Archivi categoria: Action

Auto Added by WPeMatico

Bandai annuncia One Piece World Seeker

I fan di One Piece saranno contenti di sapere che Bandai Namco ha appena ufficializzato un nuovo gioco per festeggiare il 20° anniversario del manga.

Il publisher ha annunciato, infatti, One Piece World Seeker che sarà disponibile l’anno prossimo su Pc, PS4 ed Xbox One.

Svelato in precedenza con il nome in codice di Dawn, One Piece World Seeker è il titolo di One Piece più ambizioso mai creato, grazie anche a un vasto scenario esplorabile liberamente nei panni di Rufy, che consentirà di vivere un’azione senza limiti.

Ecco le prime immagini.

NJAINF_S001_S001_T0080_-_Copie_1512987919
NJAINF_S001_S001_T0240_1512987920
sc__Red_Hawk01_1512987920
sc__Red_Hawk04_1512987921
sc_lookdown_enemy01_1512987922
sc_pirates_enemy03_1512987923
sc_run02_1512987923
Luffy001_1512987850

Condividi questo articolo


L’articolo Bandai annuncia One Piece World Seeker sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Bandai annuncia One Piece World Seeker

Sony annuncia la remaster di MediEvil

Una sorpresa gradita. Shawn Layden, presidente e CEO di Sony Interactive Entertainment America, ha annunciato dal palco della PlayStation Exeprience la remaster di MediEvil che arriverà su PS4 e supporterà anche i 4K su PS4 Pro.

È stato mostrato anche il primo trailer che vi proponiamo al termine di questa notizia. Sir Daniel Fortesque ritorna, dunque, ma non si sa ancora molto sui dettagli di questa remaster che riprenderà il titolo originale uscito nell’ormai lontano 1998.

Di certo, questo ritorno, farà felici molti. Ecco il trailer che preannuncia l’arrivo di ulteriori dettagli a breve. Buona visione.

Condividi questo articolo


L’articolo Sony annuncia la remaster di MediEvil sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Sony annuncia la remaster di MediEvil

Dreadnought approda su PS4, trailer di lancio

Dreadnought approda ufficialmente su PlayStation 4. Lo annunciano Grey Box, Six Foot e lo sviluppatore Yager.

Si tratta di un action game multiplayer ambientato nello spazio e basato sul combattimento tra diverse classi di astronavi. I giocatori che scaricano gratuitamente il titolo dal PlayStation Store avranno diritto alla navicella eroe Hactar, esclusiva per la versione console, e a due temi gratuitamente. Gli abbonati al PlayStation Plus riceveranno anche la decalcomania e l’emblema bonus Dead Man’s Hand come parte del dlc bundle “Dreadnought Maverick”.

“Dreadnought offre un entusiasmante mix di azione competitiva e cooperativa di squadra, unite a una grafica splendida e a una miriade di opzioni di personalizzazione. È il momento migliore per sedersi al posto di comando e cominciare l’avventura galattica – ha dichiarato Mike Donatelli, product director di Six Foot –  questo è soltanto l’inizio per Dreadnought, perché continueremo a fornire ai giocatori nuove esperienze e contenuti aggiuntivi, introducendo nuove caratteristiche di gioco e apportando miglioramenti nel prossimo futuro”.

Ecco il trailer di lancio.

Come parte del lancio di Dreadnought su PlayStation 4, da oggi saranno disponibili una variante diurna e una notturna di una nuova mappa – Amirani – così come la chat vocale, la funzione opzionale di mira assistita, una nuova ricompensa bonus per la prima vittoria del giorno e una serie tutta nuova di trofei da conquistare e aggiungere alla propria collezione.

Gli ultimi aggiornamenti in fase di beta hanno visto l’inserimento di una modalità di allenamento rinnovata chiamata Proving Grounds, e anche della nuova modalità Onslaught, che mette i giocatori anche contro una fazione comandata dall’IA. La versione console di Dreadnought può contare anche sull’esclusiva modalità Havoc, caratterizzata dalla possibilità di sbloccare la navicella eroe Junkyard Prince, disponibile solo sulla console Sony.

DN_PS4_Features_Screenshots_FirstWin
DN_PS4_Features_Screenshots_HanumanUI
DN_PS4_Features_Screenshots_HanumanUI_None
DN_PS4_Hanuman_Poster_EN_3840x2160

Realizzato da Yager e Six Foot e in collaborazione con Iron Galaxy Studios, Dreadnought mette i giocatori al comando di enormi navicelle impegnate in prima linea in combattimenti spaziali a squadre attraverso diverse modalità multigiocatore online di natura competitiva.

Cinque diversi classi di astronavi, ognuna delle quali specializzata in ruoli strategici, come il combattimento in prima linea, il bombardamento a distanza o il supporto tattico, offrono ai capitani la giusta flotta per mettere a nudo e sfruttare i punti deboli nemici per conquistare la vittoria. Il gioco può vantare più di 50 astronavi diverse da padroneggiare e personalizzare attraverso un’ampia gamma di armi, moduli aggiuntivi, scafi e decalcomanie.

Dreadnought è anche disponibile in versione open beta gratuita per Pc Windows.

