Archivi categoria: Editoriale

Auto Added by WPeMatico

Perché abbiamo dato 10 a Red Dead Redemption 2

Carissimi tutti, buongiorno. Come avrete notato, da quasi una settimana campeggia sulla nostra home la recensione di Red Dead Redemption 2 a firma del nostro caro amico e collega Massimo Reina.

Avrete senza dubbio notato il 10 per premiare il lavoro di Rockstar Games ma anche per segnalare il nostro più totale apprezzamento. Chiaramente il 10 è una rarità. E lo è anche nel nostro sito: Red Dead Redemption 2 si aggiunge al “perfect score” dato in precedenza soltanto a The Witcher 3: Wild Hunt e ad Undertale, unici titoli, nelle nostre pagine ad avere questo gran voto.

Red Dead Redemption 2_20181029132441

Red Dead Redemption 2 è un capolavoro annunciato, in grado di far parlare di sé anche per motivi più assurdi (ricordiamo vari attributi riproduttivi equini a caso), ma anche per la bellezza di quanto proposto nel western firmato dagli autori, Rockstar Games.

Certo, non è un gioco perfetto. Ma cosa è perfetto? Umanamente lo è, tecnicamente no perché come è ovvio che sia ogni tanto troviamo piccole imprecisioni. Eppure abbiamo dato 10, il voto per indicare la perfezione. Ma è sempre un numero, un qualcosa di astratto e frutto, probabilmente, di una utopia tipicamente umana: la perfezione.

Ma perché abbiamo dato 10? Le emozioni in primis: Red Dead Redemption 2 ha saputo catturarci e rapirci in un mondo west ricreato con tutti i crismi in cui si ha la massima libertà di far quel che si vuole. Nondimeno a breve arriverà anche la possibilità di giocare online, caratteristica che in GTA V, altro capolavoro di Rockstar Games, e di organizzarsi, soprattutto, con amici.

Sono i dettagli che fanno la differenza. E nel gioco in questione, troviamo tantissime cose da fare che già sono presenti in altri titoli ma che sono potenziate all’ennesima potenza. Il solo vagare in lande innevate con la neve alta che rende l’andatura difficoltosa è già da applausi.

Red Dead Redemption 2_20181029130855

Ma questo è solo uno dei molteplici dettagli che fanno di Red Dead Redemption 2 un capolavoro. Ci sono i glitch? Sono presenti in altri titoli osannati quali Skyrim, Oblivion, Fallout e così via. Nessuno si è lamentato più di tanto. Si perché non ci sarà mai un gioco tecnicamente perfetto soprattutto vista la portata del mondo riproposto, davvero enorme e suddiviso in svariati chilometri quadrati.
Il glitch o l’imperfezione tecnica può manifestarsi in qualunque momento. Ma umanamente, quanto proposto, scalda il cuore nonostante dietro ci siano freddi numeri, righe di codice abbellite da una trama, da dei dialoghi, dal doppiaggio e da un affresco grafico veramente di gran livello considerando che il tutto gira su hardware buoni, per carità, ma assolutamente arretrati ormai vista la corsa al miglioramento tecnologico. Non osiamo immaginare cosa possa essere possibile con un hardware Pc all’ultimo grido.



Red Dead Redemption 2 ci offre un mondo vivo, credibile, tante piccole storie da vivere e da raccontare, tante cose da fare che possono anche rimanere impresse nella mente e scaldare il cuore di molti appassionati videogiocatori. Ah, a proposito, chiamatela esperienza, chiamatelo come volete, ma rimane sempre un videogioco e se magari qualche mente sopraffina avrà trovato alcune incongruenze, queste sono comunque umane. Ed ecco che si materializza il 10. Un ossimoro, del tutto umano, ma al tempo stesso perfetto nella sua imperfezione.

Buon gioco a tutti, amici.

L’articolo Perché abbiamo dato 10 a Red Dead Redemption 2 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Perché abbiamo dato 10 a Red Dead Redemption 2

Siamo sicuri che PES sia morto? Le licenze fanno davvero la differenza?

