Archivi categoria: Action

Auto Added by WPeMatico

Trailblazers è disponibile su Switch e PS4

Rising Star Games, in collaborazione con lo sviluppatore indipendente britannico Supergonk, ha oggi annunciato che Trailblazers, è ora disponibile per Switch e PlayStation 4.  Si tratta del primo vero gioco di corse arcade cooperativo.

Trailblazers è un racing con un’innovativa meccanica: si colora la pista, si potenziano le proprie scorte e si gioca in squadra per vincere. Attraverso una competizione 3v3, i giocatori colorano la pista mentre gareggiano, possono inoltre catturare le aree chiave per cambiare dinamicamente le sorti del team e aumentare il colore della propria squadra.
I corridori che guidano con stile accumuleranno anche punti abilità per aprirsi la strada verso la vittoria! I giocatori possono immergersi nell’azione ad alta velocità con un massimo di sei giocatori online, o in locale tramite slip-screen per un massimo di quattro giocatori locali, con sfidanti online o controllati dalla CPU.

CARATTERISTICHE

  • Un esclusivo personaggio per Switch: un nuovo personaggio è stato introdotto alla line-up, la prepotente rana spaziale – il padre di Boo!
  • Accedete a tutti i contenuti: i giocatori Switch potranno accedere a tutti i contenuti del gioco, sin dal principio.
  • Campaign Mode: competete in tutta la galassia su diversi circuiti.
  • Una festa musicale: godetevi la colonna sonora retro-futuristica che si adatta perfettamente all’estetica visiva del gioco, con licenza ufficiale di artisti come Skope, Derevolutions, A.Skillz e altri ancora.
  • Artisti Pluripremiati: bellissimi artwork creati dall’artista vincitore di un BAFTA, Will Milton.
  • Piste panoramiche: nella corsa verso la gloria, i giocatori si sfideranno attraverso catene montuose, foreste lussureggianti e aride valli desertiche.
  • Diversi personaggi: ogni pilota ha un ruolo vitale nella community e tutti i personaggi spiegano la storia del mondo dei Trailblazers. Ognuno con un ruolo e uno stile di guida specifico.
  • Flotta futuristica: i giocatori possono scegliere da uno showroom le auto da corsa più veloci della galassia, ciascuna con statistiche personalizzate per adattarsi a ogni stile di gioco e tipo di pista.
  • CrossPlatform: fate squadra con altri giocatori o affrontateli sfruttando il cross-platform.

L’articolo Trailblazers è disponibile su Switch e PS4 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Trailblazers è disponibile su Switch e PS4

Spyro: Reignited Trilogy, Recensione

La prima PlayStation è stata certamente una delle console più importanti della storia dei videogiochi, e tra i mille motivi per cui fu tale c’è senz’altro quello di aver visto nascere personaggi che si sarebbero poi affermati definitivamente nel panorama videoludico mondiale, diventando talvolta perfino il simbolo di una generazione di console o di una piattaforma specifica.

E’ il caso di Spyro, il simpatico draghetto inventato da Insomniac Games ai tempi della prima PlayStation, diventato una vera e propria icona dei videogiochi degli anni ’90. Un personaggio amatissimo dal pubblico, che da anni sognava un suo ritorno da protagonista in qualche nuovo videogioco, e che adesso vede in un certo senso soddisfatto questo desiderio grazie a una raccolta, Spyro: Reignited Trilogy a firma di Activision e Toys For Bob.

Questa è vero che contiene i primi tre episodi della saga originale, ma in versioni così ben rifatte per la nuova generazione di console (e in futuro per Pc), da sembrare nuovi. Ma facciamo prima un passo indietro per rinfrescare la memoria dei nostri lettori.

C’ERA UNA VOLTA UN DRAGHETTO VIOLA… 

A circa la metà degli anni ’90,  negli studi di Insomniac Games, Ted Price e i suoi colleghi stavano discutendo su un nuovo progetto per la prima PlayStation, precisamente un platform 3d, visto che il genere sembrava andare forte su quella piattaforma. Il problema era però inventarsi un personaggio che poteva rivaleggiare coi mostri sacri del periodo, risultando subito simpatico al pubblico: Crash Bandicoot di Naughty Dog era uscito appena un anno prima ed era per esempio amatissimo dal pubblico.
Dopo varie bozze, il disegnatore Craig Stitt creò un draghetto verde dall’aspetto carino ma dall’espressione “furba”, carismatico a suo modo. Il soggetto  piacque subito al resto del team di sviluppo, compreso il direttore artistico del progetto, Charles Zembillas, ex Naughty Dog a cui alcuni storici attribuiscono invece il merito dell’idea.

Insomniac Games decise però di modificarne il colore in viola per evitare che il modello poligonale di quello che venne poi ribattezzato Spyro si confondesse con l’erba che ricopriva il terreno di varie aree del gioco, che il tecnico Alex Hasting immaginava grandi e con un ampio campo visivo.  Non a caso realizzò una nuova tecnologia per il rendering dei livelli di dettaglio che consentì al suo gruppo di ridurre il problema del “fogging” che limitava la visione dell’orizzonte nei giochi 3d dell’epoca.

Quando nel 1998 Spyro the Dragon raggiunse gli scaffali fu un vero e proprio trionfo, con 5 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Il pubblico era rimasto ben impressionato da un comparto tecnico di primo livello, da mondi costituiti da zone ampie e spettacolari pieni di segreti da scoprire e vari potenziamenti che rendevano la progressione un po’ meno lineare rispetto ad altri titoli analoghi, e l’ottima giocabilità.

Il piccolo draghetto viola, insomma, aveva conquistato tutti, ragazzini e adulti: si, perché a dispetto delle apparenze, Spyro non era un gioco indirizzato soltanto ai più piccoli e per questo fu un enorme successo, diventando per molti giocatori una specie di mascotte della console Sony. Il franchise si sviluppò così a gran velocità e Insomniac di sequel ne realizzò due, uno all’anno: Spyro 2: Ripto’s Revenge nel 1999 e Spyro 3: Year of the Dragon nel 2000. Entrambi vennero accolti nuovamente bene da critica e pubblico: ma mentre il secondo episodio in linea di massima manteneva un forte legame col predecessore, il terzo Spyro, segnò anche l’addio degli Insomniac Games, seppe andare oltre, con una trama ancora più curata e una serie di personaggi secondari giocabili.

