The Way of Wrath, disponibile la demo

Con l’inizio dello Steam Game Festival, tanti titoli indipendenti hanno cominciato a mettersi in mostra. Uno di questi è The Way of Wrath, un gioco di ruolo tattico a turni e con una forte impronta narrativa. Da oggi fino al prossimo 22 giugno sarà possibile provare la demo del gioco. Ad annunciarlo è lo studio indipendente Animmal, che rilascerà il titolo in accesso anticipato su Steam entro l’anno.

Di seguito il trailer ufficiale del gioco. Buona visione.

IL GIOCO

The Way of Wrath è un gioco di ruolo tattico basato sulla narrazione, che prevede combattimenti dinamici a turni e un mondo non lineare in cui le decisioni dei giocatori faranno la differenza. Sarà possibile farsi strada attraverso un paesaggio meticolosamente realizzato a mano, portando avanti missioni e interagendo con gli npc. Dove ognuno di essi avrà la propria trama interattiva, che sarà influenzata dalle scelte dei giocatori. Il cupo mondo di The Way of Wrath presenterà numerosi ostacoli, tra cui implacabili rischi ambientali, scarse risorse e nemici pericolosi.

I giocatori non dovranno solo unire un gruppo di guerrieri allo sbando e ricostruire un forte fatiscente prima dell’attacco delle forze nemiche, ma dovranno anche mantenere alto il morale delle truppe. Dirigere le persone non sarà un compito facile, poiché la disperazione, i piccoli litigi e le superstizioni seguiranno questi soldati devastati dalla guerra in ogni fase del loro cammino.

Per maggiori informazioni rimandiamo al sito ufficiale.

The Way of Wrath

A PROPOSITO DEL GIOCO

Dato Kiknavelidze, co-fondatore di Animmal, ha dichiarato:

The Way of Wrath è nato dal nostro amore per i giochi di ruolo old school. Abbiamo preso tutto ciò che ammiriamo dei giochi di ruolo classici, tra cui storia interattiva, combattimento tattico, un mondo meravigliosamente realizzato a mano e una miscela di nuovi elementi come la sopravvivenza e la gestione di un forte, creando così la nostra personale interpretazione del genere. Siamo estremamente entusiasti di invitare i giocatori nelle terre abbandonate del Nord di Thein durante la beta. Essi potranno aiutarci a modellare il gioco in base al loro feedback, in preparazione del lancio in accesso anticipato, che avverrà entro l’anno su Steam.

L’articolo The Way of Wrath, disponibile la demo proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Shadow Arena, Tagahl Sherekhan è l’undicisimo personaggio

Shadow Arena da il benvenuto a Tagahl Sherekhan, l’undicesimo personaggio del nuovo action battle toyale di Pearl Abyss. Il roster di questo free-to-play, ad oggi disponibile in Early Access su Steam, diventa sempre più numeroso. Nuove strategie e meccaniche di gioco cominciano a farsi strada in Shadow Arena, aumentando il tasso di competitività tra i vari giocatori.

La storia di Tagahl Sherakhan infonde le sue radici nella lore di Black Desert Online, legata alla tribù di cacciatori di draghi chiamata Sherekhan. Dopo aver ucciso un famoso drago feroce nella cittadina di Calpheon, il suo nome è diventato famoso. Per il suo gesto, Tagahl non ricevette un adeguato compenso e lasciò le terre portando con se malcontento e voglia di rivalsa. Nel suo sangue scorre la battaglia, motivo per cui si è diretto verso le terre di Shadow Arena.

Tagahl Sherakhan sfrutta la sua forza bruta per sferrare possenti colpi con la sua lancia. La sua arma principale, il Glaive, ha la capacità di coprire un’ampia area, preferendo gli attacchi potenti e caricati a quelli veloci. Ogni cosa, però, ha due lati della medaglia.

La sua poderosa potenza deve fare i conti con la lentezza dei caricamenti dei colpi, che lo rendono inerme di fronte agli attacchi avversari. 

shadow arena nuovo personaggio tagahl

Tagahl Sherekhan, potrà dimostrare il suo valore in Shadow Arena, utilizzando le seguenti skill:

  • Scale Ripper: un colpo caricato con il Glaive in grado di far arretrare i nemici, riducendo i loro Defense Point;.
  • Skull Crusher: attacco a breve distanza in grado di scagliare i nemici in aria (Ultimate effect: distanza di viaggio +20%);
  • Wing Breaker: Afferra il nemico prima di sferrare un colpo e scagliarlo in aria. Questo attacco produce un debuff sulle statistiche del personaggio colpito. (Ultimate Level Effect: Riduce la velocità di movimento -30% per 5 secondi)
  • Dragon Slash  Un contrattacco che blocca il colpo in arrivo, scagliando il nemico indietro. Il livello DP dell’avversario viene parzialmente ignorato. (Ultimate Level Effect: Tempo di ricarica -30%)
  • Dragon Impaler: Abbatte tutti i nemici circostanti. Sebbene l’attacco sia lento e lungo da caricare, il risultato finale è devastante. (Ultimate Level Effect: Super Armor subito dopo aver utilizzato l’abilità)

L’articolo Shadow Arena, Tagahl Sherekhan è l’undicisimo personaggio proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Curious Expedition 2 presto su Steam in early access

Curious Expedition 2 sarà su Steam in early access a partire dal prossimo 17 giugno. Tra una settimana, dunque, sarà possibile acquistare il titolo e provarlo durante il suo sviluppo. Lo hanno annunciato Thunderful Publishing e Maschinen-Mensch.

La fase di accesso anticipato è prevista fino a tutto l’autunno con la data di lancio della “versione finale” che sarà comunicata successivamente.

Ecco il video di Curious Expedition 2. Buona visione.

Riad Djemili, cofondatore di Maschinen-Mensch, ha detto:

Siamo davvero entusiasti di entrare nella fase di accesso anticipato con Curious Expedition 2. Coinvolgere i nostri attori nel processo di sviluppo è stato fondamentale per plasmare e migliorare l’originale Curious Expedition, e siamo sicuri che sarà lo stesso per il sequel.

Il gioco è stato in alpha chiusa negli ultimi sei mesi con oltre 2.000 utenti che hanno fornito feedback attraverso il server Discord ufficiale. Ora, publisher e sviluppatori vogliono invitare tutti a partecipare alla fase di accesso anticipato di Steam. Ciò, come da tradizione, darà ai giocatori l’opportunità di fornire feedback e supportare il titolo durante il resto del suo sviluppo. Maschinen-Mensch incoraggia chi parteciperà all’early access a unirsi al canale Discord ufficiale per parlare segnalare bug e ottenere aggiornamenti ufficiali sui progressi degli autori.

Curious Expedition 2 è il seguito del titolo incentrato sulle spedizioni del XIX secolo. Unitevi ai leggendari Explorer Club e avventuratevi in viaggi senza precedenti verso regioni mai esplorate prima per fama, scienza e tesori. Prima di lasciarvi alla descrizione delle caratteristiche del gioco vi ricordiamo che qui troverete la recensione della versione Switch del primo capitolo.

