Archivi categoria: Racing

Auto Added by WPeMatico

DiRT Rally 2.0, i miglioramenti in un video-diario

Dopo qualche settimana, Codemasters torna a mostrare DiRT Rally 2.0. Gli sviluppatori hanno pubblicato un nuovo video-diario focalizzato sui miglioramenti apportati al gioco sin dal lancio del primo episodio.

Nel nuovo trailer, della durata di un minuto e mezzo, il chief games designer, Ross Gowing, e il consulente rally, Jon Armstrong, parlano dei miglioramenti apportati alle auto, alle location ed al modo in cui i nuovi modelli di pneumatici interagiscono con le superfici stradali.

STEELBOCK

Codemasters ha inoltre annunciato la steelbook di DiRT Rally 2.0, disponibile per coloro che effettueranno il pre-order presso retailer selezionati. Il design della steelbook è un omaggio alla cover di Colin McRae Rally 2.0 e presenta il caratteristico colore turchese nonché il carattere minimalista presente nei negozi 18 anni fa.

Il senior graphic designer di Codemasters, Dave Alcock, ha lavorato sia al design originale sia a quello della Steelbook di DiRT Rally 2.0:

Realizzando questo packaging, ho avuto uno straordinario senso di déjà vu, ed è bello vedere che è ancora attuale. Il design della Steelbook è moderno ed elegante come nel 2000: la resa finale è molto bella!’ Ross Gowing, Chief Games Designer ha dichiarato a proposito della steelbook: ‘È una grande citazione alle origini dello studio e ci ricorda tutti i sorprendenti parametri di qualità che Codemasters ha sempre sostenuto.

Colin McRae Rally 2.0 è stato pubblicato nel luglio del 2000, due anni dopo l’uscita dell’originale Colin McRae Rally del 1998.

DiRT Rally 2.0 vuole offrire ai giocatori la collezione di auto da rally più iconiche mai realizzate e i tracciati più impegnativi del mondo, in un’autentica ricreazione dello sport del mondo reale. Inoltre, il titolo, sarà il gioco ufficiale della FIA World Rallycross Championship presentato da Monster Energy. DiRT Rally 2.0 sarà disponibile per Pc (DVD e Steam), PS4 ed Xbox One da martedì 26 febbraio 2019. I giocatori che effettuano il pre-order dell’edizione Deluxe riceveranno l’early access al gioco il 22 febbraio insieme ai primi due season pass, post uscita, quando saranno disponibili.

L’articolo DiRT Rally 2.0, i miglioramenti in un video-diario proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di DiRT Rally 2.0, i miglioramenti in un video-diario

V-Rally 4 è disponibile su Switch

V-Rally 4 è disponibile su Switch. Lo annunciano ufficialmente Bigben e Kylotonn Racing, rispettivamente publisher e sviluppatore del racing.

I fan potranno finalmente godere di tutti i contenuti del titolo comodamente e in qualsiasi luogo si trovino. Divertirsi con gli amici in split screen in modalità TV, da tavolo o portatile è ora possibile. A seguire il trailer con gameplay per questa nuova versione. Qui la recensione della versione Pc del gioco.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI

  • V-Rally Mode: la modalità carriera rappresenta il vero cuore pulsante dell’esperienza di gioco.
  • Quick race: rapido accesso a tutti i contenuti di gioco (veicoli e piste) per tutte le categorie. Niente di meglio di una gara veloce per allenarsi, testare le auto migliori e abituarsi alle loro peculiarità.
  • Multiplayer: online fino a 8 giocatori, oppure offline in modalità split-screen.
  • 22 tracciati e Stage Generator: numerose piste pre-generate, con la possibilità di creare tracciati speciali nella modalità Rally.
  • Personalizzazione Veicoli: nella modalità carriera, l’editor della livrea consente di personalizzare completamente le auto.
  • Più di 50 auto: è possibile collezionare storici bolidi come la Lancia Delta S4, la Porsche Carrera SC Safari, la Mustang Fastback e tante altre ancora, oltre alle più moderne Ford Focus RS RX, MINI John Cooper Works, Volkswagen Polo R WRC, solo per citarne alcune.

L’articolo V-Rally 4 è disponibile su Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di V-Rally 4 è disponibile su Switch

Horizon Chase Turbo, Recensione

C’erano una volta le sale giochi dei primi anni ’90. Quei luoghi fantastici, pieni di luci e suoni che avvolgevano la mente di un bambino al fine di portarlo in mondi lontani, universi paralleli, e strade con le quali correre con il nostro bolide.

Spesso, gli stessi cabinati erano delle piccole riproduzioni di abitacoli, regalandoti la sensazione di essere davvero alla guida di quel bolide, e poter sentire l’aria che ti accarezzava il viso mentre sognante, pensavi alla controparte femminile seduta nel sedile accanto al tuo con quel sorriso assolutamente invitante. In pieno stile Top Gun, ci si poteva sentire anche sentirti il Maverick della situazione, facendo il figo mentre l’abitacolo del cabinato andava prima più su, e poi più giù, a seconda della posizione della cloche. Ma facciamo un passo indietro, e torniamo all’abitacolo del bolide, con volante, pedali e marce tutti funzionanti.

I brasiliani di Aquiris devono essersi svegliati lo stesso giorno, alla stessa ora, con la stessa idea, frutto di un sogno o di un’immaginifica vena ispiratrice, perché hanno reso possibile qualcosa di dannatamente difficile. Qualcosa che molti sviluppatori tentano di portare a termine ma spesso con risultati scadenti nei casi più felici, e purtroppo deludenti nella stragrande maggioranza.

Prendere un gioco, o una serie di giochi, e riproporli al pubblico a distanza di quasi trent’anni cercando di mantenere vive quelle stesse sensazioni provate in precedenza, che ad oggi pungoleranno la memoria di chi è sulla quarantina, ed ecciteranno i più giovani con colori sgargianti, una colonna sonora riconoscibile ed incalzante, un gameplay veloce, frenetico, dannatamente tecnico, e dal sapore di pura vittoria quando vedi quell’”1″ stampato alla fine della gara. Tutto questo, è Horizon Chase: Turbo, titolo che abbiamo già trattato su Pc (qui la nostra recensione) e che adesso riproponiamo per PS4. Un racing arcade dal sapore antico, genuino, ed in grado di evocare e rievocare tanti altri ricordi.

SIEDITI E METTI IN MOTO JACK 















Provato e recensito dal nostro DannyDSC questa volta in versione PS4, Horizon Chase: Turbo si presenta come una normalissima operazione nostalgia per portare il fascino e la velocità di giochi come Out Run e Lotus ( solo per citare i due giochi più famosi che vengono in mente) sui nostri televisori. Rompiamo gli indugi chiarendo subito un punto: No! Non è così! È molto di più.

Installato e fatto partire Horizon Chase: Turbo si presenta con una schermata iniziale in pieno stile sala giochi che ci inviterà a premere un pulsante per passare al menu principale. Da li, potremo scegliere una delle modalità a nostra disposizione quali Tour Mondiale (la modalità più “importante”), i tornei (divisi per difficoltà), le gare di Resistenza (difficili ed appaganti) e nel caso volessimo cimentarci in qualche partita online, avremo a disposizione il classico multiplayer o la modalità a schermo condiviso per farci qualche partita con gli amici sulla stessa console.
Già da qui è facile capire che Aquiris punti ad una mole di contenuti notevole per intrattenere il giocatore, cosa che non è accaduta per altre “operazioni nostalgia” quali ad esempio Outrun Online Arcade (uscito per PS3 nel 2009 con un discreto successo).

Ad esempio il Tour Mondiale si dipana in diverse zone del mondo, passando dal Brasile al Cile alla Grecia al Giappone all’Islanda e altro ancora. Piccola punta di amarezza, non aver visto l’Italia tra le location disponibili. Facendo un piccolo passo indietro per tornare al menu principale, scopriremo che all’inizio non tutte le modalità saranno disponibili, questo perché per procedere con il gioco, dovremo ottenere dei risultati. Quindi, mettiamo in moto e passiamo al gameplay.

CURVA A DESTRA! CURVA A SINISTRA!






Selezionata la California, prima tappa del Tour Mondiale, la prima gara da affrontare sarà sul circuito di Grass Hills. Siamo agli inizi, quindi a disposizione avremo solo un paio di macchine tra qui scegliere.

Andando avanti nelle competizioni e ottenendo punti, potremo sbloccare altri veicoli che si aggiungeranno al nostro garage (in totale, sono poco più di una trentina e spaziano dalle super car che ricordano le Ferrari e le Lamborghini, per passare a modelli più raffinati, vicini alle BMW, ai camioncini Hippy e altro).

È importante sottolineare che tutti i veicoli abbiano caratteristiche molto diverse.  Quindi, avremo una Ferrari veloce ma poco manovrabile, un Roadster più lento ma agilissimo, una Lamborghini dalla velocità incredibile ma con un serbatoio molto limitato, e così via. La coperta sarà sempre un po’ corta anche per bilanciare al massimo il gameplay.

