Archivi categoria: Dragon Ball Z: Kakarot

Auto Added by WPeMatico

Dragon Ball Z: Kakarot, Recensione Pc

È tempo di una nuova recensione e questa volta vi parleremo di Dragon Ball Z: Kakarot, titolo giocato nella sua versione Pc. Quando si parla dell’universo creato da Akira Toriyama ci si rivolge a intere generazioni e questo Bandai Namco lo sa bene. L’idea, infatti, di affidare lo sviluppo ai già navigati di CyberConnect2, è stata quasi una scelta naturale. La software house giapponese è già salita sul podio del gaming che conta grazie al tie-in della serie di Naruto, regalando ben 13 videogiochi del franchise ai suoi fan.

È molto difficile scindere le due personalità, quelle del fan e quella del recensore. L’obiettività viene facilmente offuscata dall’entusiasmo di chi è cresciuto a “pane e Dragon Ball”. Partendo da questo dovuto chiarimento, tutto sommato Bandai Namco propone una fedele trasposizione videoludica del celebre lavoro del maestro Akira Toriyama, riproponendo i toni e le emozioni che hanno caratterizzato la serie. In più di un’occasione si ha la sensazione di essere in una puntata dell’omonimo anime.

dragon ball z recensione pc

4 episodi40 ore di gioco estendibili a 100 (e passa) con le quest e le attività secondarie e collaterali. Questi sono i numeri dell’intrattenimento generato da Dragon Ball Z: Kakarot ma non è sempre tutto oro quello che luccica. Sebbene il meta gioco sia fortemente legato alla logica degli scontri e dei combattimenti il rischio che arrivi la ripetitività è in agguato. Nonostante siano state inserite numerose attività secondarie, utili alla crescita del personaggio e al contesto storico degli eventi, queste potrebbero essere non sufficienti ad accontentare i gusti della eterogenea platea dei gamer.

Rompiamo gli indugi e iniziamo il nostro viaggio insieme, percorrendo il cammino tracciato nella nostra recensione per PC di Dragon Ball Z: Kakarot.

IL GAMEPLAY, TRA COMBATTIMENTI E TEMPO LIBERO

Il lavoro di analisi svolto sul gameplay di Dragon Ball Z: Kakarot ci porta a dire che il gioco può essere suddiviso essenzialmente in due fasi, quella del combattimento e quella della gestione del tempo libero. Rientra, nella prima fase, la parte più bella del nuovo videogioco di Bandai Namco e CyberConnect2. Qui vengono riproposte tutte le battaglie più famose presenti nei quattro archi narrativi della saga Z. Preme evidenziare la fedeltà con cui queste sono state rielaborate in Dragon Ball Z: Kakarot. Vi ricordate quanto vi dicevamo di come, in più di un’occasione, si ha la sensazione di trovarsi dentro l’anime? Bene, facevamo riferimento proprio a questo aspetto, che secondo noi rappresenta uno dei punti di forza del videogioco.

Ovviamente, tra una battaglia e l’altra, il meta del gioco invoglia il giocatore ad esplorare la mappa come se si fosse in un open world. Dragon Ball Z: Kakarot offre una serie di attività collaterali e secondarie che sono propedeutiche alla crescita del personaggio. Sebbene il gioco sia principalmente un action basato sui combattimenti e gli scontri fisici, sono state inserite, anche, delle (leggere) meccaniche RPG. La presenza del livello del personaggio e dell’albero delle abilità serve da stimolo per non pensare solo ed esclusivamente al combattimento, ma anche a farsi un giro per esplorare il mondo di Dragon Ball. Ma attenzione, non è un open world vero e proprio.

dragon ball z recensione pc

La mappa ha dei confini e se volete volare dalla casa di Son Goku a quella del Genio della tartaruga non potete farlo come se foste in un vero open world. Nonostante la mappa giocabile sia bella ampia, il mondo è suddiviso in zone e per spostarsi tra loro dovete utilizzare il viaggio rapido. Per farla breve, e come se fossero tante mappe collegate tra loro, dando l’illusione dell’open world.