CARATTERISTICHE

Curious Expedition 2
Curious Expedition 2

  • Esplorate mondi generati proceduralmente in una varietà di biomi, ognuno con una nuova combinazione di pericoli e opportunità.
  • Gestite le vostre risorse per mantenere vivo il vostro trekking e la vostra sanità mentale. L’equilibrio dell’avidità contro la vostra sopravvivenza ha bisogno di trovare gloria senza perire.
  • Lo storytelling procedurale rende unica ogni avventura. I vostri personaggi formano relazioni, cambiano lealtà, contraggono malattie mentali ed altro in risposta all’ambiente e alle decisioni.
  • Intraprendete una campagna epica che combina un gameplay procedurale con una storia artigianale per creare un’esperienza narrativa che può essere giocata ancora e ancora.
  • Le nuovissime meccaniche di combattimento richiedono tutta la vostra intelligenza per sopravvivere a feroci animali selvaggi e creature leggendarie.
  • Partecipate a sfide online e promettiti a un Explorer Club per competere per premi unici.
  • Equipaggiate i componenti del vostro gruppo con attrezzature da equipaggiare per creare build in grado di affrontare qualsiasi sfida.
  • Partite per tutti i nuovi tipi di spedizione, ognuno con il proprio obiettivo ed eventi unici. Cercherete la leggendaria piramide d’oro o sceglierete invece di recuperare la Rainbow Orchid?
  • Esplorate e scoprite luoghi misteriosi. Saccheggiate antichi santuari, contrattate con strane talpe, saccheggiate navi fantasma di pirati e altro ancora …
  • Grafica nativa 4K con un classico stile artistico ispirato al fumetto.
  • Gli utenti che già conoscono il primo capitolo, scopriranno tonnellate di nuovi contenuti: nuovi oggetti, tipi di personaggi, nemici, biomi, tribù, eventi e altro.

Curious Expedition 2

Curious Expedition 2

Curious Expedition 2






L’articolo Curious Expedition 2 presto su Steam in early access proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Deck of Ashes arriva su Windows e Mac

Deck of Ashes, gioco di ruolo basato su combattimenti con le carte, è disponibile da oggi a 19,99 euro. Il gioco, sviluppato da AY Games, (potete leggere qui la nostra anteprima) è stato in early-access per 14 mesi ed è riuscito a guadagnare popolarità tra i fan del genere delle battaglie di carte ricevendo un feedback estremamente positivo.

Ecco il trailer di lancio.

 

INFORMAZIONI SUL GIOCO

In questo originale gioco di carte, il giocatore guida un gruppo di antieroi alla ricerca di redenzione, esplorando un mondo inquietante e utilizzando potenti carte. Il gioco presenta inoltre, elementi survival e ruolistici che obbligano i giocatori a decidere il loro viaggio in tutti i dettagli, scegliendo dove andare, quale risorsa raccogliere, quale rischio prendere e quale carta fabbricare.

Ci sono più di 100 carte per ogni personaggio da combinare per creare stili di gioco unici. Bisogna quindi farsi strada tra le orde di nemici, lanciandosi in un’avventura in cui il pericolo attende dietro ogni angolo.

Deck of Ashes è arrivato in early-access lo scorso anno, ad aprile, su Steam. Il suo accesso anticipato ha visto un’accoglienza straordinariamente positiva da parte della community su Steam con l’80% di giudizi positivi. A partire dal 9 giugno, la day-one edition di Deck of Ashes sarà disponibile su Steam per le prime due settimane a prezzo scontato. I contenuti esclusivi inclusi sono: artbook digitale, sfondi in alta definizione, tutte le skin esistenti per i personaggi principali e un cordiale ringraziamento da parte del team di sviluppo.

In occasione del lancio del gioco tanto atteso, il team di AYGames sta lanciando un contest di Deck Ashes Design a Miniboss sul proprio server Discord. I tre migliori creatori del miniboss riceveranno un’esclusiva statua di Genetrix e il prestigioso ruolo di Boss Master sul loro server Discord. Le statue di Genetrix sono dipinte a mano e realizzate in materiale composito resistente. Ancora più importante, i design vincenti del mini-boss verranno aggiunti al Deck of Ashes in un aggiornamento gratuito entro la fine dell’anno

CARATTERISTICHE

  • Un mondo inquietante di fantasia oscura.
  • Tutti i personaggi, i mostri e i luoghi sono disegnati a mano.
  • Quattro personaggi principali.
  • Mondo di gioco generato proceduralmente.
  • Esperienza unica ogni nuovo gioco che viene avviato.
  • Grande numero di combinazioni di carte per adattarle al proprio stile di gioco.
  • Biomi con vari mostri: ogni bioma influenza il gameplay in modo diverso e abitato da nemici unici.
  • Una volta morto, il giocatore è morto per sempre, a meno che non usi la magia nera.


Deck of Ashes
Deck of Ashes
Deck of Ashes
Deck of Ashes
Deck of Ashes

L’articolo Deck of Ashes arriva su Windows e Mac proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Haxity, ecco gli artisti Dark Synth alla base del progetto

Come rivelato qualche settimana fa, Haxity verrà rilasciato in accesso anticipato a partire dal prossimo 17 giugno su Pc, via Steam. Nel frattempo lo studio Megacorp ha annunciato la composizione della line-up di artisti che stanno contribuendo alla realizzazione della colonna sonora del titolo.

Nella cornice di una grande collaborazione internazionale, i migliori artisti Dark Synth provenienti da Stati Uniti, Brasile, Ungheria, Germania e Regno Unito stanno dando il loro tocco unico alla realizzazione del nuovo deck-builder d’azione roguelite di Megacorp.

La colonna sonora del titolo è ascoltabile tramite Spotify.

Haxity

IL GIOCO

Slay the Spire incontra Street Fighter in questo frizzante gioco di carte d’azione roguelite. Esso porta con sé una svolta nel genere. Tutti i giocatori hanno infatti accesso alle stesse carte. Alla base, Haxity è un gioco di carte, ma dà anche la sensazione di essere un classico titolo di combattimento in cui pugni, calci e cibernetica dettano il flusso della battaglia. Ciò rende il gioco il primo deck-builder PvP nel suo genere.

Haxity offre due modalità di gioco: Versus e Campaign. Nelle partite Versus, i giocatori si scontrano con un avversario, o possono sfidare gli amici in un’intensa partita uno contro uno. Sarà possibile selezionare il proprio combattente e il proprio mazzo iniziale. Da lì si pescheranno diverse carte, hack e mod tra una battaglia e l’altra. La modalità campagna roguelite di Haxity consentirà ai giocatori di esplorare ulteriormente le possibilità di costruzione di mazzi, durante la loro immersione nel mondo di gioco.

Haxity

A PROPOSITO DEGLI ARTISTI COINVOLTI

Erlend Kirkebø, game producer di Haxity, ha dichiarato:

Durante lo sviluppo di Haxity abbiamo letto e guardato molta della grande narrativa cyberpunk classica. Ma abbiamo anche ascoltato molto la musica synthwave per trovare l’ispirazione. Ad un certo punto ci siamo chiesti: e se usassimo davvero la musica synthwave che ascoltiamo e provassimo davvero ad ottenere musica da alcuni di questi artisti nel nostro gioco?

Per primo abbiamo contattato Misanthropix, un artista brasiliano. I suoi ritmi elettronici forti e oscuri sono andati davvero di pari passo con la sensazione di dinamismo nel combattimento di Haxity. Ci ha aiutato a testare la sua musica nel gioco e il feedback che abbiamo ricevuto è stato fantastico. In breve tempo abbiamo contattato più artisti e abbiamo capito che il sottogenere dark synth era davvero ciò che faceva per noi.

L’articolo Haxity, ecco gli artisti Dark Synth alla base del progetto proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Ostranauts in accesso anticipato a giugno

Ostranauts entrerà a breve in accesso anticipato. Modern Wolf e Blue Bottle Games hanno, infatti, annunciato, che il gioco sarà disponibile su Steam il prossimo 11 giugno in early access.

In questa simulazione di vita spaziale noir, i giocatori iniziano come capitano di un’astronave e devono assumere con cura un equipaggio prima di tentare di sopravvivere nel mondo selvaggio di un sistema solare devastato.

