Archivi categoria: Xbox One

Auto Added by WPeMatico

Fallout 76, nuove immagini per il lancio della B.E.T.A.

La B.E.T.A. di Fallout 76 è dietro l’angolo. È prevista per mercoledì 24 ottobre dall’1 alle 5 ora italiana. Bethesda ha condiviso una galleria di 19 nuovi screenshot del gioco.

Vi ricordiamo che i piani e le sessioni future riguardanti la B.E.T.A. verranno comunicati tramite il canale Twitter ufficiale @Fallout e i forum Bethesda.net, oltre che tramite la pagina di stato Bethesda.net.



















L’articolo Fallout 76, nuove immagini per il lancio della B.E.T.A. proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Fallout 76, nuove immagini per il lancio della B.E.T.A.

The Elder Scrolls Online, Squame, storie e prigioni con il lancio di Murkmire

Il mondo di The Elder Scrolls Online si rinnova. Sempre. Questa volta grazie al nuovo dlc intitolato Murkmire. Questo porta i ritrosi abitanti della paludosa patria degli argoniani a svelare i loro segreti. ZeniMax Online Studios ha alzato il sipario sulla nuova zona grazie all’espansione disponibile da oggi su Pc e Mac.

Gli utenti potranno esplorare questo misterioso regno, dalla flora e fauna letali alle sfide di due nuovi antri con due nuovi boss, fino alle conclamate battaglie della Blackrose Prison.

Il publisher ha annunciato anche un nuovo modo per ottenere Murkmire. I giocatori potranno acquistare il nuovo dlc tramite i metodi tradizionali, ovvero usando 2.000 Crown all’interno del gioco o abbonarsi ad ESO Plus, oppure potranno riceverlo gratuitamente accedendo al gioco per un totale di 24 giorni nel mese di novembre. Per gli abbonati ESO Plus lo stipendio mensile aumenterà inoltre da 1.500 a 1.650 Crown a partire dal 13 novembre.

Tutti gli intrepidi avventurieri su Xbox One e PlayStation 4 potranno scrivere la loro Hist-oria a partire dal 6 novembre.

AGGIORNAMENTO 20

L’aggiornamento 20, gratuito per tutti, verrà rilasciato insieme a Murkmire. Questo update comprende la possibilità di riordinare gli eroi nella schermata di creazione del personaggio, ponti completamente infrangibili e riparabili nel Battleground di Cyrodiil, carillon funzionanti all’interno del sistema di costruzione delle case e molto altro.

Inoltre, ecco come fare per ottenere una fantastica cavalcatura Nascent Indrik gratuita. I giocatori devono semplicemente partecipare a una serie di quattro eventi (Witches Festival, Clockwork City Celebration, Festa dell’Undaunted e New Life Festival) fino al 2 gennaio 2019. Partecipando, i giocatori potranno ottenere quattro piume Indrik esclusive che potranno essere scambiate per la cavalcatura.

L’articolo The Elder Scrolls Online, Squame, storie e prigioni con il lancio di Murkmire proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di The Elder Scrolls Online, Squame, storie e prigioni con il lancio di Murkmire

Gwent esce dalla beta; la nuova versione è disponibile su Pc

Giornata importante per CD Projekt Red. Dopo l’esordio odierno di Thronebreaker, infatti, c’è l’annuncio del lancio della versione Pc di Gwent: The Witcher Card Game.

Questo viene, naturalmente, accompagnato da un nuovo trailer cinematografico del gioco, un’offerta speciale in gioco ed una nuova stagione competitiva.

Ricordiamo che le versioni PlayStation 4 e Xbox One usciranno dalla beta il 4 dicembre.

Mateusz Tomaszkiewicz, game director di Gwent: The Witcher Card Game di CD Projekt Red, ha commentato l’uscita del gioco.

Gwent ne ha fatta di strada se ripensiamo ai giorni di Witcher 3: Wild Hunt. Da un mini gioco fino ad un gioco di carte standalone, il titolo è cresciuto esponenzialmente durante lo sviluppo. L’aggiornamento Homecoming mette al centro l’abilità e la profondità tattica, e introduce molti contenuti nuovi. Ecco perché  abbiamo preparato un sito speciale che descrive tutti i cambiamenti e vi suggerisco davvero di visitarlo – aggiunge Tomaszkiewicz – negli ultimi mesi, il team ha fatto l’impossibile per dare vita ad un gioco con cui i giocatori potessero innamorarsi, alcuni per la prima volta, e altri nuovamente. Tuttavia, questo non è un traguardo per noi. Homecoming è stato possibile grazie ai vostri feedback e stiamo facendo Gwent per voi, dunque non dimenticatevi di farci sapere cosa ne pensate.