Sarà, infatti, una scelta più strategica di quello che si potrebbe inizialmente pensare, e non a caso, spesso e volentieri potrà capitare di dover ripetere gara cambiando macchina proprio perché la scelta fatta in precedenza era errata. Ma torniamo a Grass Hills; finito il counter la nostra prima gara inizia ed è tutto un susseguirsi di curve larghe, curve strette, veloci rettilinei, e 19 concorrenti per la vittoria che non ne vogliono proprio sapere di farsi da parte, scegliendo saggiamente di posizionarsi praticamente ogni volta nella posizione giusta per rallentarci.

Durante la nostra gara avremo a disposizione il turbo, da usare con molta saggezza, perché se in un rettilineo fa la differenza, usato in curva può avere conseguenza catastrofiche se attivato al momento sbagliato. Durante la gara, dovremo anche prestare attenzione all’indicatore del carburante, posto nella parte superiore destra dello schermo.

Se il carburante finisce, verremo squalificati e la gara finirà in anticipo. Fortunatamente, lungo il percorso, potremo acquisire taniche di carburante che ci permetteranno di proseguire, ma dovremo essere attenti e ricordarci i punti dove vengono sistemati. Oltre a taniche di benzina e turbo aggiuntivi, durante la corsa potremo acquisire delle monete che se accumulate, ci permetteranno di sbloccare nuovi percorsi, nuove modalità, e nuove macchine.

Inutile dire che il lavoro di posizionamento di questi tre elementi da parte di Aquiris è stato certosino e ponderato con attenzione, frutto di una corposa fase di testing. Più di una volta vi capiterà di rimanere senza benzina, o ripetere una gara per riuscire a collezionare tutte le monete. Questo perché Horizon Chase Turbo, è un gioco sé Arcade e veloce ma, al tempo stesso, anche dannatamente tecnico. Gli sviluppatori meritano davvero i nostri più sentiti complimenti, prova e riprova che il mondo indie ha da dire più che qualcosa rispetto a molti titoli “Triple AAA” che di Triple hanno soltanto il budget, ma non la qualità.

QUANTO SEI BELLA… GRAFICA MIA!



In un gioco di corse, la grafica riveste una parte importante per qualunque giocatore, non solo perché l’occhio vuole la sua parte, ma perché una grafica armonizzata e realizzata con cura, miscelata ad un buon design dei circuiti, garantirà ore ed ore di divertimento senza cadere nella “ripetitività” che spesso può portare un’esperienza di gioco a divenire noiosa dopo poco tempo. Ebbene, anche qui il team di sviluppo si dimostra all’altezza del compito, “asfaltando” team ben pių conosciuti. Lo sviluppatore stesso, ha definito la grafica di Horizon con queste parole:

Horizon Chase riporta il contesto grafico della generazione a 16 bit e crea uno stile ispirato al passato senza rinunciare alla sua contemporaneità. Il minimalismo dei poligoni e l’estetica del colore secondario (per avere un colore secondario si vanno a mescolare due colori primari in uguali quantità, ndr) accentuano la bellezza visiva del gioco, creando un’atmosfera unica e armonica. Sentirai l’anima retrō del gioco su un corpo completamente moderno.

Vi lasciamo qualche secondo per rileggere queste poche righe e riflettere, perché ne vale la pena. È poesia, tecnica e genialità: lo stile grafico ci riporta agli anni ’80 e ’90, minimale ma di grande impatto. I fondali, preparati con maestria, sono talmente belli che a tratti non ci sembrerà di giocare, ma di essere dentro un anime giapponese.

Durante la nostra prova nel circuito “Notte Selvaggia” in Sudafrica, ci siamo soffermati più e più volte per ammirare la splendida cornice di gioco. E l’effetto “anime” è elevato tanto per il giocatore quanto per chi osserva senza pad alla mano.

Poteva un gioco così ben fatto avere una colonna sonora come tallone d’Achille? Se così fosse, non sarebbe comunque un grosso neo, o forse no? Beh, non dovremo comunque preoccuparcene, perché le musiche di Horizon Chase Turbo meritano un acquisto a parte per godersela in macchina mentre si guida (senza correre). Perché? Semplice: oltre ad essere splendida, è stata composta da un certo Barry Leitch, che ci ha donato giusto qualche perla come ad esempio la colonna sonora di Top Gear (Super Nintendo), Lotus 2 (Amiga), Imperium (Pc), e molte altre. Per Horizon Chase, l’artista ha voluto proporre musica elettronica in pieno stile anni ’80 e ’90 che accompagneranno le nostre partite con brani incalzanti e carichi di adrenalina. Unico neo, volevamo una trentina di tracce in più.

COMMENTO FINALE

Siamo alla fine della nostra recensione. Un po’, quasi, ci dispiace: avremmo desiderato parlarvi ancora di questo gioco, ma il miglior consiglio che possiamo darvi è di provarlo, dato che č disponibile una demo gratuita che siamo sicuri, non farà altro che aumentare la voglia di possedere questa perla.

Horizon Chase Turbo è un sogno che si avvera per qualunque amante delle gare Arcade, o per un giovinastro che voglia provare sfide che vanno oltre il semplice “save&reload”. È affascinante, veloce, adatto per lunghe sessioni o per brevi e fugaci toccate e fughe. Il framerate su PS4 Pro è perfetto, il sonoro azzeccato, è anche tutto in italiano. Insomma, questi ragazzi (ai quali invitiamo di potersi in futuro cimentare con un’uguale operazione per After Burner) meritano davvero tanta stima e supporto per un gioco venduto a prezzo budget ma completo, appagante e divertente, sempre in grado di proporre sfide.

L’articolo Horizon Chase Turbo, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Horizon Chase Turbo, Recensione

34BigThings porta Redout su GOG

34BigThings porta Redout su GOG.com con una edizione esclusiva che include tutti i dlc usciti finora.

Valerio Di Donato, CEO della software house indie italiana, ha detto:

Realizzare un gioco su una piattaforma è sempre eccitante ed il debutto di Redout su GOG non è solo il ritorno su un nostro importante successo ma anche la prima volta che pubblichiamo un gioco sulla piattaforma di CD Projekt RED. È davvero un passo importante per noi se consideriamo l’alto standard di qualità che bisogna raggiungere per essere qui.

Vediamo il trailer di lancio. Buona visione.

Redout: Solar Challenge Edition include i seguenti dlc:

  • Neptune Pack
  • V.E.R.T.E.X. Pack
  • Mars Pack
  • Space Exploration Pack
  • Back to Earth Pack

Questa edizione è la più aggiornata del racing futuristico antigravitazionale uscito originariamente nel settembre del 2016. Qui la nostra recensione. Il titolo si ispira al classico Wipeout ed a F-Zero e gli sviluppatori hanno continuato ad espandere il titolo con altri cinque dlc che hanno aggiunto nuovi veicoli e piste.

La versione su GOG costa 29,99 euro ma fino al 5 dicembre sarà disponibile al prezzo di 14,99 euro.

L’articolo 34BigThings porta Redout su GOG proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di 34BigThings porta Redout su GOG

Dakar 18, annunciato il primo dlc

Il primo dlc di Dakar 18 sta per arrivare. Si chiama Dakar Series. Desafio Ruta 40  sarà disponibile a breve. Tutti i possessori del gioco potranno acquisirlo gratuitamente.

Ecco il trailer d’annuncio mentre a seguire ci sono i primi dettagli diffusi da Bigmoon Entertainment, sviluppatore del racing.

Il Desafío Ruta 40 Rally fa parte della famosa Dakar Series ed è il primo evento di questa serie ad essere aggiunto a Dakar 18. La gara si è svolta tra il 27 e il 31 agosto in Argentina.
Così come per il gioco principale, il team di sviluppo ha concentrato tutti i suoi sforzi sulla simulazione di questa sfida, per renderla il più realistica possibile.

Il nuovo dlc potenzierà il mondo già esistente del gioco principale con ulteriori 12.000 km², incluse cinque nuove tappe intorno alla splendida campagna dell’Argentina. Per far sì che i giocatori non si perdano nel vasto open world, il dlc includerà nuovi road book, sempre basati sui road book originali distribuiti ai piloti durante l’evento.





Paulo J. Gomes, CEO do Bigmoon Entertainment, ha affermato:

Non solo vogliamo offrire più contenuti ai nostri fan e ai fan del franchise Dakar, ma vogliamo anche cogliere questa opportunità per onorare tutti i concorrenti che affrontano le molteplici e dure sfide della Dakar Rally ogni anno, in particolare agli eroi che non hanno avuto la possibilità di raggiungere il traguardo.

L’articolo Dakar 18, annunciato il primo dlc proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dakar 18, annunciato il primo dlc

Trailblazers è disponibile su Switch e PS4

Rising Star Games, in collaborazione con lo sviluppatore indipendente britannico Supergonk, ha oggi annunciato che Trailblazers, è ora disponibile per Switch e PlayStation 4.  Si tratta del primo vero gioco di corse arcade cooperativo.

