Microprose abbraccia il genere FPS

Primo step: resurrezione. Secondo step: espansione. Questo deve essere l’intento di Microprose, che ha annunciato due nuovi titoli che decreteranno l’ampliamento della sua line-up a livello di genere. Non solo simulatori aerei e tattico-navali, ma anche first-person-shooter.

La storica software house nata nel 1982 e recentemente tornata a nuova vita ha infatti annunciato un accordo di pubblicazione con lo studio Drakeling Labs. Del quale pubblicherà prossimamente su Pc, via Steam, Operation: Harsh Doorstop e Warfare 1944. Quest’ultimo verrà rilasciato in accesso anticipato a partire dal prossimo 7 luglio.

In attesa dell’annuncio di ulteriori titoli da pubblicare da parte di Microprose, vediamo questi due nuovi FPS.

OPERATION: HARSH DOORSTOP

Operation: Harsh Doorstop è un progetto di comunità gratuito e privo di micro-transazioni, contenuti scaricabili a pagamento o meccaniche loot-box. Qui i giocatori potranno schierarsi nell’Afghanistan orientale in un conflitto immaginario tra forze sovietiche e la NATO durante l’estate del 1991. Sarà possibile scoprire la guerra tattica su larga scala. I giocatori potranno comunicare con la propria squadra ed emergere vittoriosi in questo titolo multiplayer competitivo brutalmente realistico. Si potrà inoltre utilizzare una vasta gamma di armi e attrezzature per raggiungere obiettivi che cambieranno in modo dinamico. Operation: Harsh Doorstop è una lettera d’amore al genere dei giochi tattici, realizzato da e per una comunità appassionata di sviluppatori e giocatori allo stesso modo. Senza prezzo.

WARFARE 1944

I giocatori potranno combattere in prima linea durante la Seconda Guerra Mondiale in questo sparatutto tattico stilizzato. Essi saranno impegnati in ampi spazi aperti con la possibilità di utilizzare una varietà di armi e attrezzature durante l’apice dello storico conflitto. Sarà possibile prendere decisioni intelligenti e condurre la propria squadra alla vittoria. Warfare 1944 si concentra sul gameplay tattico. I proiettili saranno mortali, e sarà possibile morire anche con un colpo solo.

La comunicazione di squadra sarà inoltre essenziale, con il gioco che offrirà una solida comunicazione vocale di prossimità. Essa consentirà di comunicare con i propri compagni di squadra, con i soldati al proprio fianco. I giocatori potranno contare su una grande varietà di armi e attrezzature mentre cercheranno di sopravvivere al caos della guerra. Sarà possibile radunare i propri amici nella stessa squadra e combattere in enormi battaglie attraverso vasti paesaggi aperti. Mantenete il vostro ingegno e sconfiggete i nemici. La guerra non perdona.

L’articolo Microprose abbraccia il genere FPS proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Doom Eternal, aggiornamento 1 e nuovo Evento

Il primo aggiornamento ufficiale di Doom Eternal è arrivato. Ed insieme a esso anche i demoni potenziati, la serie evento 3, aggiornamenti alla campagna per giocatore singolo, modifiche alla Battlemode ed altro ancora.

Guardiamo il video sull’aggiornamento 1 dell’eccellente fps firmato da id Software e Besthesda. Buona visione.

LE NOVITÀ DALL’AGGIORNAMENTO 1

Scopriamo alcune delle nuove funzionalità e modifiche in arrivo con il primo aggiornamento:

  • Demoni potenziati – Vendicate gli Slayer caduti uccidendo versioni potenziate dei demoni che li hanno eliminati. Tali demoni offrono un livello di sfida maggiore nonché notevoli quantità di risorse e PE bonus quando vengono sconfitti.
  • Serie evento 3 – Oggi in DOOM Eternal prende il via la Serie evento 3, intitolata Metalli Preziosi, che offre la possibilità di ottenere nuovi fantastici oggetti estetici tra cui la Collezione Master Dolorapper. Per cominciare subito a ottenere PE e progredire nell’evento, non dovete far altro che giocare alla Battlemode o alla campagna, oppure completare le sfide settimanali.
  • Miglioramenti all’esperienza per giocatore singolo – Fin dall’uscita del gioco abbiamo fatto tesoro del feedback dei giocatori, e l’aggiornamento 1 risolve alcuni dei principali problemi che ci sono stati segnalati. Alcune di queste modifiche includono l’ampliamento dei tutorial sui demoni, lo Scatto verticale in acqua e la regolazione dei danni da tossine durante il nuoto.

BATTLEMODE

Gli sviluppatori Stanno implementando una serie di funzionalità che miglioreranno l’esperienza complessiva di questa appendice:

  • Ora è disponibile un rapporto morti che mostra ai giocatori cosa li ha uccisi.
  • Sotto la scheda giocatore vengono ora mostrate delle stelle di prestigio per premiare i giocatori più dedicati.
  • Sono stati risolti vari problemi di latenza e lag.
  • I giocatori che affrontano Battlemode per la prima volta visualizzeranno ora un tutorial.
  • Livellamento Echelon per i giocatori che hanno raggiunto il livello massimo.

Per ulteriori dettagli sull’aggiornamento 1 di Doom Eternal, visitate questo link.  A seguire, infine, il commento di Hugo Martin, direttore dei lavori sul gioco.

Un’altra settimana di avvincenti scontri in BATTLEMODE. Stiamo lavorando alacremente su una futura patch che includerà numerose funzionalità e miglioramenti delle prestazioni; vi sveleremo ulteriori dettagli in un prossimo articolo.

L’aggiornamento al bilanciamento di questa settimana è dedicato principalmente alle console e alla risoluzione di alcuni problemi relativi ai demoni con abilità scudo.

Abbiamo deciso di partire dal Razziatore, ovvero uno dei nostri demoni più amati, delle cui prestazioni in questa modalità siamo molto soddisfatti. BATTLEMODE è basato più sulla tattica che non sull’aggressione indiscriminata: giocando nel ruolo dei Demoni, bisogna saper cogliere l’occasione giusta per intrappolare e logorare lo Slayer, più agile e potente, sfruttando attacchi combinati. L’attuale dotazione del Razziatore non esalta gli aspetti tattici dell’esperienza come dovrebbe. È stato concepito come un’unità di aggressione pura e, al momento, non dispone di molti strumenti strategici per mettere sotto pressione lo Slayer. Ci auguriamo che il ridimensionamento dei valori dello scudo generato dal suo attacco con il Lupo incoraggeranno i giocatori a compiere scelte più ponderate quando affrontano lo Slayer. Ciò servirà anche a diversificare il ritmo dell’esperienza per tutti e a introdurre maggiore strategia nell’approccio a quest’unità aggressiva. (Maggiori dettagli a seguire)

Per quanto riguarda le console, continuiamo nell’intento di uniformare l’esperienza su tutte le piattaforme. Vogliamo che gli Slayer che utilizzano il controller possano godere dello stesso livello di sfida che caratterizza l’esperienza di utilizzo di mouse e tastiera su PC. Riteniamo che i margini di vulnerabilità dell’Archvile e dell’Elementale del dolore siano un po’ troppo limitati rispetto alla capacità di infliggere danni dello Slayer su console. La capacità di movimento, il tasso di fuoco e la precisione dello Slayer per i giocatori che utilizzano un controller sono inferiori rispetto al PC e di ciò bisogna tenere conto nel calcolare i tempi di recupero e la durata delle abilità dei demoni di cui sopra. (Maggiori dettagli a seguire)

Come sempre, monitoreremo con attenzione i risultati di queste modifiche e interverremo laddove fosse necessario. BATTLEMODE è un’esperienza caratterizzata da INTENSITÀ/RITMO/STRATEGIA; le modifiche al bilanciamento di questa settimana hanno lo scopo di consolidare questi tre principi fondamentali e risolvere eventuali exploit su tutte le piattaforme.