Il lancio ufficiale segue il rilascio di Homecoming, un aggiornamento enorme che riporta Gwent alle sue origini, di pari passo con l’implementazione dei feedback ricevuti dai giocatori durante la beta pubblica. L’aggiornamento introduce una rivisitazione completa delle grafiche di gioco, un nuovo aspetto per il campo da gioco e i leader di fazione, nuove meccaniche di gameplay e una nuova tipologia di carte, oltre a 30 carte nuove ed un sistema di costruzione di mazzo affinato.

Per celebrare il lancio di Gwent su Pc, chiunque abbia partecipato alla beta riceverà un titolo giocatore. Inoltre, un “Pacchetto Festa di Lancio” è ora disponibile per tutti i giocatori per un periodo di tempo limitato. Maggiori informazioni riguardanti il contenuto del pacchetto sono disponibili sia in gioco, sia su playgwent.com. Il lancio di Gwent significa anche l’inizio di una nuova stagione competitiva, che includerà premi a tema Mahakam.

L’articolo Gwent esce dalla beta; la nuova versione è disponibile su Pc proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Gwent esce dalla beta; la nuova versione è disponibile su Pc

Dynasty Warriors 9 aggiunge la modalità coop a due giocatori

La coop a due giocatori debutterà in Dynasty Warriors 9. Koei Tecmo Europe ha annunciato l’arrivo odierno di un aggiornamento che implementerà la modalità multiplayer online ed ofline.

Tale aggiornamento sarà disponibile successivamente su Xbox One ed include anche nuovi aggiornamenti sul gameplay, tra cui una gran varietà di archi, uno sfondo con alcuni dei personaggi più famosi del franchise e una soundtrack di sottofondo dei precedenti giochi di Dynasty Warriors. Qui troverete la nostra recensione della versione Pc.

Ecco le immagini.






























ANNUNCIATA LA DEMO

Inoltre, i fan potranno testare una versione gratuita del gioco a partire dal 1° novembre su Steam e dal 7 novembre su PlayStation 4 e Xbox One. Questa versione consente di scegliere fino a 3 dei 90 personaggi del gioco, permettendo ai giocatori di esplorare la Cina e di salvare il destino della dinastia Han.

SEASON PASS

Infine, Koei Tecmo Europe ha rivelato un nuovo Season pass del gioco che offrirà ai giocatori una gran varietà di armi, costumi e scenari. I fan potranno acquistare questo nuovo pack a partire dal 30 ottobre.

L’articolo Dynasty Warriors 9 aggiunge la modalità coop a due giocatori proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dynasty Warriors 9 aggiunge la modalità coop a due giocatori

Warriors Orochi 4, ci saranno anche dèi greci e nordici

Koei Tecmo, ci introduce, con l’ultimo aggiornamento sullo sviluppo di Warriors Orochi 4, alla presenza di dèi greci e nordici nel gioco. Essi, a quanto pare, svolgeranno un ruolo di primaria importanza all’interno del tessuto narrativo del gioco, che tra l’altro esce proprio oggi, come preventivamente annunciato, su PcPlayStation 4Xbox OneNintendo Switch.

Di seguito vi presentiamo le figure mitologiche che potremo incontrare nel gioco, accompagnate da una breve descrizione:

  • Ares: figlio di Zeus e dio della guerra, rappresenta di quest’ultima l’aspetto più violento e selvaggio. È particolarmente arrogante e orgoglioso, e disprezza gli umani per la loro debolezza.
  • Atena: nata dalla testa di Zeus, è patrona delle città e signora della strategia militare. È in cerca di Perseo, reo di aver tradito i propri connazionali divini.
  • Perseo: semidio che si è ribellato alle macchinazioni di Zeus entrando nel regno dimensionale di Orochi. È l’ingannevole possessore di un segreto che gli dèi temono.
  • Odino: dio nordico signore di Asgard e padrone della saggezza e della magia. Nel gioco, Odino arriva in questa nuova dimensione per impadronirsi di nuovi, formidabili poteri.
  • Zeus: mitologico dio del tuono e signore del Monte Olimpo. È interessato all’universo di Orochi, e nulla potrà fermare le sue ambizioni di conquista.





L’articolo Warriors Orochi 4, ci saranno anche dèi greci e nordici proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Warriors Orochi 4, ci saranno anche dèi greci e nordici

Naruto to Boruto: Shinobi Striker, ecco Hiruzen Sarutobi

Un nuovo personaggio arricchisce il roster di Naruto to Boruto: Shinobi Striker. Ecco Hiruzen Sarutobi che Bandai Namco ci presenta con un trailer. Il combattente sarà disponibile da domani (19 ottobre) su Pc, PS4 ed Xbox One come parte del season pass o del dlc2 come personaggio master.