È notizia di qualche giorno fa quella relativa alla separazione tra Konami e la Uefa al termine della finale di Champions League di Kiev del mese prossimo. In pratica cesserà la presenza della massima competizione continentale per club in Pro Evolution Soccer.

La serie calcistica, dunque, dopo dieci anni perde questa licenza di indubbio peso. E molti sul web danno per spacciato PES. Abbiamo già letto da parte di qualcuno addirittura dei messaggi di condoglianze. Ma siamo sicuri che sia effettivamente così?

Intendiamoci, è bellissimo avere un videogioco con tanto di licenze ufficiali per divertirsi con la competizione più importante d’Europa sotto l’egida dell’Uefa. Ma è davvero un fattore chiave? Visto e considerato che ormai tra editor e strumenti per le mod si può fare di tutto e di più?

Riteniamo che questo, anzi, possa essere un nuovo inizio per la serie calcistica di Konami che fino a Pro Evolution Soccer 5, che a nostro modestissimo avviso rimane uno dei migliori giochi calcistici di sempre benché sia vecchio di oltre 12 anni, era un signor titolo e non aveva neppure queste licenze.

Si sa, altri tempi con il pubblico che è diventato esigente al punto che se trova difficoltà a superare un punto lo rende noto ed è pronto a sbugiardare il lavoro altrui. Per fortuna la stragrande maggioranza del pubblico ama le sfide.

Per molti le licenze ufficiali devono essere presenti. Ma è così che deve essere? È un po’ come il discorso della risoluzione a 1080p o in 4K e non meno di 60 fps. Sono davvero così necessari? Per giocare in comodità si, magari, ma non è detto che sia essenziale per divertirsi. 

Riteniamo di no perché negli ultimi due anni, Pro Evolution Soccer ha fatto dei netti miglioramenti. Non tanto a livello tecnico perché il Fox Engine è a tratti spettacolare, ma quanto a livello di gameplay visto che i famosi “binari” sono un ricordo e si possono trovare giocate interessanti e divertenti.

Ecco, Konami deve ripartire da questo ed il team Pes, libero dal discorso licenze può ricompattarsi ulteriormente e dare il colpo finale per raggiungere gli standard di Fifa che, anno dopo anno, è comunque migliorato tantissimo ed è diventato praticamente il re indiscusso a livello calcistico con numeri di vendita spaventosi soprattutto in Italia dove nella top 50 include non solo Fifa 18 ma anche il suo predecessore tanto ha fatto breccia nel pubblico.

E Fifa non ha (fino ad ora) le licenze Uefa Champion’s League. Quindi alla fine, per quanto prestigiosa, sicuramente non ha fatto la differenza. Poi, chissà. Ma riteniamo che sia una questione di moda. Chi vi scrive ha superato i 40 anni e ricorda titoli calcistici degli anni ’80 e ’90. All’epoca non c’erano questi problemi. Si giocava a Kick Off 2 con squadre fittizie ma ci si divertiva come matti. Prima della questione diritti, Sensible World of Soccer aveva le rose aggiornate di centinaia di campionati ma colpiva soprattutto la possibilità di giocare in tutto il mondo, anche la serie A maltese o di San Marino.

In sala giochi passavamo le ore a Football Champ e ad altri titoli similari ma chi ricorda i calciatori con i veri nomi? Ci si divertiva lo stesso. Si, d’accordo, tempi diversi, ma possibile che si sia persa la concezione di divertimento?

La sicurezza, per ovvi motivi, non possiamo averla. La certezza sulle cose future è sostanzialmente un dogma, ma la sensazione e la speranza che anche senza la licenza Uefa, PES possa migliorare ulteriormente c’è. E ce lo auguriamo di tutto cuore perché avere un’alternativa è sempre positivo e spinge la concorrenza a migliorare ulteriormente gli standard.

