Olanda e Belgio dicono no alle loot box

Prima l’Olanda, adesso il Belgio. Le loot box in questi Paesi sono state dichiarate illegali ed equiparate al vero e proprio gioco d’azzardo. Riporta la notizia IGN. Leggiamo che la commissione belga sul gioco ha dichiarato quanto segue:

“I giochi che propongono loot box a pagamento, per come sono proposte attualmente nella nostra nazione, si trovano in violazione delle leggi riguardanti il gaming e possono essere trattate secondo il diritto penale: queste loot box devono anche essere rimosse”.

E sarebbe un colpo doloroso per molti giochi e molte software house… oltre che per tanti giocatori abituati a tutto ciò. Tra i titoli troviamo Fifa 18, Overwatch, Star Wars Battlefront II e Counter Strike: Global Offensive. Gli sviluppatori, invece, se dovessero rifiutarsi di rimuoverle, dovranno pagare una multa fino ad 800.000 euro ma anche fino a 5 anni di carcere.

Koen Geens, il ministro della Giustizia belga, ha pure affermato che se ci dovessero essere minori coinvolti, le pene raddoppierebbero:

“Mischiare gioco d’azzardo e gaming, soprattutto in giovane età, è pericoloso per la salute mentale del bambino”.

Tuttavia, Geens apre ed afferma che a questo punto vorrebbe dare vita a un dialogo con gli sviluppatori, gli operatori e la commissione gaming per capire di chi sono le responsabilità in tutte le varie questioni riguardanti le loot box.

L’articolo Olanda e Belgio dicono no alle loot box sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Fonte: Olanda e Belgio dicono no alle loot box