NON UN SEMPLICE RESTYLING 

In Spyro: Reignited Trilogy ritroviamo proprio questi tre episodi, “rifatti” per l’occasione da Toys for Bob: il primo gioco si trova già sul disco, gli altri due devono invece essere scaricati dallo store di PlayStation. La loro edizione non è dissimile da quanto visto in un altro progetto analogo, ovverosia Crash N. Sane Trilogy, con un totale restyling che ha riguardato soprattutto il comparto tecnologico (e non solo quello, come vedremo più avanti). Grazie all’utilizzo dell’Unreal Engine 4, infatti, i tre titoli godono di una grafica ricchissima di elementi, capace di restituire dei mondi da cartone animato tridimensionale fantasy, esaltati da una palette cromatica vivace e da un sistema di illuminazione che ne evidenzia ogni sfumatura.
Il tutto completato da una serie di riusciti effetti ambientali. Ma è soprattutto nei personaggi, anche in quelli secondari, che il team di sviluppo si è superato: Spyro è animato in maniera straordinaria, le sue movenze sono fluide in ogni momento, quando rotola, salta, incorna un nemico o plana lievemente dopo un volo. Allo stesso modo la figura del simpatico draghetto viola è stata ricostruita su un modello che riporta alla mente l’originale, ma che al contempo evidenzia dei tratti somatici più marcati e espressivi.

Lo stesso si può dire per le “spalle” di Spyro e per i nemici, particolarmente curati in ogni dettaglio, al punto che alcuni sembrano un po’ “diversi”  rispetto agli originali.

Attenzione però: il lavoro del team di sviluppo non si è limitato solo a migliorare gli elementi tecnologici dei tre titoli, ma ha riguardato anche altri aspetti come quelli relativi alla narrazione e alla giocabilità, nel tentativo riuscito di colmare quelle lacune che la tecnologia dell’epoca non era in grado di soddisfare.

Ecco quindi che alcuni personaggi, specie gli antagonisti principali, appaiono più definiti anche nella loro personalità, che le storie dei vari episodi risultano più “complete” e logiche nel loro sviluppo, pur mantenendosi ovviamente sul solco di quelle originali, e così via. Perfino gli scenari, al di là della migliore qualità estetica, hanno subito alcuni piccoli ritocchi tali da renderli un tantino meglio strutturati e di certo più vivi, così da garantire una maggiore interazione (emettendo fuoco l’erba si brucia lasciando il terreno spoglio e bruciacchiato, per esempio) e una  progressione nei livelli più fluida e naturale a 30fps. Insomma, Toys for Bob ha davvero svolto un ottimo lavoro rendendo la trilogia quasi un prodotto “nuovo” sotto diversi punti di vista, piuttosto che una mera “operazione nostalgia”.

Prova ne è che perfino i comandi sono stati rivisti, con una nuova mappatura dei controlli che se da un lato tiene conto del passato nella combinazione dei tasti per compiere delle mosse specifiche, dall’altro rende comunque più “maneggevole” Spyro grazie alla disposizione dei comandi.

Adesso, per esempio, si può richiamare tramite touchpad un menu con tutte le statistiche relative all’avventura che il giocatore sta vivendo, compresi i progressi e le sfide completate. C’è poi una mini mappa selezionabile, visibile in basso a sinistra dello schermo, utilissima per potersi orientare, ed è stato implementato il fast travel, per evitare di dover ripercorrere intere aree per tornare in certi livelli, che diventano invece raggiungibili in un attimo. Il risultato finale è una giocabilità ottima, che  nelle tre diverse avventure, simili ma allo stesso tempo diverse tra loro visto che con ogni capitolo evolve come gli originali, mantiene quindi lo stile di un tempo ma presenta quelle piccole quanto utilissime migliorie atte a renderla più fluida e “adatta” ai giorni nostri.

COMMENTO FINALE

Che siate dei “vecchi” e nostalgici videogiocatori desiderosi di rivivere certe emozioni passate o degli appassionati di platform avventurosi in terza persona dove esplorare enormi aree per accumulare gemme, “semplicemente” desiderosi di vivere un’esperienza estremamente divertente, allora non potete lasciarvi scappare Spyro: Reignited Trilogy.

Una trilogia godibile sotto tutti i punti di vista, ottimamente realizzata e dunque immancabile nella raccolta di ogni amante del genere

L’articolo Spyro: Reignited Trilogy, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Spyro: Reignited Trilogy, Recensione

Iniziano oggi le avventure dell’Agente 47 in Hitman 2

L’atteso Hitman 2 fa oggi il suo debutto su Pc, PS4 ed Xbox One. Lo ricordano Warner Bros. ed IO Interactive.

Il nuovo gioco perfeziona l’esperienza da assassino in ambiente sandbox dando agli appassionati una libertà senza precedenti per pianificare e completare le loro missioni, scegliendo in modo creativo strumenti, armi, travestimenti e tecniche furtive, sarà possibile scatenare sequenze di eventi sempre nuove e imprevedibili.

Ecco il trailer di lancio. Buona visione.

 

David Haddad, presidente di Warner Bros. Interactive Entertainment, ha detto:

Siamo entusiasti di aver lavorato con un team tanto talentuoso come i ragazzi di IO Interactive per il lancio di Hitman 2. Il ha un gameplay immersivo, delle modalità di gioco completamente nuove per il franchise e una costante aggiunta di contenuti che sicuramente appassionerà la fanbase, così come i nuovi giocatori.

 Hakan Abrak, CEO di IO Interactive, ha sottolineato:

È sicuramente un momento molto eccitante per noi di IO Interactive e per i giocatori di Hitman sparsi in tutto il mondo. Hitman 2 non è solo un nuovo importante capitolo per noi come studio indipendente, ma è un vero e proprio benchmark che segna il nostro sforzo per creare esperienze AAA davvero uniche. La Feature Un Mondo di Assassini non smetterà mai di metterti alla prova, perché continueremo ad espanderlo verso nuove ambiziose direzioni.

LE LOCATION

Hitman 2 porta i giocatori in un’avventura a livello globale dentro sei intricate location – incluse Hawke’s Bay (Nuova Zelanda), Miami (Florida/U.S.), Santa Fortuna (Colombia), Mumbai (India), Whittleton Creek (Vermont/U.S.) e la misteriosa Isola di Sgàil (Atlantico del Nord) – Ambienti vivi, ricchi di angoli vibranti di vita da esplorare e che offrono ai giocatori la libertà di pianificare l’assassinio perfetto.

MODALITA’

Una grande varietà di nuove funzionalità, upgrade e oggetti sono presenti nel sequel, inclusa una nuovissima modalità multiplayer competitiva 1 contro 1 – la Modalità Fantasma, una modalità online in co-op – Sniper Assassin, il ritorno della amatissima valigetta, un nuovissimo sistema di progressione, l’abilità di sfruttare l’ambiente per nascondersi, il comportamento della folla è stato migliorato, modalità picture-in-picture, dialoghi curati anche per gli accenti, uso strategico degli specchi, combattimento dell’I.A. migliorato, nuovi livelli di difficoltà e tanto altro ancora.
Con l’intero gioco già disponibile al lancio, le location saranno da subito visitabili e utilizzabili per attività post lancio gratuite, incluse Bersagli Elusivi, Escalation, Modalità Contratti e il Pacchetto Sfida.

