Archivi categoria: PC

Star Citizen supera i 200 milioni e si potrà provare

Il colossale Star Citizen potrà essere provato gratuitamente per una settimana. Dal 23 al 30 novembre prossimi, gli appassionati potranno saggiare il simulatore spaziale che ha appena raggiunto e superato i 200 milioni di finanziamenti. Un risultato ottenuto grazie agli oltre 2 milioni di utenti che foraggiano il progetto. La campagna è partita 6 anni fa, ad ottobre 2012 e continua sul sito ufficiale del gioco.

Dal prossimo weekend, dunque, e fino a fine novembre, ci sarà l’evento promozionale Free Fly che permetterà anche di accedere a numerose navi diverse ogni giorno. Ci sarà, difatti, una rotazione quotidiana delle navette da utilizzare.

L’evento festeggia la pubblicazione di Hurston, il primo pianeta interamente esplorabile nell’universo di gioco, nonché l’anniversario dell’inizio del progetto di Cloud Imperium Games.

I lavori continuano ed ancora non si ha la minima idea di quando il titolo raggiungerà l’agognata versione 1.0. Inoltre, Squadron 42, il segmento singleplayer di Star Citizen, non ha ancora una data precisa.

Più dettagli sul programma potrete trovarli a questo indirizzo, sul sito ufficiale del gioco. Ad esempio, le navi Anvil potranno essere provate dal 23 novembre ed ogni altro giorno sarà dedicato a produttori differenti: Roberts Space Industries, Origin Jumpworks, Aegis Dynamics, Drake Interplanetary, Alien Manufacturers, Musashi Industrial e mentre per l’ultimo giorno ci saranno Kruger/Argo/Tumbril/Consolidated Outland.

 

L’articolo Star Citizen supera i 200 milioni e si potrà provare proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Star Citizen supera i 200 milioni e si potrà provare

One Piece World Seeker, tanti dettagli

Video, immagini e tanti dettagli inediti per One Piece World Seeker che arriverà sul mercato il prossimo 15 marzo su Pc, PS4 ed Xbox One.

Bandai Namco ha svelato tante novità sul gioco. Oltre a poter attraversare lo sconfinato mondo usando le capacità acrobatiche del frutto Gom Gom di Rufy, sono state presentate le sue due principali modalità di azione (Haki).

La prima, la Arm Haki, basata sulla pura potenza, consente a Rufy di sfoderare una forza schiacciante contro i suoi avversari. Mentre la seconda, la più particolare Observation Haki, consente a Rufy di rallentare il tempo e migliorare le sue abilità furtive con attacchi silenziosi e la capacità di vedere attraverso le pareti.

Il video di gioco offre un’anteprima dello Schema delle abilità e delle meccaniche di Creazione/Cucina. Completando le missioni e progredendo nel gioco, Rufy otterrà punti abilità che consentiranno ai giocatori di potenziare i suoi poteri e capacità tramite lo Schema delle abilità per adattarsi meglio al proprio stile di gioco.

È possibile accedere alla creazione tramite Usopp o Franky, due membri della ciurma dei Pirati di Cappello di Paglia di Rufy, che potranno usare gli oggetti trovati da Rufy nel mondo per creare nuovi oggetti ed equipaggiamenti, mentre Sanji potrà cucinare il contenuto dei Portapranzo per gli altri membri, consentendo loro di esplorare le isole e ottenere altri oggetti per i giocatori.

Infine, è stata svelata per la prima volta la potente modalità Gear Fourth di Rufy, che darà accesso a nuove e potenti abilità, ma solo per un breve periodo di tempo.

IMMAGINI






























SVELATA LA COLLECTOR’S EDITION

Inoltre, sempre oggi è stata svelata la Collector’s Edition del gioco, la Pirate King Edition. Oltre a una copia del titolo, questa versione includerà un’esclusiva statuina di Rufy alta 21 cm, una replica del frutto del diavolo Gom Gom, un CD con la colonna sonora originale del gioco composta da Kohei Tanaka, e il Season Pass.

BOUNS PRENOTAZIONI

Prenotando One Piece World Seeker sarà possibile anche accedere a una missione esclusiva che svela i segreti delle rocce misteriose a forma di mostro dell’isola, oltre a due costumi unici, la divisa militare e il costume da bagno di Rufy. Gli utenti PlayStation 4 riceveranno anche un ulteriore contenuto, il tema dinamico dedicato al gioco.

L’articolo One Piece World Seeker, tanti dettagli proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di One Piece World Seeker, tanti dettagli

Underworld Ascendant irrompe su Steam

Underworld Ascendandt irrompe oggi su Steam. Il titolo sviluppato da OtherSide Entertainment è diffuso dal publisher 505 Games ed è disponibile per gli utenti Pc.

Il gioco di ruolo è stato finanziato dalla community grazie ad una grossa campagna Kickstarter che nel 2015 ha permesso agli autori di raccogliere oltre 860.000 dollari centrando l’obiettivo minimo in anticipo. Questo grazie a quasi 14.000 appassionati che hanno offerto il loro contributo.

 

Il titolo offre uno stile dungeon action gdr realizzato dal team indie fondato dal game designer Paul Neurath (Ultima Underworld, Thief) e Warren Spector (System Shock 3, Deus Ex, Epic Mickey), due autorità del genere ruolistico.