Grazie a tutti per il tempo che dedicate al gioco e per il feedback che ci mandate. Ci vediamo nell’ARENA.

L’articolo Doom Eternal, aggiornamento 1 e nuovo Evento proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Project Xandata, la closed beta continua

Il successo della closed beta di Project Xandata lanciata qualche settimana fa è stato tale da chiederne il prolungamento. Così hanno riportato The Studio of Secret 6 e IDC/Games, che su richiesta della community prolungheranno la fase di beta fino a giovedì 14 aprile.

Inoltre verrà disputato un torneo competitivo in-game tra diverse squadre, dove i giocatori potranno tastare con mano lo spirito competitivo del titolo. Uno sparatutto competitivo 3v3 online free to play dal ritmo frenetico che in seguito arriverà su Steam. Mentre al momento è disponibile solamente sulla piattaforma di IDC/Games

Project Xandata

IL GIOCO

Project Xandata è uno sparatutto in prima persona (FPS) online competitivo free to play nel quale gli utenti si sfidano in questo PvP arena shooter. Si vestiranno i panni di uno Xandat, uno dei migliori soldati di Xandaigdig. Dalla combinata forza, tecnologia e artiglieria delle Sette Grandi Nazioni è nata una nuova leva di guerrieri che ha combattuto contro nemici di altri pianeti per salvare il mondo dall’estinzione. I giocatori dovranno personalizzare la propria armatura a seconda dello stile di gioco e far vedere agli altri Xandat cosa si è capaci di fare.

Project Xandata

LE MODALITA

  • Rissa: i team combattono in una rissa a tempo. Per ogni nemico ucciso la squadra guadagnerà dei punti. Vince la prima squadra che raggiunge il punteggio prefissato. Le eliminazioni più elaborate valgono punti extra. Allo scadere del tempo vincerà la squadra che ha totalizzato più punti.
  • Annientamento: le squadre si affrontano con l’obiettivo di distruggersi in un combattimento di sole armi. Ogni squadra può rigenerarsi per un certo numero di volte in un round. L’ultimo Xandat a rimanere in piedi vince il round. Chi vince 5 round si aggiudica la vittoria finale.
  • Corruzione: le squadre Xandat guadagnano punti raccogliendo frammenti lasciati dagli avversari eliminati. Si possono negare punti agli avversari raccogliendo i frammenti lasciati dai membri della propria squadra. Ogni tanto apparirà un Obelisco sulla mappa che quando viene distrutto rilascia frammenti da raccogliere. La squadra che raggiunge il punteggio prefissato o quella che ha collezionato più punti a tempo scaduto vince il match.

L’articolo Project Xandata, la closed beta continua proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Doom Eternal ed i dieci motivi per giocarlo

Non c’è dubbio che Doom Eternal, qui da noi recensito, abbia soddisfatto appieno molti estimatori degli fps. Bethesda, publisher del titolo firmato da id Software, ha annunciato sconti (fino al 25% in digitale) ed ha pubblicato un decalogo nel quale sintetizza le qualità.

IL RE DEGLI FPS

Il genere degli sparatutto in prima persona devo tanto alla saga di DOOM che, grazie a un gameplay semplicemente unico e a un rinnovarsi di anno in anno, torna alla ribalta con un nuovo capitolo pronto a ribadire di essere il Re degli FPS. Se siete amanti della serie c’è poco da dire ma, se vi state interfacciando per la prima volta, sappiate bene una cosa: l’esperienza garantita da Doom Eternal vi donerà sensazioni mai percepite fino a questo momento. Semplicemente unico nel suo genere, provare per credere.

L’ARMA GIUSTA AL MOMENTO GIUSTO

Uno degli elementi cardine di Doom Eternal è senza ombra di dubbio il gunplay e, di conseguenza, la presenza di un vasto assortimento di armi da fuoco e da taglio, come la motosega ad esempio, pronte ad essere sfruttate nella maniera più libera e folle possibile.

MATTANZA DEMONIACA

A cosa servono tutte queste armi? Ovviamente a fare una sanguinolenta mattanza di demoni. Nel gioco ritroverete vecchie conoscenze quali il Revenant e tante altre nuove nemesi pronte a farvi a brandelli; nei panni del buon DOOM Slayer sarà vostro compito quello di annientarli senza alcuna pietà. Andate all’Inferno senza paura!

BATTLEMODE, LA NUOVA MODALITÀ MULTIGIOCATORE

All’interno di Doom Eternal sarà presente Battlemode, la divertente nuova modalità multigiocatore ideata da id Software. Di cosa stiamo parlando? Un giocatore assume il ruolo del DOOM Slayer mentre altri due vestono i panni dei demoni. Lo Slayer è armato fino ai denti per sconfiggere i due letali avversari, che possono spaziare dal Revenant col suo fidato jetpack al coriaceo Mancubus, e la sfida sarà uno scontro mortale al meglio dei cinque round.

MAGGIORE MOBILITÀ, MAGGIORE DIVERTIMENTO

Rispetto al DOOM (2016), in Eternal si è dato maggiore risalto alla mobilità del personaggio grazie a una serie di interessanti novità, quali ad esempio l’Uncino da Macellaio per la doppietta, utile a velocizzare ancor più l’azione di gioco dando la possibilità di agganciarsi al nemico e colpirlo in maniera ravvicinata o spostarsi in lungo e l’argo nell’ambiente.

UN’INTERFACCIA GRAFICA COMPLETAMENTE RINNOVATA

Altra novità rispetto al passato è sicuramente l’interfaccia grafica completamente rinnovata. Nel gioco, ogni icona presente su schermo è stata migliorata per rendere ancor più visibile ogni dettaglio, azione e informazione utile a garantire un ottimale esperienza di gioco. Dalla barra della salute fino a quella dei potenziamenti e delle munizioni, tutto è stato curato in maniera eccellente.

UNA GRAFICA DA PAURA

Doom Eternal

Grazie al motore grafico id Tech 7 Doom Eternal è uno spettacolo per gli occhi con una rappresentazione e una direzione artistica sopraffina di questo mondo infernale. A completare il quadro si aggiunge anche la grande fluidità dell’azione: tutto è velocissimo e senza rallentamenti, anche nelle situazioni con tanti nemici a schermo.