Trailblazers è un racing con un’innovativa meccanica: si colora la pista, si potenziano le proprie scorte e si gioca in squadra per vincere. Attraverso una competizione 3v3, i giocatori colorano la pista mentre gareggiano, possono inoltre catturare le aree chiave per cambiare dinamicamente le sorti del team e aumentare il colore della propria squadra.
I corridori che guidano con stile accumuleranno anche punti abilità per aprirsi la strada verso la vittoria! I giocatori possono immergersi nell’azione ad alta velocità con un massimo di sei giocatori online, o in locale tramite slip-screen per un massimo di quattro giocatori locali, con sfidanti online o controllati dalla CPU.

CARATTERISTICHE

  • Un esclusivo personaggio per Switch: un nuovo personaggio è stato introdotto alla line-up, la prepotente rana spaziale – il padre di Boo!
  • Accedete a tutti i contenuti: i giocatori Switch potranno accedere a tutti i contenuti del gioco, sin dal principio.
  • Campaign Mode: competete in tutta la galassia su diversi circuiti.
  • Una festa musicale: godetevi la colonna sonora retro-futuristica che si adatta perfettamente all’estetica visiva del gioco, con licenza ufficiale di artisti come Skope, Derevolutions, A.Skillz e altri ancora.
  • Artisti Pluripremiati: bellissimi artwork creati dall’artista vincitore di un BAFTA, Will Milton.
  • Piste panoramiche: nella corsa verso la gloria, i giocatori si sfideranno attraverso catene montuose, foreste lussureggianti e aride valli desertiche.
  • Diversi personaggi: ogni pilota ha un ruolo vitale nella community e tutti i personaggi spiegano la storia del mondo dei Trailblazers. Ognuno con un ruolo e uno stile di guida specifico.
  • Flotta futuristica: i giocatori possono scegliere da uno showroom le auto da corsa più veloci della galassia, ciascuna con statistiche personalizzate per adattarsi a ogni stile di gioco e tipo di pista.
  • CrossPlatform: fate squadra con altri giocatori o affrontateli sfruttando il cross-platform.

L’articolo Trailblazers è disponibile su Switch e PS4 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Trailblazers è disponibile su Switch e PS4

Gran Turismo Sport, dettagli sull’aggiornamento di domani

Dalle pagine del PlayStation Blog, Kazunori Yamauchi, boss di Polyphony Digital e papà di Gran Turismo Sport annuncia i contenuti dell’aggiornamento 1.29.

L’udpate arriverà domani (6 novembre) ed includerà nove vetture, tra le quali la Pagani Zonda, nonché il tracciato del Gran Premio di Spagna. Ma andiamo con ordine ed ecco le novità contenutistiche all’esclusivo racing per PS4.

LE VETTURE

L’aggiornamento introduce nove nuove auto, comprese alcune esotiche supercar italiane e leggendarie vetture Super GT.

  • Ferrari GTO ’84
  • Pagani Zonda R ’09
  • Maserati GranTurismo S ’08
  • Honda EPSON NSX ’08
  • Lexus PETRONAS TOM’S SC430 ’08
  • Nissan XANAVI NISMO GT-R ’08
  • MINI Cooper S ’05
  • Jaguar E-type Coupé ’61
  • Subaru Impreza 22B-STi Version ’98

NUOVO TRACCIATO: CIRCUIT DE BARCELONA-CATALUNYA

Il Circuito di Barcelona-Catalunya, situato circa 30 chilometri a nord di Barcellona, è stato inaugurato nel settembre del 1991, poco prima dello svolgimento dei Giochi olimpici che si tennero l’anno successivo nella città catalana.
Si tratta di uno dei più importanti tracciati iberici e ospita diverse gare, tra cui il Gran Premio di Spagna di Formula 1. Il lungo rettilineo e la varietà di curve fanno sì che l’assetto delle auto influenzi notevolmente i tempi sul giro.

GT LEAGUE

Questo mese gli sviluppatori hanno aggiunto due nuovi eventi GT League, inclusi:

  • Sfida MINI (Campionato principianti)
  • X2014 Nations Cup (Campionato professionisti).

L’articolo Gran Turismo Sport, dettagli sull’aggiornamento di domani proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Gran Turismo Sport, dettagli sull’aggiornamento di domani

Rinviata l’uscita di Wreckfest su Xbox e PS4

L’esordio di Wreckfest su console è stato posticipato. Il titolo di THQ Nordic e Bugbear Entertainment, già disponibile su Pc dallo scorso giugno (qui la nostra recensione), è stato rinviato dal 20 novembre al 2019 senza ulteriori dettagli sulla data.

Roger Joswig, produttore senior di THQ Nordic, giustificando il ritardo, ha spiegato:

Wreckfest per console sarà rilasciato appena ci piacerà giocarci. Dopo la fantastica versione su Pc, il punto di riferimento per l’uscita della console è molto più alto. In questo momento, il team ha bisogno di più tempo per rifinire parte multiplayer, così come le prestazioni complessive del gioco per portarlo alla pari con l’esperienza su Pc. Siamo spiacenti di tenere i fan in attesa più a lungo a causa di ciò. Tuttavia, abbiamo già un risarcimento sotto forma di ulteriori veicoli, tra cui uno speciale veicolo pazzo, nei lavori per console.

Per adesso, dunque, non ci resta altro che aspettare una data esatta.

Giuseppe Stecchi

L’articolo Rinviata l’uscita di Wreckfest su Xbox e PS4 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Rinviata l’uscita di Wreckfest su Xbox e PS4

V-Rally 4, domani il debutto su Pc

La versione Pc di V-Rally 4 sarà disponibile a partire da domani (25 settembre). Ce lo ricordano l’editore Bigben e lo sviluppatore Kylotonn Racing.

Il titolo di guida, già uscito qualche settimana fa su PS4 ed Xbox One, offre esperienze in varie discipline: Rally, Extreme-Khana, V-Rally Cross, Buggy e Hillclimb. Inoltre debutterà a breve anche su Switch.

CARATTERISTICHE

  • V-Rally Mode: la modalità carriera di V-Rally rappresenta il vero cuore pulsante dell’esperienza di gioco.
  • Quick race: Rapido accesso a tutti i contenuti del gioco (veicoli e piste) per tutte le categorie. Niente di meglio di una gara veloce per allenarsi, testare le auto migliori, ed abituarsi alle loro peculiarità.
  • Multiplayer: online fino a 8 giocatori, oppure offline in modalità split-screen.
  • 22 tracciati e Stage Generator: numerose piste pre-generate, con la possibilità di creare tracciati speciali nella modalità Rally.
  • Personalizzazione Veicoli: nella modalità carriera, l’editor della livrea ti permetterà di personalizzare completamente le vostre auto.
  • Più di 50 auto: collezionate storici bolidi come la Lancia Delta S4, la Porsche Carrera SC Safari, la Mustang Fastback e tante altre ancora, oltre alle più moderne Ford Focus RS RX, MINI John Cooper Works, Volkswagen Polo R WRC, solo per citarne alcune.

Per celebrare l’uscita di V-Rally 4, visitate la pagina Steam per guardare in live Alain Jarniou, game director di KT Racing, mentre risponderà a tutte le vostre domande domani 25 settembre a partire dalle 11.

REQUISITI DI SISTEMA

MINIMI:

  • OS: Windows 7 64bits
  • Processore: Intel Core i3-540 oppure AMD Phenom II X4 940
  • Memoria: 4 GB RAM
  • Scheda Video: Nvidia GeForce GTX 560 orAMD Radeon HD 6870
  • DirectX: Versione 11
  • Network: Broadband Internet connection
  • Spazio su disco: 19 GB disponibili
  • Scheda Audio: compatibile con DirectX
  • Note Addizionali: solo sistemi a 64 bit.

CONSIGLIATI:

  • OS: Windows 10 64-bit
  • Processore: Intel Core i7-3770 oppure AMD FX-8350
  • Memoria: 8 GB RAM
  • Scheda Video: Nvidia GTX 780 or AMD R9 290
  • DirectX: Versione 11.

L’articolo V-Rally 4, domani il debutto su Pc proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di V-Rally 4, domani il debutto su Pc

Assetto Corsa Competizione, Prime Impressioni Early Access

Assetto Corsa stupì tanti appassionati grazie alla sua cura maniacale per i dettagli e la grande fedeltà che propone. Forti di questo successo e di tanta esperienza positiva, Kunos Simulazioni ha quindi iniziato una nuova avventura sempre nell”’universo” Assetto Corsa per continuare un filo conduttore importante.

Il 21 febbraio scorso, il team italiano ed il publisher 505 Games hanno annunciato Assetto Corsa Competizione e da allora ogni notizia, ogni aggiornamento sul progetto è sempre stata fonte di tanta curiosità da parte nostra e soprattutto di un pubblico sempre più competente e, al tempo stesso, più folto memore di quanto ben fatto dal team con il gioco precedente.

Giusto ricordare un dettaglio: il nuovo titolo sarà il videogioco ufficiale del prestigioso campionato Blancpain GT Series mentre dal punto di vista tecnico c’è da segnalare la presenza dell’Unreal Engine 4 per sfruttare all’ennesima potenza la tecnologia Laserscan che riproduce al millimetro vetture e piste.