I videogiocatori che acquisteranno Underworld Ascendant entro il 21 novembre otterranno in regalo tre contenuti bonus che saranno che potranno essere di grande aiuto nel viaggio attraverso lo Stygian Abyss:

  • Vorpa: una creatura companion, dall’aspetto apparentemente innocuo, che si lancerà all’attacco di tutti i nemici, con un livello molto basso di vita, che si trovano nelle vicinanze
  • Mana Leech: Una creatura companion che assorbe il Mana e lo rifornisce al giocatore quando le sue riserve sono basse
  • Mappa dello Stygian Abyss: Una mappa digitale del leggendario Stygian Abyss che aiuterà i giocatori nell’esplorazione

Scritto e diretto da Joe Fielder (Bioshock Infinite), Underworld Ascendant immergerà i giocatori nella tipica atmosfera fantasy dei primi giochi di ruolo. Come “Ascendant” si sarà convocati nello Stygian Abyss dal misterioso Cabirus per fermare il malvagio Typhon. Per sconfiggerlo sarà necessario superare sfide, scoprire segreti e guadagnarsi i favori di diverse fazioni ottenendo in cambio forza e conoscenza.

Lo Stygian Abyss è un luogo straordinariamente ricco di pericoli e di intrighi, ai giocatori – che saranno i veri e propri autori della loro esperienza – verranno forniti una serie di strumenti da sperimentare per creare soluzioni ingegnose nelle varie missioni che si troveranno a intraprendere.
La storia e il mondo reagiranno dinamicamente alle scelte dei giocatori premiando la creatività. Sarà possibile sfruttare dozzine di diverse abilità combinando skill di combattimento, stealth e magia. Queste, a detta degli sviluppatori, permetteranno di sviluppare uno stile di gioco unico.

L’articolo Underworld Ascendant irrompe su Steam proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Underworld Ascendant irrompe su Steam

The Settlers History Collection debutta oggi

Chi ama The Settlers sarà contento. The Settlers History Collections fa il suo debutto oggi su Windows attraverso uPlay. Lo ha reso noto Ubisoft che alla Gamescom 2018 aveva annunciato la compilation.

Questa collezione include tutti i sette titoli principali della celebre saga di strategia e costruzione, insieme alle rispettive espansioni. Inoltre, ogni capitolo ha ricevuto una serie di aggiornamenti per funzionare con Windows 10 e vari miglioramenti rispetto alle versioni originali.

Sviluppati da Blue Byte e creati da Volker Wertich, i titoli hanno conquistato milioni di giocatori in tutto il mondo, grazie a quella tipica e avvincente esperienza che da sempre definisce la saga. Infatti, ogni gioco richiede di fondare e sviluppare una città medievale creando catene produttive per produrre merci, ma anche esplorando e conquistando nuovi territori.

Ecco il trailer di lancio. A seguire i dettagli sui giochi presenti in questa raccolta.

I CONTENUTI

Tutti i titoli includono dlc, espansioni e, ovviamente, il supporto a Windows 10.

  • The Settlers (1993) History Edition – Torniamo indietro di 25 anni e riviviamo il fascino di questa classica avventura. Questa edizione include il gioco base con alcuni miglioramenti, tra cui diverse opzioni per impostare la velocità di gioco e comandi RTS tradizionali.




  • The Settlers II: Veni, Vidi, Vici (1996) History Edition – Come leader dei Romani, il loro destino è nelle vostre mani. Questa edizione include il gioco base e The Settlers II Mission CD.  Troviamo anche una funzione di salvataggio automatico, il supporto per il 4K e per controller, mouse e tastiera nella modalità schermo condiviso.




  • The Settlers III (1998) History Edition – Una simulazione strategica in cui alcuni operosi coloni devono costruire edifici, produrre merci e conquistare nuovi territori. L’edizione include The Settlers III, The Settlers III Mission CD e il pacchetto di espansione Quest of the Amazons.
    Presenti, una funzione di salvataggio automatico, il supporto per il 4K e il doppio monitor, oltre al multiplayer online tramite Uplay.




  • The Settlers IV (2001) History Edition – Scegliete una delle quattro fazioni giocabili: Romani, Vichinghi, Maya e Troiani, per affrontare la minaccia della Tribù Oscura. Questa edizione include The Settlers IV, The Settlers IV Mission CD e l’add-on The Settlers IV – I Troiani e l’elisir del potere. Tra i miglioramenti si segnalano, una funzione di salvataggio automatico, il supporto per il 4K e il doppio monitor, oltre al multiplayer online tramite Uplay.




  • The Settlers: Heritage of Kings (2005) History Edition – Immergetevi in avvincenti partite di costruzioni e combattimenti in tempo reale, mentre molteplici scenari attendono solo di essere esplorati e colonizzati. Questa edizione include il gioco principale più entrambe le espansioni. Presente il multiplayer online tramite Uplay.




  • The Settlers: Rise of an Empire (2007) History Edition – Costruite fiorenti città in un mondo medievale. Aumentate le ricchezze del tuo impero e passa alla storia come un re leggendario. Include il gioco principale e l’espansione The Eastern Realm.




  • The Settlers 7: Paths to a Kingdom (2010) History Edition – Provate il nuovo mondo di The Settlers, che torna in vita fra foreste e prati rigogliosi. Che siate un colto scienziato, un mercante astuto o un generale coraggioso, dovrete creare un regno davvero prospero con potere e prestigio. Questa edizione include il gioco principale e tutti i dlc disponibili. Segnaliamo l’eliminazione dell’online always.




L’articolo The Settlers History Collection debutta oggi proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di The Settlers History Collection debutta oggi

Da domani il free weekend di Rainbow Six Siege

Tom Clancy’s Rainbow Six Siege sarà disponibile gratuitamente dal 15 al 18 novembre. Gli interessati possono unirsi ai più di 40 milioni di giocatori della community di Rainbow Six Siege su tutte le console e Pc Windows, e saranno in grado di provare il gioco gratuitamente, accedendo a tutte le mappe, le modalità e i 20 Operatori originali.