UN SUPPORTO A LUNGO TERMINE

Bethesda ha confermato l’estesa longevità di Doom Eternal garantendo un costante supporto al progetto: tra aggiornamenti gratuiti e dlc a pagamento inclusi nella Deluxe Edition.

UNA COLONNA SONORA DA URLO

La mattanza demoniaca sarà accompagna da un sottofondo musicale di tutto rispetto. La colonna sonora è stata composta da Mike Gordon, celebre artista che ha contribuito a lavori dal calibro di Wolfenstein, Killer Instinct e il DOOM del 2016.

TANTI SEGRETI DA SCOPRIRE

Doom Eternal

Per i giocatori più curiosi, il titolo, nasconde un gran numero di divertenti e curiosi Easter Eggs, ma solo i più bravi e tenaci riusciranno a scoprirli tutti. A tal proposito, qui c’è un approfondimento.

L’articolo Doom Eternal ed i dieci motivi per giocarlo proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Fak3!1 Game (ir)rompe su Pc

La terribile pandemia che ha sconvolto il mondo e le sue abitudini, ahinoi, sta anche alla base di alcune teorie complottiste e fake news su come sia nato il Coronavirus e correlazioni di tutti i tipi che, ovviamente, non trovano concretezza nei fatti. Da questo e da un altro aneddoto che vi sveleremo nel corso dell’articolo, nasce Fak3!1 Game.

Il gioco molto sui generis è sviluppato da Fabrizio Radica, cofondatore di RetroAcademy, ed è distribuito a titolo gratuito. Si tratta di uno sparatutto in prima persona nato in questi giorni di ansia per sdrammatizzare il clima alimentato dalle fake news (o bufale, se preferite) e le teorie complottiste. Scie chimiche, governi collusi o controllati da lobby, 5G e Coronavirus e molto altro viene preso in giro da Fak3!1 Game. Giusto ricordare come questo titolo sia stato sviluppato in una settimana e che sia comunque in aggiornamento costante.

Fak3
Le immancabili scie chimiche che possono essere prese di mira dai complottisti

Fabrizio Radica ha così commentato la genesi del suo titolo:

L’idea parte da una telefonata con il mio amico (e cofondatore di RetroAcademy) Alessandro Bulgarelli che, dopo una sessione su Warzone, mi chiede: Fabbroz, perché non fai un gioco sul COVID?
Credo di averci pensato mezzo secondo e gli ho detto: ok.
Non gliel’ho ancora chiesto ma credo non pensasse che avrei fatto sul serio. L’engine di base con tutta la storia è stato sviluppato in una settimana, acquistando solo la grafica (non avrei avuto il tempo per produrla).
Le musiche sono state prese “in prestito” dall’attuale periodo e dai meme che circolano in rete. Tutto il resto è scritto e orchestrato di mio pugno.

DETTAGLI SUL GIOCO

Si può anche guidare un autocompattatore

LA STORIA “COMPLOTTARA”

Il tutto parte da un ipotetico complotto di Bill Gates assieme ai laboratori cinesi per mandare il mondo in rovina ed alimentare un ipotetico traffico (business), illecito di mascherine.
Ambientato in una improbabile Bugliano, tutto, sarebbe poi stato trasportato dalle sciee chimiche per contagiare la popolazione mondiale.

Uno dei grandi protagonisti di questa storia è CINKUEGGI S.P.A., una multinazionale che ha come obbiettivo aiutare “laggente”. Purtroppo, però, grazie alle fake news, la popolazione pensa siano nocive e tenterà di distruggerla in massa.

Durante il gioco avremo modo di conoscere complottisti e sette (ma non otto scusate, è pessima, ndr), come gli out-tisti.
Non mancheranno situazioni paradossali e la possibilità di prendere mezzi e potersi curare grazie all’Amuchina.

Fak3, fa il verso ai giochi più blasonati degli ultimi anni come Fortnite, Call Of Duty, GTA e non sarà difficile ritrovarsi in situazioni apparentemente già vissute in questi titoli.

Un esempio è il fatto di farsi paracadutare sulla città da un aereo cargo militare, Warzone docet.

EVOLUZIONI, CI SONO LE SEASON. MULTIPLAYER IN ARRIVO

Una folla festante vuole farci la pelle

Nato per scherzo, sta diventando un progetto corposo con missioni da svolgere, oggetti da sbloccare e complotti da evitare ed è tutto diviso in Season (ironizzando anche alla tendenza del momento in ambito videoludico, ndr). E ne vedremo delle belle.

Lo stesso Radica, infatti, dice:

Sto già lavorando alla prossima Season che dovrebbe includere (tempo e finanze permettendo) anche il comparto multiplayer con molte novità sia classiche che Cooperative.

Il gioco sarà poi ambientato anche in vari periodi storici, quindi troveremo paradossi, storia delle fake news e tanti aneddoti divertenti.

E poi ancora, armi come RPG, fucili e molto, molto altro. Radica, poi, conclude parlando sia dello stile e delle influenze dal punto di vista tecnico che del messaggio che il gioco-parodia vuole trasmettere.

Essendo un appassionato di videogiochi del passato (Sono fondatore di RetroAcadmey assieme a Alessandro Bulgarelli), cercato e voluto uno stile che riportasse alla memoria i giochi arcade dei primi anni 90, dell’indimenticabile SEGA, (Virtua Racing, Virtua Cop, Dyatona USA e molti altri).
Quindi modelli poligonali semplici da efficaci.

In FAK3, ho voluto sottolineare la lotta alle fakenews in un contesto divertente e parodico.

In qualche modo una fotografia digitale, un fermo immagine dei primi mesi del 2020, rigiocabile in futuro, ripensando al passato.

Un ringraziamento speciale va a tutte le persone che mi hanno e che tutt’ora mi aiutano moralmente anche inviandomi idee, testando il gioco, inviandomi meme e molto materiale pronto per essere inserito in FAK3.

Il titolo si presenta con un fps con grafica poligonale dove è possibile anche guidare vetture di diverso titolo ed incontrare anche auto volanti.

COME SCARICARE IL GIOCO



Fak3!1 Game

Il titolo, come accennato, è scaricabile a titolo gratuito. Al momento (quindi evitate link esterni) solo sulla pagina Facebook del gruppo del gioco e presto anche sul sito che però deve essere ancora ultimato dallo stesso autore.

 

L’articolo Fak3!1 Game (ir)rompe su Pc proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Zombie Army Trilogy, il trailer di lancio per Switch ci mostra il demoniaco Hitler

È ormai tutto pronto per il debutto di Zombie Army Trilogy su Switch. E voi, lo siete? Siete pronti a combattere gli zombie con la vostra console? Domani, puntuale come da annuncio, 31 marzo, inizia la missione per abbattere il demoniaco Hitler e le sue orde di non morti nazisti.

Per celebrare l’imminente resurrezione portatile, lo sviluppatore indipendente britannico Rebellion ha pubblicato il trailer di lancio di Zombie Army Trilogy. Ecco la clip che ricordiamo essere contraddistinta con un PEGI 18 e quindi adatta (così come il gioco) ad un pubblico maturo. Buona visione.