Le attività che si possono svolgere non sono comunque poche. Si passa dalla pesca, alla caccia e alla raccolta di frutta e verdura sino alla ricerca delle sfere Z. Mentre le prime sono utili per gustare degli ottimi piatti preparati dalle varie cuoche presenti nelle città e ricevere un boost temporaneo sulle statistiche del personaggio, le sfere Z si possono spendere nell’albero delle abilità per far crescere il vostro personaggio e apprendere nuove tecniche (o skill se preferite, ndr). L’allenamento è fondamentale. Vi sono, sparsi nella mappa, diversi campi di allenamento dove, a seconda del livello del personaggio, si possono acquisire nuove mosse speciali. E poi, per concludere, non potevano mancare le quest secondarie utili non solo allo sviluppo del vostro guerriero ma anche a quello della storia e degli eventi del gioco.

LA GRAFICA E IL SUONO COME ELEMENTI DI EMPATIA

dragon ball z recensione pc

Mentiremmo se vi dicessimo che Dragon Ball Z: Kakarot è un titolo apprezzabile, da tutti, allo stesso modo. Ci sono delle sfumature e dei particolari che solo gli amanti della serie riescono ad apprezzare. E non stiamo parlando delle mosse e supermosse, dei nemici, delle sequenze narrate e del mondo di gioco. Parliamo di qualcosa che è sempre presente nel gioco ma che molte volte passa in secondo piano, perché oscurata dall’importanza del gameplay. Ci stiamo riferendo alla grafica e ai suoni, cardini su cui si basa il successo del videogioco.

La tecnica grafica alla base di Dragon Ball Z: Kakarot e quella del cel-shading. Questa rappresenta il giusto mix tra arte e divertimento. I colori, le luci e le ombre sono molto vicine a quelle dell’anime originale di Dragon Ball Z. Ma la cosa che ci ha stupito maggiormente sono le animazioni dei personaggi, studiate dagli uomini di CyberConnect2 nei minimi dettagli. Badate bene, non è una cosa da poco riuscire a riprodurre i movimenti propri di un anime perché basati sul disegno e non sul motion capture. La menzione d’onore era dovuta.

dragon ball z recensione pc

Anche i suoni presenti in Dragon Ball Z: Kakarot, mantengono un alto grado di fedeltà con l’anime di Dragon Ball Z. Questo aspetto è maggiormente percepibile nei momenti concitati come gli scontri e le battaglie dove gli effetti sonori sono molteplici. Attacchi speciali, trasformazioni, caricamento dell’aura, schivate, parate, colpi subiti e salti nel vuoto molto probabilmente sono stati campionati direttamente dall’anime. Questa fedeltà si avverte di meno, invece, in fase esplorativa.

La grafica, le animazioni e i suoni non fanno altro che alimentare il sentimento di empatia verso Dragon Ball Z: Kakarot, richiamando la memoria dei fan e degli amanti della serie. Di chi, anche attraverso i dettagli, si identifica in un contesto e in un mondo abbastanza esclusivo. E questa esclusività può rappresentare un’arma a doppio taglio per i “non fan”. Giusto, però, segnalare (e ribadire), soprattutto nelle fasi di esplorazione delle varie mappe alcuni alti e bassi: gli ambienti in alcuni casi sono troppo spogli e sporadicamente abbiamo visto qualche piccolo glitch o effetti pop-up. Nulla, ovviamente, che intralci la godibilità o il gameplay ma è doveroso farne menzione.

GLI EMBLEMI E LE COMUNITÀ

dragon ball z recensione pc

Per dare un tocco di brio al meta del gioco, in Dragon Ball Z: Kakarot sono presenti oggetti da raccogliere e collezionare, costituiti dagli emblemi. Questi, altri non sono che delle medaglie raffiguranti i vari personaggi apparsi nella saga di Dragon Ball. Trovarli non è così semplice. Ve ne sono alcuni che vengono rilasciati a esito di scontri e battaglie, altri dopo aver superato delle missioni secondarie e altri ancora si trovano in giro nella mappa.

Da soli gli emblemi servono a poco e niente. Questi, infatti, devono essere collegati tra loro e inseriti all’interno delle comunità. Il meccanismo è simile a quello delle monete e dei link utilizzati nei videogiochi della serie One Piece Pirate Warriors. Gli emblemi devono essere inseriti all’interno di un contesto e legati tra loro da un legame. Il classico esempio è quello della comunità degli Dei dove i vari Kaioh sono legati tra loro dal solo fatto di essere delle divinità.

dragon ball z recensione pc

Le comunità sono 7 e ognuna di esse dona dei miglioramenti (o boost, se preferite) specifici e sempre attivi al personaggio utilizzato. Ovviamente, man mano che gli emblemi inseriti aumentano si sbloccano dei bonus ulteriori.