Chi proverà il gioco durante il weekend gratuito potrà mantenere i loro progressi e continuare a giocare senza interruzioni se decideranno di acquistarlo. Tra il 15 novembre e il 30 novembre, beneficeranno inoltre di uno sconto fino al 70% sulle versioni Starter, Standard, Advanced, Gold e Complete, a seconda della piattaforma.

Per tutti i dettagli sulle date del free weekend e sugli sconti visitate http://rainbow6.com/freeweekend.

L’imminente operazione Wind Bastion è ambientata in Marocco e comprende 2 nuovi Operatori, un Difensore e un Attaccante, e una nuova mappa, una base di addestramento militare situata sulle montagne dell’Atlante. Tutti i dettagli sui contenuti della Stagione 4 dell’Anno 3 di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege verranno rivelati il 18 novembre durante le finali della Pro League a Rio de Janeiro, in Brasile.

L’articolo Da domani il free weekend di Rainbow Six Siege proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Da domani il free weekend di Rainbow Six Siege

Left Alive, un trailer per la storia

Left Alive si mostra in un nuovo trailer dove la storia, anzi, le storie dei personaggi, sono protagoniste. Square Enix ci fa approfondire su alcuni dettagli crudi ed oscuri.

Il celebre illustratore Yoji Shinkawa di Kojima Productions (già autore della serie Metal Gear) ha disegnato tutti i personaggi principali, dal giovane staff sergeant Mikhail dell’esercito di Ruthenia, al sicuro Capitano Olga della Polizia metropolitana di Novo Slava, fino all’ex-membro del fronte di liberazione di Ruslan, Leonid, accusato di omicidio e condannato a morte.

Il titolo include vari stili di gioco frenetici a Novo Slava, una città devastata dalla guerra, con combattimenti mozzafiato, manovre tattiche e molto altro.

Ecco il nuovo trailer dei personaggi di Left Alive  intitolato “I sopravvissuti”. Buona visione.

Il gioco sarà disponibile per PlayStation 4 e Steam  dal 5 marzo 2019. I collezionisti più sfegatati potranno acquistare la Mech Edition, disponibile in quantità limitate, di cui è già possibile effettuare il pre-order in esclusiva su SQUARE ENIX Store. Oltre ad una box da collezione, la Mech Edition include una action figure del VOLK creata da Takayuki Yanase, un artbook con copertina rigida di 80 pagine e una confezione Steelbook esclusiva.












L’articolo Left Alive, un trailer per la storia proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Left Alive, un trailer per la storia

Blazing Chrome in arrivo nel 2019

The Arcade Crew e Joymasher, rispettivamente editore e sviluppatore, hanno rivelato oggi che il run and gunner Blazing Chrome, arriverà su Pc, PS4 e Switch ad inizio 2019.

Grazie a Blazing Chrome i giocatori potranno fare un un viaggio a ritroso nel tempo e tornare all’epoca d’oro degli sparatutto a scorrimento laterale. Ovviamente con alcuni ritocchi che garantiranno un gameplay tanto preciso quanto autentico. Gli appassionati possono attraversare sei stage altamente variegati e numerosi boss come Mavra, un solitario combattente della resistenza umana o il ribelle robot Doyle.

L’annuncio del gioco è stato accompagnato da un nuovo video che ha mostrato uno scorcio dell’ambiente devastato in attesa che i fan, desiderosi di combattere, portino un futuro più luminoso e non più dominato dalle macchine. I giocatori avranno bisogno di tutta la loro concentrazione per attraversare zone di guerra, utilizzando potenziamenti vari e un arsenale di armi futuristiche per rimanere vivi sul campo di battaglia.

I fan potranno indossare una speciale t-shirt di Blazing Chrome, in vendita con il nuovo Travis Strikes again: No More Heroes, in uscita per Switch.

Ecco il nuovo trailer sulle ambientazioni. Buona visione.

Giuseppe Stecchi

L’articolo Blazing Chrome in arrivo nel 2019 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Blazing Chrome in arrivo nel 2019

Aces of the Luftwaffe, disponibile il dlc Nebelgeschwader

HandyGames ha annunciato ufficialmente la disponibilità del dlc Nebelgeschwader per Aces of the Luftwaffe su tutte le piattaforme, quindi PcXbox OnePlayStation 4Nintendo Switch. Il prezzo di listino si assesta sui 14,99 euro. Il nuovo trailer, che potete vedere in basso, presenta i contenuti di tale espansione.

Nebelgeschwader si presenta infatti, come già da noi anticipato in precedenza, davvero sostanzioso per quantità di contenuti. Parliamo infatti di 25 nuovi livellisei boss fightquattro piloti mai visti prima e una modalità cooperativa locale per 4 giocatori.

L’articolo Aces of the Luftwaffe, disponibile il dlc Nebelgeschwader proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Aces of the Luftwaffe, disponibile il dlc Nebelgeschwader

The Forge, il primo dlc Shadow of the Tomb Raider è disponibile

The Forge è il primo dlc di Shadow of the Tomb Raider ed è disponibile per Pc, PS4, Xbox One. La prima delle sette avventure per l’action adventure di Square Enix, Eidos Montréal e Crystal Dynamics è gratuita per i possessori del season pass ma può essere acquistata separatamente.

Vediamo il nuovo Making of. Buona visione.

In The Forge, Lara deve affrontare la Forgia, inondata di lava, degli dei caduti per scoprire i segreti di Kuwaq Yaku. Nel corso del suo viaggio, la nostra protagonista scoprirà tutto sull’antica eredità di un amico e dovrà superare un pericolo a lungo ritenuto perduto tra le fiamme. The Forge contiene una nuova tomba sfida giocabile in single player o in modalità cooperativa. I giocatori che completeranno la tomba sfida verranno ricompensati con l’abilità Granatiere, il completo Brocken e l’arma Umbrage 3-80.