Nessune condoglianze, nessun rammarico, ma l’augurio a Konami di riportare PES ai fasti di un tempo. E pazienza se non ci sia la Champions League. Ce ne faremo una ragione ed anzi potrebbe essere una ulteriore motivazione a migliorare… a patto che Konami voglia ancora puntare sul suo gioco calcistico.

L’articolo Siamo sicuri che PES sia morto? Le licenze fanno davvero la differenza? sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Siamo sicuri che PES sia morto? Le licenze fanno davvero la differenza?

Lettera aperta a Fabio Fazio e Giovanni Malagò

Ne hanno parlato tutti, ma è giusto che ne parli anch’io. E lo faccio in prima persona rivolgendomi direttamente a voi con questa lettera aperta dalle pagine del mio piccolo giornale online perché ci sono alcune cose che tengo a precisare.

Videogioco da oltre 30 anni, ne scrivo da 7 in modo professionale  mi ritengo utile alla discussione anche perché da 17 anni scrivo anche di sport come lavoro. Come avete affermato nel corso della trasmissione “Che Tempo che fa” di domenica scorsa (19 novembre 2017), il CIO ha recentemente aperto agli esport come sport vero e proprio mentre ha rimandato un eventuale inserimento alle discipline olimpiche a quando tutto sarà regolamentato perché come ogni cosa nuova è giusto vederla e rivederla per evitare di fare meno errori possibile.

È vero che i videogiochi fanno parte degli esport ma non tutti i videogiochi sono esport. Ed è un peccato che abbiate liquidato la questione in un minuto tra facile ironia, supponenza ed arroganza. In ogni caso con scarsissimo equilibrio perché è evidente che purtroppo non conosciate l’argomento. Qui il video tratto dal canale Rai di YouTube con la relativa intervista. Se ne comincia a parlare al minuto 21:13 circa.

Dottor Fabio Fazio, mi rendo conto che il suo compito sia quello di fare informazione di un certo tipo e magari di non infastidire il suo (illustre) interlocutore di turno (nella fattispecie il presidente del Coni nazionale, Giovanni Malagò), ma non le sembra riduttivo aprire una parentesi di un minuto (possibilmente concordata prima) per liquidare il tutto e prenderla come barzelletta?

È vero, questa parola non l’ha detta lei, l’ha detta Malagò ma lei ha soltanto annuito anche perché ha risposto in modo ironico per tanti (stucchevole per noi che bene o male di videogiochi ne capiamo), “Lei come se la cava con gli Space Invaders?”.

Mi rendo conto che lei debba sintetizzare e far capire a tutti di cosa si stia parlando, ma citare quasi sarcasticamente Space Invaders o Super Mario è davvero fuori luogo. Ha sottovalutato, mi permetta, l’argomento. I due titoli citati, sono dei capisaldi del nostro mondo ma non c’entrano nulla con i videogiochi che farebbero parte degli esport indicati come possibile new entry al palinsesto Olimpico.

Parliamo di altri giochi, decisamente più complessi. Di giochi competitivi. E se anche alcuni di loro non li ritengo adatti ad una competizione olimpica (che ha tanti altri valori), fanno comunque parte di un vasto ventaglio di competizioni internazionali dove girano milioni di dollari (o di euro).

Da anni le risorse e gli incassi dell’industria dei videogiochi sono paragonabili a quelle del cinema ma non se ne parla.

Forse sarebbe stato più utile chiedere se effettivamente i famosi Super Mario e Space Invaders sarebbero stati idonei come esport. Avremmo apprezzato la domanda perché avrebbe fatto capire la volontà di apertura e la volontà di capire.

Sarebbe stata più utile una domanda su quali giochi sarebbero validi per diventare gli esport e magari poi dibattere sul punto di vista (magari diverso, non c’è nulla di male, per carità), e valutare l’effettiva efficacia degli esport come sport. 

