Sensible World of Soccer 2020, Recensione

Se ci avessero detto che nel periodo di Natale del 2019 avremmo scritto su Sensible World of Soccer per lavoro avremmo sorriso e probabilmente non ci avremmo mai creduto. Eppure è successo: abbiamo provato la recente mega mod gratuita che aggiorna il gioco originale ai campionati attuali. Ecco quindi che parliamo di Sensible World of Soccer 2020 grazie al duro lavoro della sua community che ha realizzato una app per Windows ed un’altra per Amiga scaricabile gratuitamente da SensibleSoccer.de

Per utilizzare la mod si deve possedere il titolo originale e gli utenti Pc che non avessero il gioco possono rivolgersi a GOG.com, lo store che vende questo classico ad un prezzo irrisorio.

Mentre gli appassionati Amiga dovranno avere un modello Amiga 600 o 1200 con 4mb di fastram, oltre a possedere i file del gioco.

Come vedremo in questa rapida recensione, Sensible World of Soccer 2020 non è un mero aggiornamento del database ma è un vero e proprio contenitore di modifiche grafiche ed audio che faranno la felicità degli amanti vecchi e nuovi del gioco.

LE NOVITÀ DI SENSIBLE WORLD OF SOCCER 2020

Giusto ricordare come la community sia molto attiva da anni. E quella che abbiamo testato non è che l’ultima di una lunga serie. Le grandi novità di questa edizione oltre all’aggiornamento dell’enorme database formato da 2.400 squadre di tutto il mondo (San Marino compreso) e 26.000 calciatori, questa mod offre il supporto completo al widescreen, ossia al formato panoramico 16:9. Una grande novità per chi ha sempre giocato in 4:3.

C’è anche il supporto al joypad USB nativo. I contenuti grafici ed audio sono incredibili: è possibile anche settare e personalizzare non solo i cori (selezionandoli tra molti file sonori provenienti da tante nazioni), ma anche la telecronaca. Ci sono i commenti di Pardo ed Altafini ma anche di Pizzul nonché il commento in giapponese. Si possono applicare anche diversi cori che variano in base alla situazione di gioco. È possibile selezionare diverse colonne sonore, da quella originale a quelle delle altre edizioni del gioco e così via.

Stesso dicasi per gli innumerevoli file grafici. Gli autori si sono sbizzarriti aggiungendo ulteriori campi e stadi per la stagione 2020 che si aggiungono agli originali ed a quelli delle mod degli anni passati inclusi in questo enorme file di mezzo gigabyte.

Ma si possono cambiare anche i modelli dei giocatori, delle reti, degli spalti, del pallone da gara e così via. Si ha la piena libertà grazie ad un pratico menu di inizio caricamento. Dato il classico doppio click all’icona di avviamento si accede ad un menu ricco di opzioni dove è possibile selezionare anche le diverse risoluzioni originali Amiga e Dos oltre a quelle più recenti che conosciamo.

Tra le altre opzioni ci sono quelle di modifica dei menu ed altro. Insomma, la conferma di un lavoro genuino e mosso da una grande passione che permette a Sensible World of Soccer di rimanere ancora un’icona al pari di Kick Off 2.

È SEMPRE UN GIOCO DI METÀ ANNI ‘90

Non possiamo non tessere le lodi per un lavoro splendido e soprattutto pro bono. Restano, però, alcuni piccoli dettagli che – comunque – ne mostrano i limiti. Non parliamo del fatto che il gameplay sia rimasto quello (che è tra l’altro splendido nonostante i 25 anni del gioco originale ed i suoi adesso evidenti limiti all’IA), ma sul fatto che probabilmente si sarebbero potuti ridisegnare le strutture dei campionati. La Serie A è rimasta a 18 squadre con la conseguenza che il roster della massima serie 2019/2020 non è fedele. Genoa e Spal sono inserite nella cadetteria (che sia profetico vista l’attuale classifica dei grifoni e degli estensi?). Ed è probabile che anche in altri campionati – magari minori – le cose siano cambiate come ad esempio il format.