Un’avventura completamente nuova, The Forge è la prima di sette avventure dlc mensili disponibili con il Season Pass che forniranno ai giocatori una vasta gamma di nuovi contenuti, tombe sfida, esperienze cooperative, armi, completi, modalità di gioco e nuove missioni secondarie di stampo narrativo.

Se possedete Shadow of the Tomb Raider e acquistate i contenuti aggiuntivi, potete invitare un amico che possiede il titolo ad unirsi alle vostre sessioni di gioco ed esplorare le tombe in modalità co-op. Il secondo dlc The Pillar, sarà disponibile questo dicembre.

Inoltre, due tombe del gioco principale, Court of Death e Gate of Xibalba potranno essere giocate in modalità Score Attack e Time Attack. Court of Death potrà essere affrontata in queste due modalità dal 13 novembre e Gate of Xibalba dal 27 novembre. Qui c’è la nostra recensione del gioco. 

L’articolo The Forge, il primo dlc Shadow of the Tomb Raider è disponibile proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di The Forge, il primo dlc Shadow of the Tomb Raider è disponibile

Soulcalibur VI, Recensione

Dopo sei anni di pausa, la serie Soulcalibur si rimette in marcia. Negli ultimi mesi si sono susseguiti gli annunci sui personaggi ed i dettagli, Soulcalibur VI ha fatto il suo esordio pochi giorni, lo scorso 18 ottobre, su Pc, PS4 ed Xbox One.

Bandai Namco punta sul sesto capitolo per rinvigorire una saga nata nel lontano 1996 che, nonostante sia rimasta famosa ed amata non sembra essere riuscita a fare completamente breccia sul grande pubblico. Per l’occasione, il team di sviluppo ed il publisher hanno puntato su alcune novità ed anche “contaminazioni”. Basti pensare alla presenza di Geralt di Rivia, protagonista della trilogia di The Witcher firmata da CD Projekt RED, che campeggia nel roster iniziale dei personaggi di Soulcalibur VI. Che Bandai Namco, publisher anche dell’amatissimo gdr, abbia messo lo zampino? Pare evidente.

Ben due, invece, le modalità storia e molto altro. Ma il nuovo capitolo della saga picchiaduro ad incontri all’arma bianca che verte sulle vicende della malefica spada Soul Edge sarà in grado di farsi amare e di far meglio del quinto capitolo? E soprattutto, permetterà alla serie di continuare a sopravvivere nonostante la concorrenza di titoli come Street Fighter, Mortal Kombat, Dragon Ball, Tekken e simili.

Ecco la nostra recensione della versione Pc. Buona lettura.

DUE MODALITA’ STORIA, TANTE STORIE, TANTI PERSONAGGI

Parliamo subito della storia di Soulcalibur VI che addirittura si dipana in due modalità diverse. La prima si intitola Libra of Soul o, in italiano, Bilancia dell’Anima, ed è decisamente la più lunga. Questa accresce notevolmente la longevità del gioco. Inoltre è quella che ci permette di utilizzare un personaggio da noi editato e di farlo evolvere anche grazie ad uno spruzzo di gdr.

Ne la Bilancia dell’Anima, quindi, dopo aver creato il nostro personaggio grazie all’ottimo editor che ci offre la possibilità di scegliere razza, tratti somatici, acconciatura, stile, armi e così via, andremo in giro per il mondo seguendo in filo conduttore principale. Durante l’avventura sarà possibile anche cambiare aspetto e stili di combattimento a seconda dell’arma che si impugna.

Sarà possibile scegliere alcuni bivi narrativi (una scusa per rigiocare ancora una volta questa modalità ed avere il quadro sempre più completo) andando avanti di location in location. E tramite queste scelte muteremo anche il nostro allineamento: blu o rosso.

Non finisce qui: possiamo decidere se esplorare le vicinanze dei vari punti sulla mappa spendendo soldi in cambio di ricompense corpose e/o oggetti utili come armi, cibo o materiali da incastonare alle armi per ottenere ulteriori bonus purché sia faccia ricorso ad un fabbro. Si possono anche reclutare mercenari e rivolgerci a dei mercanti per acquistare quel che ci serve oltre che sperare di raccoglierlo lungo la strada. La raccolta di soldi sarà fondamentale per viaggiare e svolgere missioni secondarie. Come sempre alcune di esse sono interessanti ed articolate, altre molto elementari.

La narrazione si interseca con i tanti combattimenti. Su quest’ultimo fronte ci sono diverse varianti. Nel corso del nostro peregrinare visiteremo tutte le arene (che ovviamente si alterneranno a seconda del contesto storico) ma le regole del combattimento potrebbero essere diverse. Ad esempio il ring-out, uno dei marchi di fabbrica di Soulcalibur, è attivo, o la superficie dello stage è scivolosa, o ancora i nemici recuperano energia e così via. Il tutto per dare un po’ di pepe.

Del resto, il nostro personaggio editore è un Malfestato, ovvero uno dei disgraziati contagiati dalla malignità della spada maledetta. Starà a noi decidere se combattere questa malvagità compiendo scelte adeguate o di fare azioni cattive ed essere condotti dalla cattiveria

Al termine di ogni combattimento avremo i nostri punti esperienza che faranno salire di livello il nostro alter-ego. Il tutto servirà per avere maggiore salute e soprattutto offrirci la possibilità di maneggiare armi più potenti. Questa modalità ci farà incontrare attraverso cinque lunghissimi capitoli tutti i personaggi principali che conosciamo. Nondimeno, ci preme ricordare come le variazioni sul tema e le sottotrame siano tantissime ed in grado di far accrescere la longevità a dismisura. Di contro, è possibile che possano essere ripetitive.