Già questo dà spessore ad Assetto Corsa Competizione che giovedì scorso, 13 settembre 2018, ha iniziato il suo lungo cammino in early access su Steam. Questa prima build, alla quale ne seguiranno tante altre che aggiungeranno i contenuti e livelleranno il gameplay, costa 24,99 euro ma c’è un piano di aggiornamenti maggiori che prevede sei tappe principali nelle quali verranno aggiunti contenuti, caratteristiche, opzioni ed altro. E nel frattempo, il prezzo arriverà a 49,99 euro in prossimità della versione “finale” del gioco.

Di contenuti, al momento, non ce ne sono tantissimi: si può provare la Huracan GT3 su un solo tracciato, il Nurburgring in diverse condizioni climatiche. Possiamo effettuare giri veloci, una gara di prova e poco altro.

Si punta quindi più sul gameplay come perno della produzione mentre per i contenuti ne parleremo più avanti.

Ecco, dunque, le nostre prime impressioni su Assetto Corsa Competizione. Buona lettura.

GAMEPLAY SCALABILE CHE PREMIA LA GUIDA PULITA

La licenza Blancpain GT impone diversi standard normativi ufficiali della GT3 FIA. Questo comporta diversi accorgimenti per migliorare la fisica e renderla quanto più verosimile alla controparte reale.

Sono già presenti una miriade di opzioni sulla guida per quanto riguarda l’assetto aerodinamico del nostro bolide, nonché la presenza degli aiuti. Quest’ultimi sono fondamentali per i neofiti e rendono l’impatto non traumatico. Già perché il gameplay è decisamente votato all’ultra realismo.
Senza se e senza ma. E lo si nota anche guidando in diverse situazioni ambientali. Di giorno, di notte ma soprattutto sull’asciutto e nelle diverse condizioni di pioggia, il titolo ci impone di essere sempre attenti alla guida. Sul bagnato le insidie si moltiplicano e la nostra condotta in pista deve essere sempre la più pulita possibile: del resto siamo chiamati a vestire casco e tuta da pilota Blancpain, non è mica OutRun.







Il primo impatto col gameplay è senza dubbio positivo ma al tempo stesso impegnativo. Guidare con tutti gli aiuti (controllo di stabilità, visualizzazione della traiettoria ideale e così via) non garantisce il risultato e comunque ci sarà bisogno di qualche giro per prendere confidenza con il nostro bolide e conoscere il celebre Nurburgring.

Ma se in condizioni di asciutto la situazione si può gestire senza grossi grattacapi, la vera e propria sfida sta nel mantenersi in pista sotto l’acqua. I vari gradi presenti (pioggia leggera, media, battente e monsone) influiscono non poco nella fisica. Anzi, la stravolgono come è normale che sia. Subentra l’acqua e le sue varianti fisiche. I tempi sul giro si alzano inevitabilmente ed è difficile evitare i fuoripista che non solo fanno perdere tempo ma potrebbero anche essere puniti. I regolamenti ufficiali sono rigidi e non permettono furberie o escamotage per tagliare la pista, né tanto meno le uscite che in prova ufficiale comportano l’annullamento del tempo sul giro veloce costringendoci a riprovare successivamente.

Di contro, disabilitando i vari aiuti, e smanettando sui vari settaggi potremo sperimentare diverse soluzioni per trovare la configurazione che più ci aggrada. Troviamo tre tipi di assetti base: Aggressivo, Sicuro, Bagnato, più quello corrente. Si può agire su diversi aspetti: Penumatici, Elettronica, Strategia, Grip Meccanico, Ammortizzatori ed Aero. Al loro interno le varie componenti da modificare per trovare la giusta alchimia tra il proprio stile, la vettura ed il tracciato.

Si può personalizzare tutto ciò che serve e questo va naturalmente ad incidere sulle prestazioni e sulla risposta del nostro bolide.

In corsa, c’è il vero divertimento con gli avversari che al momento sono piuttosto aggressivi ma pensiamo che a tal proposito gli sviluppatori possano sempre limare questo comportamento anche in virtù delle novità che saranno approntate.

È chiaro che per godersi al meglio questo primo scorcio di gameplay sia utile un buon volante con pedaliera. Fa il suo dovere in pieno il joypad ma la reattività migliore è senza dubbio con la prima opzione. E per aiutarci ulteriormente, le diverse visuali hanno delle opzioni personalizzabili per modellare il campo visivo e delle informazioni che vengono illustrate sull’interfaccia che se attivate offrono preziosi dettagli come ad esempio la pressione fatta sui freni.

Dicevamo che Assetto Corsa Competizione punta a far di noi dei piloti… e bisogna quindi tenere conto di tutti i particolari. Dicevamo della guida pulita, niente contatti in pista, sorpassi puliti, linee fluide, niente tagli o uscite di pista. Tutto questo si ottiene con concentrazione e perizia… nonché con olio di gomito ma i risultati poi sono soddisfacenti.
A quel punto si potrà anche disattivare buona parte degli aiuti. Un pilota deve effettivamente controllare tutto anche il consumo degli pneumatici, tenere conto delle convergenze, delle temperature ambientali e dell’asfalto e così via. Se si vorrà far bene nella Blancpain GT bisognerà imparare a familiarizzare con tutto questo ed a padroneggiarlo.
E bisognerà avere resistenza: i tempi delle gare variano da un’ora di quelle della Sprint Cup fino alla giornata intera di una delle competizioni endurance per eccellenza: la 24 Ore di Spa, evento, peraltro, che ha fatto da sfondo alla presentazione della build del gioco a fine luglio.

CICLO GIORNO/NOTTE, PIOGGIA, SCINTILLE ED E’ GIA’ SPETTACOLO

Parliamo velocemente dell’aspetto tecnico del gioco. Per ora, come ormai arcinoto, Assetto Corsa Competizione non offre tantissimi contenuti. In questa primissima fase è possibile provare un giro veloce, una gara con un massimo di 20 vetture in pista, alcune sessioni di prova.

Tuttavia, il risultato visivo è molto promettente. Possiamo correre in tutte le ore del giorno (ed anche accelerare il tempo durante le nostre performance in pista e vedere il passaggio dal buio alla luce natruale e viceversa). È già presente il ciclo giorno/notte mentre il clima dinamico deve essere ancora implementato. Poco male: si può scegliere se scendere in pista in condizioni di asciutto o vari gradi di pioggia.



Il Nurburgring è spettacolare così come sostanzialmente tutto il comparto visivo. Gli interni della nostra Huracan, gli effetti luce ed ombra nonché la pioggia e tutto il resto ci sembra già a buon punto. È uno spettacolo per gli occhi. Correre col buio della notte e con i fari del nostro bolide e vedere man mano il cielo schiarire per al nascere del sole è quasi commovente. Sicuramente romantico e con una resa stupenda. Sul bagnato il tutto si complica ma è dannatamente affascinante da vedere. Sicuramente l’Unreal Engine 4 ha fatto la sua parte nei giochi di luce, negli effetti particellari come le scintille e nella fluidità. Pochissime le indecisioni anche quando vediamo il sole filtrare dalle fronde degli alberi che accerchiano il famoso circuito tedesco.

Non mancano anche alcune sequenze introduttive e di intermezzo. Queste sono molto buone ma manca qua e la qualche piccolo ritocco. Cose di poco conto, di facile miglioramento in futuro e con calma.

Al momento, ma questa è un’incognita, i danni visibili alle vetture non sono implementati. Resta da capire se in futuro li vedremo ma è un fattore che potrebbe dipendere dagli accordi con i vari costruttori, restii a mostrare le loro creature incidentate.

Per quanto riguarda il comparto sonoro è ancora presto per un commento ampio. Troviamo un solo brano ma la vera colonna sonora, al momento, è il rombo del motore al momento. Il cambio di marcia, le frenate, le uscite di pista con la ghiaia sotto il telaio. Tutto questo è reso molto bene. Aspettiamo di mettere le mani su altri modelli.

COMMENTO FINALE

La prima versione dell’early access di Assetto Corsa Competizione ci offre un assaggio piccolo ma molto gustoso. Succulento. Pochissimi contenuti ma già ben realizzati. Il modello di guida punta a far di noi dei piloti e quindi è piuttosto restrittivo. Bisogna fare attenzione a tutto ma è possibile utilizzare gli aiuti per iniziare a prendere confidenza.

Il modello di guida è molto realistico con le diverse differenze di stili di guida su asciutto e bagnato e con modifiche che alterano le prestazioni in positivo o negativo.

Sull’asciutto tutto i santi aiutano, maggiore attenzione per la guida sul bagnato che richiede più studio, prudenza e concentrazione come è normale che sia. Solo il tempo ci dirà se Assetto Corsa Competizione sarà effettivamente adatto a tutti. Sicuramente agli appassionati che potranno sbizzarrirsi nelle tante opzioni per modificare i setup. I neofiti possono aiutarsi con i suggerimenti e con una gestione più leggera delle componenti.

Tecnicamente, il lavoro di Kunos Simulazioni, offre già un quadro confortante. Se lo standard di Assetto Corsa Competizione è questo e siamo sicuri che lo sarà ed anzi sarà migliorato, il futuro non può che essere roseo.