Il gioco sfida gli appassionati a progettare un’astronave unica nel suo genere, a gestire le esigenze fisiche ed emotive dell’equipaggio evitando, al contempo, che cada a pezzi. Se ciò non bastasse, c’è sempre l’incombente minaccia di fallimento sulla testa di tutti, oltre a respingere tutta una serie di problemi caotici che potrebbero essere proprio dietro l’angolo.

L’accesso anticipato per Ostranauts inizierà permettendo ai giocatori di iniziare la loro avventura come capitano di un’astronave sistemando la loro nave e guadagnandosi spazio degno, socializzando con gli NPC e dando il via alla loro carriera. Ecco il trailer sulla versione in early access. Buona visione.

INFORMAZIONI SUL GIOCO

Ostranauts è una simulazione dettagliata nella quale si possiede e si vive a bordo di un’astronave, in un sistema solare in cui la vita onesta è una lenta condanna a morte. Ambientato nell’universo NEO Scavenger, dove la Terra ha subito un crollo catastrofico, il resto del Sistema vive in uno stato di distopia capitalistica.

I giocatori possono personalizzare tutto ciò che riguarda il loro personaggio iniziale, inclusi l’aspetto, il nome e le preferenze del pronome prima di partire nella vasta distesa di spazio. Costruiranno o personalizzeranno la loro nave di partenza dal bottino della loro storia di carriera e troveranno il modo di rendere felice il loro equipaggio eterogeneo, il carburante nei loro carri armati, il cibo nei loro piatti e gli esattori a bada.

PROGETTAZIONE DETTAGLIATA DELLA NAVE

I giocatori possono costruire la loro nave, in qualsiasi forma, partendo da parti modulari funzionanti. Le parti hanno proprietà fisiche, interagiscono tra loro e possono usurarsi nel tempo.

BISOGNO DI EQUIPAGGIO

I componenti dell’equipaggio hanno bisogni fisiologici ed emotivi, dalle necessità di base come cibo, acqua, ossigeno e temperatura, a bisogni più esoterici come la privacy, la sicurezza, l’intimità e la stima.

CARATTERISTICHE ACCESSO ANTICIPATO

Cosa possono aspettarsi i giocatori nella prima ondata di early access:

  • Assumete il ruolo di capitano che ripara la vostra astronave per prepararla alla polvere
  • A partire dalla carriera di demolitore di navi – il recupero dalle navi abbandonate intorno alla stazione K-Leg per preparare il loro junker a volare
  • Socializzare con gli NPC

Ulteriori

  • Volate in diversi mondi completando compiti, ottenete più strumenti per personaggi e parti per la nave.
  • Incontrate una varietà di tipi, marche e modelli di navi.
  • Elementi di combattimento – battaglia spaziale e corpo a corpo.
  • Incontro con altre navi – possibili incontri ostili (non si sa mai di chi fidarsi).

L’articolo Ostranauts in accesso anticipato a giugno proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Deep Rock Galactic, Recensione Pc

Certezza di morte. Scarse possibilità di successo. Che cosa aspettiamo? Questo è ciò che deve aver pensato la Deep Rock Galactic, l’azienda mineraria da cui prende il nome l’FPS cooperativo rilasciato nella sua versione 1.0 la scorsa settimana su Pc e Xbox One. Il titolo sviluppato da Ghost Ship Games e distribuito da Coffee Stain Publishing costituisce infatti un autentico omaggio alla razza di appartenenza del celebre Gimli. Nani, in questo caso operanti nello spazio, alla ricerca di tesori nel pianeta più pericoloso della galassia.

Scavi in cavità tetre e ostili, grandi quantità e varietà di minerali e naturalmente fiumi di birra. In Deep Rock Galactic c’è tutto ciò che può e che deve far felice un nano, o in generale un minatore incallito. Una cosa è certa: l’attesa, ampiamente ripagata da parte degli sviluppatori, è stata tanta. Tutto è iniziato a fine 2016, quando un trailer sulla versione pre-alpha del gioco mostrò ufficialmente al mondo l’inizio dei lavori da parte di Ghost Ship Games. Appena un abbozzo di ciò che il team danese avrebbe poi realizzato, ma abbastanza da catturare i primi interessi attorno al titolo.

Allora venne programmato il rilascio di una versione in accesso anticipato per l’anno seguente, ma ciò non avvenne. Deep Rock Galactic infatti si prese più tempo e sbarcò in early access su Steam nel febbraio dell’anno dopo ancora, il 2018. Da lì ebbe inizio un’autentica escalation fatta di continui feedback da parte di una crescente community, con conseguenti e frequenti update a opera dei ragazzi di Ghost Ship Games. Questo fino alla settimana scorsa, quando dopo due anni il nanico sparatutto è uscito dall’accesso anticipato. Di seguito la recensione della versione Steam del titolo. Vi auguriamo una piacevole lettura.

FATE LARGO AI NANI SPAZIALI

Bando alle ciance e subito al sodo. Nel titolo di Ghost Ship Games manca infatti un qualcosa di assimilabile a una campagna. A precedere il tutorial c’è solamente un breve riepilogo che delinea il contesto in cui andremo a operare. Nel segno del tradizionale spirito nanico tutto concretezza e pochi fronzoli ci ritroviamo subito nei panni di un nano fresco di assunzione presso la Deep Rock Galactic, l’azienda mineraria spaziale più tenace della galassia.

L’obiettivo è la totale sottomissione di Hoxxes IV, il pianeta con le più alta concentrazione di minerali preziosi. E guarda caso anche quello in cui si annidano i mostri più pericolosi.

Laddove le altre industrie di estrazione hanno fallito, la DRG vuole riuscire. Ed è così che ha inizio la nostra avventura di minatori spaziali, nel buio di una caverna appena rischiarata dalla luce della nostra torcia. Sotto le direttive via radio di un altro nano – presumibilmente il nostro diretto superiore presso la DRG – riceveremo mano a mano i nostri primi incarichi, che ci permetteranno di familiarizzare con le meccaniche di gioco.

Deep Rock Galactic
Dall’hub centrale potremo partire per una missione, personalizzare aspetto ed equipaggiamento del nostro nano oppure prenderci una bella pinta di birra presso il bar del luogo

Dall’esplorazione delle grotte al recupero delle risorse, fino ad arrivare all’immancabile combattimento. Missione dopo missione scopriremo infatti che tra gli obiettivi possibili non ci saranno solo “recupera tot quantità di minerale X”, ma anche delle varianti che amplieranno non poco il gameplay.

In alcune bisognerà mettere le mani su delle uova di mostro, in altre su delle apparecchiature aziendali danneggiate e smarrite, e via discorrendo. Per quelli maggiormente appassionati al combattimento rispetto all’estrazione di minerali non mancheranno incarichi specifici riguardanti l’abbattimento di mostri.

Autentici boss e mini-boss che metteranno a dura prova la nostra abilità. C’è tuttavia da fare una distinzione tra “missioni” e “incarichi”. I primi costituiscono i livelli in sé, liberamente selezionabili da un’apposita mappa. Ognuno con le sue condizioni di missione, dalla complessità della caverna alla sua grandezza, fino ad arrivare al tipo di minacce che essa potrebbe nascondere. Vicerversa i secondi rappresentano una sorta di contratti per conto della Deep Rock Galactic. Obiettivi specifici che ci permetteranno di sbloccare nuovi biomi, tipi di missioni e oggetti speciali, sia estetici che a livello di equipaggiamento.