L’altra modalità “storia” si intitola Le Cronache dell’Anima. Protagonisti Kilik e Siegfried. Anche qui dialoghi e combattimenti si alternano ma qui non abbiamo scelte da fare e prenderemo il comando di personaggi della serie che si alterneranno verso i vari capitoli di questa modalità che ci fornirà tantissime informazioni e dettagli narrativi che andranno a completare quelli ottenuti ne La Bilancia dell’Anima. Un incastro fatto ad arte dagli scrittori di Bandai Namco.

Soulcalibur VI ci offre un background narrativo molto lungo, fatto di tantissimi dialoghi e di un certo peso. A nostro avviso molto ben fatto ed in grado di approfondire e far appassionare i giocatori al “lore” del gioco, anzi, della serie.

UN EDITOR IMPORTANTE

Un piccolo paragrafo della nostra recensione è giustamente dedicato all’editor dei personaggi che si attiva andando nel menu Creazione. Ne avevamo già parlato ma è giusto spendere due paroline. Si può forgiare il proprio personaggio come si desidera a partire dalla razza (ve ne sono presenti 16), tra cui amni, mummie, elfi, creature demoniache, uomini lucertola, scheletri e witcher ad esempio.

I giocatori saranno in grado di personalizzare i loro personaggi attraverso migliaia di diverse combinazioni, prima di personalizzare la dimensione, le caratteristiche facciali, l’acconciatura, i vestiti, le armature, e ovviamente, le armi e gli stili di combattimento.

IL ROSTER

Sono 21 i combattenti iniziali presenti. Il season pass ne aggiungerà altri quattro. Il primo è già disponibile via dlc: DB di NieR Automata, secondo personaggio ospite dopo il celebre Geralt di Rivia. Diciotto protagonisti sono già noti agli appassionati della saga (non mancano Mitsurughi, Voldo ed Ivy ad esempio), mentre i nuovi sono Azwel, Grot e, ovviamente Geralt.

  • Astaroth
  • Cervantes
  • Inferno
  • Ivy
  • Kilik
  • Maxi
  • Mitsurugi
  • Nightmare
  • Raphael
  • Seong Mi-na
  • Siegfried Schtauffen
  • Sophitia
  • Taki
  • Talim
  • Voldo
  • Xianghua
  • Yoshimitsu
  • Zasalamel

Nuovi personaggi

  • Azwel
  • Geralt (ospite da The Witcher 3: Wild Hunt)
  • Grøh.

ALTRE MODALITA’

Non mancano altre modalità. Spicca sicuramente la Arcade dove i giocatori possono scegliere il personaggio preferito e farlo scontrare con altri otto del roster. I match sono al meglio dei cinque round, ovvero il primo che arriva a tre round vinti si aggiudica la sfida. Sono match ad eliminazione diretta.

In Versus è possibile effettuare un semplice combattimento scegliendo anche il numero di round, l’arena (tra le 12 disponibili) e modificare alcuni parametri come attivare (o disattivare) il ring out, il pavimento scivoloso, il tempo limite e così via. Si può giocare contro la CPU o contro un amico.

Troviamo l’Allenamento che, come facile intuire, ci fa provare le mosse.

In Rete, invece, possibile giocare con altri utenti via web e vedere le classifiche suddivise in due categorie: Regione e Stile. È possibile sfidare altri utenti in partite normali e classificate. E si possono guardare anche i Replay delle partite.

In Museo, invece, si possono visualizzare le biografie dei personaggi, le storie, le gallerie di immagini, le musiche ed altri contenuti.

GAMEPLAY RAPIDO E DIVERTENTE








Definire il gameplay di Soulcalibur VI non è semplice. Potremmo però dare due aggettivi: rapido e divertente. Rapido perché i round durano davvero una manciata di secondi; divertente perché le mosse e gli attacchi sono discretamente vari.

Ognuno dei 21 personaggi del roster iniziale (è già disponibile il primo dlc con l’androide 2B di NieR Automata che fa parte del season pass), ha il proprio set di mosse. Chiaramente tutti seguono la loro evoluzione anche rispetto ai precedenti capitoli. C’è anche la rielaborazione della Carica dell’Anima. È un potenziamento temporaneo di brevissima durata che ha effetti diversi sui guerrieri. Questa sblocca mosse aggiuntive e se utilizzata nel modo migliore, potrebbe essere decisiva per ribaltare le sorti di uno scontro.

Non mancano le super (come le Critical Edge) e le Guardie Reattive (o parate ad impatto). Ma generalmente si ha la sensazione di giocare col secondo amatissimo capitolo del gioco. E questo è un fatto positivo. Ne nascono scontri, scambi spettacolari e divertenti.

Ci sono le Reversal Edge, un colpo capace di assorbire gli attacchi avversari che una volta a segno dà il la ad una spettacolare animazione.

CONVINCENTE IL LATO TECNICO

Dal punto di vista tecnico, Soulcalibur VI ci è piaciuto molto. La presenza dell’Unreal Engine 4 la si nota per gli spettacolari effetti particellari ma anche per i particolari delle arene. Quest’ultime sono davvero interessanti anche se in lontananza appaio sfocate concentrando la telecamera, ovviamente sull’azione che non soffre di alcun rallentamento nonostante le tonnellate di effetti speciali.

Le animazioni sono fluide e raramente si notano incertezze. La varietà delle movenze dei personaggi è notevole così come le ambientazioni. Tante le finezze anche se probabilmente l’Unreal Engine 4 si sarebbe potuto sfruttare ulteriormente.

Ottimo il doppiaggio ed il comparto sonoro con brani interessanti ed effetti sonori sempre azzeccati.












COMMENTO FINALE

Soulcalibur VI vuole fare affezionare gli appassionati. E ci prova in tutti i modi dando tantissimi contenuti, diverse modalità, ed offrendo un gameplay davvero interessante. Divertimento e longevità sembrano essere le parole d’ordine di un titolo che possiamo sicuramente consigliare ai vecchi appassionati ma anche a chi desidera avvicinarsi a questo genere di giochi.