Non sappiamo effettivamente se questa parte del gioco sia chiusa alle modifiche ma siamo certi che smanettoni di questo calibro avrebbero potuto fare un pizzichino di più.

Inoltre abbiamo notato qualche problema con il joypad. Il vecchio pad della Xbox 360 ha esitato al punto che non abbiamo potuto giocare. Con il Nacon GC 100, invece, le cose sono andate decisamente meglio al punto che abbiamo completato più stagioni anche se, di tanto in tanto, i giocatori vanno in direzioni diverse da quella che vorremmo senza poterli controllare. Abbiamo anche subito un’autorete decisiva per colpa di questo problemino.

Siamo convinti che con ulteriori update, queste noie saranno un ricordo. A tal proposito, è già stata diffusa una patch. E sull’intelligenza artificiale, pazienza anche se su Facebook si parla di miglioramenti alla fisica che però non abbiamo notato: probabilmente, giusto scriverlo, paghiamo l’assenza ventennale dalle scene di Swos. Forse è questo che non ci fa accorgere della modifica alla fisica.

MA RIMANE IL RE DEI GIOCHI CALCISTICI A 16 BIT

Rimane comunque il piacere di giocare ad un titolo storico rinnovato se non altro dal punto di vista grafico e con un gigantesco database di squadre e calciatori aggiornati. Non come avremmo voluto su alcuni fronti come abbiamo detto. Ma è sempre il re (assieme a Kick Off 2, ndr) dei giochi calcistici a 16 bit.

Un vero piacere giocarci anche se i limiti sono quelli. E dopo aver caricato il tutto ed iniziato a giocare è stato subito Natale.

COMMENTO FINALE

Sensible World of Soccer 2020 è una ottima mod che riammoderna le skin ed il database dello storico gioco calcistico di metà anni ’90. Nulla, o quasi, cambiato dal punto di vista del gameplay ma è – appunto – una mod e non un gioco realizzato da amatori come nel caso di Aftertouch Soccer che si basa e riprende Kick Off 2 aggiungendo anche alcune modifiche sostanziali alla giocabilità Sulla pagina Facebook, infatti, parlano di una nuova fisica. I risultati sono minimali ma probabilmente è giusto che sia così per evitare di snaturare il gameplay originale.

Tornando a questa mod, che è un vero e proprio contenitore visto che include anche le precedenti mod della grandissima e splendida community di SensibleSoccer.de.

Ed è stupefacente quando sia bello riscoprire questo gioco con campi diversi, ambientazioni strane ed anche l’aggiunta del commento in diverse lingue che hanno ammodernato SWOS dal punto di vista meramente visivo e sonoro.

I nuovi campi sono veramente spettacolari ed il divertimento, una volta ripresa la mano, è assicurato. Peccato, ribadiamo, per alcune modifiche ai campionati non fatte e per il gameplay rimasto identico con una intelligenza artificiale vetusta. Ma è pur sempre SWOS ed è un lavoro gratuito. A caval donato non si guarda in bocca e questo cavallo è comunque di razza. Nondimeno ci fa riappropriare di un gioco divertente nonostante il suo essere vetusto. Grazie per questo lavoro.

L’articolo Sensible World of Soccer 2020, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Buon 2020 da IlVideogioco.com

Anche quest’anno è volato via. Il 2019 sta facendo posto al 2020. Un nuovo decennio sta iniziando e per noi de IlVideogioco.com sarà il decimo anno di attività.

Sembra ieri ma come ieri dobbiamo crescere. Le basi si stanno sempre più rafforzando ma nel 2020 vogliamo veramente offrire un prodotto migliore. Già da qualche giorno abbiamo cambiato mentalità, scrivendo (apparentemente) di meno ma al tempo stesso rimanendo focalizzati sui nostri obiettivi: fornirvi sempre un’informazione di prima qualità in tempi decenti. E darvi sempre di più offrendo la nostra passione, esperienza e competenza puntando su un maggior numero di recensioni ed approfondimenti. Quest’anno siamo arrivati a quasi 200 recensioni, nei prossimi 365 giorni, anzi, 366 visto che sarà un anno bisestile, punteremo a fare meglio. E puntiamo anche ad avere un rapporto più stretto con voi lettori. Scriveteci, fateci sapere la vostra.