Ridicolizzare un mondo sempre in evoluzione senza conoscerlo effettivamente mi dà tristezza. Dottor Fazio, si stupirebbe nel vedere di come è cambiato il mondo dei videogiochi da Space Invaders e da Super Mario. Meno poetico, meno casereccio forse (colpa anche di un’età che avanza per tutti e merito di tecnologie sempre più incredibili) ma che lascia a bocca aperta per le tematiche trattate e per la qualità. Queste vanno a prescindere dagli esport perché si è parlato di Super Mario e Space Invaders.

Si stupirà nell’apprendere che ci siano videogiochi in grado di raccontare storie eccelse anche strappalacrime (The Last day of June, ad esempio) o viaggi iconici (The Journey, Abzu ed altri) o andando al discorso esport davvero di alto livello come Project Cars 2, Forza Motorsport 7 o Gran Turismo Sport o l’emozione del basket di NBA 2K18, o Fifa 18 o altre validissime simulazioni sportive che però personalmente non porterei perché già c’è la controparte reale anche se per iniziare potrebbe andare bene.

E forse potrebbe fare le domande giuste anche perché con questo atteggiamento si è demonizzato e si demonizza il mondo dei videogiochi che ha pari dignità rispetto a tutto il resto ed è con questo atteggiamento che si scrive (disinformando) che molti videogiochi siano causa di comportamenti malsani. Lo fa molto la stampa generalista anche se un po’ il vento sta cambiando. E mi spiace davvero perché il suo stipendio (che non è certamente il mio) glielo offre – di fatto – chi paga il canone Rai. E cosa si paga? Disinformazione? Ed è su quest’ultimo punto, da giornalista, che mi batto perché mi piange il cuore.

Dottor Malagò, lo stesso discorso vale per lei. Mi spiace ancora di più che il presidente del CONI, e quindi il massimo organo sportivo in Italia, non voglia aprirsi o non si sia informato e che anzi veda sotto una cattiva luce il fatto che ci siano milioni di ragazzi che videogiochino.

Ha, invece, detto benissimo, anche perché il CIO lo ha comunicato, che ci vorrebbe una commissione antidoping per i normali controlli. Bisogna si far questo ed anche controllare il giro di scommesse che potrebbe esserci. Ma bisognerebbe recepire le direttive internazionali, studiando il tutto con serietà e se dovessero esserci critiche, si dovrebbero argomentare.

Se non ricordo male, lei è stato un ottimo giocatore di calcio a 5. È una disciplina che amo alla follia alla quale ho dedicato diversi anni (probabilmente i più spensierati), un menisco ed il quasi distacco di una retina (parando capita anche questo, incidenti di gioco, come lei può confermarmi). E tutto questo per il mero piacere di giocare: non sono stato dotato di un gran talento, forse al massimo avrei potuto fare la C2. Posso anche comprendere il suo stupore sulla presa di posizione del CIO e su questa apertura (mentre il calcio a 5, ironia della sorte, ancora non fa parte del palinsesto olimpico, anche se ci sta arrivando… finalmente). Ma non liquidi i videogiochi e gli esport come una cosa negativa o una barzelletta. Le barzellette sono altre e più amare benché debbano fare ridere: veda l’Italia dei giganti del calcio (strapagatissimi) eliminata dalla Svezia… e li si che avete beghe sulla Federcalcio. Si è capito se dovete commissariarla o se questa federazione – stranamente per cavilli legali – si debba autodeterminare?

Vuole sapere un’altra barzelletta? Le medaglie ai mondiali di atletica, o che negli sport di squadra (salvo la pallanuoto o la pallavolo, comunque in difficoltà) non troviamo il podio da anni ed anni. Altra barzelletta? Lo stato dell’impiantisca sportiva che fa acqua da tutti i lati o ancora vedere incitare i padri frustrati nelle partite delle giovanili aizzando i propri figli a staccare le gambe agli avversari…

Sono queste le barzellette, che non fanno ridere e che si affiancano alla superficialità su alcuni argomenti e soprattutto su quelli trattati in un minuto da lei nella trasmissione. Attenzione: non sono un paladino nerd che lotta per l’impossibile e che deve per forza far entrare gli esport alle Olimpiadi. Mi sono stupito anche io e per certi versi posso comprendere il vostro “sgomento”. Ma anziché chiudervi a riccio ed attaccare denigrando senza argomentare (manca proprio l’argomentazione), informatevi meglio e non dedicate un minuto ad una materia importante. Se lei non conosce (come ha ammesso), perché sentenzia e chiude a priori garantendo a Fazio, quasi consolandolo, sul fatto che (per lei) non se ne farà nulla?

