Archivi categoria: Arcade

Auto Added by WPeMatico

Cursed Castilla, dal 24 gennaio disponibile su Switch

Cursed Castilla, titolo di Locomalito, dopo essere uscito nel 2016 su PS4, Xbox One, Steam e 3DS, ritornerà su Switch il 24 gennaio a 13,99 euro, Inoltre, sul Nintendo eShop, ci sarà uno sconto del 10% per i pre-ordini a partire dal 17 gennaio.

I giocatori impersoneranno Don Ramiro, convocato dal re di Castiglia, Alphonse VI, per liberare il regno di Tolomera del Rey da una forza oscura e malvagia.

Cursed Castilla è un titolo arcade pieno di azione a 60fps, 4 finali diversi, 4 diverse modalità di visualizzazione. Nello specifico ecco le sue caratteristiche:

  • Possibilità di esplorare Tolomera del Rey in profondità attraverso 8 fasi di gioco.
  • Combattimenti contro più di 48 tipi di nemici e 19 boss finali.
  • Nuove abilità di combattimento da sbloccare.
  • Bestiario illustrato indicanti tutti i nemici.
Cursed Castilla (Maldita Castilla EX)_20170116202859

L’articolo Cursed Castilla, dal 24 gennaio disponibile su Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Cursed Castilla, dal 24 gennaio disponibile su Switch

Out Run sfreccia su Switch grazie a SEGA Ages

Out Run, lo storico racing arcade, sfreccia anche su Switch grazie alla collana SEGA Ages. Il classicissimo di Yu Suzuki è disponibile al prezzo di 6,99 euro.

Arricchito di un nuovo sistema di controllo tramite sensore di movimento e di un sistema di classifiche, SEGA Ages Out Run riporta su strada a tutta velocità il titolo che ha dato il via al genere dei giochi di guida arcade. In questa versione sono inclusi tutti gli iconici stage e i brani della famosissima colonna sonora.

Vediamo il trailer di lancio.

La storia dei giochi SEGA: alcuni aneddoti e curiosità su Out Run

  • Out Run fu inizialmente concepito come un racing game dal titolo Dead heat, in cui ci si trovava a bordo di una vettura di Formula Uno, prima di trasformarsi poi nel gioco di guida con una macchina su licenza commerciale che aiutava a distinguerla dalle altre.
  • Out Run inizialmente avrebbe dovuto ricalcare la corsa su strada che attraversava l’America nel film The Cannonball Run. In seguito Yoji Ishii e Yu Suzuki decisero di ispirarsi all’Europa per avere una maggiore varietà di panorami.
  • L’edizione SEGA AGES contiene alcuni brani aggiunti nella versione di Out Run pubblicata per Nintendo 3DS, insieme ad alcuni nuovi arrangiamenti delle canzoni dell’epoca Master System e Mega Drive, come Midnight Highway – Playback. C’è anche una versione chiptune di Radiation, brano che compare originariamente in Out Run 2006: Coast 2 Coast.

Se si firma un record con il nome di “YU.”, punto incluso e si tiene premuto X alla fine dello Stage 2, vedreteOutOu comparire sullo schermo un ringraziamento speciale dedicato al leggendario game designer Yu Suzuki.



L’articolo Out Run sfreccia su Switch grazie a SEGA Ages proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Out Run sfreccia su Switch grazie a SEGA Ages

Pang Adventures è disponibile su Switch

Pang Adventures fa il suo debutto odierno su Switch. Lo rende noto DotEmu, software house famosa per la sua attenzione al rifacimento di titoli retro.

La versione per la console Nintendo è disponibile sull’eShop al prezzo di 9,99 euro. Nel gioco, come molti sapranno, si seguiranno le avventure di due fratelli in una missione globale per salvare il mondo da un’invasione aliena. I giocatori si troveranno di fronte pericolosi alieni in diverse località iconiche attorno il mondo come l’Antartico, la Death Valley, Bora Bora ed altri scenari da esplorare e liberare dalla minaccia.

Pang Adventures affronteranno oltre 100 livelli usando diverse nuove armi e gadget per avere la meglio sui nemici.