Chi vuole, può ancora effettuare il pre-ordine di Zombie Army Trilogy per Switch sul Nintendo eShop, prima del lancio di domani, ottenendo uno sconto del 15%.

Lo shooter cult di Rebellion permette a voi ed ai vostri amici di di massacrare le orde massicce che compongono l’esercito di zombi nazisti di Hitler. Usate fucili di precisione, mitragliatrici e fucili da caccia per eliminare le ondate di non morti e affrontate il dittatore di demoni in un’incredibile battaglia finale.

Zombie Army Trilogy include tutto ciò che è stato precedentemente pubblicato su console. Sopravvivietea 3 intense campagne Storia ed affrontate la Horde Mode, tutte disponibili sia in modalità singleplayer che in modalità cooperativa drop-in, drop-out per un massimo di 4 giocatori.

Su Switch, la trilogia offre nuove funzionalità tra cui co-op wireless locale, motion control, controller Pro e supporto HD Rumble. Il titolo supporta anche il nuovo sistema di inviti per amici di Nintendo Switch.  La serie, ricordiamo, ha venduto più di 4 milioni di copie in tutto il mondo.



Zombie Army Trilogy Switch

Zombie Army Trilogy

L’articolo Zombie Army Trilogy, il trailer di lancio per Switch ci mostra il demoniaco Hitler proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Warface su Switch a quota 1 milione

La versione Switch di Warface incontra i favori del pubblico. Sono, infatti, un milione i giocatori registrati sulla piattaforma di gioco. Risultato raggiunto in poco quaranta giorni: il titolo è giunto sull’ibrida della grande N lo scorso 18 febbraio. L’annuncio è stato fatto dall’editore My.Games nelle ore scorse. Per celebrare questo, lo sviluppatore di questa versione, Allods Team ha anche rivelato alcune statistiche di gioco:

  • I giocatori hanno completato 495.387 partite PvP
  • Il tempo di riproduzione totale per Warface su Switch è di oltre 83.000 giorni
  • Le modalità più popolari su Switch sono le missioni PvE (1.285.309 giocate) e le operazioni speciali in cooperativa (148.507 completate).

Warface su Switch ha contenuti completi e parità di funzionalità con le versioni Xbox One e PS4, con un sistema di rotazione dei contenuti che apre nuove missioni cooperative PvE ogni settimana. Il team di sviluppo prevede di rilasciare contemporaneamente il prossimo grande aggiornamento su tutte e tre le piattaforme.

Ivan Pabyarzhin, capo del franchise di Warface, ha detto:

La strategia chiave con la versione per Nintendo Switch è mantenere freschezza e questo significa aggiornamenti costanti. Siamo già al lavoro per il prossimo aggiornamento della console che verrà lanciato simultaneamente su Switch, Xbox One e PS4 quest’estate.

Il nostro Giuseppe Maria Stecchi ha recensito recentemente questa versione. Eccone il commento finale:

Non ci stancheremo mai di ripeterlo: Warface era ed è un free-to-play che, nonostante le limitazioni grafiche e di di gameplay, riesce comunque a tenere testa ai corrispettivi titoli dello stesso genere, sempre su Switch. Una scelta di armi limitata e un equipaggiamento per ciascuna classe ridotto a due semplici armi, non sembrano impensierire troppo questo fps, che fa del noleggio di skin e oggetti, il suo punto forte (eventualmente acquistabili con soldi reali e/o moneta in game). Inoltre, grazie alla sua varietà di mappe e una componente online integrata, non risulta mai noioso e scontato. Quello che sembrava un outsider si è trasformato in un avversario temibile, che farà passare molte ore di gioco agli utenti Switch.

L’articolo Warface su Switch a quota 1 milione proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Call of Duty: Warzone, ecco la modalità Solitario

Come sappiamo, Call of Duty: Warzone è disponibile da pochi giorni e già arriva una nuova modalità, adatta a chi vuole giocare solo contro tutti e raggiungere Verdansk da solo: Solitario.

SOLITARIO, I DETTAGLI 

Le basi: In modalità Solitario, i giocatori vengono catapultati a Verdansk da soli seguendo le regole del Battle Royale. Questo significa niente compagni di squadra, nessun amico, ma soli con una pistola. Man mano che sopravviveranno contro un massimo di altri 149 giocatori, la nube di gas si espanderà restringendo l’area di gioco, proprio come avviene in una normale Battle Royale. Il Gulag accoglie ancora gli eliminati della Warzone, ma se si muore nello scontro 1v1, si è definitivamente fuori dalla partita.

La strategia in modalità Solitario: poiché in modalità Solitario non si hanno compagni di squadra su cui fare affidamento o che potranno guardarsi le spalle a vicenda, ogni decisione può determinare la vita o la morte.
Bisogna guardare l’angolo in alto a destra per vedere quanti giocatori sono entrati e tenere gli occhi aperti su dove si trovano quelle scie rosse. Se si è alla ricerca di uno scontro, bisogna seguire quelle piste. Altrimenti, si può atterrare in luoghi più remoti per costruire il proprio loadout prima di affrontare gli altri giocatori.

Una volta che si atterra, la raccolta di informazioni diventa l’arma più potente per la sopravvivenza. Oltre a prestare attenzione alla mappa tattica e alla mini mappa, bisogna essere particolarmente attenti a trovare ed equipaggiarsi con strumenti di ricognizione come il Drone di ricognizione, il Monitor del battito cardiaco e UAV. L’ultimo di questi può essere acquistato tramite le stazioni di acquisto, attive durante questa modalità.

A proposito delle stazioni di acquisto, si possono  ancora acquistare i kit per tornare in vita o trovarli in Verdansk. Inoltre, solitamente gli operatori muoiono all’istante quando la loro salute scende a zero, ma se hanno un kit, possono ritornare in gioco e vendicarsi.

Inoltre, la modalità Solitario è un ottimo modo per allenare fondamentali di Warzone. Le modalità da giocatore singolo sono una buona opzione per chi vuole allenarsi con le armi, con l’equipaggiamento, con i benefici e sulla conoscenza della mappa. Potendo contare solo sui propri sensi e sull’HUD, un match in modalità Solitario può offrire l’occasione per apprendere dall’esperienza per le prossime partite. Ulteriori dettagli a questo link.

CONSIGLI PER QUESTA VARIANTE

  • Giocate in modalità Solitario? La raccolta di informazioni è il miglior alleato: oltre a prestare attenzione alla mappa tattica e alla mini mappa, bisogna essere particolarmente attenti a trovare ed equipaggiarsi con strumenti di ricognizione come il Drone di ricognizione, il Monitor del battito cardiaco e UAV.
  • I contratti: questo vale per i contratti di esplorazione della mappa. Siccome si è da soli, il tempo per conquistare le posizioni è dimezzato rispetto ad altre modalità. Bisogna portare a termine i contratti e ottenere denaro per accumulare successivamente i loadout presso le stazioni di acquisto.
  • Imparare dalle partite in modalità Solitario: anche se possono avere meno possibilità di vincere, è necessario imparare da questa modalità per le prossime partite in squadra. Alcune partite in Solitario potrebbero fare la differenza tra perdere la prossima partita in Battle Royale e una meritata vittoria.