Resta da capire quali altri contenuti saranno implementati nell’opzione Carriera che dovrebbe essere il fiore all’occhiello della produzione oltre, ovviamente, alla licenza Blancpain GT Series che sarà rappresentata con la riproduzione del campionato. Proprio sui contenuti, dando un’occhiata al programma degli aggiornamenti, una tappa importante sarà il 10 ottobre: saranno aggiunte una  vettura nuova (la Bentley Continental GT3), il circuito di Misano, il supporto alla Realtà Virtuale ed altre caratteristiche. Ma in sostanza se siete fan di Assetto Corsa, conviene fin da ora investire la somma richiesta.

PREGI: Qualitativamente offre standard molto alti fin da ora. Tecnicamente ha spunti impressionanti. Modello di guida adattabile a molte esigenze. Realismo molto accentuato. Correre sul bagnato è molto realistico.

 

DIFETTI: Ancora pochissimi contenuti. Alcuni contorni grafici migliorabili.

 

L’articolo Assetto Corsa Competizione, Prime Impressioni Early Access proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Assetto Corsa Competizione, Prime Impressioni Early Access

Scatta l’early access per Assetto Corsa Competizione

Giro di prova per Assetto Corsa Competizione. Come da annuncio, il gioco ufficiale della prestigiosa Blancpain GT Series debutta oggi in accesso anticipato su Steam al prezzo di 24,99 euro.

Il titolo firmato da Kunos Simulazioni e 505 Games si mostra in questo nuovo video he celebra l’early access sulla nota piattaforma digitale di Valve appannaggio degli utenti Pc.

Kunos ci riprova dopo lo straordinario successo ottenuto con Assetto Corsa, videogioco che ha ridefinito gli standard del genere delle simulazioni automobilistiche e che è stato protagonista della Carrera Cup Italia eSport organizzata da Porsche Italia ed AK Informatica.

Assetto Corsa Competizione nasce dall’esperienza maturata da Kunos Simulazioni e punta a sfruttare al meglio le caratteristiche dell’Unreal Engine 4 garantendo grafica e condizioni atmosferiche fotorealistiche, gare in notturna e animazioni in motion capture. La simulazione fedele del comportamento degli pneumatici e i nuovi modelli aerodinamici, ancora più evoluti rispetto al passato, consentono il raggiungimento di nuovi livelli di riferimento in termini di realismo di guida.

Il titolo offre la possibilità di vivere in prima persona l’atmosfera del Campionato omologato FIA GT3, gareggiando con i piloti, i team, le vetture ufficiali e i circuiti riprodotti con estrema accuratezza. I giocatori potranno correre, con il massimo livello di realismo, tutte le gare Sprint, Endurance e 24 Ore del Campionato, disponibili sia in modalità singola che multigiocatore.










Inoltre, a partire da oggi, a cadenza mensile, verranno pubblicati aggiornamenti sempre più completi del gioco, introducendo nuove auto e circuiti, fino a coprire il 60% circa dei contenuti della versione finale (1.0), la cui pubblicazione è prevista entro il primo trimestre 2019. Quest’ultima, oltre a includere i rimanenti circuiti e vetture della stagione attualmente in corso. introdurrà le modalità carriera e campionato.

Nel corso dell’Estate 2019, sarà rilasciato un aggiornamento gratuito per tutti gli utenti, contenente l’aggiornamento alla stagione ventura del campionato Blancpain GT Series.

IL PREZZO

Acquistare il gioco entro i primi due aggiornamenti permetterà ai più fedeli appassionati di accedere progressivamente a tutti i contenuti di Assetto Corsa Competizione a un prezzo (24,99 euro). In seguito all’uscita di ulteriori update, come da calendario prestabilito consultabile anche sul sito ufficiale, il prezzo sarà portato a 34,99 euro con il terzo aggiornamento (previsto per il 14 novembre) e raggiungerà infine il valore di 44,99 euro il 16 gennaio, prezzo valido anche per la versione finale.
Tutti coloro che amano la licenza Assetto Corsa hanno quindi la possibilità, sostenendo sin dalle fasi iniziali il programma di accesso anticipato, di collaborare all’affinamento del gioco e di pagarlo quasi la metà, ottenendo i medesimi contenuti di chi deciderà di acquistarlo più avanti.

L’articolo Scatta l’early access per Assetto Corsa Competizione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Scatta l’early access per Assetto Corsa Competizione

Forza Horizon 4, c’è la lista delle auto

Il 2 ottobre si avvicina. Forza Horizon 4, in arrivo su Pc ed Xbox One, ai propone con un parco auto massiccio. Come da tradizione del resto.

Sul sito ufficiale è apparsa la lunga lista di auto presenti nel gioco. Troviamo un lungo elenco di oltre 450 vetture appartenenti ai più celebri marchi di tutto il mondo. Tra Ferrari, Porsche, Bugatti, Dodge, Lamborghini, Mercedes, Abarth, Alfa Romeo ed altre case prestigiose in gioco, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Tante, infatti, le chicche anche provenienti dal passato. L’auto più antica è la Bugatti Type 35 C del 1926.

Playground Games ha inoltre aggiunto anche i link per ascoltare i brani della colonna sonora via Spotify.

Buona lettura.