DN_Ps4_Launch_MultishipScreenshots_3840x2160_Amarani02
DN_Ps4_Launch_MultishipScreenshots_3840x2160_Hanuman
DN_Ps4_Launch_MultishipScreenshots_3840x2160_Havoc
DN_Ps4_Launch_MultishipScreenshots_3840x2160_RyuguHaven01
DN_Ps4_Launch_MultishipScreenshots_3840x2160_RyuguHaven02
DN_PS4_Launch_NewsArticle_1920x1080

Condividi questo articolo


L’articolo Dreadnought approda su PS4, trailer di lancio sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Dreadnought approda su PS4, trailer di lancio

Il trailer con la storia di A. O. T. 2 svela la data esatta

Sapevamo che A. O. T. 2 (Attack on Titan 2) sarebbe uscito a marzo. Poco fa Koei Tecmo ha pubblicato il trailer con la storia dove viene svelata la data esatta.

L’edizione europea del gioco debutterà il 20 marzo su Pc, via Steam, PS4, Xbox One e Nintendo Switch mentre 5 giorni prima il titolo debutterà in Giappone.

Vediamo la clip. Buona visione.

Condividi questo articolo


L’articolo Il trailer con la storia di A. O. T. 2 svela la data esatta sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Il trailer con la storia di A. O. T. 2 svela la data esatta

L. A. Noire: The VR Case Files ha una nuova data

Le nuove versioni di L. A. Noire, pubblicate poco più di due settimane fa su PS4, Xbox One e Nintendo Switch, ma era salto l’esordio di L. A. Noire: The VR Case Files.

Ebbene, dal blog di Rockstar Games apprendiamo che l’edizione per la realtà virtuale dell’avventura investigativa, originariamente sviluppata da Team Bondi, arriverà il 15 dicembre per HTC Vive.

Il gioco includerà sette nuovi casi rielaborati specificatamente per la realtà virtuale che uniscono azione alle investigazioni del nostro detective Cole Phelps impegnato nella lotta contro il crimine nella Los Angeles degli anni ’40. Qui la nostra recensione della versione Switch.

Condividi questo articolo


L’articolo L. A. Noire: The VR Case Files ha una nuova data sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di L. A. Noire: The VR Case Files ha una nuova data

Koei Tecmo mostra le nuove caratteristiche di A.O.T. 2

Koei Tecmo Europe ha diffuso dettagli inediti sulle caratteristiche migliorate del gameplay presenti nell’ action  A.O.T. 2, basato sul successo mondiale dell’anime Attacck on Titan. In uscita a marzo 2018 per PlayStation 4 Xbox One, Nintendo Switch ed in versione digitale per Pc Windows su Steam, A.O.T. 2 è pronto a ripetere il successo mastodontico del predecessore al lancio l’anno prossimo.

Tra le nuove funzionalità dettagliate troviamo le Buddy Actions; delle opzioni di supporto dei membri del team che possono offrirsi l’uno all’altro. Queste opzioni includono Rescue, Recovery, e Titan Transformation; quest’ultima permette ad un membro del team di sbloccare il potere dei Titani.

Tuttavia, non tutte le funzionalità sono incentrate sul supporto e l’aiuto, ci sono mosse come le unità di aggancio che determinano attacchi in stile “jump and evade” ad azioni rapida fatte con attacchi furtivi che servono per aiutare le strategie del team e bloccare i potenti attacchi avversari. Per fare in modo che gli attacchi a sorpresa abbiano successo, le squadre devono nascondersi dai Titani; un’operazione, questa, non estremamente facile, soprattutto se il giocatore si attarda nel campo visivo dei suoi giganteschi nemici. Bilanciando ancora di più il gameplay, i giocatori saranno in grado di equipaggiarsi con delle granate, utilizzando l’incapacità dei Titani nelle zone più pericolose. Oggetti come le pistole di contenimento possono aiutare anche la cattura dei Titani.

Al di là della battaglia, le squadre saranno in grado di rifornire le loro basi di benzina, maceti, ed altre armi e utensili utili. Alcune basi possono servire come rifugio contro i Titani dal momento che sono equipaggiate con torri e artiglieria per poter sferrare l’attacco al nemico.

4_Automated Artillery
4_Flash Grenade
5_running walls
buddy action Recovery
buddy action Rescue 1
buddy action Rescue 2
buddy action Rescue 3
buddy action Titan Transformation
captured titan
Erwin Smith
Hange Zoe
Hange Zoë
Hannes
Ian Dietrich
Mitabi Jarnach
Restraining gun
Rico Brzenska
1_base point
1_evade
1_level rising icon
1_monocular
1_shoot anchor
2_before building
2_charge towards titan
2_evade and attack
2_swing
2_when detection level is low
3_completed base
3_finish
3_hook drive
3_shoot anchor to titan and swing
3_when detection level is high
4_attack

Condividi questo articolo


L’articolo Koei Tecmo mostra le nuove caratteristiche di A.O.T. 2 sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Koei Tecmo mostra le nuove caratteristiche di A.O.T. 2

Agents of Mayhem, conosciamo Safeword

Conosciamo Safeword, un nuovo personaggio di Agents of Mayhem pronto ad unirsi al team. Volition e Deep Silver ci presentano questo nuovo personaggio, un hacker eccezionale.

Ecco il trailer, alcune immagini ed una piccola biografia. Qui, invece, la nostra recensione su Pc.

 

“Se tu puoi costruirlo, lei può distruggerlo. Safeword ha poca pazienza con la stupidità e ancora meno con la Legion Mettere insieme un esercito di esperti in cybersecurity, nessun problema. Questa donna é una minaccia ambulante per l’infrastruttura e niente – dalla password della tua mail alla tua arma per la fine del mondo —è al sicuro.