L’articolo Call of Duty: Warzone, ecco la modalità Solitario proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Metro Redux esordisce su Switch

Oggi è il gran giorno di Metro Redux su Switch. Deep Silver e 4A Games lo annunciano. La raccolta include e versioni definitive di Metro 2033 e Metro Last Light oltre a tutti i relativi dlc adesso disponibile sulla console ibrida di Nintendo.

Sviluppato internamente da 4A Games nel giro di 8 mesi, Metro Redux garantisce un’esperienza a 720p nativi in modalità portatile ed a 1080p quando si gioca in docking il tutto mantenendo i solidi 30 fps.

Ecco il trailer di lancio che, per dovere di cronaca, segnaliamo essere contrassegnato con PEG 18. Buona visione.

Metro Redux è disponibile in versione fisica con entrambi i giochi e tutti i dlc racchiusi in una cartuccia da 16GB con nessun contenuto aggiuntivo in più da scaricare, e in versione digitale sul Nintendo e-shop.

STORIA

Nel 2013 il mondo è stato sconvolto da un evento apocalittico che ha quasi spazzato via il genere umano e ridotto la superficie del pianeta a una landa deserta e contaminata. Un manipolo di superstiti si è rifugiato nelle profondità della metropolitana di Mosca, e la civiltà umana è entrata in un nuovo Medioevo.

Siamo nel 2033. Un’intera generazione è nata e cresciuta sottoterra. Le città-stazione della metropolitana sono sotto assedio e lottano per sopravvivere, fra loro e contro gli orribili mutanti in agguato all’esterno.

I giocatori vestono i panni di Artyom, nato poco prima della catastrofe ma cresciuto sottoterra. Pur non avendo mai varcato i confini della città, un fatidico evento dà il via a una missione disperata nel cuore della metropolitana nel tentativo di mettere in guardia gli umani superstiti contro una terribile minaccia.

Ma ascolteranno? Invece di restare unite, le fazioni della metropolitana sono impegnate in una lotta per conquistare il potere supremo, rappresentato da un ordigno dell’apocalisse contenuto nei depositi militari di D6. Si sta scatenando una guerra civile che potrebbe spazzare via per sempre dalla faccia della terra il genere umano.

CARATTERISTICHE CHIAVE

  • Entrate nella metropolitana di Mosca e vivete uno dei mondi più coinvolgenti della storia dei videogiochi su Switch.
  • Sfidate gli orrori dell’apocalisse russa – usate la maschera antigas e un arsenale di armi di fortuna per affrontare pericolosi mutanti, nemici umani e le insidie dell’ambiente.
  • Due campagne, e tutti i dlc – Metro Redux contiene due campagne complete che insieme creano un’avventura epica, più altre 10 ore di contenuti bonus. Due esclusivi stili di gioco e la Modalità Ranger aumentano la longevità.
  • Due esclusivi stili di gioco: “Spartan” e “Survival” – affrontate la campagna come in un survival horror, o scatenati come uno Spartan  Ranger in queste due incredibili modalità.

L’articolo Metro Redux esordisce su Switch proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Warface, Recensione Switch

Da un po’ di tempo ormai, numerosi titoli di vario genere stanno sbarcando su Switch. Tra remastered e semplici porting, accolti più o meno bene dal pubblico, il catalogo della console Nintendo si allunga sempre più. Il titolo che vogliamo analizzare oggi è Warface, fps free-to-play online, già disponibile su Pc e sulle altre console, disponibile da pochi giorni anche su Switch.

Gli uomini di Crytek hanno deciso dunque di lanciarsi nuovamente in questo grande “shooter ring” con tanto coraggio (o incoscienza) visti gli altri titoli in gara. Sarà schiacciato dagli altri o riuscirà a sopravvivere? Non ci resta che andare a scoprirlo.

COS’E’ WARFACE

Come anticipato, Warface è un titolo gratuito che può essere scaricato dal Nintendo e-shop e che, diversamente da quanto si possa pensare, non obbliga il giocatore a dover comprare potenziamenti e altri oggetti per essere competitivo (fattore da non sottovalutare).

Trattandosi per l’appunto di un gioco gratuito, Warface non hai mai avuto la pretesa di competere con giochi di altro calibro (a pagamento), sin dalla sua uscita su Pc nel 2013 e successivamente su console. Ma, nonostante ciò, è stato sempre un titolo che ha sempre avuto qualcosa da dire anche quando i giocatori, stanchi degli insulti provenienti dai bambini pseudo-giocatori di Call of Duty, decidevano di godersi una sana e seriamente competitiva partita, senza troppi fronzoli. Una volta scelte velocemente classe, armi e modalità si è subito in partita. Perché Warface è proprio questo: immediato, veloce e con tempi di caricamento e di rientro in game veramente rapidi

UN FPS SERIO E DIVERTENTE

Essendo ovviamente un’esperienza incentrata sul multiplayer, non poteva mancare la presenza del PvP e del PvE. Il primo, più ricco e appetitoso, è composto dalle classiche modalità: Deathmatch a squadre, Tutti contro tutti, Pianta la bomba, Tempesta e Blitz. Inoltre, proprio come negli altri free-to-play, anche qui, gli sviluppatori hanno deciso di aggiornare la versione Switch, in modo tale che i nuovi aggiornamenti dei contenuti vengano pubblicati contemporaneamente alle altre piattaforme. Si è parlato anche di future funzionalità cross-play ma non al momento.

Per quanto riguarda il PvE, si notano anche qui diverse modalità con le quali destreggiarsi, come l’affrontare orde di zombie avendo come sfondo lo scenario di Chernobyl o un esercito di robot su Marte. Il senso di divertimento e di appagamento è allo stesso livello se non migliore rispetto alle stesse modalità presenti in Call of Duty, grazie anche alla presenza della chat vocale già integrata nel gioco.

UN TITOLO CHE SI LASCIA GIOCARE

Oltre 50 mappe multiplayer a disposizione e oggetti utili alla personalizzazione. C’è anche e soprattutto questo in Warface, quindi tutti i gusti degli appassionati degli fps vengono soddisfatti: scenari più favorevoli per l’incontro ravvicinato e altri fatti ad hoc per i cecchini. Menomale, verrebbe da dire, perchè altrimenti quali sarebbero state le armi a sua disposizione per fronteggiare i rivali?

Il fulcro però, rimane quello del gameplay. Nonostante l’accostamento fps-Switch si sa, non sia dei migliori, gli sviluppatori hanno messo tutto il loro impegno per rendere l’esperienza di gioco il più godibile e ci sono in parte riusciti. Gli sconti a fuoco risultano essere intensi e i colpi alla testa sono incredibilmente precisi. Nella nostra prova non abbiamo mai dovuto ricorrere ad uno intero caricatore per uccidere un nemico (bastano infatti pochi colpi), ma la cosa che più ci ha stupito è stata la velocità di rientro dopo essere stati uccisi: bastano veramente pochi secondi per tornare subito in azione. L’unico neo è la nuova classe SED, decisamente più forte rispetto alle altre. Ma questo non compromette troppo l’esperienza di gioco.