Anno Marchio Modello
2017 Abarth 124 Spider
2016 Abarth 695 Biposto
1980 Abarth Fiat 131
1968 Abarth 595 esseesse
2017 Acura NSX
2002 Acura RSX Type-S
2001 Acura Integra Type-R
2017 Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio
2014 Alfa Romeo 4C
2007 Alfa Romeo 8C Competizione
1968 Alfa Romeo 33 Stradale
1965 Alfa Romeo Giulia Sprint GTA Stradale
1965 Alfa Romeo Giulia TZ2
1934 Alfa Romeo P3
2015 Alumi Craft Class 10 Race Car
1973 AMC Gremlin X
1971 AMC Javelin AMX
2554 AMG Transport Dynamics M12S Warthog CST
2016 Ariel Nomad
2013 Ariel Atom 500 V8
2012 Ascari KZ1R
2017 Aston Martin DB11
2016 Aston Martin Vulcan
2016 Aston Martin Vantage GT12
2013 Aston Martin V12 Vantage S
2012 Aston Martin Vanquish
2010 Aston Martin One-77
1964 Aston Martin DB5
1960 Aston Martin DB4GT Zagato
1958 Aston Martin DBR1
2016 Audi R8 V10 plus
2015 Audi S1
2015 Audi RS 6 Avant
2015 Audi TTS Coupé
2013 Audi RS 4 Avant
2013 Audi RS 7 Sportback
2013 Audi R8 Coupé V10 plus 5.2 FSI quattro
2011 Audi RS 3 Sportback
2011 Audi RS 5 Coupé
2010 Audi TT RS Coupé
2009 Audi RS 6
2006 Audi RS 4
2003 Audi RS 6
2001 Audi RS 4 Avant
1995 Audi RS 2 Avant
1986 Audi #2 Audi Sport quattro S1
1983 Audi Sport quattro
1964 Austin FX4 Taxi
1965 Austin-Healey 3000 MKIII
1958 Austin-Healey Sprite MkI
1939 Auto Union Type D
2014 BAC Mono
2017 Bentley Continental Supersports
2016 Bentley Bentayga
2013 Bentley Continental GT Speed
1931 Bentley 4-1/2 Litre Supercharged
1931 Bentley 8-Litre
2016 BMW M2 Coupé
2016 BMW M4 GTS
2015 BMW i8
2015 BMW X6 M
2014 BMW M4 Coupe
2013 BMW M6 Coupe
2012 BMW M5
2011 BMW Z4 sDrive35is
2011 BMW X5 M
2011 BMW 1 Series M Coupe
2009 BMW M5
2008 BMW M3
2008 BMW Z4 M Coupe
2005 BMW M3
2003 BMW M5
2002 BMW Z3 M Coupe
1997 BMW M3
1995 BMW M5
1991 BMW M3
1988 BMW M5
1981 BMW M1
1973 BMW 2002 Turbo
1957 BMW Isetta 300 Export
2012 Bowler EXR S
2018 Bugatti Chiron
2011 Bugatti Veyron Super Sport
1992 Bugatti EB110 Super Sport
1926 Bugatti Type 35 C
1987 Buick Regal GNX
2016 Cadillac ATS-V
2016 Cadillac CTS-V Sedan
2013 Cadillac XTS Limousine
2013 Caterham Superlight R500
2017 Chevrolet Camaro ZL1
2015 Chevrolet Corvette Z06
2015 Chevrolet Camaro Z/28
2009 Chevrolet Corvette ZR1
2002 Chevrolet Corvette Z06
1995 Chevrolet Corvette ZR-1
1988 Chevrolet Monte Carlo Super Sport
1979 Chevrolet Camaro Z28
1970 Chevrolet Chevelle Super Sport 454
1970 Chevrolet Corvette ZR-1
1970 Chevrolet El Camino Super Sport 454
1970 Chevrolet Camaro Z28
1969 Chevrolet Camaro Super Sport Coupe
1969 Chevrolet Nova Super Sport 396
1967 Chevrolet Corvette Stingray 427
1966 Chevrolet Nova Super Sport
1964 Chevrolet Impala Super Sport 409
1960 Chevrolet Corvette
1957 Chevrolet Bel Air
1955 Chevrolet 150 Utility Sedan
1953 Chevrolet Corvette
1972 Chrysler VH Valiant Charger R/T E49
1970 Datsun 510
2018 Dodge Durango SRT
2018 Dodge Challenger SRT Demon
2016 Dodge Viper ACR
2015 Dodge Challenger SRT Hellcat
2015 Dodge Charger SRT Hellcat
2008 Dodge Viper SRT10 ACR
1999 Dodge Viper GTS ACR
1970 Dodge Challenger R/T
1969 Dodge Charger R/T
1969 Dodge Charger Daytona HEMI
1968 Dodge Dart HEMI Super Stock
2013 Donkervoort D8 GTO
2012 Eagle Speedster
2015 Ferrari 488 GTB
2015 Ferrari F12tdf
2014 Ferrari California T
2014 Ferrari FXX K
2013 Ferrari LaFerrari
2013 Ferrari 458 Speciale
2012 Ferrari F12berlinetta
2011 Ferrari FF
2010 Ferrari 599XX
2010 Ferrari 599 GTO
2009 Ferrari 458 Italia
2007 Ferrari 430 Scuderia
2003 Ferrari 360 Challenge Stradale
2002 Ferrari 575M Maranello
2002 Ferrari Enzo Ferrari
1996 Ferrari F50 GT
1995 Ferrari F50
1994 Ferrari F355 Berlinetta
1992 Ferrari 512 TR
1989 Ferrari F40 Competizione
1987 Ferrari F40
1984 Ferrari 288 GTO
1969 Ferrari Dino 246 GT
1968 Ferrari 365 GTB/4
1967 Ferrari #24 Ferrari Spa 330 P4
1963 Ferrari 250LM
1962 Ferrari 250 GTO
1962 Ferrari 250 GT Berlinetta Lusso
1957 Ferrari 250 Testa Rossa
1957 Ferrari 250 California
1953 Ferrari 500 Mondial
1948 Ferrari 166MM Barchetta
1980 FIAT 124 Sport Spider
2018 Ford Mustang GT
2017 Ford Focus RS
2017 Ford GT
2017 Ford F-150 Raptor
2017 Ford #14 Rahal Letterman Lanigan Racing GRC Fiesta
2017 Ford M-Sport Fiesta RS
2016 Ford Shelby GT350R
2015 Ford Falcon GT F 351
2014 Ford Fiesta ST
2014 Ford Ranger T6 Rally Raid
2014 Ford #11 Rockstar F-150 Trophy Truck
2014 Ford FPV Limited Edition Pursuit Ute
2013 Ford Shelby GT500
2011 Ford Transit SuperSportVan
2011 Ford F-150 SVT Raptor
2010 Ford Crown Victoria Police Interceptor
2009 Ford Focus RS
2005 Ford GT
2003 Ford Focus RS
2000 Ford SVT Cobra R
1993 Ford SVT Cobra R
1992 Ford Escort RS Cosworth
1987 Ford Sierra Cosworth RS500
1986 Ford Escort RS Turbo
1985 Ford RS200 Evolution
1981 Ford Fiesta XR2
1977 Ford Escort RS1800
1975 Ford Bronco
1973 Ford XB Falcon GT
1973 Ford Capri RS3100
1973 Ford Escort RS1600
1972 Ford Falcon XA GT-HO
1971 Ford Mustang Mach 1
1969 Ford Mustang Boss 302
1966 Ford Lotus Cortina
1966 Ford #2 GT40 Mk II Le Mans
1965 Ford Mustang GT Coupe
1964 Ford GT40 Mk I
1959 Ford Anglia 105E
1956 Ford F-100
1946 Ford Super Deluxe Station Wagon
1940 Ford De Luxe Coupe
1932 Ford De Luxe Five-Window Coupe
1983 GMC Vandura G-1500
1985 HDT VK Commodore Group A
2012 Hennessey Venom GT
1977 Holden Torana A9X
1974 Holden Sandman HQ panel van
1973 Holden HQ Monaro GTS 350
2016 Honda Civic Type R
2015 Honda Ridgeline Baja Trophy Truck
2009 Honda S2000 CR
2007 Honda Civic Type-R
2005 Honda NSX-R
2004 Honda Civic Type-R
1997 Honda Civic Type R
1992 Honda NSX-R
1991 Honda CR-X SiR
2016 Hoonigan GYMKHANA 9 Ford Focus RS RX
1992 Hoonigan Mazda RX-7 Twerkstallion
1991 Hoonigan Rauh-Welt Begriff Porsche 911 Turbo
1978 Hoonigan Ford Escort RS1800
1972 Hoonigan Chevrolet Napalm Nova
1965 Hoonigan Ford ‘Hoonicorn’ Mustang
1955 Hoonigan Chevrolet Bel Air
2014 HSV GEN-F GTS
2014 HSV Limited Edition Gen-F GTS Maloo
2006 HUMMER H1 Alpha
2019 Hyundai Veloster N
2015 Infiniti Q60 Concept
2014 Infiniti Q50 Eau Rouge
1970 International Scout 800A
2017 Jaguar F-PACE S
2016 Jaguar F-TYPE Project 7
2015 Jaguar F-TYPE R Coupé
2015 Jaguar XFR-S
2015 Jaguar XE-S
2015 Jaguar XKR-S GT
2012 Jaguar XKR-S
1993 Jaguar XJ220
1990 Jaguar XJ-S
1964 Jaguar Lightweight E-Type
1961 Jaguar E-type S1
1959 Jaguar Mk II 3.8
1956 Jaguar D-Type
1954 Jaguar XK120 SE
2018 Jeep Grand Cherokee Trackhawk
2016 Jeep Trailcat
2014 Jeep Grand Cherokee SRT
2012 Jeep Wrangler Rubicon
1976 Jeep CJ5 Renegade
2018 Kia Stinger
2016 Koenigsegg Regera
2015 Koenigsegg One:1
2011 Koenigsegg Agera
2013 KTM X-Bow R
2016 Lamborghini Centenario LP 770-4
2016 Lamborghini Aventador LP750-4 SV
2014 Lamborghini Urus Concept
2014 Lamborghini Huracán LP 610-4
2013 Lamborghini Veneno
2012 Lamborghini Aventador LP700-4
2011 Lamborghini Gallardo LP 570-4 Superleggera
2011 Lamborghini Sesto Elemento
2010 Lamborghini Murciélago LP 670-4 SV
2008 Lamborghini Reventón
1997 Lamborghini Diablo SV
1988 Lamborghini Countach LP5000 QV
1986 Lamborghini LM 002
1967 Lamborghini Miura P400
1992 Lancia Delta HF Integrale EVO
1986 Lancia Delta S4
1982 Lancia 037 Stradale
1974 Lancia Stratos HF Stradale
1968 Lancia Fulvia Coupé Rallye 1.6 HF
2015 Land Rover Range Rover Sport SVR
1997 Land Rover Defender 90
1973 Land Rover Range Rover
1972 Land Rover Series III
2014 Local Motors Rally Fighter
1969 Lola #6 Penske Sunoco T70 MkIIIB
2016 Lotus 3-Eleven
2012 Lotus Exige S
2011 Lotus Evora S
2009 Lotus 2-Eleven
2005 Lotus Elise 111S
2002 Lotus Esprit V8
2000 Lotus 340R
1997 Lotus Elise GT1
1971 Lotus Elan Sprint
1956 Lotus Eleven
2010 Maserati Gran Turismo S
2004 Maserati MC12
1961 Maserati Tipo 61 Birdcage
1957 Maserati 300 S
1953 Maserati A6GCS/53 Pininfarina Berlinetta
1939 Maserati 8CTF
2016 Mazda MX-5
2013 Mazda MX-5
2011 Mazda RX-8 R3
2005 Mazda Mazdaspeed MX-5
1997 Mazda RX-7
1994 Mazda MX-5 Miata
1990 Mazda Savanna RX-7
2018 McLaren 720s Coupé
2018 McLaren Senna
2015 McLaren 650S Coupe
2015 McLaren 570S Coupé
2013 McLaren P1
1997 McLaren F1 GT
1993 McLaren F1
2017 Mercedes-AMG GT R
2016 Mercedes-AMG C 63 S Coupé
2015 Mercedes-AMG GT S
2015 Mercedes-Benz #24 Tankpool24 Racing Truck
2014 Mercedes-Benz Unimog U5023
2013 Mercedes-Benz G 65 AMG
2013 Mercedes-Benz A 45 AMG
2013 Mercedes-Benz E 63 AMG
2012 Mercedes-Benz C 63 AMG Coupé Black Series
2012 Mercedes-Benz SLK 55 AMG
2011 Mercedes-Benz SLS AMG
2009 Mercedes-Benz SL 65 AMG Black Series
1998 Mercedes-Benz AMG CLK GTR
1990 Mercedes-Benz 190E 2.5-16 Evolution II
1955 Mercedes-Benz 300 SLR
1954 Mercedes-Benz 300 SL Coupé
1939 Mercedes-Benz W154
1949 Mercury Coupe
1971 Meyers Manx
1986 MG Metro 6R4
1966 MG MGB GT
1958 MG MGA Twin-Cam
2013 MINI X-Raid All4 Racing Countryman
2012 MINI John Cooper Works GP
2009 MINI John Cooper Works
1965 MINI Cooper S
2014 Morgan 3 Wheeler
2010 Morgan Aero SuperSports
1958 Morris Minor 1000
2017 Nissan GT-R
2016 Nissan TITAN Warrior Concept
2012 Nissan GT-R Black Edition
2010 Nissan 370Z
2003 Nissan Fairlady Z
2002 Nissan Skyline GT-R V-Spec II
2000 Nissan Silvia Spec-R
1998 Nissan R390
1998 Nissan Silvia K’s Aero
1997 Nissan Skyline GT-R V-Spec
1995 Nissan NISMO GT-R LM
1994 Nissan Silvia K’s
1993 Nissan Skyline GT-R V-Spec
1993 Nissan 240SX SE
1992 Nissan Silvia CLUB K’s
1987 Nissan Skyline GTS-R (R31)
1973 Nissan Skyline H/T 2000GT-R
1971 Nissan Skyline 2000GT-R
1969 Nissan Fairlady Z 432
2010 Noble M600
1969 Oldsmobile Hurst/Olds 442
1984 Opel Manta 400
2016 Pagani Huayra BC
2012 Pagani Huayra
2010 Pagani Zonda R
2009 Pagani Zonda Cinque Roadster
1962 Peel P50
2011 Penhall The Cholla
1984 Peugeot 205 Turbo 16
1971 Plymouth Cuda 426 HEMI
2015 Polaris RZR XP 1000 EPS
1987 Pontiac Firebird Trans Am GTA
1977 Pontiac Firebird Trans Am
1973 Pontiac Firebird Trans Am SD-455
1969 Pontiac GTO Judge
2018 Porsche Cayenne Turbo
2018 Porsche 911 GT2 RS
2017 Porsche Panamera Turbo
2016 Porsche 911 GT3 RS
2016 Porsche Cayman GT4
2015 Porsche Macan Turbo
2015 Porsche Cayman GTS
2014 Porsche 911 Turbo S
2014 Porsche 918 Spyder
2012 Porsche 911 GT2 RS
2012 Porsche Cayenne Turbo
2012 Porsche 911 GT3 RS 4.0
2004 Porsche 911 GT3
2003 Porsche Carrera GT
1998 Porsche 911 GT1 Strassenversion
1995 Porsche 911 GT2
1989 Porsche 944 Turbo
1987 Porsche 959
1982 Porsche 911 Turbo 3.3
1973 Porsche 911 Carrera RS
1971 Porsche #23 917/20
1960 Porsche 718 RS 60
1957 Porsche 356A Speedster
1955 Porsche 550A Spyder
2015 Radical RXC Turbo
2017 Ram 2500 Power Wagon
1972 Reliant Supervan III
2013 Renault Clio R.S. 200 EDC
2010 Renault Megane R.S. 250
2010 Renault Clio R.S.
1993 Renault Clio Williams
1980 Renault 5 Turbo
1973 Renault Alpine A110 1600s
2016 RJ Anderson #37 Polaris RZR-Rockstar Energy Pro 2 Truck
2013 SRT Viper GTS
2004 Saleen S7
1965 Shelby Cobra 427 S/C
1965 Shelby Cobra Daytona Coupe
2016 Spania GTA GTA Spano
2016 SUBARU #199 WRX STI VT15r Rally Car
2015 SUBARU WRX STI
2013 SUBARU BRZ
2011 SUBARU WRX STI
2008 SUBARU Impreza WRX STI
2005 SUBARU Impreza WRX STi
2004 SUBARU Impreza WRX STi
1998 SUBARU Impreza 22B STi
1990 SUBARU Legacy RS
1967 Sunbeam Tiger
1979 Talbot Sunbeam Lotus
2017 Tamo Racemo
2014 Terradyne Gurkha LAPV
2016 Toyota Land Cruiser Arctic Trucks AT37
2007 Toyota Hilux Arctic Trucks AT38
1993 Toyota #1 T100 Baja Truck
1962 Triumph Spitfire
2005 TVR Sagaris
1998 TVR Cerbera Speed 12
2015 Ultima Evolution Coupe 1020
2016 Vauxhall Corsa VXR
2012 Vauxhall Astra VXR
2005 Vauxhall Monaro VXR
1990 Vauxhall Lotus Carlton
2017 Volkswagen #34 Volkswagen Andretti Rallycross Beetle
2014 Volkswagen Global RallyCross Beetle
2014 Volkswagen Golf R
2011 Volkswagen Scirocco R
2010 Volkswagen Golf R
2008 Volkswagen Touareg R50
2003 Volkswagen Golf R32
1998 Volkswagen GTI VR6 Mk3
1995 Volkswagen Corrado VR6
1992 Volkswagen Golf Gti 16v Mk2
1983 Volkswagen Golf GTI
1981 Volkswagen Scirocco S
1970 Volkswagen #1107 Desert Dingo Racing Stock Bug
1969 Volkswagen Class 5/1600 Baja Bug
1963 Volkswagen Beetle
1963 Volkswagen Type 2 De Luxe
2016 Volvo Iron Knight
2015 Volvo V60 Polestar
1997 Volvo 850 R
1983 Volvo 242 Turbo Evolution
2016 W Motors Lykan HyperSport
1945 Willys MB Jeep
2016 Zenvo ST1




