopo l’open alpha di cinque mesi che ha raccolto oltre 10.000 partecipanti attivi, Spotted Kiwi ha annunciato l’ingresso in early access di XERA: Survival per Pc su Steam. Il prezzo è di 16,79 euro.

Quando un prototipo di robot da combattimento diventa auto-consapevole, solo un gruppo di mercenari in competizione può porre fine a una guerra che l’umanità non può permettersi di perdere…

Questo è l’incipit di XERA: Survival, uno sparatutto focalizzato sul multiplayer con un’esperienza PvPvE aperta.

SINOSSI

È il 2022. Il mondo è nel caos da quando un prototipo di robot da combattimento – bandito dalla legge e in attesa di distruzione sicura da parte di XERA Corporation – è diventato consapevole di sé, scappato e replicato su scala industriale. La nazione adesso è in lotta per il controllo delle risorse. Con l’attenzione dei militari mercenari e disillusi combattenti sono scesi in una remota regione forestale per saccheggiare i resti delle strutture di XERA, creando due basi operative avanzate su ciascun lato della foresta. Tra queste basi non ci sono regole di ingaggio: per alcuni è in gioco niente meno che il futuro della razza umana; per gli altri, c’è uno stipendio potenzialmente illimitato. Per tutti, l’unico imperativo è la sopravvivenza.

DETTAGLI

I giocatori si avventurano alla ricerca della gloria, della vendetta, della salvezza o della leva politica e del mero bottino. Scavengare per armi, munizioni, cibo e acqua, forniture mediche; Create gli strumenti necessari per sopravvivere in un ambiente forestale aspro e implacabile. Dispiegate i droni per esplorare, trasportare o chiudere l’attività una pallottola lasciata incompiuta.

XERA: Survival consente ai giocatori di scegliere il proprio ritmo di gioco da una sessione all’altra. Usare il ciclo notte / giorno o i sistemi meteorologici dinamici a proprio vantaggio: fare attenzione per evitare il combattimento PvP e costruire le proprie risorse, concentrandosi sulle eliminazioni PvE per raccogliere il bottino migliore.

Nella base è possibile scambiare tranquillamente con altri giocatori o salvare sul proprio server stash, che è persistente su server a livello globale. In alternativa, si può scegliere di utilizzare lo strumento up e raid come lupo solitario o unirsi a un massimo di tre amici. Partecipare ad eventi o missioni composte da PvPvE giganti che si raccolgono da NPC nella base.

L’articolo XERA: Survival entra in early access su Steam proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di XERA: Survival entra in early access su Steam

Xera: Survival entrerà in early access a breve

Spotted Kiwi ha annunciato che Xera: Survival arriverà in early access su Steam il 24 maggio, ossia dopodomani. Il prezzo sarà di 16,79 euro.

Il titolo, dopo il successo dell’open alpha durata circa cinque mesi e che ha raccolto 10.000 partecipanti attivi, propone una modalità PVPVE con 40 giocatori che dovranno contendersi risorse e affrontare pericoli in una mappa piuttosto vasta.












Xera: Survival è uno sparatutto focalizzato sull’azione e l’esplorazione, progettato da zero come multiplayer, che offrirà una piena esperienza open world. Il gioco è ambientato in un 2022 alternativo, con il mondo piombato improvvisamente nel caos dopo che un prototipo di robot da combattimento – bandito dalla legge e in attesa di essere distrutto da parte della XERA Corporation – divenne consapevole di sé, scappato e replicato su scala industriale. I tentativi falliti di spegnere a distanza l’IA hanno semplicemente innescato una guerra che l’umanità non poteva permettersi di perdere.

Donato Marchisiello

Ecco un trailer che presenta il titolo. Buona visione.

L’articolo Xera: Survival entrerà in early access a breve proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Xera: Survival entrerà in early access a breve

Killing Floor: Double Feature da oggi su PS4 e PS VR

Killing Floor: Double Feature debutta oggi su PS4 e PlayStation VR in versione fisica e digitale. Lo rendono noto Tripwire Interactive e Deep Silver.

Questa edizione include Killing Floor 2 per PS4 e Killing Floor: Incursion per PS VR. L’edizione fisica. Pubblicata da Deep Silver includerà anche il dlc “Mrs. Foster Playable Character” di Killing Floor 2.






Come ulteriore bonus, in Killing Floor: Incursion sarà disponibile l’Espire Control Theater con un sistema Free Move completamente rinnovato, tramite un aggiornamento per oggi. L’Espire Control Theater è un nuovo e rivoluzionario free movement system per la realtà virtuale che elimina la motion sickness per quasi tutti i giocatori. Il Control Theatre esegue il rendering di una piccola stanza traslucida nella parte periferica della visuale del giocatore mentre si muove liberamente.

Questa pratica maschera la normale risposta del cervello al movimento in VR e consente alla maggior parte degli utenti di sperimentare la libertà di movimento in VR senza la motion sickness (effetto che crea nausea). All’interno delle impostazioni di Killing Floor: Incursion, i giocatori possono passare dal classico movimento Teleport al Free Move con Control Theater.