Si potrà usare, dunque, il set di mosse, oltre al suo abito e alle sue armi, per i propri avatar di gioco. Inoltre, a partire da oggi, tutti i giocatori potranno usare Sarutobi come personaggio giocabile.

Sarutobi era il terzo Hokage del Villaggio della Foglia ed era considerato il ninja più forte dell’intero villaggio, grazie a una serie di jutsu incredibilmente potenti.

L’arte del fuoco: Fiato Ardente del Drago crea una fiamma che colpisce il proprio avversario ed esplode all’impatto, infliggendo danni e un depotenziamento da bruciatura.

L’arte della Terra: Proiettile del Drago di Terra aiuterà i giocatori a controllare il campo di battaglia. Una volta attivato, questo ninjutsu evocherà il Drago della Terra, che scaglia una rapida scarica di proiettili su qualsiasi nemico si trovi nel suo raggio d’azione.

Ma la tecnica più potente di Sarutobi, adesso sempre più integrato in Naruto to Boruto: Shinobi Striker, è il Sigillo del Diavolo. Gli avversari colpiti da questo ninjutsu riceveranno un depotenziamento da combattimento e vedranno aumentare il loro tempo di rinascita.

L’articolo Naruto to Boruto: Shinobi Striker, ecco Hiruzen Sarutobi proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Naruto to Boruto: Shinobi Striker, ecco Hiruzen Sarutobi

Stellaris: Console Edition si dirige su PS4 ed Xbox One

L’annuncio che in molti, soprattutto gli amanti della strategia sci-fi, aspettavano è arrivato. Stellaris, già uscito su Pc nel 2016 con tante espansioni e miglioramenti, arriverà anche su console.

Paradox Interactive ha annunciato, infatti, che Stellaris: Console Edition  sarà disponibile su PS4 ed Xbox One nel primo trimestre 2019. Il gioco viene presentato con un trailer che conferma il suo gameplay profondo.

Il titolo permetterà agli appassionati di guardare l’enormità dello spazio e esplorare un numero incalcolabile di pianeti. Si incontreranno una miriade di razze aliene selvagge e pericolose che potrebbero rivelarsi amichevoli al punto da poter tessere rapporti commerciali o forze impegnate a schiavizzare e distruggere la nostra civiltà.

Si viaggerà  attraverso galassie sconfinate, per garantirsi risorse necessarie per la sopravvivenza e si affronterà il progresso tecnologico, che servirà per affrontare guerre spaziali.

Sarà possibile scoprire anomalie scientifiche e governare l’impero nascente manipolando le varie fazioni e tradizioni a proprio vantaggio.

Annunciata anche una versione Deluxe che include anche il Ploveids Species Pack, il Leviathans Story Pack e l’Utopia Expansion. Una edizione rivolta agli esploratori pronti ad affrontare la loro avventura con maggiore determinazione.

Questa la nostra recensione su Pc, con uno dei voti più alti della storia del nostro sito. Qui, invece, troverete un prezioso speciale, pubblicato poco più di un anno fa, a firma del nostro Giuseppe Filiti.

L’articolo Stellaris: Console Edition si dirige su PS4 ed Xbox One proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Stellaris: Console Edition si dirige su PS4 ed Xbox One

Hitman 2, l’attore Sean Bean presterà la propria voce

Warner Bros. Interactive Entertainment e IO Interactive hanno condiviso oggi nuove informazioni sulla prima missione Bersaglio Elusivo di Hitman 2. Nello specifico, scopriamo che a dare la voce a Mark Faba, agente dell’MI5 conosciuto come “L’Immortale” e nemico principale della missione, sarà nientemeno che il celebre attore Sean Bean.

Di sotto potete vedere il nuovo trailer di lancio della missione, che ricordiamo essere prevista per il 20 novembre, a distanza di una settimana dal lancio del gioco in sé, il 13 novembre, su PcPlayStation 4Xbox One. La missione sarà disponibile per 10 giorni. Di seguito le parole di Hakan Abrak, studio head di IO Interactive, a proposito della collaborazione con Sean Bean:

Siamo orgogliosi della nostra collaborazione con il talentuoso Sean Bean per la realizzazione della prima missione Bersaglio Elusivo di HITMAN 2. I Bersagli elusivi si configurano ormai come un tratto distintivo dei giochi Hitman, e costituiscono uno dei cardini del costante flusso di contenuti gratis di cui possono godere i giocatori. Questa nuova missione con Sean Bean è uno dei tanti aggiornamenti, funzionalità, modalità e innovazioni che caratterizzano HITMAN 2 e che rendono il nuovo capitolo di questo mondo in costante espansione un gioco appetibile sia per la nostra community di fan che per i nuovi giocatori.