L’uscita del Bersaglio Elusivo numero 1 con Sean Bean, L’Immortale, è prevista per il 20 novembre e sarà disponibile per 14 giorni. Sarà solo il primo di numerosi contenuti che saranno disponibili post-lancio.

I Bersagli elusivi sono contratti eccezionali ed estremamente rischiosi che rimangono disponibili solo per un periodo limitato di tempo. Tutti i giocatori possono cimentarsi gratuitamente in queste missioni, ma avranno a disposizione solamente un tentativo per cercare di assassinare il bersaglio e portare a termine il contratto. Quando la missione diverrà disponibile, i giocatori dovranno fermare Mark Faba (Sean Bean) prima che riesca a servirsi delle sue abilità di sorveglianza, infiltrazione e demolizione per completare un contratto presso il Global Innovation Racing Event di Miami.

NOVITA’

Hitman 2 include una nuovissima modalità multiplayer competitiva 1 contro 1: la Modalità Fantasma. I giocatori metteranno alla prova le loro abilità da assassini affrontandosi online nei panni dell’Agente 47 e cercheranno di eliminare il maggior numero di bersagli più velocemente e in maniera più pulita dell’avversario usando armi, oggetti, costumi e casse fantasma di rifornimenti ICA come supporto alla missione.

Il titolo, inoltre, introduce nuovi modi di giocare con la modalità Sniper Assassin, una funzionalità separata che aggiunge, per la prima volta nella serie, il gioco cooperativo: due utenti possono collaborare online per eliminare i loro bersagli. Sniper Assassin può essere giocato in solo come Agente 47 o in cooperativa come uno dei due nuovi operativi, Stone e Knight. La prima mappa, ambientata in un lussuoso chateau a Himmelstein, Austria, sarà disponibile per tutti i giocatori, con ulteriori mappe che diverranno disponibili in un secondo momento.

Basato sul consolidato Mondo di Assassini mondo in continua espansione, Hitman 2 continua la storia dell’Agente 47, che deve intraprendere una nuova terribile missione e dare la caccia al Cliente Ombra, rivelando una volta per tutte la sua milizia. Quando 47 scoprirà la verità nascosta nel suo passato, niente sarà più come prima.

Il pacchetto noto come Legacy Pack, guarda al futuro senza scordarsi il passato. Infatti mette a disposizione degli utenti le location del primo capitolo rimasterizzate e potenziate, il tutto per costruire un vero e proprio Mondo di Assassini. Tutte e sei le ambientazioni (Parigi, Sapienza, Marrakesh, Bangkok, Colorado, Hokkaido) sono ora disponibili come contenuti scaricabili (dlc) e comprendono varie e nuove funzionalità direttamente da Hitman 2. Il pacchetto Hitman Legacy Pack sarà disponibile gratuitamente per i possessori del gioco precedente.

L’articolo Iniziano oggi le avventure dell’Agente 47 in Hitman 2 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Iniziano oggi le avventure dell’Agente 47 in Hitman 2

La serie Trine si dirige su Switch

La serie Trine sta arrivando su Switch. O meglio, i primi tre episodi. Frozenbyte ha annunciato con un trailer che le origini dell’apprezzata serie action platform in salsa fantasy arriverà anche sulla console ibrida di Nintendo. Questi si vanno ad aggiungere al quarto capitolo annunciato poche settimane fa anche per Pc, PS4 ed Xbox One.

Già da oggi è disponibile Trine Enchanted Edition, una versione migliorata del primissimo capitolo uscito nel lontano 2009, al prezzo di 14,99 euro su eShop.

Anche gli utenti della nuova console Nintendo, quindi, potranno cimentarsi in questa serie caratterizzata da azione e risoluzione di enigmi ambientali basati sulla fisica. Il team finlandese ha lavorato con GameTrust e con lo studio BlitWorks per la realizzazione dei suoi titoli su Switch.

Arriveranno presto novità anche su Trine 2: Complete Story e  Trine 3: The Artifacts of Power.

DETTAGLI SU TRINE ENCHANTED EDITION



  • È la storia che ci fa conoscere le origini di Trine. Conosciamo Amadeus il Mago, Pontius, il Cavaliere e Zoya la Maga.
  • I nostri tre improbabili eroi devono unire le loro forze per superare gli ostacoli, risolvere i puzzle e compiere il loro destino e quello del regno.
  • Azione e piattaforme in un mondo fatato fantasy che caratterizza 15 livelli pieni di letali nemici, pericoli ed enigmi basati sulla fisica.
  • Storia originale dei tre eroi: Amadeus, Pontius e Zoya ognuno con proprie abilità uniche.
  • Risolvete le sfide ed i puzzle in molti modi differenti combinando le abilità di tutti i personaggi per trovare soluzioni creative.
  • Multiplayer locale e cooperativo per tre giocatori.
  • Risoluzione a 1080p in modalità TV, a 720p in modalità portatile.

L’articolo La serie Trine si dirige su Switch proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di La serie Trine si dirige su Switch

Hitman 2, Trailer di lancio con Sean Bean

L’esordio di Hitman 2 si avvicina. Warner Bros ed IO Interactive hanno pubblicato il trailer di lancio ufficiale del gioco. Protagonista è senza dubbio l’attore Sean Bean.

Nella clip, Bean parla dell’importanza della creatività e della capacità di improvvisazione necessarie per essere veri assassini mostrando una serie di oggetti apparentemente innocui che potranno essere utilizzati come armi letali in Hitman 2. Da papere di gomma esplosive a radio portatili, da utensili da cucina a costumi da fenicottero, il mondo è davvero la tua arma. E nessuno lo sa meglio dell’abile Agente 47, che compare senza dare nell’occhio verso la fine del video con una sorpresa letale per il Sig. Bean.

Ecco il trailer di lancio. Buona visione.

Ma non finisce qui: Bean sarà protagonista della prima missione Bersaglio elusivo in cui si calerà nei panni di Mark Faba, un ex agente dell’MI5 diventato sicario noto come “L’Immortale” a causa della sua maestria nell’arte di fingersi morto.
L’uscita del Bersaglio elusivo numero 1 con Sean Bean, intitolato L’Immortale è prevista per il 20 novembre, a una settimana dal lancio e sarà disponibile per un periodo di tempo limitato.

Le missioni Bersaglio elusivo sono dei contratti unici ad alto rischio. Tutti i giocatori possono cimentarsi gratuitamente in queste missioni, ma avranno a disposizione solamente un tentativo per cercare di assassinare il bersaglio e portare a termine il contratto.

Quando il Bersaglio elusivo numero 1 diverrà disponibile, i giocatori dovranno fermare Mark Faba (alias Sean Bean) prima che riesca a servirsi delle sue abilità di sorveglianza, infiltrazione e demolizione per completare un contratto presso la Global Innovation Race di Miami. Se c’è qualcuno che può sbarazzarsi definitivamente di Faba, è l’Agente 47.