L’inserimento del meccanismo dei “collezionabili” rappresenta un motivo in più per strizzare l’occhio anche alla fase esplorativa. In realtà, facendo appello al desiderio di collezionare sempre nuovi emblemi per aumentare la potenza del proprio personaggio, si cerca un modo per evitare la ripetitività, fisiologicamente generata dal gameplay.

dragon ball z recensione pc

COMMENTO FINALE

Titoli di coda per la nostra recensione per Pc di Dragon Ball Z: Kakarot. Come detto nelle battute iniziali della nostra recensione, l’obiettività, in più di un occasione, ha subito degli attacchi ad opera del nostro lato “fan della saga”. Secondo noi, questo è un gran punto di forza del gioco. Il fatto di creare con il giocatore un legame empatico, creato sopratutto dalla precisione e fedeltà dei dettagli narrativi, grafici e sonori, rappresenta la pietra miliare del lavoro svolto da Bandai Namco e CyberConnect2. Purtroppo vi sono delle criticità date dalla potenziale ripetitività in cui il gameplay, in generale, potrebbe scadere.

Noi crediamo che il videogioco sia dedicato a una nicchia dei gamer, quelli che hanno vissuto le avventure di Son Goku e i guerrieri Z. Quelli che conoscono, già da tempo immemore il mondo e l’immaginario di Akira Toriyama. Si devono fare delle scelte e noi abbiamo deciso di premiare l’aspetto empatico del gioco.

L’articolo Dragon Ball Z: Kakarot, Recensione Pc proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dragon Ball Z: Kakarot, Recensione Pc

Dragon Ball Z: Kakarot fa il suo debutto

L’attesa è finita: puntuale come da annuncio, Dragon Ball Z: Kakarot fa il suo esordio odierno su Pc, PS4 ed Xbox One. Lo ricorda Bandai Namco, publisher dell’action RPG dedicato alla serie animata ed a fumetti di Akira Toriyama e sviluppato dalla software house CyberConnect2.

Dall’arrivo di Raditz sulla Terra alla battaglia finale contro l’onnipotente Buu, i giocatori potranno vivere l’avventura dei Guerrieri Z in maniera assolutamente unica, esplorando, pescando, mangiando, allenandosi e facendosi strada tra le varie saghe di Dragon Ball Z, mentre rivivranno i momenti più emozionanti e scopriranno alcune storie secondarie inedite.

Ecco il lungo trailer di lancio già pubblicato qualche giorno fa.

Le meccaniche RPG aiuteranno a esprimere tutta la potenza di alleati e nemici, consentendo di vivere l’esperienza più simile all’anime di sempre. Ciò significa che sarà necessario sfruttare al meglio ogni singolo elemento RPG per essere sempre all’altezza del compito.

Tra le informazioni tecniche, segnaliamo il doppiaggio in doppia lingue: inglese e giapponese, dettaglio che sicuramente interesserà i fan più sfegatati.

Oltre al lancio del gioco, i fan avranno anche l’opportunità di mettere alla prova le proprie conoscenze sull’universo di Dragon Ball Z durante le tre Sfide a quiz di Kakarot online, a partire dalle 11,30 (orario italiano) del 23 gennaio 2020.

Per maggiori informazioni, visitate: https://dbzk-quizchallenge.bn-ent.net/

IL GIOCO

Dragon Ball Z Kakarot sarà il titolo più grande e accurato a raccontare la vita di Goku. Esso porterà i giocatori attraverso gli archi narrativi più celebri di Dragon Ball Z, farà incontrare gli amici più amati e combattere contro i nemici più potenti, facendo inoltre svelare alcuni dei misteri della storia della serie animata.

Bandai Namco ha inoltre annunciato che l’arco narrativo di Buu sarà incluso nel gioco. I fan potranno quindi sperimentare fin dal lancio tutta la storia di Dragon Ball Z e prendere il controllo di personaggi provenienti da ogni saga, inclusi Goku, Gohan, Vegeta, Piccolo e molti altri, in aggiunta ai tanti personaggi di supporto.

L’articolo Dragon Ball Z: Kakarot fa il suo debutto proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dragon Ball Z: Kakarot fa il suo debutto

Dragon Ball Z: Kakarot, trailer di lancio

Mancano due giorni al debutto di Dragon Ball Z: Kakarot, action rpg di Bandai Namco in arrivo il 16 gennaio su Pc, PS4 ed Xbox One. Il publisher ha pubblicato il trailer di lancio del gioco.