 

L’articolo Hitman 2, l’attore Sean Bean presterà la propria voce proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hitman 2, l’attore Sean Bean presterà la propria voce

Rinviata l’uscita di Wreckfest su Xbox e PS4

L’esordio di Wreckfest su console è stato posticipato. Il titolo di THQ Nordic e Bugbear Entertainment, già disponibile su Pc dallo scorso giugno (qui la nostra recensione), è stato rinviato dal 20 novembre al 2019 senza ulteriori dettagli sulla data.

Roger Joswig, produttore senior di THQ Nordic, giustificando il ritardo, ha spiegato:

Wreckfest per console sarà rilasciato appena ci piacerà giocarci. Dopo la fantastica versione su Pc, il punto di riferimento per l’uscita della console è molto più alto. In questo momento, il team ha bisogno di più tempo per rifinire parte multiplayer, così come le prestazioni complessive del gioco per portarlo alla pari con l’esperienza su Pc. Siamo spiacenti di tenere i fan in attesa più a lungo a causa di ciò. Tuttavia, abbiamo già un risarcimento sotto forma di ulteriori veicoli, tra cui uno speciale veicolo pazzo, nei lavori per console.

Per adesso, dunque, non ci resta altro che aspettare una data esatta.

Giuseppe Stecchi

L’articolo Rinviata l’uscita di Wreckfest su Xbox e PS4 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Rinviata l’uscita di Wreckfest su Xbox e PS4

Grim Dawn, in dettaglio le nuove costellazioni maggiori

Continuano gli aggiornamenti sullo sviluppo di Forgotten Gods, seconda espansione maggiore di Grim Dawn sulla quale è attualmente al lavoro Crate Entertainment. Stavolta al centro del nuovo diario di sviluppo vi sono le costellazioni inedite che saranno introdotte dal dlc.



Già in precedenza avevamo segnalato la presenza di numerose costellazioni minori inedite, ma stavolta i riflettori sono puntati sugli astri più grandi e luminosi. Eccoli qui di seguito:

  • Yugol, la notte insaziabile: concede al giocatore il potere del Sangue Nero di Yugol, una sostanza nera rilasciata quando il giocatore subisce danno, che cerca e attacca i nemici.

  • Azrakaa, le sabbie eterne: concede al giocatore la capacità di lanciare ondate di sabbia letale contro i nemici che poi ritornano al mittente.

  • Korvaak, il sole mistico: concede l’uso di un occhio pietrificante, che crea un anello di occhi dalla posizione del giocatore.

L’articolo Grim Dawn, in dettaglio le nuove costellazioni maggiori proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Grim Dawn, in dettaglio le nuove costellazioni maggiori

Hand of Fate 2 si arricchisce di nuovi contenuti

Hand of Fate 2, l’eccellente gioco di ruolo di Defiant Development si arricchisce con il nuovo aggiornamento Combat Reforged e con il dlc The Servant and the Beast.

Entrambi i contenuti disponibili già da ora su Pc, PS4 e Xbox One, arriveranno presto anche su Switch.

Con Servant and the Beast, ritorneremo al tavolo del Dealer ancora una volta. Saremo affiancati da un nuovo personaggio Veles the Shadow Beast. Quest’ultimo, con i suoi poteri oscuri e terribili, ci aiuterà ad abbattere i nemici in combattimento. Ovviamente affronteremo nuove quest vendicative caratterizzate da nuovi incontri e da attrezzature da sbloccare.

Ecco il trailer. Buona visione.

Morgan Jaffit, director di Defiant Development, ha detto:

The Servant and the Beast è un nuovo capitolo della storia di Hand of Fate 2. Quando i giocatori torneranno per incontrare Veles e per intraprendere un’avventura completamente nuova, troveranno il nostro più ambizioso ed espansivo dlc fino ad oggi.

Arriva insieme il nuovo aggiornamento gratuito Combat Reforged che rivoluziona lo svolgimento delle battaglie in Hand of Fate 2 grazie a diverse meccaniche di combattimento avanzate. Riequilibrati anche i nemici e le attrezzature. Il Combat Reforged contiene altri miglioramenti che rendono questo il momento migliore per giocarlo sia per chi lo gioca per la prima volta sia per chi lo ha già giocato.

Il precedente dlc, Outlands and Outsiders, pubblicato ad inizio anno su Pc, è ora disponibile anche su PlayStation 4 e Xbox One. Questo presenta una nuova storia su come alterare il passato, un nuovo compagno folletto con una serie di quest uniche e altre carte da acquisire.