L’articolo Hitman 2, Trailer di lancio con Sean Bean proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hitman 2, Trailer di lancio con Sean Bean

MediEvil si mostra nel primo trailer

Sir Daniel Fortesque è tornato. Dopo 20 anni. Dall’oltretomba. Sony, dopo l’annuncio del remake di MediEvil avvenuto a fine 2017, ha finalmente pubblicato il primo trailer con gameplay del classico che tornerà su PS4.

Sony non poteva scegliere giorno migliore (la giornata di Halloween) per tornare a parlare di MediEvil, action molto amato sulla prima PlayStation dalle pagine del suo blog.

MediEvil racconta la storia di Sir Dan, un improbabile eroe che incontra una sventurata fine sul campo di battaglia. Tuttavia, ottiene una speranza di redenzione quando la sua nemesi, il malvagio stregone Lord Zarok, lo riporta in vita per errore 100 anni dopo. Lord Zarok vuole conquistare il regno di Gallowmere e solo lo scheletrico Sir Dan può fermare l’esercito di non morti di Zarok e proteggere il reame.

Il team di sviluppo software, in collaborazione con Other Ocean Interactive, ha riportato in vita (è il caso di dirlo) tutto questo in un remake completo del classico per PS1, senza tralasciare tutti gli spaventapasseri, zombi, licantropi e cavalieri che infestano il regno, che torneranno con più personalità che mai.

Ma spazio alla clip di quasi due minuti che ci mostra il lavoro di maquillage e fasi dell’originale capolavoro. Buona visione.

L’articolo MediEvil si mostra nel primo trailer proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di MediEvil si mostra nel primo trailer

Hitman 2, nuovo trailer ed infografica

Statistiche e gameplay su Hitman 2. Warner Bros ed IO Interactive, publisher e sviluppatore dell’action adventure in arrivo il 13 novembre su Pc, PS4 ed Xbox One, hanno rilasciato un video ed una infografica.

Ecco, dunque, il trailer intitolato Hitman il perfezionista che ci offre uno sguardo a 360 gradi sulle numerose caratteristiche, modalità, upgrade e contenuti in arrivo.
Il gioco presenterà sei diverse ambientazioni che includono Hawke’s Bay (Nuova Zelanda), Miami (Stati Uniti), Santa Fortuna (Colombia), Mumbai (India), Whittleton Creek (Stati Uniti) e la misteriosa Isola di Sgàil (Atlantico del Nord). Il tutto con molteplici percorsi da esplorare, una profondità di gioco senza precedenti e innumerevoli possibilità interattive.

I giocatori potranno inoltre sperimentare le prime modalità multiplayer del franchise con la Modalità Fantasma, l’innovativa sfida online 1 contro 1 di IO Interactive e la modalità Sniper Assassin. Quest’ultima è una modalità a sé stante che per la prima volta porta l’esperienza cooperativa nella serie consentendo ai giocatori di collaborare insieme online per eliminare i propri obbiettivi.

Oltre a ciò Hitman 2 presenterà tutta una serie di differenti aggiornamenti e miglioramenti tra cui un’Intelligenza artificiale più evoluta nei combattimenti, una mini mappa completamente nuova, reti di telecamere di sicurezza, replay picture-in-picture, abbondanza di nuovi strumenti, uso strategico degli specchi, l’abilitò di nascondersi tra la folla e il fogliame, il ritorno dell’apprezzatissima valigetta e molto altro.

Tutte queste caratteristiche saranno presenti in Hitman 2 al lancio del 13 novembre, mentre il suo mondo di gioco continuerà a espandersi con Bersagli Elusivi, Escalation, Pacchetto Sfide, Contratti e altro ancora. Il primo di questi contenuti aggiuntivi gratuiti sarà Bersaglio Elusivo No.1 con la star internazionale Sean Bean che vestirà i panni di Mark Faba, un agente dell’MI5 ora divenuto un assassino a pagamento noto ai più con il soprannome de “L’Immortale” per la capacità di fingersi morto. Bersaglio Elusivo No.1 con Sean Bean, intitolato L’Immortale, sarà disponibile dal 20 novembre, una settimana dopo il

Il lancio di Hitman 2 per un periodo di tempo limitato. Queste missioni saranno gratuite dando al giocatore una possibilità di assassinare il proprio obbiettivo. In caso di fallimento il contratto non potrà essere onorato.

L’articolo Hitman 2, nuovo trailer ed infografica proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hitman 2, nuovo trailer ed infografica

Hitman 2, Saen Bean ancora protagonista

Primi screenshots in game dell’attore Sean Bean protagonista della missione bersaglio elusivo in Hitman 2. Warner Bros. Interactive Entertainment ed IO Interactive mostrano anche un nuovo trailer.

Bean vestirà i panni di Mark Faba un agente dell’MI5 ora diventato un assassino a pagamento noto ai più con il soprannome de “L’Immortale” per la sua abilità di fingersi morto. La prima missione Bersaglio Elusivo intitolata L’Immortale sarà disponibile dal 20 novembre per un tempo limitato, una settimana dopo il lancio di HITMAN 2 previsto per il 13 novembre

È inoltre disponibile oggi il quarto video della serie Fai come Hitman intitolato La valigetta. A grandissima richiesta la famosa valigetta fa il suo trionfale ritorno in Hitman 2 permettendo all’Agente 47 di nascondere un ampio numero di oggetti oltre al fucile da cecchino.

La nuova e migliorata valigetta può essere ora utilizzata per tramortire l’avversario con la forza bruta, distrarre potenziali testimoni oculari e, attraverso un’abile manipolazione, può essere impiegata per far sì che inconsapevoli avversari portino oggetti esplosivi o delicati all’interno di aree altrimenti sorvegliate.

 

L’articolo Hitman 2, Saen Bean ancora protagonista proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hitman 2, Saen Bean ancora protagonista

Just Cause 4, pubblicato lo Story trailer

In Just Cause 4, Rico Rodriguez visita l’isola sudamericana fittizia di Solís per cercare di scoprire la verità dietro la morte di suo padre.

Solís è un luogo colpito da tempeste e tornado estremamente violenti, oltre a trovarsi in uno stato di agitazione e praticamente sull’orlo di una guerra. Il famigerato esercito della Mano Nera, guidato dalla pericolosa Gabriela, cerca in ogni modo di tenere la situazione sotto controllo.

Presto Rico si alleerà con Mira e si troverà a capo di un esercito di dissidenti, facendosi strada tra le cospirazioni e il caos grazie al suo rampino e alla sua tuta alare.

Just Cause 4 è un capitolo importante della serie e sarà disponibile il prossimo 4 dicembre su Pc, PS4 ed Xbox One.

Vi lasciamo alla clip sulla storia (lo Story trailer) pubblicato da Square Enix, buona visione.