LISTA BRANI COLONNA SONORA

Sono oltre 100 i brani che compongono la colonna sonora di Forza Horizon 4. Eccoli:

adio Station titolo canzone Artista
Bass Arena Anyway Armand Van Helden & A-Trak present Duck Sauce
Bass Arena TopBrazil (Benny Benassi vs Constantin & Mazzz Dub Mix) Fischerspooner
Bass Arena 2 Much (Feat. 24hrs) Flosstradamus
Bass Arena Are We Still Young (feat. Jessi Mason) Grant
Bass Arena Find Yourself (Ashworth Remix) Great Good Fine Ok & Before You Exit
Bass Arena Do You Don’t You Haywyre
Bass Arena State of Confusion (The Maurice Fulton remix) Honey Dijon featuring Joi Cardwell
Bass Arena Midnight City (Eric Prydz private remix) M83
Bass Arena Fly Marshmello
Bass Arena Silence Mashmello X Khalid
Bass Arena Good Morning (Just Kiddin Remix) Max Frost
Bass Arena Kids – Soulwax Remix MGMT
Bass Arena 17 (In The Air Dub) MK
Bass Arena Blackwater featuring Ann Saunderson (full strings vocal mix) Octave One
Bass Arena Ottomatic Oliver
Bass Arena Just Let Me Dance – Maxxi Soundsystem Remix Scandal
Bass Arena Tunnel Vision Subtact
Bass Arena Zodiac Sung
Bass Arena The Man (Jacques Lu Cont Remix) The Killers
Bass Arena Ching Ching Wolfgang Gartner
Block Party Award Tour A Tribe Called Quest
Block Party Til It’s Over Anderson .Paak
Block Party Runnin’ Bazanji
Block Party Karaoke (feat. Lizzo) Big Freedia
Block Party Rent Big Freedia
Block Party Higher Outasight
Block Party Rebirth of Slick (Cool Like Dat) – 7 “Mix” Digable Planets
Block Party Michuul. Duckwrth
Block Party Bad Love Earl St. Clair
Block Party Don’t Sweat the Technique (BL Socks remix) Eric B. & Rakim
Block Party I Kendrick Lamar
Block Party All The Stars (feat. Sza) Kendrick Lamar
Block Party Go Harder Leo Soul
Block Party Still Pushing Ohana Bam
Block Party Who Knows (Feat. Chronixx) Protoje
Block Party Don’t Rush Ric Wilson
Block Party Flipping Cars Shredders
Block Party Rapper’s Delight The Sugarhill Gang
Block Party Symphony (Feat. Teddy Jackson) Towkio
Block Party Wallflower Young Futura
Hospital City Light Bop & Subwave
Hospital Haltija Etherwood
Hospital Auckland Sunrise Fred V & Grafix
Hospital Offshore Hugh Hardie
Hospital Brave Face Keeno
Hospital While The World Sleeps Keeno
Hospital Hot Wheels Kings Of The Rollers
Hospital Mismatch Krakota
Hospital Stomp Your Soul Lakeway
Hospital Let The Senses Clear Your Mind Logistics
Hospital That’s A Switch London Elektricity
Hospital Wading Through Crowds Makoto
Hospital Dawnbreaker Metrik
Hospital Veloce Mitekiss
Hospital The Sound of Your Smile NU:Logic
Hospital Empire Polaris
Hospital Lessons Learned Polaris
Hospital Rock da House S.P.Y
Hospital Caffeine Urbandawn
Hospital Loki Whiney & Urbandawn
Hospital Autumn Fred V Grafix
Hospital Spring Fred V Grafix
Hospital Summer Fred V Grafix
Hospital Winter Fred V Grafix
Pulse Shooting Star Anna Yvette
Pulse Colors Beck
Pulse Deadly Valentine Charlotte Gainsbourg
Pulse Never Say Die CHVRCHES
Pulse Fake It Til You Make It Dreamers
Pulse Silhouette Goldroom
Pulse Little of Your Love (BloodPop® Remix) Haim
Pulse Clap Your Hands (feat. Ava Max) Le Youth
Pulse Someday Lliam + Latroit
Pulse Be Good 2 Me Luxxury
Pulse Kim & Jesse M83
Pulse MJ Now, Now
Pulse A Moment Apart Odesza
Pulse Late Night Odesza
Pulse Last Forever (feat. Sam Sparro) Oliver
Pulse Wind Shear Pierce Fulton
Pulse Feel Alright Poolside
Pulse Baby I’m A Queen Sofi Tukker
Pulse Ride or Die (Feat. Foster the People) [Big Gigantic remix] The Knocks
Pulse Build A Fire Young Ejecta
Timeless Spring (full) – The Four Seasons Takako Nishizaki, Capella istropolitana, Stephen Gunzenhauser. Composed by Antonio Vivaldi
Timeless Symphony No. 8 In F Major, OP. 93 – IV Nicolaus Esterhazy Sinfonia, Bela Drahos. Composed by Ludwig Beethoven
Timeless Clair De Lune Klara Kormendi. Composed by Claude Debussy
Timeless Peer Gynt – Suite No. 1, OP. 46 – IV. In the Hall of the Mountain King Iceland Symphony Orchestra, Bjarte Engeset. Composed by Edvard Grieg
Timeless Carmen Habanera Slovak Philarmonic Orchestra, Anthony Bramal. Composed by Georges Bizet
Timeless The Planets – Jupiter, the bringer of Jollity CSR Symphony orschesta, Bratislava, Adrian Leaper. Composed by Gustav Holst
Timeless Zadok the Priest Thomas Tallis Chamger Choir, Royal Academy Consort, Jeremy Summerly. Composed by Handel
Timeless Canon in D Major Capella Istropolitana, Richard Edlinger. Composed by Johann Pachelbel
Timeless Air on the G string Capella Istropolitana, Jaroslav Dvorak. Composed by Bach
Timeless Voices of Spring Waltz Slovak Radio Symphony Orchestra, Ondrej Lenard. Composed by Johann Strauss II
Timeless Symphony No 40 in G Minor, K 550 – 1. Molto Allegro Cologne Chamber Orchestra, Helmut Bruhl-Muller. Composed by Mozart
Timeless The Trials Kazuma Jinnouchi
XS No Wolf Like The Present At The Drive-In
XS I Don’t Wanna Know Bass Drum of Death
XS Turn It Up Bat Fangs
XS Little Things Gone Wild Black Rebel Motorcycle Club
XS Pastel City Dommengang
XS Down to the Bottom Dorothy
XS Die Trying Eyes Set to Kill
XS La Dee Da Foo Fighters
XS Safari Song Greta Van Fleet
XS Six Wave Hold-Down Hot Snakes
XS Rise I Prevail
XS Over and Over and Over Jack White
XS Can’t Be Ignored Pennywise
XS Deathwish Red Sun Rising
XS Satellite Starset
XS Run For Cover The Killers
XS Sister Cities The Wonder Years
XS Rapture Underoath
XS Headphones Walk the Moon
XS The Evil Has Landed Queens of the Stone Age