The Servant and the Beast ed Outlands and Outsiders sono in vendita 5,99 euro ciascuno su PlayStation Store, Microsoft Store, Steam e GOG.com. Il primo attualmente è disponibile anche con uno sconto introduttivo del 10% su Steam. Sempre sulla piattaforma di Valve, il gioco base è anche momentaneamente, offerto con il 25% di sconto sul prezzo base durante lo stesso periodo.

Giuseppe Stecchi





L’articolo Hand of Fate 2 si arricchisce di nuovi contenuti proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hand of Fate 2 si arricchisce di nuovi contenuti

Call of Duty: Black Ops IV, Recensione

Call of Duty è una di quelle serie ludiche destinate sempre e comunque a far discutere e a dividere l’opinione pubblica: di fatto, ogni gioco di questa saga o lo si ama, o lo si odia, quasi mai senza vie di mezzo. La conferma la si è avuta anche quest’anno, con l’uscita sul mercato di Black Ops IV, l’ultimo capitolo della serie, il primo nel quale manca totalmente una campagna single player.

Una scelta che, appunto, ha fatto molto discutere i fan, divisi tra quelli che amavano la modalità e coloro che invece la giocavano solo come contorno, prima di tuffarsi “anima e core” nelle varie modalità multigiocatore. Proprio verso questi ultimi Treyarch e Activision, evidentemente attenti al mercato e alle mode, hanno deciso di indirizzare la loro ultima fatica, che come scritto prima elimina la campagna in favore di un’offerta multiplayer più ricca che mai, all’interno della quale è disponibile pure un’interessante modalità Battle Royale.

Ecco quindi la nostra recensione Di Call of Duty: Black Ops IV su PS4. Buona lettura.

LO SPECIALISTA

Call of Duty: Black Ops IV “parte” proponendo una serie di tutorial narrativi legati al passato dei dieci specialisti del gioco.

Già visti in numero minore e caratteristiche differenti in Call of Duty: Black Ops III, questa categoria di personaggi come vedremo meglio più avanti aggiunge ulteriore pepe al sistema di combattimento del gioco.

Ad ogni modo, sono disponibili in una modalità offline chiamata Quartier Generale Specialisti, dove ciascuno di loro viene impegnato in una breve sezione d’addestramento. Questo è seguito da un filmato introduttivo e da un vero e proprio combattimento contro dei bot. La sezione è utile per prendere confidenza col gioco e con le sue meccaniche prima di tuffarsi a capofitto nelle partite online, anche se in linea di massima il feeling con i comandi per chi ha giocato ai vecchi Call of Duty rimane intatto. Molti dei contenuti disponibili in questa area, infatti, replicano a grandi linee quelli del multiplayer: ritmo incalzante, tanta varietà e le giuste trovate create ad hoc per ravvivare situazioni usuali.

Ma questo è solo un assaggio. Call of Duty: Black Ops 4 offre infatti tre diverse modalità principali di gioco: Multiplayer, Zombi e Blackout. Cuore pulsante della produzione è il comparto multigiocatore, che propone otto modalità e un sistema di gioco estremamente “semplice”, ma al contempo ricco di possibilità e combinazioni.

Eliminati super-salti, jetpack e camminate sui muri si ritorna al combattimento classico, quello duro e “piedi a terra” dei capitoli passati. I combattimenti si svolgono sulla falsariga dei precedenti capitoli della saga, anche se gli sviluppatori si sono impegnati per rendere gli ambienti più ricchi in termini di verticalità e ancora più variegati gli scontri.

In tal senso un ruolo importante lo recitano i sopracitati Specialisti, soldati dotati di un’abilità e una mossa speciale a tempo specifici, più un gadget personale. Tale qualità è però legata al sistema “Pick 10”, la possibilità cioè di scegliere dieci tra perk, potenziamenti e modificatori ed equipaggiarli per definire una Classe. Armi, ottiche, granate e addirittura le “Killstreak” possono essere tutte equipaggiate in modo libero, a patto di avere i relativi punti necessari per il loro sblocco.
Ebbene, fino a quando l’equipaggiamento speciale che caratterizza l’abilità dello Specialista è equipaggiato, la sua adozione è gratuita, ma nel momento in cui si decide di sostituirlo con un accessorio “normale”, viene consumato uno dei dieci punti a disposizione per creare una classe.

Sul campo, la presenza degli Specialisti aggiunge maggiore strategia all’impianto costruito da Treyarch, come accennato prima, soprattutto nel gioco di squadra, visto che alcuni “poteri” sono molto utili in qualsiasi circostanza, altri solo in alcune modalità e il giocatore è spinto quindi a trovare, a seconda degli scenari, la giusta combinazione di elementi nel gruppo per superare al meglio ciascuna sfida. Proprio per adeguarle alla loro presenza, il team di sviluppo ha lavorato molto sulle mappe. In Black Ops IV ce ne sono quattordici, in un pacchetto adatto per tutti gli stili e le modalità di gioco.