Gli esport sono prima di tutto videogiochi, ok… ma anche gli sport sono dei giochi. E nelle sigle delle vostre federazioni la parola “gioco”, anzi “giuoco” appare eccome: FIGC (Federazione Italiana Giuoco calcio); FIGH (Federazione Italiana Giuoco Handball). E’ sempre un gioco.

A Catania lo scorso weekend ho parlato proprio di questo in un talk sulla disinformazione sui videogiochi e di come la stampa generalista li tratti. Ad ogni modo parliamo di giochi e non di barzellette. Concordo con lei assolutissimamente sul fatto che si debba regolamentare questo mondo (e farlo crescere anche a livello agonistico aggiungo io), ma si apra e veda effettivamente di cosa si sta parlando: non parliamo di Space Invaders o di Super Mario… che non sono una barzelletta ma sono poesia se si parla di videogiochi. Ma giocando ad un videogioco competitivo vedrà che lo sforzo e l’organizzazione non sarà tanto diversa da chi pratica sport come il tiro a volo. Sarà forse meno poetico del tiro con l’arco… ma i tempi si evolvono.

Condividi questo articolo


L’articolo Lettera aperta a Fabio Fazio e Giovanni Malagò sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Lettera aperta a Fabio Fazio e Giovanni Malagò

Le microtransazioni sono un problema nel mondo dei videogiochi? Parliamone

Siamo nel cuore dell’autunno. E, ormai, si sa: questa è la stagione più calda del mondo dei videogiochi. E per certi versi anche scottante. Che in questo mondo ci siano dei problemi evidenti è inconfutabile, e mettere la testa sotto la sabbia non aiuterà certamente a risolverli. Insomma, per dirla in

L’articolo Le microtransazioni sono un problema nel mondo dei videogiochi? Parliamone sembra essere il primo su Havoc Point.

La mia sugli eSports ai Giochi Olimpici, il CIO ipocrita? Dite vero?

Da qualche giorno si è tornati a parlare di eSports ai Giochi Olimpici. Per la precisione a partire dal 2024, in corrispondenza con i Giochi di Parigi. Il motivo è presto detto, come si legge dal web, il CIO (il Comitato Olimpico Internazionale) ha aperto a questa possibilità che arriverebbe anche in tempi relativamente brevi, ma ha chiuso la porta ai videogiochi violenti.

Competizioni su Pc e (o) console ok, ma non titoli come, ad esempio Call of Duty, Dota ed altri giochi ritenuti violenti per presenza di morti e distruzione.

Qualcuno – riporta Tom’s Hardware Italia – ha visto dell’ipocrisia in questa presa di posizione perché nel programma olimpico esistono la scherma, le arti marziali, la boxe o (aggiungiamo noi) il tiro a volo, lo skeet, la carabina, nonché il tiro con l’arco e si è citato anche il rugby, “lo Sport bestiale giocato da gentiluomini”, come è solito etichettare questo gioco con la palla ovale.

Da sportivo nato, ed appassionato non posso che dissentire da questa affermazione quanto meno superficiale. Il motivo è presto detto: ma come fate a paragonare un Call of Duty o un Dota o ancora un Doom o un Quake Champions alla scherma? E se si dovesse fare il paragone con le discipline che prevedono l’utilizzo di armi da fuoco, ricordo sempre che le si usa in una gara di abilità senza violenza abbattendo piattelli o dischi. Cosa ci sia di violento proprio non riesco a comprenderlo.