Goku, conosciuto anche come Kakarot, è un alieno mandato da bambino sulla Terra con lo scopo di sottomettere l’intero pianeta. La sua memoria però era alterata ed è cresciuto diventando un uomo gentile e il più grande difensore.

Dragon Ball Z: Kakarot racconta, come mai prima d’ora, la storia di Goku dall’arrivo di suo fratello Raditz alla battaglia finale contro Buu.

I fan avranno l’opportunità di giocare nei panni dei loro personaggi preferiti e diventare i protagonisti della saga di Dragon Ball Z. Come ha anche detto Vegeta nel suo famoso monologo, “Forza, Kakarot… Sei tu il numero uno!”.

IL GIOCO

Dragon Ball Z Kakarot sarà il titolo più grande e accurato a raccontare la vita di Goku. Esso porterà i giocatori attraverso gli archi narrativi più celebri di Dragon Ball Z, farà incontrare gli amici più amati e combattere contro i nemici più potenti, facendo inoltre svelare alcuni dei misteri della storia della serie animata.

Bandai Namco ha inoltre annunciato che l’arco narrativo di Buu sarà incluso nel gioco. I fan potranno quindi sperimentare fin dal lancio tutta la storia di Dragon Ball Z e prendere il controllo di personaggi provenienti da ogni saga, inclusi Goku, Gohan, Vegeta, Piccolo e molti altri, in aggiunta ai tanti personaggi di supporto.

BACHECA COMUNITÀ

  • Quando si completano le quest di alcuni personaggi o si raggiungono determinati punti nella storia, i giocatori possono guadagnare degli Emblemi Anima (ognuno dei quali rappresenta un personaggio dell’universo di Dragon Ball).
  • Dopo aver assegnato questi Emblemi Anima sulla propria Bacheca Comunità, sarà possibile attivarli in combinazione con gli altri per guadagnare bonus speciali e potenziamenti.
  • Combinare diversi personaggi con gli altri sblocca anche dialoghi esclusivi tra quei personaggi.

CAMPI D’ALLENAMENTO

  • I Campi d’allenamento possono essere trovati in diverse aree e permettono di combattere contro Guerrieri Z o nemici con cui si è lottato in passato, o anche contro se stessi.
  • Completando l’allenamento, i giocatori guadagneranno dei nuovi Super Attacchi o in alternativa potranno potenziare quelli esistenti (come il poter trasformare la propria Kamehameha nella Super Kamehameha).

L’articolo Dragon Ball Z: Kakarot, trailer di lancio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dragon Ball Z: Kakarot, trailer di lancio

Dragon Ball Z: Kakarot, si evocherà Shenron

In Dragon Ball Z: Kakarot, si dovranno cercare le sette Sfere del Drago sparpagliate in diverse aree del gioco. Localizzandole e collezionandole i giocatori potranno evocare il potente drago Shenron per far rivivere i nemici sconfitti in precedenza.

Incontrando e lottando contro questi ex nemici, i giocatori potrebbero sbloccare opzioni di dialogo basate sulla situazione. Ad esempio, se i giocatori ridanno la vita a Frieza dopo aver sbloccato la trasformazione in Super Saiyan 3 di Goku (una trasformazione che Frieza non ha visto nell’anime originale), i due personaggi condivideranno una conversazione mai vista prima.

Sconfiggendo questi nemici i giocatori guadagneranno XP e sbloccheranno gli Emblemi Anima che possono essere usati nella Bacheca Comunità per ottenere nuove abilità.

Ricordiamo che Dragon Ball Z: Kakarot debutterà il prossimo 17 gennaio su Pc, PS4 ed Xbox One-

Vediamo nuove immagini.








L’articolo Dragon Ball Z: Kakarot, si evocherà Shenron proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dragon Ball Z: Kakarot, si evocherà Shenron

Dragon Ball Z: Kakarot, nuovo video “We gotta power”

Sulle note dell’amata canzone dell’anime di “We gotta power”, questo nuovo trailer di Dragon Ball Z: Kakarot mostra gli eventi chiave dell’arco narrativo di Buu.

Vi lasciamo al trailer italiano diffuso poco fa da Bandai Namco:

 

Il video mostra anche diversi elementi del gioco:

  • Vegito e Gotenks giocabili: due potentissimi e amati personaggi dell’anime
  • La vita lontano dal campo di battaglia con Gohan studente o mentre gioca a baseball
  • E, naturalmente, alcuni momenti iconici dell’anime perfettamente riprodotti nel gioco, incluso il sacrificio di Vegeta contro Majin Buu

Dragon Ball Z: Kakarot, lo ricordiamo, sarà disponibile dal 17 gennaio 2020 per PlayStation 4, Xbox One e Pc. Mancano dunque due mesi e mezzo abbondanti all’esordio di questo atteso titolo.