L’articolo Just Cause 4, pubblicato lo Story trailer proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Just Cause 4, pubblicato lo Story trailer

505 Games distribuirà la versione fisica di Hellblade

Sarà 505 Games a distribuire la versione fisica di Hellblade: Senua’s Sacrifice. L’action adventure firmato da Ninja Theory, già disponibile in digitale, approderà nei negozi in formato retail a partire dal 4 dicembre su PS4. Il prezzo è fissato a 29,99 euro.

Hellblade: Senua’s Sacrifice ha appassionato oltre un milione di giocatori in tutto il mondo. La storia narra le vicissitudini di Senua, una guerriera celtica impegnata in un inquietante viaggio per salvare l’anima del suo amante perduto intrappolata negli inferi vichinghi.

Il gioco è stato creato in collaborazione con neuroscienziati e persone affette da psicosi per rendere l’esperienza di entrare nella mente di Senua ancora più credibile.



Il titolo è stato protagonista dei BAFTA conquistando cinque premi: Best British Game, Best Artistic Achievement, Best Game Beyond Entertainment, Best Performer e Best Audio Achievement. Nel 2017, inoltre, ha ricevuto il Game Awards per Best Audio Design, Best Performance e Best Game for Impact.

Oltre all’uscita di 505 Games per PlayStation 4, sarà pubblicata da Microsoft una versione fisica per Xbox One. Qui, infine, la nostra recensione Pc.

L’articolo 505 Games distribuirà la versione fisica di Hellblade proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di 505 Games distribuirà la versione fisica di Hellblade

Flipping Death, Recensione

Non è un mistero che Zoink Games sia una software house talentuosa. Il team indie svedese negli ultimi anni si è fatto notare per alcuni suoi titoli caratterizzati da uno stile grafico cartoonesco peculiare e per l’humor fuori di testa.

Se si esclude il più recente Fe, infatti, progetto più serioso ma altrettanto affascinante, lo studio di Goteborg ha firmato un paio di videogiochi di notevole spessore artistico come Stick it to the Man e Zombie Vikings ma anche dal gameplay particolare. Ecco, quindi, che di recente è arrivato Flipping Death, ultima fatica di Zoink che torna sui suoi canoni.

Il gioco, uscito lo scorso 7 agosto in digitale e ieri in versione fisica, si presenta come un action adventure con fasi platform e puzzle ma anche come il sequel spirituale di Stick it to the Man anche perché ambientato nello stesso universo.

Riuscirà a divertire e ad essere all’altezza delle recenti produzioni firmate Zoink? Ecco la nostra recensione della versione Pc. Buona lettura.

CONOSCIAMO PENNY… E LA SUA STRANA “SOSTITUZIONE FERIE”

La protagonista di Flipping Death è Penny Doewood, una giovane e simpatica ragazza che lavora per un’agenzia di pompe funebri dal nome particolare: “Funerali sensibili per persone sensibili”. Non è il lavoro più allegro che ci sia ma  il suo approccio per promuovere i servizi dell’azienda è troppo esuberante: la teatralità e la grande enfasi “urtano i clienti”.

Viene, così, licenziata e, a quel punto decide di uscire con Elliot, il suo fidanzato per andare a rilassarsi… nel cimitero. Beh, De gustibus non disputandum est (del resto chi scrive tifa per il Palermo…). Non fa neppure in tempo a scrollarsi di dosso la brutta notizia che una brutta caduta mette fine alla sua breve vita.

La sfortunata ragazza si trova nell’aldilà e cominciano qui le prime risate ed i primi equivoci perché le tempistiche di Penny sono da record. Il motivo? Semplice: la Morte in persona – si, l’oscura signora con falce e mantello – stressata dal suo lavoro scambia la nuova arrivata nell’Ade per la sua sostituta. Dopo un periodo infinito di tempo, infatti, l’oscura mietitrice decide irrevocabilmente di andare in vacanza sulla Luna (migliaia di chilometri quadrati senza anima viva… o morta) lasciando la falce alla nostra protagonista che non riesce neppure a spiegarsi per chiarire l’equivoco.

Fatto sta che la stravagante Penny, si ritrova con la falce in mano e mantello addosso. Poco male probabilmente per lei che in vita amava il gotico, il lugubre, Halloween, i cimiteri e molto altro. Ma diventa un problema perché dovrà anche ascoltare le lamentele delle varie anime presenti ed aiutarle in qualche modo.

E ci fermiamo qui, perché non siamo amanti delle anticipazioni. Quello che avete letto lo ritroverete concentrato nel prologo di Flipping Death. La trama firmata tra gli altri da Ryan North (vincitore, tra l’altro di due Eisner Awards ) di Adventure Time, è un concentrato di stravaganza ed humor di grande qualità.

LA DOPPIA ANIMA DI PENNY… E DEL GAMEPLAY






Parliamo del gameplay di Flipping Death che, seguendo una narrazione molto dinamica e vivace, ci offre due mondi da ammirare. Quello della cittadina di Flatwood Peaks (e dintorni), ed il regno dei morti. La nostra Penny deve ascoltare le assurde richieste di alcune anime degli inferi che si trova li pur avendo qualche affare sospeso nel regno dei vivi.

Starà a noi aiutare queste anime in pena che ci faranno penare. Ma come potremo risolvere questi annosi problemi? Semplice, individuando alcuni abitanti nel regno dei vivi e “possederli”. A quel punto entrerà in gioco la peculiare meccanica “Flip” che ci permetterà di prendere il controllo di queste persone nel mondo dei vivi facendogli fare tutto ciò che vogliamo e soprattutto svolgendo alcuni compiti che ci spianeranno la strada verso il successo.

In Flipping Death, infatti, come abbiamo già detto, ci sono due mondi che esistono in parallelo: quello dei vivi ed il regno dei morti. Sostanzialmente sono le facce della stessa medaglia che in qualche modo comunicano tra loro soprattutto grazie ai nostri interventi. Ma come potremo possedere un abitante del mondo dei vivi? Nel regno dei morti dovremo, oltre che ascoltare le anime perse, catturare degli strani esserini (tre tipi di spiritelli) che fungeranno da contropartita per poter controllare un determinato personaggio. Ognuno di essi, inoltre, ha il proprio “costo” per cui bisognerà fare scorta di questi spiritelli sfuggenti.

Sono davvero tante le cose da fare ed i personaggi da controllare. Tutti eccentrici e folli a partire dal suonatore di tromba, per continuare con il maniaco travestito da supereroe che deve toccare tutto e tutti. Ognuno di loro ha un proprio compito, un piccolo – ma importante – ruolo nella trama e negli enigmi da risolvere. Basti pensare che guideremo un dentista armato di trapano fuori dal suo studio per andare ad aprire una latta di vernice che a sua volta nel mondo dei morti era diventata un mostro…

Chiudiamo qui con le anticipazioni che comunque non rovinano nulla in quanto troverete questo all’inizio del primo dei sette capitoli presenti nel titolo. Discussioni stravaganti, personaggi a dir poco eccentrici e folli, trovate geniali accompagnano un gameplay interessante che unisce alcune idee “innovative”. A tal proposito va dato atto a Zoink di aver provato a dare un pizzico di novità in meccaniche classiche. La possibilità di alternare i due mondi è interessante anche se già vista in altri titoli ma quella di dover controllare altri personaggi e switchare tra le due dimensioni per risolvere enigmi è comunque una piccola novità di interesse.

