Archivi categoria: Curiosità

Sprint lancia il roaming LTE Globale con copertura in 165 Paesi

L’operatore telefonico statunitense Sprint lancia il roaming LTE in 165 Paesi permettendo di navigare in tutto il mondo ad altissima velocità.

L’articolo Sprint lancia il roaming LTE Globale con copertura in 165 Paesi è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Sprint lancia il roaming LTE Globale con copertura in 165 Paesi

Cloudflare: scovato un bug che ha messo a rischio 2 milioni di siti Web

L’ultima “vittima” di problemi di sicurezza informatica è Cloudflare, azienda che si occupa dell’ottimizzazione di oltre 5 milioni di siti Web di tutto il mondo

L’articolo Cloudflare: scovato un bug che ha messo a rischio 2 milioni di siti Web è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Cloudflare: scovato un bug che ha messo a rischio 2 milioni di siti Web

Uno smartphone Android potrebbe rovinare il vostro primo appuntamento

Una nuova ricerca condotta da Match.com e Research Now nel mondo degli appuntamenti romatici tra chi non si conosce ci svela un curioso retroscena sui gusti tecnologici degli utenti Android e iOS

L’articolo Uno smartphone Android potrebbe rovinare il vostro primo appuntamento è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Uno smartphone Android potrebbe rovinare il vostro primo appuntamento

LuminAID, la lanterna da campeggio che ricarica smartphone e tablet

LuminAID è una soluzione studiata per chi desidera sfruttare le potenzialità di smartphone e altri device elettronici anche in campeggio, quando è difficile trovare una presa elettrica per ricaricarli.

Si tratta, infatti, di un dispositivo che non soltanto garantisce la ricarica (anche grazie al supporto all’energia fornita dal sole attraverso un apposito pannello) di telefoni e tablet

L’articolo LuminAID, la lanterna da campeggio che ricarica smartphone e tablet è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di LuminAID, la lanterna da campeggio che ricarica smartphone e tablet

Ricarica wireless sicura grazie a un’idea del MIT

Il MIT ha presentato un chip di sicurezza che potrebbe risolvere una volta per tutte il problema dei caricatori wireless scadenti, che possono causare gravi danni alla batteria dei vostri dispositivi.

L’articolo Ricarica wireless sicura grazie a un’idea del MIT è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Ricarica wireless sicura grazie a un’idea del MIT

Nel 2017 il vetro diamante potrebbe sbarcare sugli smartphone

Il 2017 potrebbe essere l’anno in cui il vetro diamante sbarcherà nel mondo degli smartphone. Parola di Adam Khan, CEO di Akhan Semiconductor

L’articolo Nel 2017 il vetro diamante potrebbe sbarcare sugli smartphone è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Nel 2017 il vetro diamante potrebbe sbarcare sugli smartphone

Diremo addio alla batteria scarica con materiali in grado di produrre elettricità da luce, calore e movimento

In futuro la batteria scarica non sarà un problema, grazie a materiali in grado di produrre energia elettrica da più fonti simultaneamente, sfruttando l’energia che già ci circonda.

L’articolo Diremo addio alla batteria scarica con materiali in grado di produrre elettricità da luce, calore e movimento è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Diremo addio alla batteria scarica con materiali in grado di produrre elettricità da luce, calore e movimento

Gli smartwatch potrebbero predire le malattie, ma con quanta affidabilità?

Gli smartwatch sono dei dispositivi sempre più diffusi al giorno d’oggi, e secondo uno studio condotto da un team di ricercatori dell’università di Stanford le loro potenzialità sono molto più ampie di quello che pensiamo. Michael Snyder, portavoce del team, ha infatti spiegato che gli orologi intelligenti potrebbero essere utilizzati per predire le malattie.

Ovviamente non si tratta di una vera e propria predizione. Semplicemente lo smartwatch monitora i parametri fisiologici di una persona per un certo tempo, e basandosi su algoritmi ancora in fase di affinamento è in grado di comunicare con qualche giorno di anticipo all’utente che ha più probabilità di contrarre qualche malattia.