ORA ET LABORA

Deep Rock Galactic
Nella personalizzazione del nostro minatore vi è un simpatico focus sul volto, dove potremo intervenire su baffi, basette e barba. Un nano non è tale senza del fiero pelame sul volto

Deep Rock Galactic presenta quattro classi distinte, ognuna con il suo equipaggiamento – bellico e di supporto – specifico. Salendo di grado sbloccheremo nuovi potenziamenti per armi e strumenti, ma anche nuovi oggetti estetici, da comprare presso l’apposito negozio, con cui potremo modificare a piacimento l’aspetto del nostro nano. Mentre l’acquisto di questi ultimi è vincolato alla singola classe – ergo dovremo acquistare anche gli stessi oggetti estetici per ognuno dei quattro personaggi -, la progressione delle abilità funziona in maniera organica.

Completando dei “traguardi” nel corso del gioco finiremo con il guadagnare dei punti che potremo spendere in un ricco ramo di talenti. Abilità sia passive che attive di cui potremo usufruire in missione per facilitarci la vita, sia nel combattimento che nell’estrazione dei minerali. Come per la gestione degli upgrade di armi e strumenti, tuttavia, il gioco risulta essere assai ben bilanciato. Questo si traduce in una gestione strategica di abilità e potenziamenti, che una volta acquistati/sbloccati saranno comunque selezionabili in numero limitato. Ciò vale anche per Bosco, il robot da cui potremo farci accompagnare nelle missioni in solitaria.

Bosco
Oltre al “grado” della singola classe, ci sarà anche quello legato al giocatore, e a Bosco. Mano a meno potremo sbloccare nuovi potenziamenti anche per quest’ultimo, fido compagno nelle missioni in solitaria

Certo, l’esperienza partorita da Ghost Ship Games regala il meglio di sé nel multigiocatore, nella cornice di un’agguerrita squadra di nani – che se disattenti potranno anche ferirsi a vicenda, con il fuoco amico -. Possibilmente ognuno appartenente a una classe diversa. Ciò tuttavia non esclude il divertimento in singolo, che potrà essere intrapreso con il suddetto robot a supporto. In maniera automatica Bosco ci seguirà, aprendo il fuoco su eventuali nemici. Attraverso un comodo puntatore laser – che in multigiocatore potremo usare per segnalare agli altri giacimenti di minerali o punti di interesse – potremo inoltre impartirgli dei comandi.

Scavare un tunnel attraverso del terreno compatto, estrarre minerali da una vena posta magari molto in alto, oppure illuminare una zona specifica. Tutte azioni che possiamo compiere anche da soli, ma che potremo in parte delegare al nostro fidato drone multifunzione.

I FANTASTICI QUATTRO

Deep Rock Galactic
Diversi mostri insettoidi sembrano usciti direttamente da Starship Troopers

Adesso tratteremo le quattro classi di nani disponibili, ognuna delle quali presenta le sue peculiarità in termini di equipaggiamento. Non solo per quanto riguarda i tipi di armi, ma soprattutto i differenti strumenti di supporto, perlopiù riguardanti lo spostamento attraverso i vari tipi di grotte e di terreni.

Artigliere

Se si tratta di combattere, è decisamente il nano da schierare in prima linea. E’ equipaggiato con una Minigun come arma principale, e un revolver pesante come secondaria. Successivamente esse potranno essere sostituite con un cannone ad alto calibro e una mitragliatrice a scoppio.
Come strumento di supporto possiede un fucile spara-teleferiche, con cui tutti i nani della squadra potranno spostarsi – magari sorvolando un burrone -.  A ciò si aggiunge un generatore di scudi supplementare, che agisce ad area proteggendo tutti i nani nelle vicinanze.

Esploratore

E’ il nano più dotato in termini di perlustrazione del terreno. In combattimento porta con sé un fucile d’assalto come arma principale, e un fucile a canne mozze come secondaria. Successivamente esse potranno essere sostituite con un fucile semi-automatico simile a un M1 Garand e una coppia di pistole. La sua mobilità è dovuta all’utilizzo di una speciale pistola lancia-rampini, con cui può raggiungere velocemente e facilmente punti normalmente preclusi ad altri nani – salvo utilizzi strategici dei loro equipaggiamenti -. Uno speciale fucile lancia-bengala completa il suo equipaggiamento. Con esso può sparare razzi che illuminano più a lungo e che arrivano più lontano rispetto ai normali bengala in dotazione a ognuno dei nani.

Deep Rock Galactic
I potenziamenti per le armi comprendono munizioni più letali, caricatori più capienti o vari effetti extra. Tuttavia, anche comprandoli tutti si potrà selezionarne in numero limitato

Ingegnere

E’ il nano di supporto per antonomasia. Scende in campo con fucile a pompa come arma principale e un lanciagranate come secondaria. Successivamente si potranno rimpiazzare con una mitragliatrice elettrica e un’arma in grado di sparare raggi al plasma. Per rendere più agevole lo spostamento all’interno delle grotte porta con sé uno speciale fucile spara-piattaforme.
Ogni colpo genera nel punto designato una roccia circolare composta da un materiale plastico. Esse potranno essere utilizzare per l’appunto come piattaforme per raggiungere altezze prima irraggiungibili, oppure – tramite un potenziamento specifico – saranno in grado di attutire delle cadute. In termini di combattimento infine l’Ingegnere è equipaggiato con una torretta che può schierata in qualunque punto del terreno. A seconda dei potenziamenti scelti se ne potrà dispiegare una più potente oppure due più deboli.

Trivellatore

Non bisogna aprirsi la strada solo tra i mostri, ma anche nella roccia. Se gli altri nani dovessero stufarsi di picconare, ecco che il Trivellatore può entrare in gioco. Esso è equipaggiato con un lanciafiamme come arma principale, e una pistola semi-automatica come secondaria. La principale peculiarità è però riposta nelle trivelle elettriche rinforzate che ha in dotazione. Con esse potrà aprirsi la strada in un baleno attraverso qualunque parete rocciosa. E nel caso, sarà possibile impiegarle con successo anche contro le creature ostili. A conferma della sua specialità di “apri-strade”, a completare l’equipaggiamento vi sono delle cariche satchel. Esplosivi assai potenti che potranno far scomparire ampie porzioni di terreno, o di nemici.

LA DURA VITA NELLE MINIERE DI HOXXES IV

Deep Rock Galactic
In mezzo a tanti minerali spaziali di fantasia, non può mancare il tesoro per eccellenza. Delle rare e sfavillanti vene d’oro massiccio

Al netto delle peculiarità di ogni classe – che diversificano di molto il gameplay – non mancano dei tratti comuni per ciascun nano. Meccaniche base attorno a cui ruota il fulcro di Deep Rock Galactic, ovvero l’esplorazione di grotte sempre diverse con annesso completamento di svariati obiettivi. A eccezione dell’utilizzo di Bosco e dell’Esploratore, dotato di un fucile lancia-razzi luminosi, tutti i nani normalmente possono contare solo sui bengala per illuminare gli ambienti. Bengala di media intensità – e alta, nel caso del suddetto Esploratore – che si ricaricano con un modesto tempo di attesa, e che permettono di far luce su ciò che circonda l’impavido minatore. Oltre a minerali caratteristici dei diversi biomi, ve ne sono alcuni comuni a tutte le singole grotte che sarà possibile generare proceduralmente.

In primis l’oro, che potremo poi convertire in crediti spendibili nell’hub di gioco. Successivamente quello che i nani chiamano lo “zucchero rosso”, cioè una roccia che una volta estratta ci donerà della salute. E infine il Nitra, che potrà essere utilizzato per chiamare delle capsule di rifornimento durante le missioni. Al costo di 80 unità del suddetto minerale, atterrerà una capsula contenente salute e soprattutto munizioni. Non esistono infatti altri modi per procurarsene, una volta partiti all’avventura. Le sortite in solitaria e in multigiocatore sono infine accomunate dalla presenza di un altro supporto, anche se non combattente: il M.U.L.E (Mining Utility Lift-Engine). Un robot quadrupede che all’interno del gioco ricopre due funzioni distinte.