I giocatori potranno rivivere l’amata storia di Dragon Ball Z  come mai fatto prima. Nei panni di Kakarot – o Goku – potranno sperimentare il suo tentativo di crescere sempre più forte, la sua sete per le sfide e, soprattutto, le sue battaglie per proteggere la Terra dai più potenti cattivi dell’universo.

Di recente, infine, sono state svelate alcune meccaniche di gameplay.

Dragon_Ball_Z_Kakarot_uscita

BACHECA COMUNITÀ

  • Quando si completano le quest di alcuni personaggi o si raggiungono determinati punti nella storia, i giocatori possono guadagnare degli Emblemi Anima (ognuno dei quali rappresenta un personaggio dell’universo di Dragon Ball).
  • Dopo aver assegnato questi Emblemi Anima sulla propria Bacheca Comunità, sarà possibile attivarli in combinazione con gli altri per guadagnare bonus speciali e potenziamenti.
  • Combinare diversi personaggi con gli altri sblocca anche dialoghi esclusivi tra quei personaggi.

CAMPI D’ALLENAMENTO

  • I Campi d’allenamento possono essere trovati in diverse aree e permettono di combattere contro Guerrieri Z o nemici con cui si è lottato in passato, o anche contro se stessi.
  • Completando l’allenamento, i giocatori guadagneranno dei nuovi Super Attacchi o in alternativa potranno potenziare quelli esistenti (come il poter trasformare la propria Kamehameha nella Super Kamehameha).

L’articolo Dragon Ball Z: Kakarot, nuovo video “We gotta power” proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dragon Ball Z: Kakarot, nuovo video “We gotta power”

Dragon Ball Z: Kakarot, primo video gameplay

Il 17 gennaio 2020 è ancora piuttosto distante ma Bandai Namco ha pubblicato poco fa il primo video con gameplay di Dragon Ball Z: Kakarot.

In questo primo di una serie di video che approfondiscono ogni aspetto del gioco, saranno illustrati tre dei concetti chiave del prossimo Action-RPG, tra cui:

  • La storia – con una serie di sottotrame raccontate per la prima volta, oltre alla classica saga.
  • Le battaglie – con il combat system dinamico e gli scontri con i boss.
  • L’esplorazione – dal volare in giro a diverse altre attività, incluso il passatempo preferito di Goku: mangiare!

In Dragon Ball Z: Kakarot i giocatori potranno rivivere l’amata storia di DRAGON BALL Z come mai fatto prima. Nei panni di Kakarot – o Goku – potranno sperimentare il suo tentativo di crescere sempre più forte, la sua sete per le sfide e, soprattutto, le sue battaglie per proteggere la Terra dai più potenti cattivi dell’universo.

Ricordiamo che il gioco debutterà il 17 gennaio 2020 per Pc, PS4 ed Xbox One. Ecco il video con gameplay. Buona visione.

 

Proprio ieri, il publisher aveva svelato le meccaniche RPG di Dragon Ball Z: Kakarot con le seguenti modalità:

BACHECA COMUNITA’

Dragon Ball Z Kakarot

  • Quando si completano le quest di alcuni personaggi o si raggiungono determinati punti nella storia, i giocatori possono guadagnare degli Emblemi Anima (ognuno dei quali rappresenta un personaggio dell’universo di Dragon Ball).
  • Dopo aver assegnato questi Emblemi Anima sulla propria Bacheca Comunità, sarà possibile attivarli in combinazione con gli altri per guadagnare bonus speciali e potenziamenti.
  • Combinare diversi personaggi con gli altri sblocca anche dialoghi esclusivi tra quei personaggi.

CAMPI D’ALLENAMENTO

  • I Campi d’allenamento possono essere trovati in diverse aree e permettono di combattere contro Guerrieri Z o nemici con cui si è lottato in passato, o anche contro se stessi.
  • Completando l’allenamento, i giocatori guadagneranno dei nuovi Super Attacchi o in alternativa potranno potenziare quelli esistenti (come il poter trasformare la propria Kamehameha nella Super Kamehameha).

L’articolo Dragon Ball Z: Kakarot, primo video gameplay proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dragon Ball Z: Kakarot, primo video gameplay