L’articolo Forza Horizon 4, c’è la lista delle auto proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Forza Horizon 4, c’è la lista delle auto

Dakar 18, c’è il trailer con le caratteristiche

Bigmoon Entertainment ha pubblicato oggi un nuovo trailer dell’atteso simulatore di rally raid Dakar 18, che sarà disponibile su Pc, PS4 ed Xbox One il prossimo 25 settembre.

Ecco il “Feature Trailer”, buona visione.

Basato sul rally raid annuale, conosciuto in tutto il mondo, organizzato dalla Amaury Sport Organisation (A.S.O.) in Sud America, Dakar 18 rappresenta una simulazione realistica del più grande cross-country rally del mondo ed è caratterizzato da una grande varietà di veicoli e da uno dei più grandi open world mai creati.

I giocatori dovranno utilizzare i veri e propri road book, forniti dai piloti al team di sviluppo, per trovare la strada attraverso ognuna delle 14 tappe in Perù, Bolivia ed Argentina.

Gli appassionati potranno competere in feroci battaglie multiplayer online, nonché giocare offline per sfruttare e sviluppare le proprie abilità. Il gioco si concentra sul realismo e promette immagini straordinarie che rappresentano con fedeltà ogni veicolo e pilota per ognuna delle cinque categorie (Auto, Moto, Trucks, Quad e SxS) del rally Dakar 2018. Inoltre, il gioco prevede esperienze in singleplayer, online e multiplayer splitscreen.

L’articolo Dakar 18, c’è il trailer con le caratteristiche proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dakar 18, c’è il trailer con le caratteristiche

Amazon Game Studios annuncia The Grand Tour Game

Amazon ha annunciato oggi che Jeremy Clarkson, Richard Hammond e James May porteranno brividi e giri veloci su PlayStation 4 e Xbox One in The Grand Tour Game, un gioco di corse a episodi basato sulla serie di successo Prime Original, The Grand Tour.

Realizzato da Amazon Game Studios, The Grand Tour Game trasporta i giocatori in località esotiche, dove guideranno le auto più interessanti al mondo e parteciperanno alle folli sfide della serie. Nuovi episodi verranno aggiunti settimanalmente durante terza stagione della serie con le auto, i luoghi e le sorprese tratte da ciascun episodio settimanale.

I giocatori al volante delle vetture che compaiono nella terza stagione e li porta nelle iconiche località che i presentatori visiteranno durante questa stagione, inclusa la famosa pista di collaudo Eboladrome, di The Grand Tour. Caratterizzato da clip tratte dal programma e incorporate nel gameplay e ore di recitazione vocale originale di Jeremy Clarkson, Richard Hammond e James May, The Grand Tour Game è intriso dell’umorismo e delle battute scherzose tipiche dello show.

Il gioco è stato realizzato utilizzando Amazon Game Tech, inclusi Amazon Web Services (AWS) e Amazon Lumberyard.

L’articolo Amazon Game Studios annuncia The Grand Tour Game proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Amazon Game Studios annuncia The Grand Tour Game

Assetto Corsa Competizione, dettagli sull’early access di settembre

Come già saprete, Assetto Corsa Competizione arriverà su Steam in accesso anticipato a partire dal 12 settembre prossimo edito da 505 Games. Ma sono emersi più dettagli dalla conferenza stampa di SRO che si è tenuta lo scorso weekend in occasione della settantesima edizione della 24 Ore di Spa.

Kunos Simulazioni ha svelato più dettagli. Marco Massarutto, cofondatore e brand & product manager della software house italiana ha avuto l’opportunità di illustrare alcune delle nuove caratteristiche di Assetto Corsa Competizione in grado di far vivere in prima persona l’atmosfera unica della GT3 Series. Il gioco include i piloti ufficiali, tutte le auto e i circuiti della Blancpain GT Series riprodotti con una cura maniacale.

Sfruttando appieno tutte le potenzialità dell’Unreal Engine 4, Assetto Corsa Competizione, garantirà un’elevatissima qualità di rendering e condizioni metereologiche fotorealistiche che stabiliscono un nuovo livello di standard nei giochi di guida e nella simulazione immersiva. La tecnologia motion capture è stata utilizzata per creare le animazioni dei meccanici e dei piloti con un livello di realismo senza precedenti per assicurare un altissimo livello di coinvolgimento dei giocatori nel corso delle gare, dei pit-stop e dei cambi di pilota.

In questo video vediamo la presentazione del gioco a Spa. Buona visione.

Successivamente al lancio su Steam, in modalità accesso anticipato, Assetto Corsa Competizione verrà espanso con aggiornamenti mensili che arricchiranno il simulatore di nuove auto, piste e nuove caratteristiche di gioco fino al rilascio della versione definitiva che avverrà a inizio 2019.
La versione finale offirà una vasta gamma di livelli di difficoltà e un efficiente sistema di ranking per garantire la migliore esperienza multiplayer possibile a tutti piloti, dagli esordienti fino ai veterani. Kunos ottimizzerà il titolo per il gioco competitivo con una serie di classi e di eventi speciali e la possibilità di cimentarsi nella sfida più difficile, la gara da 24 ore con l’opzione del cambio pilota nelle modalità single-player e multiplayer.

ESPORT

Nel corso del weekend dedicato alla Total 24 ore di Spa, si è tenuta nel paddock del circuito di Spa-Francorshamps una competizione ufficialmente supportata da SRO Motorsports Group (gli organizzatori di Blancpain GT Series) basata su una versione preliminare di Assetto Corsa Competizione. Questo è stato il primo evento eSport supportato da SRO Motorsports Group per Blancpain GT Series E-Sports, ed è stato organizzato con la collaborazione di Pirelli, AK Informatica, RSeat e Fanatec. Il torneo ha messo in palio premi per i piloti più veloci che sono stati premiati sul podio del circuito:

1) Enzo Bonito (Italia)

2) Kamil Franczak (Germania)

3) Hany Alsabti (Germania).

 

L’articolo Assetto Corsa Competizione, dettagli sull’early access di settembre proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Assetto Corsa Competizione, dettagli sull’early access di settembre