La risoluzione degli enigmi, invece, risulta altalenante. A tratti intuitiva, a tratti un po’ meno. Capiamo che diventa più facile se si entra nella mentalità folle e stravagante di Flipping Death. Gli sviluppatori hanno contemplato un sistema di indizi che si può utilizzare nel menu di pausa.

Le fasi platform, che si concretizzano soprattutto nell’Ade (o giù di li), sono caratterizzate dalla possibilità di utilizzare la falce come mezzo di teletrasporto. L’arma di Penny può essere lanciata sulle piattaforme per permettere alla nostra protagonista di teletrasportarsi e raggiungere così luoghi altrimenti impossibili da raggiungere. Meccanica interessante e lodevole per l’ingegno. Purtroppo, però, non è sempre precisa ed ogni tanto dovremo ripetere l’operazione perché vada a buon fine.

IL DELIZIOSO COMPARTO ARTISTICO

Uno dei punti forti di Flipping Death è certamente l’aspetto grafico forte di una direzione artistica sempre di primo livello. Chi ha amato Stick it to The Man e Zombi Vikings non potrà fare a meno di notare il peculiare stile visivo del gioco e di apprezzarne la fattura.

Tutto sembra disegnato su un foglio dove tanti livelli compongono la scenografia del mondo di gioco, i personaggi sono delle figurine in 2d prive di spessore dal design altamente caratterizzato e dalle linee forti ed audaci. Stesso, ovviamente, dicasi per il mondo di gioco che offre scorci deliziosi. La doppia natura, calda e colorata del mondo reale e simpaticamente lugubre nel regno dei morti, è resa stupendamente così come le varie scene di intermezzo.





Zoink Games è famosa per questo particolare stile e non si smentisce offrendo un quadro pittorico stupendo animato stupendamente (sia con qualche piccola sbavatura). Pur conoscendo lo stile peculiare del team svedese, alcuni scorci di Flipping Death sono così notevoli che ci fermiamo ad ammirarli. Le atmosfere sono rese alla grande e rendono questo gioco evocativo per Halloween (che tra l’altro arriverà tra poche settimane, ndr).

Non è da meno neppure l’audio con un buon doppiaggio in inglese ed ottime musiche oltre ad effetti sonori azzeccati e precisi. Sicuramente il lato migliore della produzione.

COMMENTO FINALE

Dopo la recente parentesi Fe, peraltro apprezzatissima, Zoink Games torna alle sue tradizioni (passando quindi dal 3d dell’ultimo titolo al canonico 2d) proponendo in Flipping Death una narrazione fuori dai canoni, esilarante esaltata senza dubbio dal grande pregio artistico della sua grafica. Condivide con Stick it to the Man l’ambientazione ed anche con Zombie Vikings il medesimo stile grafico che si rivela, ancora una volta delizioso. Un marchio di fabbrica imprescindibile per il team svedese che non ha rinunciato a proporre anche alcune meccaniche che tentano di svecchiare il gameplay. Quest’ultimo risulta vivace per le tante cose da fare e per la molteplice natura platform-puzzle-adventure che regala momenti di spasso narrativo non indifferenti.

L’unico grosso peccato è che la longevità sia “solo” sufficiente ma anche questo fattore dipende dai vari approcci e dall’intuito dei giocatori vista la presenza di enigmi alquanto stravaganti ma che trovano una certa coerenza se si entra nella “parte”. Penny, inoltre, è molto simpatica e troverete tante situazioni paradossali divertenti. Due mondi caricaturali realizzati al meglio seppur con qualche piccola sbavatura nei comandi e nelle animazioni ma complessivamente, Flipping Death è un titolo che gli amanti del genere non dovrebbe farsi sfuggire.

 

L’articolo Flipping Death, Recensione proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Flipping Death, Recensione

The Forge è il primo dlc di Shadow of the Tomb Raider

Shadow of the Tomb Raider riceverà il primo dlc il prossimo 13 novembre. Si chiama The Forge ed è stato appena annunciato da Square Enix, Eidos Montréal e Crystal Dynamics. Sarà disponibile gratuitamente per i possessori del season pass ma verrà venduto anche separatamente per gli utenti Pc, PS4 ed Xbox One.

In “The Forge”, Lara dovrà superare dei fiumi di lava nella Forgia dei caduti per scoprire i segreti di Kuwaq Yaku. Durante il suo viaggio, Lara scoprirà dei dettagli su un’antica eredità di un amico e dovrà superare un pericolo che tutti credevano perduto tra le fiamme. “The Forge” include una nuova Tomba della sfida, da affrontare sia in single player che in modalità cooperativa. Chi completerà la Tomba della sfida otterrà la nuova abilità Granatiere, oltre alla tenuta Sandman e all’arma Cavaliere silenzioso.



Questa è una storia inedita ed inaugura la serie di sette avventure dlc mensili disponibili con il season pass, che offrirà ai giocatori una serie di nuovi contenuti, Tombe della sfida, esperienze in cooperativa, armi e tenute, le modalità Attacco a punti e Attacco a tempo e nuove missioni secondarie della storia.

Lara Croft è sopravvissuta ad una giungla spietata, ha esplorato luoghi enormi pieni di tombe e ha affrontato la Trinità per il destino dell’umanità, il tutto con la minaccia di un’apocalisse Maya come sfondo. Altre avventure l’aspettano nella città perduta di Paititi. Nella serie di dlc che espandono il mondo di Shadow of the Tomb Raider ci saranno nuovi misteri e sfide, le amicizie e le rivalità si rafforzeranno e, soprattutto, si scopriranno nuove tombe.

L’articolo The Forge è il primo dlc di Shadow of the Tomb Raider proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di The Forge è il primo dlc di Shadow of the Tomb Raider

Fist of the North Star: Lost Paradise è disponibile su PS4

Per molti appassionati l’attesa è finita. Fist of The North Star: Lost Paradise è disponibile in Europa ed in esclusiva PS4. Ryu ga Gotoku Studio, il team di sviluppo che ha realizzato la serie di Yakuza, dà l’annuncio.

Questo permetterà ai fan l’opportunità di giocare nei panni di Kenshiro in un universo alternativo della serie originale.

Sarà possibile correre, colpire ed utilizzare l’energia vitale dei propri pugni per far esplodere i corpi dei nemici muscolosi. Per i più sensibili, è anche possibile modificare il livello di sangue e impostarlo su un livello più “soft”. Spetterà agli utenti attivare questa opzione.