WARFACE, TECNICAMENTE

Anche su Switch, il titolo può vantare del famoso motore grafico CryEngine, ma nonostante questo, incontra sempre le limitazioni imposte dalla console. In modalità tv il gioco gira a 30fps (più o meno stabili) a 720p, mentre in modalità portatile a 540p. In entrambe le modalità si può notare un netto aliasing, quindi molti bordi frastagliati e sfocati. Anche la luminosità delle mappe soffre un po’: alcune di esse sono troppo buie, altre troppo luminose. Da aggiungere infine, la presenza di input-lag, però non troppo marcato. Il motore grafico non poteva fare di meglio.

 

COMMENTO FINALE

Non ci stancheremo mai di ripeterlo: Warface era ed è un free-to-play che, nonostante le limitazioni grafiche e di di gameplay, riesce comunque a tenere testa ai corrispettivi titoli dello stesso genere, sempre su Switch. Una scelta di armi limitata e un equipaggiamento per ciascuna classe ridotto a due semplici armi, non sembrano impensierire troppo questo fps, che fa del noleggio di skin e oggetti, il suo punto forte (eventualmente acquistabili con soldi reali e/o moneta in game). Inoltre, grazie alla sua varietà di mappe e una componente online integrata, non risulta mai noioso e scontato. Quello che sembrava un outsider si è trasformato in un avversario temibile, che farà passare molte ore di gioco agli utenti Switch.

L’articolo Warface, Recensione Switch proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Metro Redux approda su Switch il mese prossimo

La notizia farà senza dubbio piacere agli appassionati di un certo tipo di fps: Metro Redux, già apprezzato su Pc, PS4 ed Xbox One, si appresta ad arrivare su Switch. Deep Silver e 4A Games hanno infatti annunciato poco fa che l’ultimo capitolo della propria serie fps sarà disponibile sulla console ibrida di Nintendo a partire dal prossimo 28 febbraio.

Oltre alle due campagne, Metro Redux contiene tutti i dlc di Metro: Last Light offrendo altre 10 ore di contenuti bonus. I giocatori potranno farsi strada nella Metro di Mosca con due stili di gioco unici: “Survival” per affrontare la campagna come in un survival horror, o “Spartan” per scatenarsi con le abilità di uno Spartan Ranger.

Ecco il trailer d’annuncio segnato PEGI 18. Buona visione.

I possessori della versione fisica di Metro Redux troveranno entrambi i giochi e tutti I dlc su una cartuccia da 16GB che non richiede un download ulteriore; presso alcuni retailer selezionati, sono aperti i pre-order per l’edizione The Ranger Cache che contiene un set di spille di Metro Redux, la custodia del gioco, un artwork reversibile, 4 cartoline reversibili e un poster formato A2 reversibile.

Chi preferisce possedere la versione digitale di Metro 2033 Redux e Metro: Last Light Redux può acquistarli individualmente su Nintendo e-Shop.

STORIA





Nel 2013 il mondo è stato sconvolto da un evento apocalittico che ha quasi spazzato via il genere umano e ridotto la superficie del pianeta a una landa deserta e contaminata. Un manipolo di superstiti si è rifugiato nelle profondità della metropolitana di Mosca, e la civiltà umana è entrata in un nuovo Medioevo.

Un’intera generazione è nata e cresciuta sottoterra. Le città-stazione della metropolitana sono sotto assedio e lottano per sopravvivere, fra loro e contro gli orribili mutanti in agguato all’esterno.

I giocatori vestono i panni di Artyom, nato poco prima della catastrofe ma cresciuto sottoterra. Pur non avendo mai varcato i confini della città, un fatidico evento dà il via a una missione disperata nel cuore della metropolitana nel tentativo di mettere in guardia gli umani superstiti contro una terribile minaccia.

Ma ascolteranno? Invece di restare unite, le fazioni della metropolitana sono impegnate in una lotta per conquistare il potere supremo, rappresentato da un ordigno dell’apocalisse contenuto nei depositi militari di D6. Si sta scatenando una guerra civile che potrebbe spazzare via per sempre dalla faccia della terra il genere umano.

CARATTERISTICHE CHIAVE




Entrate nella metropolitana di Mosca e vivete uno dei mondi più coinvolgenti della storia dei videogiochi su Switch.

  • Sfidate gli orrori dell’apocalisse russa – usate la maschera antigas e un arsenale di armi di fortuna per affrontare pericolosi mutanti, nemici umani e le insidie dell’ambiente.
  • Due campagne e tutti i dlc – Metro Redux offre due campagne complete che insieme creano un’avventura epica, più altre 10 ore di contenuti bonus. Due esclusivi stili di gioco e la Modalità Ranger aumentano la longevità.
  • Due esclusivi stili di gioco: “Spartan” e “Survival” – affrontate la campagna come in un survival horror, o scatenati come uno Spartan  Ranger in queste due incredibili modalità.

L’articolo Metro Redux approda su Switch il mese prossimo proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Overwatch: Legendary Edition approda su Switch

Il conto alla rovescia sta per terminare: Overwatch: Legendary Edition si dirige su Switch. Dalle 20 di questa sera, infatti, gli utenti Nintendo potranno giocare allo sparatutto a squadre di Blizzard.

Dopo tre anni di contenuti, aggiornamenti e migliorie di gioco arriva su Nintendo Switch con un cast di 31 eroi in costante evoluzione e diverse modalità amichevoli e competitive che si svolgono in 28 diverse ambientazioni di tutto il mondo.

Gli utenti Switch che si uniranno alla lotta per il futuro beneficeranno di tutte le aggiunte implementate in Overwatch fino a oggi, tra cui: il 31° eroe, Sigma, un eccentrico astrofisico in grado di controllare la forza di gravità; L’Avana, la nuova mappa di trasporto; il Workshop, uno strumento grazie al quale i giocatori hanno già condiviso centinaia di migliaia di bizzarre e avvincenti creazioni giocabili su tutte le piattaforme.

I giocatori Nintendo possono anche usare i comandi di movimento giroscopici della console per provare l’esperienza di Overwatch in un modo completamente nuovo. Muovendo i Joy-Con, i giocatori potranno guidare la Rotobomba di Junkrat per ottenere la massima distruzione, volare nei cieli e far piovere giustizia sui nemici con Pharah, lanciare una Bomba Gravitonica con precisione chirurgica nei panni di Zarya e molto altro.

Allen Brack, presidente di Blizzard Entertainment, ha sottolineato:

La Legendary Edition rappresenta più di tre anni di sviluppo continuo su Overwatch, e crediamo non ci sia modo migliore per introdurre il gioco ai possessori di Nintendo Switch. Siamo ansiosi di accogliere i nostri nuovi eroi nel mondo in costante evoluzione di Overwatch, che giochino da casa o in qualunque altro luogo.