M.U.L.E
La frustrazione nel constatare quanto facilmente la borsa finirà col riempirsi è adeguatamente bilanciata dal fatto che il M.U.L.E può seguirci ovunque. Basterà chiamarlo premendo un tasto

La prima riguarda il trasporto dei materiali raccolti dalla squadra. La nostra borsa può infatti contenere una quantità limitata di ciascun minerale/fungo/oggetto. Perciò dovremo spesso versare quanto estratto all’interno del M.U.L.E, che tramite la pressione di un tasto potrà essere richiamato in qualunque momento e luogo. La seconda e non meno importante tratta infine la fase finale dei vari incarichi. Una volta completato l’obiettivo principale di una missione, sarà possibile chiamare la capsula di salvataggio – la stessa con la quale si arriva nella grotta -. Essa atterrerà a una certa distanza dalla nostra posizione, e solitamente avremo cinque minuti di tempo per raggiungerla prima che essa riparta alla volta dello spazio.

Una volta che il countdown si sarà avviato, il M.U.L.E tornerà verso la capsula in totale autonomia, curandosi tuttavia di lasciarsi alle spalle dei segnalatori. Essi indicheranno con delle frecce la direzione che dovremo prendere, che sarà anche quello più breve. Il robot però potrà scalare con nonchalance qualunque superficie, comprese quelle verticali. Spesso in una miniera la discesa è la parte più facile: il problema, eventualmente, è la risalita. Oltretutto in quest’ultima fase dovremo stare attenti anche ai mostri. Normalmente si fanno vivi con ondate casuali, ma durante il nostro ritorno alla capsula si paleseranno in massa per ostacolarci.

TECNICA DA GIGANTI

Deep Rock Galactic
Completando degli obiettivi generali specici sbloccheremo punti da spendere in abilità valide per tutte e quattro le classi di nani

In Deep Rock Galactic i protagonisti saranno anche dei nani, ciò tuttavia non deve trarre in inganno circa la statura dell’impianto tecnico. Il lavoro da parte di Ghost Ship Games è stato compiuto con l’ausilio dell’Unreal Engine 4. Esso permette al gioco di regalare degli scorci niente male al netto della semplicità intrinseca dell’aspetto grafico. Il look quasi cartoonesco si sposa egregiamente con l’atmosfera del titolo, che può contare su un’ottimizzazione di livello. Non mancano infatti settaggi grafici in grado di personalizzare la propria esperienza a livello tecnico. In generale però non abbiamo riscontrato alcuna incertezza in termini di framerate, con una fluidità costante anche nelle situazioni più concitate, ricche di mostri ed effetti particellari.

Lo stile grafico e artistico del gioco è assolutamente peculiare, e per quanto potrebbe far storcere il naso ai fanatici del fotorealismo, va riconosciuto al team danese la bontà del lavoro svolto. Non abbiamo constatato neppure la presenza di glitch e bug di sorta, tranne la generazione di qualche fungo o oggetto nello scenario in maniera impropria. Essendo tuttavia le grotte generate proceduralmente, non possiamo che riconoscere quanto ciò non possa essere additata come responsabilità degli sviluppatori. Sviluppatori che hanno riservato un’ottima cura anche al comparto sonoro, con pregevoli cambiamenti di tracce a seconda delle situazioni. E per i più esigenti non manca la localizzazione in italiano.

Deep Rock Galactic
In alcuni tipi di missioni potremo contare su apparecchiature extra da parte della DRG

COMMENTO FINALE

Chi segue lo sviluppo del gioco dai primordi conosce bene i costanti e progressivi passi compiuti dai ragazzi di Ghost Ship Games. Un modesto studio indipendente nato nel 2016 con un grande progetto. Quello di portare l’esperienza cooperativa videoludica al livello successivo. Non sappiamo dove le loro ambizioni – e le loro competenze – li porteranno da qui in avanti, ma è certo che l’inizio è ben più che semplicemente incoraggiante. Deep Rock Galactic è uno sparatutto cooperativo che, al pari di mostri sacri del genere come Borderlands, arriva a dare il meglio di sé in multigiocatore.

Qualora si cerchi un titolo da giocare con amici difficilmente si potrebbe trovare un investimento migliore dei 29,99 euro da destinare al team danese per ciascuna copia.

Ciò tuttavia non estromette il giocatore dal godimento di una piacevole esperienza anche in singolo. Alcuni potrebbero lamentare l’assenza di un vero impianto narrativo, ma sappiamo bene come tale aspetto difficilmente riesce a convivere con ambienti sempre diversi generati in maniera procedurale. Nessuno di assennato, dopotutto, è mai arrivato a lamentarsi dell’assenza di trama in un Minecraft o in un Terraria. L’obiettivo di Ghost Ship Games è stato chiaro sin dal principio, e non possiamo che concludere quanto magistralmente siano riusciti a centrarlo. DRG raggiunge così l’Olimpo degli indie, caratterizzati da ottime idee realizzate in maniera eccellente (oppure il contrario).

L’articolo Deep Rock Galactic, Recensione Pc proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Haxity, stabilita una nuova finestra di lancio

Amanti dei giochi di carte innovativi, tenetevi pronti. Haxity debutterà in accesso anticipato su Pc, via Steam, a partire dal prossimo 17 giugno. Ad annunciarlo è lo studio Megacorp, che rilascerà un nuovo deck-builder d’azione roguelite.

Nell’attesa i giocatori possono cominciare ad aggiungere il titolo nella propria wishlist, oltre a potersi unire alla community del gioco tramite il canale Discord degli sviluppatori.

Di seguito il trailer di annuncio ufficiale. Buona visione.

IL GIOCO

Slay the Spire incontra Street Fighter in questo frizzante gioco di carte d’azione roguelite. Esso porta con sé una svolta nel genere: tutti i giocatori hanno infatti accesso alle stesse carte. Alla base, Haxity è un gioco di carte, ma dà anche la sensazione di essere un classico titolo di combattimento in cui pugni, calci e cibernetica dettano il flusso della battaglia. Ciò rende il gioco il primo deck-builder PvP nel suo genere.

Haxity offre due modalità di gioco: Versus e Campaign. Nelle partite Versus, i giocatori si scontrano con un avversario, o possono sfidare gli amici in un’intensa partita uno contro uno. Sarà possibile selezionare il proprio combattente e il proprio mazzo iniziale, e da lì si pescheranno diverse carte, hack e mod tra uuna battaglia e l’altra. La modalità campagna roguelite di Haxity consentirà ai giocatori di esplorare ulteriormente le possibilità di costruzione di mazzi, durante la loro immersione nel mondo di gioco.

Per maggiori informazioni rimandiamo al sito ufficiale.

Haxity

A PROPOSITO DEL GIOCO

Jørgen Tharaldsen, amministratore delegato di Megacorp, ha dichiarato:

Dopo un altro redditizio fine settimana di beta, è chiaro sia per noi che per i giocatori il fatto che abbiamo in serbo un’ottima esperienza PvP. Riconosciamo anche che è importante per noi offrire una buona esperienza di gioco di carte per singolo giocatore a tutti i fan dei roguelite e dei deck-builder. Per consentirci di offrire questo livello di qualità, che ritieniamo debba essere meritevole della fiducia degli appassionati, abbiamo deciso di ritardare il lancio di Haxity di alcune settimane per consentirci di aggiungere i miglioramenti necessari in un ultimo rush finale. I nostri tester hanno fornito un feedback inestimabile, per il quale siamo veramente grati, e hanno tutte le intenzioni di farne buon uso per rendere Haxity la migliore esperienza possibile.