Per chi è già a suo agio nel muoversi in VR, anche l’overlay di Control Theater può essere disabilitato completamente durante l’utilizzo di Free Move. La nuova tecnologia di movimento libero è stata sviluppata da Digital Lode, sviluppatore di realtà virtuale con sede a Melbourne, uno dei publishing partner di Tripwire. Anche il sistema Free Move è stato completamente ricreato con un nuovo sistema di movimento e perfezionamenti della collisione del movimento per tutti i livelli del gioco. Tutto ciò rende il passaggio attraverso il mondo di gioco molto più agevole, più naturale e più divertente. È davvero come rivivere il gioco per la prima volta.

Ecco il trailer sulle caratteristiche di Killing Floor: Double Feature. Buona visione.

 

L’articolo Killing Floor: Double Feature da oggi su PS4 e PS VR proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Killing Floor: Double Feature da oggi su PS4 e PS VR

Rage 2, Recensione

A distanza di circa un anno da Mad Max, Avalanche Studios torna con un nuovo gioco a tema post-apocalittico col seguito di uno dei suoi vecchi cavalli di battaglia, ovverosia l’ottimo Rage. Un gioco sul quale c’erano molte aspettative, non solo per il “nome”, ma anche per la presenza durante il suo sviluppo addirittura di id Software in qualità di supervisore. Ebbene, lo diciamo subito, nonostante le premesse Rage 2 non è purtroppo quel grande sparatutto in soggettiva che molti si aspettavano, come avremo modo di spiegarvi tra poco.

Ecco, infatti, la nostra recensione sulla versione Pc del gioco che ha fatto il suo debutto lo scorso 14 maggio anche su PS4 ed Xbox One distribuito da Bethesda. Buona lettura.

DOPO L’APOCALISSE

Rage 2 riparte trent’anni dopo il primo episodio, in un mondo distopico devastato dall’impatto con un asteroide in cui società, legge e ordine non esistono. Come se non bastasse c’è perfino un gruppo di invasati chiamato Autorità che vuole eliminare tutto quello che è rimasto della società passata, quindi anche molte comunità. Non a caso anche il quartier generale della resistenza, di cui fa parte il protagonista del gioco, il ranger Walker (nessun legame con Chuck Norris!), viene attaccato e distrutto.
Rimasto solo e senza equipaggiamento, il giocatore, nei panni del ranger, deve trovare le risorse utili per sopravvivere e vendicarsi, affrontando nemici senza scrupoli, dai mutanti ad altri superstiti folli e sadici, a loro volta membri di diverse fazioni. Oltre a quella dell’Autorità, infatti, esiste per esempio quella dei Sudari Immortali, che si vedono come i salvatori della Zona devastata, o i Bulli, nomadi dall’indole brutale, assetati di sangue disposti a tutto pur di ottenere bottino e potere. Le fazioni in gioco sono in totale sei, e ciascuna è caratterizzata da un proprio codice comportamentale, armi, equipaggiamenti, modi di combattere e caratteristiche generali.





Da questo punto di vista il team di sviluppo ha fatto un buon lavoro caratterizzando bene i vari gruppi non solo dal punto di vista estetico ma anche nel modo di agire e combattere.

Peccato solo che non abbiamo “forzato” un po’ di più sulle loro routine comportamentali, che distinguono si una fazione dall’altra, ma che poi sul campo si traducono spesso in azioni similari tra loro. La struttura di gioco è quindi quella tipica di Rage, ma un po’ più aperta rispetto al precedente titolo della serie, con un territorio più grande da esplorare anche con l’ausilio di veicoli, pieno zeppo di cattivi da eliminare e gare da affrontare, ma poco interessante nel suo insieme.

Dopo un paio di ore di gioco, ci si rende infatti conto che il mondo di Rage 2 è povero di contenuti tali da invogliare a scoprirlo per intero, di eventi, anche casuali, che una volta attivati portino ad “aprire” nuovi scenari e inattesi sviluppi. In tal senso ci sono poche missioni secondarie, spesso slegate dal contesto narrativo principale, che non portano tra l’altro a ricompense particolarmente appetibili e che nello svolgersi tendono dopo un po’ a ripetersi, come nel caso di quelle utili a incrementare il livello delle tre fazioni alleate durante fasi di grinding selvaggio.

In quest’ottica non aiuta nemmeno la disposizione sulla mappa delle Arche all’interno delle quali si trovano gli elementi utili per sviluppare le abilità di Walker, visto che è casuale, cosa che costringe l’utente a girovagare inutilmente per ore per trovarle o a perdersene qualcuna, stufo. Se poi consideriamo che la campagna in sé non dura molto, meno di una decina di ore, ecco che nasce un doppio problema, ovverosia rischio noia e scarsa longevità. Invece che popolare la mappa con nuove missioni e attività tramite DLC a pagamento già annunciati per il futuro, e pensare quindi al mero guadagno, non avrebbe avuto più senso e non sarebbe stato più corretto integrare questi aspetti nel gioco base per migliorarne da subito la struttura e l’offerta?