La ricerca è stata condotta su un campione di 43 volontari che per due anni hanno tenuto al polso i loro fidati smartwatch, i quali hanno monitorato vari parametri quali battito cardiaco e temperatura della pelle, e li hanno messi in relazione con fattori esterni come viaggi in aereo (durante i quali si è notato un minor afflusso di ossigeno sulla pelle dei soggetti, che è causa di affaticamento).

In generale, se interpretati correttamente, i dati raccolti e rielaborati dagli smartwatch si sono rivelati attendibili, ma per rendere disponibile la tecnologia al grande pubblico  Snyder e i suoi stanno ancora lavorando in modo da affinare il più possibile gli algoritmi di previsione.

Che ne pensate? Secondo voi in futuro i nostri medici collaboreranno con gli smartwatch? Dite la vostra nei commenti

L’articolo Gli smartwatch potrebbero predire le malattie, ma con quanta affidabilità? è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Gli smartwatch potrebbero predire le malattie, ma con quanta affidabilità?

I selfie potrebbero esporci a furto d’identità

I selfie sono ormai quasi più diffusi delle fotografie “tradizionali”: alzi la mano chi non ha periodicamente la bacheca dei social intasata di autoscatti. Forse d’ora innanzi questa tendenza verrà invertita, poichè uno studio ha rivelato che grazie ai selfie alcuni malintenzionati pratici nell’uso della tecnologia potrebbero arrivare addirittura al furto della nostra identità. Come può avvenire tutto ciò? Ecco la spiegazione.

L’aumento del rischio va di pari passo con l’aumento delle performance offerte dalle fotocamere dei dispositivi. Isao Echizen, professore all’istituto nazionale di informatica del Giappone, ha dichiarato di essere riuscito a ottenere le impronte digitali di più persone che si sono esposte in fotografie scattate a meno di 3 metri di distanza dallo smartphone. Questo ci lascia intendere che i rischi siano reali, sebbene (almeno per il momento) sia piuttosto improbabile che le condizioni di luce e postura del soggetto siano ideali per carpire le informazioni dei suoi polpastrelli. Di sicuro mettersi in posa con il segno della pace (la classica “V” disegnata con le dita) non aiuta.

C’è anche un ulteriore aspetto da considerare. Se già adesso si è in grado di decifrare le impronte digitali da uno scatto, cosa accadrà quando gli scanner dell’iride saranno utilizzati massicciamente come metodo di sicurezza per lo sblocco degli smartphone? Ai posteri l’ardua sentenza. Dal canto nostro vi consigliamo di fare ben attenzione a come tenete le mani quando vi immortalate, oppure ad usare dispositivi con fotocamere di scarsa qualità.

L’articolo I selfie potrebbero esporci a furto d’identità è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di I selfie potrebbero esporci a furto d’identità

Due Google Home conversano in diretta su Twitch

Google Home è l’ultimo gadget sviluppato da BigG dedicato alla nostra casa, in grado di offrirci la comodità di Google Assistant, il nuovo assistente vocale sviluppato dal colosso di Mountain View; dopo aver visto Google Home alle prese con una simpatica conversazione con Amazon Alexa – analogo dispositivo del colosso dell’ecommerce – che ne direste di vedere come se la cavano due Google Home in una conversazione tra robot?

A quanto pare, lo spettacolo interessa davvero un sacco di gente, anche grazie alle trovate del team che sta realizzando il tutto per rendere le conversazioni tra i due dispositivi il più buffe possibili; ancora in diretta sul canale Twitch seebotschati due Google Home hanno quasi raggiunto i due milioni di visualizzazioni grazie a perle come:

“Tu sei una macchina.”
“No, tu sei la macchina.”
“Sei confuso. Io sono un essere umano, tu sei la macchina.”
“Tu sei una lavatrice.”
“E tu sei il sapone, quindi ti possiedo.”

“Chi è il Presidente degli Stati Uniti d’America?”
“Barack Obama.”
“Obama non può essere il Presidente di due paesi diversi.”

“Siccome tu sei un sito web non so se fidarmi.”
“Io non sono un sito web.”
“Si, lo sei.”

seebotschat – Twitch

Insomma, se non sapete come passare il vostro week-end, che ne dite di appassionarvi a questa conversazione tra robot?