Adesso, infatti, c’è il concetto di squadra. Cari amici amici da tutta Italia (potenza del web) si sono uniti al progetto e da qualche mese stanno facendo un bel lavoro. Certo, stiamo andando con cautela, ma le belle cose hanno bisogno di tempo e pazienza per crescere. I fiori poi sbocceranno. Stiamo facendo il possibile per darvi sempre di più provando ad essere un’alternativa a realtà ben più consolidate e blasonate. 

Noi ci riteniamo piuttosto piccoli ed anche i numeri, per quanto lusinghieri, lo confermano ma ciò non è necessariamente un male. Il 2019 ci ha confermato una base di lettori soddisfacente ed abbiamo le potenzialità per aumentarla. Inoltre ci ha fatto capire che possiamo fare a meno di certe zavorre inutili che avrebbero rischiato di farci andare in malora gli sforzi. Gente che si fascia gli occhi e fa finta che un blog amatoriale faccia lo stesso nostro lavoro meglio solo perché più visitato è meglio perderla che trovarla. Così come aziende che fanno questo discriminando chi lavora per certi fenomeni da baraccone che fanno solo copia-incolla. Certo, comandano i numeri ma non permettiamo – e lo suggeriamo anche a chi si trova nella stessa nostra situazione – a nessuno di umiliare il nostro lavoro.

Fatto questo piccolo sfogo che, ci si consenta, andava fatto da tempo, è giunto il momento di fare a tutti voi gli auguri di un felice 2020 ricco di soddisfazioni in ogni campo. Al di là di quello videoludico che è sempre il nostro campo.

Che sia un 2020 in grado di offrire tante opportunità, allontanare le paure e concretizzare le speranze.

Sarà un 2020 importante nel nostro settore con l’arrivo della nuova generazione di console, la Xbox Series X e la PlayStation 5, ma non è detto che ci siano ulteriori sorprese ed annunci. Il CES è dietro l’angolo…

Sarà l’anno come sempre di PES, di Fifa, di F1 2020, ma anche l’anno di The Last of Us 2 che dovrebbe essere il canto del cigno della PS4, nonché di Final Fantasy VII Remake. Di tanti indie e di mille sorprese, si spera anche italiane (Alaloth, Remothered Broken Porcelain e Baldo?).

Detto questo è giunto il momento di mandarvi caro saluto da me, Edoardo Ullo, e dalla redazione de IlVideogioco.com ed auguri di buon anno.

Gli aggiornamenti al sito riprenderanno il più presto possibile e compatibilmente con la “notiziabilità” di quello che riceviamo.

L’articolo Buon 2020 da IlVideogioco.com proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Samsung Galaxy M21 è in fase di sviluppo. Spuntano i colori della serie Galaxy M 2020

Nel corso di questo mese di dicembre abbiamo appreso che Samsung sta lavorando su Galaxy M11 e M31, ma le indiscrezioni ipotizzavano anche l’esistenza di un Galaxy M21. Stando a quanto riportato da SamMobile, il Galaxy M21 è in fase di sviluppo e la notizia non sorprende particolarmente visto che il Samsung Galaxy M20 è forse il dispositivo più venduto dell’intera gamma Galaxy M.

L’articolo Samsung Galaxy M21 è in fase di sviluppo. Spuntano i colori della serie Galaxy M 2020 proviene da TuttoAndroid.