Ci sono scenari ideali per imboscate, e più in generale per frenetiche partite di Deathmatch, altre piene di punti di accesso, defilamenti e zone “calde” da dove godere di un buon punto di cecchinaggio o da affrontare correndo impazziti tra strette viuzze. Altri campi da gioco sono progettati su più livelli, e dotati di una spiccata verticalità capace di garantire un approccio per tutte le tipologie di giocatori. Altre novità in ambito gameplay sono la nebbia di guerra, un effetto che oscura porzioni della mappa sul piccolo radar di riferimento, mostrando solo zone circoscritte intorno ai giocatori costretti a quel punto a sfruttare la comunicazione di squadra e il piazzamento degli uomini, un miglior rinculo dell’arma e l’eliminazione della rigenerazione automatica della salute, sostituita da un sistema di recupero vita manuale delegata a un’abilità.

MODALITÀ ZOMBI

Anche la modalità Zombi mantiene una struttura simile a quella delle passate edizioni, ma viene proposta in ben tre modalità e con qualche piccola ma interessante novità, a cominciare dalla presenza della modalità Rush, che offre un’alternativa arcade alle meccaniche principali, incentrando tutto sul punteggio, sulla velocità d’azione e su quel pizzico di competizione nel rubare potenziamenti e moltiplicatori ai compagni per vincere.

Quella classica, invece, rimane la stessa, con una sorta di avventura condita da dialoghi piuttosto fuori di testa dove i personaggi lottano per sopravvivere e progredire, attivando trappole improvvisate o utilizzando postazioni fisse per eliminare i morti viventi e accumulare quindi punti, coi quali ottenere nuovi accessori, elisir e talismani. Ogni personaggio è dotato di un ruolo e di tratti offensivi e difensivi specifici che coinvolgono tutto il team, per cui si agisce insieme nel più classico gioco di squadra.

Dulcis in fundo, attraverso le opzioni si può intervenire sul livello di difficoltà e su alcuni modificatori che vanno a incidere sull’esperienza, personalizzandola al massimo. Il tutto è tenuto insieme da una trama come sempre un po’ fuori di testa: Scarlett Rhodes sta indagando sulla misteriosa scomparsa del suo eccentrico padre, e con l’aiuto di tre fedeli reietti dovrà viaggiare nel tempo per affrontare ondate di non morti e scoprire una preziosa reliquia dotata di uno straordinario potere capace di minacciare tutta l’umanità.

Questa sessione di gioco funziona e diverte, soprattutto in co-op, e a noi è piaciuta particolarmente la modalità zombi intitolata “Viaggio disperato”. Per la cronaca, una quarta mappa chiamata Classified è disponibile come bonus all’interno del Season Pass del gioco: si tratta del remake dell’originale Five di Call of Duty: Black Ops ambientata al Pentagono.

LA BATTLE ROYALE

Blackout è invece la modalità battle royale del gioco, e riunisce personaggi, ambientazioni, armi ed equipaggiamenti di tutta la serie, all’interno della più grande mappa mai realizzata in Call of Duty. Essa è in grado di ospitare fino a un centinaio di giocatori: come ambientazioni gli sviluppatori si sono ispirati ai luoghi iconici dei precedenti capitoli come Nuketown, Firing Range e Raid, mentre in termini strutturali, a prodotti come Playerunknown’s Battlegrounds, personalizzando il tutto con lo stile di CoD per realizzare una modalità divertente e immediata, ma al contempo capace di regalare soddisfazioni agli utenti più abili e preparati a livello di tattica, strategia e scambio di colpi.

Si può giocare in singolo, con un amico (coppie) o con un’intera squadra (quartetti) poi, una volta lanciatisi da un aereo con una tuta alare e scelto il luogo ideale della mappa dove atterrare, iniziare il combattimento.
Non prima ovviamente di essersi procurati armi ed equipaggiamento negli edifici incrociati.

La modalità funziona piuttosto bene, offre diversi spunti per partite divertenti e imprevedibili (ci sono delle missioni alternative che si attivano a partita in corso, utili magari per sbloccare altri personaggi o ottenere particolari bottini), ma manca ancora di qualcosina a livello di contenuti per essere davvero completa. E qui subentra l’unica perplessità al riguardo del gioco in generale: data la sua natura puramente online, quanto durerà il supporto? E questi sarà quasi esclusivamente a pagamento, pesando ulteriormente sulle tasche dei giocatori, o i contenuti saranno in buona parte a titolo gratuito?