Inoltre, c’è una storia piuttosto approfondita. Si potrà esplorare la città post-apocalittica di Eden, un’oasi in un deserto pieno di pericoli che sarà il tuo punto di partenza per trovare l’amore di Yuria.

ATTIVITA’ COLLATERALI

Chi si vuol prendere una pausa dal dramma amoroso, può anche gestire il proprio bar e servire cocktail. O gestire una clinica. Oppure giocare ad Outrun, uno dei classici giochi SEGA ed altri titoli arcade degli anni ’80 e ‘90. In ogni caso, c’è molto da fare oltre a prendere a pugni i nemici.

Durante le prime due settimane di lancio (dal 5 al 19 ottobre), i giocatori possono ottenere uno skin add-on gratuito per Kiryu che ti consente di giocare nei panni del Dragone di Kamurocho.

TRAILER DI LANCIO

CARATTERISTICHE CHIAVE DI FIST OF THE NORTH STAR: LOST PARADISE

  • Diventate il Fist of the North Star – Esplorate una versione alternativa di Fist of the North Star: Lost Paradise e prendete il controllo di Kenshiro per ritrovare il suo amore perduto, Yuria, in un mondo post-apocalittico. Per coloro che non sono al passo con la storia, Lost Paradise può essere vissuta come una vera e propria esperienza a parte.
  • You’re Already Dead” o “Omae wa Mou Shindeiru?”, perché non entrambi? – Lost Paradise comprenderà un audio dual-track in Inglese/Giapponese, quindi puoi pronunciare ‘ATATATA!’ in una lingua a tua scelta.
  • Dominate lo stile Hokuto Shinken – Le tecniche di uccisione definitive di Kenshiro, le Hokuto Shinken, sono a tua disposizione in battaglia. Dopo aver caricato l’indicatore a Sette Stelle, potete demolire i nemici con dozzine di brutali e iconiche tecniche Hokuto Shinken, ricreate fedelmente dal manga originale. Ulteriori tecniche letali saranno disponibili progredendo durante la storia e le battaglie.
  • Esplorate il Paradiso perduto e il deserto che lo circonda – Anche Kenshiro ha bisogno di una pausa occasionale dopo aver picchiato i teppisti. Fortunatamente, anche nella fatiscente città di Eden, non c’è carenza di coinvolgenti missioni secondarie e minigiochi. Usate il potere di Hokuto Shinken per preparare bevande in un bar, gestire una discoteca in difficoltà, personalizzare un veicolo e correre attraverso il deserto, divertiti con i giochi retrò nella sala giochi o nel vostro nascondiglio e tra essi è incluso il gioco originale di Fist of the North Star! Stanchi della città? Dirigetevi nella landa deserta col vostro veicolo per raccogliere materiali e completare missioni secondarie, ma fate attenzione ai pericoli nascosti dietro le dune.
  • Carneficina extra – Fist of the North Star: Lost Paradise comprende tutto ciò che è già disponibile nella versione giapponese originale, oltre a una maggiore violenza per la versione occidentale. Per la prima volta, si assisterà al pieno effetto del brutale Hokuto Shinken di Kenshiro nei bassifondi e sui teppisti dei rifiuti post-apocalittici.

KENSHIRO EDITION

Per i fan che preferiscono l’edizione fisica è da oggi disponibile la Kenshiro Edition, in esclusiva per il mercato italiano e francese. Questa include:

  • Il gioco base
  • Adesivi “Deathcry”
  • Il Destiny Talisman Set [Bonus DLC]
  • Cover Reversibile
  • 4 Art Card dei personaggi principali
  • Card olografica.

L’articolo Fist of the North Star: Lost Paradise è disponibile su PS4 proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Fist of the North Star: Lost Paradise è disponibile su PS4

Door Kickers: Action Squad, Recensione Pc

Le squadre speciali delle forze dell’ordine hanno sempre ricoperto ruoli fondamentali a livello tattico e, nel corso del tempo, si sono rese protagoniste di azioni quanto efficaci tanto spettacolari o clamorosi fallimenti nei quali, purtroppo, gli stragisti hanno avuto il sopravvento o gli ostaggi sono stati eliminati.

Tutti conoscono le Swat, le squadre speciali di assalto tattiche degli Usa conosciute in tutto il mondo. A loro il mondo del cinema, televisione ed anche videogiochi, hanno dedicato diverse opere.

Noi vi parliamo di Door Kickers: Action Squad, un titolo uscito pochi giorni fa su Steam dopo un lungo periodo di accesso anticipato, firmato dallo studio indie romeno KillHouse Games. Un gioco che, come suggerisce il suo nome, è ricco d’azione ma, lo diciamo fin da subito, che non disdegna neppure la riflessione.

Si tratta di un action sparatutto con inflessioni RPG (o gdr se vi piace l’acronimo italiano di gioco di ruolo) e roguelike che vede un team speciale alle prese con diverse missioni da affrontare da soli ma anche in compagnia di amici sia in locale che online.

Ecco cosa ne pensiamo di questo interessantissimo titolo in pixel art che richiama alcuni classici e che a noi ha ricordato, molto lontanamente, Hostage su Amiga benché quello fosse un videogioco molto più stealth.

OSTAGGI DA SALVARE, CRIMINALI DA SGOMINARE IN UN GAMEPLAY DAVVERO DIVERTENTE

Le Swat entrano in azione in situazioni critiche. Quando, solitamente, le negoziazioni con i criminali sono in stallo e c’è un immediato pericolo per gli ostaggi e per i cittadini, o per operazioni flash della durata di pochi minuti. I cosiddetti blitz per catturare ricercati di alto livello, che siano boss della mala o altrettanto pericolosi terroristi.

Door Kickers: Action Squad ci catapulta in un ampio ventaglio di missioni, oltre una sessantina, per salvare ostaggi o far piazza pulita di criminali o ancora per disinnescare ordigni e così via.

La nostra squadra è composta da quattro classi diverse, ognuna con tre armi uniche per classe, tre oggetti da equipaggiare. Ad inizio partita dovremo scegliere il nostro agente da guidare in questi blitz dove la precisione e la rapidità devono andare di pari passo ma dove c’è anche spazio per riflettere su quale percorso sia meglio intraprendere per arrivare alla meta.

Prima di iniziare dovremo anche scegliere l’equipaggiamento che andando avanti con la risoluzione dei livelli ci permetterà di acquisire oggetti sempre più efficaci sia in potenza che in resistenza.

Il gameplay è estremamente divertente perché l’azione e la difficoltà sono equilibrate e pur con alcuni passaggi oggettivamente complicati c’è sempre il modo di venire a capo della situazione. Non si tratta soltanto di sparare ma anche di evitare di fare azioni avventate.

Bisogna colpire con precisione per evitare che gli ostaggi vengano uccisi o, ovviamente, di venire eliminati. I nemici hanno le loro caratteristiche. Ci sono quelli armati di pistole e fucili, ma anche i folli bombaroli da evitare assolutamente in quanto non esiteranno a farsi saltare in aria portandoci con loro all’inferno.