Kinzie Kensington è un hacker eccezionale sin da quando è stata grande abbastanza per leggere e scrivere. Invece di lasciare che il suo talento fosse sprecato in carcere, l’Fbi ha deciso che per lei sarebbe stato meglio lavorare per loro, così ha iniziato a lavorare nell’unità dei cyber crimini all’età di 18 anni. Kenzie non ha mai apprezzato molto il fatto di essere bloccata in un lavoro estremamente noioso. Voleva azione, adrenalina, e soprattutto uno sfogo per punire le persone violentemente. Pur sapendo che Legion è un’organizzazione pericolosa che deve essere fermata, se non le avessero permesso di scendere in campo, probabilmente non le sarebbe importato più di tanto.

In qualità di Agent of Mayhem possiede strumentazioni high-tech, armi e una licenza per picchiare chiunque ostacoli la sua strada o chiunque pensi possa meritarsi un bel calcio nel sedere. Inoltre, la capacità di spiare così tante persone interessanti all’interno dell’agenzia la rende felice durante i momenti di inattività”.

Agents of Mayhem
Agents of Mayhem
Agents of Mayhem
Agents of Mayhem

Condividi questo articolo


L’articolo Agents of Mayhem, conosciamo Safeword sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Agents of Mayhem, conosciamo Safeword

For Honor, la Season 4 debutta domani, trailer di lancio

Order & Havoc, ovvero la stagione 4 di For Honor debutta (puntualmente) domani, 14 novembre su tutte le piattaforme. Questa nuova season porta molti contenuti inediti tra cui la nuova modalità Tributo 4v4, due nuovi eroi, nuovi oggetti per personalizzare gli eroi, oltre alla modalità Dominio classificato 4v4, che sarà disponibile più avanti nel corso della stagione.

La modalità Tributo e le nuove mappe saranno gratuite per tutti i giocatori a partire dalla stagione quattro. I nuovi eroi, il letale Aramusha e la selvaggia Sciamana, saranno disponibili immediatamente per i possessori del Season Pass da domani, mentre saranno sbloccabili da tutti i giocatori dal 21 novembre per 15.000 pezzi d’acciaio ciascuno.

Ecco il trailer di lancio:

La stagione quattro include:

  • Nuove modalità basate sul gioco di squadra – La modalità Tributo introduce in For Honor una nuova esperienza di gioco basata su obiettivi. I giocatori combatteranno per controllare tre distinte offerte posizionate in tutta la mappa. Conquistare e portare le offerte al tempio designato della propria squadra consente di ottenere alcuni vantaggi, costringendo i giocatori a fare delle scelte strategiche su dove posizionare le proprie offerte.
    Oltre alla modalità Tributo, l’esperienza competitiva di For Honor continuerà a svilupparsi con l’introduzione della modalità Dominio classificato nel corso della stagione. I giocatori potranno allearsi con i propri amici per competere in alcune partite Dominio online con la possibilità di ottenere diverse ricompense di gioco.
  • Nuovi eroi – Per completare le fazioni dei Samurai e dei Vichinghi arrivano due nuovi eroi, l’Aramusha (Samurai ibrido) e la Sciamana (Vichinga assassina). L’Aramusha sfrutta gli errori dei propri avversari, punendoli con una sequenza illimitata di attacchi rapidi in ogni direzione. Le Sciamane sono guerriere feroci e aggressive, ancora più potenti quando partono all’attacco. Balzando sui loro avversari come bestie selvagge, le Sciamane diventano ancora più letali quando le loro vittime sanguinano sul campo di battaglia.
  • Nuove mappe: saranno disponibili due nuove mappe multiplayer, la Città mercantile e Ordalia. La Città mercantile è un villaggio samurai e un popoloso dedalo di vie tortuose. Qui la gente vive in palafitte, formando quartieri colmi di strutture di altezze diverse che si ergono verso il cielo. I giocatori potranno così spostarsi in tutta la mappa anche in verticale attraverso un sistema di corde sospese.
    L’Ordalia è la capitale vichinga, un imponente fortezza arroccata sulla cima di una collina e protetta da una struttura difensiva. In pochi sono riusciti a penetrare in questa cittadella vichinga, ma nessuno ne è mai uscito.

In linea con l’impegno preso dal team di sviluppo di migliorare costantemente il gioco, For Honor continuerà a espandersi grazie a nuovi aggiornamenti, e migliorare con l’introduzione di server dedicati in un prossimo futuro.

FH_S4_Screenshot_Aramusha_2_1509630903
FH_S4_Screenshot_Shaman_1_1509630905
FH_S4_Screenshot_Shaman_2_1509630907
FH_S4_Screenshot_Aramusha_1_1509630901

Condividi questo articolo


L’articolo For Honor, la Season 4 debutta domani, trailer di lancio sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di For Honor, la Season 4 debutta domani, trailer di lancio

Assassin’s Creed Origins Gold Edition, Recensione PS4

Era il 13 novembre 2007 e quindi sono già passati dieci anni da quel giorno in cui un si affacciava al mondo dell’industria videoludica, un chiacchieratissimo, pubblicizzatissimo e controverso Assassin’s Creed approdava su PS3 e Xbox 360 con qualche mese di anticipo rispetto alla controparte Pc Windows. Assassin’s Creed Origins, è stato pubblicato il 27 ottobre scorso, contemporaneamente a Wolfenstein II: The New Colossus e Super Mario Odyssey. Action adventure in terza persona con predilezione alle fasi di infiltrazione, l’ultima fatica di Ubisoft Montreal arriva al grande pubblico dopo un anno di pausa forzata, mitigata in parte dal film con Michael Fassbender come protagonista. Ed arriva quindi dopo due anni da Syndicate, ambientato nella Londra Vittoriana, e con una importante sfumatura ruolistica.

