The Evil Within 2, clip “Sacerdote vendicativo e giusto”

C’è un nuovo video su The Evil Within 2. Bethesda ha diffuso una clip sul misterioso Padre Theodore, una figura enigmatica. Fino ad ora…

Insieme a Stefano, Theodore è uno dei “mostri” umani che si sono infiltrati nel nuovo mondo dello STEM in The Evil Within 2, ed è finalmente pronto a rivelare il suo messaggio alle masse: “giusta” furia e immolazione a chiunque oserà opporsi a lui. Se vorrà avere qualche speranza di trovare Lily e fuggire dall’incubo dello STEM, Sebastian dovrà sopravvivere a questo maestro della manipolazione.

Secondo la visione di Theodore, la Mobius ha perso di vista i veri obiettivi legati allo STEM. La corporazione intende utilizzare questo congegno per controllare la popolazione, mentre Theodore ritiene di essere una figura decisamente più indicata per farlo, e vede lo STEM come un metodo per espandere la propria influenza. Pertanto, ha intenzione di ingannare la Mobius dall’interno, esercitando il proprio controllo non solo sulla popolazione di Union, ma anche su Sebastian.

Come Stefano, anche Theodore non agisce da solo. Tuttavia, a differenza di Stefano, ad aiutarlo non sono creature generate da lui, bensì gli Araldi, persone comuni la cui mente è stata piegata per obbedire al suo volere. Gli Araldi sono armati di lanciafiamme e sembrano esistere esclusivamente per eseguire gli ordini di Theodore, bruciando chiunque rappresenti un ostacolo.

Qualsiasi dettaglio sul suo passato porterebbe a grosse anticipazioni. In altre parole, dovrete affrontare il gioco per sbloccare i numerosi segreti che cela

Nei panni di Sebastian Castellanos, i giocatori dovranno immergersi nuovamente in un’esperienza infernale nel seguito del survival horror del 2014 creato dalla mente di Shinji Mikami. Il gioco uscirà il prossimo 13 ottobre su Pc, PS4 ed Xbox One.

Condividi questo articolo


L’articolo The Evil Within 2, clip “Sacerdote vendicativo e giusto” sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Fonte: The Evil Within 2, clip “Sacerdote vendicativo e giusto”