(altro…)

Giochi Nintendo Switch di gennaio 2020

Giochi Nintendo Switch di gennaio 2020
Gennaio 2020 è il mese dei grandi ritorni su Nintendo Switch: arrivano Brain Training del Dr. Kawashima, Tokyo Mirage Sessions #FE Encore e Oddworld: Stranger’s Wrath HD. Il nuovo anno di Nintendo Switch parte all’insegna dei grandi ritorni, con alcuni giochi che fanno parte della storia della casa di Kyoto, come Brain Training del Dr. Kawashima: il celebre software per allenare il cervello è più in forma che mai e si presenta sulla console ibrida con tanti nuovi esercizi. I fan delle produzioni Atlus non dovrebbero lasciarsi sfuggire Tokyo Mirage Sessions #FE Encore, jRPG a sfondo musicale che mette insieme …

(altro…)

Giochi Xbox One di gennaio 2020

Giochi Xbox One di gennaio 2020
A gennaio 2020 arriva su Xbox One Pillars of Eternity II: Deadfire, il coinvolgente RPG di Obsidian Entertainment, ma anche Dragon Ball Z: Kakarot e Moons of Madness. I possessori di Xbox One potranno iniziare il nuovo anno insieme ai giochi in uscita a gennaio 2020: parliamo di pochi titoli, ma capaci senz’altro di intercettare l’interesse di un’ampia fetta di utenti. Il piatto forte del mese è rappresentato da Dragon Ball Z: Kakarot, l’action RPG sviluppato da CyberConnect2 che ripercorre la serie Z dall’arrivo di Radish al confronto con Majin Bu. Ci sono poi Pillars of Eternity II: Deadfire, il …

(altro…)

Huawei ha raggiunto un nuovo record di entrate nel 2019, ma il 2020 sarà ancora più impegnativo

Secondo Bloomberg, Eric Xu, attuale presidente di turno di Huawei,  ha comunicato ai dipendenti che le entrate della società nel 2019 hanno superato quota 850 miliardi di yuan cinesi corrispondenti a 122 miliardi di dollari, un nuovo record per il colosso cinese, tuttavia le previsioni per il 2020 prospettano una crescita inferiore.

L’articolo Huawei ha raggiunto un nuovo record di entrate nel 2019, ma il 2020 sarà ancora più impegnativo proviene da TuttoAndroid.

(altro…)

Speciale giochi indie 2020

La speranza di ogni inizio anno è che porti buone nuove. Attendiamo con una certa trepidazione l’arrivo della nuova Playstation, della Xbox serie X, e di una valanga di titoli che ci auguriamo non tradiscano le aspettative. E col 2020 ormai alle porte è il momento di fare un breve focus sul fervente mercato indie, una cornucopia di entusiasmo e divagazione. Vogliamo che IlVideogioco.com sia un punto di riferimento per gli sviluppatori indipendenti che – a nostro avviso – rivestono un ruolo decisamente cruciale. Diamo, così, un’occhiata ai titoli che aspettiamo con grande interesse.

Buona lettura.

SPIRE OF SORCERY

Un prodotto che ci ricorda da lontano le atmosfere e il gameplay di Thea 2. Spire of Sorcery è uno strategico survival con chiare atmosfere dark fantasy. Tra le peculiarità del titolo, troviamo incontri casuali, un sistema di gestione del party approfondito, e uno stile grafico davvero unico.

RECOMPILE

Un gioco di hacking davvero suggestivo. Prenderemo il controllo di un singolo programma e dovremo fuggire per non farci cancellare in questo Metroidvania ispirato e decisamente fuori dalla norma. Ambientato nel vasto mondo 3d di un mainframe, troveremo pane per i nostri denti tra combattimenti, sessioni platform, e l’hacking degli ambienti.

THE LAST CAMPFIRE

Sviluppato da Hello Games, autori del noto No Man Sky, the Last Campfire è una graziosa avventura artisticamente molto ispirata in cui il protagonista dovrà viaggiare attraverso un mondo surreale e fantastico per trovare la via di casa. Strane creature, antiche rovine, luoghi colmi di bellezza e pericolo, ci aspettano in questo interessante viaggio.

EMPIRES IN RUINS

Emiliano Pastorelli ed Hammer&Ravens metteranno alla prova il nostro acume strategico in questo particolarissimo e atipico tower defense. Di questo titolo indie, abbiamo già parlato nel corso della nostra “Tripla Intervista”  e siamo davvero ansiosi di metterci alla prova con la release che uscirà in accesso anticipato il prossimo 4 febbraio. Humour nero, una campagna lunga e intensa, tradimenti, conquiste, e una valanga di strutture da costruire sono alla base di un progetto davvero interessante.