L’Overwatch: Legendary Edition per Nintendo Switch è disponibile in versione fisica (contenente un codice per lo scaricamento del gioco) e in versione digitale sul Nintendo eShop al prezzo suggerito di 39,99 euro. Entrambe le versioni contengono 15 modelli bonus, tra cui alcuni dei preferiti dai giocatori come D.VA Agente di Polizia, Reaper Reyes Blackwatch e Mercy Valchiria, oltre a tre mesi di abbonamento individuale a Nintendo Switch Online.

OVERWATCH – FUNZIONI DI GIOCO

L’Overwatch: Legendary Edition uscirà su Switch con tutti gli eroi, le mappe, le modalità e gli aggiornamenti al gioco attualmente disponibili su tutte le piattaforme, fornendo ai giocatori di Nintendo Switch l’esperienza completa di Overwatch:

  • Giocate con 31 eroi unici – Un gruppo di eroi provenienti da tutto il mondo tra i quali scegliere. Scagliatevi dietro le linee nemiche con l’avventuriera del tempo Tracer, curate i vostri alleati da lontano con il Fucile Biotico del cecchino d’élite Ana o manipolate la gravità nei panni del brillante astrofisico Sigma, l’ultimo eroe unitosi alla lotta.
  • Combattete per tutto il mondo con i tuoi amici – Conquistate i punti di controllo, spingete il carico e completate gli obiettivi in 28 location internazionali dovunque voi abbiate accesso a una connessione a Internet, grazie alla portabilità del sistema Switch.
  • Create una squadra per le modalità di gioco 6v6 – Entrate in una Partita rapida per affrontare giocatori con un livello di abilità simile al tuo, giocate una Partita contro I.A. con diverse difficoltà o metti alla prova le vostre abilità in una Partita competitiva, dove potrete ottenere gradi e ricompense stagionali.
  • Scoprite nuovi modi di giocare – Esplorate l’Arcade o la Ricerca partite per trovare partite con regole uniche. Scatenate la vostra creatività nel Workshop e usate potenti strumenti di scripting per creare elaborate partite personalizzate che possono essere condivise e giocate su qualunque piattaforma.
  • …e non finisce qui – L’Overwatch: Legendary Edition sull’ibrida di Nintendo continuerà a essere aggiornata con nuovi contenuti, tra cui gli eventi stagionali a tempo limitato, gli aggiornamenti alla dinamica di gioco e molto altro.

L’articolo Overwatch: Legendary Edition approda su Switch proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Doom Eternal posticipato al marzo 2020

Doom Eternal è stato rinviato al 20 marzo 2020. L’annuncio, quasi brutale per chi aspettava il mese prossimo il gioco (inizialmente previsto – come da annuncio dall’E3 2019 dello scorso giugno – per il 22 novembre prossimo), arriva da iD Software, sviluppatore del nuovo capitolo della serie fps.

La nota stampa è interamente dedicata al messaggio della software house che sta lavorando al gioco sotto l’egida Bethesda, publisher della saga. Eccolo:

Ciao a tutti!

Durante lo sviluppo di DOOM Eternal, il nostro obbiettivo è stato quello di realizzare un gioco che fosse in grado di superare le vostre aspettative su tutta la linea.

Per essere sicuri di sviluppare la migliore esperienza possibile – affinché DOOM Eternal sia all’altezza dei nostri standard di velocità e pulizia – abbiamo preso la decisione di spostare la data di lancio di alcuni mesi fino al 20 marzo 2020.

Siamo consapevoli che molti fan saranno delusi da questo ritardo, ma siamo convinti che DOOM Eternal offirà un’esperienza di gioco per cui vale la pena aspettare.

ALTRE NOVITÀ E CAMBIAMENTI

Ma il messaggio parla anche di cambiamenti. id Software, infatti parla della modalità Invasione e di Doom 64.

Ad esempio, la modalità Invasione, che permetterà di entrare nella partita di un altro giocatore nei panni di un demone, arriverà post lancio visto che sarà pubblicata come aggiornamento gratuito poco dopo l’esordio del titolo.

Doom Eternal per Switch sarà pubblicato dopo le altre piattaforme. La data sarà annunciata in futuro.

Doom 64, invece, sarà disponibile su Xbox One, PlayStation 4 e Pc oltre che per Switch. Il team sta aggiungendo questo titolo come bonus pre-ordine per Doom Eternal su tutte le piattaforme così potrete scaricare e giocare questo classico gratuitamente.

Anche Doom 64 sarà pubblicato il 20 marzo 2020 su tutte le piattaforme.

La nota di id Software si conclude così:

Siamo grati a ogni fan di DOOM per la sua dedizione e supporto – non vediamo l’ora di squarciare e fare a pezzi demoni insieme a voi.

L’articolo Doom Eternal posticipato al marzo 2020 proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Call of Duty: Modern Warfare beta, anteprima

Mentre impazzano le polemiche sull’esclusiva PlayStation 4 di un anno per le Survival Ops, una parte della modalità Spec Ops del gioco, Infinity Ward continua a tirare dritto per la sua strada e a ottimizzare Call of Duty: Modern Warfare in vista del rilascio. Il titolo è infatti atteso sulla console Sony, su Pc e Xbox One a partire dal prossimo 25 ottobre, ma il tempo per produzioni di questo genere vola letteralmente e ogni minuto di lavoro può rivelarsi prezioso.

In quest’ottica nelle ultime settimane si sono svolti dei test cadenzati in due blocchi, che hanno riguardato il comparto multiplayer online del gioco, grazie a una beta ad accesso anticipato inizialmente riservata alla stampa o a chi aveva prenotato il titolo sui vari store aderenti, e successivamente aperta anche al pubblico. La versione di prova ha consentito allo sviluppatore di testare le infrastrutture online e alcune delle modalità più attese dal pubblico, ricevendo in cambio dei feedback dai giocatori che hanno preso parte alle prove che torneranno utili per eventuali ritocchi.

Anche noi abbiamo partecipato alla beta (che ha avuto numeri da record) e di seguito vi diciamo quali sono state le nostre impressioni.

PAROLA D’ORDINE: TATTICA

La beta di Call of Duty: Modern Warfare metteva a disposizione una manciata di modalità accessibili tramite un efficiente quanto rapido matchmaking. Oltre al Deathmatch a Squadre e 10contro10, c’erano Dominio, Dominio per 20 giocatori e Quartier Generale. Le mappe erano invece tre, ovverosia Hackney Yard, Azhir Cave e Grazna Raid, con due varianti notturne, ciascuna delle quali strutturate in maniera differente per dimensioni e composizione, oltre che con la necessità di utilizzare dei visori contro l’oscurità. Ma con un comune denominatore: la presenza di molti edifici ed elementi utili come coperture.