L’articolo Haxity, stabilita una nuova finestra di lancio proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Causa Voices of the Dusk sta arrivando su Steam

Sta arrivando dal lontano Cile un gioco di carte da collezione che potrebbe essere interessante. Il suo nome è Causa Voices of the Dusk.  E probabilmente lo ricorderete, visto che a novembre dello scorso anno, venne annunciata una demo giocabile. Il titolo è in fase di sviluppo da Niebla Games, un team indipendente di Valparaiso ed entrerà in accesso anticipato su Steam dal prossimo 26 maggio.

Ciò significa che dopo una fase iniziale dello sviluppo, gli autori continueranno a lavorare sul titolo “aprendo” al pubblico, alla community, che potrà dare i propri suggerimenti.

Ecco il trailer di lancio della versione early access su Steam.

Il gioco presenta un sistema di risorse che vuole rinnovare il genere: sacrificate carte dalla vostra mano o dal vostro tabellone per alzare la vostra Causa e riportatele indietro nel gioco per sfruttare al meglio la vostra strategia.

In sostanza la meccanica del sacrificio/ritorna in gioco potrebbe essere esaltata in Cause Voices of the Dusk e sfruttata in maniera diversa rispetto ad altri giochi di carte da collezione (leggasi Magic the Gathering in primis).

UNA MANO PIENA DI POSSIBILITÀ

Ad inizio del proprio turno si pescheranno quattro carte per la propria mano ed essere in grado di giocare fino a due carte per turno, purché soddisfi il requisito della Causa. Quando giocate le carte, la vostra causa non viene consumata. Ciò consente un gameplay dinamico ma altamente strategico con innumerevoli possibilità.

CAMBIATE IL CORSO DEL GIOCO CON LE VOSTRE DECISIONI

Man mano che la vostra Causa aumenta sbloccherete il set unico di potenti abilità di ogni Leader. Le decisioni difficili prese con saggezza probabilmente cambieranno il corso del gioco.

Combinate i vostri Leader con mazzi diversi per esperienze di gioco uniche.

PROGETTATE LA VITTORIA

Esplorate un vasto ed esotico mondo fantasy in una campagna estremamente impegnativi. Mettete alla prova le vostre abilità affrontando l’imprevisto ed ottenete ricompense speciali.

CARATTERISTICHE IN SINTESI

  • Gameplay tattico unico con complesse opzioni strategiche.
  • Sacrificate le carte dalla vostra mano o dal vostro tabellone per accumulare risorse
  • Giocate fino a due carte per turno.
  • Riportate in gioco le carte sacrificate nei momenti critici più inaspettati.
  • Riempimento completo della vostra mano di 4 carte all’inizio del vostro turno.
  • Approfittate degli effetti speciali che ti consentono di pescare, sacrificare, giocare e riportare in gioco carte aggiuntive.
  • Molteplici modi di vincere.
  • Scegliete tra più poteri, fazioni e leader.
  • Mettete alla prova le vostre abilità e vincete ricompense in campagne di sorteggio per giocatore singolo estremamente impegnative.
  • Mondo fantasy originale ed esotico con ricca esperienza narrativa.
  • Gioco cross-play (Pc, console e dispositivi mobili).

L’articolo Causa Voices of the Dusk sta arrivando su Steam proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

UnderMine si aggiorna prima della versione finale

Il Golden Core Update è il più grande aggiornamento di UnderMine prima che questi esca dall’accesso anticipato su Steam e debutti in versione finale anche su Switch ed Xbox One. Lo hanno annunciato lo sviluppatore Thorium Entertainment ed il publisher Fandom.

L’edizione per Pc Windows, Mac e Linux si aggiorna, così, alla 0.7.0. I giocatori che hanno il titolo, possono, dunque, immergersi nella quinta e ultima zona di UnderMine. Qui, nel profondo della miniera, i contadini cercano l’oro in una zona pericolosa, sopravvivendo a flussi di metallo fuso ed al fuoco onnipresente per raccogliere e sgretolare i segreti oscuri che si trovano nel cuore di questo albero cavernoso. In piedi tra loro e il loro obiettivo ci sono sette nuovi nemici, tre trappole e pericoli per l’ambiente e un nuovo avvincente incontro con i boss: Veggente, il cuore del mondo.

Ecco il trailer. Buona visione.

Il Golden Core Update non è solo per i padroni delle miniere, tuttavia, poiché ogni contadino può affrontare gli oltre 150 nuovi incontri trovati durante l’intera esperienza di UnderMine. Reclamate quattro nuovi traguardi e godetevi una serie di nuove modifiche al bilanciamento e correzioni di bug.

Già scaricato da oltre 100.000 avventurieri, UnderMine segue i contadini in un viaggio sotterraneo alla ricerca di tesori e libertà. Scoprite le reliquie e stringete alleanze su una serie di pericolose corse per garantire un futuro più luminoso alla prossima generazione di lavoratori oppressi.

Derek Johnson, fondatore di Thorium Entertainment, ha detto:

UnderMine non sarebbe il gioco che è oggi senza il supporto della nostra community di Steam e speriamo che possano godere dell’ultimo aggiornamento dell’early access di oggi mentre scaviamo verso la versione completa. Non vediamo l’ora di dare il benvenuto a molte altre facce nuove nelle miniere e vedere in questo momento un ottimo momento per i nuovi arrivati!

UnderMine è attualmente in vendita a 12,49 euro, uno sconto del 20% sul suo prezzo normale come parte della vendita Indie MEGABOOTH Going Away (per ora). Il gioco aumenterà il prezzo a 19,99 euro quando sarà disponibile in edizione completa su Pc e console entro fine anno. Una parte dei proventi fino al 12 maggio andrà ad Indie MEGABOOTH per supportare il gruppo in quanto sospende temporaneamente le operazioni.












L’articolo UnderMine si aggiorna prima della versione finale proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Landlord’s Super arriva a fine aprile

Pronti a beneficiare di un prestito scadente, ripristinare una proprietà, trasferirsi e festeggiare con una pinta di birra insieme alla gente del posto? Per di più nella Gran Bretagna degli anni ’80? Tutto questo e non solo è Landlord’s Super, disponibile su Steam in early-access a partire dal 30 aprile a 16,79 euro.

Ecco un assaggio del gioco in questo video.

LANDLORD’S SUPER

Landlord’s Super, sviluppato da MinskWorks, è una simulazione di costruzione in prima persona ambientata nelle oscure Midlands britanniche ambientato gli anni ’80. Con le miniere chiuse e la disoccupazione alle stelle, spetta ai giocatori uscire dalla povertà con martello e chiave inglese in mano.

I giocatori dovranno mescola cemento, assemblare impalcature, ordinare forniture e ricostruire la speranza di una comunità mattone per mattone. Possono esplorare case abbandonate o trascorrere la giornata al pub accanto a un cast di personalità locali e personaggi discutibili. Si potrà pianificare le proprie azioni in un mondo vivente in base all’ora del giorno, ai grandi eventi, al clima stagionale e al tuo benessere. Alcuni giorni è meglio bere piuttosto che salire su un’impalcatura sotto la pioggia.

Greg Pryjmachuk, fondatore di MinskWorks, si è cosi espresso:

Landlord’s Super parla di una Gran Bretagna che mi è cara. È una Gran Bretagna che non è solo tweed e battute sull’essere elegante; è una Gran Bretagna che è più diversificata e più classe lavoratrice. Spero che i giocatori apprezzino questa prima visita a West Berklands e spero che rimarranno con noi mentre il gioco cresce nei prossimi mesi.