MASSIVE GALAXY

Massive Galaxy è un’interessante combinazione tra avventura punta e clicca e space sim con combattimento a turni. Esplorate la galassia viaggiando tra terre desolate, città in pieno stile cyberpunk, e stazioni spaziali. Viaggiate verso pianeti lontani pieni di culture ricche e diverse, indagate su habitat spaziali tecnologicamente avanzati e scoprite la storia e le tradizioni di antiche civiltà. Pirata, mercante, spia, la scelta su chi vogliamo essere è solo nostra.

KERBAL SPACE PROGRAM 2

Sviluppato da Star Theory, è il seguito di un simulatore spaziale profondo, interessante e – come visto dai numerosi filmati su YouTube – anche divertente. In questo nuovo capitolo del titolo indie, oltre all’aggiunta di componenti inedite per i veicoli, sono stati introdotti colonie, viaggi interstellari, un sistema di modding avanzato ed una grafica completamente rinnovata e al passo con i tempi. E non dimentichiamoci, di una nuova modalità multigiocatore sviluppata appositamente per questa nuova iterazione.

ENDZONE – A WORLD APART

Endzone è un’interessante city builder ambientato in un mondo post apocalittico. Il nostro compito, sarà quello di sviluppare e gestire una nuova casa, assicurando la sopravvivenza ai nostri abitanti mentre cercheremo di resistere alla minaccia delle radiazioni, alle piogge tossiche, a tempeste di sabbia e lunghi periodi di siccità. Gli ambienti su cui getteremo le fondamenta della nostra nuova casa saranno simulati dinamicamente, e la gestione dell’insediamento prevede anche un sistema di spedizioni.

TAINTED GRAIL

Torniamo nelle atmosfere fantasy, più precisamente nel ciclo arturiano, rivisitato per l’occasione. L’isola di Avalon non è più sicura. Sveliamo i misteri dei Menhir Guardiani e salviamo la nostra città natale in questo gioco di ruolo completamente open world a turni fortemente basato sulla narrazione. Tainted Grail offrirà un’esperienza molto coinvolgente, e garantirà un livello di scrittura decisamente elevato grazie all’apporto di Krzysztof Piskorski, uno dei migliori scrittori polacchi fantasy. In questo mondo morente, nessuna decisione è facile o moralmente ovvia e spesso dovremo affrontare scelte apparentemente impossibili.  Altre volte, le conseguenze di azioni apparentemente minori ci perseguiteranno nel corso del gioco, in momenti assolutamente imprevisti. In poche parole è uno dei titoli indie più attesi.

CLOUDPUNK

È uno dei titoli che aspettiamo con più interesse. Ambientato tra i neon e i fumi della città di Nivalis, Cloudpunk è un titolo con chiare ispirazioni cybperpunk dove il protagonista rivestirà il ruolo di tassista. Interagiremo con umani, AI, androidi, ognuno con una storia da raccontare. Nel nostro lavoro, nessun luogo è irraggiungibile. Viaggeremo nei sotterranei del Marrow, guglie che trapassano le nuvole grigie che avvolgono la città, fino ai confini della troposfera. A piedi, o usando la nostra auto volante, scopriremo luoghi nascosti che talvolta sbloccheranno anche storie aggiuntive.

SPELLSWORD CARDS: DUNGEONTOP

Un deck builder combinato a meccaniche da boardgame. Questo e altro ci aspettano in Spellsword Cards: DungeonTop, un’interessante roguelike indie focalizzato nella creazione del mazzo perfetto e lo sfruttamento di tattiche strategiche per arrivare al miglior risultato possibile alla fine di ogni scontro.
Progredire nel dungeon significherà più oro, ma anche più mostri da affrontare, cosa decideremo di fare? Stilisticamente ispirato Darkest Dungeon, si tratta di un gioco orientato ad una nicchia di appassionati, che garantirà divertimento e un ottimo grado di sfida.