Noi vi parliamo della Gold Edition per PS4 che include il season pass del gioco.

LE ORIGINI DELLA GUERRA ETERNA

Assassin’s Creed Origins ci riporta intorno al 50 a.C. per la prima volta nella storia dell’intera saga. Si era partiti dai tempi delle Crociate e poi si è andati sempre verso i giorni nostri. Dopo i fasti e i nefasti di epoca Vittoriana con Assassin’s Creed: Syndicate, quindi, si fa un bel salto nel passato di oltre duemila anni.

Siamo al tempo di Re Tolomeo XIII, fratello di Cleopatra, in guerra con la sorella e tiranno dal cuore poco tenero. Il giocatore assume le parti di Bayek di Siwa, l’ultimo dei Medjay, guardie del corpo del Faraone che hanno una tradizione millenaria. Andati in fumo millenni di fedeltà al proprio signore, a Bayek non resta che difendere con tutti i suoi mezzi il popolo dell’Antico Egitto dai soprusi, dalla tirannia e dall’ingiustizia.

Senza rivelare molto della trama, qui possiamo dire che Bayek – in maniera vagamente simile a Ezio Auditore da Firenze – è mosso principalmente da un’inesauribile sete di vendetta nei confronti di cinque congiurati che hanno attentato alla sua vita e all’esistenza stessa dell’impero egizio. Le origini, a cui il titolo del gioco accenna, sono quelle della Fratellanza degli Assassini o meglio: quella che sarebbe divenuta, secoli dopo, la Fratellanza. Qui si narra anche dell’eterna guerra tra coloro che abbiamo sempre conosciuto come Templari e Assassini ma, coerentemente, qui hanno nomi e diversi seppur analoghe motivazioni.

Altro piccolo dettaglio che possiamo accennare è la presenza, finalmente più interessante e ben orchestrata, di sessioni di indagine ai giorni nostri, affidati alla brillante scienziata Layla Hassan, che trova il modo di rivivere i ricordi di Bayek senza soffrire i terribili effetti collaterali dati dall’uso intensivo dell’Animus.

LA GUARDIA DEL FARAONE

Assassin's Creed Origins_e3 (2)

Come abbiamo accennato più su, Bayek di Siwa è il nome del protagonista di Assassin’s Creed Origins, alter-ego del giocatore per la maggior parte del tempo, insieme a Layla Hassan che, tuttavia, viene impersonata per meno tempo. Bayek è un Medjay, una figura molto vicina al Faraone, una guardia del corpo ma anche un addetto alla sicurezza, una sorta di poliziotto con poteri di giudice e boia, se lo volesse. Un vicario del Faraone, un suo rappresentante quando e dove il Faraone non può intervenire.

Questo, almeno, sulla carta, perché si fa molto presto a capire che Bayek è caduto in disgrazia, il suo status di Medjay è ricordato solo dal popolo e dai suoi amici e su questo egli adotta un codice di condotta che non può servire un Faraone corrotto e crudele come Tolomeo XIII, ma può servire a proteggere e servire un popolo sempre più disperato, come quello d’Egitto.

Come in ogni Assassin’s Creed, il protagonista può camminare, correre, arrampicarsi su edifici di ogni ordine di grandezza, buttarsi di sotto dove è morbido, gettarsi nelle acque del Nilo o dei laghi presenti, immergersi. Bayek può anche combattere ed è qui che entra in campo una clamorosa novità: è stato bandito il vecchio modo di ingaggiare e far fuori coloro che ci minacciano. Adesso le fasi di combattimento sono molto più profonde e curate, si nota moltissimo l’influenza di For Honor: possiamo portare fendenti leggeri e veloci, lenti e pesanti (utili anche a spezzare le difese degli avversari più ostici), caricare colpi potenti, schivare quelli non bloccabili, parare con lo scudo.

Assassin's Creed Origins_e3 (6)

A tanta varietà durante il combattimento viene in soccorso tantissima varietà di armi, scudi e archi: armi bianche, in asta, pesanti, mazze, bastoni, archi da guerra, da caccia e archi leggeri. Insomma, c’è tutto quello che serve per non stancare né limitare le possibilità offerte ai giocatori e allo stile di gioco di ciascuno.

Prendendo in prestito elementi da videogiochi di ruolo d’azione, Assassin’s Creed Origins pone sul piatto dell’offerta un sistema di punti esperienza da accumulare tramite esplorazione, combattimenti, incarichi portati a termine, missioni compiute. L’esperienza riempie una barra che, al suo completamento, fa scattare il livello di potenza superiore: danni e salute vengono aumentati automaticamente, mentre al giocatore è concessa la facoltà di scegliere quale ramo di tre espandere oppure tenerli tutti equilibrati: Cacciatore, Guerriero o Veggente recano con sé tutte le abilità che renderanno, Bayek, un’arma umana pronta ad uccidere le sue prede senza lasciare traccia o quasi.