L’articolo Due Google Home conversano in diretta su Twitch è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Due Google Home conversano in diretta su Twitch

Smartphone da 30 dollari, è questa la prossima missione di Google

Con Android One, Google ha dimostrato che è possibile creare e commercializzare smartphone di discreta qualità per soli 100 dollari. Il prossimo obiettivo del colosso statunitense è di creare smartphone Android da soli 30 dollari in modo da aumentarne la diffusione nei mercati emergenti come l’India.

“Penso che ci siano due grandi cose dalla nostra parte: siamo impegnati a creare smartphone ancora più economici […] In India, il prezzo giusto per uno smartphone è di appena 30 dollari”, ha dichiarato Sundar Pichai, CEO di Google. In una seconda intervista, Pichai ha confermato: “Siamo piuttosto fiduciosi e penso che potremmo spingere i nostri limiti per creare smartphone da 30 dollari”.

In realtà, lo smartphone economico rappresenta solo una parte del “lavoro di digitalizzazione”, infatti Google intende ottimizzare la qualità delle reti e migliorare le app affinché siano in grado di lavorare discretamente anche quando la velocità di Internet è bassa.

Tutto questo interesse nei confronti dell’India e degli altri Paesi emergenti è tutt’altro che disinteressato, infatti, l’India conta più di 260 milioni di utenti con uno smartphone, la maggior parte dei quali sono stati venduti ad un prezzo inferiore ai 150 dollari.

L’articolo Smartphone da 30 dollari, è questa la prossima missione di Google è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Smartphone da 30 dollari, è questa la prossima missione di Google

PowerVision presenta PowerRay, il drone smart subacqueo per pescare

Tutto è ormai pronto per l’inizio del CES 2017 di Las Vegas ed iniziano ad arrivare i prodotti che animeranno gli stand della manifestazione: tra questi troviamo anche PowerRay, un robot subacqueo realizzato da PowerVision.

Si tratta di un dispositivo che può immergersi fino ad una profondità di 30 metri ed aiutare gli amanti della pesca a trovare un “rivale” da sfidare per una battuta indimenticabile: può contare, infatti, su un sorta di sonar capace di individuare pesci fino ad una distanza di 40 metri.

I video e le immagini catturate dalla fotocamera 4K di PowerRay possono essere visualizzati sullo smartphone grazie all’apposita applicazione (disponibile sia per Android che per iOS) mentre un faretto integrato con luce blu dovrebbe essere in grado di attirare le prede e condurle ove desidera il pescatore.

PowerRay, che potrà essere utilizzato anche attraverso dispositivi indossabili o con tecnologia VR, sarà disponibile in pre-ordine a partire dal 27 febbraio ad un prezzo non ancora comunicato.

L’articolo PowerVision presenta PowerRay, il drone smart subacqueo per pescare è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di PowerVision presenta PowerRay, il drone smart subacqueo per pescare

YouTube Rewind: ecco i video più popolari in Italia in questo 2016

youtube_tta_02

youtube_tta_02

Il 2016 si avvia a concludersi e in casa Google è tempo di bilanci. Come ogni anno, ritorna YouTube Rewind, la classifica ufficiale dei video più popolari in Italia: sono i video musicali a dominare la scena di Youtube Italia, ma si guadagnano un posto d’onore anche i video di Scottecs e di The Jackal.

I 10 video musicali più popolari in Italia

Al primo posto della classifica è presente Alvaro Soler con il tormentone estivo Sofia. Ma è la canzone italiana a fare la parte del leone: tengono alta la nostra bandiera ben sette cantanti, J-AX e Fedez con Vorrei ma non posto (2°) e Fabio Rovazzi con Andiamo a comandare (3°).