Il titolo offre anche tre modalità per condividere le proprie avventure e salvare il mondo assieme. Facile imparare la meccanica di gioco che riprende il classico di inizio anni ’90 che è adattato ai Joycon ed alla modalità portabile che permette di giocare a Pang Adventures ovunque si sia. La versione Switch si va ad aggiungere alle edizioni per Steam e PS4. Qui, la nostra recensione sulla versione per console console.

 

L’articolo Pang Adventures è disponibile su Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Pang Adventures è disponibile su Switch

Zeroptian Invasion, Recensione

Il Natale si avvicina. Non c’entra molto con la recensione ma era verso questo periodo che chi vi scrive ricorda con piacere le primissime esperienze in sala giochi davanti agli Arcade. Eravamo tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 quando la fantasia dei più giovani era esaltata dai primi videogiochi.

Erano gli anni di Space Invaders, che uscì però nel 1978, e Galaga pubblicato tre anni dopo. Ma perché abbiamo nominato questi due classici? Semplice: per parlare di Zeroptian Invasion, un nuovo sparatutto arcade firmato dallo sviluppatore indie Josyanf1, uno sviluppatore indie spagnolo, che omaggia i titoli sopracitati.

Questo gioco trasuda atmosfera arcade da tutti i pori. Anzi, da tutti i pixel e da tutte le note dell’ottima colonna sonora in chiptune. Il titolo, uscito lo scorso 28 novembre su Steam per Pc, ma dovrebbe essere disponibile presto anche per Mac e Linux, è rivolto agli appassionati retro, saprà conquistare anche gli altri utenti?

Ecco la nostra (rapida) recensione. Buona lettura.

TRA SPACE INVADERS E GALAGA, GAMEPLAY IMMEDIATO ED IPNOTICO

Non c’è molto da dire sulla trama. L’incipit è lo stesso che accomuna i cartoni animati giapponesi a tema robottoni che gli shoot’em up a partire dagli anni ’70. Gli alieni cattivi invadono il nostro settore della galassia. Ovviamente siamo l’ultima speranza, il baluardo tra noi e loro, tra la sopravvivenza e l’annientamento, tra il buio e la luce.

Il gameplay è semplice, immediato, quasi primitivo ma sempre vincente anche perché è un mix tra Space Invaders, Galaga o Centipete visto che chi ha qualche annetto sopra la trentina (ma anche i più giovani, i titoli sopracitati sono davvero famosi, ndr), troverà queste meccaniche (nonché i movimenti e le situazioni di gameplay) davvero familiari.

Le ondate dei nemici, infatti, prendono spunto da loro. Ci sono anche i boss ogni tre stage con un livello di difficoltà che cresce e che diventa subito frizzante. Non mancano i bonus che si dovranno raccogliere una volta colpita l’astronave “madre” che passa di tanto in tanto. Sparo rapido e scudi saranno fondamentali per avere la meglio di ondate di nemici sempre più forti.

C’è da rimanere ipnotizzati vista l’immediatezza e la rapidità che ci fa tornare alla mente i tanti momenti spensierati (e gettoni spesi) nelle sale arcade.

GRAFICA AD “1 BIT” E CHIPTUNE D’AUTORE






La parte tecnica di Zeroptian Invasion esalta il lavoro certosino dello sviluppatore. Josyfan1 ha puntato forte (All in, oseremmo dire) sull’effetto nostalgia dipingendo una grafica con pochissimi colori a bassissima risoluzione. Tutto rigorosamente in 2d con la nostra navetta nella parte inferiore dello schermo ad aspettare le orde di nemici dall’alto. L’impatto? Efficacissimo. Il nero dello spazio predomina e fa da sfondo ai vari (sono tanti) settori della galassia e ci rapisce catturando i nostri ricordi e fantasie da giovani videogiocatori di allora da vecchie, presumibilmente e preferibilmente, volpi del joypad.

Apprezzabile anche la varietà delle aree da ripulire dei nemici nonché quella dei cattivoni di turni, boss compresi. Troviamo anche fluide le animazioni ma oggettivamente non ci è sembrato un compito di elevatissima difficoltà. Non può mancare la possibilità di applicare anche il filtro CRT per simulare l’effetto tubo catodico e rimarcare la nostalgia degli anni ’80 per quella che viene nominata grafica ad “1 bit”.

Di livello sono anche i brani della colonna sonora firmati da Bibiki in apprezzabilissima chip tune. Le musiche sono molto orecchiabili e si sposano perfettamente con l’azione dettata dal gameplay.