Il grado di sfida è senza dubbio ben dosato, le due modalità Storia sono molto ricche, soprattutto la Bilancia dell’Anima che permette al nostro alter ego di essere protagonista e di scoprire tante notizie e molta storia del mondo di Soulcalibur. Il gameplay offre una buona varietà di mosse ed è molto divertente.

Tecnicamente il gioco ci è piaciuto parecchio. Magari non è perfetto ma è sicuramente interessante e rarissime volte ha delle sbavature. Una cosa che non abbiamo molto compreso, visto gli attuali hardware, la presenza di troppi caricamenti.

Divertente soprattutto in compagnia, il gioco offre anche modalità online con partite amichevoli e match classificati. Consigliamo moltissimo Soulcalibur VI che ci ha colpito comunque per la immediatezza del gameplay (tante mosse ma non troppo complicate da eseguire) e per la spettacolarità di alcune sue mosse. Senza fronzoli ma concreto e non per questo meno succoso, grazie soprattutto alle tante storie che si intrecciano. Ottimi tutti i personaggi del roster mentre le due modalità Storia ci sono piaciute parecchio.

L’articolo Soulcalibur VI, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Soulcalibur VI, Recensione

Thronebreaker: The Witcher Tales è su Steam

L’ottimo Thronebreaker approda su Steam. L’ultima fatica di CD Projekt RED, già uscito qualche giorno fa su GOG, è adesso disponibile sulla piattaforma di Valve.

Tale versione include alcuni contenuti. Eccoli:

  • Colonna sonora ufficiale di Thronebreaker, creata dal trio di compositori di The Witcher 3: Wild Hunt e GWENT: The Witcher Card Game: Marcin Przybyłowicz, Mikolai Stroinski, e Piotr Adamczyk.
  • Edizione digitale del libro GWENT: Art of The Witcher Card Game prodotto da Dark Horse
  • Bozzetti grafici tra cui la mappa di Lyria
  • Fox Children, la graphic novel di The Witcher prodotta da Dark Horse
  • Una copia su Steam di The Witcher: Enhanced Edition Director’s Cut

L’annuncio è accompagnato da un nuovo trailer che mostra alcuni voti e premi ricevuti da Thronebreaker finora.

L’articolo Thronebreaker: The Witcher Tales è su Steam proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Thronebreaker: The Witcher Tales è su Steam

Varhammer: Chaosbane, Konrad Volen svelato in video

Bigben ed Eko Software presentano un nuovo video del soldato Konrad Vollen, uno dei quattro personaggi giocabili di Warhammer: Chaosbane, action gdr in arrivo su Pc, PS4 ed Xbox One nel 2019.

Konrad Vollen, Capitano dell’Impero, è stato addestrato al combattimento fin dall’infanzia. Specialista nel combattimento ravvicinato, i suoi attacchi sono principalmente in mischia e basati sull’effetto in un’area specifica. Il suo scudo gli permette di fronteggiare vaste orde di nemici.
Provocazione, sprint ed attacco rotante lo rendono un combattente da prima linea molto potente. Il Capitano Imperiale ha inoltre diversi banner che può piantare nel terreno per galvanizzare il suo gruppo e fornire loro significativi bonus.

Ogni personaggio nel gioco ha un’abilità unica. Konrad Vollen è maestro nel maneggiare il suo scudo, che può utilizzare per colpire i nemici o per stordirli. Grazie alle sue offerte a Sigmar, il vendicativo Dio che venera, il soldato può utilizzare molti attacchi passivi e attivi, capaci di incrementare le sue abilità in combattimento, come ad esempio l’impressionante aura infuocata.

Infine, Warhammer: Chaosbane offre meccaniche di gioco uniche, che possono essere attivate da ognuno dei 4 personaggi giocabili: massacrando le orde del Chaos, gli eroi possono caricare la barra del Bloodlust. Una volta piena, potranno liberare la loro rabbia e attivare nuove skill ultra-efficaci.

Primo action-gdr a svolgersi nel mondo di Warhammer, Warhammer: Chaosbane invita i giocatori ad immergersi nel Vecchio Mondo, ancora segnato dalla Grande Guerra contro il Chaos – sanguinoso conflitto svoltosi parecchi anni prima. I giocatori vestiranno i panni di umani, alti elfi, elfi silvani oppure dei nani, e scopriranno diverse iconiche località come la città di Praag, oppure ancora Nuln, capitale dell’Impero al tempo in cui Chaosbane è ambientato.

L’articolo Varhammer: Chaosbane, Konrad Volen svelato in video proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Varhammer: Chaosbane, Konrad Volen svelato in video

Call of Cthulhu, Recensione

H.P. Lovecraft è considerato uno dei grandi maestri della letteratura horror. È annoverato tra i geniali creatori del fantastico contemporaneo anche se solo dopo la sua morte. Il terrore nei racconti dello scrittore di Providence deriva principalmente dalla paura dell’ignoto, dalla sensazione permanente di minaccia incombente sui protagonisti, anche se non sempre visibile. Ma anche dalla presenza sullo sfondo dell’orrore cosmico e di creature mostruose di origini aliene. Creature provenienti da dimensioni estranee da quella comunemente percepita.

Tutto il fascino dell’archeologia proibita, di quelle divinità arrivate millenni o milioni di anni fa da universi ipotetici e paralleli o dallo spazio, come i Grandi Antichi. Divinità addormentate in vari angoli del pianeta in attesa di risvegliarsi “quando le stelle torneranno nella giusta posizione” o di fronte a riti misteriosi che risalgono alla notte dei tempi.