Dovremo fare attenzione nelle tempistiche ma avremo molte frecce al nostro arco. Le armi a nostra disposizione sono tante e ve ne sono anche alcune tattiche che servono a stordire i nemici ed a renderli vulnerabili. Utilissime le flash bomb quando alcuni criminali si fanno scudo con gli ostaggi perché allentano la presa ed è possibile colpirli evitando ulteriori pericoli alle persone da salvare.






Ma anche irrompere di sorpresa o sfondare alcune porte può essere fondamentale in quanto l’impatto crea una piccola onda d’urto che stordisce i nemici. A quel punto si potranno colpire con relativa semplicità. In tutto questo dovremo fare attenzione di avere sempre il colpo in canna per evitare di dover ricaricare l’arma nel momento meno opportuno.

Ogni livello, chiaramente, è diverso ed ha le proprie peculiarità oltre che tipi di missione. L’azione impera così come alcune brevi riflessioni tattiche da fare.  Riflessioni che entrano nella praticità e buon senso e praticità. Prima di ogni missione, come detto, potremo scegliere il nostro agente. Ne abbiamo diversi tipi: l’assaltatore con fucile a pompa, davvero micidiale ma poco incline a difendersi. Il tattico con lo scudo, chi è armata di pistola e coltello e così via. Questo cambia l’approccio perché se con il nostro poliziotto bardato di scudo saremo ottimi nel contrastare le armi da fuoco, saremo vulnerabili quando verremo attaccati da armi da taglio o da oggetti contundenti che andranno ad abbassare pericolosamente la barra della salute.

Viceversa, con un altro personaggio potremmo essere molto più agili e più protetti contro le armi da contatto ma avere seri problemi con quelle da fuoco.



A rendere più interessante e divertente il gameplay di Door Kickers: Action Squadanche il fatto che man mano si elimineranno i nemici, si caricherà una barra in alto che sbloccherà la possibilità di attingere a dei potenziamenti. Si può ad esempio rinvigorire la barra “salute” delle protezioni (scudi o giubbotti antiproiettile), o richiedere un kit medico per ripristinare la salute o ancora avere vita extra o poter utilizzare l’arma secondaria che solitamente è devastante.

Alla fine di ogni missione che finisca bene o che si venga eliminati, si ricevono punti esperienza e, come in un gioco di ruolo, quando il personaggio passerà di livello avrà diritto a spendere dei punti abilità. Ad ogni passaggio di livello avremo due punti abilità da utilizzare in cinque rami suddivisi a loro volta in due grandi famiglie: abilità di classe e della squadra. Nelle prime, come facile intuire, si va a migliorare quelle qualità tipiche del personaggio; nelle seconde, invece, quelle complessive per avere più salute, più resistenza, precisione e così via.
Tutto cumulabile e resettabile in modo tale da poter variare partita dopo partita le proprie abilità ed affrontare con approcci diversi.

Nondimeno, alla fine di ogni livello ci sarà una valutazione da una a tre stelle queste serviranno a sbloccare armi ed equipaggiamento.

PIXEL ART DI LIVELLO, SONORO OTTIMO, COLONNA SONORA STUPENDA

Oltre ad avere un gameplay rapido, profondo e divertente al tempo stessoDoor Kickers: Action Squad propone un comparto tecnico interessante e privo di sbavature. Il tutto è caratterizzato da uno stile in pixel art di altissimo livello.
Le location hanno tantissimi dettagli. Inoltre, luci, ombre ed animazioni, nonché esplosioni ed effetti “particellari” sono riprodotti splendidamente. Ci sono alcune chicche soprattutto sulle animazioni (con intonazioni splatter nonostante la pixel art).

Non mancano anche gli effetti meteo: notte, pioggia, neve. Ed anche i personaggi sono ben caratterizzati. Insomma, nel loro piccolo sono un capolavoro. Ottimi anche gli effetti sonori. Esplosioni, bossoli dei proiettili a terra, bombe, vetri infranti, caricatori delle armi ed effetti ambientali di gran livello. Paradossalmente (si siamo pignoli) manca una cosa: l’animazione delle nuvole ed è strano visto che tutto il resto funziona alla grande.

Ma è da applausi la colonna sonora (venduta a parte con un dlc dedicato) con tanti brani ben realizzati. Le musiche sono stupende e di atmosfera e presentano un sound che evoca prepotentemente gli anni ’80. A tratti (ma questa è un’osservazione personale, potremmo anche sbagliarci) ricorda quello dei Dire Straits, soprattutto in alcuni pezzi di chitarra.

Insomma, un lavoro davvero fatto bene che rende appetibile questo lavoro.




COMMENTO FINALE

KillHouse Games ha trovato la quadra con Door Kickers: Action Squad presentando un gioco veramente interessante sotto tutti i punti di vista. Giocabile, vario, longevo, dalla buona longevità, fruibile anche in compagnia.

Ottimo dal punto di vista tecnico con una grandissima colonna sonora ed una buona grafica in pixel art ricca di dettagli e chicche. Peccato per alcune piccole mancanze come ad esempio l’immobilità delle nuvole. Già proprio così.

I contenuti sono ampi ma presto potrebbero diventare ripetitivi nonostante tutto. Gli sviluppatori hanno pensato anche a questo. Infatti, quando il gioco è uscito su Steam, hanno annunciato di essere al lavoro sull’editor di livelli col supporto a Steam Workshop. Questo permetterà la condivisione delle mappe elaborate dagli appassionati. Gli autori realizzeranno, infine, contenuti supplementari. Una produzione indie veramente con i fiocchi.

 

L’articolo Door Kickers: Action Squad, Recensione Pc proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Door Kickers: Action Squad, Recensione Pc

Hitman 2, il nuovo trailer ci porta a Santa Fortuna

Santa Fortuna, nel cuore della giungla colombiana, è protagonista di un nuovo trailer su Hitman 2. Conosciamo meglio questa cupa e pericolosa ambientazione che sarà presente nel gioco in arrivo il 13 novembre su Pc, PS4 ed Xbox One.

Il video mostra l’ambiente esotico e ultra dettagliato di Santa Fortuna con la sua vegetazione lussureggiante, i pericoli imprevisti e le opportunità uniche per uccidere con cui i giocatori si potranno confrontare. Situata nel cuore della foresta pluviale colombiana, Santa Fortuna costituisce una nuova minaccia per l’Agente 47, che deve farsi largo attraverso il villaggio natio, grotte e rovine intricate, campi di coca gestiti dal cartello e un palazzo massicciamente fortificato con guardie armate dietro ogni angolo.

Ecco il video. Buona visione.

L’articolo Hitman 2, il nuovo trailer ci porta a Santa Fortuna proviene da IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Hitman 2, il nuovo trailer ci porta a Santa Fortuna