COMMENTO FINALE

Cercate un passatempo rapido ma in grado di tenervi impegnati per qualche minuto (che facilmente si trasforma in qualche ora)? Benissimo, Zeroptian Invasion fa al caso vostro anche perché offre una sfida dal sapore classico ed al tempo stesso impegnativo.

Ottimo il gameplay arcade con un buon livello di difficoltà ed una longevità senza dubbio adeguata al genere di gioco. Dal punto di vista tecnico, il titolo, è senza dubbio gradevole perché può far palpitare i più nostalgici grazie ad una pixel art semplice ma al tempo stesso efficace in gradevole pixel art.

Stesso discorso per la musica in chip tune che accompagna splendidamente le nostre evoluzioni. Se siete amanti dei titoli senza fronzoli e dal gusto retrò, potete dare una chance a Zeroptian Invasion al cui va il merito di aver ricordato egregiamente Space Invaders e Galaga. Forse qualche rimpianto per non aver puntato su qualche innovazione favorita dal tempo: leggasi altre modalità di gioco. Ma probabilmente, l’obiettivo dello sviluppatore era diverso.

L’articolo Zeroptian Invasion, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Zeroptian Invasion, Recensione

NBA 2K Playgrounds 2, disponibile il dlc natalizio

Il nuovo dlc gratuito di NBA 2K Playgrounds 2 è disponibile. L’espansione porta una nuova arena a tema natalizio ed oltre 35 nuovi giocatori. Tra questi vengono segnalati Karl Malone e Dennis Rodman. Si tratta del secondo dlc dopo quello di Helloween.

Vi lasciamo alla clip. Qui, invece, c’è la nostra recensione.

L’articolo NBA 2K Playgrounds 2, disponibile il dlc natalizio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di NBA 2K Playgrounds 2, disponibile il dlc natalizio

Varchi spazio-temporali, fruttini e fondi di caffè: l’epopea di Zaxxon

È difficile descrivere le emozioni offerte da un gioco arcade come Zaxxon. Siamo nel 1982: gran parte dei videogiochi arcade offriva un comparto grafico molto semplice, spesso a schermo fisso e con elementi stilizzati, mentre i prodotti casalinghi erano dotati di una resa visiva molto inferiore alle controparti arcade.

“I giochi con i fruttini” era il triste epiteto con cui alcune persone indicavano i colorati bonus dei primi giochi arcade, spesso rappresentati da elementi semplici come un frutto o una stellina. Solo in rari casi la qualità dei titoli per le macchine casalinghe riusciva a rivaleggiare con i videogiochi arcade (volendo essere ottimisti): si trattava di mosche bianche come ad esempio le conversioni di Donkey Kong per Colecovision o di Mikie della Konami per Commodore 64.

Zaxxon era un’altra cosa. Nonostante la buona conversione disponibile per Colecovision e altri sistemi casalinghi, il titolo Sega restava un traguardo irraggiungibile in termini di risoluzione, fluidità e colori anche per sistemi per l’epoca molto potenti.
Le conversioni di Zaxxon apparivano lontane anni luce dall’originale, anche se la scheda arcade del gioco Sega non utilizzava un hardware fantascientifico: una CPU Zilog Z80 a 3 Mhz, la stessa in dotazione al Sinclair ZX Spectrum e a tanti altri home computer, ma dotata di una generosa quantità di memoria video e altri intelligenti accorgimenti. Zaxxon sembrava una artefatto inviato da una civiltà aliena per insegnare ai terrestri il concetto di videogioco. Durante le interazioni con Zaxxon, l’universo quotidiano dei nerd degli anni ’80 svaniva in un soffio: delusioni scolastiche, compagne di banco a cui tirare le trecce, Deejay Television, videoclip di Sabrina Salerno e stampanti ad aghi. Zaxxon incuteva una soggezione tecnologica difficile da descrivere, che in un attimo rendeva obsoleti oggetti straordinari come Commodore 64, Datassette, zainetto e calcolatrice Casio. Zaxxon era qualcosa di IMPOSSIBILE per il 1982: un film in stile Tron o Guerre Stellari inserito in un ordinario cabinato “prontoscheda” installato nei lerci retrobottega di quei bar con gli inserti in legno e formica e la puzza dei filtri di caffè riciclati.