Tutti elementi che in un modo o nell’altro il giocatore ritroverà in Call of Cthulhu, ultimo progetto del piccolo team di sviluppatori francese Cyanide Studio. Un gioco ispirato ai classici RPG carta e penna della Chaosium, mentre realtà e incubo si mescoleranno tra loro fino a diventare indistinguibili e confondere sia l’appassionato che il protagonista dell’avventura. Il titolo, che ha meccaniche gdr (o RPG se desiderate) è uscito lo scorso 30 ottobre anche su Pc e su Xbox One. Ecco la nostra recensione. Buona lettura.

L’ORRORE COSMICO

Nel gioco l’utente interpreta Edward Pierce, un investigatore privato che è anche reduce di guerra, un’esperienza terribile che lo ha sconvolto intimamente. Pierce è chiamato a indagare su una serie di misteriosi eventi accaduti nel 1924 su un’isola a pochi chilometri da Boston, Darkwater.
In particolare, e senza impelagarci troppo in pericolosi spoiler, l’inchiesta riguarda la strage di alcuni componenti della famiglia Hawkins. Tutti morti a causa di un incendio che per la polizia locale è stato dovuto a un semplice incidente domestico ma che in realtà potrebbe nascondere ben altro. Il protagonista scoprirà  che verrà catapultato in breve tempo in un terrificante mondo di cospirazioni, culti e orrori cosmici. La trama si sviluppa attraverso i dialoghi, tanti, che vengono condotti mediante una classica ruota i cui raggi rappresentano differenti possibilità di conversazione.

Gran parte del tempo viene quindi impiegato nel parlare con i personaggi non giocanti e nell’esplorare gli ambienti di gioco. Talvolta, inoltre, in uno stato confusionale derivato dallo stato di salute di Pierce tale da non far distinguere più la realtà dalle allucinazioni, anche se queste sessioni alla lunga si rivelano un po’ ripetitive e messe lì quasi con il solo scopo di allungare il brodo.
Da questo punto di vista diventa quindi importante raccogliere il maggior numero di informazioni possibili dai documenti spari per le varie aree di gioco. Questo per avere a disposizione gli elementi giusti per poter affrontare certe discussioni o porre determinate domande capendo chi il protagonista ha di fronte. Dai dati raccolti tramite dialoghi e da quelli ottenuti dai documenti ritrovati è poi possibile progredire nell’avventura e nelle indagini, nonché risolvere dei particolari enigmi che Edward Pierce incontrerà lungo il proprio cammino. Superando i vari ostacoli il giocatore ottiene dei punti da spendere in un apposito albero delle abilità che comprendono caratteristiche come il Fiuto, la Psicologia, l’Investigazione o la conoscenza di Medicina e Occulto, giusto per citarne alcune.

Queste statistiche servono a personalizzare il personaggio secondo i gusti del giocatore, che già all’inizio dell’avventura ha a disposizione qualche punto base da assegnare per iniziare a “costruire” la figura di Pierce. Poi, proseguendo, può concentrasi maggiormente su alcune abilità piuttosto che su altre: più l’investigatore sviluppa una determinata tecnica, maggiori saranno le possibilità di risolvere un particolare enigma o scovare un indizio legato proprio a quella branchia dove risulta meglio “preparato”. La possibilità di fare ricorso alle diverse abilità del protagonista permette di risolvere le situazioni del gioco in modi differenti a seconda delle vostre scelte. Almeno sulla carta: in realtà questo elemento in stile gioco di ruolo è poco definito, nel senso che alla fine i punti spesi sulle statistiche del personaggio cambiano solo in modo solo marginale l’esperienza di gioco.

NEL NOME DI CTHULHU

Le fasi di gioco esplorative sono infatti abbastanza guidate e difficilmente si incontreranno eccessive difficoltà nella ricostruzione degli eventi. Qualcuna, invece, la si potrebbe riscontare dinanzi a qualche nemico minaccioso, visto che il protagonista dell’avventura non può difendersi in alcun modo: unico modo per evitare il peggio, in questi casi, è quello di fuggire evitandoli quando possibile, magari nascondendosi o aggirandoli. Ma in realtà, una volta imparato le loro routine comportamentali, sfuggire alle loro grinfie non sarà un problema, visto che non brillano purtroppo per un’intelligenza artificiale sofisticata o pattern particolarmente variegati. Anche qui c’è una meccanica, quella stealth, appena abbozzata ma non sfruttata adeguatamente.
Insomma, il titolo propone un gameplay qualitativamente altalenante. Un comparto che offre diversi spunti interessanti senza però approfondirne adeguatamente le meccaniche. Alcune di esse non inficiano più di tanto sulla giocabilità e restano quindi solamente abbozzate e relegate sullo sfondo. Un vero peccato, perché in tal senso il gioco avrebbe tante potenzialità.

Ma non possiamo chiudere questa nostra recensione senza gettare prima uno sguardo  all’aspetto tecnico del prodotto.
Da questo punto di vista il gioco è caratterizzato da una grafica pulita, da un buon design capace di restituire allo sguardo il fascino dei mondi inventati dallo scrittore di Providence. E c’è, inoltre, una discreta fluidità generale a 30 fps. Ma, di contro, c’è anche da una qualità che non fa certo onore all’hardware dei PlayStation 4, console sulla quale abbiamo effettuato la nostra prova.


Il titolo, infatti, presenta una grafica molto più vicina alla passata generazione di console che all’attuale, con un conseguente abbassamento tangibile del livello di dettaglio e texture non sempre all’altezza della situazione che gravano molto sulla qualità totale delle immagini. Per non parlare dei modelli dei protagonisti non di altissimo livello, così come le loro animazioni che risultano un tantino legnosette a vedersi. Va meglio nel comparto audio, dove Call of Cthulhu resta abbastanza valido per via degli effetti sonori azzeccati. La  colonna sonora, mai sopra le righe, e le voci in lingua inglese dei protagonisti, decisamente buoni seppur nella media, fanno il resto.