Nulla di nuovo su questo fronte: tra videogiochi di ruolo che ci hanno abituati da decenni, e giochi d’azione quali Tomb Raider (dal 2013) con tutte le seguenti uscite che ammiccano al lavorone di Crystal Dynamics (Horizon Zero Dawn, giusto per citare uno degli ultimi) siamo abituati a vedere tre alberi di abilità da sbloccare. Quello che suona nuovo è vederlo in Assassin’s Creed Origins, unitamente alla presenza delle immancabili materie prime che vanno a potenziare anche armi e armature che usa Bayek. Se cercate un gioco vario nella gestione del personaggio, Origins potrebbe fare al vostro caso.

ANTICO EGITTO AL TRAMONTO

Assassin's Creed Origins_e3 (12)

L’Antico Egitto preparato per noi da Ubisoft è, di per sé, enorme (e col season pack ed ulteriori aggiornamenti gratuiti di cui abbiamo parlato qui e di cui segnaliamo velocissimamente la ventura Modalità chiamata Discovery Tour che permette di fare un giro turistico dell’Antico Egitto, lo sarà di più). Se si volesse percorrere la diagonale della mappa passerebbero davvero delle ore e quello che sorprende più di tutto è che non si tratta di una mappa vuota o sterile di contenuti. Bayek può viaggiare in lungo e in largo grazie a cammelli o cavalli, non manca il “viaggio rapido” per i giocatori più pigri ma previa scoperta del punto di interesse e del suo “sblocco” sulla mappa. Nulla che non fosse già in opera da The Elder Scrolls IV: Oblivion o il ben più recente The Legend of Zelda: Breath of the Wild. L’esplorazione, dunque, è una parte fondamentale in Assassin’s Creed Origins e un grande aiuto proviene da Senu, l’aquila di Bayek, che può aiutare tantissimo nello scovare punti, oggetti e personaggi di interesse.

Bayek parte da Siwa, piccola città d’origine del protagonista ma la sua epopea lo porterà ai quattro angoli dell’impero ellenistico che ha ereditato il millenario impero dei Faraoni. Giza e le sue Piramidi, Alessandria con la sua biblioteca ed il leggendario faro, Cirene la cosiddetta “Atene d’Africa” con i suoi templi in stile greco, Menfi l’antica capitale dell’Impero d’Egitto sono pronte per essere (ri)scoperte e visitate alla luce di un punto di vista che non è archeologico ma quello di un cittadino dell’Antico Egitto vissuto nel quinto decennio prima dell’arrivo di Cristo nella storia dell’umanità. Quel vago senso di “turismo virtuale” che non sentivamo dai tempi di Assassin’s Creed II, finalmente ritorna a dare un senso tutto nuovo e affascinante alle parole “esplorazione” e “scoperta”.

Per esplorare e scoprire, lo ribadiamo, ci si affida agli occhi di Senu, l’aquila di Bayek. Il famigerato “occhio dell’aquila” di Desmond, Altair ed Ezio, quindi, cede il posto al più corretto “impulso dell’Animus” che evidenzia oggetti e persone nelle immediate vicinanze. Per scovare invece nemici, obbiettivi e altri punti sensibili, bisogna affidarsi ad una vera aquila. Questa può arrivare ad aiutarci, sbloccandone un’abilità che permette di distrarre un nemico particolarmente zelante, permettendoci di sgattaiolare via o di neutralizzarlo con molta facilità.

Assassin's Creed Origins_e3 (9)
Assassin's Creed Origins_e3 (8)
Assassin's Creed Origins_e3 (7)

Assassin’s Creed Origins procede con i giusti ritmi narrativi, la presenza di scene d’azione, boss-fight ed evoluzione del personaggio tramite un sistema mutuato dai videogiochi di ruolo d’azione senza strappi, senza intoppi e senza aver generato, durante la prova, la delusione tipica dell’occasione sprecata: delusione che ci ha accompagnato dall’uscita di Assassin’s Creed III in poi.

Origins, invece, colpisce nel segno, sia il novello giocatore che colui che ha seguito la storia fin dal principio, fedelmente, nonostante tutto. Ammicca anche al lungometraggio con Michael Fassbender e Jeremy Irons, generando una “continuity” di contenuti e sotto-trame che, a chi vi scrive, fa solo piacere.
A pescare i soliti peli nell’uovo bisogna evidenziare la proverbiale, scarsa, percezione dei nemici, glitch grafici all’ordine del giorno (ma è anche naturale in un gioco immenso come questo, come lo è su Skyrim o Red Dead Redemption o GTA 5), fluidità che crolla rovinosamente durante i caricamenti (ma questa, forse, può essere dipesa da una scarsa manutenzione alla PS4 da parte nostra). Se, infine, come il sottoscritto, vi dedicate alle attività secondarie prima di proseguire, vi ritroverete ben più potenti del livello richiesto dalla trama del gioco, rendendo l’esperienza estremamente semplice anche a difficoltà più elevate. C’è ben poco da discutere sul fronte tecnico: il gioco è praticamente inattaccabile, bellissimo a vedersi, fluido e sempre più supportato e ottimizzato.

IL CONTENUTO DEL SEASON PASS

  • DLC 1 – The Hidden Ones: Questa espansione si concentra sulla storia e si basa sulla crescita della Confraternita, portando i giocatori anni dopo gli eventi di Assassin’s Creed: Origins e mettendoli di fronte alle ostili forze Romane in una nuova regione. Questa espansione amplierà il livello massimo, permettendo ai giocatori di far progredire ulteriormente il proprio personaggio. Disponibile da gennaio 2018.