Ad ogni modo, controlli alla mano le sparatorie risultano piacevoli grazie anche a un arsenale che propone le tantissime armi della saga. La loro distribuzione casuale sulla mappa è abbastanza oculata, così come quella di kit medici, armature, power-up, munizioni e accessori. Sono tutti elementi che al momento giusto possono spesso fare la differenza in battaglia.
Come del resto gli zombi, presenti in alcune aree, variabile impazzita pronta a divorare chiunque osi avventurarsi dalle loro parti. Ma non possiamo chiudere questa nostra recensione senza gettare prima uno sguardo  all’aspetto tecnico del prodotto.

Da questo punto di vista il gioco è caratterizzato da una grafica pulita e da una buona fluidità generale a 60Fps, con solo qualche lieve calo di frame rate in Blackout. Ma questo va a discapito di un abbassamento tangibile del dettaglio e della pulizia, con texture non sempre all’altezza e aliasing spalmato a schermo che gravano molto sulla qualità totale delle immagini. Per non parlare dei modelli dei protagonisti non di altissimo livello, così come le loro animazioni che risultano un tantino legnosette a vedersi.

Eppure nonostante tutto ciò,  Call of Duty: Black Ops IV resta abbastanza valido dal punto di vista estetico generale. Questo grazie al buon utilizzo degli effetti di luce e di quelli particellari. Al pari della colonna sonora, delle voci e degli effetti audio, decisamente buoni seppur nella media.

COMMENTO FINALE

Call of Duty: Black Ops IV si conferma sui livelli di eccellenza del passato per il multiplayer grazie a un comparto come al solito ricco di contenuti, ben ingegnato e molto divertente.

Eliminata la campagna per singolo giocatore, il team di sviluppo ha incrementato l’offerta online con una mole più che abbondante di modalità multigiocatore.
La giocabilità, poi, è quella classica della serie, con in più qualche aggiunta che non stravolge l’impianto strutturale di certe meccaniche, ma dona comunque una maggiore profondità tattica e strategica alle sfide, complice la figura dei cosiddetti specialisti, senza per questo mettere da parte l’azione personale. In più ci sono gli zombi con tre modalità molto divertenti e impegnative e una inedita Battle Royale ben concepita, seppur bisognosa ancora di qualche intervento per limarne alcune piccole imperfezioni.

Gli unici dubbi riguardano invece il costo a nostro modo eccessivo del prodotto, considerandone la natura. Ed il timore che il supporto da parte di Activision non sia poi costante e lungo come promesso, e necessiti di ulteriori spese da parte dell’utenza.

L’articolo Call of Duty: Black Ops IV, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Call of Duty: Black Ops IV, Recensione

Red Dead Redemption 2, ecco le armi

Continuano ad arrivare dettagli sui contenuti di Red Dead Redemption 2. Il western firmato Rockstar Games arriverà tra meno di due settimane, il 26 ottobre, su PS4 ed Xbox One.

Lo sviluppatore ha parlato dal proprio sito ufficiale dell’arsenale che il colossal metterà a disposizione dei giocatori. Ci saranno oltre 50 armi uniche da utilizzare ma anche tantissime possibilità di personalizzazione ed un’ampia gamma di munizioni diverse che ne migliorano le prestazioni in termini di precisione, gittata e danni.

Nondimeno, più si utilizzerà un’arma, più questa sarà efficace ma a patto che ci sia la giusta manutenzione: diversamente comincerà ad usurarsi. Una buona arma va tenuta pulita e ben oliata.

SCELTA DELLE ARMI E PERSONALIZZAZIONE

Grazie alle sconfinate possibilità di personalizzazione, sarà possibile costruire un’arma unica che si adatti perfettamente alle proprie caratteristiche. Sarà possibile modificare l’aspetto dell’arma cambiando metallo, legno, smalti e incisioni. Inoltre si potrà migliorarne le prestazioni grazie a nuovi tamburi, impugnature e mirini. Le prestazioni di ogni arma si differenziano per danni, gittata, cadenza di fuoco, precisione e velocità di ricarica. È quindi molto importante scegliere con attenzione in base alla situazione.

L’elevata cadenza di fuoco di un revolver a doppia azione è molto indicata per sparare in movimento mentre si cavalca. Se si ha una mano impegnata perché l’altra è impegnata a tenere una lanterna o a trasportare un piccolo animale, conviene utilizzare un fucile a canne mozze lisce, più efficace a distanza ravvicinata rispetto ad altre armi a una mano. Il fucile Varmint a canna rigata è perfetto per andare a caccia di piccoli animali, perché causa meno danni alle pelli e alla carne rispetto ad armi di calibro maggiore.

Quando ci si trova davanti a uno o due nemici si può optare per un fucile Springfield a canna rigata, che ha una cadenza di fuoco minore, ma infligge molti più danni. Un fucile di precisione è ovviamente una buona scelta, se il bersaglio è distante, ma i mirini possono essere adattati anche a tutti gli altri tipi di fucile, permettendoti di passare dalla visuale normale a quella con mirino in ogni momento.