Anziché tacciare di ipocrisia il CIO per questi motivi (magari potrebbero essercene altri ma ben diversi da questo), proporrei ai signori organizzatori di competizioni eSports di rimboccarsi le maniche per fare una proposta più concreta al Comitato Olimpico Internazionale anche in tempi brevi perché nel 2019 sarà ratificata la lista degli sport a cinque cerchi ed allo stato attuale, nonostante l’apertura, non si saprebbe cosa fare.

Se si vuole offrire una chance agli eSports come disciplina unica o multi-disciplina inserita nel programma a Cinque Cerchi, si potrebbe tranquillamente dare spazio ad altri giochi non violenti e non necessariamente riproposizioni degli sport classici su Pc e su console. Del resto i vari fps e moba di spicco hanno già le loro kermesse internazionali con tanto di montepremi in denaro da fare invidia ai maggiori tornei di tennis o di golf.

La mia umile idea sarebbe piuttosto quella di unire 5 o più giochi diversi ed unirli come si fa col Pentathlon moderno o unirne di più se si volesse pensare all’Eptathlon o al Decathlon.

Prendere dai 5 ai 10 videogiochi da proporre universalmente al programma Olimpico per l’assegnazione delle medaglie.

Possiamo anche accettare il fatto che un FIFA, un NBA 2K, possano essere comunque considerati in questo lotto di discipline (copiando gli sport reali non ci sarebbe nulla di male ma a quel punto forse sarebbe meglio proporre Giochi Olimpici eSports separate da quelle tradizionali, ndr), ma vedremmo bene anche un Hearthstone, o un Mario Kart (proprio per non lasciare fuori nessun produttore hardware) o anche Splatoon 2 che è si uno sparatutto ma non offre il fianco al discorso violenza visto che sembra più una sfida di paint-ball dove i giocatori-atleti si sparerebbero addosso vernice. Un gioco molto colorato e con personaggi che non hanno un aspetto particolarmente aggressivo. Ed anche Rocket League potrebbe rientrare nel lotto con milioni di utenti attivi da tutto il mondo. E perché non l’inossidabile Tetris? 

Hearthstone cooperativa
tetris-ultimate-screenshot-4
rocketleague_01
Go4 Splatoon 2
nba2k17
Fifa 18 KIRKLEES STADIUM

La mia è solo un’idea e non perché voglia fare il buonista o l’ipocrita. Lungi da me. Ma semplicemente perché il concetto di sport non ammette violenza gratuita. Le arti marziali in quanto tali hanno un loro codice, loro regole e soprattutto nelle competizioni olimpiche, se uno dei due contendenti sanguina, si sospende subito la contesa per le cure necessarie. Se la situazione non migliora si decreta un vincitore.

Ma dire al CIO che sia stato ipocrita e additare la presenza del rugby, Sport rude ma non cattivo e che tanto fair play insegna ad altre discipline, è proprio ingiusto ed anche in cattiva fede.

Le lame di sciabola, fioretto e spada non hanno mai ucciso nessuno… se uno gioca a qualche fps può anche trovarsi la Swat in casa perché l’avversario sconfitto e frustrato dà il falso allarme alle forze speciali e queste intervengono. E’ capitato. E questo non è ipocrita… è peggio!

Thomas Bach

Concordo, infine, con Thomas Bach, presidente del Comitato Olimpico Internazionale. Si legge da Thom’s Hardware Italia che ha riportato a sua volta uno stralcio dell’intervista al South China Morning Post:

“Vogliamo promuovere la non discriminazione, la nonviolenza e la pace tra le persone. Questi principi non coincidono con i videogiochi che trattano violenza, esplosioni e uccisioni. Vogliamo tracciare una linea ben chiara sull’argomento”.

Non vedo nulla di ipocrita ricordando, infine, che i Giochi Olimpici ai tempi dell’Antica Grecia servivano per stipulare lunghe tregue dalle guerre. 

Condividi questo articolo


L’articolo La mia sugli eSports ai Giochi Olimpici, il CIO ipocrita? Dite vero? sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di La mia sugli eSports ai Giochi Olimpici, il CIO ipocrita? Dite vero?