  • DLC 2 – The Curse of the Pharaohs: In questa espansione incentrata sulla mitologia Egizia, i giocatori combatteranno contro faraoni non morti ed esploreranno un nuovo e mistico reame. Durante il viaggio, incontreranno famigerate bestie egiziane al pari dei guerrieri di Anubi, scorpioni e molto altro, mentre investigano la causa della maledizione che ha riportato in vita i faraoni. The Curse of the Pharaohs aumenterà ulteriormente il livello massimo e introdurrà nuove abilità. Disponibile da marzo 2018.

  • Pacchetti Horus e Centurione Romano: Due esclusivi contenuti aggiuntivi che includono nuovi outfit, armi, scudi e montature. Disponibile da novembre 2017.

  • Un pacchetto di 500 Crediti Helix. Disponibile al lancio del gioco.

  • Un’esclusiva arma rara, la Lama della Calamità. Disponibile al lancio del gioco.

COMMENTO FINALE

Assassin’s Creed Origins è un gioco d’azione e avventura in terza persona, con elementi da gioco di ruolo e free roaming, sviluppato da Ubisoft Montreal dopo un anno di pausa da Synidcate. Il nuovo capitolo della saga Racconta delle avventure di Bayek, una guardia del Faraone caduta in disgrazia e che deve vendicarsi di torti subiti, mentre in prospettiva si narrano le origini della Confraternita degli Assassini e del loro conflitto con quelli che poi diventeranno i Templari.

Sul versante grafico e sonoro c’è ben poco da sindacare. Il gioco offre un altissimo livello di dettaglio, ottime animazioni, pochi glitch e bug grafici in relazione alla vastità degli ambienti e del numero di personaggi che si muovono a schermo. La colonna sonora è di tutto rispetto, gli effetti sonori ben resi e il doppiaggio originale non ci è sembrato affatto male. C’è anche la possibilità di giocare con il doppiaggio in italiano, previo scaricamento di una patch di traduzione a parte: l’interpretazione delle voci nostrane è generalmente buona molto, con pochissimi picchi negativi.

Joypad alla mano, invece, abbiamo trovato sensibili differenze rispetto ai passati Assassin’s Creed e ben più di un’analogia con il più recente Watch Dogs 2 che “condividono lo stesso universo”. Le fasi di studio dell’area, di infiltrazione, di combattimento sono tutte ben studiate e ci sono risultate ben amalgamate tra loro. La gestione del personaggio, delle abilità e degli equipaggiamenti fa tanto videogioco di ruolo ma anche – tantissimo – Horizon Zero Dawn da cui sembra che Ubisoft abbia preso qualche licenza. Ma se guardassimo al passato sarebbe anche lecito affermare che il Tomb Raider del 2013 abbia imposto diversi standard agli aspetti legati ad oggetti e abilità.

Pregi

Tecnicamente valido. Varietà mista a quantità di cose da fare. Gli elementi da gioco di ruolo motivano a svolgere attività secondarie alla storia. Personaggi ben caratterizzati e trama avvincente. Sistema di combattimento più profondo. Fasi di infiltrazione ben rese. Ambientazione estremamente affascinante. Season Pass ed altri contenuti gratuiti di livello

Difetti

Intelligenza Artificiale ben poco intelligente in più di un’occasione. Sporadici (e fisiologici) glitch grafici. Dedicarsi alle attività secondarie rende il gioco più facile e meno bilanciato. Sul modello base PS4 la fluidità crolla pesantemente in più di un’occasione.

Voto

9-

Condividi questo articolo


L’articolo Assassin’s Creed Origins Gold Edition, Recensione PS4 sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Assassin’s Creed Origins Gold Edition, Recensione PS4

Nuova storia e demo per Little Nightmares

È tempo di novità per Little Nightmares. L’action adventure si arricchisce, infatti, con The Hideaway, la seconda storia di Secrets of the Maw. Qui, il Fuggiasco si risveglia nella sala motori de Le Fauci, un luogo sudicio, oscuro e popolato dai Nomes.

Incluso nell’expansion pass del titolo targato Tarsier Studios, The Hideaway (questo il nome del dlc) è ora disponibile su Pc (Steam, GOG ed altri distributori) PS4 ed Xbox One.

Sempre da oggi è disponibile anche una demo (naturalmente gratuita) su PlayStation Network ed XboxLive dell’avventura iniziale di Six. Il publisher Bandai Namco ha inoltre ufficializzato che la terza ed ultima storia di Secrets of the Maw sarà disponibile il 10 febbraio.

DLC02_Screenshot_01_1510051358
DLC02_Screenshot_02_1510051359
DLC02_Screenshot_03_1510051360
DLC02_Screenshot_04_1510051360
DLC02_Screenshot_05_1510051361
DLC02_Screenshot_06_1510051362

Come illustrato nel nuovo video rilasciato oggi, il Fuggiasco dovrà trovare e salvare i Nomes, per riuscire a fuggire da questo lugubre luogo. Queste curiose creature nascondono un segreto, ma potranno aiutarlo a superare qualsiasi ostacolo! Da dove provengono tutti questi Nomes? Quali segreti si celano nel loro nido? Questa seconda storia introduce enigmi con meccaniche più complesse, che richiederanno di collaborare con i Nomes, e una struttura delle ambientazioni che offrirà più libertà nell’esplorazione.