Intorno al gioco circolavano le più stravaganti leggende metropolitane: “Si controlla con il pensiero”, “C’è la cloche del Millennium Falcon”, “A un certo punto viene fuori Obi Wan Kenobi”, “Lo schermo si apre ed esce il robot” e via dicendo.
Dopo aver ammirato per qualche minuto lo spettacolare “attract mode” del gioco, portavamo le pacioccose manine alle tasche per prelevare le monetine necessarie per giocare, cercando di dissipare l’intensa soggezione tecnologica.

Le prime partite erano un fiasco totale: il gioco era molto difficile a causa dell’inedita e complessa prospettiva isometrica con ombre dinamiche, una novità per il mondo arcade dell’epoca. Zaxxon consentiva di pilotare una navetta attraverso diverse fortezze collocate su asteroidi piatti (!) con l’obiettivo di compiere la consueta strage di nemici. Inoltre, occorreva rifornire periodicamente il proprio caccia distruggendo una serie di serbatoi di carburante inspiegabilmente collocati dai nemici sul percorso di gioco.

L’usanza di inserire serbatoi di combustibile nei livelli di gioco risale a titoli come Scramble della Konami, uscito solo un anno prima ma tecnicamente ormai di un’altra era. Forse questi serbatoi erano una reminiscenza della crisi energetica degli anni ’70, oppure fra le fila dei cattivoni era presente il classico cattivo dal cuore d’oro tipico dei film action degli anni ’80. Non lo sapremo mai.

I livelli di Zaxxon offrivano una qualità grafica impossibile per l’epoca: muri dettagliati che sembravano avvolti da campi di forza in stile TRON, il celebre film di fantascienza della Disney, strutture avveniristiche al suolo, barriere elettriche animate, razzi scagliati in cielo senza motivo, muri di mattoni bianchi (!), stretti passaggi e un boss robotico enorme. Si trattava di elementi in grado di mandare in visibilio un giovane degli anni ’70-80, caratteristiche impossibili da eguagliare per i “giochi con i fruttini”, che scivolavano sempre più indietro nei retrobottega dei bar con gli inserti in legno e formica e la puzza dei filtri di caffè.

Alla fine della partita, i nerd pacioccosi entravano in uno stato di sospensione dalla realtà: avevano interagito con un film “alla Guerre Stellari” e, stravolti dall’emozione e dalla meraviglia, DOVEVANO lanciarsi in una seconda avventura per fare sul serio (“Era una prova, adesso vedrete”). Per giocare a Zaxxon occorreva destreggiarsi fra altitudini variabili, cabrate, picchiate e beccheggi, per poi evitare nemici e colpi in uno spazio isometrico pseudo3D, elemento del tutto inconsueto per i giochi dell’epoca. Il gioco era complesso anche per i più grandicelli e i primi bulli da sala (“Ti faccio vedere io come si gioca”).

Gettone dopo gettone, partita dopo partita, era possibile domare Zaxxon usando lo sparo per individuare il punto in cui attraversare gli stretti passaggi, per poi calibrare le furiose battaglie da ingaggiare nello spazio interposto fra le fortezze. La prospettiva delle sequenze di volo spaziale era realizzata in modo approssimativo: a causa della mancanza di riferimenti, gli aerei venivano rimpiccioliti in modo barbaro per restituire il senso di allontanamento prospettico. All’epoca nessuno faceva caso a questi dettagli, così come all’assurda presenza di un satellite artificiale per telecomunicazioni nello spazio profondo interposto fra le fortezze galleggianti.

 

Una volta raggiunto il decimo livello, il gioco visualizzava un messaggio implorante: “GIVE UP”, ovvero “Ho perso, ma puoi continuare a umiliarmi”. Questa singolare dicitura, una rarità nel campo dei videogiochi, consentiva di continuare il gioco per ottenere un punteggio elevato, essendo ormai la missione completa. Gli anni ’80 erano anche questo.

Zaxxon era uno dei tanti giochi afflitti dalla piaga dei “bootleg”, repliche non autorizzate delle schede arcade realizzate da aziende senza scrupoli al fine di ottenere lauti profitti in modo illegale. Uno dei bootleg più celebri di Zaxxon era denominato “Jackson”, nome vagamente somigliante all’originale ma del tutto estraneo al contesto spaziale del gioco. Chi era questo Jackson? Un cantante alieno? Il presidente della colonia spaziale? Non lo sapremo mai.