La versione in early-access offre una prima occhiata al gioco in fase di sviluppo. Il gioco offre già un mondo aperto e dinamico, un gameplay incentrato sulla costruzione e creazione, stagioni e condizioni meteorologiche dinamiche, necessità alcoliche e corporee, il tutto al pub The Anchor Bug. Tutte le funzionalità e le ottimizzazioni non sarà mai perse di vista.

Landlord's Super
Landlord's Super

L’articolo Landlord’s Super arriva a fine aprile proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Il “ciambelloso” Cranked Up si dirige su Steam

Occhio alle ciambelle a razzo. Proprio così: Cranked Up si appresta ad arrivare su Steam in accesso anticipato col suo carico di ciambelle a partire dal prossimo 19 maggio. Lo ha annunciato lo studio indipendente francese BBlack Studio. Il prezzo è di 14,99 euro.

Il titolo è uno strampalato platform in cui le ciambelle – a tema animale – sono equipaggiate con razzi e cercano di salvare Mr. Mug, la loro tazza di caffè preferita, da una malvagia pizza hawaiana. Beh, potrebbe effettivamente avere pochissimo senso logico… ma è un gioco e quindi ci sta.

Lo studio indipendente francese BBlack Studio annuncia che le ciambelle a razzo si stanno dirigendo su Steam in accesso anticipato il 19 maggio con Cranked Up. L’avventura è un platform impegnativo ed esilarante in cui ciambelle a tema animale equipaggiate con razzi cercano di salvare Mr. Mug, la loro tazza di caffè preferita da una malvagia pizza hawaiana. Sì, non dovrebbe avere molto senso.

SU CRANKED UP



La versione in fase di sviluppo su Steam sarà completa di oltre 40 livelli, oggetti da collezionare nascosti, livelli segreti e personaggi esclusivi da sbloccare. Gli sviluppatori, tuttavia hanno già pianificato un enorme quantità di contenuti che saranno pronti al lancio del gioco completo.

Con una campagna per giocatore singolo e con gli amici nella modalità cooperativa fino a  quattro utenti (sia online che offline), gli appassionati possono aspettarsi ore di divertimento. In tutto questo mentre attraversano una varietà di ambienti e sfide. Cranked Up vuole sorprendere con una serie di personaggi insoliti e coinvolgenti, in un universo fuori dal comune che nessuno capisce veramente (nemmeno gli sviluppatori).

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • Rotolate, saltate, rimbalzate:  i giocatori utilizzeranno una ciambella a razzo per scoprire ed esplorare livelli sempre più impegnativi (40 in totale). La fine di ogni livello sarà segnata dall’inzuppata in una tazza di caffè.
  • Quattro ciambelle sono meglio di una: la cooperativa offre fino a quattro giocatori la possibilità di divertirsi in un universo completamente fuori dal comune, pieno di potenziamenti di zucchero, fette di pizza malvagia e altri elementi bizzarri. Non dovrebbe avere alcun senso.
  • Una tazza da salvare:  i giocatori dovranno salvare Mr. Mug, la tazza di caffè preferita da tutti: ostacolate un ananas, e scoprite chi controlla il mondo in una campagna completa per giocatore singolo. Rivisitate i livelli per raccogliere le ciambelle nascoste, finirle con gli amici in uno sforzo condiviso, o andare testa a testa e battere il tempo record di un amico in modalità Versus.
  • Personalizzazione a tutto tondo: in Cranked Up sarà possibile sbloccare nuove ciambelle e customizzare la propria banda composta da ciambelle glassate e zuccherate a forma di ciambella fritta. Gnam.

Claudio Szatko

L’articolo Il “ciambelloso” Cranked Up si dirige su Steam proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Comanche, prime impressioni

Un po’ di emozione è impossibile da nascondere, soprattutto per tutti quei giocatori non esattamente imberbi. Perché, quando si parla di Comanche, specialmente per un appassionato di velivoli di guerra, ciò non può che portare a circa 30 anni fa. Anni che diventano ere geologiche, da un punto di vista squisitamente ludico, quando i pixel erano pochi, i suoni ancora meno ma, forse, il divertimento era esponenzialmente maggiore.

Comanche è una serie incentrata sugli elicotteri da guerra, cominciata nel 1992 con il capitolo Maximum Overkill e giunta, una decina di chapter dopo, sui nostri Pc in una versione moderna e aggiornata. Ed è bene specificarlo: il capitolo precedente a quello che analizzeremo oggi in questa sede, Comanche 4, uscì nel lontano 2001 e, da allora, il silenzio. Quindi, tra i due, un’eternità in termini puramente “scenici” e che sembra voler traslare l’animo “vetusto” (in senso, ovviamente, positivo) di un titolo di punta del passato, nel moderno, pandemico mondo del gaming. Ci riuscirà?

Ecco la nostra anteprima del titolo portato su Steam in accesso anticipato dallo scorso 12 marzo grazie al publisher THQ Nordic ed al lavoro dello sviluppatore Nukklear. Buona lettura.

L’INFERNO IN CIELO

Comanche è uno sparatutto simulativo che ci metterà al comando di un potentissimo elicottero da guerra, chiamato ad affrontare missioni che partono da semplice routine sino ad arrivare al suicidio sfiorato. Il titolo ci porterà su differenti scenari bellici via via più complicati da gestire e differenti anche da un punto di vista più strettamente morfo-geografico.

Una volta superati i canonici fotogrammi introduttivi, ci si parerà innanzi una duplice scelta praticabile dal nostro comodo hangar: affrontare la campagna in singolo oppure sfidare altri giocatori in un multiplayer competitivo online. Per quanto concerne la campagna, il titolo ci offrirà sul piatto una atipica, per una simulazione, storia sulla falsariga di una produzione action di celluloide.

Dopo l’incidente Iran-USA RQ170, in cui un UAV (veicolo aereo senza pilota) è stato violato e catturato attraverso la guerra informatica, l’esercito americano ha segretamente ripreso lo sviluppo del programma elicottero RAH-66 per operazioni speciali. L’obiettivo era quello di sviluppare una macchina da guerra invisibile altamente manovrabile e altamente avanzata per terreni impervi e montuosi, in grado di distribuire droni a bassa portata non riparabili per operare in ambienti ad alto rischio.

Il programma ebbe un pieno successo e le unità speciali Comanche sembrarono inarrestabili nelle loro missioni. Ma poi, quando i progetti trapelarono attraverso un sito Web di informatori, ogni gruppo e potere, che potevano permetterselo, costruì e modificò il Comanche per i propri scopi. Con ciò, era iniziata una nuova era della guerra, metallicamente inscatolata in un elicottero. Premesse interessanti per una campagna che, però, non sarà particolarmente estesa in termini di longevità, principalmente perché il titolo si trova al momento in early access.

In sostanza, il gioco sviluppato da Nukklear Digital ci introdurrà in un potente strumento di morte che, però, non sarà esattamente facile da domare. Qualsiasi sia la nostra scelta, tra lanciarsi nel belligerante single player o battere altri piloti online, il consiglio spassionato è quello di giocarsi (e rigiocarsi, se serve) il tutorial introduttivo: Comanche non è un shooter arcade, ma una simulazione piuttosto accurata di ciò che comporta domare un velivolo del genere. La vera sfida primaria che quest’ottimo gioco simulativo ci presenterà davanti sarà proprio quella di “imparare a manovrare un elicottero”.

Niente comandi semplificati, niente aiuti assistiti o altro, fin dal primo momento di gioco ci ritroveremo un simulatore sviluppato in modo preciso e puntuale, con tutti i pregi e i difetti che la scelta può contenere.