COMMENTO FINALE

Call of Cthulhu è un titolo imperfetto, dotato di tante potenzialità purtroppo non sempre espresse appieno.

A una storia interessante e tutto sommato ben messa in scena all’interno di un mondo che trae forma dall’immaginario lovecraftiano, fanno da contraltare un comparto tecnico vetusto e soprattutto un gameplay qualitativamente altalenante. La giocabilità propone diversi elementi potenzialmente interessanti, ma senza però approfondirne adeguatamente le meccaniche. Tali meccaniche quasi sempre restano solamente abbozzate sullo sfondo.

Il risultato è un prodotto molto simile ai racconti interattivi più che a un avventura vera e propria, carino da giocare ma non eccezionale, che potrebbe piacere ai fan del grande Lovecraft e delle inquietanti atmosfere dei sui racconti.

L’articolo Call of Cthulhu, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Call of Cthulhu, Recensione

Debutta oggi Laisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry

Laisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry è disponibile per Pc e Mac su Steam, GOG ed altre piattaforme digitali. Il prezzo è di 29,99 euro con un’offerta lancio a 25,49 euro.

È il nuovo capitolo erede della saga di avventure grafiche punta e clicca nata negli anni ’80 a firma di Al Lowe. Il gioco è sviluppato da Crazy Bunch per il publisher Assemble Entertainment e porta gli appassionati dalla fine degli anni ’80 fino al 21° secolo. In questo lasso di tempo, il mondo è cambiato. E la visione del mondo e delle donne degli anni ‘80 del protagonista si scontra con la realtà moderna più difficile.

Vediamo il trailer di lancio. Buona visione.

LA DESCRIZIONE DEL GIOCO

Occhio, belle signore, sto arrivando! La mia nuova avventura, Leisure Suit Larry – Wet dreams don’t dry, mi porta – per un incredibile scherzo del destino – dalla fine degli anni ’80 direttamente al 2018, e, wow, ma quanto è cambiato il mondo! E se la mia visione anni ’80 della vita e delle donne si scontra con la realtà di oggi più delle tette di una bionda maggiorata che fa jogging sulla spiaggia, io sono prontissimo a mettermi al passo coi tempi e farmi strada nel 21° secolo!

In un’avventura “punta e clicca” che definirei tipica del genere, scopriremo insieme come finirò a innamorarmi perdutamente di Faith, l’assistente tutta pepe del capo della Prune, un’impresa tecnologica famosa in tutto il mondo. E visto che oggi si fa tutto online, perfino rimorchiare, la mia prima impresa sarà far salire il mio punteggio su Timber, la spettacolare e insostituibile app dove potrò incontrare pollastrelle, soddisfare i loro desideri e di conseguenza ottenere punti per il mio profilo. E, tra un appuntamento e l’altro, state pur certi che non dimenticherò di dare un’occhiata ai nuovi scatti in bikini condivisi su Instacrap… il 2018 è un vero sballo! 

CARATTERISTICHE

  • Leisure Suit Larry arriverà nel 21 ° secolo.
  • Esplorate un mondo di gioco non lineare, progettato con amore, ambientato nel mondo moderno con oltre 30 ambientazioni disegnate a mano.
  • Usate “Timber”, l’app in gioco, insieme a un meccanismo di appuntamento innovativo per incontrare le donne, spianate la strada per arrivare a Faith, le donne dei vostri sogni.
  • Risolvete puzzle ed interagite con oltre 30 personaggi disegnati a mano.

L’articolo Debutta oggi Laisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Debutta oggi Laisure Suit Larry – Wet Dreams Don’t Dry

Assassin’s Creed Odyssey, la nuova patch alzerà il level cap

La patch 1.06 di Assassin’s Creed Odyssey alzerà il level cap. Lo si legge sul blog Ubisoft in un post che parla del prossimo aggiornamento che sarà disponibile questo mese.

Il livello massimo sarà alzato da 50 a 70 e non ci sarà bisogno di acquistare dlc. Chi gioca ad Assassin’s Creed: Odyssey dal lancio non deve preoccuparsi: tutti i punti esperienza accumulati dopo che avete raggiunto il livello 50 saranno conteggiati. Da capire se Ubisoft espanderà anche l’albero delle abilità per supportare i venti livelli supplementari.

Inoltre, in un prossimo aggiornamento del titolo, il team di sviluppatori aggiungerà un sistema di personalizzazione visiva per l’equipaggiamento. Questo permetterà di combinare le statistiche di un oggetto e l’aspetto di un altro nello stesso slot. Quindi non si dovrà decidere tra avere buone statistiche e avere un bell’aspetto nel gioco.

Nondimeno sarà aggiunta una nuova funzionalità al gioco che consente ai giocatori di creare automaticamente frecce quando sono disponibili sufficienti risorse.

Una nuova creatura mitica, inoltre, il Ciclope Steropes, vi aspetterà nella sua tana dal 13 novembre. Una nuova missione chiamata The Lightning Bringer comparirà nel vostro registro delle missioni e vi condurrà al mostro con un occhio solo.

Sconfiggere il Ciclope sarà una sfida di alto livello e chi ci riuscirà sarà ricompensato con un arco leggendario.  Non ci sarà limite di tempo, quindi ci si può preparare ad abbatterlo con i propri ritmi. Più dettagli al link che abbiamo già allegato ad inizio del pezzo. Vi lasciamo alla clip che presenta l’aggiornamento di novembre che porterà tante altre novità anche contenutistiche. Buona visione.

 

L’articolo Assassin’s Creed Odyssey, la nuova patch alzerà il level cap proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Assassin’s Creed Odyssey, la nuova patch alzerà il level cap