Nonostante i quasi 40 anni trascorsi dalla sua pubblicazione, Zaxxon conserva ancor oggi un enorme fascino che lascia intravedere l’impatto deflagrante del titolo Sega sul mondo dei giochi da bar dei primi anni ottanta. Stava per nascere una nuova generazione di titoli in grado di meravigliare attraverso un’estetica fuori dal comune e meccaniche all’avanguardia: i giochi con i fruttini erano ormai sul viale del tramonto e indietreggiavano mestamente nel retro di quei bar con gli inserti in legno e formica e l’odore dei fondi di caffè riciclati.

Adriano Avecone

L’articolo Varchi spazio-temporali, fruttini e fondi di caffè: l’epopea di Zaxxon proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Varchi spazio-temporali, fruttini e fondi di caffè: l’epopea di Zaxxon

NBA 2K Playgrounds 2, ecco il primo dlc con tante novità

L’editore 2K ha pubblicato il primo di numerosi dlc gratuiti previsti per NBA 2K Playgrounds 2, il gioco di basket arcade 2 contro 2 dello sviluppatore Saber Interactive uscito pochi giorni fa su Pc, PS4, Xbox One e Switch.

Questo nuovo aggiornamento, scaricabile per PS4, Xbox One e Pc e prossimamente anche per Switch, offre un caratteristico campetto di Halloween, un assortimento di outfit a tema Halloween (da sbloccare nei pacchetti swag), una nuova modalità casuale chiamata Spezza Caviglie e una vista spaventosa per i vostri avversari. L’aggiunta al roster dei giocatori da sbloccare di NBA 2K Playgrounds 2 di uno dei più grandi giocatori di tutti i tempi Kareem Abdul-Jabbar.

Il nuovo trailer mostra tutte le sorprese che i fan si vedranno arrivare. Buona visione.

L’aggiornamento gratuito comprende anche diversi miglioramenti e bilanciamenti di gioco, compreso miglioramenti sulla velocità dei giocatori, la percentuale delle stoppate, la percentuale di successo per i tiri da 3, così come una varietà di correzioni minori per sistemare i problemi di lag, IA e indicatore di tiro.

L’articolo NBA 2K Playgrounds 2, ecco il primo dlc con tante novità proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di NBA 2K Playgrounds 2, ecco il primo dlc con tante novità

L’arcade shooter Zarvot arriva su Switch il 18 ottobre

Snowhydra Games ha annunciato la data di debutto del suo nuovo titolo indipendente, Zarvot. Si tratta di uno shooter a carattere prettamente arcade, destinato ad arrivare sull’eShop di Nintendo Switch il prossimo 18 ottobre al prezzo di 19,99 euro.





Zarvot (annunciato in origine al Nindies Showcase 2018) è incentrato su cubi antropomorfici capaci di saltare, scattare e saltare in ambienti 3D. Il titolo include cinque modalità multigiocatore competitive e una campagna narrativa per giocatore singolo attraverso nove zone-diorami diversi, con una storia incentrata su due cubi amici per la pelle.

Infine, di seguito proponiamo il trailer di lancio come condiviso dalla software house. Buona visione!

L’articolo L’arcade shooter Zarvot arriva su Switch il 18 ottobre proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di L’arcade shooter Zarvot arriva su Switch il 18 ottobre

NBA 2K Playgrounds 2 ha una data di lancio

Nba 2K Playgrounds 2 debutterà a metà del prossimo mese. Il publisher 2K ha ufficializzato oggi che il titolo sarà disponibile su Pc, PS4, Xbox One e Switch a partire dal 16 ottobre.

Il gioco avrà in copertina: Julius “Dr. J” Erving, Kevin Garnett, Karl-Anthony Towns e Jayson Tatum. NBA 2K Playgrounds 2 aumenta l’energia con nuovi giocatori, campetti e mosse.

Presenti al lancio oltre 300 atleti – inclusi Michael Jordan, Kobe Bryant e Kareem Abdul-Jabbar– mentre altri 200 arriveranno dopo l’uscita.