Ecco il trailer di lancio.

Condividi questo articolo


L’articolo Nuova storia e demo per Little Nightmares sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Nuova storia e demo per Little Nightmares

L. A. Noire, trailer per la versione Nintendo Swich

La versione Switch di L. A. Noire si mostra in questo trailer diffuso da Rockstar Games. Il titolo investigativo debutterà, anzi, tornerà, sul mercato, tra meno di una settimana, ovvero il 14 novembre anche per PS4 ed Xbox One.

Il titolo, ambientato nel mezzo del boom economico dell’epoca d’oro di Hollywood nel dopoguerra, vede protagonista il detective in erba Cole Phelps che è alla disperata ricerca della verità in una città dove tutti hanno qualcosa da nascondere.

Il suo compito è quello di risolvere crimini efferati in uno dei periodi più bui della Hollywood degli anni ’40 da casa o in movimento con L.A. Noire per the Nintendo Switch. I comandi touch contestuali, una modalità Joy-Con con comandi di movimento che sfruttano il giroscopio, il Rumble HD e la nuova visuale ampia e ravvicinata dietro le spalle permetteranno di portare le vostre indagini sempre con voi.

 

Condividi questo articolo


L’articolo L. A. Noire, trailer per la versione Nintendo Swich sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di L. A. Noire, trailer per la versione Nintendo Swich

Ginebra si unisce alla lotta in Raiders of the Broken Planet

MercurySteam ha rilasciato un nuovo personaggio giocabile per Raiders of the Broken Planet. Si tratta di Ginebra, un’assassina meccanizzata capace di trasformarsi, passando da una forma quadrupede a quella umana, modificando quindi velocità di movimento e capacità (a quattro zampe può perfino scalare i muri). Si tratta quindi di uno stile di gioco molto veloce e versatile.

Raiders of the Broken Planet (1)
Raiders of the Broken Planet (2)
Raiders of the Broken Planet (3)
Raiders of the Broken Planet (4)

Ginebra è già disponibile per tutti i possessori del Founder’s Pack, mentre tutti gli altri dovranno aspettare fino al prossimo 9 novembre. Trovate proprio qui in basso un trailer fresco di pubblicazione dedicato alla letale new-entry. Buona visione!

Condividi questo articolo


L’articolo Ginebra si unisce alla lotta in Raiders of the Broken Planet sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di Ginebra si unisce alla lotta in Raiders of the Broken Planet

AER – Memories of Old prende il volo su Pc e console

Daedalic e Forgotten Key annunciano che AER – Memories of Old è disponibile su Pc Windows, Mac, Linux, PlayStation 4 ed Xbox One. Il prezzo di 14,99 euro.

Il suo sviluppo è durato ben cinque anni e alla Gamescom 2017 ha ricevuto la nomination come Best Indie Game. AER – Memories of Old è un gioco di avventura con una forte componente esplorativa, ed è ambientato tra le nuvole in un fantastico mondo composto da isole galleggianti e misteriosi santuari.

Il giocatore seguirà le gesta di Auk, una ragazza che ha il potere di trasformarsi a piacimento in uccello per spostarsi senza sosta tra un’isola e l’altra alla scoperta delle rovine di un’antica civiltà. Durante il suo viaggio incontrerà nomadi e spiriti di animali, mentre si imbatterà in enigmi e templi antichi. I giocatori potranno passare rapidamente da una forma all’altra per esplorare il mondo di AER sia sulla terraferma che tra le nuvole, godendosi tutta la libertà che solo il volo sa offrire e la bellezza di un paesaggio mozzafiato.

STORIA

Molti anni fa una grande catastrofe si è abbattuta sul mondo i cui resti sono rappresentati soltanto dalle isole fluttuanti, frammenti di terra sospesi nel cielo. Auk ha il compito di scoprire cosa è successo davvero nel mondo antico, in modo da poter salvare la sua realtà, prima che una nuova catastrofe possa abbattersi di nuovo e spazzare via definitivamente la sua terra.

AER B

Grazie ad uno stile artistico low-poly, il mondo di AER è pensato per essere affascinante e misterioso, nonché per svelarsi lentamente mentre gli esploratori lo sorvolano o si avventurano tra le sue rovine e provano a risolvere gli enigmi celati al loro interno. I giocatori possono esplorare liberamente l’intero mondo di gioco, avanzando al proprio ritmo e scoprendo maggiori informazioni sull’ambiente circostante completando obiettivi e quest.

La trasformazione in forma volatile senza soluzione di continuità permette di spostarsi liberamente, inseguendo le cascate o sorvolando le montagne, e atterrare per esplorare le rovine e avventurarsi nei templi antichi della Terra delle divinità.

CARATTERISTICHE

  • Trasformatevi in un maestoso uccello per svolazzare tra le nuvole
  • Esplorate un vasto open world pieno di segreti da scoprire
  • Avventuratevi attraverso quest piene di sorprese, enigmi e misteriosi templi
  • Immergitevi in una fantastica atmosfera dall’estetica vibrante e minimale
  • Vincitore della Game Concept Challenge 2013 e di IndieCade Select 2016.