FROSTFALL

Ambientato nelle lande innevate della Russia, Frostfall è un’avventura post apocalittica survival improntata su uno stile horror riconoscibile ed evocativo. Nel corso del gioco, riuscire a rimanere vivi sarà uno degli scopi principali, cercando di evitare la zombificazione del nostro corpo, e resistendo alle dure condizioni meteorologiche completamente dinamiche, con uno ciclo giorno/notte che non rappresenta solo un orpello puramente visivo.
Sete, fame, sonno, stanchezza, radiazioni, ipertermia e malattie, tutte variabili da tenere a mente durante ogni gameplay. Dopo le atmosfere di Chernobylite (già provato in anteprima qui), un altro titolo da giocare sempre con la luce accesa se… abbiamo paura del buio.

COOK, SERVE, DELICIOUS! 3?!

Stemperiamo l’atmosfera con un gioco scanzonato e divertente. Cuciniamo, serviamo e gestiamo il nostro foodtruck. In questo sequel, viaggeremo negli stati uniti per partecipare alla Iron Cook National Foodtruck Championships con la nostra fedele squadra composta dal robot Whisk (doppiato da @negaoryx) e Cleaver (doppiato da @havanarama).
In questa nuova iterazione della serie indie, ambientata nell’America del 2042, la campagna si snoderà attraverso una considerevole mole di cibi da cucinare tutti nuovi, e centinaia di livelli con una struttura di gioco completamente rinnovata. Oltre alla campagna in singolo, il gioco offrirà anche la possibilità di cooperare con un amico in locale, aggiornare e migliorare il proprio foodtruck, ed espandere la propria offerta culinaria mentre il giocatore cercherà di arrivare alla nuova capitale degli Stati Uniti, Nashville.

CRIS TALES

Dreams Uncorporated e SYCK, propongono un omaggio al genere dei giochi di ruolo giapponesi (più precisamente alla serie Chrono Trigger) con Cris Tales. Guardiamo il passato, agiamo nel presente, e osserviamo come le nostre azioni influenzeranno il futuro. Insieme alla maga del tempo Crisbell e i suoi compagni, esploreremo un mondo fantasy che sta per affrontare un’era cupa e densa di pericoli. La potente Imperatrice del tempo e le sue forze minacciano di scatenare un cataclisma che distruggerà Crystallis e gli altri quattro regni della regione. Riusciremo a fermarla?

BEAUTIFUL DESOLATION

Beautiful Desolation è un gioco d’avventura a visuale isometrica ambientato in un lontano futuro. Nel corso del gioco, esploreremo paesaggi post apocalittici ricreati con cura quasi maniacale, risolveremo enigmi e incontreremo amici e pericolosi nemici.
I paesaggi, di ispirazione africana, sono stati ricreati grazie all’innovativa tecnica della fotogrammetria, che rende ogni scenario decisamente realistico. Gli abitanti di questo mondo potranno aiutarci ma anche ostacolare le nostre azioni. Negozieremo il paesaggio con pericolosi leader tribali locali, incontreremo guaritori e guerrieri, e daremo battaglia a sciami di naniti, giganteschi scorpioni e micidiali robot.

ASTRA EXODUS

Dopo i fasti del grande Stellaris, e il buon Interstellar: Space Genesis sentivamo proprio il bisogno di un nuovo 4X a fondo spaziale. Grazie ad Atomic Kaiser sotto egida Slitherine, il 23 gennaio potremo mettere le mani sopra Astra Exodus, un nuovo 4X fantascientifico dove guideremo la razza umana attraverso un’epica campagna incentrata sulla narrazione.
Oltre alla campagna principale, che svelerà i misteri dietro all’Esodo, potremo cimentarci in una modalità sandbox corposa e sfaccettata, che ci permetterà di prendere il controllo di una delle razze aliene a disposizione, conducendola alla gloria con diverse condizioni di vittoria. Otto razze, battaglie spaziali e planetarie, tante classi di navi ed eserciti, e una forte componente votata all’esplorazione. Astra Exodus non si propone come innovatore, bensì come punto di riferimento di un genere che vanta diversi esponenti di spicco.