  • Il gioco avrà 10 nuovi campetti, inclusi: Washington D.C., St. Louis, Seoul e Australia.
  • In aggiunta. il titolo presenterà 100 nuove mosse speciali tra le quali: la schiacciata dalla linea del tiro libero di Michael Jordan, la finger roll di George Gervin’s Iceman e l’auto alley-oop di LeBron James.
  • Personalizzabili inoltre giacche, magliette, pantaloncini, calze e scarpe.
  • La colonna sonora avrà tracce di artisti della caratura di Run The Jewels, Oddisee e DJ Premier.
  • Le modalità di NBA 2K Playgrounds 2 permetteranno di giocare da solo, con amici, o contro il resto del mondo. La modalità Playgrounds Championship presenta una lega competitiva internazionale, la
  • Stagione single-player invece ricrea l’esperienza di un’intera stagione regolare più i playoffs.
  • Ci sono anche partite online da 4 giocatori, partite in co-op contro l’intelligenza artificiale, gare dei 3 punti e molto altro ancora.

L’articolo NBA 2K Playgrounds 2 ha una data di lancio proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di NBA 2K Playgrounds 2 ha una data di lancio

L’alfa di Toki per Amstrad si mostra in video

Dopo essere stato annunciato per ZX Spectrum e per Amstrad, gli sviluppatori continuano il loro lavoro e ci aggiornano.
Gli amanti dell’Amstrad CPC saranno contenti di sapere che AGGP ha pubblicato un video sulla versione alfa del classico arcade uscito originariamente in sala giochi e poi sui computer e console a 16 bit ed 8 bit dell’epoca tranne che su Spectrum e CPC per il quale il titolo è, appunto, in sviluppo.

Il video ci mostra sfondi, animazioni ed una boss fight di fine livello. Lo apprendiamo da IndieRetroNews.

Ricordiamo sempre che Toki vede protagonista un umano trasformato in uno scimpanzé in grado di sparare sfere di energia dalla sua bocca sconfiggendo strane creature per sconfiggere un mago malvagio.

 

L’articolo L’alfa di Toki per Amstrad si mostra in video proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di L’alfa di Toki per Amstrad si mostra in video

Capcom annuncia il Beat ‘Em Up Bundle per settembre

Capcom punta a far rivivere la gloriosa epopea dei beat’em up a scorrimento degli anni ’80 e ’90. La software house giapponese ha annunciato nelle scorse ore il Beat ‘Em Up Bundle che irromperà su Pc, PS4, Xbox One e Switch al prezzo di 19,99 euro il prossimo 18 settembre.
Al suo interno sette classici griffati Capcom. Troviamo Final Fight (1989); The King of Dragons (1991 Captain Commando (1991), Knights of the Round (1991), Warriors of Fate (1992), Armored Warriors (1994) e Battle Circuit (1997).

Ecco il trailer d’annuncio.

Tutti questi giochi hanno avuto grande successo nelle sale ed hanno introdotto iconici personaggi Capcom come Captai Commando, Cody, Guy e Mike Haggar da Final Fight.

Si potrà giocare in cooperativa con amici. Tutti i sette titoli nella raccolta supporteranno il multiplayer locale in cooperativa e diverse opzioni per la personalizzazione delle varie partite come il numero di vite disponibili, i “continua” e la difficoltà.

Nelle battaglie, i giocatori potranno anche “tuffarsi” in un gallerie di immagini storiche ed artwork incluse in ognuno dei titoli. Un viaggio nel tempo che include anche documenti di sviluppo, libretti di istruzione ed altro.

Ci sono anche tante immagini ad accompagnare l’annuncio. Eccole.


















L’articolo Capcom annuncia il Beat ‘Em Up Bundle per settembre proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Capcom annuncia il Beat ‘Em Up Bundle per settembre

2K annuncia NBA 2K Playgrounds 2, arriverà in autunno

2K annuncia oggi che pubblicherà il prossimo gioco arcade di basketball degli sviluppatori Saber InteractiveNBA 2K Playgrounds 2. Questa versione due-contro-due completerà l’offerta di NBA 2K espandendone l’impronta a tema pallacanestro del franchise. Il titolo sarà disponibile a partire dall’autunno su Pc, PS4, Xbox One e Switch.