Condividi questo articolo


L’articolo AER – Memories of Old prende il volo su Pc e console sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di AER – Memories of Old prende il volo su Pc e console

A.O.T. 2, svelati i personaggi e la data di uscita

Tante novità per A.O.T. 2. Koei Tecmo ha svelato, nel corso di una trasmissione live, l’elenco completo dei personaggi e la data di lancio del suo nuovo action. Il gioco sarà disponibile a marzo 2018 su Pc, via Steam, PS4, Xbox One e Nintendo Switch.
Andando più in profondità nell’affascinate narrazione della serie, il gioco raccoglierà estimatori che sperimenteranno degli eventi straordinari legati alla seconda stagione dell’anime, oltre ad un gameplay maggiormente versatile, sfide completamente nuove e tutti i personaggi giocabili del primo episodio, L’Attacco dei Giganti, insieme ai nuovi volti della seconda stagione.

Durante la trasmissione, ha introdotto una selezione dei personaggi con cui poter giocare in A.O.T. 2, mentre, in contemporanea, ha svelato la capacità da parte dei giocatori di creare una loro propria squadra. Inoltre, hanno confermato anche la possibilità, da parte dei giocatori di vestire i panni di personaggi come: Eren Jaeger, Mikasa Ackerman, Armin Arlert, Levi, Miche Zacharias, Nanaba, Gelgar, Ymir  e Christa Lenz.

A.O.T. 2 offre movimenti e attacchi dei Giganti migliorati, che richiederanno una più precisa manovrabilità da parte dei giocatori. Inoltre, è stato introdotto il Monocular, una funzione che permetterà ai giocatori di analizzare al meglio l’individuazione e la posizione dei Giganti con una strategia di attacco che utilizzerà la loro Omni-Directional Mobility Gear.

Al di là delle loro escursioni, gli esploratori possono anche approfondire i rapporti con i vari compagni di squadra, allenandosi e preparandosi alla battaglia con il nuovo e migliorato gameplay Town Life. Rafforzare le relazioni è uno degli elementi importanti di A.O.T. 2, riuscendo a dare una visione più approfondita dei membri della serie in una maniera che non si era mai sperimentata prima.

I PERSONAGGI IN IMMAGINI

Armin
Christa
Eren
Gelgar
Levi
Mikasa
Mike
Nanaba
Ymir

ED IN AZIONE

Armin_Battle
Eren_Battle
Erwin_Event
Event_Christa Ymir_Event
Gelgar_Battle
Levi_Battle
Mikasa_Battle
Mike_Battle
Monocular Action 1
Monocular Action 2
Monocular Action 3
Nanaba_Battle
Sasha_Event
Town Life 1
Town Life 2
Town Life 3
Town Life 4

Condividi questo articolo


L’articolo A.O.T. 2, svelati i personaggi e la data di uscita sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di A.O.T. 2, svelati i personaggi e la data di uscita

For Honor, ecco la nuova modalità Endless March

Ubisoft annuncia i dettagli sulla Festa dell’Oltremondo, un evento stagionale per For Honor che è disponibile fino al 2 novembre di cui ieri abbiamo parlato. La software house francese ha diffuso un approfondimento che ce ne fa capire il funzionamento.

Questo nuovo evento offrirà una variante spettrale della modalità Dominio 4v4, in cui il campo di battaglia sarà invaso da alcuni scheletri. Durante l’evento, i giocatori potranno anche ottenere alcuni elementi decorativi esclusivi a tema Halloween, tra cui effetti esecuzione, emote e ornamenti.

L’aggiunta della modalità speciale Endless March introduce un nuovo set di regole per la modalità Dominio 4v4, che sfida i giocatori ad adattare le proprie strategie per eliminare la squadra avversaria. In Endless March, i soldati appaiono come scheletri e sono in grado di infliggere danni brutali. Conquistando le zone si otterranno solo punti temporanei, mentre l’unico modo per ottenere punti permanenti sarà uccidere i soldati e i giocatori nemici. Come in Dominio, per vincere è necessario raggiungere 1.000 punti e sconfiggere i quattro giocatori nemici.

La Festa dell’Oltremondo offre ai giocatori anche una serie di nuove ricompense a tema Halloween. I giocatori potranno personalizzare i propri eroi con speciali completi dotati anche di maschere, in grado di trasformarli in una versione spettrale di se stessi. Anche i contenuti settimanali di For Honor rilasciati durante questo periodo avranno un tocco di Halloween per celebrare questo speciale evento a tempo limitato.

Sviluppato da Ubisoft Montreal in collaborazione con altri studi del publisher quali Québec, Toronto e Blue Byte, For Honor offre una campagna davvero avvincente, oltre a un’emozionante esperienza multiplayer.

I giocatori potranno vestire i panni dei guerrieri di tre grandi fazioni: gli arditi cavalieri, i brutali vichinghi e i misteriosi samurai, combattendo fino alla morte in una serie di campi di battaglia intensi e realistici. L’innovativo sistema di combattimento di For Honor, l’Arte della guerra, garantisce un controllo totale dei propri guerrieri, consentendo ai giocatori di utilizzare le abilità e gli stili di combattimento di ogni eroe per eliminare tutti i nemici che li ostacoleranno. For Honor continuerà a espandersi e migliorare con una nuova stagione a partire da novembre, oltre ai piani futuri per introdurre i server dedicati.

Condividi questo articolo


L’articolo For Honor, ecco la nuova modalità Endless March sembra essere il primo su IlVideogioco.com.

Continua la lettura di For Honor, ecco la nuova modalità Endless March