PASSA LA CERA, TOGLI LA CERA… DALLE PALE

Anche per i più smaliziati, Comanche non risulterà affatto semplice. Vuoi per una routine complessa da seguire alla lettera per poter controllare efficacemente il velivolo, vuoi anche per una sfilza di comandi e procedure impressionante, il titolo risulterà piuttosto ostico da deglutire e basato, fondamentalmente, su di un continuo “prova, sbaglia, riprova” che potrebbe frustrare alcuni giocatori abituati a “vincere” sin dai primi istanti.

In Comanche non saremo solo chiamati a primeggiare in operazioni di guerra, ma avremo modo di partecipare anche a missioni di ricognizione con dei droni da guerra, in gran numero e dotati di diverse caratteristiche peculiari, oppure di infiltrazione in basi nemiche, in cui saremo chiamati ad attivare o disattivare sistemi di sicurezza e abbattere i nemici all’interno dei quartier generali avversi. Potremo comandare i droni a distanza direttamente dall’elicottero stesso e che si riveleranno fondamentali specialmente nell’ispezione di zone morfologicamente inaccessibili per un elicottero, come grotte o altre location di dimensioni ridotte.

Avremo modo di accedere ad una vasta gamma di elicotteri differenti, che potremo sbloccare completando varie missioni all’interno della campagna di gioco, ognuno con le sue caratteristiche e dotazioni speciali che potremo adattare al nostro personalissimo stile di gioco.

Comanche
Sia droni che elicotteri, in base a caratteristiche fisse riguardanti il complessivo equipaggiamento, potranno essere contemplati quasi fossero delle classi in senso strettamente ruolistico, con diversi parametri base che potranno essere successivamente potenziati sbloccando i necessari componenti. Il vero punto forte e focus di Comanche è sicuramente il multiplayer: due squadre si contenderanno diversi obiettivi per portare a casa la vittoria, in una battaglia sia d’azione che di strategia.

Qui il gioco acquista un fascino completamente diverso, anche grazie all’ottima capacità degli sviluppatori di equilibrare da un lato la strategicità del titolo, piuttosto accentuata e basata su manovre da centellinare al centimetro, che si respira nella campagna in singolo, coadiuvata da una sfida che, nonostante si tratti di una simulazione, resta sempre piuttosto accesa online.

E passeremo dalla prima persona alla terza alternando, appunto, fasi sparatutto e fasi un po’ più studiate.

UN EGREGIO SPETTACOLO VISIVO

Comanche prime impressioni

Visto il prezzo budget in accesso anticipato, Comanche non è certamente un titolo qualitativamente eccelso da un mero punto di vista grafico ma, contestualmente, nemmeno così brutto. Anzi. Le peculiarità dell’Unreal Engine sono sfruttate più che degnamente. Ci sarà una buona alternanza e varietà di biomi differenti, giochi di luce tutto sommato buoni e il cockpit dei velivoli sarà piuttosto dettagliato e verosimile.

Anche i modelli di elicotteri e droni, pur non facendo gridare al miracolo, si mostreranno piuttosto in forma e egregiamente realizzati, con sufficienti dettagli in bella mostra tali da non rendere scontento nessuno. Una realizzazione complessivamente sopra la media ma che, con un adeguato sviluppo e supporto futuro, potrebbe tranquillamente toccare vette decisamente superiori. Anche da un mero punto di vista computazionale, Comanche non ha sofferto durante il nostro test di bug e glitch piuttosto gravi e questo è decisamente un punto a suo favore, considerando il suo stato apertamente “acerbo” di sviluppo.

Una performance solida, sessanta fotogrammi raggiungibili abbastanza velocemente e senza grandi compromessi e “decisioni drammatiche” tra le opzioni, sufficienti per ottenere le prestazioni desiderate, e che restano in linea di massima stabili per la gran parte del tempo.

Per quanto concerne il sonoro, tutto è parso già sostanzialmente d’alto livello, con effetti audio “giusti” e che rendono più coinvolgente la simulazione (e in alcuni casi, sono anche d’aiuto).

COMMENTO FINALE

Comanche va a riempire un vuoto importante, sia per coloro che amano le simulazioni belliche ma anche per i tanti fan che hanno amato la serie originale.

Ci sono tutti gli elementi di partenza per permettere che il titolo possa essere apprezzato, seppur si tratti sempre di una simulazione “tosta” e che, anche per non snaturare sé stessa, non potrà probabilmente mai esser apprezzata da chi ha una vena più arcade.

Con un adeguato support post pubblicazione in early access, ci sono tutte le condizioni per far sì che il titolo Nukklear Digital divenga punto di riferimento in un settore sì di nicchia, ma al contempo ingiustamente abbandonato.

L’articolo Comanche, prime impressioni proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Dungeon Defenders: Awakened entra in early access su Steam

Dungeon Defenders: Awakened, che segna il ritorno della serie di giochi di ruolo di difesa cooperativa di Chromatic Games, è ora disponibile su Steam in early access. Questa versione “0.9” incorpora i feedback dei fan di una closed beta prima del suo completo Pc Windows e della versione Switch che arriveranno nel secondo trimestre dell’anno in corso.

I giocatori intraprenderanno una nuova avventura nel tempo per salvare Etheria dai malvagi Old Ones, combattendo su nuovi livelli e reinventando i favoriti dei fan dagli originali Dungeon Defenders. Prendete le armi e le vesti di uno dei quattro eroi unici e scatenate le loro abilità offensive e difensive su misura contro le orde malvagie che cercano di ottenere il controllo dei cristalli Eternia del regno.

Ecco il trailer di lancio dell’early access. Buona visione.

Unitevi agli altri Difensori nella fase di costruzione, preparandovi ad un assalto pieno di orchi, elfi oscuri, goblin e temibili boss. Posizionate fortificazioni sul percorso del nemico per fermare i loro progressi e colpiteli con torri balistiche per assottigliare i loro ranghi. Quindi girate la marea della battaglia in combattimento, scatenando potenti incantesimi e attacchi.

Gli eroi di Etheria acquisiranno un nuovo bottino per prevalere sui servi degli Antichi tra i round. Raccogliere il bottino di guerra consente ai giocatori di acquisire ed equipaggiare nuove armi, armature, fidati animali domestici ed altri tesori per aiutarli ad affrontare le sfide che ci attendono.

I CONTENUTI




















Dungeon Defenders: Awakened debutta in accesso anticipato su Steam con 12 mappe, quattro livelli di difficoltà, quattro personaggi giocabili, 12 animali domestici, modalità di gioco aggiuntive e molto altro.

Durante questa fase, Chromatic Games lancerà nuovi aggiornamenti di contenuti ogni mese, tra cui ancora più modalità di gioco, boss, venditori, più compagni di animali e altre sorprese per stupire anche i difensori più esperti.

Augi Lye, CEO di Chromatic Games, team indie che sviluppa e produce il gioco, ha detto:

Siamo entusiasti di iniziare a condividere Dungeon Defenders: Awakened con il mondo oggi su Steam Early Access. Non vediamo l’ora di continuare a interagire con la nostra fantastica community e implementare il loro feedback nei prossimi due mesi mentre continuiamo a perfezionare Awakened e renderlo la migliore esperienza di Dungeon Defenders possibile per la versione 1.0 per Switch e Pc nel secondo trimestre 2020.

Quando uscirà, il gioco includerà funzionalità di salvataggio incrociato seguite dalle versioni per PlayStation 4 ed Xbox One e dal primo dlc gratuito nel terzo trimestre 2020.

L’articolo Dungeon Defenders: Awakened entra in early access su Steam proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Rimaniamo in contatto

Hai una idea? Un prodotto che vorresti farci recensire? Oppure vorresti collaborare con noi?

Scrivici una email

admin@cellicomsoft.com

Seguici su Facebook

cellicomsoft su Facebook

Scarica l'app Android

cellicomsoft su Play Store

Contact Us