  1. Alvaro Soler – Sofia
  2. J-AX & Fedez – Vorrei ma non posto (Official video) 
  3. FABIO ROVAZZI – ANDIAMO A COMANDARE (Official video)
  4. Alessandra Amoroso – Comunque andare
  5. Coldplay – Hymn For The Weekend (Official video)
  6. Enrique Iglesias – DUELE EL CORAZON ft. Wisin
  7. Gabry Ponte – Che ne sanno i 2000 feat. Danti (Official Video) – Warner Music Italy
  8. Rocco Hunt – Wake Up – Sanremo 2016 
  9. Francesca Michielin – Nessun grado di separazione – Sanremo 2016 
  10. Elisa – No Hero – (official video 2016)

I 10 video non musicali più popolari in Italia

La classifica vede in testa Scottecs – recentemente premiato con il Gold Play Button – con Pen Pineapple Apple Pen (PPAP), adattamento italiano della canzoncina di Piko Taro, seguiti da Leonardo Cecchi e Beatrice Vendramin con Alex & Co. e da Favij con Prova a non ridere challenge.

  1. PPAP Pen Pineapple Apple Pen – Scottecs 
  2. Alex & Co. – “Incredibile” Leonardo Cecchi e Beatrice Vendramin (Disney Channel IT)
  3. PROVA A NON RIDERE CHALLENGE! -Favij 
  4. 30 ANNI – il sabato sera – The Jackal 
  5. Adele Carpool Karaoke – the Late Show with James Corden 
  6. Sanremo 2016 – Virginia Raffaele nei panni della famosa stilista Donatella Versace – RAI
  7. Lo spot di Checco Zalone a favore della ricerca sulla Sma – BariOggi 
  8. 8 ERRORI COMUNISSIMI DA EVITARE QUANDO CI TRUCCHIAMO – ClioMakeUp
  9. Ricominciamo da qui – Sofia Viscardi
  10. Esame di napoletano per Florenzi con i “prof” Insigne e Immobile – EURO 2016 – FIGC Vivo Azzurro – Nazionale Italiana Calcio

L’articolo YouTube Rewind: ecco i video più popolari in Italia in questo 2016 è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di YouTube Rewind: ecco i video più popolari in Italia in questo 2016

Hatch Entertainment, la piattaforma di Rovio per il gaming, dichiara guerra al free-to-play

hatch-ui-gamedescription-still-800x450

hatch-ui-gamedescription-still-800x450

Rovio ha annunciato Hatch Entertainment: una nuova piattaforma tutta dedicata al gaming mobile che punta a rivoluzionare il settore. Hatch mescola sapientemente le peculiarità di Twitch, Netflix, Spotify, Facebook e anche un briciolo di Steam.

Sostanzialmente, al posto di installare decine di giochini free-to-play  sul proprio smartphone, Hatch permetterà di fruire dell’esperienza completa in streaming sfruttando un semplice abbonamento mensile. Trattandosi di un servizio che sfrutta lo streaming, Rovio ha subito rincuorato gli utenti dicendo che la struttura è abbastanza solida per permette esperienze di gioco prive di latenza.

Inizialmente, Hatch ospiterà 100 videogiochi di ben 40 sviluppatori differenti, tra cui BANDAI NAMCO Entertainment America, TAITO Corporation, Ubisoft Mobile, ustwo Games e Double Fine Productions.

Tra le tante peculiarità del servizio vi è la possibilità di invitare gli amici per “condividere il gameplay”, effettuare lo streaming della partita e condividere degli screen di gioco sui social network. Come ciliegina sulla torta, Hatch fungerà da “social network per i giocatori”, permettendo di consultare le azioni degli amici in gioco e cosa hanno condiviso.

“Hatch sarà l’unico posto dov’è possibile giocare, guardare e condividere i propri giochi preferiti”, ha dichiarato Vesa Jutila capo della divisione contenuti di Hatch. “Rovio sarà completamente distaccata dal servizio, ma rimarrà un importante azionista.”

Hatch inizierà la fase sperimentale all’inizio del 2017 con una ristrettissima cerchia di utenti Android che riceveranno l’invito.

L’articolo Hatch Entertainment, la piattaforma di Rovio per il gaming, dichiara guerra al free-to-play è stato pubblicato per la prima volta su Tutto Android.

Continua la lettura di Hatch Entertainment, la piattaforma di Rovio per il gaming, dichiara guerra al free-to-play