LA SOLITA MINESTRA?

 

A tenere a galla la produzione sono quindi il sistema di progressione del personaggio insieme al gunplay e alle parti dedicate alla guida dei veicoli. Il sistema di gestione delle sparatorie è fortunatamente ottimo, col videogiocatore chiamato a sfruttare al meglio il variegato armamentario messo a disposizione dagli sviluppatori per venire a capo degli scontri, che risultano pertanto frenetici e avvincenti, nonostante richiedano poco impegno.
Il crafting legato alle armi e il loro diverso feedback sul campo, anche in termini di utilità, sono una delle cose meglio riuscite del gioco, così come lo sviluppo delle abilità di Walker, legate alla funzionalità della sua tuta. Diverse in tal senso le competenze del personaggio su cui intervenire: esse sono correlate principalmente alle funzioni nanotritiche e spaziano da abilità cinetiche con le quali respingere letteralmente via un nemico, al sistema Vortice, col quale risucchiare un gruppo di avversari, fino a Scatto, che consente di attraversare velocemente l’area dello scontro per colpire rapidamente gli avversari o evitare i loro colpi anche attraverso salti estesi. E questo solo per fare alcuni esempi.

Al giocatore viene insomma offerta l’opportunità di divertirsi a “giocare”, sperimentare nuove e devastanti combinazioni di armi e tecniche, grazie a un sistema articolato e ricco di opportunità. In quest’ottica va vista anche la possibilità, come accennato prima, di poter guidare dei veicoli. Ce ne sono, modificati, di ogni tipo, utili e differenziati sia per attraversare aree specifiche della Zona devastata, sia per combattere le varie tipologie di nemici.
Motori come lo splendido Raptor, l’Idroscivolante per solcare i fiumi e le paludi, e poi auto da corsa, corazzati come la Phoenix e grossi Monster Truck con i quali schiacciare ogni cosa, fino a insoliti velivoli coi quali sorvolare le foreste. Tutti tra l’altro customizzabili. Usare uno di questi mezzi è un vero e proprio spettacolo, e giocando non può non venire in mente quanto accadeva in pellicole come Mad Max. Specie quando poi si ha a che fare con i convogli, vere e proprie fortezze mobili gigantesche, scortate da decine di altre vetture più piccole.






Assaltarne uno significa rivivere le emozioni della sopra citata pellicola, a ulteriore conferma che Rage 2 non propone nulla di particolarmente originale, nulla che non si sia già visto e che per larghi tratti ricordi il recente Far Cry New Dawn di Ubisoft che già di per sé non era molto originale visto che si rifaceva idealmente al primo Rage. Passando ad altro, dal punto di vista tecnico Rage 2, che utilizza il motore di gioco Apex di Avalanche Studios, sfrutta solo discretamente le capacità hardware delle nuove schede grafiche, non riuscendo da questo punto di vista a rivaleggiare alla pari con gli altri esponenti del genere più recenti su Pc. La grafica in generale è buona. E l’impatto visivo non delude nell’insieme, complici un buon sistema di luci e ombre, il sapiente uso degli effetti particellari e la scelta di una palette cromatica colorata e in alcuni punti satura.



Ma i modelli poligonali, alcune texture e in generale le animazioni dei personaggi, che non brillano troppo per scaltrezza a causa di una intelligenza artificiale non troppo “sveglia” e routine comportamentali a volte insensate, non sono all’altezza delle aspettative. Va meglio col level design degli ambienti, abbastanza variegati e con qualche scorcio azzeccato, specie nelle aree delle Piane Lacerate o del mare di Dune, e con la fluidità generale, garantita su personal computer a 60fps.

Per quanto riguarda il comparto sonoro, ottimi gli effetti principali e secondari, compresi quelli di sottofondo, e la colonna sonora, in linea con le ambientazioni. Così così invece il doppiaggio in italiano, che alterna qualche voce bene interpretata ad altre decisamente sottotono e fuori contesto, incapaci cioè di evidenziare con la tonalità della recitazione e con la loro partecipazione emotiva, il carattere del protagonista e degli antagonisti, oltre a quella folle ironia di fondo che permea il gioco.

COMMENTO FINALE

Rage 2 riparte esattamente dal suo predecessore, non solo dal punto di vista narrativo, ma anche tecnico, non riuscendo quindi a far evolvere più di tanto la serie.

Di fatto è un “more of the same” che mutua gran parte del gameplay e della struttura di gioco dal primo capitolo. Il gioco si rivela uno sparatutto folle, colorato e caratterizzato in positivo da una buona grafica, ottimi elementi GDR e un bel sistema di gestione delle sparatorie. In negativo da una poco interessante struttura della progressione, da una mappa che offre pochi contenuti e da un’intelligenza artificiale non sempre all’altezza delle situazioni. Insomma, uno strano ibrido bello a metà, consigliato pertanto principalmente ai fan di Rage.

L’articolo Rage 2, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Rage 2, Recensione