Imperator: Rome, perché essere Cesare non basta

Imperator: Rome, perché essere Cesare non basta
Paradox ci riporta nell’antica Roma… e come al solito non sarà un gioco semplice!. Quasi ogni casa di sviluppo nota ha almeno un uomo immagine: uno sviluppatore, un director, un CEO, o anche un community manager talmente amato dalle folle da venir ormai appaiato automaticamente al nome del titolo di cui si occupa quando se ne parla per qualche motivo. Per Paradox quell’uomo è senza ombra di dubbio Johan Andersson, se non altro per il fatto di aver lavorato praticamente a tutti i titoli più importanti della casa (come designer o come producer), e aver quindi ottenuto il sacrosanto diritto …

Fonte: Imperator: Rome, perché essere Cesare non basta