STONESHARD

Stoneshard è un gioco di ruolo a turni davvero interessante e con uno stile grafico che ci ha catturato appena lo abbiamo visto. Nelle lande medievali di Aldor, affronteremo tante avventure con ampia libertà di scelta per ogni situazione. Lo sviluppo del personaggio senza restrizione basate sulla classe e tante abilità e statistiche, permetteranno ad ogni giocatore di divertirsi per creare la propria build preferita.

Il gioco è interamente open world, con villaggi in rovina, dungeon infestati dai mostri, luoghi antichi e misteriosi. Un interessante sistema sanitario, metterà a dura prova le nostre scelte perché non saranno i soli punti vita a cui dovremo prestare attenzione. Cauterizzare le ferite, alleviare il dolore con alcol e droghe, purificare il sangue dai veleni, tutto pur di rimanere in vita.
Oltre duecento abilità e più di quattrocento attrezzature da indossare ed usare, insomma il paradiso per ogni amante dei dungeon crawler, per di più a sfondo strategico. Una promettente perla indie.

VAGRUS

Senza dubbio, un titolo indie molto atteso è Vagrus. Lo sviluppatore Lost Pilgrims punta a quest’anno per fare uscire quello che a noi, in sede di anteprima, è sembrato un potenziale capolavoro.

Si tratta di un gioco che unisce il fascino di un’atmosfera unica al gameplay di titoli quali Sunless Sea e Darkest Dungeon. Non è un gioco per tutti: va capito, seguito e assaporato esattamente come un libro. Ma va anche vissuto e giocato senza paura grazie ad un sistema di combattimento tanto tattico quanto appagante.

FUORI CATALOGO

Ci sono poi due titoli indie che probabilmente non vedremo prima del 2021, ma ci teniamo ad inserirli perché è più che giusto tenerli d’occhio.

GENESIS NOIR

È possibile anche solo immaginare un’avventura ambientata prima, durante e dopo il Big Bang? I ragazzi di Feral Cat Den si, e con Genesis Noir intraprenderemo un percorso che comprende buchi neri, una Terra primordiale, e fascinosi jazz caffè.
Saremo testimoni della nascita e della storia umana, e della nascita dell’universo dopo che un litigio cosmico ha frantumato un romantico quanto micidiale triangolo amoroso. Riusciremo a fermare il Big Bang e trovare la nostra amata?

PARALIVES

Sono anni che la serie The Sims viaggia a corrente alternata. I capitoli principali vengono coadiuvati da una fin troppo corposa quantità di dlc ed espansioni, ma spesso la qualità e la gestione della vita dei propri sim viene soppiantata dal tentativo di portare tutto sulla componente social, perdendo quanto fatto con il capitolo migliore, The Sims 2.
Paralives, è la risposta indie al simulatore di vita. In questo gioco, potremo costruire case con una profondità mai vista, in una città totalmente open world. I giocatori possono costruire muri di qualsiasi lunghezza e angolazione, e avranno a disposizione una lunga serie di strumenti per sviluppare la casa dei propri sogni. Grazie al mondo aperto, i nostri npc potranno esplorare un quartiere pieno di negozi, parchi, luoghi di lavoro e molto altro. Già all’uscita, il gioco vanterà la presenza di animali domestici, stagioni, auto e altri mezzi usabili, e una modalità di creazione del personaggio piuttosto approfondita. Che dire, non vediamo l’ora di provarlo.