“L’originale NBA Playgrounds fu un fantastico ritorno al passato ai gloriosi giorni dei giochi sportivi arcade –  dice Greg Thomas, presidente di Visual Concepts – il nuovo NBA 2K Playgrounds 2 incrementerà questa energia – con un tocco in più di stile NBA 2K – dando ai fan di entrambe i franchise un nuovo ed eccitante modo di giocare in ogni angolo del mondo”.

Il CEO di Saber, Matt Karch spiega:

“Nessuno si impegna più di 2K per dare ai propri fan una grande esperienza di pallacanestro. Non vediamo l’ora di mostrare qualcosa di più riguardo NBA 2K Playgrounds 2, sarà un’esperienza

incredibilmente più grande, arcade e migliore per ogni giocatore”.

L’articolo 2K annuncia NBA 2K Playgrounds 2, arriverà in autunno proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di 2K annuncia NBA 2K Playgrounds 2, arriverà in autunno

Hungry Shark World debutta domani su console

Ubisoft annuncia che Hungry Shark World sarà disponibile da domani, 17 luglio, per PS4, Xbox One e Switch.

Sviluppato da Future Games, Hungry Shark World consentirà ai giocatori di ergersi ai vertici della catena alimentare iniziando come un piccolo squalo e crescendo fino a diventare il più temuto predatore dell’oceano. In questa avventura arcade marina, i giocatori dovranno cibarsi il più possibile per sfidare una serie di temibili boss, tra cui macabri squali goblin, predatori preistorici e calamari giganti.

Hungry Shark World include quattro scenari unici da esplorare con splendide isole tropicali, templi sommersi, vaste città ed enormi iceberg. Il gioco offre più di 250 missioni epiche e 20 squali diversi da potenziare, ognuno dotato di caratteristiche uniche. Man mano che i giocatori si immergeranno nelle profondità dell’oceano, scopriranno nuove aree dei diversi livelli, ricchi di nemici unici e tesori nascosti da trovare.

Appositamente realizzato per console, il gioco includerà anche comandi ottimizzati per il controller e supporterà una risoluzione 4K, fornendo una grafica migliorata, sia su PS4 Pro che Xbox One X.

 

L’articolo Hungry Shark World debutta domani su console proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hungry Shark World debutta domani su console

Ziq arriva il prossimo 1 agosto su Pc e Mac

Midnight Sea e 3D Realms annunciano che Ziq sarà disponibile su Pc e Mac dal prossimo 1 agosto. Si tratta di un frenetico runner arcade ad ambientazione sci-fi.

Controlliamo Ziq, un prototipo di nano macchina per aiutarlo a sopravvivere agli esperimenti nefandi di una intelligenza artificiale malvagia. Ostacoli, trappole e insulti costanti dall’IA possono apparire per la prima volta travolgenti, ma ZIQ ha un asso nella manica. Con la semplice pressione di un pulsante, infatti, può passare tra due polarità che distruggono o annullano qualsiasi ostacolo. Correte attraverso sette fasi a tema proceduralmente generate accompagnate da una colonna sonora che batte forte mentre si scalano le classifiche.

Vi lasciamo al trailer ed alle immagini. Buona visione.








L’articolo Ziq arriva il prossimo 1 agosto su Pc e Mac proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Ziq arriva il prossimo 1 agosto su Pc e Mac

Namco Museum Arcade Pac in arrivo su Switch

Due classici di Namco tornano con la compilation Namco Museum Arcade Pac che Bandai Namco Entertainment Europe ha annunciato oggi anche con un trailer che vi proponiamo.

La collezione include Namco Museum e PAC-MAN Championship Edition 2 Plus e sarà disponibile in esclusiva per Switch in Italia dal prossimo 27 settembre (la versione digitale per Nintendo eShop dal 28 settembre).

In Namco Museum, i fan potranno divertirsi con alcuni grandi successi degli anni ’80: Pac-Man, Galaga, Splatterhouse, Tower of Druaga, Rolling Thunder, Sykid e Tank Force.

I giocatori potranno (ri)scoprire questi titoli e giocarli dove e quando preferiscono.

Pac-Man Championship Edition 2 Plus è il secondo titolo incluso nella raccolta. Giocate da soli con gli amici nella nuova modalità cooperativa, “Pac-Man Championship Edition 2 Plus 2P” esclusiva per Nintendo Switch.

L’articolo Namco Museum Arcade Pac in arrivo su Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Namco Museum Arcade Pac in arrivo su Switch