Per ogni componente potrai scegliere sia il metallo che le incisioni. Si potranno selezionare diversi colori e incisioni per la guardia del grilletto, il tamburo, la cassa e altro ancora. Si potrò anche scegliere diversi intarsi per le incisioni su ogni parte.

Per avere ancora più potenza di fuoco, si possono acquistare o creare diversi tipi di munizioni come quelle a espansione, quelle veloci o quelle esplosive.

La sella del cavallo conterrà tutte le vostre armi. Assicuratevi di portare con voi le armi giuste quando vi allontanete dal cavallo.

Nelle fondine potrai portare le pistole a una mano, i revolver e anche il fucile a canne mozze lisce a una mano. Le fondine migliorate e rinforzate proteggono le armi dall’usura, mentre le fondine mancine consentono l’ambidestria.

DEAD EYE

Il Dead Eye è un’arma potente già di suo, perché permette di rallentare il tempo durante un combattimento, in modo da colpire con più precisione i nemici.

Il nuovo Dead Eye diventa più sofisticato nel corso del gioco. Permette di selezionare automaticamente i nemici ma anche di colpire manualmente più bersagli, di sparare a volontà al rallentatore e addirittura di individuare i punti deboli dei nemici per risultare ancora più letale. Questo sistema si evolverà con il personaggio durante il gioco e farà spesso la differenza tra la vita e la morte.



  • Conservare il Dead Eye per scontri a fuoco con molti nemici può essere una strategia fondamentale per portarti alla vittoria.
  • Marchiate i bersagli mentre li puntate e scaricategli addosso una raffica di proiettili.
  • Con l’evoluzione del Dead Eye durante il gioco potrete vedere i punti deboli dei vostri nemici come il cuore, il cervello e i polmoni.
  • Il Dead Eye si esaurisce con l’utilizzo. Potete riempirlo rapidamente durante un combattimento utilizzando le provviste o i tonici.

L’articolo Red Dead Redemption 2, ecco le armi proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Red Dead Redemption 2, ecco le armi

11-11: Memories Retold, Bandai Namco in partnership con War Child

Bandai Namco Entertainment Europe annuncia una partnership con War Child UK che si concretizza con un dlc per beneficenza dedicato a 11-11: Memories Retold.

Attraverso una serie di lettere, disegni e fotografie commoventi trovate nel corso dell’avventura ambientata durante la Prima Guerra Mondiale, i contenuti del dlc di beneficenza War Child raccontano la storia di Jack ed Eva, due innocenti bambini trascinati nei drammatici eventi della Grande guerra. Le lettere sono ispirate direttamente alle vere storie dei bambini supportati da War Child.

Ecco il trailer che parla di questo accordo presentato da Elija Wood che darà la voce ad uno dei protagonisti del gioco.

Il publisher donerà i guadagni ottenuti dal dlc a War Child UK. Il contenuto scaricabile sarà disponibile in tutto il mondo in occasione del lancio del gioco, previsto per il 9 novembre su Pc, PS4 ed Xbox One un giorno dopo l’esordio del gioco.

Wayne Emanuel, gaming partnerships manager di War Child UK, ha dichiarato:

È stato davvero emozionante lavorare con Bandai Namco Entertainment Europe, Digixart e Aardman sul dlc War Child e non vediamo l’ora che i giocatori possano provare 11:11 Memories Retold, ma anche scoprire la storia di Jack ed Eva attraverso i collezionabili di gioco aggiuntivi. È un altro fantastico risultato per la nostra campagna Armistice, con le voci dei bambini coinvolti nei nostri progetti inserite direttamente nel gioco, e ci consentirà di continuare a fare la differenza nel nostro lavoro.

L’articolo 11-11: Memories Retold, Bandai Namco in partnership con War Child proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di 11-11: Memories Retold, Bandai Namco in partnership con War Child

Jump Force, arrivano Pegasus Seiya e Dragon Shiryu

Due personaggi de I Cavalieri dello Zodiaco (Saint Seiya), Pegasus Seiya e Dragon Shiryu, entrano nel cast di Jump Force. Lo rende noto Bandai Namco con questo trailer.

Oggi è stato anche svelato lo stage di Mayan City, in cui i personaggi del gioco si daranno sfida tra le antiche rovine della civiltà centro-americana.

Ecco il trailer dedicato a queste novità ricordando che Jump Force sarà disponibile a febbraio 2019 per Pc, PS4 ed Xbox One.

 

L’articolo Jump Force, arrivano Pegasus Seiya e Dragon Shiryu proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Jump Force, arrivano Pegasus Seiya e Dragon Shiryu