Questo perché la giocabilità di Call of Duty: Modern Warfare, almeno a livello di multiplayer, sembra orientato verso un ritmo un po’ più lento e un’azione meno caotica ma più ragionata, tranne che in quelle modalità più tradizionaliste dove anche per impostazione, è richiesta per forza di cose un altro genere di azione.

Nelle mappe utilizzate per la beta, la presenza di molti ripari e strutture edilizie dentro cui infilarsi per appostarsi o trovare rifugio momentaneo prima di proseguire alla ricerca dei nemici, ha permesso infatti al videogamer di approntare tattiche più ponderate. Questo aspetto del gioco viene ulteriormente evidenziato attraverso una rivisitazione della fisica in funzione di un maggior realismo dei movimenti dei personaggi. Questi, anche a seconda dell’equipaggiamento indossato, risultano più naturali nelle loro azioni, facendo “avvertire” all’utente il peso effettivo dell’avatar all’interno di un ambiente (saltando, arrampicandosi, accovacciandosi o scivolando) o a contatto con degli oggetti, poiché il gioco tiene maggiormente conto della loro fisicità. Lo stesso vale per la pesantezza di un’arma o per il suo rinculo, che condizionano rendimento e mobilità di chi la sta utilizzando.

La cosa potrebbe fare inorridire i fan più hardcore di Call of Duty, che magari prediligono un gameplay più veloce, ma le cose non sono poi così male, e nonostante questi cambiamenti le partite risultano lo stesso avvincenti, cariche di tensione e imprevedibili, ma con uno stampo più realistico. Anche perché come da un po’ di tempo a questa parte il time to kill si mantiene su valori bassi per incentivare i videogamer meno esperti a non mollare subito davanti a un utente più pratico, e perfino le hitbox sono meno “aggressive” anche quando i colpi vanno a segno.

Unica pecca in tal senso è forse da ricercare nel sistema di respawn, che se da un lato torna utile con la nuova telecamera a volo d’uccello, che nella fase di rientro in partita dà una percezione abbastanza chiara sulla posizione della mappa in cui si ritrova, dall’altro commette qualche errore imperdonabile, visto che in certi casi rilascia il giocatore troppo a ridosso del punto della mappa dove si trova magari l’obiettivo. Tutto è andato bene, e il gioco si è mantenuto stabile nella connessione senza incertezze o inciampi a livello di lag né disconnessioni improvvise e crash. Segno evidente che lo sviluppatore ormai ha raggiunto una certa sicurezza nella gestione dei server e nella loro ottimizzazione.

In aggiunta alle mappe è stato poi possibile provare altre funzioni del gioco grazie a una apposita sessione speciale che si attivava a cadenza giornaliera. Tra queste il sistema Gunsmith, che consente di modificare nella struttura ogni singola arma e aggiungere fino a cinque diversi accessori, ognuno con i suoi punti di forza e le sue debolezze. Ciascuno dei tanti accessori da sbloccare che possono essere poi equipaggiati danno accesso a un bonus e a un malus, costringendo l’utente a valutare di volta in volta la soluzione migliore per la sua arma. Nella seconda settimana di prove, la beta ha infine permesso per la prima volta nella storia di Call of Duty il gioco cross-platform tra giocatori Pc e console.

Activision ha infatti deciso di rompere con la tradizione, e una delle novità più importanti da questo punto di vista è il cross-play del multiplayer con l’assenza del Season Pass (con i contenuti maggiori che saranno gratuiti). Come funziona: al momento di accedere alla partita, nella schermata principale, accanto a ciascuno degli altri giocatori coinvolti nella sfida, appare un’icona che segnala su quale piattaforma sta giocando. Anche questo test ha dato segnali positivi in termini di connessione e lag, così come di gameplay: le due nuove modalità, Scontro e Guerra Terrestre, con le relative mappe, hanno dato conferme di quanto avevamo già visto durante la precedente settimana.

COMMENTO FINALE 

La beta di Call of Duty: Modern Warfare conferma l’intenzione di Activision di fare un passo indietro rispetto ai recenti titoli della serie in termini di situazioni, ritornando alle battaglie più attuali e non futuristiche, puntando  di conseguenza su un gameplay più realistico.

Da questo punto di vista ha deciso di premere l’acceleratore su meccaniche sempre adrenaliniche, ma con una maggiore attenzione per la tattica e dunque sulla credibilità di movimenti e situazioni. Elementi questi che, insieme a un ottima infrastruttura online potrebbero garantire il successo di un reboot che si preannuncia essere il primo episodio di una nuova “sotto-serie” interna.

L’articolo Call of Duty: Modern Warfare beta, anteprima proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Terminator: Resitance arriva a novembre

Reef Entertainment annuncia che Terminator: Resistance sarà disponibile per Pc (via Steam), PS4 ed Xbox One a partire dal 15 novembre.

Si tratta di un shooter in single player in prima persona sviluppato da Teyon. Presenta una storia originale basata sui diritti cinematografici dei leggendari film “The Terminator” e “T2: Judgment Day”. Il gioco si svolge in una Los Angeles post-apocalittica, quasi 30 anni dopo il Judgment Day, e si focalizza sulla Future War intravista negli iconici film di James Cameron.

Terminator: Resistance introduce un nuovo eroe, Jacob Rivers, un soldato della divisione Resistance Pacific. Nonostante Jacob sia solo un modesto soldato semplice, scoprirà presto di essere stato preso di mira specificamente dall’ultima minaccia di Skynet e destinato ad essere eliminato!

Skynet potrebbe perdere questa guerra, ma a quale costo per Jacob? Immergetevi negli eventi che hanno portato alla decisiva battaglia finale, distruggete la Defence Grid di Skynet e aiutate l’umanità a vincere la guerra contro le macchine.

Ecco la versione italiana del trailer d’annuncio. Buona visione.

 

CARATTERISTICHE CHIAVE DI TERMINATOR RESISTANCE

  • Resistete alle macchine! Combattete contro una serie di iconici nemici dei film, incluso il T-800, e contro una miriade di avversari nuovi di zecca dell’universo Terminator.
  • Equipaggiate un epico arsenale di armi per correre e sparare o nascondervi e sgattaiolare attraverso ambienti tentacolari. Il mondo non è così indulgente come una volta, quindi dovrete trovare risorse essenziali.
  • Scegliete il tipo di eroe che volete essere aumentando di livello le vostre abilità mentre esplorate la Los Angeles post-apocalittica. Completate le missioni della storia per salire nei ranghi della Resistenza e le missioni secondarie per aiutare i vostri amici.
  • Cambiate il destino dell’umanità. Proteggete un gruppo eterogeneo di sopravvissuti, ognuno con le proprie motivazioni e retroscena. Le azioni che intraprendi durante il gioco influenzeranno la loro sopravvivenza e cambieranno il finale che ottieni.

L’articolo Terminator: Resitance arriva a novembre proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Rimaniamo in contatto

Hai una idea? Un prodotto che vorresti farci recensire? Oppure vorresti collaborare con noi?

Scrivici una email

admin@cellicomsoft.com

Seguici su Facebook

cellicomsoft su Facebook

Scarica l'app Android

cellicomsoft su Play Store

Contact Us