I drammi di un recensore

Recensori, utenza e distributori. La sacra trinità del gioco internazionale. E’ triste il fatto che nessuno di essi comprendano a dovere l’altro, portando ad una serie di dibattiti spesso fini a se stessi che hanno delle spiegazioni difficili da palesare, persino per chi l’ha iniziato. Nessuno sa cosa pensa l’altro,

L’articolo I drammi di un recensore sembra essere il primo su Havoc Point.

Napoli Comicon 2017 e le premiazioni Micheluzzi, che continuano a non funzionare

Napoli Comicon 2017 è giunto alla sua conclusione ormai qualche giorno fa, ma solo ora è arrivata quella scintilla giusta per poter scrivere questo pezzo. Una fiera del fumetto che giunta alla sua diciannovesima edizione ha mostrato gli alti e i bassi. Tra la polemica con Luca Boschi, l’ex direttore

L’articolo Napoli Comicon 2017 e le premiazioni Micheluzzi, che continuano a non funzionare sembra essere il primo su Havoc Point.

Marvel: No More Events… per almeno 18 mesi dopo Secret Empire!

Ogni lettore affezionato alla Marvel ha sempre sentito impulsi contrastanti che lottavano dentro di lui: da una parte, si tende ad essere devoti al sentimento che la Grande M. ha sempre fatto provare nel narrare storie tra le più emozionanti e coinvolgenti del panorama fumettistico internazionale, dall’altra, da buoni figli

L’articolo Marvel: No More Events… per almeno 18 mesi dopo Secret Empire! sembra essere il primo su Havoc Point.

Open World: Il vuoto dei mondi immensi

“Il sole faceva gli ultimi soldi, nascondendosi dietro l’orizzonte polveroso e spoglio. Solo qualche montagna in lontananza riusciva a dare un senso diversità a un paesaggio cosi monotono. Certamente, potrà sembrare affascinante per gli avventurieri, abituati a vivere nelle loro piccole casette, con tutte le comodità a portata di dieci

L’articolo Open World: Il vuoto dei mondi immensi sembra essere il primo su Havoc Point.

E3 2016: Conferenza Ubisoft – Recap

Per la prima volta dal 2009 Ubisoft si presenta all’E3 senza un videogame su Assassin’s Creed in uscita. Ci si aspettava molto dal colosso francese, specialmente in seguito all’annuncio di Watch Dogs 2, ma dopo le conferenze di Bethesda prima e Microsoft poi, era nell’aria che, nonostante le premesse, sarebbe

L’articolo E3 2016: Conferenza Ubisoft – Recap sembra essere il primo su Havoc Point.

Ma perché non fare un bel gioco sulla Targa Florio?

Da appassionato di videogiochi, anche automobilistici, ho sempre ammirato le novità anche in ambito racing, sin dai tempi degli Arcade e di Pole Position﹣ che di certo non ha bisogno di presentazioni, o Buggy Boy passando a vecchie glorie come Pit Stop, Ferrari Formula One, GP Circuits, Continental Circus, Lotus Esprit Turbo Challenge, Jaguar XJ […]

L’articolo Ma perché non fare un bel gioco sulla Targa Florio? sembra essere il primo su IlVideogioco.

Continua la lettura di Ma perché non fare un bel gioco sulla Targa Florio?

[Editoriale] Operatori mobili telefonici italiani: mangia soldi a tradimento

SpazioAndroid.com Italia

Già a partire dall’anno scorso in Italia, gli operatori mobili telefonici italiani, stanno cercando in tutte le maniere di spillare più soldi possibili ai propri clienti, a partire dal costo delle tariffe con tutto incluso (telefonate, internet e sms), che da 30 giorni è passato a 28 giorni, in questa maniera si va pagare in […]

The post [Editoriale] Operatori mobili telefonici italiani: mangia soldi a tradimento appeared first on Spazio Android Italia.

Continua la lettura di [Editoriale] Operatori mobili telefonici italiani: mangia soldi a tradimento