L’articolo Speciale giochi indie 2020 proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

I giochi più attesi del 2020: Gli Indie

I giochi più attesi del 2020: Gli Indie
Scopriamo quali sono i giochi indie più attesi o da attendere tra quelli in uscita nel 2020. Fare un elenco dei titoli indie più promettenti in uscita nel 2020 è un’impresa improba. A differenza del settore tripla A, che sta subendo gli effetti del cambio generazionale in modo vistoso, la scena indie continua a produrre titoli senza sosta e una selezione di soli dieci giochi significa necessariamente tenere fuori qualcosa di buono, se non ottimo, per problemi di spazio. Metteteci anche che, essendo il peso delle aspettative del pubblico molto minore, c’è la possibilità di spaziare di più nel personale …

(altro…)

Plan 8, Pearl Abyss rivela nuovi dettagli

Pearl Abyss torna a parlare di Plan 8, rivelando nuovi e interessanti dettagli e informazioni. La software house coreana, dopo aver rivelato al mondo il suo titolo, in occasione dell’evento G-STAR 2019 tenutosi lo scorso novembre, ce ne presenta i suoi tratti salienti. Plan 8 è stato definito dagli stessi sviluppatori uno sparatutto MMO “exosuit”. Quest’ultimo termine, non è solo uno scioglilingua, ma rappresenta l’aspetto fondamentale del videogioco.

Plan 8 arriverà su Pc e console anche se, al momento, la data di uscita è ancora nel limbo. Nel team di sviluppo troviamo il Lead Producer Seungki Lee (ex Environment Art Director per Black Desert Online) e il Consulente Tecnico Minh Le (co-creatore in Counter-Strike).

Pearl Abyss, con Plan 8, si lancia per la prima volta nel mondo degli shooter. Questo titolo, come anticipato, combina elementi MMO di matrice open-world con un gameplay ricco di azione e caratterizzato da una grafica degna di nota. Su quest’ultimo punto preme precisare che la software house coreana utilizzerà, in questo suo nuovo titolo, l’inedito motore grafico proprietario.

Creare qualcosa di nuovo sul mercato non è facile ma Pearl Abyss ci vuole provare con Plan 8. Il genere sparattutto MMO open world annovera dei mostri sacri come The Division 2 e Ghost Recon: Breakpoint. La concorrenza è bella tosta.

plan 8 informazioni dettagli

Ed è qui che entra in gioco la novità che potrebbe fare la differenza: la presenza delle exosuit. Al momento non sappiamo come verrà tradotto in italiano (e se verrà tradotto in italiano). Le potete considerare come degli esoscheletri, dei dispositivi robotici che il vostro PG potrà indossare, donandogli delle abilità incredibili e poteri straordinari.

Ognuno di questi avrà delle abilità speciali quindi, con ogni probabilità, ci sarà anche la differenziazione di classe, aspetto cardine di ogni MMO che si rispetti. Ci saranno, per esempio, exosuit con braccia potenziate in grado di salire e scendere pareti; altre, invece, con gambe potenziate che consentirà di saltare oltre le pareti e sugli edifici.

La presenza di questo aspetto caratterizzerà fortemente il gameplay, rendendolo strategico. Le exosuit, infatti, hanno sia dei punti di forza che di debolezza per cui, sul campo di battaglia, bisognerà tenerne conto e valutare l’arsenale avversario.

plan 8 informazioni dettagli

A proposito di arsenale, abbiamo parlato, sin qui, delle exosuit ma in Plan 8 potrete utilizzare anche le classiche armi da fuoco. Ovviamente è prematuro parlare di modelli e tipologia, anche perché il titolo è ancora in via di sviluppo. Ciononostante, Pearl Abyss ha confermato la possibilità di aggiungere e modificare i componenti di armi ed exosuits, in modo da migliorare il vostro equipaggiamento.

La software house coreana ha, inoltre, rivelato che avrete la possibilità di personalizzare il vostro arsenale dando libero accesso alla vostra creatività e alle vostre idee, senza essere troppo legati a eventuali formati standard.

L’articolo Plan 8, Pearl Abyss rivela nuovi dettagli proviene da IlVideogioco.com.

(altro…)

Rimaniamo in contatto

Hai una idea? Un prodotto che vorresti farci recensire? Oppure vorresti collaborare con noi?

Scrivici una email

admin@cellicomsoft.com

Seguici su Facebook

cellicomsoft su Facebook

Scarica l'app Android

cellicomsoft su Play Store

Contact Us